Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Visualizzazione dei risultati da 1 a 3 su 3

Discussione: Consiglio per casa in campagna

  1. #1
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito



    Salve a tutti, sono un recente appassionato di fonti alternative di energia e sono approdato qui' da voi!

    Vi pongo subito un quesito... consiglio... chiamatelo come volete! ;)

    Ho una vecchia casa di campagna in basso piemonte, devo fare alcuni lavori che riguardano la camera da letto al piano di sopra (pavimenti ed intonaco interno) ed il tetto. Attualmente la casa si scalda a stufa ed e' mia intenzione trovare un modo per riscaldarla in maniera diversa.

    Avrei pensato ad immergere nel pavimento della camera una serpentina da collegarsi ad un pannello termico.
    Oppure un fotovoltaico che alimenta un boiler a resistenza o anche un termoconvettore. L'idea e' quella di avere una fonte di calore che riscaldi la casa un tantino al giorno in modo del tutto autonomo.

    Inoltre i due impianti potrebbero fornire acqua calda ed energia anche quando la casa non ha bisogno di riscaldamento.

    Ecco la domanda: secondo voi ne vale la pena?

    Altra domanda: l'energia prodotta da un fotovoltaico viene pagata oppure scalata dai consumi? Mi spiego meglio: se metto un fotovoltaico in campagna dove per 8 mesi non consumo.... l'energia me la pagano in soldoni? Se no, posso farmela accreditare su un'altra abitazione sempre a me intestata?

    Spero di non aver scritto castronerie..... GRAZIE! :)

  2. #2
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Daccordo... mi rispondo da solo dopo aver letto molto di questo forum.
    Attuero' di sicuro la soluzione della serpentina.....

    E chiedo scusa per le castronerie scritte sul fotovoltaico e sul conto energia.

    Ciao!

  3. #3
    Novizio/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Non sono pratico del funzionamento di questo forum. Ti informo che se vai a "Motore Brayton prototipato" troverai una microcentrale a biomassa da 25 o 50 kW che ti da la possibilità di produrre energia elettrica e calore (o freddo attraverso un cogeneratore).
    La caldaia è onnivora, totalmente meccanica e sfrutta come fluido di lavoro l'aria.
    E' stata studiata per lavorare in condizioni estreme (cantieri forestali, fattorie, case di campagna etc) ed in totale autonomia con manutenzione ridotta all'osso.
    L'eccesso eventuale di energia elettrica può essere venduto al GSE. Infatti l'impianto gode di tutti gli incentivi comuni al fotovoltaico e all'eolico. Con la differenza che questo mio apparato funziona sempre. Che piova o nevichi. Giorno e notte. Con o senza vento.

  4. RAD

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •