Benvenuto in EnergeticAmbiente.it.
+ Rispondi
Visualizzazione dei risultati da 1 a 5 su 5
Like Tree1Mi piace!
  • 1 Post By trigen

Discussione: Sblocca Italia: via libera a trivellazioni e altri scempi

  1. #1
    Amministratore
    Registrato dal
    Nov 2002
    residenza
    non distante da Pisa
    Messaggi
    4,485

    Predefinito Sblocca Italia: via libera a trivellazioni e altri scempi



    Propongo questo articolo, tratto da Terra Nuova Edizioni: agricoltura biologica, medicina naturale e consumo critico sull'entrata in vigore del così detto "sblocca italia".
    Purtroppo un grosso passo indietro verso la protezione ambientale e verso un uso corretto delle risorse ambientali.
    Voi che ne pensate?


    Sblocca Italia: il futuro si fa più nero
    Lo Sblocca Italia, il decreto del governo Renzi, è diventato legge a colpi di fiducia e ha confermato la volontà dell'esecutivo di andare avanti con trivellazioni per la ricerca di idrocarburi e incenerimento dei rifiuti, addirittura eliminando ostacoli e norme che se non altro davano un minimo di garanzia alla popolazione.
    Osservando la mappa diffusa dagli uffici del Ministero per lo sviluppo economico, si vede che tutta l'Italia è coinvolta in questo processo(1).
    Le regioni più interessate oltre a Sicilia e Basilicata saranno Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte, Veneto, Marche, Abruzzo, Molise, Puglia, Lazio, Calabria.

    Via libera alle trivellazioni
    Con le norme introdotte si sostituiscono le vecchie fasi di prospezione, ricerca e coltivazione con una concessione unica che riveste il carattere di interesse strategico della durata di 30 anni, 10 in più rispetto alla normativa precedente, con proroghe che potrebbero arrivare fino a 50 anni. Inoltre il potere autorizzativo farà capo al Ministero dell'ambiente, a cui le Regioni dovranno inviare tutte le istruttorie dei titoli vigenti e dei procedimenti in corso (alla nota 2 l'elenco dei titoli estrattivi aggiornato all'agosto 2014).
    "E' un duro colpo di mano contro le amministrazioni territoriali e locali per favorire le attività delle compagnie petrolifere e compromettere lo sviluppo delle economie locali del settore agricolo e turistico, fortemente legate alla valorizzazione e alla tutela della bellezza del territorio e del paesaggio", hanno affermato i parlamentari del Movimento 5 Stelle. Anzichè il via libera alle trivellazioni, sarebbe invece necessario "adottare immediatamente i target vincolanti al 2030 sulla riduzione delle emissioni, sul risparmio energetico e la produzione delle energie rinnovabili per rilanciare la creazione di posti di lavoro e occupazione" aggiungono.

    Gli attivisti 5 Stelle di San Benedetto del Tronto, con l'aiuto del geologo Stefano Angelini, hanno anche realizzato una cartografia delle localizzazioni dei depositi (attivi e che potrebbero sorgere) per lo stoccaggio del gas, e delle trivelle per la ricerca di idrocarburi (vedi immagine Le trivelle in Italia allegata al termine della news); mancano solo le piattaforme di trivellazione per la ricerca del petrolio.

    Nuovi inceneritori
    Alle dure critiche di Peacelink, che ha definito il decreto "un attacco all'ambiente senza precedenti", si sono aggiunte le proteste di numerose Regioni del nord Italia che si oppongono all'articolo 35 "che favorisce la libera circolazione dei rifiuti e incrementa il carico termico degli inceneritori esistenti" e le preoccupazioni espresse da Asso Arpa, l'associazione delle agenzie regionali per l'ambiente, per l'aumento del rischio sanitario.
    Legambiente ha definito le nuove norme "un decreto sblocca inceneritori": la ragione è presto detta. I rifiuti viaggeranno da nord a sud e saranno smaltiti non solo negli inceneritori già attivi, ma anche in impianti nuovi che saranno realizzati nei prossimi anni. La raccolta differenziata sarà meno conveniente a livello economico. I nuovi forni saranno gestiti da società partecipate con l'aiuto dello Stato e per far tornare i conti dovranno continuare a bruciare immondizia fino al massimo della capacità termica, senza più attenzione alcuna ai "tetti" posti dalle autorizzazioni o prescrizioni precedenti.

    Alcune Regioni hanno fatto sentire la loro voce e hanno iniziato una guerra a suon di carte bollate. La Calabria ha dato mandato ai dipartimenti regionali per predisporre gli atti per impugnare la legge di conversione del decreto. Puglia, Marche e Lombardia si sono mosse nella stessa direzione, vogliono arrivare davanti alla Corte Costituzionale. Altre Regioni sono in fermento contro un decreto che il nostro paese non si merita.
    Fusione Fredda: cos'è, come funziona e quando arriva"
    Essere realisti e fare l'impossibile

  2. #2
    Seguace
    Registrato dal
    Oct 2012
    Messaggi
    346

    Predefinito

    Vedo poco interesse su un tema che riguarda tutti.
    Aspettiamo sempre gli altri,quando gli altri siamo noi.
    Organizzarsi,unire teste pensanti diverse non è facile,ma l'alternativa qual è?Lasciare che facciano altri e poi venire sui forum a lamentarsi,io in primis. Ci sono persone come Maria Rita D'Orsogna che fanno cose pratiche;petizioni,manifestazioni e quanto serva per fermare progetti di trivellazioni fratturazioni e airgun.Dovremmo intanto iniziare ad organizzare incontri,definire priorità lanciare raccolte firme o unirci a chi già lo fa e quando si iniziano a raggiungere risultati far sì che la cosa abbia rilevanza mediatica.M
    a intanto trovarsi...4 amici al bar come da titolo.
    a eroyka piace questo messaggio.

  3. #3
    Novizio/a
    Registrato dal
    Oct 2013
    residenza
    bologna
    Messaggi
    18

    Predefinito Meno trivelle + celle

    Salve, condivido in pieno l'appello a fermare lo Sblocca Italia su questo tema (anche sul silenzio-assenso in zone tutelate è da folli) non per una battagli di retroguardia, ma perché i tempi ormai sono più che maturi per puntare su energie alternative. La tecnologia c'è già, le competenze anche (l'Italia è molto avanti nella ricerca e nelle applicazioni industriali del solare) e quindi cerchiamo di stare al passo coi tempi e con l'ambiente.
    Tutto il mondo occidentale sta andando in questa direzione e noi cominciamo adesso a trivellare il Mediterraneo?

    Saluti
    RobbyC - Bologna

  4. #4
    Novizio/a
    Registrato dal
    Dec 2015
    Messaggi
    5

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da robbyC Visualizza il messaggio
    Salve, condivido in pieno l'appello a fermare lo Sblocca Italia su questo tema (anche sul silenzio-assenso in zone tutelate è da folli) non per una battagli di retroguardia, ma perché i tempi ormai sono più che maturi per puntare su energie alternative. La tecnologia c'è già, le competenze anche (l'Italia è molto avanti nella ricerca e nelle applicazioni industriali del solare) e quindi cerchiamo di stare al passo coi tempi e con l'ambiente.
    Tutto il mondo occidentale sta andando in questa direzione e noi cominciamo adesso a trivellare il Mediterraneo?

    Saluti
    RobbyC - Bologna
    Si,io per esempio spesso arrivo al parco eolico di Sassoleone e penso come e cosa potrebbe fruttare in termini energetici il nostro appennino...
    Saluti.

  5. #5
    Novizio/a
    Registrato dal
    Oct 2013
    residenza
    bologna
    Messaggi
    18

    Predefinito stop trivellazioni Mediterraneo

    Hai perfettamente ragione: il nostro Appennino con eolico e biomasse e il resto dell'Italia con il solare basterebbero per tutto

    saluti
    Robby C.
    Quote Originariamente inviata da CentoinCento Visualizza il messaggio
    Si,io per esempio spesso arrivo al parco eolico di Sassoleone e penso come e cosa potrebbe fruttare in termini energetici il nostro appennino...
    Saluti.


 

Discussioni simili

  1. Decreto "Sblocca Italia", Energia da Fossili o da Rinnovabili?
    Da marcomambo nel forum Comunicazioni al Forum e dal Forum
    Risposte: 65
    Ultimo messaggio: 16-11-2014, 17:54

Tag per questa discussione

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi