Benvenuto in EnergeticAmbiente.it.
Discussione chiusa
Pagina 25 di 36 primaprima ... 5 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 481 a 500 su 712
Like Tree312Mi piace!

Discussione: Brexit

  1. #481
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Sep 2007
    Messaggi
    4,976

    Predefinito



    Chi vive esperando...
    "Non date da mangiare ai troll" http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)

    O si pensa, o si crede. (Arthur Schopenhauer)

  2. #482
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,142

    Predefinito

    Leggevo qualcosa di simile .

    Ci sono proposte per usare l'esperanto come lingua franca per i lavori nel Parlamento europeo, principalmente per motivi economici o per evitare che si vada verso una o più lingue nazionali. Tuttavia finora l'Unione europea giustifica l'attuale politica multilinguista che prevede l'uso di 24 lingue ufficiali, per motivi di trasparenza, non senza critiche da parte di chi sospetta che tale politica stia in realtà portando verso il solo inglese o, al più, al trilinguismo] .
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  3. #483
    Pietra Miliare
    Registrato dal
    Aug 2008
    Messaggi
    1,335

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da zagami Visualizza il messaggio
    La lingua comune europea dovrebbe essere l'inglese ?
    [...] visto che gli inglesi sono usciti dall'unione , non vedo perché dovremmo dare tutta questa importanza all'inglese ...
    E' la lingua più conosciuta al mondo, è la lingua di internet, della programmazione. Solo perchè se ne vanno non è il caso di fare "gne gne non parlo più la tua stupida lingua"
    Fotovoltaico 4,52kWp da 52 pannelli Kyocera KC87T su inverter Fronius IG15+IG20
    Solare acs forzato con 2 pannelli piani Ebner e bollitore 300lt.
    Bassa Bresciana, 2008.

  4. #484
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,142

    Predefinito

    Va bene tu hai detto la tua ne prendo atto , ma c'è chi dice che il cinese è quella più conosciuta e dopo lo spagnolo .
    Che facciamo parliamo cinese ?
    Io parlo di una lingua comune che si possa utilizzare per tutti i popoli europei , pensi che i tedeschi o i francesi sarebbero d'accordo ?
    Qua si tratta di mettere d'accordo cento teste e cento mazzi , e tutti sono con la testa pesante .

    Allora io egoisticamente opto per il francese in quanto a scuola mi hanno obbligato all'epoca di studiare francese per completare la cattedra ad un professore di francese .

    Qua si tratta di trovare una lingua facile da imparare per tutti , optare per l'inglese significa sottomettersi a quegli stronzi che hanno scelto brexit e poi non hanno mai accettato l'euro .
    Anche il tedesco potrebbe andare bene .

    Ma sentiamo il parere degli altri , chi prende più voti vince .
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  5. #485
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Aug 2008
    residenza
    Sardegna
    Messaggi
    5,065

    Predefinito

    @Zagami
    Che l'inglese sia la lingua internazionale è fuori discussione!!
    Il mio post precedente era ironico e indicava le lingue più parlate per n° di persone (di madre lingua si intende), ma è risaputo che se si deve comunicare tra nazioni diverse si usa l'inglese e stop.
    Se devo trattare un'ordine di merce ad un'azienda tedesca, francese, indiana o sudamericana lo faccio in inglese mica nella loro lingua madre, perchè sono sicuro che capiscono quel che dico.
    Questo per dire che oltre alla propria lingua madre è ormai obbligatorio conoscere anche l'inglese, anzi io consiglio ai giovani che se proprio vogliono ottenere un plus orientato ad ottenere un nuovo lavoro (anche stando in Italia), sarebbe meglio che, oltre l'inglese, studiassero pure una terza lingua come ad esempio il cinese e/o il russo.

    Saluti
    Il dono della fantasia è stato per me più importante della mia capacità di assimilare conoscenze (A.Einstein)

  6. #486
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,142

    Predefinito

    IO parlo di lingua comune europea , non internazionale .
    Le cose nella storia sono cambiate tante volte , sino al secolo scorso il latino era obbligatorio in molti stati europei , nel medioevo era la lingua letteraria ufficiale .

    L'Europa si deve scegliere una sua lingua comune , pensi che gli altri stati europei accetteranno l'inglese per parlare al parlamento europeo ?

    Le cose cambiano , non è a prima volta . questa lingua dovrà essere obbligatoria per chi vorrà fare affari con l'Europa , cioè mezzo mondo e più .

    Che si decidano una buona volta .
    Questo è un handicap per tutti i cittadini europei , avete unito la moneta ? Unifichiamo la lingua e le altre cose , altrimenti siete dei ciarlatani ed imbroglioni .
    Ultima modifica di zagami; 24-08-2016 a 19:33
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  7. #487
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    May 2008
    residenza
    Bologna
    Messaggi
    4,443

    Predefinito

    bene allora sono per tornare al latino che poi è la lingua del clero cattolico,e rifondiamo l'impero romano
    d'occidente,resta da decidere chi fa l'imperatore,potrebbe essere anghela oppure sarko,gli schiavi arrivano
    spontaneamente,mare nostrum ce lo abbiamo già,ci manca solo il nord africa
    a livingreen piace questo messaggio.

  8. #488
    Moderatore
    Registrato dal
    Aug 2005
    Messaggi
    6,381

    Predefinito

    L'inglese è DI FATTO la lingua comune europea come internazionale.
    Il fatto che la GB se ne vada (se poi andrà davvero...) non è per nulla un ostacolo. Anzi! Semmai il contrario! Le resistenze, soprattutto francesi, verso l'adozione dell'inglese avevano un senso quando si potevano accusare gli inglesi di essere privilegiati in quanto unici a non dover imparare una seconda lingua. Se restano fuori l'inglese diventa a tutti gli effetti un "esperanto evoluto". Nessun paese lo ha come lingua base. Nemmeno l'Irlanda che ha il gaelico (lingua tra l'altro ufficiale europea per l'Irlanda!). Paradossalmente questo comporterà semmai la necessità per gli inglesi di adattarsi al nuovo inglese "internazionale" che si distaccherà presto dai canoni stilistici british, visto che voglio proprio vedere con quale "autorità" gli inglesi avranno potere di dire la loro sulle regole della lingua comune di una struttura di cui non fanno più parte!
    Inoltre la discussione è una disquisizione sul sesso degli angeli di fatto, in quanto nessuno al mondo si pone il problema se sia preferibile l'inglese o il sinoispanoesperantolatino...
    La gente usa l'inglese come strumento di lavoro, non come prova di superiorità "posh". Cosa che di fatto ormai rende l'inglese internazionale fuori controllo per gli stessi inglesi!
    Ultima modifica di BrightingEyes; 27-08-2016 a 18:27
    a livingreen piace questo messaggio.

  9. #489
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,142

    Predefinito

    Io parlo di una lingua comune europea , che sia un trait di union del mix di lingue esistenti , forse sarebbe da rielaborare da parte di linguisti europei .
    Mi dicevano che l'olandese è un mix di inglese tedesco e francese , cosa ne pensate ?

    L'inglese è diventato dominante nel mondo, grazie o a causa, alla politica di dominio territoriale portata avanti dall' inghilterra nei secoli passati dai tempi della Regina Vittoria .
    Ai tempi dell'impero romano nell'area europea il latino era la lingua ufficiale . Che si ritorni al latino ? forse una battuta di scherzo ? Per me andrebbe bene .

    Sull'inglese sentirei il parere degli altri partner europei , ma credo che molti non sarebbero d'accordo .
    Per me va bene tutto , purchè si decida democraticamente con il consenso popolare di tutti .
    Gli inglesi a causa del loro modo di dominio o predominio sul mondo li lascerei da parte .

    Già si sono messi a fare gli stronzi con la brexit , figuriamoci dopo , ma già prima avevano stronzato non aderendo alla moneta unica euro , cosi come altri paesi cha a questo punto io lascerei fuori dal mercato euro , invece di fare gli stronzi a la concorrenza scorretta nei confronti dell'Italia , avendo loro una moneta propria ed abbassando prezzi dei prodotti , mettendo in difficoltà le industrie italiane e chi vive in italia .

    Non è più tempo di lasciare perdere , bisogna essere corretti e responsabili o dentro o fuori e non rompete le palle agli italiani .
    Se l'italia deve essere punita senza motivo , pur avendo rispettato tutti i patti europei non vedo da quale pulpito altri stati che non adottano l'euro possano decidere per la sorte dell'italia .
    Parliamo ci chiaro io parlo in difesa dell'Italia e degli italiani, che sono anche i mei interessi , chi va fuori italia a delocalizzare , con la scusa di produrre a più basso costo e togliendo lavoro agli italiani e tasse da pagare in Italia , a questi io non farei entrare più i loro prodotti o metterei una tassa di importazione .

    Vogliamo l'Europa ? Bene . Chi è dentro avrà benefici , chi è fuori , no .

    Credo che sarà l'Europa e la lingua europea a farla da leone nel futuro .
    Ultima modifica di zagami; 28-08-2016 a 06:00
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  10. #490
    Moderatore
    Registrato dal
    Aug 2005
    Messaggi
    6,381

    Predefinito

    L'inglese è la lingua internazionale per merito degli USA, non della regina Vittoria. Gli inglesi ne hanno solo goduto gli effetti per decenni, ma già ora si assiste a una netta separazione fra l'inglese british e l'inglese parlato internazionalmente. Le influenze ispaniche hanno creato uno "spanglish" e molte influenze americane sono viste con patetico orrore da parte dei puristi inglesi. Che infatti si stanno inventando di tutto per salvare una purezza ormai solo loro. Hanno la stessa speranza di successo di un fiorentino che pretendesse di imporre la "sci" come pronuncia della "C" al resto d'Italia! Auguroni!
    Una lingua comune è una cosa viva, e saranno le giovani generazioni a plasmarla. Usandola. Vai a farti un giro a Stoccolma o Berlino e prova a vedere se chi ha meno di 30 anni si pone il problema di quali lingue "mescolare" per farsi capire!
    Le delocalizzazioni le fanno, giustamente, all'interno dell'Europa. Se vuoi evitarle parifica i contributi previdenziali sulle imprese a quelli medi europei. Semmai!
    a Darwin piace questo messaggio.

  11. #491
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,142

    Predefinito

    IO ? Fallo parificare al governo REnzi semmai , sono loro al governo , perché non lo fanno ?

    Per me possono ridurre le tasse come è in Europa , non sono contrario , cosi anche il mio stipendio e la mia pensione , io sono d'accordo .
    Sono d'accordo su tutta linea , portiamo l'Italia alla media europea , su tutto industrie ,stipendi pensioni, età pensionabile, scuola ospedali ,giustizia,polizia , tutto tutto .

    Pensi che io non sia d'accordo ? Anche sindacati ... tutto come nei migliori paesi nord europei , germania , ecc
    D'ACCORDISSIMO . VAI GOVERO RENZI E GOVERNO DI BE IO SONO D'ACCORDISSIMO .
    MA QUANDO LO FARANNO ? MAI ? MEGLIO SUBITO .

    CIAO.
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  12. #492
    Pietra Miliare
    Registrato dal
    Jul 2008
    residenza
    Sinistra Destra del Po Veneto/Emilia-Romagna
    Messaggi
    1,712

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da pox1964 Visualizza il messaggio
    ...resta da decidere chi fa l'imperatore...
    Perfetto, comunque lo abbiamo già l'imperatore, è schiccia, altro che Sarko e Merkel.
    Da quando ho il fotovoltaico e l'Osmosi inversa, sono costretto a risolvere problemi che prima non avevo.
    Impianto da 4 kWp - 16 Pannelli Futura 250 Wp - 1 Inverter Bluenergy 4,4 kW.
    Vengo anch'io... no tu no!, ma perché? perché il mondo è settoriale, qui ci puoi andare nell'altro no!

  13. #493
    Seguace
    Registrato dal
    May 2011
    residenza
    Lombardia
    Messaggi
    572

    Predefinito

    diamo un po' di numeri sulle lingue?
    le maggiori industrie mondiali usano l'inglese come lingua ufficiale nonostante non siano ne americane ne inglesi, persino la mia tedesca è bilingue (anzi il tedesco è gradito ma non è necessario conoscerlo).
    Il lavoro nel mondo parla inglese - Il Sole 24 ORE - nel 2020 si prevede che 2 miliardi di persone studino inglese.
    I cinesi, che scemi non sono (almeno nelle classi alte) studiano in Inglese La classe media cinese? Studia in inglese. Tutto, salvo la matematica - Corriere.it.
    si potrebbe optare per una lingua artificiale e ci sono stati vari tentativi nella storia l'unica che ha avuto in po' di successo è l'esperanto ( se 2 milioni di persone che la parlano è un successo) un impresa del genere avrebbe richiederebbe risorse e consensi che non sono di questo mondo per tirar fuori qualcosa che non ha senso esistendo già qualcosa utilizzato in tutto il mondo (l'inglese appunto) che ha anche il vantaggio di avere una grammatica relativamente semplice. Poi se artificiale deve essere allora io voto per il Quenya od eventualmente il Klingon

  14. #494
    Seguace
    Registrato dal
    May 2011
    residenza
    Lombardia
    Messaggi
    572

    Predefinito

    Il sole24ore ha pubblicato questo tool carino che mostra lo storico del potere di acquisto di 10.000 lire dal 1874 al 2015.
    http://www.infodata.ilsole24ore.com/…/calcola-il-potere-d…/…
    Mi sono divertito un po' a vedere come e' cambiata la velocita' con cui la lira ha perso potere di acquisto.
    Essendo il cambio fissato, ovviamente alla data piu' recente viene dato il valore del cambio fisso, 5.12 euro per 10.000 lire.
    Se prendo l'anno di entrata in vigore dell'euro (2002), la lira aveva il potere di acquisto di 6.44 euro di oggi. Quindi in 13 anni un totale del 20.5% perso, la lira-marco ha una media di 1.54% all'anno di perdita di potere di acquisto.
    Andando indietro di altri 13 anni (tornando quindi alla lira-lira, addirittura in epoca pre-Mastricht),10.000 lire avevano il potere di acquisto di 10.31 euro. Perso quindi il 37.5% in 13 anni, una media di 2.88% di perdita di valore del denaro. Quei burloni de Gli Eurocrati si compiacerebbero algidamente per il rispetto medio del parametro prima ancora del loro arrivo definitivo sulle scene.
    Altri 13 anni indietro, 1976: 10.000 lire come 41 euro, 75% di valore distrutto in 13 anni, una media di quasi il 6% annua.
    Altri 13 anni ancora, 1963, con 10.000 compravo come oggi con 114 euro. un ulteriore annientamento di valore del denaro del 64% da allora a 13 anni dopo, circa il 5% annuo.
    Percorriamo infine l'Italia del miracolo negli ultimi 13 anni rimasti prima di sforare nella seconda guerra mondiale, 1950: con 10.000 lire compravo come con 187 euro oggi, 39% di valore perso da allora al 1963, 3% annuo, in pratica eravamo gia' nell'Euro se si prendesse in considerazione solo l'inflazione rispetto a certi rapporti.
    Ora, anche i periodi cascano piu' o meno a pennello, sembrano quasi dei veri e propri cicli di circa 13 anni:
    1 - 1950 l'Italia virtuosa della DC liberale (e sottoposta a enormi sacrifici) della ricostruzione e dei trattati di Roma,
    2 - 1963 l'inizio delle pene con l'avvento del centrosinistra, delle nazionalizzazioni e delle regioni, la crisi energetica
    3 - 1976 l'ulteriore e definitiva accellerazione dello sprofondamento dopo gli anni di piombo e del compromesso storico, gli anni di fango, del CAF, del PSI craxiano, del "a Fra' che te serve?" nonostante l'ECU e la divisione tra tesoro e Banca d'Italia, la Cina comincia ad aprirsi al mercato.
    4 - 1989 caduta del muro, disfacimento URSS, tangentopoli, nascita dell'UE e del progetto Euro, gli anni '90, per molti i migliori in assoluto, arriva pure Internet, la Cina (e altri) economicamente sempre piu' aperta all'esterno: e' la globalizzazione.
    6 - 2002 nascita dell'Euro, "ripresa in marcia" della Storia (che Fukujima ci raccontava fosse finita) con l'11/09, le crisi finanziarie e poi economiche, il ritorno sulla scena della minaccia russa accanto a quella fondamentalista, l'avvento dei populismi trasversali trollanti e complottisti in occidente, il Brexit e il pericolo Trump in USA.

    Ora, una deduzione e una domanda:
    - la deduzione: il problema non e' l'Euro, il problema era la Lira, basta vedere con che velocita' perdeva valore quando non c'era l'Euro e come invece la perdita di valore si e' decisamente rallentata e stabilizzata con l'Euro.
    E anzi, il problema e' ANCORA OGGI la Lira e tutta quella dannata inflazione del 2. e 3. ciclo trasformata in debito-macigno, soprattutto dopo che Andreatta pose fine all'obbligo di acquisto dei titoli di stato per la Banca d'Italia prima che diventassimo il Venezuela, "sfortuna" che poi ci siamo autoimposti Craxi+DeMita per i successivi 10 anni. Quei maledetti 30 anni di follie in cui si dava tutto a tutti per bloccare l'ascesa del PCI di fronte al pericolo sovietico, che tanto paga Pantalone.

    - la domanda: cosa ci aspetta in questo nuovo ciclo da poco iniziato? come sara' l'inflazione media dei prossimi 13 anni circa? Cosa ci riserva di nuovo la Storia?

  15. #495
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,142

    Predefinito

    Ma io sono d'accordo anche per l'inglese , i miei due figli lo parlano correntemente , senza problemi , uno ingegneria informatica si vede i film in lingua madre , la femmina viene dal linguistico , inglese, francese , spagnolo , tedesco .

    Ma mi chiedo prima di fare previsioni , siete sicuri che la Francia e la Germania e la spagna accettino senza battere ciglio che la lingua ufficiale europea sia l'inglese ?
    Forse vi state facendo i conti senza l'oste ?
    SIETE SICURI ?
    Parlare è facile e dire fesserie anche .

    Io sono per una Europa più unita visto che vi piace tanto questa moneta unica , ma come mai non volete unificare anche la scuola , la sanità , le tasse , gli stipendi europei ?
    Questa è la cosa strana che non mi torna .
    L'odiosa tassa di possesso , o bollo auto , in antri paesi non esiste , come mai in Italia si ? Come mai in Italia l'assicurazione auto costa il doppio ?

    EUROPA UNITA ? BENE , IN TUTTO , SIETE D'ACCORDO ?
    a vince1948 piace questo messaggio.
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  16. #496
    mgc
    mgc non è in linea
    Monumento
    Registrato dal
    Aug 2012
    residenza
    Pavia
    Messaggi
    2,243

    Predefinito

    Sono quasi sicuro che se chiamassimo americano, l'inglese, risolveremmo molte discussioni.
    Sono certo che se tutti pagassero le tasse, le avremmo più basse.
    Sono sicuro che se non avessimo paracaduti sociali, trattenute paternalistiche, diritti lavorativi sacri, 14 mensilità, etc, anche i nostri stipendi sarebbero più alti.
    Se non avessimo truffatori seriali, basati sulle assicurazioni, staremmo meglio.
    a Darwin piace questo messaggio.
    Je suis Charlie e amo mamma e papà.

  17. #497
    Moderatore
    Registrato dal
    Aug 2005
    Messaggi
    6,381

    Predefinito

    Zagami, veramente la "fesseria" di invocare la lingua "comune" europea come passaggio fondamentale l'hai scritta tu!
    Siamo tutti convintissimi che tedeschi e francesi non accetterebbero mai l'inglese come lingua ufficiale comune. Ma statti pure tranquillo che accetterebbero ancor meno spagnolo, esperanto, cinese o latino!
    Questo NON toglie che francesi, tedeschi ecc. si dovranno serenamente fare una ragione del fatto che l'inglese è e resterà a lungo la lingua internazionale che unirà i popoli europei.
    D'altronde i tuoi, come i miei, figli sono perfettamente in grado di utilizzarla no? È la stessa cosa accaduta con l'italiano. Genitori senza alcuna capacità di capirlo erano aiutati da figli con un'infarinatura scolastica (mio nonno) che in casa parlavano solo dialetto. I loro figli (mio padre) parlavano perfettamente italiano riservando il dialetto per la famiglia e amici. I loro figli (io) capiscono il dialetto, in qualche caso lo usano con i genitori e gli anziani, ma con difficoltà. I figli non parlano nè capiscono il dialetto.
    La stessa cosa stà accadendo con l'inglese in molti paesi. In Italia la profonda impreparazione linguistica del corpo docente ha impedito il bilinguismo finora, ma presto la spinta delle nuove generazioni porterà il problema alla ribalta.
    Prima di chiedere che tutto venga adattato ai canoni europei fossi in te quasi pensionato ci penserei. A me non frega nulla di quanto prende in media di pensione PUBBLICA un tedesco (meno di 700€ comunque. Occhio a non pensare che si mettono "in media" anche i versamenti ai fondi privati! Quelli se li piglia chi li ha versati, ciccini!! http://www.huffingtonpost.it/2013/06...n_3436832.html), ma certo se riduciamo di metà i contributi previdenziali attuali avrai disponibli ogni anno circa 80 miliardi in meno per pagare le pensioni!
    Parifichiamo all'Europa quel che credete, ma se pensate che il risultato sia di avere le pensioni a livello del Herr Schneider che i due terzi di pensione se li è creati con versamneti privati... mi sa che avete fatto male i conti!
    Stessa cosa per gli stipendi pubblici e le tasse. Riduciamo queste, ma se la matematica non inganna resta molto arduo moltiplicare i pani ed i pesci della distribuzione se i pretendenti sono, diciamo cosi, numerosi! La sceneggiata strappalacrime della maestrina "deportata" che tu stesso hai segnalato fa ben capire come e a chi devi stipendi più bassi nonostante spesa stanziata identica...
    Ultima modifica di BrightingEyes; 28-08-2016 a 19:27
    a livingreen, Darwin e mgc Piace questo messaggio

  18. #498
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    May 2008
    residenza
    Bologna
    Messaggi
    4,443

    Predefinito

    in un europa che non riesce a unificare le prese di energia per spinte lobbistiche,dove la più
    usata sarà la tedesca,ma perchè dare ulteriori vantaggi ai tedeschi per una presa brutta e ingombrante
    pensate che si possa avere una lingua comune,e che qualche stato maggiore possa cedere la propria
    lingua,è più facile che si dissolva l'euro
    vince1948 e zagami piace questo messaggio

  19. #499
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Sep 2007
    Messaggi
    4,976

    Predefinito

    Intanto, l'inglese lo usano tutti, che piaccia o no. E senza bisogno di nessuna delibera.
    a Darwin piace questo messaggio.
    "Non date da mangiare ai troll" http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)

    O si pensa, o si crede. (Arthur Schopenhauer)

  20. #500
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Jan 2012
    residenza
    Pescara
    Messaggi
    6,200

    Predefinito

    Un'Europa Unita che se vai in un paese dell'Unione le telefonate sono "dall'estero"
    Gli Stati Uniti d'America sono 53 nazioni federate e le telefonate sono tutte interne
    a livingreen, vince1948, mgc e 1 altri Piace questo messaggio
    5.76 KW 24 IBC SOLAR Tilt 19°, Azimut+54° S-SO, Power-One 6 Kw , 2 boiler 0-1000watt in serie, controllo domotico , SDM120C Modbus x monitoraggio consumi con MeterN, 7 split a PDC, 2 inverter Vaio3 Vaillant (eccellenti) scop 3,8 , http://pvoutput.org/list.jsp?userid=8660 Sono certo di non sapere , vivo per imparare.


 

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi