Benvenuto in EnergeticAmbiente.it.
+ Rispondi
Pagina 2 di 6 primaprima 1 2 3 4 5 6 ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 21 a 40 su 104
Like Tree15Mi piace!

Discussione: La buona scuola...

  1. #21
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Sep 2007
    Messaggi
    4,960

    Predefinito



    Se un "ingegnere" con due lauree al massimo dei voti in ingegneria gestionale a Cagliari e una in ingegneria meccanica a Reggio Calabria non sa cosa sia il nastro isolante, è perchè le laure le regalano.
    Poi, che ci siano persone coscienziose (e ne conosco tante) che si preparano bene, sapendo che dalla loro preparazione dipenderà il loro successo, al sud ce ne sono tantissime: ma è merito loro, non del pezzo di carta. Come si dice,
    Una laurea, caffè e una sigaretta non si nega a nessuno…
    "Non date da mangiare ai troll" http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)

    O si pensa, o si crede. (Arthur Schopenhauer)

  2. #22
    Pietra Miliare
    Registrato dal
    Jul 2008
    residenza
    Sinistra Destra del Po Veneto/Emilia-Romagna
    Messaggi
    1,694

    Predefinito

    Zagami... no, ma dovrebbe sapere cos'è.
    Da quando ho il fotovoltaico e l'Osmosi inversa, sono costretto a risolvere problemi che prima non avevo.
    Impianto da 4 kWp - 16 Pannelli Futura 250 Wp - 1 Inverter Bluenergy 4,4 kW.
    Vengo anch'io... no tu no!, ma perché? perché il mondo è settoriale, qui ci puoi andare nell'atro no!

  3. #23
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,119

    Predefinito

    Bene allora torniamo al discorso che dicevo prima io , rispondere a dei quiz non è indice di una buona scuola o di un buon insegnate .
    Uno può avere una preparazione a bomba , ma non è in grado di gestire una classe o comunicare ai ragazzi quello che sa .

    Uno può essere un ing. preparatissimo nella teoria, ma non ha mai usato un nastro adesivo .
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  4. #24
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Sep 2007
    Messaggi
    4,960

    Predefinito

    Ma stai scherzando?
    "Non date da mangiare ai troll" http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)

    O si pensa, o si crede. (Arthur Schopenhauer)

  5. #25
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    May 2008
    residenza
    Bologna
    Messaggi
    4,427

    Predefinito

    è come la penso io una laurea non è un gradino in più come molti pensano,e il nostro apparato
    burocratico è imbottito di laureati,ma non è necessario essere intelligenti per laurearsi,ci sono
    laureati di grande cultura e quelli che si sono procurati il pezzo di carta,hanno imparato a memoria
    la lezione del professore,come ci sono ufficiali che non sanno cosa fare nel campo di battaglia intanto
    i soldati vengono massacrati

  6. #26
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Sep 2007
    Messaggi
    4,960

    Predefinito

    Purtroppo, la decadenza del livello di istruzione fornito dalla scuola italiana è evidente, e ci sono molti periti di una volta che sanno fare cose che certi ingegneri di oggi se le sognano. E parlo di ingegneria, perchè se vado su scienza della comunicazione o scienze politiche a volte sembra l'asilo.
    Però, la laurea te la danno ugualmente... Mi chiedo cosa succederà quando la laurea ce l'avranno tutti ma saranno gente a cui al massimo puoi affidare il compito di friggere delle patatine.
    a Darwin piace questo messaggio.
    "Non date da mangiare ai troll" http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)

    O si pensa, o si crede. (Arthur Schopenhauer)

  7. #27
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,119

    Predefinito

    Ma spero che stavi scherzando tu .

    Non valuterai mica un ingegnere dallo scotch ?
    Prima di valutare avrai fatto altre domande ?

    Che poi vi siano persone laureate, poco preparate è anche vero , nessuno lo nega , ma non si può valutare un architetto o ing. se sa maneggiare la manicola , spero di no !

    O un ing. elettronico se sa attaccare il nastro isolante .

    Se il tuo metro di paragone è questo , allora i tecnici che popolano questo forum sono dei veri ing. onoris causa, ma che dico dei geni dell'ingegneria, vedi alcuni che si occupano di HHO .
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  8. #28
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Sep 2007
    Messaggi
    4,960

    Predefinito

    Certo, non bisogna valutare un ingegnere dallo scotch, basta leggere se ha preso una laurea a pieni voti. E naturalmente facciamo lo stesso per un architetto che non sa cosa siano i mattoni, e anche per un informatico laureato che non sa cosa sia un computer.
    Ma non nelle aziende dove lavoro io: chi ha pensato che funzionasse così, lo hanno cacciato a pedate.
    "Non date da mangiare ai troll" http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)

    O si pensa, o si crede. (Arthur Schopenhauer)

  9. #29
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,119

    Predefinito

    Stai dicendo delle cose semplicemente assurde, al limite della comicità .
    Possibile che un ingegnere non conosca cosa sia lo scotch ? Mi sembra di no ! Anche i bambini lo sanno .
    Un architetto che non sa cosa siano i mattoni ? Sta scherzando , no ?
    Un informatico che non conosca un computer ? Assolutamente assurdo .
    Quindi le tue sono solo ipotesi per assurdo , se cosi fosse come dici tu , avresti ragione .
    Ma immagino che se tu dovresti valutare in ing. dovresti chiedere altro che il nastro adesivo , o no ?

    Poi bisogna vedere anche che ing. è .
    Ci sono quelli che sono ingegneri -ingegneri- ingegneri , con la I maiuscola.
    Ci sono quelli che sono solo ing. che vuol dire tante cose , ingegnosi , ingelositi , ingialliti ...

    Ma se partiamo dalle premesse che uno per essere un architetto debba conoscere cosa sia un mattone e ci fermiamo li , allora il muratore è un super architetto .
    Cosi dicasi di molti frequentatori di questo forum , se per essere un fisico basta conoscere le calamite , MM è un grande fisico e che fisico ...
    Cosi dicasi di tanti altri smanettatori di questo forum , come Franco52 , che conosce bene lo scotch, sono dei grandi ing. .
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  10. #30
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Sep 2007
    Messaggi
    4,960

    Predefinito

    Quelle che tu chiami ipotesi per assurdo sono la realtà, oggi. Come mai hai cambiato registro? Prima un ingegnere non si giudica dal nastro adesivo e ora invece sì?
    Comunque, vedo che la cosa si sta facendo difficile, per te: proverò a dirlo più semplicemente.
    Se un ingegnere conosce il calcolo infinitesimale, il calcolo delle strutture e tutte le altre materie che gli hanno insegnato all'Università e sa come applicarle, allora è un ingegnere.
    Se invece non conosce nessuna di queste cose (e non sa nemmeno cosa sia il nastro isolante) e ne sanno di più gli operai con la terza media NON E' ingegnere, è solo uno che doveva essere bocciato al liceo e all'università non avrebbe nemmeno dovuto mettere piede.
    Quindi, visto che una delle funzioni della scuola è certificare il livello di competenza in modo che non debbano farlo gli altri tutte le volte, come mai invece simili personaggi sono diffusissimi in Italia? Quale "scuola" ha certificato competenze inesistenti?

    Ma se partiamo dalle premesse che uno per essere un architetto debba conoscere cosa sia un mattone e ci fermiamo li , allora il muratore è un super architetto
    Queste sono premesse tue, io ho detto cose molto diverse. L'architetto deve svolgere bene tutte le funzioni per cui è stato formato, e conoscere bene tutti i materiali e le loro possibilità. Se sa solo cosa sono i mattoni e ignora tutto il resto, allora è un muratore e non un architetto.
    "Non date da mangiare ai troll" http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)

    O si pensa, o si crede. (Arthur Schopenhauer)

  11. #31
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,119

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da livingreen Visualizza il messaggio
    ? Prima un ingegnere non si giudica dal nastro adesivo e ora invece sì?
    .
    Io non ho detto questo , non mettermi in bocca parole che escono solo dalla tua mente e da tuoi pensieri.
    .
    Comunque, vedo che la cosa si sta facendo difficile, per te: proverò a dirlo più semplicemente.
    Se un ingegnere conosce il calcolo infinitesimale, il calcolo delle strutture e tutte le altre materie che gli hanno insegnato all'Università e sa come applicarle, allora è un ingegnere..
    Quindi hai cambiato registro tu , non io .
    Infatti io ti ho detto spero che non lo avrai valutato solo dallo scotch .
    Se invece non conosce nessuna di queste cose (e non sa nemmeno cosa sia il nastro isolante) .
    Ohhh , bene , come avevo detto , io . Ma il nastro isolante per favore lascialo perdere , perché tutti sanno cosa è un nastro isolante , ma la considero solo un ipotesi per assurdo .

    .
    è solo uno che doveva essere bocciato al liceo e all'università non avrebbe nemmeno dovuto mettere piede.
    .
    Ma questa non ci azzecca nulla con i quiz del ministero . Poi come ben sai per accedere all'università bisogna superare i famosi quiz , test di ingresso .
    Quindi quello che critico io è la validità ai fini della preparazione di un insegnate del test a quiz.
    Poi tu la puoi pensare come vuoi , io la penso cosi .

    .
    Quindi, visto che una delle funzioni della scuola è certificare il livello di competenza in modo che non debbano farlo gli altri tutte le volte, come mai invece simili personaggi sono diffusissimi in Italia?
    .
    Proprio perché il sistema a quiz non è idoneo .
    Vabbuoh , bisogna vedere ...questa è solo una tua opinione , forse nella tua azienda si presentano questi soggetti sperando in un lavoro facile .


    L'architetto deve svolgere bene tutte le funzioni per cui è stato formato, e conoscere bene tutti i materiali e le loro possibilità. Se sa solo cosa sono i mattoni e ignora tutto il resto, allora è un muratore e non un architetto.
    Bene era quello che volevo dire , non ti puoi fermare al mattone .
    Per essere precisi tu avevi detto :

    "E naturalmente facciamo lo stesso per un architetto che non sa cosa siano i mattoni, e anche per un informatico laureato che non sa cosa sia un computer."
    Ultima modifica di zagami; 15-08-2016 a 09:03
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  12. #32
    Moderatore
    Registrato dal
    Aug 2005
    Messaggi
    6,359

    Predefinito

    zagami... per come rigiri le frittate dovevi fare l'avvocato, mi sà!

    Comunque
    Quote Originariamente inviata da zagami Visualizza il messaggio
    ...perché tutti sanno cosa è un nastro isolante...
    non è propriamente vero, in quanto molti lo confondono col nastro adesivo (o scotch) generico. Capita sai?

    Al di là delle battute il senso del discorso di livingreen è abbastanza chiaro e ben conosciuto da moltissimi. In Italia esiste una forte quota di laureati e diplomati che, non certo solo per colpe loro, sono totalmente inadatti al lavoro concreto.
    Questo deriva da svariate cause. Da una parte l'esagerata attenzione alle materie umanistiche o comunque non tecnico-scientifiche. L'Italia fra i tanti primati NON invidiabili ha molti laureati (in particolar modo donne e specie al sud) in campi che poi non hanno un vero riscontro sul mercato. Materie letterarie, linguistiche, psicoqualcosa, ecc. E soffre da sempre di una carenza di peofessionisti tecnici qualificati e al passo coi tempi. L'esempio più eclatante sono le lauree in discipline informatiche che per anni sono state una fucina di teoria totalmente slegata dalla realtà e dai bisogni delle aziende, che in un mercato competitivo se ne sbattono di competenze teoriche approfonditissime, ma badano al sodo e vogliono la competenza aggiornata!
    La comprensibile preoccupazione sociale per le prospettive di una massa di laureati teorici con scarso o nessun appeal sul mercato privato ha indotto la scelta (scellerata!) di trasformare la scuola italiana, una volta una delle migliori al mondo, in un "cattedrificio".
    E' banale per chiunque che "professori" che non sanno argomenti di storia fondamentali lo sono in quanto infilati nel meccanismo grazie a compiacenti regolamenti, emergenze mantenute ad arte e non certo per via meritocratica! Soprattutto in campi come quello del cosiddetto "sostegno" che nella descrizione teorica e politically correct sono una miracolosa illuminazione sulla via del recupero nella società per chi ha handicap di qualsiasi tipo, ma nella realtà è il polmone di sfogo della parte meno preparata di docenti o aspiranti! Tutti sanno e sapevano che una valutazione seria, come quella che presumibilmente stanno ora facendo le commissioni, avrebbe determinato una strage.
    Non è così BANALE far capire a tutti, vedo, che la qualità della scuola è FONDAMENTALE per il futuro del paese e che qui NON si tratta solo di una questione di adeguarsi alla necessità di risparmio (cosa peraltro VERISSIMA e INNEGABILE! Come ripeto non c'è alcuno spazio per cattedre "fake" finanziate dai contribuenti! Se li finanzino le regioni interessate!).
    Sono cose antipatiche da dire, ma la situazione deriva da scelte del passato assurde. Non dalle levate d'ingegno attuali!
    Come nel caso delle pensioni è abbastanza ovvio a tutti che qualcuno si trova ad essere pesantemente penalizzato, avendo ben altre aspettative, quando la realtà delle cose impone decise sterzate.
    Ma non sono le polemiche pretestuose sui "quiz" che cambieranno la situazione! L'ultima frontiera comunque non sono i quiz, ma la pretesa che il misterioso "algoritmo" adottato dal Miur per decidere le cattedre nasconda in sè orrendi meccanismi per penalizzare i precari del sud. (Mobilità docenti. Miur non pubblica algoritmo che permetterebbe di dimostrare se i trasferimenti sono corretti oppure no, utile per la conciliazione | Orizzonte Scuola)

    Cosa che NON è e chi è competente e preparato e l'algoritmo lo ha creato lo spiega BENE (Buona scuola e precariato: "sono il padre dell'algoritmo, ma si tratta di fecondazione eterologa")

    Avendo un'infarinatura di informatica posso comunque porre il problema agli ingegneri del forum. Non serve nemmeno lo scotch, credo.
    Dati un array monodimensionale di 70 byte e uno monodimensionale di 30 byte proporre un algoritmo che permetta di stivare 70 byte nel secondo!
    Ecco. QUESTO è il flow chart molto banalizzato dell'algoritmo che i tuoi amici precari gradirebbero! Se riesci a proporre una soluzione (qualsiasi linguaggio va bene. Anche il siculo stretto credo)... accomodati!
    a Darwin piace questo messaggio.

  13. #33
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,119

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da BrightingEyes Visualizza il messaggio
    zagami... per come rigiri le frittate dovevi fare l'avvocato, mi sà!...
    Per questo ti do ragione , forse ho sbagliato facoltà . Sono 15 anni che lo stipendio è fermo .

    Ma all'epoca dato che ero bravo nelle materie scientifiche , mi fu consigliato la chimica che negli anni 60-70 ebbe un boom in Sicilia , grazie al polo chimico Siracusa-Melilli e grazie al compianto Mattei Enrico .
    Ma comunque all'epoca ebbi un brava professoressa di filosofia , che ci imparò moltissimo dei trucchi filosofici, anche a parlare per ore ripetendo le stesse cose ma con parole diverse . Anche se sapete poco , fate capire che sapete molto insistendo sugli argomenti che conoscete meglio .
    Ma comunque nemmeno la chimica o la matematica sono scevri da questo modo di ragionare diventando per alcune questioni solo dei ragionamenti filosofici e la matematica è un semplice ragionamento filosofico .


    Da una parte l'esagerata attenzione alle materie umanistiche o comunque non tecnico-scientifiche. L'Italia fra i tanti primati NON invidiabili ha molti laureati (in particolar modo donne e specie al sud) in campi che poi non hanno un vero riscontro sul mercato. Materie letterarie, linguistiche, psicoqualcosa, ecc. E soffre da sempre di una carenza di peofessionisti tecnici qualificati e al passo coi tempi. L'esempio più eclatante sono le lauree in discipline informatiche che per anni sono state una fucina di teoria totalmente slegata dalla realtà e dai bisogni delle aziende, che in un mercato competitivo se ne sbattono di competenze teoriche approfonditissime, ma badano al sodo e vogliono la competenza aggiornata!
    !
    Sono d'accordo...
    Quindi persone preparate solo teoricamente , ma non capaci di lavorare praticamente , mancando di esperienza pratica.
    Ma mi riallaccio al discorso quiz , sono buoni solo per chi ha solo nozionismo ,preparazione teorica .

    Ma non sono le polemiche pretestuose sui "quiz" che cambieranno la situazione! L'ultima frontiera comunque non sono i quiz, ma la pretesa che il misterioso "algoritmo" adottato dal Miur per decidere le cattedre nasconda in sè orrendi meccanismi per penalizzare i precari del sud. (Mobilità docenti. Miur non pubblica algoritmo che permetterebbe di dimostrare se i trasferimenti sono corretti oppure no, utile per la conciliazione | Orizzonte Scuola)!
    Questa era una delle questioni che avevo posto , se non si conosce come viene fatto il calcolo , non ci capiamo .

    Cosa che NON è e chi è competente e preparato e l'algoritmo lo ha creato lo spiega BENE (Buona scuola e precariato: "sono il padre dell'algoritmo, ma si tratta di fecondazione eterologa")
    !
    Ci sarebbe molto da discutere sulle premesse , se si parte di premesse sbagliate o piuttosto soggettive , si raggiungono conclusioni errate .

    Avendo un'infarinatura di informatica posso comunque porre il problema agli ingegneri del forum. Non serve nemmeno lo scotch, credo.
    Dati un array monodimensionale di 70 byte e uno monodimensionale di 30 byte proporre un algoritmo che permetta di stivare 70 byte nel secondo!
    Ecco. QUESTO è il flow chart molto banalizzato dell'algoritmo che i tuoi amici precari gradirebbero! Se riesci a proporre una soluzione (qualsiasi linguaggio va bene. Anche il siculo stretto credo)...
    Se garantisci un posto di lavoro per mio figlio , prossimo laureando in informatica entro l'anno, gli proporrò di risolverlo .

    Ciao.
    Ultima modifica di zagami; 15-08-2016 a 12:30
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  14. #34
    Moderatore
    Registrato dal
    Aug 2005
    Messaggi
    6,359

    Predefinito

    Ok, provaci! Se tuo figlio trova il modo di 'stipare' 70 byte in un array di 30 byte il lavoro lo trova il giorno dopo! Temo che sia ardua...
    Per il resto non capisco bene di quali premesse parli, ma il conto è presto fatto.
    La legge 107 ha permesso a chi era in ruolo, e quindi aveva ovviamente la precedenza, di scegliere se chiedere un avvicinamento, cosa che è un diritto sindacale. Molti insegnanti di ruolo nel nord ne hanno approfittato, creando di fatto un esodo verso sud ed occupando molte cattedre prima disponibili per l'esercito precario.
    Il resto non mi interessa per nulla dibatterlo, non sono portato per l'arte dell'intortamento avvocatizio. Ma date le premesse non riesco a entusiasmarmi per le giravolte buoniste.
    Spiace...

  15. #35
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Sep 2007
    Messaggi
    4,960

    Predefinito

    Ah, bene... siamo alle solite.
    strano che tu dica che di non aver mai detto certe cose, visto che le trovo scritte solo due post prima..
    Quote Originariamente inviata da zagami Visualizza il messaggio
    ....
    Uno può avere una preparazione a bomba , ma non è in grado di gestire una classe o comunicare ai ragazzi quello che sa .
    Uno può essere un ing. preparatissimo nella teoria, ma non ha mai usato un nastro adesivo .
    Quote Originariamente inviata da zagami Visualizza il messaggio
    Stai dicendo delle cose semplicemente assurde, al limite della comicità .
    Possibile che un ingegnere non conosca cosa sia lo scotch ? Mi sembra di no ! Anche i bambini lo sanno .
    ...
    Ma questa non ci azzecca nulla con i quiz del ministero . Poi come ben sai per accedere all'università bisogna superare i famosi quiz , test di ingresso .
    Quindi quello che critico io è la validità ai fini della preparazione di un insegnate del test a quiz.
    Poi tu la puoi pensare come vuoi , io la penso cosi .
    Se i test sono fatti nello stesso modo della valutazione delle competenze, i risultati sono proprio quelli previsti, invece:

    I quiz di ingresso, errori di grammatica e corruzione
    https://books.google.it/books?id=V4E...grafia&f=false

    Il concorso per sovrintententi di polizia
    CONCORSO POLIZIA: TUTTO DA RIFARE

    Il famoso concorso per magistrati del 2008
    Aspiranti giudici ma un po' somari Oltre il 90% bocciati agli scritti - cronaca - Repubblica.it
    a Darwin piace questo messaggio.
    "Non date da mangiare ai troll" http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)

    O si pensa, o si crede. (Arthur Schopenhauer)

  16. #36
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    May 2008
    residenza
    Bologna
    Messaggi
    4,427

    Predefinito

    anni fa un mio conoscente operaio in una azienda leader nelle poltrone per dentisti,lamentava
    possibile che un ingegnere e un diplomato hanno impiegato 18 mesi per progettare la plafoniera
    che illumina la poltrona,poi lui è andato in pensione e qualche anno dopo l'azienda ha chiuso,
    alla fine il mercato fa giustizia e non si può sempre scaricare i costi extra sui clienti

  17. #37
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Sep 2007
    Messaggi
    4,960

    Predefinito

    Purtroppo sono cose risapute e nessuno riesce più a cambiarle. I parassiti hanno vinto.
    "Non date da mangiare ai troll" http://it.wikipedia.org/wiki/Troll_(Internet)

    O si pensa, o si crede. (Arthur Schopenhauer)

  18. #38
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,119

    Predefinito

    Se analizziamo le frasi , io ho detto :

    "Uno può essere un ing. preparatissimo nella teoria, ma non ha mai usato un nastro adesivo .

    Possibile che un ingegnere non conosca cosa sia lo scotch ? Mi sembra di no ! Anche i bambini lo sanno ."

    Cioè un ingegnere conosce cosa è un nastro isolante , ma in pratica non lo ha mai usato , perché non si mette a fare dei lavori manuali di collegare dei fili , come fa un elettricista .
    Idem dicasi di un architetto , conosce cosa è un mattone , ma non lo ha mai usato manualmente per costruire un muro , perché quello è un lavoro manuale che fa il muratore .

    Qui si stava parlando della buona scuola e dei test a quiz , per stabilire se essi sono idonei a poter selezionare il personale scolastico , cioè gli insegnati dei nostri figli .
    A mio parere una selezione fatta con i quiz , non è idonea allo scopo di selezionare il personale migliore della buona scuola , un altro eufemismo tutto da dimostrare .
    Con i quiz chi viene avvantaggiato ?
    Chi ha una preparazione nozionistica ,possibilmente con concetti sbagliati , non chi ha cultura vera o concetto corretti .
    Quello che contano sono i concetti , non le nozioni , poco importa se mi ricordo la data di nascita o di morte di Napoleone , ma sapere cosa ha fatto ed il messaggio che ha lasciato .
    Senza contare che nelle risposte a quiz è più facile copiare , o suggerire . Viene avvantaggiato chi è timido e chiuso in se stesso .

    Quindi la protesta inscenata dagli insegnanti , contro un test a quiz di quella fattispecie ha ben motivo di esistere ,non è quello il modo più idoneo per la selezione del personale insegnante .

    Dicevo prima a BE , che un buon medico , non si evince dal voto di laurea , o dalle risposte esatte a quiz di medicina , ma da tanti altri fattori , dal rapporto che ha con i pazienti , dal suo intuito, dalla sua umanità , ecc...
    Ultima modifica di zagami; 16-08-2016 a 03:17
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  19. #39
    Paladino del Forum
    Registrato dal
    Nov 2012
    residenza
    Sicilia .
    Messaggi
    3,119

    Predefinito

    Inserisco questa notizia in questo 3 D.

    Si sono svolti i test di ammissione a medicina e odontoiatria per i corsi a numero programmato a livello nazionale per l'anno accademico 2016-2017. Gli aspiranti camici bianchi sono 62.695, oltre duemila persone in più rispetto all'anno scorso. I posti disponibili a Medicina e Odontoiatria sono 10.132 (9.224 per Medicina e 908 per Odontoiatria). Passerà dunque circa un candidato su sei.

    http://www.ansa.it/sito/notizie/cron...e537815e6.html


    Pensate che la scuola italiana possa migliorare con queste leggi assurde che ci ritroviamo ?
    Si parla di Europa , ma che fine ha fatto l'europa ?
    E' solo nella carta e nella moneta unica euro ?
    Perché non si unificano anche le leggi europee per l'università ?

    Cosa significa buona scuola , una scuola per pochi , che solo pochi si possono permettere ?
    Ma dove è finita la libertà ?
    Dante: "Fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza ".

  20. #40
    Moderatore
    Registrato dal
    Aug 2005
    Messaggi
    6,359

    Predefinito

    zagami... sei impagabile!
    La modalità di accesso programmato ad alcuni corsi di laurea è COMUNE a TUTTI i paesi europei! Ed è stata imposta all'Italia proprio dalle comunità europea negli anni 80! Il primo corso a numero programmato fu quello di odontoiatria, imposto anch'esso dalla comunità europea ad un'Italia in cui allora la scuola di ogni ordine e grado era un feudo dell'ideologia sindacaliota! E' propio l'Europa che ci ha costretto a unificare! (Come in molti altri campi del resto).
    Ogni paese ha metodologie proprie. In qualche caso c'è il test, in altri una selezione dopo alcuni mesi, ma NESSUNO dà la "libertà" a chiunque, qualunque sia la propria capacità, di accedere a un titolo che, ovviamente, dovrebbe garantire una preparazione a livello elevato! Tantomeno a spese della comunità!
    In Italia esistono anche strutture private in cui prendere una laurea pagando di tasca propria. Come avviene in USA e altri paesi, anche se là c'è un sistema di borse di studio efficace e capillare (che però altro non è che un modo per scegliere solo i più meritevoli, quindi COMUNQUE un accesso limitato, aggirabile però da chi ha i soldi!).
    Quindi se davvero hai la missione del medico o altro la libertà di provare a diventarlo esiste sempre.
    Quando iniziai io il test di ammissione a Medicina non c'era ancora. Il primo anno a Genova lo ricordo come una bolgia, un girone infernale lontano anni e anni luce dalle romantiche idee dell'università viste nei film! La prima lezione si tenne in un'aula magna dove stavamo tutti i piedi, appiccicati, con la gente fuori in corridoio a "sentire"! Oltre 2500 iscritti di cui meno della metà avrebbe resistito fino al terzo anno, come ci disse subito il predidente del corso di laurea! Alcuni corsi erano suddivisi in una dozzina di "tronconi" (i cognomi dalla A alla C vanno a far lezione nel sottoscala del palazzo di fronte dalle 12.45 alle 14.00... i cognomi dalla D alla E nell'aula di matematica prestata, ecc. ecc.)
    Non serve un'intelligenza "assurda" per capire che livello di preparazione può dare, con tutta la buona volontà del singolo docente, una situazione del genere! Magari il docente è anche valido, ma ovviamente poteva seguire un "troncone" (quelli dalla F alla M?? andava a caso!!). Gli altri si dovevano accontentare dell'assistente, del volenteroso interno portaborse che sperava nel dottorato, ecc. ecc.!
    Ovviamente la situazione era provvidenziale per i tantissimi zagami di allora per i quali la soluzione era, ovviamente, espandere università già elefantiache, assumere altri docenti (così si dà lavoro no?) e andare a trovare i soldi dove sono, semmai! Cioè nel debito pubblico, così nessuno si lamenta!

    Il post di zagami potrebbe sembrare OT, ma invece è utilissimo per capire la modalità con cui siamo arrivati alle polemiche della "buona scuola".
    Se non ci fosse stata la UE con le sue regole ""assurde"" (!) avremmo avuto anche in Medicina la pletora di laureati da sei politico in attesa del posto fisso estrapolato dalla benevolenza statale.
    Avremmo avuto un periodo di "terzo medico" obbligatorio con la triade di esperti a discutere se la prostata del Sig. Rossi andava trattata col farmaco A o col B. Probabilmente qualcuno si sarebbe inventato il "medico di sostegno" da affiancare al vecchietto quando esce per comprare il pane (può essere utile eh! Metti un infarto all'angolo... saremmo stati anche in questo campo "avanzati" rispetto all'intera Europea, penzanpò!!).
    Ci saremmo poi ritrovati con qualche astuto politicante a inventarsi le condotte mediche "precarie" per sostituzioni, così intanto si accontenta un pò il branco di aspiranti pilastri della sanità, e infine avremmo fatto concorsi per scoprire che il 30% dei "medici" non distingueva un'appendicite da un acufene...

    Devo però ringraziarti, zagami. Senza questo post non mi sarei, probabilmente, ricordato di questo adeguamento alle normative europee che ha permesso all'Italia di uscire dal medioevo delle ""università"" in stile fico d'india, tarallucci e vino (che forse dalle tue parti è apprezzata, non so) e di proporre professionisti qualificati che tutto il mondo ci riconosce come tali.
    Ultima modifica di BrightingEyes; 07-09-2016 a 09:10
    a livingreen piace questo messaggio.


 

Discussioni simili

  1. scuola EMAS toscana
    Da I.C.S. nel forum Fiere, Conferenze e Raduni
    Risposte: 0
    Ultimo messaggio: 19-01-2011, 15:41
  2. Formazione e aggiornamento scuola emas
    Da giuliapira nel forum Comunicazioni al Forum e dal Forum
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 15-03-2010, 15:19
  3. Scuola
    Da Moppa nel forum Tecnica, componentistica e installazione
    Risposte: 1
    Ultimo messaggio: 03-03-2010, 21:56
  4. Eolico dimostrativo per scuola
    Da Pinod nel forum Asse VERTICALE - prototipi privati (Fai-Da-Te Mini-micro eolico)
    Risposte: 4
    Ultimo messaggio: 11-11-2008, 15:21
  5. BANDO 'Il Sole a Scuola'
    Da taote nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 9
    Ultimo messaggio: 19-10-2007, 16:03

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi