Mi Piace! Mi Piace!:  0
NON mi piace! NON mi piace!:  0
Grazie! Grazie!:  0
Pagina 2 di 23 primaprima 1234567891011121314151622 ... ultimoultimo
Visualizzazione dei risultati da 21 a 40 su 452

Discussione: Sicurezza delle centrali nucleari occidentali

  1. #21
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito



    Dalle ultime notizie il sisma e i disastri associati hanno prodotto 10000 vittime. Di queste, ad oggi nessuna è direttamente o indirettamente riconducibile ad eventi di natura nucleare. Chi dice scemenze per dar aria alla bocca è libero di farlo, naturalmente, questo è un forum.

  2. #22
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da endymion70 Visualizza il messaggio
    .........Di queste, ad oggi nessuna è direttamente o indirettamente riconducibile ad eventi di natura nucleare. Chi dice scemenze per dar aria alla bocca è libero di farlo,.........


    Buongiorno Endymion70,
    per par condicio bisogna considerare come scemenza anche le Tue affermazioni.
    E' la somma che fa il totale e, purtroppo, siamo solo all'inizio del conteggio.
    Cosa stia effettivamente accadendo in queste ore nei reattori delle centrali giapponesi nessuno lo sa e men che meno i fantomatici esperti che sono tranquillamente seduti in poltrona a 10000 km di distanza.
    Chi dice di avere tutto sotto controllo dice una gran palla.
    ciao car.boni
    Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

  3. #23
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da endymion70 Visualizza il messaggio
    Dalle ultime notizie il sisma e i disastri associati hanno prodotto 10000 vittime. Di queste, ad oggi nessuna è direttamente o indirettamente riconducibile ad eventi di natura nucleare. Chi dice scemenze per dar aria alla bocca è libero di farlo, naturalmente, questo è un forum.
    Oltre 10.000 morti in prefettura di Miyagi. Paura nucleare, amb.Francia: via da Tokyo - Mondo - ANSA.it


    dai uno sguardo... e poi cosa aspetti la catastrofe totale per dire che "forse abbiamo un problemino" ricordi l' apollo 13? ("Houston, abbiamo un problema")........
    La serietà uccide l' intuizione ,il senso del dovere è la radice della pazzia.. Osho R.
    La salma è la virtù dei morti
    http://www.youtube.com/user/Cyberpunk0
    http://autocostruire.forumcommunity.net

  4. #24
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da endymion70 Visualizza il messaggio
    Dalle ultime notizie il sisma e i disastri associati hanno prodotto 10000 vittime. Di queste, ad oggi nessuna è direttamente o indirettamente riconducibile ad eventi di natura nucleare.
    Vuol dire che prima di aprir bocca dobbiamo aspettare che la centrale faccia 10.001 morti?

    Forse chi ha sempre sostenuto che un incidente come quello che sta avvenendo in giappone non sarebbe mai e poi mai potuto accadere dovrebbe almeno avere uguale dignità e tacere invece di riempirsi la bocca di 10.000 morti.

    Spero ardentemente che l'entità dell'incidente sia ridimensionata, ma faccio rispettosamente notare che le conseguenze di un incidente grave di tipo nucleare non sono ne a brevissimo termine, ne circoscritte. Quindi forse si... in questo momento sarebbe il caso di tacere e cercare di capire come stanno veramente le cose.

    Voglio anche ricordare come il mare prospicente il giappone sia uno dei più pescosi e la fonte di alimentazione per parecchie ma parecchie persone, tra le quali anche noi, che importiamo buona parte del pescato dai paesi asiatici.

    Quindi per cortesia evitiamo di insultare l'altrui intelligenza confrontando pere con carciofi.

    EDIT:
    Visto che siamo ridotti alla guerra dei numeri vorrei anche ricordare che sono 210.000 le persone evacuate a causa di questo problemino con la centrale nucleare... ora io spero ardentemente che non ci sia stata contaminazione in maniera rilevante, ma forse questo numero aiuterà a capire ed inquadrare un po meglio la scala del problema.
    Ultima modifica di archinauta; 13-03-2011 a 13:41

  5. #25
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da archinauta Visualizza il messaggio
    Vuol dire che prima di aprir bocca dobbiamo aspettare che la centrale faccia 10.001 morti?
    No.

    Forse chi ha sempre sostenuto che un incidente come quello che sta avvenendo in giappone non sarebbe mai e poi mai potuto accadere dovrebbe almeno avere uguale dignità e tacere invece di riempirsi la bocca di 10.000 morti.
    Quando lo incontreremo glielo diremo insieme. Nel frattempo constato che i morti non sono tutti uguali. Potere delle ideologie... O forse dell'egoismo? In fin dei conti che ci frega se muoiono 10000 Giapponesi. Finchè stanno là.

    Spero ardentemente che l'entità dell'incidente sia ridimensionata, ma faccio rispettosamente notare che le conseguenze di un incidente grave di tipo nucleare non sono ne a brevissimo termine, ne circoscritte.
    Di incidenti gravi nel senso che intendi tu ce n'è stato solo uno nella storia.

    Quindi forse si... in questo momento sarebbe il caso di tacere e cercare di capire come stanno veramente le cose.
    Esatto. E lo si fa aspettando i rapporti ufficiale e non dando ascolto al forumista di turno, come da capitolato.

    Voglio anche ricordare come il mare prospicente il giappone sia uno dei più pescosi e la fonte di alimentazione per parecchie ma parecchie persone, tra le quali anche noi, che importiamo buona parte del pescato dai paesi asiatici.
    Tanto era già contaminato per il precedente terremoto del 2007, mi pare.


    EDIT:
    Visto che siamo ridotti alla guerra dei numeri vorrei anche ricordare che sono 210.000 le persone evacuate a causa di questo problemino con la centrale nucleare...
    Possono anche evacuare in 2 milioni. Ma se l'incidente è di un certo tipo torneranno tutti a casa presto.

    ma forse questo numero aiuterà a capire ed inquadrare un po meglio la scala del problema.
    No, perchè il problema è una cosa, la reazione sociale un'altra. Ne sanno qualcosa quelli che hanno paura della centrali nucleari.

  6. #26
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da endymion70 Visualizza il messaggio
    ...
    Quando lo incontreremo glielo diremo insieme. Nel frattempo constato che i morti non sono tutti uguali. Potere delle ideologie... O forse dell'egoismo? In fin dei conti che ci frega se muoiono 10000 Giapponesi. Finchè stanno là.
    ...
    I morti non sono tutti uguali ed al tempo stesso lo sono... sono le cause che non lo sono assolutamente. Se vogliamo possiamo anche confrontare i morti dei campi di sterminio con quelli che furono causati dallo tsunami di qualche anno fa e dire che le cose erano gravi allo stesso modo.

  7. #27
    Fede1975
    Ospite

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da snapdozier Visualizza il messaggio
    Fede sei un povero ragazzino deprivato del bene necessario della capacità critica. Sei un povero boccalone che crede a tutte le verità ufficiali passivamente. La tua formazione da minculpop descrive la decadenza definitiva del sistema scolastico Italiano. Me ne rammarico. Per il resto sei la prova provata di te stesso
    A questo non replico, farei il tuo gioco. Lascio giudicare a chi legge.



    Quote Originariamente inviata da snapdozier Visualizza il messaggio
    L'esplosione che puoi vedere facilmente su internet è poco compatibile con la versione ufficiale.
    Io mi attengo ai fatti. C'è stato un rilascio controllato (così dicono) di gas radioattivi in atmosfera e i livelli di radioattività nell'ambiente sono aumentati.
    Ieri, nonstante l'esplosione che tutti abbiamo visto, i livelli di radioattività nell'ambiente sono diminuiti. Per noi ingegneri, ma anche per chiunque altro usa la logica per ragionare, significa una cosa sola: il contenitore del nocciolo non è esploso, altrimenti la radiottività nell'ambiente circostante sarebbe aumentata esponenzialmente e non diminuita come è effettivamente avvenuto .

    Saluti.

    Federico
    Ultima modifica di nll; 14-03-2011 a 10:12 Motivo: Colore rosso riservato alla moderazione

  8. #28
    Appassionato/a

    User Info Menu

    Predefinito

    Direttamente dalla BBC

    · 1548: Mr Goto said the reactors at the Fukushima-Daiichi nuclear plant were suffering pressure build-ups way beyond that for which they were designed. There was a severe risk of an explosion, with radioactive material being strewn over a very wide area - beyond the 20km evacuation zone set up by the authorities - he added. Mr Goto calculated that because Reactor No 3 at Fukushima-Daiichi - where pressure is rising and there is a risk of an explosion - used a type of fuel known as Mox, a mixture of plutonium oxide and uranium oxide, the radioactive fallout from any meltdown might be twice as bad.

    · 1553: He accused the government of deliberately withholding vital information that would allow outside experts help solve the problems. "For example, there has not been enough information about the hydrogen being vented. We don't know how much was vented and how radioactive it was." He also described the use of sea water to cool the cores of the reactors at Fukushima-Daiichi as highly unusual and dangerous.

    · 1558: He described the worst-case scenario: "It is difficult to say, but that would be a core meltdown. If the rods fall and mix with water, the result would be an explosion of solid material like a volcano spreading radioactive material. Steam or a hydrogen explosion caused by the mix would spread radioactive waste more than 50km. Also, this would be multiplied. There are many reactors in the area so there would be many Chernobyls."

    Spero almeno nessuno mi contesti lo scenario potenziale...

  9. #29
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Fede1975 Visualizza il messaggio
    il contenitore del nocciolo non è esploso, altrimenti la radiottività nell'ambiente circostante sarebbe aumentata esponenzialmente e non diminuita come è effettivamente avvenuto .
    Questo è smentito da due fatti. La presenza di Cesio 137 e l'esplosione dovuta alla bolla di Idrogeno che non si forma nel secondario, ma nel primario per termolisi dell'acqua a contatto con lo zircaloid che riveste le barre di combustibile. Se è esploso l'idrogeno è quasi certo che il vessel è fessurato. Altrimenti avrebbero controllato l'emissione evitando di far saltare il contenitore in cemento armato.
    Poi ci sono indicazioni diciamo più politiche come l'indicazione della Francia ai suoi concittadini di andarsene dal Giappone. Tra l'altro le centrali a rischio incidente grave adesso sono 2 a Fukushima, 1 a Miyagi 1 a Onagawa. Il fatto che le barre di controllo blocchino la fissione non è sufficiente a scongiurare il pericolo di fusione del nocciolo se si interrompe il raffreddamento.
    Quello a cui assistiamo è il fallimento dell'arroganza umana di fronte a una tecnologia che non siamo in grado di gestire, al di là delle conseguenze che si sommeranno nel tempo a quelle del terremoto e dello tsunami. Spero che il popolo italiano sia in grado di fermare la pazzia dettata dalla sete di profitto di chi vuole ancora proporre una tecnologia immatura e antieconomica oltre che pericolosa.

    Anche la centrale di Tokai è in avaria per blocco del sistema di raffreddamento. Per il Giappone si prefigura un disastro inimmaginabile.
    Ultima modifica di nll; 14-03-2011 a 10:14 Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente
    L'uomo ha scoperto la bomba atomica, però nessun topo costruirebbe una trappola per topi.
    (Albert Einstein)

  10. #30
    Fede1975
    Ospite

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da snapdozier Visualizza il messaggio
    La presenza di Cesio 137 e l'esplosione dovuta alla bolla di Idrogeno che non si forma nel secondario, ma nel primario
    Le centrali BWR non hanno primario e secondario.
    http://it.wikipedia.org/wiki/Reattor...e#Reattori_BWR
    Informati prima di dire bischerate, altrimenti fai figurucce

    Io mi attengo ai fatti: incidente di livello 4 scala INES.
    Poi ognuno può dire quello che vuole.

    Saluti.

    Federico
    Ultima modifica di nll; 14-03-2011 a 10:15 Motivo: Colore rosso riservato alla moderazione

  11. #31
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Sono sicuro che non si verificherà lo scenario peggiore... ma sia ben chiaro che nella valutazione di rischio dovremo metterci pure questi scenari.

    Rainews24.it

    E' vero che di incidenti gravi ce n'è stato uno solo, ma sinceramente vorrei non trovarmi ad affrontarne un secondo.

  12. #32
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da archinauta Visualizza il messaggio
    Quanto vale il rischio di una contaminazione radioattiva a livello planetario più o meno grave? E la possibilità di eventi che portino a conseguenze a livello di generazioni successive?
    Beh, ovviamente la magnitudo in questo caso sarà elevatissima, ma la magnitudo non è il rischio, per ricavare il rischio bisogna stimare la frequenza (possibilità che l'evento si verifichi).
    Ovviamente la magnitudo rimane simile per tutte le centrali, è la frequenza che varia molto, in funzioni della situazione nell'intorno, costruire una centrale in zona altamente sismica di certo ha una frequenza (e quindi un rischio finale) superiore a costruire il medesimo reattore in un sito più consono e sicuro.

    Quote Originariamente inviata da archinauta Visualizza il messaggio
    Finora queste domande sono sempre state affrontate come eventualità impossibili da verificarsi
    Io non credo proprio, i giapponesi in questo caso si sono assunti un rischio, dovuto credo alla necessità, in una nazione come la loro tra l'altro ad alto livello di sismicità probabilmente era meno rischioso fare poche centrali nucleari piuttosto che molte centrali idroelettriche (che a livello di rischio in zona sismica non scherza nulla).

  13. #33
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da Mr Clark Visualizza il messaggio
    ............i giapponesi in questo caso si sono assunti un rischio, dovuto credo alla necessità, in una nazione come la loro tra l'altro ad alto livello di sismicità probabilmente era meno rischioso fare poche centrali nucleari piuttosto che molte centrali idroelettriche (che a livello di rischio in zona sismica non scherza nulla).


    Buonasera Mr Clark,
    con le centrali idroelettriche, nel caso di un crollo di una diga, rischia solo chi ci sta sotto mentre con il nucleare riescono a coinvolgere anche altre nazioni.
    NB. per l'idroelettrico il rimedio e' semplice, basta nn costruire sotto le dighe............
    ciao car.boni
    Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

  14. #34
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da car.boni Visualizza il messaggio
    Buongiorno Endymion70,
    per par condicio bisogna considerare come scemenza anche le Tue affermazioni.
    Probabilmente qui qualcuno ha la coda di paglia, vero?

    Questo è smentito da due fatti. La presenza di Cesio 137 e l'esplosione dovuta alla bolla di Idrogeno che non si forma nel secondario, ma nel primario per termolisi dell'acqua a contatto con lo zircaloid che riveste le barre di combustibile
    Qui il primario va direttamente in turbina.

    Cosa stia effettivamente accadendo in queste ore nei reattori delle centrali giapponesi nessuno lo sa
    Invece lo sapranno sicuramente quelli che ci stanno lavorando.
    Ultima modifica di nll; 14-03-2011 a 10:18 Motivo: Eliminati tag superflui

  15. #35
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Faccio notare come, a quanto sembra, il problema non è stato direttamente il sisma, ma 2 sue conseguenze: il black-out conseguente ed il malfunzionamento dei generatori d'emergenza (affogati dallo tsunami) che hanno impedito la tempestiva entrata in funzione del necessario raffreddamento, che hanno causato l'innalzarsi della temperatura del nucleo, la dissociazione dell'acqua in idrogeno dovuta alle altissime teperature e la conseguente esplosione.
    Due eventi del tutto compatibili con altri tipi di eventi, ma soprattutto assolutamente banali e prevedibili.
    Tutti speriamo che non si verifichi niente di grave, ma una cosa è certa: ci siamo andati almeno parecchio vicini.
    Questo incidente (speriamo) è solo un campanello d'allarme: vogliamo dargli ascolto o no?

    Quote Originariamente inviata da endymion70 Visualizza il messaggio
    ...
    Invece lo sapranno sicuramente quelli che ci stanno lavorando.
    A sentire le loro dichiarazione sembra proprio di no.
    Ultima modifica di nll; 14-03-2011 a 10:20 Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente

  16. #36
    Monumento

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da endymion70 Visualizza il messaggio
    Qui il primario va direttamente in turbina.
    Dagli schemi che hanno postato direi di no.
    L'uomo ha scoperto la bomba atomica, però nessun topo costruirebbe una trappola per topi.
    (Albert Einstein)

  17. #37
    Seguace

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da car.boni Visualizza il messaggio

    per l'idroelettrico il rimedio e' semplice, basta nn costruire sotto le dighe............
    Buonasera,
    hai ragione sicuramente, ma in una nazione così densamente popolata non è uno scherzo trovare lo spazio per dighe che garantiscano potenze sufficienti a rimpiazzare il nucleare e garantire anche lo spazio di sicurezza necessario in caso di rottura.

    Per quello credo che il nucleare in quella nazione non sia stata la soluzione più rapida al problema ma l'unica soluzione percorribile, ovviamente è solo una mia opinione, non mi sono mai informato sulle strategie energetiche nipponiche.

  18. #38
    Monumento

    User Info Menu

    L'uomo ha scoperto la bomba atomica, però nessun topo costruirebbe una trappola per topi.
    (Albert Einstein)

  19. #39
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da snapdozier Visualizza il messaggio
    Dagli schemi che hanno postato direi di no.
    Sì? Fammeli vedere, allora.

    l black-out conseguente ed il malfunzionamento dei generatori d'emergenza (affogati dallo tsunami) che hanno impedito la tempestiva entrata in funzione del necessario raffreddamento, che hanno causato l'innalzarsi della temperatura del nucleo, la dissociazione dell'acqua in idrogeno dovuta alle altissime teperature e la conseguente esplosione.
    Due eventi del tutto compatibili con altri tipi di eventi, ma soprattutto assolutamente banali e prevedibili.
    Mi sa che non ci siamo tanto qui... Il terremoto e lo tsunami conseguente hanno creato una catena di problemi, non solo uno. Problemi che individualmente sarebbero stati seri ma risolvibili senza troppi intoppi. Il vero "peccato originale" è aver costruito impianti del genere in zone altamente sismiche.

  20. #40
    Paladino del Forum

    User Info Menu

    Predefinito

    Quote Originariamente inviata da snapdozier Visualizza il messaggio
    ......Qualche voce dissonante comincia a fare domande.

    Buongiorno Snap,
    nn puoi continuare a dare queste notizie ........... Ma nn vedi che e' tutto falso??
    Le centrali nucleari sono sane, nn c'e' nessun problema sono solo fantasie.
    Ciao car.boni


    Quote Originariamente inviata da endymion70 Visualizza il messaggio
    ...........Il vero "peccato originale" è aver costruito impianti del genere in zone altamente sismiche.


    Buongiorno Endymion70,
    Questa e' una mezza ammissione di colpa che mi fa domandare : ma l'Italia e' forse una zona tranquilla esente da drammatici eventi sismici?
    Probabilmente gli "esperti" sperano nelle statistiche ............
    ciao car.boni


    Quote Originariamente inviata da Mr Clark Visualizza il messaggio
    , ma in una nazione così densamente popolata non è uno scherzo trovare lo spazio per dighe che garantiscano potenze sufficienti a rimpiazzare il nucleare e garantire anche lo spazio di sicurezza necessario in caso di rottura.............


    Buongiorno Mr Clark,
    vedi e' un po' come da noi per le costruzioni realizzate sulle falde dell'Etna e del Vesuvio. Si sa che prima o poi il disastro arrivera' ma noi viviamo felici (io ci sono ben lontano) in attesa che accada. Oltretutto nn e' che ci siamo fermati a costruire, continuiamo piu' di prima. Il Governo che fa? Nulla. Cosi poi avremo di che piangere, lamentarci e tutto per dire : "il vulcano assassino !". Assassino e' colui che nn pensa a cio' che fa e chi lo lascia fare.
    ciao car.boni
    Ultima modifica di nll; 14-03-2011 a 10:23 Motivo: Unione messaggi consecutivi dello stesso utente
    Acqua, sole e vento. La natura per l'energia pulita.

  21. RAD
Pagina 2 di 23 primaprima 1234567891011121314151622 ... ultimoultimo

Discussioni simili

  1. Quanto stiamo spendendo per le nostre 3 centrali nucleari ?
    Da amaze1 nel forum Legislazione, normative e comunicati ufficiali
    Risposte: 3
    Ultimo messaggio: 02-03-2011, 23:53
  2. mini batterie nucleari
    Da Franco52 nel forum Pile e Batterie (generico)
    Risposte: 18
    Ultimo messaggio: 22-11-2009, 19:39
  3. centrali solari e non nucleari
    Da alluce nel forum [CHIUSA]DIALOGHI e NEWS sull'energia solare
    Risposte: 50
    Ultimo messaggio: 08-04-2009, 17:46
  4. Pressione ambiente per reazioni nucleari
    Da stranger nel forum Test sperimentali
    Risposte: 5
    Ultimo messaggio: 28-09-2007, 16:08
  5. Alto vuoto per reazioni nucleari
    Da stranger nel forum Test sperimentali
    Risposte: 50
    Ultimo messaggio: 22-09-2007, 08:22

Permessi di invio

  • Non puoi inserire discussioni
  • Non puoi inserire repliche
  • Non puoi inserire allegati
  • Non puoi modificare i tuoi messaggi
  •