Si sa che un potenziometro è un riduttore di tensione elettrica in continua.

Ma che centra la riduzione di tensione elettrica continua con la free energy ?

Spiegherò poi cosa centra...

----------------------------------------

Si vorrebbe diminuire la tensione elettrica continua mediante un altro sistema che nulla a che vedere con il classico potenziometro che tutti conosciamo.

Si abbia a disposizione una giostra.

Sostituisco i cavalli finti e gli altri giocattoli con batterie di automobile, le posiziono sul perimetro della giostra ed equidistanti fra di loro, imbullonati sul pavimento in modo che non possano "scappare" via.

Metto in accelerazione la giostra...

Per causa della forza centrifuga, le batterie sono sottoposte ad una forza centrifuga che le spinge verso l'esterno.

Le batterie sono quindi sottoposte ad una forte gravita artificiale.

Le batterie sono tutte collegate fra di loro e tutti i cavi convergono sul perno centrale della giostra.

Il perno centrale della giostra funge da collettore, esattamente come se fosse un banale collettore di motore elettrico di corrente continua.

Quindi nonostante che le batterie girano velocemente, possiamo lo stesso dall'esterno raccogliere la loro energia elettrica e utilizzarla per gli scopi più svariati.

Però per causa di quella gravità artificiale il tempo è rallentato e quindi si scaricano in un tempo maggiore.

Ecco la free energy !

Se non c'è free energy, allora la tensione elettrica è ridotta.

Ecco il riduttore di tensione elettrica continua !

---------------------

Le cose sono 2:
  1. O funziona la free energy e la tensione sul collettore NON è ridotta
  2. Oppure la free energy non funziona ma allora il dispositivo funziona come riduttore di tensione elettrica.


vero che per avviare la giostra devo spendere energia, ma poi per inerzia la giostra gira da sola, quando poi frenerò al giostra, mediante dinamo potrò recuperare l'energia spesa per l'accelerazione che fu fatta precedentemente.

Non è costruttivo fossilizzare il proprio cervello sulla spesa di energia per avviare la giostra, perché si sa che quella è necessaria, e comunque è un tipo di energia che disturba la comprensione del fenomeno che io voglio esporre.

Per analogia considerare un meteorite solido sperduto nello spazio vuoto interstellare e che ruota su se stesso; se non ci sono attriti, continuerà a ruotare su se stesso per sempre.
La giostra va considerata come fosse un asteroide nello spazio vuoto e che gira su se stesso (un po come fosse il pianeta Terra).

Purtroppo qui sulla Terra c'è l'aria la quale rallenta la rotazione della giostra e poi certamente c'è un pò di attrito sul perno della giostra, si dovrebbe quindi vedere se la maggiore energia è sufficiente per il sostegno degli attriti, e anche vedere se c'è riduzione di tensione.

Se c'è riduzione di tensione elettrica continua, allora non c'è free energy, ma allora abbiamo inventato un nuovo tipo di riduttore elettrico.