PDA

Visualizza la versione completa : Batteria protonica



Astonomik
23-10-2007, 11:08
Scusate sono nuovo e non mi intendo tanto di queste cose. In pratica,volevo sapere alcune cose:<br><br>1) è possibile caricare una batteria invece che ad elettroni a protoni?<br>2) Se si,poi,come si fa a trasortare i rpotoni per fare energia?<br>3) Come si costruisce un sisteme che funziona a protoni?<br><br>Perche se si immette energia protonica in una cosa che richiede energia elettronica non succede niente<br><br>4) C&#39;è vantaggio? Nel senso,il protone è più potente o meno dell&#39;elettrone,e di quanto?<br><br>5) Come si crea una carica protonica?<br>Voglio dire,l&#39;energia elettrica si crea in tanti modi,con l&#39;energia idroelettrica,nucleare,a petrolio,che se non mi sbaglio servono sempre per riscaldare l&#39;ancqua e far muovere le turbine dal vapore. E per i protoni?

Schrödinger
23-10-2007, 12:56
E&#39; impossibile. La carica elettrica può si essere positiva, ma generalmente questo avviene quando c&#39;è un deficit di elettroni. non puoi &quot;pompare&quot; un protone attraverso un conduttore.Il nuclo di un atomo di rame, dentro un conduttore, è sostanzialmente fermo, il suo nucleo vibla ma non trasla. Gli elettroni invece sono libero di scorrere, ed è per questo che si usano per trasportare carica. e non è possibile convertire le attuali apparecchiature.. Insomma è irrealizzabile, inutile, pericoloso.

gattmes
23-10-2007, 13:33
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Schrödinger @ 23/10/2007, 13:56)</div><div id="quote" align="left">E&#39; impossibile.</div></div><br>Sicuro?<br><br>Se la batteria fosse di..... antimateria?

stranger
23-10-2007, 15:10
Vi sono casi particolari in cui la corrente deve essere necessariamente protonica (e se fosse invece elettronica non funziona un tubo di niente).<br><br>Un caso particolare è la produzione industriale del trizio che viene fatta irradiando con un flusso di protoni un target di litio, i protoni sono lanciati da un piccolo linac con una energia di 2,5 Mev cadauno.<br><br>La corrente di solito è 10 milliampere.<br><br>Qui sotto c&#39;è un esempio<br><a href="http://www.gencodicephp.it/energia/reaction_lithium_neutrons_against_thorium.pdf" target="_blank"><span style="color:blue">link</span></a><br><br>Nell&#39;esempio sopra lincato, la corrente protonica genera a sua volta una corrente neutronica che è insensibile ai campi elettrici e magnetici.<br>Certe cose affascinanti sono possibili con le correnti protoniche e non le correnti elettroniche.<br><br>Le correnti neutroniche possono essere inviate sul cervello malato per asportare un tumore profondo, oppure possono essere inviate contro il torio allo scopo di raggiungere la massa critica e produrre energia praticamente illimitata; <span style="color:gray">(illimitata perchè il torio è abbondante quanto il piombo)</span>.<br><br>Per ciò che riguarda i circuiti neutronici, <span style="font-size:14pt;line-height:100%">quelli <span style="color:blue"><b>SI</b></span> sono impossibili da realizzare&#33;</span> perchè...<span style="color:gray">(come ho gi&agrave; scritto prima)</span>, i neutroni sono privi di carica e quindi non possono essere guidati con cariche elettriche o magneti.

Wechselstrom
23-10-2007, 15:20
Ciao Astonomik,<br>in tutti gli elettroliti liquidi si può generare contemporaneamente un movimento di anioni e cationi. Inoltre esistono anche gli elettroliti solidi. Se invece ci focalizziamo su &quot;conduttori di protoni&quot; essi esistono (generalmente sono materiali a base di polimeri o ceramici) e sono una sottoclasse degli elettroliti solidi. Per esempio pensa alle membrane di scambio protonico in una fuel cell.<br>Infine anche i plasmi si possono considerare come conduttori di elettricit&agrave; nei quali la conduzione è operata sia da cariche positive sia negative.

Schrödinger
23-10-2007, 16:36
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (gattmes @ 23/10/2007, 14:33)</div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Schrödinger @ 23/10/2007, 13:56)</div><div id="quote" align="left">E&#39; impossibile.</div></div><br>Sicuro?<br><br>Se la batteria fosse di..... antimateria?</div></div><br>Si.. certo potendo sfruttare l&#39;antimateria.. ma dimmi.. chi è il pazzo, che spende una baraccata di soldi per fare una pila che ha le stesse identiche caratteristiche di una a base di materia, dovendo pure trovare un modo per usare i positroni come fonte di energia <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/8b17286429dddea1fe53cdaa30ee05b2.gif" alt=":D"><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Wechselstrom @ 23/10/2007, 16:20)</div><div id="quote" align="left">Ciao Astonomik,<br>in tutti gli elettroliti liquidi si può generare contemporaneamente un movimento di anioni e cationi. Inoltre esistono anche gli elettroliti solidi. Se invece ci focalizziamo su &quot;conduttori di protoni&quot; essi esistono (generalmente sono materiali a base di polimeri o ceramici) e sono una sottoclasse degli elettroliti solidi. Per esempio pensa alle membrane di scambio protonico in una fuel cell.<br>Infine anche i plasmi si possono considerare come conduttori di elettricit&agrave; nei quali la conduzione è operata sia da cariche positive sia negative.</div></div><br>Vabbè, ma stiamo allargando la concezione di conduttore alle membrane..ditelo prima..

Astonomik
24-10-2007, 07:33
A me interessa solo sapere se è possibili creare una concentrazione di protoni e utilizzarli per dare energia. Innanzi tutto,mi serve sapere come creare un protone perchè come ho gia scritto prima (Creare elettroni e quindi energia elettrica) è molto semplice e si può fare in vari modi,persino io a casa lo so fare,con materiali di scarto,ma non è questo il punto. Il punto è che la carica elettrica di un&#39;lettrone è negativa,mentre un protone è positivo quindi mi chiedo:<br>Come si creano protoni e quindi energia positiva?<br>Wechselstrom mi rivolgo sopratutto a te.

Schrödinger
24-10-2007, 13:11
A prescindere dal fatto che tutto ciò non ha senso, solo con elettroliti puoi avere una corrente &quot;protonica&quot; che poi non è protonica ma è semplicemente un movimento ionico (anionico o cationico) per altro non minimamente paragonabile alla corrente elettrica...<br><br>Chiariamo una cosa: i metalli sono ottimi conduttori di elettricit&agrave; perché gli elettroni dei loro atomi non sono vincolati ma sono liberi di muoversi...<br>Non ha senso una corrente protonica, anche perchè non esistono conduttori performanti come i metalli.<br>

Darkeye
24-10-2007, 13:19
E che cosa è un elettrolita geniaccio

Schrödinger
24-10-2007, 13:32
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Darkeye @ 24/10/2007, 14:19)</div><div id="quote" align="left">E che cosa è un elettrolita geniaccio</div></div><br>Gli elettroliti sono quelle sostanze che liberano cariche in soluzione, o quando sono fusi ( tipo NaCl) . I protoni in soluzione non esistono ( ribadisco che i protoni veramente liberi hanno concentrazione 10^-150M non so se vi rendete conto..). Si trovano solvatati, sotto forma di ione idronio H3O+. Quindi dovresti avere una soluzione acquosa acida, che scorre dentro un ipotetico conduttore <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4768341014413014310dc709a369fbdc.gif" alt=":lol:"> .<br><br><br>Insomma, è una cosa praticamente irrealizzabile, ed inutile. Viviamo in un mondo di materia, le cariche sono sempre in funzione di accumulo o deficenza di elettroni.

Wechselstrom
24-10-2007, 14:14
Astonomik,<br>quoto Schrödinger delle 14:11 riguardo l&#39;insensatezza del tuo post. Inoltre allego quest&#39;immagine che mostra come la conduttivit&agrave; degli elettroliti solidi dipenda fortemente dalla temperatura (a occhio si evince che a temp. ambiente è pressoché nulla). Comunque, questi elettroliti solidi conducono ioni, non singoli protoni.<br><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/f5221e00aca22c756a71b3cba326a2e1.jpg" alt="image"><br>Per quel che ne so io, solo le membrane a scambio protonico sono caratterizzate dalla &quot;conduttivit&agrave; protonica&quot;.<br>Però se vuoi approfondire e magari trattare la materia da un punto di vista teorico rigoroso (vd. Meccanica Quantistica) dovresti rivolgerti a un chimico, perché sono incompetente in materia. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/3447ed4adaa737a1aba79cbff1d6a053.gif" alt=":P"><br>Ciao

Schrödinger
24-10-2007, 19:31
Le membrane a scambio protonico, in ogni caso, scambiano ioni idronio (H3O+).<br><br><br><br>

Kilo
17-02-2008, 02:19
Ammesso (e non concesso) di creare un accumulatore di protoni in assenza di elettroni nel momento in cui si dovesse chiudere un circuito ci sarebbe comunque esclusivamente un movimento di elettroni perché le cariche protoniche avrebbero una massa tale (oltre ad iterazioni reciproche) da non consentirne lo spostamento.<br>E&#39; una semplice questione di fisica.... ogni protone che costituisce il nucleo di un atomo ha una massa circa 1850 volte superiore a quella dell&#39;elettrone che gli gira intorno, senza contare l&#39;eventuale presenza di neutroni se hanno massa quasi identica.<br>Sarebbe come giocare una partita di calcio facendo muovere lo stadio anziché il pallone&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1469abed5c6a0e133d069fcc6f4fcc1e.gif" alt=";)"><br><br>Inoltre le batterie non sono degli accumulatori di elettroni, ma sono degli accumulatori che trasformano energia elettrica in energia chimica (detta in soldoni) quando gli viene applicata una tensione e la rilasciano in un circuito trasformando l&#39;energia delle reazioni chimiche in energia elettrica. Insomma è una pompa...non un contenitore.