PDA

Visualizza la versione completa : PANNELLI FOTOVOLTAICI



Furio57
05-12-2004, 12:58
Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Visto che l&#39; argomento fotovoltaico è ritornato in auge, qui di seguito varie considerazioni e suggerimenti. <br>Mi auguro di chiarire i dubbi anche ad Alessandro Testla.<br>La prima cosa da comprendere prima di acquistare un impianto fotovoltaico è attuare il risparmio energetico. Senza tornare all&#39; &#39;800, bisogna adottare dei semplici, ma coerenti accorgimenti per consumare di meno per non dover far fronte ad un impianto fotovoltaico "esagerato", con i relativi costi. Perchè si può arrivare a consumare anche la met&agrave; e conseguentemente anche l&#39; impianto fotovoltaico coster&agrave; molto meno.<br><b>In pratica basta seguire questi accorgimenti:</b><br>Usare lampadine a basso consumo che pur costando di più delle tradizionali durano molto di più.<br><b>Spegnere gli elettrodomestici quando non si usano</b> cioè PC,videoregistatori, dvd, stereo, televisore, ecc. Il Led che rimane sempre acceso dello st-by di un televisore ci può costare 30 Euro all&#39; anno&#33;&#33;. E così tutti gli altri elettrodomestici che rimangono in st-by, stampanti e scanner compresi. <br><b>Spegnere l&#39; illuminazione nelle stanze non presidiate. </b><br><b>Acquistare lampadari con minor numero di lampadine</b>, perchè consumano di meno rispetto a quelli che hanno a parit&agrave; di potenza più lampadine.<br><b>Posizionare il congelatore o il frigo</b> lontani da fonti di calore ed in posti ben areati.<br><b>Regolare il termostato del frigo</b> senza esagerare con la bassa temperatura, questo di norma porta ad un inutile incremento del consumo del 10-15%.<br><b>Per le lavatrici</b> usare cicli di lavaggio a bassa temperatura, ovviamente quando ciò è possibile.<br><b>Sostituire i vari elettrodomestici </b> con i più moderni a basso consumo.<br><b>Con la sostituzione delle lampadine e lo spegnimento dei vari televisori, PC </b>, si ottiene gi&agrave; un risparmio energetico di oltre<b> 600-700 Kwatt/h cioè 150-200 Euro all&#39; anno&#33;</b> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/laugh.gif' border='0' valign='absmiddle'> potete comperarci le lampadine&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/w00t.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ma la cosa più importante possiamo acquistare un impianto solare di 500 Watt inferiore sul totale, il chè vuole dire un risparmio sull&#39; acquisto di 2.000-3000 Euro, non male&#33;&#33; Viene da se che quando si è capito quanto si spende, si capisce che tipo di impianto si può acquistare.<br>Il sole può donarci anche il 100% del fabbisogno di energia elettrica che necessita al nostro uso abitativo. Purtroppo gli impianti fotovoltaici hanno un rendimento molto basso e quindi occupano una grande area in metri quadri. Questi impianti possono venire dimensionati in modo da produrre tutta l&#39; energia elettrica che serve, quella in eccesso la possiamo cedere all&#39; Enel che ce la render&agrave; quando ce ne sar&agrave; bisogno. In pratica funziona da serbatoio di energia. Purtroppo però gli impianti fotovoltaici sono molto costosi, quindi molto spesso la potenza sviluppata non copre totalmete il fabbisogno annuale di corrente elettrica. In pratica si può decidere quanta energia elettrica risparmiare, acquistando un impianto più o meno potente, in funzione dei consumi annuali.<br>In una casa di quattro persone che seguono scrupolosamente quanto gi&agrave; suggerito, normalmente vengono consumati in un anno 1.500-2.500 KW/h.<br>Mentre in una casa composta sempre da quattro persone "sprecone", il consumo annuale arriva a 3.000-4.000 KW/h.<br>Un impianto "standard" base è da 1.200 Wp, che significa che in condizioni ottimali produce 1.200 Watt di picco e produce al nord Italia 1.300-1.500 KWh/anno mentre al sud 1.600-2.000 KWh/anno. Un impianto del genere costa circa 6.500 Euro, mentre uno da 2.000 KWp arriva a 9.000 Euro. Più l&#39; installazione altri 1.000 Euro o più. Al costo dell&#39; intero impianto si può detrarre l&#39; IRPEF del 41% che significa uno sconto pari a questa percentuale più a possibili finanziamenti o contributi statali-regionali.<br>Per la manutenzione praticamente inesistente, si possono pulire i pannelli ogni due o tre anni anche se sono autopulenti con la pioggia e vento. Per quanto concerne l&#39; ammortamento, per un impianto di 1.200 Wp si può calcolare un rientro annuale di 300-550 Euro per il nord d&#39;Italia, mentre per il sud 350-650 Euro. Se consideriamo una durata di 30 anni e teniamo conto del risparmio delle spese e del recupero dell&#39; irpef de 41% per ammortizzarlo si puo considerare 6-12 anni , nel sud per l&#39;irraggiamento maggiore si impiegher&agrave; molto meno. Non dimentichiamoci anche un possibile futuro incremento della bolletta.<br>Molti penseranno che se il contatore di casa è da 3 KW, sia necessaria una potenza fotovoltaica anch&#39;essa di 3 KW. Assolutamente questo non è vero, infatti l&#39; energia generata dall&#39; impianto fotovoltaico viene immessa nella linea Enel fintanto che c&#39; è il sole. L&#39; impianto solare è un circuito a se, mentre la corrente elettrica che occorre viene prelevata direttamente dal contatore dell&#39; Enel.<br>In questa maniera si può prelevare (durante il giorno) una potenza anche superiore a quella di targa del contatore. Come gi&agrave; detto un impianto da 1.200 Wp è sufficiente per una abitazione di quattro persone con attenti consumi energetici. Mentre per una casa con quattro persone poco oculate può bastare un impianto da 2.000-2.400 Wp. E&#39; sconsigliabile superare questo valore in quanto si rischierebbe di produrre più energia di quanto servirebbe e in questo momento l&#39; Enel non prevede di pagarla. La scala solamente dalla bolletta. Da ricordare che l&#39;installazione del secondo contatore per scalare la bolletta costa circa 30 Euro all&#39; anno. Purtoppo il normale contatore di casa è fatto per incrementare il numero che indica il consumo e non conta indietro, anzi in alcuni contatori contano l&#39; energia restituita come consumo quindi: "gabbati e mazziati". <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/mad.gif' border='0' valign='absmiddle'> Attenzione&#33;&#33; <br> <br>Per concludere riassumo i tipi d&#39;impianto che è possibile installare:<br><br><b>L&#39; impianto con la connessione alla rete elettrica Enel (grid connected)</b>, <br><img src='http://img.photobucket.com/albums/v294/Fury57/Solare/impiantosolareconnesionearete.gif' border='0' alt='user posted image'><br>produce corrente elettrica che viene immessa nella rete Enel dopo essere convertita tramite un&#39; inverter sincronizzato. Se la potenza è abbondante tramite un contatore speciale si paga solamente la differenza tra l&#39; energia prodotta e quella consumata. In questa maniera non servono costose batterie con la manutenzione che ne consegue. Non è da trascurare anche il loro costo che oscilla intorno ai 1.000 Euro. <br><br><b>L&#39; impianto invece per utenze isolate (stand alone)</b>, <br><img src='http://img.photobucket.com/albums/v294/Fury57/Solare/impiantosolareadisola.gif' border='0' alt='user posted image'><br>ricarica delle batterie che serviranno come serbatoio per un utilizzo diretto dopo aver convertito la corrente continua in alternata con un &#39;inverter meno sofisticato del precedente ed anche molto meno costoso e non necessariamente omologato per uso con l&#39; Enel. Questa applicazione è diffusa dove non è possibile un&#39; allacciamento diretto con la rete Enel, case in campagna o baite in montagna rifugi ecc. oppure quando ci si vuole staccare per vari motivi dalla rete. In realta staccarsi completamente dalla rete Enel può creare pesanti inconvenienti dovuti a giornate particolarmente nuvolose, (se possibile è utile integrare l&#39; impianto anche con un generatore eolico), oltre al fatto che da un punto di vista ecologico è più pratico e conveniente cedere l&#39; energia all&#39; Enel piuttosto che accumularla in costose batterie e che una volta in disuso diventeranno materiale altamente inquinante. <br><br>Per comprendere meglio la logica con la quale funzionano gli impianti fotovoltaici per immissione in rete è utile fare riferimento al grafico che riporta il bilancio energetico di un impianto fotovoltaico per una tipica utenza residenziale.<br><br><b>Tabella di energia elettrica richiesta nelle 24 ore rispetto alla radiazione fotovoltaica disponibile</b><br><img src='http://img.photobucket.com/albums/v294/Fury57/Solare/impiantofotovoltaicobilancioenergetico.gif' border='0' alt='user posted image'><br>Le barre verticali gialle rappresentano le quote di energia elettrica fornita dall’impianto fotovoltaico. Tale energia è proporzionale alla radiazione solare incidente e quindi segue un andamento con valori massimi nelle ore centrali della giornata.<br>Le barre rosse invece rappresentano le quote di energia elettrica richiesta dall’utenza presa come esempio. L’andamento dei consumi elettrici, pur essendo indicativo, evidenzia comunque una richiesta di energia elettrica concentrata nelle ore serali in cui l’impianto fotovoltaico non è in grado di erogare energia.<br>Quando l’energia elettrica richiesta è superiore a quella che l’impianto fotovoltaico è in grado di fornire, l’utenza preleva energia dalla rete. <br>D’altra parte quando l’energia elettrica richiesta è inferiore a quella disponibile, e quindi si verificano degli esuberi, l’energia elettrica prodotta dall’impianto fotovoltaico viene immessa in rete.<br><br><b>Vediamo ora quanto combustibile fossile si risparmia con un impianto da 1.000Wp</b>, abbiamo detto che un impianto fotovoltaico "vive" 30 anni, considerando che per rientrare dell&#39; energia spesa per la produzione dell&#39; impianto l&#39; EPBT cioè Energy Pay-Back Time, ci vogliono circa 5 anni, avremo 30-5 =25, considerando che un impianto da 1.000Wp genera nell&#39; arco della sua vita efficace 1.500 X 25 = 37.500 KW/h e dato che per produrre 1 KW elettrico occorre 0,25 Kg di combustibile fossile, <b>il risparmio complessivo sar&agrave; 37.500 X 0,25 = 9.375 Kg di combustibile</b>, ovvero 9,375 tep. <br>Non male, non male. <br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br><span class="edit">Edited by Furio57 - 11/12/2004, 01:12</span>

j3n4
05-12-2004, 16:19
Non male davvero.

Palinus
05-12-2004, 16:28
Assolutamente d&#39;accordo sul fatto che prima di tutto sia fondamentale imparare a consumare meno e meglio.<br>Solo una piccola precisazione: credo che attualmente le detrazioni fiscali siano del 36 e non del 41 per cento. Comunque bene.<br>Domanda: nel caso di contributi regionali (Programma Tetti Fotovoltaici) posso detrarre solo il 36% della parte a carico dell&#39;utente o del totale?<br>Grazie e ciao,<br>Palinus

AlessandroTesla
05-12-2004, 16:47
Ciao Furio,<br>quasi mi hai fatto intrippare poi mi sono arreso all&#39; evidenza:<br>MODELLO SHARP NT-S5E1U modello top di gamma 14,2% efficienza 735 dollari (+IVA e connessioni, inverter, trasporto, montaggio, contatore enel speciale e rogne aggiunte) 185w di picco visibile su: <a href='http://www.wholesalesolar.com/products.folder/module-folder/sharp/sharp185.html' target='_blank'>http://www.wholesalesolar.com/products.fol...p/sharp185.html</a><br>ma soprattutto dimensioni mm. 1600 x 800 circa, vuol dire che per ammortizzare i miei 8 kw giornalieri avrei bisogno ad okkio e croce di 6 pannelli con un ingombro di circa 10 mq o sbaglio?<br>Attualmente di elettricit&agrave; spendo 600 euro/anno (compreso il fisso), vuol dire che per ammortizzare il costo comprese di tutte le rogne (fisso che comunque dovrei pagare) ci vogliono almeno 10 anni, passati i quali il mio impiantone avr&agrave; comunque bisogno di una minima manutenzione oppure sar&agrave; diventato obsoleto. Sempre che io si ancora vivo.<br>Produzione elettricit&agrave; annuale: 8 kw/ giorno x 365 giorni/anno = 2920 kw<br>Un generatore diesel da 30 kw/h mi può consumare 5l di olio vegetale/ora pertanto:<br>2920/30 = 98 ore di funzionamento x 5 litri di olio = 500 litri ottenibili con 5000 mq di coltivazione (lo spreco a produrre l&#39; olio va in pari coi sottoprodotti ottenuti)<br>Considerazioni:<br>nessuno dei due impianti è conveniente <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/w00t.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>O si fa andare il generatore diesel con olio di frittura a costo zero (e qui Roy se la prende male ma non ci sono cattive emissioni)<br>O si recupera l&#39; energia sprecata in altri sistemi (ad esempio il calore che esce coi fumi di una caldaietta domestica viene completamente sprecato e di caldaiette è piena Milano)<br>O si torna alla legna: un filare di robinie di 3 mt. x 500 d&agrave; legna da ardere pari e superiore al fabbisogno indicato e si rinnove da sola essendo fortemente infestante ed ad alta crescita<br>Certo, il solare è comodo quando hai l&#39; energia che te la recupera la enel... ma i soldini? Un generatore lo recuperi da qualke parte...<br>Io pensavo di costruire una cyclette con alternatore, a spanne mi dovrebbe fare 100w/ora... Furio mi aiuti a pedalare?<br>Un saluto.... <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br>AlessandroTesla

Furio57
05-12-2004, 17:45
Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Alessandro Tesla, beh&#33; sono investimenti a lunga scadenza, i dieci anni nei calcoli erano preventivati.<br>Se la bolletta aumenta diventa ancora più conveniente.<br>Purtroppo l&#39; inquinamento è gratis e non viene contabilizzato, se no.......<br>Io comunque vado avanti.<br><br>Salutoni <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Furio57

ag_smith
05-12-2004, 17:59
cmq gli oli vegetali non inquinano perche l&#39;anidride carbonica immessa nell&#39;atmosfera viene assorbita dalle piante che verranno piantate l&#39;anno dopo<br>

Furio57
05-12-2004, 18:44
</span><table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> (Palinus @ 5/12/2004, 16:28)</td></tr><tr><td id='QUOTE'>Assolutamente d&#39;accordo sul fatto che prima di tutto sia fondamentale imparare a consumare meno e meglio.<br>Solo una piccola precisazione: credo che attualmente le detrazioni fiscali siano del 36 e non del 41 per cento. Comunque bene.<br>Domanda: nel caso di contributi regionali (Programma Tetti Fotovoltaici) posso detrarre solo il 36% della parte a carico dell&#39;utente o del totale?<br>Grazie e ciao,<br>Palinus</td></tr></table><span id='postcolor'><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Palinus la detrazione irpef è sulla parte versata dell&#39; utente, se fosse calcolata su tutto il valore sarebbe molto di più, no?<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'>

AlessandroTesla
07-12-2004, 00:16
pikkola considerazione: con la rivalutazione attuale il fatto di dover sborsare subito il denaro per l&#39;impianto fotovoltaico che ha ammortamento in 15 anni implica un aggravio dei costi del 70% minimo. E se poi scoprono la fusione fredda o come cavare l energia dai sassi ed il prezzo dell energia crolla puoi regalare il tuo impianto alle suore...<br>Amen&#33;<br><br>A.T.

Furio57
07-12-2004, 00:45
</span><table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> (AlessandroTesla @ 7/12/2004, 00:16)</td></tr><tr><td id='QUOTE'>pikkola considerazione: con la rivalutazione attuale il fatto di dover sborsare subito il denaro per l&#39;impianto fotovoltaico che ha ammortamento in 15 anni implica un aggravio dei costi del 70% minimo. E se poi scoprono la fusione fredda o come cavare l energia &nbsp;dai sassi ed il prezzo dell energia crolla puoi regalare il tuo impianto alle suore...<br>Amen&#33;<br><br>A.T.</td></tr></table><span id='postcolor'><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Alessandro Tesla, se mia nonna avesse le ruote sarebbe un carro&#33;l <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/laugh.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'>

AlessandroTesla
07-12-2004, 12:43
...e se l&#39; Argentina rifiorisse chi comprasse ora le obbligazioni che vengono vendute a 30/100 farebbe un affare della Madonna&#33;<br>morale della favola: con l&#39; instabilit&agrave; del mercato fare un investimento a 15 anni è una vera scommessa, se fosse un affare tutte le nuove costruzioni sarebbero fatte di pannelli solari&#33;<br>Tua nonna non penso avesse le ruote...<br>Se vuoi fare proprio una ditta di pannelli solari fai delle "tegolone" che oltre a captare l&#39; energia fungono anche da copertura, avresti qualche chance in più...<br>Che Sant&#39; Ambrogio sia con te&#33;<br><br>AlessandroTesla

Furio57
07-12-2004, 12:56
</span><table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> (AlessandroTesla @ 7/12/2004, 12:43)</td></tr><tr><td id='QUOTE'>...e se l&#39; Argentina rifiorisse &nbsp;chi comprasse ora le obbligazioni che vengono vendute a 30/100 farebbe un affare della Madonna&#33;<br>morale della favola: con l&#39; instabilit&agrave; del mercato fare un investimento a 15 anni è una vera scommessa, se fosse un affare tutte le nuove costruzioni sarebbero fatte di pannelli solari&#33;<br>Tua nonna non penso avesse le ruote...<br>Se vuoi fare proprio una ditta di pannelli solari fai delle "tegolone" che oltre a captare l&#39; energia fungono anche da copertura, avresti qualche chance in più...<br>Che Sant&#39; Ambrogio sia con te&#33;<br><br>AlessandroTesla</td></tr></table><span id='postcolor'><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Alessandro Tesla sono troppi i tuoi se, non ti pare?<br>Non penso che tutti quelli che investono nel fotovoltaico siano tutti deficienti, no?<br>Poi mi spiace dirlo, perche le compagnie petrolifere mi stanno abbastanza sul gozzo, ma il fatto che stiano spendendo molti ...mila miliardi sul fotovoltaico, fa rassicurare molto sulla scelta quasi sicura del proprio "misero" investimento, non ti pare? Comunque può anche essere un nuova esperienza andare ad olio come vuoi fare tu. Attenzione agli scivoloni&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/laugh.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'>

AlessandroTesla
08-12-2004, 01:21
Cario mio Furio,<br>olio di semi vari confezione da 1 lt. al carrefour::64 cents<br>COSTI SEMPRE + bassi<br>Invece di aprire una ditta di fotovoltaici perchè non apriamo un import di olio di palma?<br>Niente laminatoio, niente operai e certamente più denaro...<br>Consumo di un condominio medio: 20000 lt./anno =80000 kw se non sbaglio equivalenti a 500 mq di pannelli solari. Dici che convengono loro?<br>boooohhhhhh<br>Fai 2 conti e fammi sapere<br><br>A.T.

Furio57
08-12-2004, 01:26
</span><table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> (AlessandroTesla @ 8/12/2004, 01:21)</td></tr><tr><td id='QUOTE'>Cario mio Furio,<br>olio di semi vari confezione da 1 lt. al carrefour::64 cents<br>COSTI SEMPRE + bassi<br>Invece di aprire una ditta di fotovoltaici perchè non apriamo un import di olio di palma?<br>Niente laminatoio, niente operai e certamente più denaro...<br>Consumo di un condominio medio: 20000 lt./anno =80000 kw se non sbaglio equivalenti a 500 mq di pannelli solari. Dici che convengono loro?<br>boooohhhhhh<br>Fai 2 conti e fammi sapere<br><br>A.T.</td></tr></table><span id='postcolor'><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Alessandro Tesla, mi piacerebbe diventare un imprenditore in tecnologia avanzata, non un droghiere. <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/laugh.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br><span class="edit">Edited by Furio57 - 8/12/2004, 02:30</span>

m.vegeth
08-12-2004, 10:11
</span><table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> </td></tr><tr><td id='QUOTE'>.....ed il prezzo dell energia crolla puoi regalare il tuo impianto alle suore...<br></td></tr></table><span id='postcolor'><br>Se il prezzo dell&#39;energia cala, io con molto piacere verrò personalmente a stringerti la mano, fra 10 anni dobbiamo però vedere se è calata, non domani. <br>Se il prezzo però aumenta, magari un giorno ti vedremo per i campi ad vangare con la pala mentre Furio sar&agrave; a vendere un impianto anche alle suore o mal che gli vada ne avr&agrave; il suo di impiano a casa e senza far niente avr&agrave; energia......

m.vegeth
08-12-2004, 10:50
Cmq è normale che la pensiamo in modi diversi, la diversit&agrave; è uno dei punti di forza dell&#39;essere umano.<br>Ciò che spero? Spero che sia il fotovoltaico sia il BIOCARB (=olii di qialsiasi genere) prendano piede. Purtroppo c&#39;è una parte di rischio nel decidere di investire personalmente in entrambi le soluzioni. Il rischio però c&#39;è sempre ed è dovuto al fatto che non sappiamo mai certamente cosa accadr&agrave; domani.

ag_smith
10-12-2004, 14:47
una domanda cosa fa il regolatore di carica? di preciso?<br>quando le batterie sono a piena carica dove va a finire l&#39;elettricita&#39; prodotta dai pannelli?

Furio57
10-12-2004, 15:27
</span><table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> (ag_smith @ 10/12/2004, 14:47)</td></tr><tr><td id='QUOTE'>una domanda cosa fa il regolatore di carica? di preciso?<br>quando le batterie sono a piena carica dove va a finire l&#39;elettricita&#39; prodotta dai pannelli?</td></tr></table><span id='postcolor'><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Ag-smit, di norma quando le batterie sono cariche il regolatore cortocircuita i pannelli, altri progetti li scollegano, ma è più conveniente dirottare questa energia ad un boiler con resistenze a bassa tensione. Conviene a mio avviso aggiungere delle batterie per utilizzare i pannelli al massimo possibile.<br>Qui di seguito un link per kit di <a href='http://www.futurashop.it/' target='_blank'><u>REGOLATORI</u></a> per pannelli solari. Cliccare poi <i>Kit applicazioni vari e poi regolatori di carica</i> <br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br><span class="edit">Edited by Furio57 - 11/12/2004, 01:07</span>

10-02-2005, 19:20
Ma che cosa avranno di costoso dentro gli inverter a sinusoidale pura , che costano cosi&#39; tanto?<br>Mi basterebbe averne uno per impianto stand alone.<br><br><br>Ciao.<br>

nitc
10-02-2005, 19:57
ciao atutti.<br><br>che qualcuno sappia, esistono dei boiler a basso consumo anche di capacit&agrave; limitata da poter essere utilizzati con un sistema fotovoltaico.<br>

barb3tta
16-05-2005, 19:37
Ciao a tutti&#33;<br>Grande Furio, la prima cosa da fare è cambiare i nostri comportamenti, essere più responsabili e avere coscienza di quello che facciamo.<br><br>Una domanda che forse esula dal topic... da perfetto ignorante mi chiedo se sia possibile creare un impianto a corrente continua...<br>Spiego: una volta scelto (ove possibile) gli elettrodomestici che vanno a DC, magari tutti a 12V, è fattibile disfarsi degli alimentatori dei singoli alettrodomestici (penso anche alle lampadine) e alimentare tutto con un generatore centralizzato, sia esso solare/eolico/etc? Il problema maggiore sarebbe quello di dimensionare la batteria, giusto?<br>Con questo sistema si eliminerebbero i passaggi DC-AC-DC inutili, con conseguente aumento dell&#39;efficienza e riduzione del calore dissipato dai nostri apparecchi. Oppure sbaglio completamente?<br><br>Attendo lumi&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/wink.gif' border='0' valign='absmiddle'><br><br>ciao e grazie

ag_smith
16-05-2005, 19:57
il problema sarebbe che usando tensione 12v avresti bisogno di grossi amperaggi che ssignifica piu&#39; perdite per effetto joule dei passaggi ac-dc-ac-dc forse qualcosa sarebbe possibile a 48v

Furio57
16-05-2005, 20:41
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (barb3tta @ 16/5/2005, 20:37)</div><div id='QUOTE' align='left'>Ciao a tutti&#33;<br>Grande Furio, la prima cosa da fare è cambiare i nostri comportamenti, essere più responsabili e avere coscienza di quello che facciamo.<br><br>Una domanda che forse esula dal topic... da perfetto ignorante mi chiedo se sia possibile creare un impianto a corrente continua...<br>Spiego: una volta scelto (ove possibile) gli elettrodomestici che vanno a DC, magari tutti a 12V, è fattibile disfarsi degli alimentatori dei singoli alettrodomestici (penso anche alle lampadine) e alimentare tutto con un generatore centralizzato, sia esso solare/eolico/etc? Il problema maggiore sarebbe quello di dimensionare la batteria, giusto?<br>Con questo sistema si eliminerebbero i passaggi DC-AC-DC inutili, con conseguente aumento dell&#39;efficienza e riduzione del calore dissipato dai nostri apparecchi. Oppure sbaglio completamente?<br><br>Attendo lumi&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/wink.gif' border='0' valign='absmiddle'><br><br>ciao e grazie</div></center><br>Ciao a tutti&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Barb3tta Il tuo ragionamento non è del tutto sbagliato, però devi considerare che il problema è che gli alimentatori di elettrodomestici tipo stereo, pc, televisioni eccetera, sono sì a corrente continua, ma con tensioni sia negative che positive e di molteplici valori. Per ottenerle bisogna comunque passare da una tensione alternata. Ci sono elettrodomestici poi che assorbono una gran quantit&agrave; di energia tipo forno elettrico, scaldabagno, lavatrice, lavastoviglie, forno a microonde ecc. <br>Con valori di tensione così basso anche i 48 Volt richiederebbero delle correnti notevoli, assolutamente inacettabili. Sotto traccia avremo dei cavi di sezione gigantesca per non parlare delle prese e spine. Quello che si potrebbe fare, ma i vecchi elettrodomestici andrebbero buttati via, sarebbe quella di mantenere i 230V alternati, non più a 50 Hz, ma ad una frequenza più alta, migliorando le performances della rete. <br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'>

StaMé
17-05-2005, 09:54
Secondo me il fotovoltaico non ha, per ora, preso piede anche per l&#39;inettitudine dei progettisti di edifici . Dato che sono nel campo ne conosco molti e tutti poco informati sull&#39;argomento. Tutti dicono per sentito dire che il fotovoltaico non è conveniente. <br>Quindi i progettisti non propongono mai ai committenti una soluzione con fotovoltaico - quindi scarsa diffusione. <br>Secondo me, poi, in un condominio si potrebbe bilanciare i consumi su più utenze diversificate e quindi gestire meglio l&#39;energia. <br><br>Secondo me potrebbe esserci una soluzione : l&#39;enel affitta i tetti delle case degli italiani pagando un tot a mq ( come per le antenne dei cellulari ) e produce energia pulita con meno sprechi sulla linea di distribuzione. Loro investendo molto comprerebbero a minor prezzo i pannelli ( con grossi volumi ) e nelle estati più calde non dovranno fare i black out dato che quando c&#39;è più sole e caldo abbiamo anche più energia disponibile. <br>( sicuramente bisognerebbe fare anche qualche conto per verificare la mia ipotesi )<br><br>Ciao a tutti .

Furio57
17-05-2005, 10:30
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (StaMé @ 17/5/2005, 10:54)</div><div id='QUOTE' align='left'>...Secondo me potrebbe esserci una soluzione : l&#39;enel affitta i tetti delle case degli italiani pagando un tot a mq...e produce energia pulita con meno sprechi sulla linea di distribuzione. Loro investendo molto comprerebbero a minor prezzo i pannelli ( con grossi volumi ) e nelle estati più calde non dovranno fare i black out dato che quando c&#39;è più sole e caldo abbiamo anche più energia disponibile. <br>( sicuramente bisognerebbe fare anche qualche conto per verificare la mia ipotesi ).<br></div></center><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao StaMè Non c&#39;è bisogno di fare "qualche conto", il grande successo del "conto energia" in Germania ed ora in Spagna conferma ciò. Anche noi in Italia stiamo aspettando il conto energia che non arriva per colpa di politici inetti ed attenti solamente al loro "cadreghino". Il conto energia permette di fare quello che hai ventilato tu, solamente che la propriet&agrave; è privata e l&#39; Enel ti paga tre volte il valore di mercato il kilowatt generato col fotovoltaico, eolico, idroelettrico, biomassa, mareomotrici, ecc.<br>Stiamo a vedere.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br><span class="edit">Edited by Furio57 - 17/5/2005, 14:19</span>

17-05-2005, 13:16
Se il conto energia parte anche in Italia io saro&#39; tra quelli che si buttera&#39; a tutto vapore per realizzarlo. Come dice Furio aspettiamo e stiamo a vedere.kingeagle

eroyka
17-05-2005, 13:47
Penso che se parte il conto energia (a proposito, avete firmato tutti la petizione, se no, FATELO&#33;&#33;&#33;&#33; <a href='http://www.nimer.it/nimer.asp?ar=320' target='_blank'>http://www.nimer.it</a> saremo in tenti a buttarci in questo bel businnes&#33;<br>Anche io stò aspettando...<br><br>p.s. King è sempre bello leggerti&#33; Fammi sapere poi come procede il tuo progetto a concentrazione&#33;<br>Roy <br><br><span class="edit">Edited by eroyka - 17/5/2005, 16:09</span>

Faber68
17-05-2005, 14:22
Nei prossimi giorni è previsto un convegno sul conto energia, in occasione delle due fiere di settore a Milano e Vicenza.<br>Non che si muova qualcosa, ma senza dubbio si porr&agrave; l&#39;accento sul vuoto normativo italiano.<br>Anche l&#39;Enel credeva ormai imminente il nuovo incentivo, aspettando per questo a normare gli attuali allacci on grid. Non vedendolo arrivare Enel ha disposto un disciplinare (che conosciamo) dall&#39;ottobre-novembre 2004<br><br>E&#39; evidente che da noi ci sia adesso la lobby dell&#39;incenerimento con recupero d&#39;energia, ora chiamata cogenerazione, che vuol monopolizzare le quote d&#39;incentivi e di produzione di rinnovabili <br><br><span class="edit">Edited by Faber68 - 17/5/2005, 15:26</span>

StaMé
17-05-2005, 15:14
Vado subito a votare la petizione <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/wink.gif' border='0' valign='absmiddle'>

barb3tta
09-09-2005, 10:19
Bene, il conto energia è stato attivato&#33;<br>Bisogner&agrave; aggiornare il primo post, non credete?<br>I contributi ci sono ancora? O dato che c&#39;è il contro energia l&#39;unico risparmio è dato dalla remunerazione dell&#39;energia prodotta?<br><br>bye

ag_smith
09-09-2005, 10:33
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (barb3tta @ 9/9/2005, 11:19)</div><div id='QUOTE' align='left'>Bene, il conto energia è stato attivato&#33;<br>Bisogner&agrave; aggiornare il primo post, non credete?<br>I contributi ci sono ancora? O dato che c&#39;è il contro energia l&#39;unico risparmio è dato dalla remunerazione dell&#39;energia prodotta?<br><br>bye</div></div><br> il contributo e&#39; proprio il conto energia....

barb3tta
09-09-2005, 11:45
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (ag_smith @ 9/9/2005, 11:33)</div><div id='QUOTE' align='left'><div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (barb3tta @ 9/9/2005, 11:19)</div><div id='QUOTE' align='left'>Bene, il conto energia è stato attivato&#33;<br>Bisogner&agrave; aggiornare il primo post, non credete?<br>I contributi ci sono ancora? O dato che c&#39;è il contro energia l&#39;unico risparmio è dato dalla remunerazione dell&#39;energia prodotta?<br><br>bye</div></div><br>il contributo e&#39; proprio il conto energia....</div></div><br> piano, il conto energia è il profitto dato dalla vendita dei KWh prodotti... Io chiedevo se oltre al conto energia si può contare ancora sui contributi regionali etc per ridurre il costo dell&#39;impianto o se di fatto il conto energia ha annullato tutti gli altri incentivi.<br>bye&#33;

snapdozierxxxxxxxxxxxxxxxx
12-09-2005, 12:54
Il conto energia è alternativo o meglio, successivo ai contributi per i tetti fotovoltaici. Se hai gi&agrave; ottenuto il contributo regionale non puoi avere il conto energia. Rimane il recupero Irpef se rinunci al 30% della quota del conto energia. Invece di pagarti 0.445 al kwh prodotto te lo pagano il 30% in meno se recuperi il 36% del costo dell&#39;impianto, scalandolo dall&#39;Irpef in 10 anni.

eroyka
12-09-2005, 13:12
Ciao a tutti,<br><br>non è del tutto vero quello che dice snapdozier poichè in alcune regioni (so per certo in puglia) ci sono dei fondi cumulabili con il conto energia.<br><br>Quindi bisognerebbe chiedere nella tua regione se propongono tali tipi di finanziamenti.<br><br>Roy

snapdozierxxxxxxxxxxxxxxxx
12-09-2005, 13:32
Articolo 10 comma 2: Le tariffe incentivanti di cui al presente decreto non sono applicabili all&#39;elettricit&agrave; prodotta da impianti fotovoltaici per la cui realizzazione siano stati concessi incentivi pubblici o in conto capitale superiori al 20% dell&#39;investimento. Quindi è un contributo piuttosto piccolo e comunque art. 3 non rientrano gli impianti incentivati dal programma Tetti Fotovoltaici.

18-09-2005, 18:21
Un saluto a tutti<br> sono al mio primo messaggio nel forum e da poco mi interesso al fotovoltaico e forse non ho letto tutti i post. Se ho ben capito :<br>mi costruisco un impianto da 3 kwp e spendo all’incirca 18.000,00 euro, il gestore ( enel o chicchessia ) mi rimborsa l’energia prodotta misurata da un contatore al prezzo di 0,445€ per i prossimi venti anni.<br> Ma in che modo? Detrazioni dalle tasse; assegno annuale; ….<br>

snapdozierxxxxxxxxxxxxxxxx
18-09-2005, 19:46
Ti viene versato annulamente attraverso un assegno, a meno di ulteriori disposizioni.

Osvaldo
19-09-2005, 08:24
<br>Ciao a tutti,<br> ho letto per la terza volta la delibera 188/05 pubblicata sul sito www.autorit&agrave;.energia.it <br>A quello che ho capito dovrebbe essere messa in pagamento dal mese successivo che si raggiungono i 500 euro per gli impianti superiori a 20 kWp, e a 250 euro per gli impianti inferiori ai 20 kWp.<br>Non ho capito se mi spediscono un assegno a casa, se devo andare a ritirarli io presso qualche ufficio, o se me li accreditano in c/c, ma forse lo spiegheranno dopo.<br>Ciao<br> Osvaldo<br>