PDA

Visualizza la versione completa : gestione altherma



clinicadellantenna
28-11-2007, 11:43
qualcuno è in grado di aiutarmi nella gestione della pompa di calore Altherma?

dotting
28-11-2007, 16:11
Sinceramente non sapevo che Daikin avesse messo in produzione un sistema simile e sono andato a vedere nel sito.<br>Ho letto affermazioni e sparate &quot;da far accapponare la pelle&quot; come diceva quel comico simpaticissimo del tipo:<br>1.- Energia a costo zero;<br>2.- la pompa di calore estrae l’energia termica latente presente nell’aria;<br>3.- le caldaie tradizionali possono raggiungere solo un rendimento energetico (COP) inferiore a 1;<br>4.- Questo sistema può essere collegato a tutti i comuni radiatori a bassa temperatura.<br><br>Ma per piacere&#33;<br><br>Per poterti aiutare devi descrivere potenza della PDC, versione ACS + riscaldamento o solo riscaldamento, dimensione accumulo.<br>Sistema di distribuzione del calore, se a termosifoni, non ti posso aiutare, devi chiedere ad una Persona che sta molto in Alto.<br><br><br>

clinicadellantenna
28-11-2007, 19:32
Si tratta del modello EKHBH007AC3V3 (unit&agrave; interna) lo 007 sta ad indicare la capacit&agrave; di riscaldamento (KW), versione ACS + riscaldamento, accumulo 300 litri.<br>La macchina sta facendo funzionare i termosifoni e, anche con temperatura esterna 0°, porta l&#39;acqua a 55°.<br>Il mio problema è settare correttamente le macchina per avere in uscita una tensione (l&agrave; dove deve esserci) in grado di pilotarmi la valvola di zona che deve decidere se mandare l&#39;acqua in uscita dalla PDC verso l&#39;accumulo o verso il riscaldamento ambiente.<br>Detto così sembrerebbe un problema di soluzione elementare, ma non è così.<br>Mi sono scervellato per cercare di capire come &quot;ragiona&quot; la macchina, nemmeno l&#39;assistenza (che gestisce i corsi per i suoi tecnici) è stata in grado di risolvermi il problema.<br><br><br><br>

dotting
29-11-2007, 10:01
Mi dispiace ma non posso aiutarti perchè si tratta di un problema di segnali e logica che andrebbero verificati sul posto.<br><br>Non posso esimermi però dall&#39;esprimere un parere sui dati forniti dalla Daikin e di cui tu hai fatto cenno, in quanto questo è un forum frequentato da utenti tecnici e no.<br><br>Ripeto tu hai fornito semplicemente dei dati e le critiche che muoverò all&#39;impianto descritto non sono rivolte a te in particolare, ma al modo con cui la ditta costruttrice ha presentato queste apparecchiature.<br><br>Nel manuale dell&#39;apparato che potete scaricare da questo sito:<br><a href="http://www.google.it/url?sa=t&amp;ct=res&amp;cd=5&amp;url=http%3A%2F%2Fwww.daikin.c o.uk%2Fbinaries%2FUKEPCEN07-720-Altherma_tcm46-88118.pdf&amp;ei=qXpOR5LHPJimpATj5ejTDg&amp;usg=AFQjCNGPgA Yk78lsWDnylDERiu20VcwKcw&amp;sig2=0f2FfUWaD651X1pldegt Ng" target="_blank">http://www.google.it/url?sa=t&ct=res&cd=5&...aD651X1pldegtNg</a><br>si parla di COP 4,02 Potenza assorbita kW 2,08 Potenza resa in riscaldamento 8,42<br>Peccato che questi dati si riferiscano a temperature dell&#39;aria esterna di 7°C e temperature dell&#39;acqua di mandata di 35°C con un Delta T di appena 5°C, riporto testualmente<br>Heating: Ambient 7°C db 6°C wb, Leaving Water Temp 35°C (DT 5°C).<br><br>Chiunque abbia installato ed utilizzato pompe di calore aria/acqua sa bene che il COP crolla, ripeto letteralmente crolla, in presenza di temperature richieste per un circuito di ricaldamento con acqua a 55°C.<br>Se poi in un programma di termotecnica dimensionate un termosifone per una temperatura d&#39;ingresso di 55°C ed un DeltaT di 5°C, forse non vi basta una superficie frontale di termosifone pari a tutte le pareti di una stanza.<br><br>Clinicadellantenna non metto in dubbio che la tua pdc faccia raggiungere all&#39;acqua i 55°C, ma da qui a confermare che possa produrre 7 kW, non me la sento.<br><br>Questo ripeto è un forum pubblico e qualche utente potrebbe, sulla base delle &quot;sparate&quot; decantate da questa ditta, adottare delle soluzioni tecnicamente non corrette.<br><br>Posto un link di una ditta che in presenza di una PDC con sonde geotermiche, quindi decisamente meno sensibile a diminuzione di COP con temperature dell&#39;aria esterna prossime allo zero, dichiara:<br><a href="http://www.vaillant.it/product.php?folder_default_tree=10002-10320-10909&amp;folder_default_netfolderID=10909&amp;folder_wher e_from=default&amp;product_default_id=3118" target="_blank">http://www.vaillant.it/product.php?folder_...default_id=3118</a><br>scaricare il documento pdf ed a pagina 10 si legge:<br><br><i>Dal lato impiantistico, il limite economico di convenienza nell&#39;utilizzo di una pompa di calore geotermica si colloca intorno a 50°C di temperatura di mandata in produzione<br>di acqua calda sanitaria e a basse temperature (35-40°C) in mandata all&#39;impianto di riscaldamento.<br>Impianti di riscaldamento realizzati con temperature dimandata nominali di 50°C possono comunque avere una convenienza a condizione che si utilizzi una sorgente di calore geotermica relativamente più &quot;calda&quot; delle condizioni standard (es. acqua di falda a 12- 14 °C anziché a 8-10 °C), oppure in integrazione con sistemisolari o con una caldaia a condensazione.</i><br><br>Si parla di acqua di falda a 12-14°C altro che arietta a 0°C.<br><br><br>

clinicadellantenna
29-11-2007, 12:42
Ti ringrazio per il tuo intervento dal quale si può capire la tua preparazione ma io non sono un tecnico del settore quindi fatico a seguire discorsi puramente tecnici, guardando però i risultati, al di la delle problematiche di gestione, facendo funzionare manualmente l&#39;impianto, mi sento di poter dire che la macchina funziona, i miei caloriferi sono caldi, l&#39;ambiente raggiunge i 20° anche con una temperatura esterna di 0°, gi&agrave; raggiunti una decina di giorni fa (abito a Brescia).<br><br>Certo, i consumi a quelle temperature quasi raddoppiano (ho montato un contatore di KWh a monte della sola pompa di calore).<br><br>A questo punto però devo anche dire come è fatto il mio impianto: innanzitutto ho montato , 2 anni fa, un impianto fotovoltaico che mi d&agrave; circa 5000 KWh all&#39;anno, i miei consumi si aggirano sui 3300 KWh per cui dispongo di 1700 KWh da poter dedicare al riscaldamento elettrico.<br><br>La mia scelta è caduta sul sistema Altherma (consigliato da uno studio ingegneristico di progettazione di impianti termosanitari) in abbinamento a una caldaia a gas da utilizzare nel caso in cui la temperatura esterna non consentisse a pieno il riscaldamento dell&#39;ambiente, oppure all&#39;azzeramento del credito di KWh ceduti all&#39;ENEL.<br><br>Non so se il mio credito di energia sar&agrave; sufficiente a passare tutto l&#39;inverno, (visti i consumi fino ad oggi, credo che ne avrò a sufficienza fino a met&agrave; febbraio) per il momento, posso dire solo che la mia casa è calda e il contatore del gas è fermo ai valori di fine inverno precedente (ho montato anche un piano cottura a induzione)<br><br>Le somme le tirerò al termine del primo inverno e quindi solo allora potrò esprimere un mio giudizio sulle scelte effettuate.

dotting
29-11-2007, 13:18
Per fare una valutazione corretta dovresti chiedere al fornitore della pompa di calore o direttamente alla casa madre di farti avere il COP della pompa con temperatura di mandata di 55°C ed alla condizione di progetto con temperatura esterna di 7°C.<br><br>Molti costruttori &quot;seri&quot; forniscono due valori uno a 35°C ec uno a 50°C o addirittura forniscono grafici come questo:<br><a href="http://web.tiscali.it/risparmio_energetico/satag_COP.jpg" target="_blank">http://web.tiscali.it/risparmio_energetico/satag_COP.jpg</a><br>che ti da il COP anche in funzione della variazione della temperatura esterna.<br><br>Supponiamo che questo valore sia 3, in questa tabella di calcolo:<br><a href="http://web.tiscali.it/risparmio_energetico/Tabella_confronto.xls" target="_blank">http://web.tiscali.it/risparmio_energetico...a_confronto.xls</a><br><br>Nella colonna rendimento centrale termica sostituisci a 2,5 ( vedi questo è il valore reale che io imposto nei miei calcoli) ed ottieni il costo per kWh prodotta con la PDC.<br><br>Nella colonna costo iva inclusa metti il costo del gas spero metano e prendi la riga relativa a impianto con caldaia premiscelata perchè anche se hai una condensazione il rrendimento con termosifoni non è elevatissimo, ottieni il costo del kWh e lo confronti con quello della PDC.<br><br>Se ti venisse fornito il grafico completo del COP in funzione della temperatura esterna, potresti sapere immediatamente a quale temperatura esterna ti converrebbe interrompere il funzionamento della pdc e accendere la caldaia.<br><br>Non spaventarti non sono conti difficili, sempre se hai i dati del costruttore.<br>Ovviamente tutti questi parametri li avrebbe dovuti fornire il termotecnico che ti ha seguito, perchè la frase: &quot;in abbinamento a una caldaia a gas da utilizzare nel caso in cui la temperatura esterna non consentisse a pieno il riscaldamento dell&#39;ambiente&quot;; vuol dire tutto e niente.

Damiano1969
19-01-2008, 21:06
Caro Dotting, a questo punto tu cosa suggeriresti per integrare il riscaldamento esistente termosifoni/metano con 2000-3000 Kw/h in esubero generati dal impianto fotovoltaico? Io soto partendo con un impianto leggermente sovradimensionato e vorrei cercare di ridurre l&#39;uso del gas&#33; Anche a me hanno proposto un&#39;altherma ma, prima di comprare la PDC, vorrei vederne una in funzione su di n impianto a termosifoni.<br><br>Clinicadellantenna, a che punto si con i consumi? Quest&#39;anno è stato piuttosto rigido e quindi il tuo caso è veramente interessante.<br>

dotting
20-01-2008, 08:52
L&#39;unica possibilt&agrave; che intravedo per utilizzare una pompa di calore aria/acqua tipo Altherma è quella di inserire in serie nell&#39;impianto un normale refrigeratore d&#39;acqua in versione pompa di calore, che nella dichiarazione del costruttore dichiari di riuscire a portare l&#39;acqua a 65°C.<br>Unit&agrave; completa di gruppo idronico con accumulo incorporato.<br><br>Il ritorno &quot;freddo&quot; dell&#39;impianto di riscaldamento a termosifoni, viene fatto passare nell&#39;accumulo della pdc aria/acqua dove viene preriscaldata e inviata alla caldaia a metano.<br><br>Poichè il COP della pdc aria/acqua dipende dalla temperatura dell&#39;aria esterna io farei funzionare la pompa solo a temperature superiori a 6-7°C, che sono le temperature a cui si riferiscono i dati di targa dei costruttori.<br><br>In questo caso funzionerebbe soltanto la caldaia a metano, ma a questa che ci siano 15°C o -15°C all&#39;esterno non gli frega niente o quasi ai fini del rendimento.<br>Mentre è probabile che se ci sono 15°C la pdc possa far fronte da sola a tutto il fabbisogno termico.

clinicadellantenna
20-01-2008, 14:56
caro dotting, io che sono poco teorico e molto pratico mi inchino alle tue teorie però, pratica alla mano, posso dirti che ad oggi non ho ancora utilizzato la caldaia a gas nemmeno nei giorni di gelo, è chiaro che in quei giorni i consumi sono aumentati, ma considerando che i giorni di gelo sembrano ridursi notevolmente, posso anche sopportali serenamente che il mio esubero di energia elettrica potrebbe alla fine essere sufficiente a passara fuori l&#39;intero inverno.<br>Se poi non sar&agrave; sufficiente, e solo in quel caso, potrò utilizzare il gas nei giorni più freddi.

dotting
20-01-2008, 16:42
Avevo scritto:<br><i>Clinicadellantenna non metto in dubbio che la tua pdc faccia raggiungere all&#39;acqua i 55°C, ma da qui a confermare che possa produrre 7 kW, non me la sento.</i><br><br><i>Se ti venisse fornito il grafico completo del COP in funzione della temperatura esterna, potresti sapere immediatamente a quale temperatura esterna ti converrebbe interrompere il funzionamento della pdc e accendere la caldaia.</i><br><br>Tu hai scritto:<br><i>ad oggi non ho ancora utilizzato la caldaia a gas nemmeno nei giorni di gelo, è chiaro che in quei giorni i consumi sono aumentati.</i><br><br>Se fai il ragionamento, tanto io il kWh lo produco gratis e del COP non mi frega un piffero, allora lasciamo perdere, ma mi sembra sia più corretto ragionare in termini di costo di produzione del kWh e tutti i miei interventi sono stati incentrati su questo aspetto.<br>Anche perchè sai questa sezione si chiama Risparmio enegetico - in casa.

clinicadellantenna
20-01-2008, 23:55
caro Dotting, hai perfettamente ragione, sotto un certo aspetto sono uno sprecone.<br>Ma è veramente spreco utilizzare l&#39;energia autoprodotta, anche se teoricamente meno conveniente, in cambio del rubinetto del gas chiuso?

scu
21-01-2008, 01:23
visto che hai fatto un&#39;investimento per il fotovoltaico e che il surplus l&#39;enel non te lo paga, secondo me la scelta di usarlo per risparmiare sul gas invece che regalarlo all&#39;enel è più che lecita, anche se non proprio eticamente corretta<br>Alla fine il risparmio energetico è relativo, se esistesse un sistema che ti permette di disporre di tanta energia gratis e senza impatto ambientale perchè mai ti dovresti porre il problema di risparmiare?<br>

clinicadellantenna
22-01-2008, 21:00
grazie, siamo in sintonia

mister x 65
23-01-2008, 11:47
mi volevo inserire sul discorso altherma,<br>anche io stò pensando di istallarla per climatizzare una casa che è ancora da finire di costruire.<br>mi f&agrave; piacere vedere i risultati descritti da clinicadellantenna e in proposito ti chiedo se mi puoi dire:<br>- il calcolo dei kw teorici per riscaldare la casa<br>- i radiatori sono dimensionati per l&#39;acqua a 55°.<br><br>per dotting<br>che ne pensi se la pompa di calore non venisse usata per produzione di ACS e usasse tutto il suo potenziale per la climatizzazione, usando solare termico integrato da resistenza per produrre ACS?<br>

clinicadellantenna
23-01-2008, 14:17
caro mister x 65 come tu hai potuto leggermi io sono più pratico che terico, difiniscimi meglio il calcolo dei KW teorici per scaldare la casa, se può bastarti da met&agrave; ottobre ad oggi ho consumato 1600 KWh compresa l&#39;ACS (ho un contatore dedicato alla PDC);<br>i caloriferi sono gli stessi che avevo prima ma sto pensando all&#39;idea di sostituirli con qualcosa di più redditizio ai fini termici, anzi se qualcuno è in grado di suggerimi qualcosa in merito glie ne sono grato.<br><br>In merito poi all&#39;idea di scaldare l&#39;acqua sanitaria con una resistenza mi trova nettamente contrario, se fossi stato di quest&#39;idea avrei comprato un boiler elettrico e me la sarei cavata con 80 euro di spesa, la PDC assolve benissimo a questa funzione senza scomodare le resistenze consumando un quarto di energia, basta deviare l&#39;acqua del circuito termico verso la serpentina del boiler fermando temporaneamente il riscaldamento e a questa funzione ci pensa l&#39;Altherma automaticamente in abbinamento a una valvola applicata all&#39;impianto idraulico.<br><br>Nel mio caso quando la temperatura dell&#39;ACS scende a 36° entra in funzione l&#39;Alterma che poi si ferma a 43°, naturalmente quando c&#39;è il sole i pannelli solari danno il loro contributo.

mister x 65
24-01-2008, 15:02
Il calcolo dei kw teorici è dato dal fabbisogno dei locali, tenendo conto della cubatura dell&#39;esposizione e dell&#39;isolamento.<br>In pratica es: locale di 50 metri cubi con un coefficente di dispersione 30 dar&agrave;: 50 x 30 = 1.500 watt di fabbisogno.<br>I costruttori di corpi scaldanti dichiarano la potenza in base agli elementi, nel caso dei radiatori o delle piastre nel caso dei ventilconvettori, ed in base alla temperatura del fluido vettore (acqua) che vi scorre dentro.<br>La domanda io la facevo per capire se il sistema altherma riuscirebbe a fornire 7-7,5 kw anche con temperature vicine allo zero considerando la produzione di ACS, per questo ho fatto il discorso della resistenza, perche anche collegando un solare termico all&#39;accumulo, nei periodi in cui ho più bisogno di ACS mi aiuta poco.<br>Sui caloriferi ti dico la mia modesta opinione, monterò dei ventil. a soffitto ma non ho ancora scelto il modello.<br>saluti<br><br><br><br>

bbwest
25-01-2008, 09:06
Io ho trovato in internet i documenti tecnici &quot;completi&quot; del sistema Altherma da 11, 14 e 16 kW nei quali c&#39;è la tabella completa dei rendimenti al variare della temperatura esterna.<br><br>Di seguito il link alla pagina delle prestazioni in riscaldamento:<br><br><a href="http://image.forumcommunity.it/1/9/9/1/0/1/8/1201248218.jpg" target="_blank">http://image.forumcommunity.it/1/9/9/1/0/1/8/1201248218.jpg</a><br><br><br>Da quanto scritto, solo la pompa da 11kW e superiori riescono a fornire 7kW con temperatura esterna di -2°C.<br><br><br><br>Spero possa essere utile<br><br>Ciao

mister x 65
26-01-2008, 12:36
Ti ringrazio bbwest<br>io comunque cercavo di capire da clinicadellantenna se la casa che lui riesce a scaldare può essere paragonata a quella che devo scaldare io, considerando anche la mia posizione climatica che credo sia migliore (sul livello del mare centro Toscana)<br><br>ciao&#33;

clinicadellantenna
27-01-2008, 23:29
sicuramente dal punto di vista climatico sei avvantaggiato.<br><br>Descrivimi la tua casa così possiamo fare il paragone, la mia ha una superficie di poco inferiore a 100 mq e si sviluppa su 2 piani, reparto giorno e reparto notte, 2 valvole di zona li rendono indipendenti, verso nord e verso sud ho 2 appartamenti che mi proteggono, vero est e verso ovest ho pareti isolate internamente con poliuretano, buoni serramenti in legno dotati di vetrocamere da 18 mm.<br><br>Dalle 23,00 alle 7,00, periodo in cui è tutto spento, pero circa 1 grado, e nei giorni più freddi 1,5; nel reparto giorno raggiungo i 20 gradi in tarda serata, nel reparto notte ho mediamente 2 gradi di meno.<br><br>Per lavoro entro in casa d&#39;altri e molto spesso esco col mal di testa per il troppo caldo quindi ritengo che le conizioni termiche di casa mia siano ideali.<br><br>Se stai bene a 22-23 gradi scordati la PDC amenochè tu non abbia il riscaldamento a pavimento.<br><br>A fine gennaio esaurirò i 1750 KWh che ho prodotto in esubero nel 2006 poi comincerò con i 2100 prodotti nel 2007.<br><br>Ho quindi motivi per pensare che anche nei porossimi 2 inverni non utilizzerò il gas, negli anni successivi invece lo userò nei giorni più freddi.<br><br>ciao&#33;

bbwest
28-01-2008, 10:10
Tornando all&#39;origine della discussione... non capisco il problema.<br><br>Non è l&#39;elettronica presente nell&#39;apparato interno (idrobox) che governa la valvola a tre vie che gestisce l&#39;acqua di mandata verso l&#39;accumulo ACS o il riscaldamento?<br>A me hanno detto che il sistema da comunque priorit&agrave; al riscaldamento ambiente e solo in seconda battuta alla ACS. Quest&#39;ultima ha all&#39;interno dell&#39;accumulo il &quot;buster&quot; elettrico per fare fronte comunque alle esigenze (fonte: tecnico dell&#39;agente di zona Daikin).<br><br>Io sto valutando altherma per una casa bifamiliare su due piani (circa 180mq+180mq) esposta su tutti i lati ed in fase di ristrutturazione totale quindi coibentata al meglio (cappotto e tetto adeguato).<br>Temperatura di progetto -5° potenza totale riscaldamento 20kW.<br>Mi hanno proposto una altherma da 16kW ma ritengo la macchina sottodimensionata.<br>Ipotizzo un raddoppio (2 x 16kW) in modo da essere completamente coperto fino a -2° di temperatura esterna come da tabella allegata in precedenza.<br><br><br>Ciao

clinicadellantenna
28-01-2008, 23:05
Il problema all&#39;origine della discussione l&#39;ho risolto, era dovuto a un settaggio piuttosto complesso,<br>dovevo mentalmente sintonizzarmi con la macchina e ragionare come ragiona lei;<br><br>speravo di trovare qualcuno che l&#39;avesse gi&agrave; e potesse darmi qualche dritta.<br><br>Infatti è la macchina che gestisce le valvole a tre vie per deviare verso l&#39;ACS.<br><br>E&#39; vero che l&#39;Altherma di defauld d&agrave; la priorit&agrave; al riscaldamento ma settandola opportunamente si può spostare la priorit&agrave; all&#39;ACS.<br><br>Non sono in grado però di darti consigli per quanto riguarda la scelta della/e macchina/e da installare, vista la metratura mi sembra eccessivamente grande, penso che dipenda molto dal modo di scaldare (pavimento, termosifoni ecc.)<br><br>ciao

scresan
28-01-2008, 23:34
Ciao Clinica... , questa sera sono stato a farmi fare un preventivo alla daikin, per un sistema altherma, per una piccola casa che sto ristrutturando, 65mq circa. L&#39; ingegnere non e&#39; stato molto esaustivo, ma mi ha dato alcuni prezzi, che a dire il vero m&#39; interessavano per rendermi conto di quanto potrei spendere....Volevo se possibile delle delucidazioni a riguardo dell&#39; apparato di scambio che si monta nella sala termica:<br>1- è provvisto di quante uscite acqua calda-fredda?<br>ne consegue<br>2- la valvola a tre vie è compresa nell&#39; apparato o ti è stata aggiunta dall&#39; impiantista... e ci sono solo i controlli elettrici?<br>3- gestisce direttamente le due zone, oppure devo montare a parte la valvole?<br>4- anch&#39;io devo aggiungere una caldaia a pellets, nel mio caso, al sistema, abito in una zona + fredda della tua, ma il sistema gestisce autonomamente la caldaia di &quot;emergenza&quot;, nel senso che ha gia&#39; l&#39; elettronica per farlo.. compresa sonda temperature esterne, sonda umidita aria o sensore condensa sul evaporatore. A proposito, nella tiua zona sicuramente piu&#39; umida della mia, quando la temperatura e&#39; vicina allo zero, con nebbia o molta umidita&#39; l&#39; evaporatore esterno si riempie spesso di brina-ghiaccio.<br>5- forniscono o si devono acquistare dei particolari termostati<br>6- ho letto che usi radiatori, ma d&#39; estate per il rafrescamento ha montato anche i fancoil, con sistema automatico per la chiusura dei circuito acqua fredda ai radiatori...<br>Scusa la volgarita&#39; dei termini e le curiosit&agrave; che ti sto&#39; chiedendo, ma anch&#39;io non sono un tecnico del settore e certe coser non le scrivono sui depliants&#33;&#33;&#33;. Grazie anticipatamente.

mister x 65
29-01-2008, 09:44
Per clinica... La casa è su due piani circa 70mq per piano, libera su tre lati (nord- est- sud), cappotto esterno ed isolamento a tetto infissi nuovi con vetrocamera.<br>Io stavo pensando a una divisione climatica per ogni locale visto che devo ancora ultimare gli impianti.<br>sull&#39;altherma ti chiedo quanto assorbe in kw al massimo di potenza per sapere il tipo di richiesta della fornitura enel. In un depliant che ho si parla di una resistenza interna da 3kw.<br>Per quanto riguarda le uscite mi confermi un&#39;uscita unica per collettore ricaldamento e una per ACS?<br>Il pannello di comando può essere remoto, cioè istallato in casa mentre la macchina è in un locale tecnico?<br><br>ciao e scusa se anchio ti chiedo un sacco di cose, ma sei l&#39;unico sul forum ad averla istallata

clinicadellantenna
29-01-2008, 23:17
ciao scresan,<br>1) - L&#39;unit&agrave; interna è provvista di 2 tubi: ingresso acqua fredda e uscita acqua calda<br><br>2) - La valvola a tre vie non è compresa (naturalmante) nell&#39;apparato ma è stata aggiunta dall&#39;impiantista. La<br>macchina è provvista di controlli per gestirla.<br><br>3) - Due cronotermostati comandano le due valvole di zona, i loro contatti ausiliari fanno parte degli ingressi di una centralina autocostruita che gestisce la pompa di calore, la caldaia a gas, e il bollitore il tutto facente parte dello stesso impianto.<br><br>4) - Presumo che sia una domanda anche se non vedo il punto interrogativo.<br>Veramente non sono mai uscito a verificare l&#39;eventuale formazione di brina-ghiaggio, ma non penso sia mai successo dal momento che la macchina pensa autonomamente ad evitarlo.<br><br>5) - Se ti riferisci ai termostati ambiente (o ai cronotermostati), non sono articoli di fornitura da parte della Daikin<br>sono scelte che ognuno fa per dotare il proprio impianto di controlli della temperatura e degli orari di intervento.<br><br>6) - Uso i radiatori che avevo nell&#39;impianto precedente, avrei preferito il riscaldamento a pavimento ma doverlo fare in un appartamento dove ci si abita francamente non me la sono sentita, ho gi&agrave; spaccato la casa abbastanza per quello che ho fatto.<br>Il raffrescamento estivo non l&#39;ho previsto, preferisco consumare solo se necessario, l&#39;Alterma che ho comperato fa solo riscaldamento.<br><br>Spero di essere stato esaustivo, se hai altre domande fai pure, sarò feilce di esserti d&#39;aiuto, penso che se farai questa scelta ne avrai bisogno.<br>ciao

clinicadellantenna
29-01-2008, 23:54
ciao mister x 65<br>Credo che poter realizzare un impianto termico dividendo in una zona per ogni locale sia il massimo che si possa fare, secondo me la tua scelta è ottima.<br><br>E&#39; difficile stabilire quanto consuma perchè dipende molto dalla temperatura esterna.<br>Nel mio caso con temperatura esterna sotto zero, per 9 ore di funzionamento al giorno consuma poco mneno di 30 KWh mentre si dimezza con temperatura esterna mite.<br><br>Io ho un contratto con l&#39;ENEL per una fornitura di 4,5 KW, il contatore non è mai scattato, per far da mangiare uso un piano a induzione, ma ho anche un impianto fotovoltaico da 5 KW.<br><br>Se c&#39;è il sole, naturalmente, ho di più della fornitura ENEL e la PDC consuma di meno.<br><br>Se il sole non c&#39;è, oltre ad avere meno potenza a disposizione, la PDC consuma di più.<br><br>E&#39; capitato ancora che con la PDC accesa facevo da mangiare e usavo la lavatrice: potenza sufficiente,<br>no problem.<br><br>Per quanto riguarda la resistenza da 3 KW, per come la vedo io, è meglio non installarla, la PDC assolve a questo compito consumando un quarto.<br><br>Come ho scritto a scresan ho solo una uscita per l&#39;acqua calda che poi viene gestita dalla valvola a 3 vie.<br><br>Il pannello di controllo è collegato con un cavetto quindi basta toglierlo dalla sua sede e allungare il cavetto, però per questo è bene informarsi bene, non vorrei che allungandolo troppo possano nascere problemi.<br><br>Nessun problema a dare risposte in merito a chiunque, sono contento di rendremi utile.<br><br>Ciao<br>

scresan
30-01-2008, 01:10
Ottimo, grazie Clinica. Immaginavo che la daikin era un po&#39; spilorcia&#33;&#33;&#33; Le macchine di cui ho chiesto informazioni sono due, la altherma ed un&#39; altra chiamata minichiller. Alla daikin, pero&#39; mi hanno come sconsigliato quest&#39; ultima, anche se in realta&#39; è un prodotto tutto in uno: pompa di calore con piccolo accumulo d&#39; acqua per il sanitario di 10 litri, resistenza gia&#39; montata, recupero calore in estate quando si rafresaca l&#39; ambiente si produce acqua calda, 4 uscite, 2 per il sanitario, 2 per il riscaldamento, telecomando radio (non so se cronotermostato). Deve servire una piccola casetta in campagna, di 65 mq circa, costruita con ecomateriali alcuni anni fa, ben isolata, da utilizzate saltuariamente per ospitare clienti della mia azienda, sprovvista di metano, gas o altre robbe petrolifere, ma con elettricita&#39;. Per questa serie di motivi mi sono orientato ad una scelta del genere, anche se a dire il vesro sono stato sconsigliato dai miei soliti installatori, che mi vogliono rifilare la solita caldaietta a gas gpl, con bombolone, inquanto l&#39; utilizzo sporadico della casa non giustifica i costi dell&#39; impianto di cui sopra.<br> Ma io sono molto testardo, anche se ho un solo dubbio: la temperature dell&#39; acqua prodotta della macchina è veramente di 55 gradi (devo utilizzare radiatori e volendo, per riscaldare, i due fancoil ....per ovvi motivi di poter accendere il tutto all&#39; ultimo momento e non 24 ore prima come nel caso di pavimento riscaldato... ). Nel tuo utilizzo normale, a quanto tieni la temperatura dell&#39; acqua? Devo dimensionare i radiatori, e potrei sovradimensionarli, in quanto la particolare forma delle finestr della casetta, mi permette di usare piastre abbastanza grandi. Ciao e grazie ancora.<br>

scresan
31-01-2008, 21:14
P.S.: ancora una precisazione, ma la macchina ha i setup per impostare la temperatura dell&#39; impianto. Ad esempio 40 gradi per i termosifoni o riscaldamento a pavimento, poi 50 gradi per l&#39; acqua sanitaria. Ci sono ingressi elettrici liberi per collegarvi ad esempio le due zone della casa. O controlla solo la valvola a tre vie. Ancora grazie, alla prox.<br>

cirano
30-09-2008, 20:14
Ciao "Clinica" sto pensando anch'io di buttarmi su altherma. Come ti trovi un anno dopo?

clinicadellantenna
19-10-2008, 21:48
Ciao Cirano, scusa se ti rispondo solo adesso ma è da gennaio che non entro nel forum.

Dopo un inverno in cui ho scaldato la mia casa con la pompa di calore posso dire che se l'avessi saputo prima avrei sicuramente anticipato l'installazione.

Per cui, a ragion veduta, sono soddisfatissimo.

Ti dò qualche dato:

bolletta del gas: a parte i costi fissi ho speso 2 euro, sì, hai capito bene, 2 euro di gas.
bolletta della corrente: a parte i costi fissi ho speso 0 euro di elettricità (non ho il conto energia ma il conto capitale, quindi niente vendita di corrente ma restituzione)

La caldaia a gas l'ho accesa solo il giorno del collaudo. Ulteriori accensioni ci sono state ma sono dovute solamente al sistema automatico antigelo (la caldaia l'ho montata all'esterno)

La pompa di calore, oltre a gestire il riscaldamento, gestisce anche un boiler da 300 litri di acqua. L'impostazione che gli ho dato è: accensione a 37° e spegnimento a 43°, naturalmente nei mesi caldi è spenta perchè ci pensa il sole.
NON ho montato la resistenza da 3 KW (consigliata da Daikin)

Consumo della pompa di calore: 2352 KWh

Dal 1° gennaio al 31 dicembre 2007 il fotovoltaico ha prodotto 5131 KWh.

Visto che i miei consumi, pompa di calore esclusa, si attestano intorno ai 3000 KWh, e considerando una produzione annua media di 5000 KWh, va da sè che mi mancano 350 KWh all'anno per andare via pari.

Il fotovoltaico è nato il 4 agosto 2005 e quindi ho accumulato un credito di 3591 KWh (alla data del 31 agosto 2008.

Salta subilto all'occhio un dato molto interessante:
per pareggiare i conti mi ci vogliono 10 anni (3591:350).

Tra 10 anni, invece che pagare un consumo di 350 KWh comincerò a far partire la caldaia a gas nei giorni in cui la temperatura scenderà sotto zero.

Nel frattempo, la prima delle tre rate del recupero del 55% è arrivata.

Cosa ne pensi?

E cosa ne pensano tutti coloro che leggeranno queste mie poche righe?

Spero di avere tante risposte.

Ciao, clinicadellantenna

cirano
20-10-2008, 05:42
<o:smarttagtype namespaceuri="urn:schemas-microsoft-com<img src=" images="" smilies="" redface.gif="" border="0" alt="" title="Embarrassment" smilieid="2" class="inlineimg"></o:smarttagtype>Ciao "Clinica",<o></o>
con questa tua mail sbaragliamo le ultime resistenze culturali della mia signora alla tecnologia della pompa di calore!<o></o>
Il tuo resoconto è da incorniciare.
<o></o>
Quando parli del boiler da <st1:metricconverter productid="300 litri" w:st="on">300 litri</st1:metricconverter> e dici: <o></o>
<o></o>
"gestisce anche un boiler da <st1:metricconverter productid="300 litri" w:st="on">300 litri</st1:metricconverter> di acqua. L'impostazione che gli ho dato è: accensione a 37° e spegnimento a 43°, naturalmente nei mesi caldi è spenta perchè ci pensa il sole."<o></o>
<o></o>
Intendi dire che il boiler di Altherma è collegato con un adduzione da parte di un circuito solare termico?<o></o>
<o></o>
Grazie di tutto.<o></o>
:bye1:
<o>
</o>

clinicadellantenna
20-10-2008, 06:51
Ciao Cirano,
certamente, il solare termico è stata la prima cosa a cui ho pensato quando ho fatto la casa 20 anni fa, nelle varianti che generalmente si chiedono rispetto alla costruzione originale del progetto, ho chiesto di inserire un tubo di 80 cm (che poi si è rivelato insufficiente) che collegasse il tetto con il seminterrato.
All'epoca non si parlava certo di fotovoltaico.
Quando parli della tua signora C O M E - T I - C A P I S C O, comunque mi fa piacere che il mio quadretto possa contribuire per portare avanti un discorso ecologico e risparmioso per eccellenza.
Ciao, clinicadellantenna

penna81
21-03-2009, 21:53
ciao Clinica, ho letto che sei di Brescia, anch'io lo sono e sono ad un bivio, devo decidermi cosa fare per la casa nuova. La casa è in costruzione e ho già la delibera per un finanziamento con cessione di credito GSE per un fotovoltaico da 6 kW. Ma tutta questa corrente dove la butto?.....ecco la domanda Altherma. Mi piacerebbe scambiare due chiacchere con te per saperne di più per consumi e costi dato che i tecnici contattati si basano troppo su teorie. Asoetto tue notizie ...ciao e grazie

pietroartemio
22-03-2009, 10:57
x clinica
Hai scritto : "bolletta della corrente: a parte i costi fissi ho speso 0 euro di elettricità (non ho il conto energia ma il conto capitale, quindi niente vendita di corrente ma restituzione)"
Cos'è il "conto capitale" ?
P.S. è un pò che seguo le tue e-mail. Sei un pioniere in fatto di PDC. Il forum "http://www.chaleurterre.com/forum" tratta più diffusamente ed in dettaglio l'impiego delle PDC per riscaldamento. Anch'io sto pensando alla PDC in occasione della ristrutturazione del sistema di riscaldamento.
Non abito lontano da te (sono di Dalmine) e se me lo consentirai ti verrò a trovare per vedere il tuo impianto. Cordiali saluti.

chiccorsetto
23-03-2009, 08:42
salve,
ho questo problema.
sono in fase di ristrutturazione e vorrei utilizzare una PDC altherma, per alimentare un impianto a pavimento.
ma la casa e' su due piani. quello principale e un sottotetto.
il problema è che il sottotetto è molto basso e un sistema a pavimento ridurrebbe ancora la poca altezza a disposizione.
una soluzione potrebbe essere quella di alimentare termosifoni a b.t. o dei ventilconvettori, magari capaci anche di raffrescare in estate.
ma la macchina come farebbe a gestire due temperature in inverno, quella del pavimento e quella dei termosifoni o ventil, senza perdere in prestazioni?
oppure ci sono altre soluzioni?
per clinicadellantenna
per la produzione di acs hai usato il sistema altherma completo (serbatoio e solar kit)?
grazie