PDA

Visualizza la versione completa : dubbio su teleriscaladamento



crystalia
01-12-2007, 12:22
Buongiorno a tutti<br>Premetto che sono ignorante nel campo e quindi mi scuso se dovessi scrivere delle castronerie<br><br>Alcuni anni f&agrave; ho acquistato una appartamento in un palazzo in costruzione alletatta anche dal fatto che il sistema di riscaldamento (teleriscaldamento) utilizzato veniva presentato come ecologico, a basso impatto ambientale e soprattutto capace di grande risparmio energetico.<br>Ormai sono 3 anni che abito in questa casa e comincio a nutrire seri dubbi. Mi è stato detto che la &quot;quota fissa&quot; ( che aumenta sempre di più) è relativa alla dispersione termica: possibile che su 10 € di consumo 118€ siano dispersione termica?<br>Abbiamo chiesto spiegazioni alla ditta costruttrice la quale ci ha lasciato intendere che la ditta fornitrice del servizio non è molto seria; i fornitori invece ci hanno risposto:<br>1) la centralina e &quot; al freddo&quot; quindi comsuma molto per scaldare l&#39;acqua (se così è possiamo coibentarla, coprirla, fare qualcosa?)<br>2) le coibentazioni non sono a norma<br>In affetti abbiamo scoperto da poco che in un palazzo uguale al nostro e costruito un anno prima dalla stessa ditta pare che la coibentazione dei tubi si stia sgretolando. Possibile?<br>Possiamo fare qualcosa noi per migliorare l&#39;efficienza energetica dei nostri appartamenti? Avevo pensato a dei pannelli ma non so se possano effetivamente aiutare.<br><br>Grazie<br><br><br>

giorgio demurtas
01-12-2007, 12:58
questo è quello che ho fatto io.<br><a href="http://www.webgiorgio.it/ambiente/isolamento/index.htm" target="_blank">http://www.webgiorgio.it/ambiente/isolamento/index.htm</a><br>se ti giri il sito nella sezione ambiente puoi vedere anche come ho risolto per l&#39;acqua calda e per il riscaldamento.<br><br>ciao<br>

crystalia
01-12-2007, 13:06
Grazie, sei stato gentilissimo

pinetree
01-12-2007, 14:11
A parte l&#39;isolamento termico, un altro problema tipico del teleriscaldamento e riscaldamento centralizzata e la quasi innesistenza di sistemi di regolazione e controlli.<br><br>In quasi 30 anni ne ho visto un solo appartamento che aveva un sistema di regolazione per ogni termosifone, ed una gestione per ogni appartamente gestito in modo centralizzata.<br><br>Tra amici, parenti e vattelapesca, la regolazione tipica quando fa freddo è aprire la finestra.<br>Conosco gente che lascia la finestra aperta tutto il giorno.<br>Nessun ha mai preso in considerazione le mie parole per fare una minima di attenzione,<br>se non si vuole risolvere il problema come condominio, di fare almeno qualcosa nel piccolo.<br><br>Non conosco la tua situazione<br>percui parla in modo generico.<br><br>Soluzioni:<br>1. valvole termostatiche su ogni termosifone avendo la cura di regolare la manopola a mano durante la giornata. costa neanche €15 a termosifone.<br>Esempio la zona notte va impostato qualche ora prima di corricarsi al numero 3 (20°C), in timer centralizzato spegni il tutto durante la notte è quindi all&#39;accensione in mattinata si trova l&#39;impostazione di 20°C, ti svegli abbassi subito la manopola a 2 (18°C), l&#39;inerzia termica mantiene la temperatura per un orretta, ecc ecc<br><br>2. Montare un sistema di controllo centralizzata nel appartamento che gestisce più zone nella casa, esistono modelli senza filo, costa circa €80-€120 a termosifone, non serve impostazioni continue basta impostare il programma per ogni zona.<br><br>3. Montare un sistema di controllo centralizzata gestito per l&#39;intero palazzo, con contabilizzazione del calore, sistema decisamente più costoso ma almeno chi spreca paga, e non dobbiamo rendere vano la nostra sensibilit&agrave; al risparmio energetico perchè ci sono i menafreghisti nel palazzo.

Lolio
04-12-2007, 19:17
Le domande sono però molto distinte. Una riguarda l&#39;isolamento dei tubi del teleriscaldamento, l&#39;altra l&#39;efficienza energetica della casa. Per quanto riguarda il teleriscaldamento, se l&#39;isolamento non è a norma e molta energia rimane sottoterra non so se sar&agrave; possibile, ma forse bisogna chiedere in massa che la rete di distribuzione venga rifatta. La centralina non so cosa sia, forse intendi lo scambiatore all&#39;ingresso di ogni casa, in questo caso tutto è più semplice perché probabilmente si può isolare ed eventualmente sostituire con uno più efficiente.

crystalia
04-12-2007, 20:14
Prima di tutto, grazie per le vostre risposte<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">La centralina non so cosa sia, forse intendi lo scambiatore all&#39;ingresso di ogni casa</div></div><br>A naso direi di si anche se credo che esistano 2 centraline: una alta e una bassa . Purtroppo non ho ancora capito bene come funzioni ( ogni volta che chiedo informazioni, mi viene data una risposta diversa <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c56e473e034cd5578b2daa9ef56f7bb9.gif" alt=":o:"> )<br>Ho provato a proporre l&#39;idea di far fare una perizia ma la risposta è stata: costa troppo&#33; (siamo 90 appartamenti) e poi spaccherebbero nuovamente i muri e saremmo costretti a subire gravi disagi&#33;&#33;<br>La mia paura e che tra qualche anno ci ritroveremo con il sistema di isolamento dei tubi completamente andato e a dover fare i lavori per forza e di corsa oltre a pagare una &quot;quota fissa&quot; spropositata<br>Che ne pensate?

Lolio
04-12-2007, 22:46
Ma è teleriscaldamento o riscaldamento centralizzato?

crystalia
05-12-2007, 08:45
teleriscaldamento (così c&#39;è scritto nel capitolato)<br>Appena possibile prendo in mano un la documentazione che ho recuperato e cerco di essere più precisa

Lolio
05-12-2007, 21:37
E le dispersioni a cui ti riferisci sono dai tubi della rete di distribuzione o delle case? La centrale quanto dista e a cosa è alimentata, un inceneritore o che altro?

crystalia
06-12-2007, 16:24
Questo è quello che sono riuscita più o meno a capire:<br>La centrale che fornisce calore è una Centrale di cogenerazione L&#39;impianto dispone di una turbina a gas di invenzione aeronautica, alimentata a gas metano, in grado di fornire una potenza elettrica di circa 21 Mw. La peculiarit&agrave; dell&#39;impianto consiste nel fatto che i gas scaricati dalla turbina, prima di venire rilasciati nell&#39;atmosfera, vengono convogliati ad un recuperatore (caldaia a recupero) che consente di convertire il calore residuo presente nei fumi in vapore. Questo vapore può essere destinato, alternativamente o anche contemporaneamente, ad una turbina che può produrre alta elettricit&agrave; oppure a degli scambiatori di calore che permettono di alimentare la rete di teleriscaldamento per il servizio di climatizzazione degli edifici allacciati.<br>In una nicchia del poggiolo, chiusa da uno sportello, è stato montato un radiax - h2o (scambiatore di calore)<br>In ogni appartamento è stato montato un cronotermostato<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">E le dispersioni a cui ti riferisci sono dai tubi della rete di distribuzione o delle case?</div></div><br>Quando abbiamo chiesto spiegazioni sulla quora fissa ci è stato detto che era dovuta a dispersioni di calore (molto generico)<br>Provo a riportare le quote consumo Kwh ultimo trimestre (relativo ad un periodo in cui il riscaldamento è spento), magari da qui, voi che ve ne intendete, riuscite a capirlo<br>a) lettura contatore centrale piani bassi:84000<br>b) lettura contatore centrale piani alti: 79000<br>c) lettura complessiva moduli individuali: 20000<br>La quota fissa viene calcolata a+b-c il tutto diviso per il numero degli appartamenti moltiplicato i giorni di fatturazione.<br>Mi piacerebbe moltissimo capire dove sono questo dispersioni in modo da fare qualcosa per evitare di sprecare energia inutilmente<br><br>Ancora grazie di tutto l&#39;aiuto che mi state dando<br>

recoplan
06-12-2007, 16:44
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (crystalia @ 6/12/2007, 16:24)</div><div id="quote" align="left">.....In una nicchia del poggiolo, chiusa da uno sportello, è stato montato un radiax - h2o (scambiatore di calore)</div></div><br>Vediamo se indovino ....<br>I tubi e lo scabiatore non sono molti isolati , lo sporello in lamiera non è isolato e si apre verso una zona non riscaldata .<br><br>

crystalia
06-12-2007, 16:53
esatto

recoplan
06-12-2007, 17:22
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (crystalia @ 6/12/2007, 16:53)</div><div id="quote" align="left">esatto</div></div><br>Questo significa che voi state semplicemente scaldando l&#39;aria al&#39;esterno dell&#39;edificio.<br>penso che anche gli infissi e le pareti siano dei colabrodi termici<br><br>Vedo complicata la questione di far qualcosa con 90 appartamenti ovvero 90 teste diverse ... si potrebbe :<br>fare causa al costruttore se la casa non è stata costruita troppi anni fa<br>isolare e coibentare TUTTI i tubi e le apparecchiature non incassate nel muri<br><br>e se cambiassi casa ?

crystalia
06-12-2007, 18:16
abito qui da 2 anni e visto che l&#39;ho comprata ancora in costruzione ho fatto in modo che fosse adeguata alle mie esigenze, mi scoccia un po&#39; cambiar casa.<br>Proverò a parlarne nuovamente con gli altri condomini....ci sar&agrave; da ridere.... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/2e276d7eb2211190c2a8215f0db8852c.gif" alt=":cry:"><br>

recoplan
06-12-2007, 18:40
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (crystalia @ 6/12/2007, 18:16)</div><div id="quote" align="left">abito qui da <span style="color:red">2 anni e visto che l&#39;ho comprata ancora in costruzione </span> ho fatto in modo che fosse adeguata alle mie esigenze, mi scoccia un po&#39; cambiar casa.<br>Proverò a parlarne nuovamente con gli altri condomini....ci sar&agrave; da ridere.... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/67aca684dbed4985cfb0536c9e050c67.gif" alt=":cry:"></div></div><br>Che foruna &#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/6f924b537ae85bba093b9c87bd404161.gif" alt=":)"><br><br>Due anni fa le case doveveno gi&agrave; avere gi&agrave; certe prestazioni termiche : se il costruttore esiste (non è fallito) ancora è possibile portarlo in giudizio avendo ottime probabilit&agrave; di ottenere un grande risarcimento .<br><br>Ciao da Recoplan