PDA

Visualizza la versione completa : batterie solfatate o no?



DOLOMITICO
06-01-2008, 18:27
Ciao ragazzi sono nuovo di qui anche se è un po che sbircio qui in giro.<br>Ho una domanda.ho un pannello fotovoltaico da 60wp.che mi carica 2 pacchi di batterie auto messe in parallelo,<br>2 perche le ho divise mettendole per marca e capacita uguali (si lo so che non si fa ma ho seguito tutte le istruzioni per ecqualizzarle x bene. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/b18e2db31810fb81e040ae3469a033dc.gif" alt=":rolleyes:"><br>Le prime comprate nuove della ursus da 45ah le ho usate per tutta l&#39;estate e poi passando da uno sfasciacarrozze<br>per una miseria ne ho comprate altre 4 della varta da 45ah. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/6c01c0044cbc71f0452725a8c18ee61e.gif" alt=":woot:"><br>All&#39;inizio erano un po in agonia(le varta)e poi si sono riprese bene e funzionano a meraviglia.<br>Purtroppo le ursus che nel frattempo avevo caricato e lasciato in stand-by per 2 mesi collegate in parallelo le ho rimesse in funzione con un deviatore in modo da passare da un pacco all&#39;altro senza staccare e riattaccare cavi,mi davano segni di cedimento.<br>Si caricano e scaricano subito,non hanno resistenza di fronte a assorbimenti anche limitati(parlo di 8ah al massimo.<br>Mi chiedo:ma visto che le ho caricate e lasciate per un periodo limitato(2 mesi)al fresco(10 gradi)si sono solfatate da sole??? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4d0786464459fe6e3da06d0becd781d0.gif" alt=":angry:"><br>E quelle del sfasciacarrozze che chissa quanto tempo erano li vanno da dio.<br>Grazie per la risposta

Eddy79
13-01-2008, 18:35
ciao<br>Puoi tentare di recuperare le batterie cosi&#39;:<br>Primo ti serve un densimetro per misurare la densita&#39; dell&#39;elettrolita di tutti gli elementi .<br>Se ne trovi uno che ha densita&#39; molto inferiore agli altri la batteria potrebbe essere da rottamare ..<br>La densita&#39; ottimale per una batteria carica e&#39; di almeno 1,26 Kg/l meglio se 1,28.<br>Da scariche le batterie possono scendere anche a 1,14 1,12 Kg/l .<br><br>Effettua una carica lenta delle batterie solfatate con una corrente costante del 2% della capacita&#39; nominale della batteria per almeno 72 ore. Metti le batterie in carica in serie e non in parallelo.<br>Se dopo 3 giorni la densita&#39; e&#39; salita&#39; almeno un po&#39; su tutti gli elementi allora ci sono speranze altrimenti le batterie sono morte.<br>Effettua una carica normale e una scarica misurando i tempi e le correnti di scarica per sapere gli A/h erogati.<br>Arresta la scarica a 1,8 volt per elemento<br><br>Eddy

DOLOMITICO
14-01-2008, 13:25
grazie 1000.<br>essendo che sono nuove non so da cosa sia dipeso se dall collegamento in parallelo o dal fatto che il reg di carica si in una stanza diversa(cosi ho letto poi che non puo rilevare la temperatura corretta per la carica)

DOLOMITICO
17-01-2008, 11:31
Ma una curiosita di fondo mi resta:<br>con un pannello da 12v 60wp come posso fare per avere una buona riserva di energia usando piu batterie se non si possono collegare in parallelo?<br>Devo usare deviatori?Diodi?<br>Esiste un sistema valido senza dover intervenire manualmente?

Eddy79
17-01-2008, 21:53
Le carichi separatamente ; quando una e&#39; carica la stacchi e carichi l&#39;altra...<br>Per la scarica fai uguale.<br>In alternativa esistono in vendita dei dispositivi (per lo piu&#39; in rete) che ti permettono di collegare due batterie in parallelo potendole caricare e scaricare.<br>Non so che efficenza abbiano pero&#39;<br><br>60w sono sufficenti per caricare una batteria da 50Ah non tanto di piu&#39;.<br>Quante batterie e di che tensione hai in tutto attaccate a questo pannello ?<br><br>Ciao<br>Eddy

DOLOMITICO
18-01-2008, 09:42
dopo il reg di carica ho messo un deviatore che va a 2 file di batterie le prime sono 2 batterie ursus.<br>Le ultime sono 4 batterie varta recuperate da uno sfasciacarrozze.<br>Il problema è la capacita.l&#39;ideale sarebbe 200ah.<br>Per questo ho tentato con il parallelo.<br>Ho visto i parallelatori.ma allora compro dei deviatori manuali e faccio prima.<br>Vuoi dire che un pannello cosi non riesce a caricare che ne so,150 ah di batteria?

DOLOMITICO
18-01-2008, 12:17
Misurate tutte 2<br>la prima ha 5 celle uguali che segnano 1200,e una cella segna 1250<br>la seconda ha le 2 celle vicino ai poli a 1125 e quelle centrali tutte a 1225<br>Sul mio densimetro segna numeri a 4 cifre

Eddy79
18-01-2008, 21:15
ciao;<br>Se il tuo densimetro e&#39; graduato in grammi al litro (desumo dai valori che hai dato) la seconda batteria ha un paio di celle a 1,12Kg/l che e&#39; un valore decisamente basso e ti compromette l&#39;accumulatore,<br>Se hai gia&#39; fatto la carica lenta e&#39; possibile che la batteria si sia danneggiata <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1cd68c930a3ed3697cd87ac65f723b74.gif" alt=":("><br>Tuttavia prova ancora a caricare e scaricare alcune volte la batteria<br><br>Se le due batterie sono rimaste collegate in parallelo per diverso tempo e&#39; possibile che una delle 2 sia da buttare ..<br><br>Eddy

DOLOMITICO
19-01-2008, 18:36
non l ho ancora fatto<br>come la devo fare?<br>Attaccare un caricabatterie a basso amperaggio e lasciarlo x 72 ore<br>dopo diche scaricarla fino a 11,4 volt o scaricarla totalment a 0 volt?<br>l&#39;acido mi sembra ricoperto in superfice da una patina biancastra

Eddy79
19-01-2008, 18:56
Ciao<br>Meglio mai scaricare le batterie al piombo oltre 1,8 V per elemento. (10,8 per le 12)<br><br>L&#39;ideale sarebbe caricarle a corrente costante con il 2% di C .<br>Cosi fa il caricabatterie apposito per batterie solfatate.<br><br>Se il tuo caricabatt. e&#39; regolabile mettilo al minimo e magari mettici anche una lampadina a 12 volt 55w (quella delle luci) in serie sempre per ridurre la corrente .<br>Vedi se dopo 2-3 giorni la densita&#39; e&#39; un po&#39; salita.<br><br>Eddy

DOLOMITICO
19-01-2008, 19:19
Ho un alimentatore regolabile da 0 a 30volt,e da 0 a 5 amper<br>posso usare quello?Posso dare qualsiasi corrente.<br><br>L&#39;ideale sarebbe caricarle a corrente costante con il 2% di C<br><br>Sarebbe il 2%di corrente.<br>quindi con batteria da 45 ah<br> 1 amper scarso

Eddy79
20-01-2008, 10:18
Esatto, se e&#39; regolabile in corrente regoli una tensione di almeno 17 18 volt poi lo metti in cortocircuito e regoli un ampere circa;<br>Colleghi la bateria e vai a fare un weekend in montagna, quando arrivi vedi come&#39; la situazione <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/243fe3afc1a1fc6e67fd23c458a09241.gif" alt=":)"><br><br>Eddy

DOLOMITICO
20-01-2008, 13:19
Ho collegato stamattina una batteria e adesso aspetto gli esiti.ma 17-18 volt a vuoto non sono troppi??<br>Sapevo max 13.8-14<br>Riguardo al weekend in montagna ci sto gia sulle dolomiti 365 gg all anno,dovrei andare al mare ma non è stagione.<br>dici sia possibile che la ricarica in parallelo danneggi le batterie a tal punt da solfatarle in tempi record?<br>Avevano si e no 6 mesi di vita

Eddy79
20-01-2008, 14:39
ciao<br>Beato te per la sistemazione <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/b8fba7f88b1569d52aa803996bc2d515.gif" alt=":)"><br>17 18 tanto non ci arriva perche&#39; la batteria a 1 ampere non dovrebbe salire molto<br>Tuttavia accumulatori molto solfatati appena alimentati con correnti 2%C arrivano anche a 10volt per elemento &#33;<br>Poi pero&#39; scendono <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1b1dcea4567a4fdf97c1099825f1a979.gif" alt=";)"><br><br>Eddy

DOLOMITICO
21-01-2008, 15:53
è da ieri mattina che ne ho messo una con questa tecnica in carica.<br>I volt risultano risaliti a 12.80 dopo 30ore<br>Ho misurato l&#39;acido delle 6 celle e sembra si siano livellate,nessuna cella è piu in zona rossa.<br>Se l&#39;esito è positivo come sembra passo alla seconda batt.<br>Proprio oggi mi è capitata una batteria da 45ah che è rimasta vittima di poca manutenzione(a dire il vero era senza manutenzione)il voltaggio era a 10.5volt con le celle senza liquidi.<br>Se rianimo anche questa la storia comincia a farsi interessante.<br>Ciao Eddy e intanto grazie x l&#39;aiuto.<br><br><br><br><br>

gattmes
22-01-2008, 15:05
limita anche la tensione (oltre alla corrente)....<br>Inizi a caricare in CV (constant voltage) e poi dovrebbe passare in CC.<br><br>PS (a richiesta.. vedi msg successivi a questo):<br>CV significa che la tensione è costante (come su un classico alim da laboratorio quanto si impostano &quot;x&quot; Volt..)<br>CC significa che la corrente è costante (come su un classico alim da laboratorio con limitazione lineare di corrente... e quando questa è impostata a un valore uguale o minore di quella richiesta dal carico, ovvero quando l&#39;alim lavora in limitazione di corrente [e la tensione in uscita scende dal valore a vuoto/impostato])<br><br>Nelle FAQ sulle bat era gi&agrave; scritto (ecco xchè leggere sempre le faq) tuttavia in modo poco visibile.<br>Ho quindi evidenziato i termini, aggiunto le traduzioni in inglese nonche gli acronimi da queste derivati.<br><br><span class="edit">Edited by gattmes - 23/1/2008, 12:18</span>

DOLOMITICO
22-01-2008, 15:44
Scusa ma cosa significa il costant voltage?<br>Ho fatto lo stesso trattamento a entrambe le batterie,l&#39;acido è omogeneo su tutte e 2,<br>Per la precisione è al limite fra medio scariche e scariche.adesso provo a scaricarle e ricaricarle un paio di volte x vedere se riprendono carica piena.<br>Ricordo che le batt prese dal sfasciamacchine hanno avuto bisogno di qualche ciclo x rimettersi in piedi.<br>Ma ancora non capisco cosa sia successo per ridurle cosi.<br>Grazie gattmes è un po che leggo i tuoi post molto tecnici.<br><br>Ps:ma per avere una buona scorta di energia e quindi batterie che collegamenti si possono fare?Escluso il parallelo calcolando che ho tutto predisposto per i 12 volt <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/60d9daaddc1a43151dc49a6f493583a0.gif" alt=":huh:">

Eddy79
22-01-2008, 21:16
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (DOLOMITICO @ 22/1/2008, 15:44)</div><div id="quote" align="left">...<br>Ps:ma per avere una buona scorta di energia e quindi batterie che collegamenti si possono fare?Escluso il parallelo calcolando che ho tutto predisposto per i 12 volt <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/8e2f61dcbd0c14b35c6ea30d0832f213.gif" alt=":huh:"><br>...</div></div><br>Ciao,<br>Se il tuo impianto e&#39; a 12 volt non puoi farci molto, se metti le batterie in serie avrai 24- 36- volt ...<br>Domanda: il complesso di accumulatori lo ricarichi con il solare ? tutto con il pannellino da 60w ?<br><br>Eddy

DOLOMITICO
23-01-2008, 20:53
si,tutto col pannello da 60.<br>solo in caso che il livello di carica scende troppo attacco temporaneamente un alimentatore.<br>ho sentoto parlare di diodi ma non so se funziona<br>

Eddy79
23-01-2008, 23:48
Ciao<br>Con soli 60 w per mio conto conviene caricare le batterie separatamente quindi con uno switch che commuta la n°1 la n°2 la n°3 ecc; tuttavia se vuoi rendere automatica la ricarica forse conviene cercare un timer che ogni 24 ore cambia batteria ma per far questo ci si addentra un po&#39; nell&#39;elettronica fai da te..<br>Per la scarica potresti mettere un diodo di potenza all&#39;uscita di ogni batteria e collegarle in parallelo cosi&#39; sommi la corrente e riduci i problemi dei paralleli ma non e&#39; una soluzione ottimale<br>Oppure utilizzi il solito switch manuale ...<br><br>Eddy<br>

DOLOMITICO
24-01-2008, 15:22
Vada x lo switch<br>A dire il vero l ho gia montato per scambiare i 2 pacchi.<br>Il fatto è che dai rottemai trovi quintali di batterie da45ah e poche poche batt da 100ah.<br>Nelle batterie caricate con la corrente al 2% l&#39;acido si è stabilizzato su tutte le piastre uguali ma non sono arrivato alla carica max.<br>Si limita a segnare 12.55volt senza carico.Voglio provare a scaricarle e ricaricarle un paio di volte per vedere.<br>Una cosa che ho notato:<br>se consumo solo 7 ah di carico non ci son problemi<br>se pero arrivo a 10-15 la tensione va in picchiata verso gli 11-10volt<br>Posso mantenere il carico attivo o insorgono problemi?<br>Il carico è attaccato su 4 batt in parallelo da 45.<br>Pochi amper x batt insomma.<br><br>Ma una batteria perfetta non esiste?<br>Scarica a 0 poi ricarica come i cellulari.Invece che mezze cariche solfati e casini vari.<br>Credo che ste tecnologie stentano a decollare,quando cominci a superare i 100wt di assorbimento capita di tutto. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/d38b2421d6380d873b9ecbf801dccd8e.gif" alt=":(">

Eddy79
24-01-2008, 22:17
Ciao<br>ci sono diverse tipologie di batterie e le piombo sono le piu&#39; economiche in relazione a C.<br>E&#39; vero che presentano alcuni problemi e richiedono alcune attenzioni ma in realta&#39; sono molto robuste e durature.<br>(Mai visto una batteria da cellulare durare 10 anni? eppure ci sono batterie al Pb da trazione che ce la fanno)<br>Una cosa da non fare e&#39; scaricarle troppo &#33; mai sotto 1,8 V elemento<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Il carico è attaccato su 4 batt in parallelo da 45.<br>Pochi amper x batt insomma.</div></div><br>In realta&#39; non puoi sapere se e quanta corrrente eroga ciascuna batteria, e&#39; probabile che si stia scaricando una sola da matti e le altre 3 stiano a guardare o quasi.<br>Il tuo problema e&#39; che stai usando troppe batterie e molte di queste non sono nuove.<br>Per di piu&#39; stai facendo dei paralleli che sono assolutamente da evitare <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/97d83c3023a110b9fac6ffcd5975cc27.gif" alt=":)"><br><br>Ad essere sinceri anche le serie di batterie non sono facili da realizzare; (le batterie devono essere perfettamente uguali, cariche alla stessa densita&#39;, e possibilmente gemelle ovvero della stessa fornitura)<br>E da notare che tutte le batteria sono formate da elementi in serie e se per un qualunque motivo gli elementi si sbilanciano la batteria lavora male; per ovviare a cio&#39; esistono caricabatterie che hanno la funzione di &quot;equalizzazione&quot; che ricrea una carica simile a quella che hai fatto al 2%<br><br>Il mio consiglio e&#39;, visto che disponi di soli 60w, di usare una sola batteria in maniera di essere sicuro della carica e successiva scarica .<br><br>Cosa devi alimentare con queste batterie ?<br><br>Per quanto concerne le batterie caricate al 2%, se la densita&#39; di tutti gli elementi si e&#39; portata almeno attorno 1,20 kg/l (1200) puoi caricarle adesso con un normale caricabatterie in maniera che raggiungano i 14,4 e vadano un po&#39; in gassificazione che male non fa.<br>Poi puoi anche provare a fare l&#39;avviamento ad una macchina e ti accorgi subito se sono ok oppure ko.<br><br>Ancora 2 parole di carattere generale: le batterie da macchina non sono concepite per utilizzo da gruppo di continuita&#39; per cui non sono in grado di erogare correnti importanti per periodi prolungati (a volte non arrivano neanche alla capacita&#39; di targa <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/e4e0b1fe35199e410bf1c8adeaefc3b6.gif" alt=":angry:"> ), fanno solo tanti ampere di spunto che e&#39; quello che serve ...<br>Nel tuo caso servirebbero 2 batterie da 6 volt corazzate da <b>trazione leggera</b> messe in serie per fare 12 volt.<br>1° problema e&#39; che con 60 w non ce la fai a caricarle (servirebbero come minimo 200w)<br>2° problema costano parecchio<br>Questa sarebbe la soluzione definitiva al problema di fornitura di energia <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/faf38964322a7df2cc5c174d369017a9.gif" alt=";)"><br><br>Se ti accontenti di poter disporre di minore energia usi le batterie che hai avendo l&#39;accortezza di commutare da una batteria all&#39;altra quando la prima e&#39; scarica e di caricarle separatamente (non usare 2 pacchi ma usa 4 batterie e uno switch a 4 posizioni)..<br><br>Eddy

DOLOMITICO
27-01-2008, 16:23
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">In realta&#39; non puoi sapere se e quanta corrrente eroga ciascuna batteria, e&#39; probabile che si stia scaricando una sola da matti e le altre 3 stiano a guardare o quasi.</div></div><br>Questo è vero avevo notato questa anomalia.Sembrava proprio che non fossero 4 ma 1 sola.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Per di piu&#39; stai facendo dei paralleli che sono assolutamente da evitare</div></div><br>Lo sapevo che era un rischio ma leggevo che con le dovute cure si poteva tentare.<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Cosa devi alimentare con queste batterie</div></div><br>Una tivu da 60w 2 lampadine un citofono e qualche cosuccia saltuaria (carica batterie x cell-piccoli utensili.insomma stavo realizzando un sistema alternativo all enel che in caso di black out avessi una parte di casa in funzione.<br>Avendo un inverter sinusoidale da 275w volevo sfruttarlo almeno con dei picchi di 250w:<br>e qui casca l&#39;asino........come fai ad alimentarlo se richiede 20 ah ora e con 45 ah di batt non glieli darai mai?<br>Per quello ho tentato il parallelo però mi trovo che gia a 12ah il led del reg di carica lampeggia come un albero di natale(significa che la tensione arriva sotto gli11.8 volt a scendere) <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/3ccffa90eac23a267f4acc0b804e305c.gif" alt="&lt;_&lt;"><br><br>Ho pensato anche alle batt stazionarie.ma a parte il costo (170€ x una batt da 100ah al gel)<br>mi dicono sul sito che durano x 10 anni,e invece un mio amico che le usa mi diceva che non è mai andato oltre i 4 anni con quelle a acido.<br>A chi credere?<br>Se poi calcoli che trovi tantissime batterie usate dai scassamacchine x poche decine di €<br>è ovvio che ho dovuto prendere un compromesso.<br>Avevo pensato anche al collegamento in serie xo ho solo un pannello da 12v.<br>L&#39;ultima follia che pensavo (ma non sono sicuro ci riusciro mai)era realizzare una gigantesca batteria da almeno 300ah,ma follie a parte questo è il tutto. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c27622840197161f2e1d181c70034445.gif" alt=":rolleyes:"><br><br>ps:mi sorge un dubbio.Ma se io carico una ipotetica batt da 300 ah con 3ah ora,ci mettera una vita ma alla fine riesce ben a caricarla o esiste un rapporto CAPACITA/CORRENTE DI CARICA che non si puo superare???&#39;

Eddy79
28-01-2008, 21:45
ciao<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">ps:mi sorge un dubbio.Ma se io carico una ipotetica batt da 300 ah con 3ah ora,ci mettera una vita ma alla fine riesce ben a caricarla o esiste un rapporto CAPACITA/CORRENTE DI CARICA che non si puo superare???&#39;</div></div><br>Non si caricano bene se la corrente e&#39; troppo bassa ( I iniziale = 1/10 di C almeno )<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Una tivu da 60w 2 lampadine un citofono e qualche cosuccia saltuaria (carica batterie x cell-piccoli utensili.insomma stavo realizzando un sistema alternativo all enel che in caso di black out avessi una parte di casa in funzione.<br>Avendo un inverter sinusoidale da 275w volevo sfruttarlo almeno con dei picchi di 250w</div></div><br>Considera che se utilizzi un po&#39; di tutta sta&#39; roba non la tieni carica con 60 w la batteria ....<br><br>Per il problema della caduta di tensione se la batteria da avviamento e&#39; ok deve erogare anche 200 A restando comunque con tensioni non inferiori ai 10,5 V (questo per poco tempo ovvio ..)<br><br>Eddy

DOLOMITICO
29-01-2008, 09:17
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Considera che se utilizzi un po&#39; di tutta sta&#39; roba non la tieni carica con 60 w la batteria</div></div><br>Io ho elencato cosa ho attaccato,ma non uso tutto contemporaneamente.<br>A dire il vero la tivu è per utilizzare le eccedenze,<br>Il resto consuma poco assai.Le lampadine 1ah a testa,il citofono acceso un altro ah,<br>Il mio problema era avere una grande capacita per accumulare energia quando non mi serve e utilizzarla in seguito.devo provare con batterie da 100ah.<br>Ma che differenza costruttiva cè fra le semistazzionarie e da avviamento per giustificarne i prezzi?<br>Mi pare di aver capito che lavori con le batt esauste,ma che fine fanno gli scarti?<br>Acido fango ecc?

Eddy79
29-01-2008, 21:39
ciao;<br>Il problema di avere una batteria grossa e&#39; che difficilmente riesci a caricarla bene con soli 60w e alla lunga te la trovi sempre piu&#39; scarica perche&#39; caricare una batteria non e&#39; come riempire un serbatoio che goccia dopo goccia si riempie.<br>Dovresti mettere 2 o 3 batterie piu&#39; piccole caricarle una alla volta e scaricarle nello stesso modo, una alla volta<br><br>La differenza tra le batterie da avviamento e le batterie da trazione fisicamente e&#39; che le prime la sollevi con una mano le seconde chiedi una mano a qualcuno per spostarle;<br>Contengono molto piu&#39; materiale, le piastre sono piu&#39; spesse .<br>La capacita&#39; viene fatta mettendo piombo ...<br><br>Io non lavoro nello smaltimento, riparo carrelli elevatori elettrici e il problema della riserva di carica e&#39; molto importante ..<br>A volte capita di andare a sostituire elementi di vecchie batterie che sono talmente mal ridotti che si spezzano a meta&#39; quando li sollevi ; quello che c&#39;e&#39; dentro e&#39; assolutamente irriconoscibile. Il Pb che da nuovo e&#39; color grigio simile allo stagno e&#39; completamente marrone e inconsistente ; sembra appunto fango.<br>Non so come facciano ma sicuramente lo riciclano..<br><br>Ecco cosa succede quando una giornata va storta.. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/44fea89419c58bd555bf54f7ccac72f7.gif" alt=":)"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/44fea89419c58bd555bf54f7ccac72f7.gif" alt=":)"><br><a href="http://image.forumcommunity.it/1/5/7/3/4/4/6/1201639051.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/f50f0cfe7e8e7cfa3b9031b0e4ae12df.jpg" alt=""></a><br><br>Eddy<br>

DOLOMITICO
30-01-2008, 09:48
Caspita che groviglio ma si è spaccata o l&#39;avete aperta?.<br>Ho capito il concetto quindi per caricare bene 200 ah di batteria devi dare almeno 20ah di carica e cosi via.<br>Adesso sto studiando le turbine eoliche e se riesco a fare qualcosa di decente spero di trovare li gli ah aggiuntivi.<br>Ma sai niente di qunto durano le batt da trazione in termini di tempo??<br>Se ne trovo da recupero faccio una prova.<br>

DOLOMITICO
30-01-2008, 13:19
Ho provato a aprire una batt al gel da 7 ah,cosi per capire cosa cè dentro.<br>Ho trovato le piastre nere da una parte e grigie dall altra.le grigie erano ricoperte da una patina bianca spessa spessa(solfato presumo)a vederle non sembrano difficili da ricreare<a href="http://image.forumcommunity.it/1/9/8/4/7/7/0/1201695351.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/e84a7d3bade43c18872fa3ca1bfb75ae.jpg" alt=""></a><br><br><br>Questa era rovinata,cmquna parte del metallo mi sembra recuperabile,non tanto,ho provato a fonderlo un po e sembra stagno da nero fa delle bollicine argento. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0a7e9e7a2400bbf0a7b570add399f43c.gif" alt=":rolleyes:"><br><br><center><b>Attached Image</b></center><br><table class="fancyborder" style="width:50%" align="center" cellpadding="4" cellspacing="0"><tr><td align="center"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/6f86d69deb998a999aeab0b075eb6935.jpg" alt="Attached Image"></table><p>

Eddy79
31-01-2008, 21:30
Le batterie da trazione hanno durate molto variabili ; si puo&#39; arrivare anche a 10-15 anni se usate con criterio, ovvero non far mancare acqua e non metterne troppa, non scaricarle troppo, caricarle appena possibile ecc..<br><br>Si, si e&#39; rotta la parte di sopra dell&#39;elemento mentre lo sollevavo per sostituirlo ... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/63ad2d56e61b5c96b618833d04ae74a7.gif" alt=":("><br><br>Eddy

DOLOMITICO
01-02-2008, 12:16
Ma dimmi una cosa,visto che sole non ce nè in questo periodo sto sperimentando batterie recuperate in discarica,il voltaggio è quasi sempre buono (dai 12.08 ai 12.55 circa)<br>Ovviamente manca un po di elettrolita o fanno fatica a caricarsi con correnti intense.<br>Ieri ho trovato una batt da 250 ah credo,era enorme.12.08 volt e l&#39;elettrolito uguale su tutte le piastre.<br>Caricandola mi prendeva 3ah poi è salita a 3.55ah e adesso viaggia sull 1.75.<br>Secondo te l&#39;opzione migliore è:<br>1)caricarla-scaricarla intensamente finche vedi segni di variazioni?<br>2)cambiare l&#39;elettrolito?<br><br>ps:come si cambia l&#39;elettrolito?<br>Con la batt carica e quindi con l&#39;acido restante in circolo(non penso)<br>Con la batt scarica ma l&#39;acido è sulle piastre quindi diffice rilevare la giusta quantita.<br><br>Ormai facciamo un monologo a 2 su questo post.<br>Ma una vera guida in linea sul recupero e rigenerazione batt non l&#39;ho trovata,<br>anzi trovi talmente tanti dati contraddittori in rete da diventare matto.<br>E si che è una tecnologia ben rodata ormai.<br><br><br>

Eddy79
01-02-2008, 21:10
In effetti sulle batterie c&#39;e&#39; parecchia confuzione , penso a causa delle diverse tipologia piombo liquido, gel, nichel, litio e polimeri ... non si finisce piu&#39; ....<br>Io ho esperienza solo sulle piombo liquido e gel<br><br>Ho provato tempo indietro ad aggiungere acido oppure sostituire l&#39;elettrolita ma il risultato e&#39; sempre stato deludente. Il mio consiglio e&#39; quello di non variare l&#39;acidita&#39; interna della batteria ovvero aggiungere solo H2O e non H2SO4 .<br>Durante la scarica la densita&#39; si abbassa, parte dell&#39;acido viene intrappolato chimicamente nella piastra non ricordo se la positiva oppure la negativa..<br><br>Se la batteria ha densita&#39; molto bassa caricala lentamente in maniera di farle rilasciare H2SO4 altrimenti caricala con un normale caricabatteria.<br>La tensione a vuoto e&#39; poco significativa , non prenderla come esame sulal qualita&#39; dell&#39;accumulatore. Prendi l&#39;abitudine di andare negli sfasciacarrozze con densimetro <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/e154549668c843de2da9008e1d12a76f.gif" alt=":)"><br><br>Una batteria pero&#39; puo&#39; anche presentare densita&#39; buona su 5 elementi e 0 sul sesto ; segno che probabilmente la batteria ha un elemento interrotto quindi e&#39; irrecuperabile se non per la fusione ..<br><br>Eddy<br><br>Tratto da Wiki :<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">La cella piombo-acida è il costituente fondamentale dei comuni accumulatori per auto. Utilizzano un anodo fatto di polvere di piombo (Pb) spugnosa e un catodo di diossido di piombo (PbO2).<br><br>L&#39;elettrolita è una soluzione di acido solforico (H2SO4) 4,5 M. La differenza di potenziale ai poli è di 2,1 V infatti negli accumulatori per automobili troviamo sei celle piombo-acide in serie, che generano una differenza di potenziale complessiva di 12 V.<br><br>Negli accumulatori moderni, infine, si utilizza una lega di piombo che inibisce l&#39;elettrolisi dell&#39;acqua, potenzialmente pericolosa in quanto producendo idrogeno e ossigeno gassosi è a rischio di esplosioni.<br><br>Reazione chimica all&#39;anodo (ossidazione) Pb + HSO4- -> PbSO4 + H+ + 2e-<br>Reazione chimica al catodo (riduzione) PbO2 + 3H+ + HSO4- + 2e- -> PbSO4 + 2H2O<br>Reazione completa PbO2 + Pb + 2H2SO4 -> 2PbSO4 + 2H2O<br><br> Usi: Alimentazione automobili e camion<br> Vantaggi: Eroga correnti molto elevate, affidabile e di lunga vita, funziona bene a basse temperature<br> Svantaggi: Il piombo è un metallo pesante ed è tossico. Perdita di capacit&agrave; dovuta a stress meccanici.</div></div><br>

DOLOMITICO
02-02-2008, 09:07
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Se la batteria ha densita&#39; molto bassa caricala lentamente in maniera di farle rilasciare H2SO4 altrimenti caricala con un normale caricabatteria.</div></div><br>Questa tecnica devo dire che da buoni risultati.<br>La batteria da 250 ah sta risalendo la china,anche se assorbe 1 ah pero l&#39;acido è gia fuori dalla zona rossa sul densimetro.<br>L&#39;altrada 100ah non è in corto perche il voltaggio è corretto,era rimasta a corto di liquido.<br>Adesso è in carica lenta vediamo un po.<br>Per l&#39;acido H2SO4 l ho aggiunto solo dove mancava su 3 piastre su 6<br>Allora cambiare l&#39;elettrolito dici non porta a molti risultati?<br>Xche se non riuscivo a stabilizzare le piastre era proprio un tentativo che volevo fare<br>

Eddy79
02-02-2008, 20:01
[QUOTE=DOLOMITICO,2/2/2008, 09:07]<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">.....<br>Allora cambiare l&#39;elettrolito dici non porta a molti risultati?<br>Xche se non riuscivo a stabilizzare le piastre era proprio un tentativo che volevo fare</div></div><br>Se la batteria non risponde con nessun tentativo di carica lenta (quindi e&#39; morta) prova pure a ripristinare la densita&#39; sostituendo H<sub>2</sub>SO<sub>4</sub>. Tutta esperienza che ti fai, ma non sperare troppo nei risultati; avrai le celle con densita&#39; alta ma la batteria non eroghera&#39; comunque corrente o ne dara&#39; poca ,,,<br><br>Eddy

DOLOMITICO
06-02-2008, 18:19
Ho visto in giro anche dei desofatatori a frequenza,qui sul forum sono pessimisti chi li ha provati.<br>Ne sai qualche cosa?<br>Scusa l&#39;assenteismo ma fra lavoro casa mi manca un po il tempo.<br>Sto rianimando una batt da 205ah,sembra che funzioni anche se dopo vari giorni di carica (voltaggio 12.70)assorbe solo 1 ah.adesso ci vuole una bella scarica fino a 12 volt netti e poi su di nuovo,ho aggiunto acqua distillata e sembra un po piu in forma

Eddy79
06-02-2008, 21:53
Non conosco in particolare dei desolafatatori a &quot;frequenza&quot; ; quello che usiamo noi e&#39; switching quindi &quot;oscilla&quot; ma non so se intendono questo ...<br>Comunque il succo st&agrave; nel dargli pochi ampere per tanto tempo ...<br><br>Non riesci a fargli prendere 4 ampere ? non ti spaventare se la tensione sale alle stelle e misura la densit&agrave; ogni tanto<br><br>Eddy

DOLOMITICO
07-02-2008, 15:23
No all&#39;inizio prendeva 3-4ah poi è calata e adesso sta costantemente sull amper,<br>ho fatto una prova attaccando un carico potente(una resistenza da 300w tramite inverte)<br>E teneva botta,anche se ciclicamente arrivava a 10.5volt ogni 2 min si attivava la protezione dell&#39;inverter e poi ristabilita la tensione ripartiva.<br>Dovrei scaricarla e ricaricarla per vedere.<br>Le batterie da 12 volt 45ah mi sa che sono fiacche non caricano un tubo e non tengono grossi carichi.<br>Ho ordinato un desolfatatore tedesco poi ti fo sapere gli esiti

DOLOMITICO
10-02-2008, 19:04
Tu per caso conosci la tecnica di ricarica a poli invertiti?<br>Non ho capito se devi:<br>1)scaricare la batteria a zero (0 volt) e quindi invertire i poli<br>2)scaricare la batteria a 10.5 volt e poi invertire i poli<br>3)invertire i poli col caricabatt e basta

Eddy79
10-02-2008, 23:51
Ho gia&#39; sentito di qualcuno che ha provato a scaricare a zero e ricaricare al contrario.<br>Io personalmente non ho mai provato; se vuoi tentare, scarica la batteria a zero altrimenti quando attacchi il caricabatteria al contrario vedi le fiamme <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c6aa8e71a5543ddb23980cec69e73249.gif" alt=":)"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c6aa8e71a5543ddb23980cec69e73249.gif" alt=":)"><br>Non so che risultati possa dare; prova con batterie da buttare prima ..<br><br>Eddy

DOLOMITICO
11-02-2008, 11:51
A rigor di logica mi pareva stano caricare inverso con la batt parzialmente carica.<br>Adesso sono in scarico totale.<br>Ho calcolato che la mia mega batt da 250ah rende in realta una 40ina di ah.<br>Visto che tanto mi da tanto la scarico e provo a stapazzarla un po.<br>Voglio proprio vedere se funziona con ste manovre <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/33f26e6134c2594abf3ea7221d4d43e2.gif" alt=":huh:">

DOLOMITICO
12-02-2008, 12:30
Mi è arrivato oggi il desolfatatore e l ho messo subito all&#39;opera su una batteria da 45 ah che arrivava max a 12.65 volt di carica.<br>Adesso x 15 giorni cè da vedere il lavoro che riesce a fare.Ho stimato la capacita residua in 15-.20ah.<br>Ah il desolfatatore è approvato dal TUV austiaco.

Eddy79
12-02-2008, 20:28
Effettua sia le cariche che le scariche in automatico ?<br>

DOLOMITICO
13-02-2008, 09:41
No.<br>Da quello che so genera una frequenza che stacco riconverte i solfati i grani piu piccoli.<br>Cioe da materia innattiva e nociva il riconverte in materia attiva.<br>I test austriaci su un campione di 80 batterie perse da una catena di demolizione hanno evidenziato un aumento circa del 50% di capacita.<br>Una batt mediamente danneggiata con capacita restante del 61% dopo 15 gg di trattamento pare sia tornata all&#39;87%.<br>Un&#39;altra severamente danneggiata con capacita rimanente del36% dopo 15gg pare sia tornata al 59% di capacita.<br>Non so se continuando il trattamento migliorano ancora.<br>Chiaro che va tentato il tutto con batterie solfatate e non rotte.<br>Ho letto tanti post tedeschi al riguado(qualche anno di germania saranno serviti a qualcosa)erano contrastanti.<br>Chi dice bene,chi dice che non sa,ma un vero test mi sa non l&#39;hanno fatto.<br>Chi l&#39;ha provato in auto,con impianti fotovoltaici a isola con barche pare sia soddisfatto.<br>Cè gente che ne ha perfino 4 per i vari usi.<br>Oggi l&#39;ho messo in fase di test perenne.Vediamo fra 15 gg cosa fa.<br><br>Ps:si accende a 13.4 volt circa e si spegne da solo sotto questo valore.<br>Quindi la macchina senza batt non cè rischio che la trovi <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5d80bc1e8b6725da30c0e613447fcf79.gif" alt=":rolleyes:">

DOLOMITICO
17-02-2008, 12:33
Ho cominciato mercoledi mattina il test con la batteria che non si caricava oltre i 12.65 volt circa e dopo 4 giorni di desolfatatore mi segna 12.91.ho attaccato un carico per vedere se era una carica residua e dopo essere scesa a 12.50 è risalita subito a 12.91.<br>Sembra che funzioni proprio.<br>

Eddy79
17-02-2008, 18:39
Sembra che vada bene ; quanti ampere gli hai caricato durante la prova ?

DOLOMITICO
18-02-2008, 15:50
500ma a 14.4 volt.<br>(tensione realmente assorbita dalla batteria attaccata al caricabatt.)<br>Una corrente stranamente bassa xo ho visto migliorare la batteria di giorno in giorno.<br>Proprio un attimo fa ho staccato quella batteria cosi vedo se tiene a 12.9<br>e ho attaccato la batteria da 250 ah,se riesco a recuperare anche questa me ne ordino un altro.<br>Strano che di questo atrezzo in italia non si sa niente.<br>Solo che prima di cantare vittoria devo fare un test di capacita finale.<br><br>Fino adesso posso rilevare che:<br><br>La tensione è salita a 12.9<br>L&#39;acido continua a salire di una tacca ogni 2 giorni (circa 1 cm sull&#39;acidometro)<br>l&#39;unica cosa è che avendo aggiunto acqua distillata mi ha falsato un po la lettura totale.

Eddy79
18-02-2008, 21:15
La tensione lascia il tempo che trova ; quello che importa e&#39; la densita&#39;<br>Anche se hai messo acqua, dopo un po&#39; si miscela e puoi fare la lettura<br>Prova a fare l&#39;avviamento alla macchina per capire se le batterie sono buone o no.<br><br>Eddy

DOLOMITICO
19-02-2008, 14:46
Pensavo anche a quello.<br>Cmq l&#39;apparecchio si chiama MEGAPULSE della NOVITEC.<br>Lo si trova in germania (io alla conrad l&#39;ho trovato).<br>Ieri sera ho messo la seconda batteria (delle 2 che ti dicevo da 45 ah)<br>a caricare senza megapulse e oggi non ho visto miglioramenti di niente.<br>Mentre l&#39;altra (che xo non ho finito il trattamento)rimane stabile sui 12.9volt.<br><br><a href="http://image.forumcommunity.it/1/9/8/4/7/7/0/1203428022.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7dc2f24b2783b27284f3e0beda75d3ec.jpg" alt="image"></a><br><br>Questo sono le piastre ingrandite con una batteria nuova:<br><br><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4ec2b732f51f67a58b2be6010c2086b4.jpg" alt="image"><br><br> Questa con una batteria di 6 mesi<br><br><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/79a670656fce3eb583f65ec489d161fe.jpg" alt="image"><br><br>Questa con batteria usata 24 mesi<br><br><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/3973b5f8a0b34a9332f2db160cce0abb.jpg" alt="image"><br><br>Questa dopo il trattamento con il MEGAPULSE:<br><br><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/68a8753ce09569134519152c3f797ec9.jpg" alt="image"><br><br>LE FOTO SONO TRATTE DAL SITO <a href="http://WWW.MEGAPULSE.DE" target="_blank">WWW.MEGAPULSE.DE</a><br><br>Io ero un po scettico visto che sono un San Tommaso,<br>pero devo dire che anche se fino adesso un test definitivo non l&#39;ho ancora fatto i risultati di miglioramento li ho gia visti.<br><br><br>PS:UN RINGRAZZIAMENTO AL MIO AMICO SVIZZERO CHE MI HA FATTO CONOSCERE QUESTO APPARECCHIO ciao UDOS3<br><br><span class="edit">Edited by DOLOMITICO - 19/2/2008, 18:56</span><br><br><center><b>Attached Image</b></center><br><table class="fancyborder" style="width:50%" align="center" cellpadding="4" cellspacing="0"><tr><td align="center"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/145fedd01fc387bd206ba20cdfd05718.jpg" alt="Attached Image"></table><p>

eneo
19-02-2008, 17:56
interessante questo argomento...grazie dolomite.

DOLOMITICO
19-02-2008, 19:07
<a href="http://www.megapulse.no/wien.pdf" target="_blank">http://www.megapulse.no/wien.pdf</a><br><br>Qui potete trovare il test fatto dall&#39; TUV di Vienna.<br>Su un test di 80 batterie finite ne hanno recuperate un&#39; 80%circa (pero vado a memoria).<br>Il pdf spiega su un test di 2 batterie,<br>una mediamente solfatata con carica residua del 61.6%<br>una con carica residua del 36% (pesantemente solfatata)<br>come dopo 15 giorni di trattamento abbiano recuperato parte della capacita di carica e di spunto con i relativi grafici.<br><br>Buona lettura