PDA

Visualizza la versione completa : solare + geotermico



telamonio
10-01-2008, 21:01
Qualche tempo fa avevo postato notizia di una realizzazione x solare termico abbinato a geotermico orizzontale.<br><a href="http://www.edilio.it/news/edilionews.asp?tab=Notizie&amp;cod=9592" target="_blank">http://www.edilio.it/news/edilionews.asp?t...otizie&cod=9592</a><br>In sintesi sonde orizzontali a 2 m - terreno come accumulo stagionale &#39;caricato&#39; in estate da collettori solari<br>Giustamente qualcuno (dotting) aveva osservato che una gran parte dell&#39;energia può essere perduta ancor prima dell&#39;inizio della stagione invernale<br>Facendo qualche calcolo (solo la dispersione verso aria esterna) ho verificato che per limitare la dispersione occurre avere la temperatura del terreno/accumulo ragionevolmente bassa (la dispersione aumenta proporzionalmente al delta t) e quindi l&#39;accumulo deve essere molto grande<br>Senza esito i tentativi di conttattare il progettista<br><br>Ora ho trovato<br><a href="http://www.geothermal-energy.ch/it/3_geostr_dir/3_geostr2_tech.htm" target="_blank">http://www.geothermal-energy.ch/it/3_geost...eostr2_tech.htm</a><br>dove l&#39;accumulo viene dimensionato in maniera ancora più ridotta (3-5 mc per mq di collettore)<br>Facendo qualche calcolo su capacit&agrave; termica e dispersione le dimensioni dell&#39;accumulo sembrano assolutamente inadeguate (nel centro Italia 10 mq di collettori scaldano 30 mc di terreno in poche settimane)<br><br>La cosa sembra comunque molto interessante, almeno a livello teorico, ed offre spunti per una discussione<br>Ringrazio anticipatamente quanti vorranno dare un contributo o segnalare realizzazioni.<br><br>Saluti. F.

BrightingEyes
11-01-2008, 08:30
Mi pare che qualche dato sia un pò contradditorio nel sito svizzero linkato. Si parla infatti prima di 3-5 mc per mq di solare, ma in realt&agrave; poi l&#39;esempio del &quot;college de Peseux&quot; riporta 22.500 mc per 300 mq. Quindi il rapporto è un più credibile 70:1.<br>Inoltre si dice esplicitamente che occorre un isolamento termico fino alla profondit&agrave; di 20 m. In effetti la maggior parte della dispersione si ha verso l&#39;interfaccia con l&#39;atmosfera. Se isoli adeguatamente è probabile che l&#39;accumulo sia efficace, si.

telamonio
11-01-2008, 20:02
Intanto grazie BrightingEyes per il contributo<br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">qualche dato sia un pò contradditorio nel sito svizzero</div></div><br>Assolutemante d&#39;accordo (avevo fatto le medesime constatazioni)<br>Alcune considerazioni:<br>1) un impianto termico dimensionato per coprire il fabbisogno acs in inverno utilizza (su base annua) non più del 30%dell&#39;energia disponibile, mentre il restante 70% viene sprecata (quando non produce problemi derivanti da stagnazione etc.)<br>2) bisogna inclinare molto i pannelli per raccogliere quel poco che arriva in inverno (penalizzando il funzionamento estivo) , con risultati estetici &#39;da amatore&#39;<br>3) Il geotermico orizzontale, rigenerato in estate solo dall&#39;irraggiamento superficiale, finisce per occupare superfici esagerate di giardino.<br>Per quanto sopra la soluzione ottimale, se funzionasse …, sarebbe quella di utilizzare il terreno superficiale come accumulo<br>(spese contenute – nessun rischio statico che sarebbe invece da considerare riscaldando il terreno in profondit&agrave; anche se non in prossimit&agrave; delle fondazioni)<br>Ho aperto il thread soprattutto per raccogliere pareri e (magari) esperienze, anche svizzere di cui si parla nel sito linkato… (se per caso ci leggesse il Dott. Giordano …)<br>Saluti. F.<br><br><span class="edit">Edited by telamonio - 11/1/2008, 20:46</span>