PDA

Visualizza la versione completa : AIUTO: vogliamo realizzare il fusor!



teslacoil
23-01-2008, 00:26
Hola All&#33;<br><br><br>AIUTO: vogliamo realizzare il fusor&#33;<br><br><br>Recentemente io e Riccardo abbiamo fatto degli esperimenti di lavorazione amatoriale del vetro e siamo riusciti ad ottenere dei vuoti decorosamente spinti (vedi foto di sotto), ora l&#39; idea e&#39; quella di realizzare questo stramaledettissimo fusore a confinamento inerziale elettrostatico, farlo funzionare e vedere quali esperimenti ci si possono fare attorno&#33;<br><br><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/f01b5d244d79a471c6b55b4e5fe269ba.jpg" alt="image"><br><br><br>I problemi principali, scartando quelli relativi alla realizzazione meccanica, pneumatica ed elettrica (che bene o male si riescono sempre a bypassare, siamo abbastanza ben forniti) sono la reperibilita&#39; del deuterio e il vuoto da realizzare nella camera di reazione: il vuoto finale che abbiamo ottenuto, misurato con un microvacuometro digitale, e&#39; risultato di 136 micron, e&#39; gia&#39; un vuoto piu&#39; che discreto e di certo NON e&#39; un risultato facilissimo da ottenere ma forse siamo ancora un po troppo alti di pressione....... vediamo se si riesce a scendere ancora un po........<br><br><span style="font-size:14pt;line-height:100%"><br><span style="color:red"><br>in buona sostanza, CI SERVE DEL DEUTERIO OPPURE DELL&#39; ACQUA PESANTE DA ELETTROLIZZARE, SE POI RIUSCIAMO AD ACCROCCHIARE O RECUPERARE UNA POMPA IONICA O A DIFFUSIONE PER REALIZZARE IL TERZO STADIO TANTO MEGLIO&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br></span></span><br><br><br>Di deuterio (o acqua pesante) ce ne basta veramente poco, quanto al vuoto, beh, stiamo facendo degli esperimenti di autocostruzione di una pompa ionica, NON so cosa ne puo&#39; venire fuori, se qualcuno dispone di qualcosa di meglio lo faccia sapere&#33;<br>

kalos66
23-01-2008, 12:28
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (teslacoil @ 22/1/2008, 23:26)</div><div id="quote" align="left">Hola All&#33;<br><br><br>AIUTO: vogliamo realizzare il fusor&#33;<br><br><br>Di deuterio (o acqua pesante) ce ne basta veramente poco, quanto al vuoto, beh, stiamo facendo degli esperimenti di autocostruzione di una pompa ionica, NON so cosa ne puo&#39; venire fuori, se qualcuno dispone di qualcosa di meglio lo faccia sapere&#33;</div></div><br>Ciao, basta cercare su internet ... credo si trovi nache in italia ma qu&agrave; c&#39;è un sito dove vendono bottigliette di &quot;Heavy Water&quot; o Ossido di Deuterio ( è più facile da cercare con questa denominazione ) .<br><br><a href="http://www.materiale-per-laboratorio.it/equipment.aspx?cat=4&amp;find=&amp;ini=D&amp;view=list&amp;np=8" target="_blank">http://www.materiale-per-laboratorio.it/eq...&view=list&np=8</a><br><br>oppure qu&agrave;<br><a href="http://www.unitednuclear.com/chem.htm" target="_blank">http://www.unitednuclear.com/chem.htm</a> dove una bottiglietta di 100 grammi costa 70&#36; un pò cara per essere semplice acqua .... pesante <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/13824e8fa79e9bb5ecbb5da2e7db17ce.gif" alt=":)"> .<br>Dovreste fare l&#39;eletrolisi dell&#39;acqua per avere Deuterio e inserirlo nel contenitore a vuoto realizzato .<br><br><br>Visto che state eseguendo esperimenti con l&#39;alta tensione ed il vuoto , perchè non provate a realizzare il tubo di Correa .<br><br><a href="http://www.aetherometry.com/correa_nuclear_fusion.html" target="_blank">http://www.aetherometry.com/correa_nuclear_fusion.html</a><br><br><a href="http://zpenergy.com/modules.php?name=News&amp;file=article&amp;sid=1091" target="_blank">http://zpenergy.com/modules.php?name=News&...rticle&sid=1091</a><br><br><a href="http://www.aspden.org/reports/Es8/Rep8.htm" target="_blank">http://www.aspden.org/reports/Es8/Rep8.htm</a><br><br><a href="http://www.aetherometry.com/bookstore/DVD0001.html" target="_blank">http://www.aetherometry.com/bookstore/DVD0001.html</a><br><br>qu&agrave; c&#39;è tutto su questa tecnologia &quot;aPAGD&quot; con immagini brevetti e applicazione :<br><a href="http://www.aetherometry.com/correa_technologies.html#anchor1743617" target="_blank">http://www.aetherometry.com/correa_technol...l#anchor1743617</a><br><br>ps: il tubo a vuoto che avete costruito somiglia al PAGD <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/8bb2e8bfe96b76ed9f4f5d968a8e973a.gif" alt=";)"> .<br><br>Ciao<br><br>Dimenticavo i brevetti :<br><br><a href="http://www.google.com/patents?id=OvshAAAAEBAJ&amp;printsec=abstract&amp;zoom=4&amp;d q=5,449,989#PPP1,M1" target="_blank">http://www.google.com/patents?id=OvshAAAAE...449,989#PPP1,M1</a><br><br><a href="http://www.google.com/patents?id=4Nh3AAAAEBAJ&amp;printsec=abstract&amp;zoom=4&amp;d q=5,449,989#PPP1,M1" target="_blank">http://www.google.com/patents?id=4Nh3AAAAE...449,989#PPP1,M1</a><br><br><a href="http://www.google.com/patents?id=92OAAAAAEBAJ&amp;printsec=abstract&amp;zoom=4&amp;d q=5,449,989#PPA1,M1" target="_blank">http://www.google.com/patents?id=92OAAAAAE...449,989#PPA1,M1</a><br><br>le modalit&agrave; costruttive del PAGD<br><br><a href="http://www.google.com/patents?id=mYQlAAAAEBAJ&amp;printsec=abstract&amp;zoom=4&amp;d q=5,416,391#PPP1,M1" target="_blank">http://www.google.com/patents?id=mYQlAAAAE...416,391#PPP1,M1</a><br><br>i video<br><br><a href="http://video.google.fr/videoplay?docid=-4382739835023172080" target="_blank">http://video.google.fr/videoplay?docid=-4382739835023172080</a>

kalos66
24-01-2008, 09:45
Ciao, link sul Fusor &quot;amatoriale&quot; :<br><br><a href="http://shia.wsyntax.com/stuff/fusion/" target="_blank">http://shia.wsyntax.com/stuff/fusion/</a><br><br><a href="http://fusion.wsyntax.com/" target="_blank">http://fusion.wsyntax.com/</a><br><br><a href="http://www.fusor.net/board/index.php?site=fusor" target="_blank">http://www.fusor.net/board/index.php?site=fusor</a><br><br><a href="http://www.rexresearch.com/farnsworth/fusor.htm" target="_blank">http://www.rexresearch.com/farnsworth/fusor.htm</a><br><br><a href="http://www.fusor.net/" target="_blank">http://www.fusor.net/</a><br><br><a href="http://www.cientificosaficionados.com/tbo/fusor/fusor.htm" target="_blank">http://www.cientificosaficionados.com/tbo/fusor/fusor.htm</a> ( bella l&#39;insalatiera in pirex da 4 € illuminata da radiazioni nucleari)<br><br><a href="http://fusor.us/fusor.html" target="_blank">http://fusor.us/fusor.html</a><br><br><a href="http://www.kronjaeger.com/hv/fusor/construction/index.html" target="_blank">http://www.kronjaeger.com/hv/fusor/construction/index.html</a><br><br>tutto sul vuoto<br><br><a href="http://www.belljar.net/" target="_blank">http://www.belljar.net/</a><br><br><br><a href="http://image.forumcommunity.it/6/4/2/9/9/6/1201160731.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/66e35972c96d48d8335002380bb8a9bb.jpg" alt=""></a><br>

stranger
24-01-2008, 10:40
Nell&#39;ambito di questo forum, ritengo che Testacoil sia il migliore e si dovrebbe dargli il titolo di <b>&quot;esperto nucleare&quot;</b>.<br><br>Purtroppo io ho difficolt&agrave; a capire il confinamento elettrostatico che lui intende, vorrei (se fosse possibile) lui postasse uno schema che indichi le linee di forza del campo elettrico, le polarit&agrave; della tensione, le linee immaginarie del flusso magnetico (polo nord e polo sud).<br><br>Cosi&#39; che io possa comprendere in quale maniera i nuclei (protoni o deuteroni che siano) possano essere costretti a collidere in una certa area spaziale molto ristretta.<br>La foto è bellissima ma non mi dice nulla per quanto riguarda: le polarit&agrave;, le linee immaginarie della forza elettrica, le linee immaginarie del flusso magnetico, la tensione applicata.

kalos66
24-01-2008, 10:53
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (stranger @ 24/1/2008, 09:40)</div><div id="quote" align="left">Nell&#39;ambito di questo forum, ritengo che Testacoil sia il migliore e si dovrebbe dargli il titolo di <b>&quot;esperto nucleare&quot;</b>.<br><br>Purtroppo io ho difficolt&agrave; a capire il confinamento elettrostatico che lui intende, vorrei (se fosse possibile) lui postasse uno schema che indichi le linee di forza del campo elettrico, le polarit&agrave; della tensione, le linee immaginarie del flusso magnetico (polo nord e polo sud).<br><br>Cosi&#39; che io possa comprendere in quale maniera i nuclei (protoni o deuteroni che siano) possano essere costretti a collidere in una certa area spaziale molto ristretta.<br>La foto è bellissima ma non mi dice nulla per quanto riguarda: le polarit&agrave;, le linee immaginarie della forza elettrica, le linee immaginarie del flusso magnetico, la tensione applicata.</div></div><br>E quando mai che non spuntassi ..... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/bd53c0d59208e1c1242332603f25a284.gif" alt=":D"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/bd53c0d59208e1c1242332603f25a284.gif" alt=":D"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/bd53c0d59208e1c1242332603f25a284.gif" alt=":D"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/bd53c0d59208e1c1242332603f25a284.gif" alt=":D"> sei fissato con il nucleare .<br>

livingreen
24-01-2008, 11:41
Anch&#39;io ho molta fiducia in te, Teslacoil&#33;<br>In bocca al lupo&#33;<br><br>(Attento&#33;&#33; Mi raccomando&#33; Con quelle cose non si scherza mica&#33;)

Schrödinger
24-01-2008, 21:30
Tesla, su unitednuclear vengono acqua pesante. Facendo l&#39;elettrolisi ottieni D2.<br><a href="http://www.unitednuclear.com/isotopes.htm" target="_blank">http://www.unitednuclear.com/isotopes.htm</a><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (stranger @ 24/1/2008, 09:40)</div><div id="quote" align="left">Nell&#39;ambito di questo forum, ritengo che Testacoil sia il migliore e si dovrebbe dargli il titolo di <b>&quot;esperto nucleare&quot;</b>.<br><br>Purtroppo io ho difficolt&agrave; a capire il confinamento elettrostatico che lui intende, vorrei (se fosse possibile) lui postasse uno schema che indichi le linee di forza del campo elettrico, le polarit&agrave; della tensione, le linee immaginarie del flusso magnetico (polo nord e polo sud).<br><br>Cosi&#39; che io possa comprendere in quale maniera i nuclei (protoni o deuteroni che siano) possano essere costretti a collidere in una certa area spaziale molto ristretta.<br>La foto è bellissima ma non mi dice nulla per quanto riguarda: le polarit&agrave;, le linee immaginarie della forza elettrica, le linee immaginarie del flusso magnetico, la tensione applicata.</div></div><br>Ti ricordi il tuo topic sul confinamento? Ecco io ti risposi dicendoti che l&#39;unico sistema per realizzare una reazione di fusione &quot;in casa&quot; è proprio questo. Non ce ne sono altri.<br>Confinamento inerziale elettrostatico.<br>In poche parole si sfrutta un campo elettrico per concentrare il plasma (formato da D2 ionizzato) e ottenere una densit&agrave; tale da avviare la reazione di fusione D+D con produzione di neutroni...<br><br>Tesla ma per curiosit&agrave;... quando ti costa questo progetto? Da quanto ho potuto notare si parla di strumentazioni assolutamente costose... Senza parlare del reattore, come fate per costruirlo?

teslacoil
24-01-2008, 23:39
Hola All&#33;<br><br>United nuclear e&#39; fuori gioco da un bel po ormai, a parte i prezzi assurdi di certi materiali, nelle condizioni di vendita c&#39;e&#39; scritto chiaramente che NON accettano ordini al di fuori degli USA.<br><br><br>Buoni gli altri links, peccato che come al solito NON mettano il prezzo delle cose che vendono, trattandosi di roba preconfezionata per spettrografia , sperimentazione di laboratorio avanzata e simili cmq, credo che il prezzo sia naturalmente sproporzionato rispetto al reale valore di un po di acqua pesante, probabilmente, conoscendo qualcuno che lavora in qualche centrale o istituto di ricerca, ci si potrebbe procurare una tanica di acqua pesante per una sciocchezza&#33; :-/<br><br><br>Quanto ai prezzi.... tutto da stabilire......<br><br>diciamo che questa e&#39; la situazione attuale delle cose:<br><br>----------------------------------------------------------------------------------------<br><br>camera di fusione: da fare (la faremo noi con tornio, fresa e simili&#33;), prezzo stimato abbastanza basso, diciamo 50€.<br><br>pompa ad alto vuoto rotativa bistadio: 800 euro (gia&#39; presa nuova, vi piace il colore verde del tubo, eh?)<br><br>pompa ad altissimo vuoto per il terzo stadio: ancora da definire, stiamo<br>sperimentando la possibilita&#39; di autocostruirci una pompa ionica ma NON e&#39; affatto facile, altrimenti dovremo acquistarne una a diffusione e farcela spedire dagli USA, perche&#39; qui&#39; NON si trova nulla&#33;&#33;&#33;, prezzo tutto da capire&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>Deuterio: tutto da capire, a quanto pare e&#39; facilissimo da trovare ma e&#39; difficilissimo sapere il prezzo..... e vorremmo evitare di spendere centinaia di euro per qualche millilitro di acqua&#33;&#33;&#33;&#33;&#33; :-/<br><br>elettrolizzatore: da costruire con rottami vari plastici, metallici e di vetro. prezzo pochi euro<br><br>sistema di tubi: rame saldato con raccorderia e flange varie (abbiamo tutto il necessario o quasi) diciamo 50€<br><br>purga dell&#39; ossigeno: bombola di argon con riduttore (abbiamo gia&#39; tutto, vanno benissimo quelle di piccolissime dimensioni reperibili al castorama) diciamo 30€<br><br>microvacuometro digitale: ho avuto un culo pazzesco a trovarne uno seminuovo e funzionante in un mercatino locale per 25€, preso da nuovo costerebbe intorno ai 2000€ :-)<br><br>misuratore di neutroni: SNOOPY neutron monitor della Tracerlab, me l&#39; ha regalato un mio amico che l&#39; ha recuperato da un inventario di magazzino di una centrale nucleare&#33; :-)<br><br>strumentazione per il controllo dei raggi X: no problem, questi si rivelano facili con uno dei miei tantissimi strumenti di misura assortiti che colleziono, ci ho speso sopra centinaia e centinaia di euro ma NON per il fusor in se bensi&#39; per pura soddisfazione personale&#33; :-)<br><br>alimentatore da 0 a qualche decina di kilovolt...... lasciamo perdere, questo NON e&#39; affatto un problema per gli iscritti al gruppo ALTATENSIONE, si fa ad occhi chiusi usando qualcosa dei tantissimi materiali surplus normalmente presenti nei nostri laboratori a tonnellate&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33; :-)<br>per chi parte da zero, ci vanno almeno 100 euro di materiali.<br><br>telecamera per il controllo remoto: e chi NON ne ha qualcuna in laboratorio, comprata per qualche euro in fiera che attende da anni di essere usata???? :-)<br><br><br>Insomma, potendosi autocostruire a tornio e fresa la camera a vuoto si risparmia un bel po di soldi......<br>...... avendo gia&#39; a disposizione l&#39; alta tensione, ottenuta recuperando pezzi di varia natura per bassissimo prezzo nel corso degli anni e riunendoli assieme opportunamente si risparmia un altro po di soldi.......<br>....... avendo gia&#39; a disposizione un po di strumentazione radiologica, che in italia NON e&#39; affatto difficile trovare per prezzi modesti anche se bisogna seguire fiere e mercatini per anni per accaparrarsele si risparmiano ancora altri soldi .........<br>....... avendo un po di rottami vari si risparmia ancora qualcosa.......<br><br>purtroppo il prezzo sta tutto nella pompa a vuoto rotativa bistadio, nella pompa ad altissimo vuoto che forma il terzo stadio e in un po di acqua pesante.......... e queste cose proprio NON si riescono a reperire in italia a prezzi contenuti, bisogna farsele per forza spedire dagli USA pagandole care e pagando pure la spedizione&#33;&#33;&#33;&#33; :-(

Schrödinger
24-01-2008, 23:58
Tesla un progetto simile costa una fortuna comunque... Se avete i soldi.. ma occhio a stimare bene tutto, che poi non vi ritrovate con tutti i componenti e non avete il deuterio&#33; Sarebbe veramente da spararsi <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7bc90d3361aa734bdf447f139c4fddcb.gif" alt=":)"><br><br>Comunque la pompa ionica deve costare una vagonata di soldi, considerando che una &quot;semplice&quot; pompa rotativa bistadio costa quasi 1000 euro...<br><br>OT: Tesla hai mai pensato di costruire una macchina CNC?<br>Con la testa che hai e i materiali che possiedi, secondo me la puoi costruire senza problemi... Magari con un bel laser a CO2... Prova a immaginare. Ti può tornare veramente utile anche per progetti come questo&#33;<br>Io me ne vorrei costruire una ma manca il tempo e il denaro

teslacoil
25-01-2008, 00:56
Tranquillo, male che vada ho un amico che si e&#39; trasferito negli USA, gli faccio comprare un po di D2O da unitednuclear e poi me lo faccio spedire.<br><br><br>Pero&#39;, prima di pensare a queste cose, vorrei provare a reperire se e&#39; possibile tutti i materiali qui, senza nessun problema di spedizione, sdoganamento, lungaggini postali e simili, preferibilmente senza farmi pelare troppo e mi infastidisce pensare che cio&#39; NON e&#39; possibile&#33;&#33;&#33;&#33; :-/<br><br><br>una ionica o una diffusione nuove costano circa cinquemila euro, lasciamo pure perdere le turbomolecolari........ volendo una diffusione si riesce a trovare usata per poche decine di euro su ebay, (naturalmente senza alcuna garanzia di funzionamento, ma in realta&#39; c&#39;e&#39; ben poco che puo&#39; rompersi in una diffusione e tuttalpiu&#39; sono semplici da riparare) ma come al solito solo ed esclusivamente negli USA, con tutte le fastidiosissime operazioni e spese di spedizione intercontinentale, lungaggini burocratiche, sdoganamento e simili che possono succedere.... e la cosa mi da alquanto fastidio se devo dire la verita&#39;<br><br><br>ho pensato alla CNC ma sinceramente credo che la sua realizzazione pratica sia un po al di fuori delle mie possibilita&#39; (parlo di realizzazione meccanica ovviamente, per l&#39; elettronica NON ci sarebbero problemi&#33;)<br>Scarto totalmente l&#39; idea di realizzarmi una CNC da zero, potrei in teoria procurarmi un tornio-fresa manuale usato da qualche parte e poi motorizzarlo alla bisogna, ma innanzitutto devo riuscire a trovare l&#39; attrezzo (cosa piuttosto complicata perche&#39; ce ne sono tanti che li vorrebbero e vengono fatti sparire da qualcun&#39;altro appena escono in commercio e da nuovo costa ben di piu&#39; di 1000€ per un tornietto mediopiccolo&#33;), imparare ad usarlo e valutare poi se e&#39; il caso di motorizzarlo oppure tenermelo cosi&#39; com&#39;e&#39;.<br><br><br>una CNC LASER e&#39; piu&#39; facile da costruire rispetto ad una tradizionale, ma purtroppo riesce a lavorare solo pezzi piuttosto semplici e in due dimensioni, con 500 euro te la fai.<br>Scordati cmq di poter lavorare l&#39; acciaio con una CNC LASER....... no, no, ci vuole veramente troppa potenza oppure tempi di lavorazione incommensurabili&#33;

stranger
25-01-2008, 13:37
Ogni 7000 litri di acqua normale c&#39;è un litro di acqua pesante mescolato, se 1 decimetro cubo pesa 11 etti anzichè 10 etti allora non c&#39;è dubbio che quella è acqua pesante.<br>Per fare l&#39;acqua pesante in casa occorre riempire una vasca da bagno da 1000 litri e mettere dentro 2 elettrodi, e quindi fare elettrolisi lenta (bassa corrente massimo 1 ampere).<br>Gli elettrodi vanno posizionati con precisione in modo tale da fare rimanere sul fondo 1/30 dell&#39;altezza di acqua iniziale.<br>Ipotesi l&#39;altezza dell&#39;acqua è 30 cm, allora la distanza tra gli elettrodi e il fondo deve essere 30cm/30 cioè 1 cm <span style="color:green">(poi aspettare che la corrente si interrompa da sola automaticamente, si interromper&agrave; di certo perchè... se gli elettrodi sospesi a mezz&#39;aria, la corrente non passa)</span>.<br><br>Fatto il lavoro sono rimasti 33 litri, però soltanto 1/233 è acqua pesante.<br><br>mettere questi 33 litri in un contenitore di grosso di vetro ed elettrolizzare lasciando gli elettrodi ad un altezza di 1/30 dal fondo.<br><br>Rimangono 3,3 litri che contiene 1/7,77 di acqua pesante<br><br><br>mettere questi 3,3 litri in un altro contenitore più piccolo ed elettrolizzare ma questa volta facendo rimanere 1/7,77.<br><br>rimangono 0,4285 litri che dovrebbero pesare 428 grammi se fosse acqua leggera e pesare 471 grammi se è acqua pesante.<br><br>0,4285 litri devono pesare almeno 471 grammi altrimenti significa che qualcosa è andato storto, usare la bilancia dell&#39;orefice. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/064df3fa750fb263bc20cbaf2e30d368.gif" alt=":D"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9af5665a56eeb71ba72a52dbd6e75677.gif" alt=":P">

tecnonick
25-01-2008, 13:58
per quel che ne so io la percentuale di acqua pesante non è fissa come dici, ma è variabile secondo la zona, può arrivare anche a percentuali considerevoli.....

teslacoil
25-01-2008, 14:27
Hai idea di quanto tempo e quanto costo implica una soluzione del genere????<br><br>elettrolizzare 1 metro cubo di acqua NON e&#39; uno scherzo, senza contare i residui del sale disciolto che si concentrerebbero via via sempre di piu&#39; nella soluzione rimasta, senza contare che NON si avrebbe la certezza del risultato ottenuto&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br><br>Tuttalpiu&#39; si potrebbe pensare ad un contenitore a forma di imbuto che termina di sotto con un contenitore molto piu&#39; piccolo collegato mediante un rubinetto, tipo frazionatore per chimici per intendersi, lasciando il rubinetto aperto per molto tempo si potrebbe lasciare depositare il D2O e far salire l&#39; H2O, ma anche qui il lavoro sarebbe cmq bello grosso e il risultato sarebbe incerto, tanto vale comprare il D2O commerciale spendendo quello che bisogna spendere&#33;

stranger
25-01-2008, 15:10
E&#39; possibile produrre deuterio utilizzando un fusor a confinamento elettrostatico,<br>infatti<br>p+p ----&#62; D+antielettrone ----&#62;antielettrone+elettrone----&#62; 1 Mev<br><br>Sai chi è che vende i fusor a confinamento elettrostatico ?

stranger
25-01-2008, 17:26
Naturalmente la mia era una domanda sarcastica.<br><br>Se un certo fusor è capace di trasformare deuterio in elio, allora sar&agrave; capace anche di convertire semplice idrogeno in deuterio.<br><br>E&#39; logico che la produzione di elio da deuterio produce tanta energia, mentre invece la produzione di deuterio da semplice idrogeno ne produce molto poca.<br><br>Per elettrolizzare 1 litro di acqua sono richiesti 6 Kwh e quindi per elettrolizzare 7 metri cubi di acqua sono richiesti 42 MEGAWh; alla fine ottengo solo 1 litro di acqua pesante.<br>Ipotizzando che 1 Kwh costa 15 centesimi allora per ottenre 1 litro di acqua pesante col metodo dell&#39;elettrolisi mi costerebbe la pazzia di 6300 EURO (arriva la bolletta di 6300 euro).<br>Forse mi conviene produrre deuterio (e anche energia) usando il fusor anzichè usare la vasca elettrolitica.<br><span style="font-size:14pt;line-height:100%">o No&#33;</span><br>

Schrödinger
25-01-2008, 20:33
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (teslacoil @ 24/1/2008, 23:56)</div><div id="quote" align="left">Tranquillo, male che vada ho un amico che si e&#39; trasferito negli USA, gli faccio comprare un po di D2O da unitednuclear e poi me lo faccio spedire.<br><br><br>Pero&#39;, prima di pensare a queste cose, vorrei provare a reperire se e&#39; possibile tutti i materiali qui, senza nessun problema di spedizione, sdoganamento, lungaggini postali e simili, preferibilmente senza farmi pelare troppo e mi infastidisce pensare che cio&#39; NON e&#39; possibile&#33;&#33;&#33;&#33; :-/<br><br><br>una ionica o una diffusione nuove costano circa cinquemila euro, lasciamo pure perdere le turbomolecolari........ volendo una diffusione si riesce a trovare usata per poche decine di euro su ebay, (naturalmente senza alcuna garanzia di funzionamento, ma in realta&#39; c&#39;e&#39; ben poco che puo&#39; rompersi in una diffusione e tuttalpiu&#39; sono semplici da riparare) ma come al solito solo ed esclusivamente negli USA, con tutte le fastidiosissime operazioni e spese di spedizione intercontinentale, lungaggini burocratiche, sdoganamento e simili che possono succedere.... e la cosa mi da alquanto fastidio se devo dire la verita&#39;<br><br><br>ho pensato alla CNC ma sinceramente credo che la sua realizzazione pratica sia un po al di fuori delle mie possibilita&#39; (parlo di realizzazione meccanica ovviamente, per l&#39; elettronica NON ci sarebbero problemi&#33;)<br>Scarto totalmente l&#39; idea di realizzarmi una CNC da zero, potrei in teoria procurarmi un tornio-fresa manuale usato da qualche parte e poi motorizzarlo alla bisogna, ma innanzitutto devo riuscire a trovare l&#39; attrezzo (cosa piuttosto complicata perche&#39; ce ne sono tanti che li vorrebbero e vengono fatti sparire da qualcun&#39;altro appena escono in commercio e da nuovo costa ben di piu&#39; di 1000€ per un tornietto mediopiccolo&#33;), imparare ad usarlo e valutare poi se e&#39; il caso di motorizzarlo oppure tenermelo cosi&#39; com&#39;e&#39;.<br><br><br>una CNC LASER e&#39; piu&#39; facile da costruire rispetto ad una tradizionale, ma purtroppo riesce a lavorare solo pezzi piuttosto semplici e in due dimensioni, con 500 euro te la fai.<br>Scordati cmq di poter lavorare l&#39; acciaio con una CNC LASER....... no, no, ci vuole veramente troppa potenza oppure tempi di lavorazione incommensurabili&#33;</div></div><br>Tesla vai tranquillo che con un tubo CO2 da 50-75W tagli qualche millimetro di acciaio come se fosse burro <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/3cea692852804bd59ddb6c1ca848cbc3.gif" alt=":)"><br>Comunque ti assicuro che è più semplice da costruire una CNC da 0 che un fusor.<br>I materiali per la CNC li trovi, in moltissimi l&#39;hanno costruita. Alla fine si parla di motori stepper, barre filettate, giunti, cinghie e profilati di metallo per la struttura...<br>Mentre il fusor è molto complesso perché comprende molti componenti che devono avere certe caratteristiche (grosso spessore, resistenza termica e chimica, pezzi sferici perfetti ecc. ).<br><br>Quindi se riesci a realizzare il fusor per fare la cnc ci metti poco secondo me<br>

stranger
25-01-2008, 20:55
La catena di montaggio per fare un&#39;autovettura costa 1 miliardo di euro, la societ&agrave; automobilistica è costretta ad investire in questo modo perchè altrimenti il prezzo unitario non è competitivo.<br>Se l&#39;autovettura la costruisco io artigianalmente succede che i costa 300 MILA euro, se invece la stessa autovettura la compro dal concessionario allora mi costa 9 mila euro e ci guadagna pure l&#39;organizzazione automobilistica (e anche lo Stato perchè ci sono le tasse).<br><br>Io non credo che Testacoil abbia una catena di montaggio per produrre in automatico macchine CNC, quindi nonostante la sua indubbia bravura, alla fine viene fuori un qualcosa di scadente che è costato un patrimonio.<br>Siccome Testacoil è una persona intelligente capir&agrave; subito che non conviene imbarcarsi su una canoa per attraversare l&#39;oceano atlantico (cosi fecero alcuni indiani apaches nel 1700 che volevano attraversare l&#39;oceano atlantico con le canoe e non avevano intelligenza sufficiente per capire che l&#39;imbarcazione degli inglesi era tuttl&#39;altra cosa, morinono tutti annegati alla prima burrasca).<br><br>Caso mai, piuttosto che fare macchine CNC conviene fare <a href="?t=10405072" target="_blank"><span style="color:blue">questo</span></a>, le catene di montaggio di questo non esistono.<br><br><br><br><br>

Schrödinger
25-01-2008, 22:02
stranger una macchina CNC semplice è molto meno difficile da costruire di quanto si pensi... Se si riesce a reperire i materiali, con le giuste conoscenze meccaniche ed elettroniche si può costruire senza troppi problemi.<br>c&#39;è adirittura un forum dedicato alla costruzione di cnc.<br>Chiaramente se vuoi farne una fatta bene e complessa ti costa molto, anche 2000 euro...<br><br>Ad ogni modo stiamo andando troppo OT il buon Fabio potrebbe arrabbiarsi eheh

teslacoil
27-01-2008, 02:18
Oggi sono stato alla fiera di Busto Arsizio (VA) alias Malpensafiere.....<br><br>c&#39;era una bancarella che vendeva a prezzo di rottame delle superlative cose meccaniche che sarebbero andate benissimo per farsi una CNC.... si partiva dai pezzi sciolti per arrivare perfino a parti di macchinari premontati.....<br><br>volendo avrei potuto portarmi via una struttura semovente su X-Y-Z gia&#39; bella che pronta, di grandissima precisione, senza giochi e completa di motori passopasso, praticamente l&#39; 80% del lavoro fatto.<br><br>Sinceramente pero&#39; NON mi interessa per ora l&#39; idea di realizzarmi una fresa CNC, preferisco farmi le cose artigianalmente e, se mi dovesse servire, eventualmente farmi aiutare da Riccardo, che ha un&#39; officina a disposizione (tra le altre cose, ha pure una CNC per legno di dimensioni impressionanti in grado di fresarti un tavolo o una porta in una botta sola&#33;)<br><br>Sinceramente preferisco realizzarmi il FUSOR piuttosto che perdere del tempo in una CNC che poi NON potrei comunque usare per farmi lavorazioni sul metallo (la roba di legno e plastica la si lavora anche senza bisogno del controllo numerico, con elettroutensili manuali)

Schrödinger
27-01-2008, 23:49
Perchè voi avete queste conoscenze e io no&#33; Ahah<br>Mi piacerebbe avere a disposizione frese, torni e utensili vari.. Ma non conosco nessuno che li possegga o che lavori in un&#39;azienda del settore.

torn24
02-02-2008, 18:39
stranger quello che hai detto è vero in parte<br>le catene di montaggio automatizzate servono per le grandi produzioni<br>ma ciò che si produce non necessariamente è un prodotto finito<br>le macchine cnc (macchine utensili) o automazioni non sono costruite<br>in tutte le loro parti dal produttore di tali macchine ma utilizzono<br>parti realizzate da altri una fresa avra guide di una casa costruttrice<br>motori eletronica di altre<br>il costruttore guadagna anche sull&#39; assemblamento delle varie parti<br>e molto&#33;<br>se si realizza una macchina cnc amatoriale il costo maggiore sara la<br>realizazione delle parti non standar ad esempio se si vuole fare un basamento (supporto) in ghisa lo si deve far fare ma se si usa materiale<br>come guide lineari viti trapezioidali profilati di alluminio li si trova<br>e costano meno che se li comprassi montati<br>com 1000 euro si fa un bel lavoro<br>

teslacoil
05-02-2008, 14:32
Hola All&#33;<br><br><br>Dalle parole ai fatti....... e&#39; iniziata la sperimentazione pratica&#33;&#33;&#33;&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7d65bb4215ae9e388cf9b63ed6000f96.gif" alt=":o:"><br><br><br><a href="http://img125.imageshack.us/my.php?image=grigliala2.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/eef2b640ce00be80fb7cd9d07a83f8a7.jpg" alt="image"></a><br><br><br><a href="http://img201.imageshack.us/my.php?image=cella1jr9.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5dee95fce107ce788af916fabe198979.jpg" alt="image"></a><br><br><br><a href="http://img247.imageshack.us/my.php?image=setupte4.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/cf9a787c5c93bc75a516b0ddbe317be0.jpg" alt="image"></a><br><br><br><a href="http://img401.imageshack.us/my.php?image=plasmalp4.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/6947c2bde41b84c2b10220acc668bf72.jpg" alt="image"></a><br><br><br>Le immagini sono fantastiche, vero??? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4b9fcf75a882bd550c9667cdbb05c376.gif" alt=":wub:"><br><br><br>Attualmente si tratta di una DEMO UNIT (solo confinamento inerziale elettrostatico, senza fusione vera e propria) perche&#39; dobbiamo prima risolvere<br>alcuni problemi di perdite d&#39; aria all&#39; interno della camera (alla fine credo che tutte le giunzioni attualmente teflonate verranno incollate ad epoxy) e<br>dobbiamo ancora trovare il deuterio........<br><br><br>Ancora una volta:<br><br>per caso qualcuno di voi ha un po di TRIZIO, DEUTERIO, ACQUA PESANTE o ACQUA SUPERPESANTE da &quot;prestarci&quot;?????? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/24e918f0843871918305d68ca7f12de1.gif" alt=":woot:"><br><br><br>Se poi si riesce a trovare pure una pompa ad altissimo vuoto per fare il terzo stadio fatto bene, tanto meglio&#33; ;-)

Schrödinger
05-02-2008, 15:07
Bello&#33; Ma dove hai trovato la &quot;cupola&quot; di vetro/pirex o quello che è? Riuscir&agrave; a sopportare l&#39;altissimo vuoto?<br>

teslacoil
05-02-2008, 15:22
La camera del reattore e&#39; stata realizzata integralmente utilizzando una vecchia lampada antideflagrante con base in alluminio stampato e cupola di vetro che e&#39; spesso oltre 1 cm nei punti piu&#39; sottili e fino a 3 cm alla base.<br><br>La lampada e&#39; stata trovata in una cava, rovesciata da un camion che smaltiva tonnellate di macerie da costruzione, si capisce subito che il vetro e&#39; robusto perche&#39; ha resistito a lanci, colpi, rovesciamento di mattoni e macerie varie e simili, maltrattamenti di cui porta ancora i segni sul vetro e sull&#39; alluminio (del resto deve essere cosi visto che e&#39; antideflagrante&#33;&#33;&#33;&#33;).<br><br><br><br>Quanto alla tenuta all&#39; altissimo vuoto.... beh, se riesce a reggere ad un vuoto modesto, NON vedo perche&#39; NON debba reggere ad un vuoto altissimo, dopotutto la differenza di pressione e&#39; veramente piccolissima

randagio73
05-02-2008, 15:36
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (teslacoil @ 5/2/2008, 14:22)</div><div id="quote" align="left">La camera del reattore e&#39; stata realizzata integralmente utilizzando una vecchia lampada antideflagrante con base in alluminio stampato e cupola di vetro che e&#39; spesso oltre 1 cm nei punti piu&#39; sottili e fino a 3 cm alla base.<br><br>La lampada e&#39; stata trovata in una cava, rovesciata da un camion che smaltiva tonnellate di macerie da costruzione, si capisce subito che il vetro e&#39; robusto perche&#39; ha resistito a lanci, colpi, rovesciamento di mattoni e macerie varie e simili, maltrattamenti di cui porta ancora i segni sul vetro e sull&#39; alluminio (del resto deve essere cosi visto che e&#39; antideflagrante&#33;&#33;&#33;&#33;).<br><br><br><br>Quanto alla tenuta all&#39; altissimo vuoto.... beh, se riesce a reggere ad un vuoto modesto, NON vedo perche&#39; NON debba reggere ad un vuoto altissimo, dopotutto la differenza di pressione e&#39; veramente piccolissima</div></div><br>ciao tesla complimenti &#33; meno male che c&#39;è ancora qualcuno che si dedica alla pratica&#33;<br>per quanto riguarda le discariche sono tra i fornitori migliori&#33;<br>volevo chiederti che depressione riuscite a raggiungere attualmente in millibar?

ElettroRik
05-02-2008, 17:21
Spendido&#33;<br><br>Però la geometria non è proprio geodetica... Mi pare di vedere una sfera inscritta nel cilindro, è così?<br><br>Per massimizzare con precisione la concentrazione di urti nel &#39;punto focale&#39; le due sfere dovrebbero essere più precise possibile ed allineate nel centro... Dovresti cercare di trasformare la gabbia esterna in una sfera.

teslacoil
05-02-2008, 18:36
Come gia&#39; detto, la pressione interna alla camera e&#39; attualmente fortemente variabile a causa di certe sigillature poco &quot;sigillate&quot;, tende a salire e scendere di brutto tanto che spesso avviene un arco in prossimita&#39; della base anziche&#39; un accenno di confinamento inerziale, pero&#39; il vuoto attualmente va e viene e ogni tanto nella camera si inizia ad intravedere la celebre pallina.<br><br>In effetti la griglia esterna e&#39; proprio cilindrica anziche&#39; sferica, ma se vogliamo dirla proprio tutta, neppure la griglia interna risulta essere una vera e propria sfera&#33;&#33;&#33;<br><br>Questo e&#39; un prototipo che e&#39; stato finito di costruire alle 10 di sera di Domenica.......... volevamo vederlo subito funzionare ed abbiamo accrochiato due elettrodi alla bellemeglio, nella realta&#39; ci serviva sapere se il sistema riusciva a tenere il vuoto&#33;<br><br><br>

randagio73
05-02-2008, 19:47
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (teslacoil @ 5/2/2008, 17:36)</div><div id="quote" align="left">Come gia&#39; detto, la pressione interna alla camera e&#39; attualmente fortemente variabile a causa di certe sigillature poco &quot;sigillate&quot;, tende a salire e scendere di brutto tanto che spesso avviene un arco in prossimita&#39; della base anziche&#39; un accenno di confinamento inerziale, pero&#39; il vuoto attualmente va e viene e ogni tanto nella camera si inizia ad intravedere la celebre pallina.<br><br>In effetti la griglia esterna e&#39; proprio cilindrica anziche&#39; sferica, ma se vogliamo dirla proprio tutta, neppure la griglia interna risulta essere una vera e propria sfera&#33;&#33;&#33;<br><br>Questo e&#39; un prototipo che e&#39; stato finito di costruire alle 10 di sera di Domenica.......... volevamo vederlo subito funzionare ed abbiamo accrochiato due elettrodi alla bellemeglio, nella realta&#39; ci serviva sapere se il sistema riusciva a tenere il vuoto&#33;</div></div><br>bhe si s&agrave; com&#39;e con i prototipi&#33; poi l&#39; impazienza di vederli funzionare... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/077b56e450bafa2b7aedf3fc21448904.gif" alt=":D"><br>anch&#39;io sto pasticciando un pò: per le giunzioni dopo aver dato una passata di teflon metto anche un pò di silicone avvito e lascio asciugare , voglio vedere che viene fuori&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/077b56e450bafa2b7aedf3fc21448904.gif" alt=":D"><br>ciao e buon lavoro&#33;

teslacoil
07-02-2008, 01:56
Hola All&#33;<br><br><br>Oggi e&#39; nata una stella....... LETTERALMENTE&#33;&#33;&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/6398d5f892fa01bba408922702897df1.gif" alt=":woot:"><br><br>E&#39; una stella piccola..... molto piccola, ed e&#39; artificiale&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/fff14b5a39e98a77f361908110da1fa9.gif" alt=":wub:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/f33c53b6a20f18f505f1ca36fb93a871.gif" alt=":lol:"><br><br><br><a href="http://img98.imageshack.us/my.php?image=confinamentout0.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/f9bae0c93f486695d4130b427722959a.jpg" alt="image"></a><br><br><a href="http://img219.imageshack.us/my.php?image=confinamento1no5.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/21155b2202b8f691207be4ee64ec94b5.jpg" alt="image"></a><br><br><br><br><br>Ooppsssssssss.... la stella si&#39; e&#39; gia&#39; spenta&#33;<br><br><a href="http://img143.imageshack.us/my.php?image=griglialc3.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/efb9958198af53e97716ae584d611c7d.jpg" alt="image"></a><br><br><br>WORK IN PROGRESS&#33;

ag_smith
07-02-2008, 14:06
spettacolo&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>complimenti teslacoil&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;

Hike
07-02-2008, 14:08
<img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/e21ffbab7c00bbd94fc634803a9d0d55.gif" alt=":woot:"> Bellissima TeslaCoil &#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/127b8d45fdf02b3fb5bba0237203d809.gif" alt=":)">

mariomaggi
07-02-2008, 14:40
Spettacolare, bravissimo &#33;&#33;&#33;<br><br>Ciao<br>Mario

elFranZ
07-02-2008, 15:34
di bene in meglio, complimenti e chapeau...<br><br>

teslacoil
08-02-2008, 01:36
Volevo invitare tutti a SPERIMENTARE, SPERIMENTARE, SPERIMENTARE ed ancora SPERIMENTARE........ se si continua a scrivere e parlare e basta, NON si arrivera&#39; mai a qualche risultato&#33;<br><br><br>Cosa ancora piu&#39; importante, prima di sperimentare occorre IMPARARE A SPERIMENTARE, NON e&#39; possibile pensare di sperimentare su cose innovative se prima NON si ha fatto un po di gavetta iniziale sperimentando su cose gia&#39; esistenti ed ampiamente descritte e dimostrate... altrimenti si rischia di prendere lucciole per lanterne&#33;<br><br><br><br>Allora...... in buona sostanza............. c&#39;e&#39; qualcun&#39;altro che, spronato dalla stellina qua&#39; riportata, si mettera&#39; a farsi un altra stellina personale a casa???? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/cac370d6d735293b74b9900d1a8e4edd.gif" alt=":rolleyes:"><br><br><br>La fusione calda a confinamento inerziale elettrostatico e&#39; facile, si puo&#39; replicare anche in casa e in moltissimi lo hanno gia&#39; ampiamente dimostrato...... SIGNORI, FATELO, NE VALE LA PENA&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/92297c10a2e0989a66f81469bbe3b88b.gif" alt=";)">

kalos66
08-02-2008, 09:09
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (teslacoil @ 8/2/2008, 00:36)</div><div id="quote" align="left">Allora...... in buona sostanza............. c&#39;e&#39; qualcun&#39;altro che, spronato dalla stellina qua&#39; riportata, si mettera&#39; a farsi un altra stellina personale a casa???? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/e937493bafd04e338c1dde314458861b.gif" alt=":rolleyes:"><br><br><br>La fusione calda a confinamento inerziale elettrostatico e&#39; facile, si puo&#39; replicare anche in casa e in moltissimi lo hanno gia&#39; ampiamente dimostrato...... SIGNORI, FATELO, NE VALE LA PENA&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5e0f7d26954144708bc636586f6cf90c.gif" alt=";)"></div></div><br>Ciao, devo fare i più vividi complimenti per il lavoro svolto ed il risultato raggiunto .<br>Veramente Bravi &#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>Dove hai trovato l&#39;acqua pesante ??<br><br>Ciao<br>

tecnonick
08-02-2008, 09:29
ciao tesla, io avrei sperimentato qualcosina, ma da quando mi hai detto che il fusor non rende più energia di quella che immetti ho lasciato perdere, però una domanda: io sono ignorante in materia nucleare, ma non si può utilizzare qualcosa di diverso dal deuterio?

teslacoil
08-02-2008, 14:07
Hola All&#33;<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Ciao, devo fare i più vividi complimenti per il lavoro svolto ed il risultato raggiunto .<br>Veramente Bravi &#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;</div></div><br>Grazie..... ma ancora il lavoro e&#39; solo a meta&#39;<br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Dove hai trovato l&#39;acqua pesante ??</div></div><br>Per ora da nessuna parte, anche se probabilmente riusciro&#39; ad averne un bel po in futuro...... purtroppo mi ci vorra&#39; un bel po di tempo per reperirla&#33;<br><br>La reazione di confinamento e collisione avviene anche in altri gas, con qualcuno si puo&#39; ottenere anche una reazione nucleare ma solo con il deuterio si ha produzione di neutroni (ed altri gas, tipo il trizio, ma questo e&#39; piu&#39; difficile da reperire&#33;)<br><br>Se nel frattempo qualcuno ha anche solo qualche millilitro di acqua pesante, di certo sara&#39; ben accetta&#33;&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/9e64c9c54751adcaab26247412aa2e9a.gif" alt=":shifty:"><br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">ciao tesla, io avrei sperimentato qualcosina, ma da quando mi hai detto che il fusor non rende più energia di quella che immetti ho lasciato perdere</div></div><br>MALE, MOLTO MALE.... il motivo di questa risposta te l&#39; ho scritto pure nel mio messaggio precedente:<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Cosa ancora piu&#39; importante, prima di sperimentare occorre IMPARARE A SPERIMENTARE, NON e&#39; possibile pensare di sperimentare su cose innovative se prima NON si ha fatto un po di gavetta iniziale sperimentando su cose gia&#39; esistenti ed ampiamente descritte e dimostrate... altrimenti si rischia di prendere lucciole per lanterne&#33;</div></div><br>Se NON si e&#39; gia&#39; sperimentatori navigati, che hanno replicato con successo svariati esperimenti di laboratorio gia&#39; conosciuti, si rischia di commettere errori gravissimi che ci fanno credere che un fenomeno sia avvenuto anche se in realta&#39; tale fenomeno esiste nella sola nostra fantasia oppure anche se tale fenomeno NON c&#39;entra niente con quello che si stava pensando (vedere theread del cemento che sprigiona energia con COP infinito&#33;) <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7690e6bbdb727c9babefea96a96666e2.gif" alt=":wub:"><br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">io sono ignorante in materia nucleare, ma non si può utilizzare qualcosa di diverso dal deuterio?</div></div><br>Si, dovrebbe essere fattibile pure con altri gas quali ad esempio l&#39; idrogeno, solo che NON ci sono neutroni in piu&#39; in questo pertanto il fusor NON emette alcuna radiazione misurabile ed e&#39; difficile stabilire se realmente e&#39; avvenuta una reazione o meno...... certo, si potrebbe analizzare i gas in uscita per vedere se si e&#39; formato dell&#39; elio, ce l&#39; hai uno spettrofotometro, vero????? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/d8aa68995d1dea106d8ca6d36e6a0d72.gif" alt=":rolleyes:">

tecnonick
08-02-2008, 14:22
no no, troppo sbattimento il fusor.... e troppo pericolosi i neutroni, buona fortuna&#33;

randagio73
08-02-2008, 19:54
domanda quasi ot<br><br>ho costruito una pompa per il vuoto modificando &quot;leggermente&quot; il motore di una aspirapolvere, il vuotometro a lancetta che gli ho montato ha una scala da 0 a 1000 millibar con la lancetta a riposo tutta verso destra, ora la massima depressione che sono riuscito a raggiungere è di 200 millibar secondo voi è sufficiente a fare qualche esperimento di scarica a bagliore nei gas? (non certo per il fusor lo so bene&#33;) <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a9602238ff3e04a4fc6181ed6ddfa832.gif" alt=":D">

tecnonick
08-02-2008, 20:20
troppi, per un buon bagliore devi scendere almeno a 20mb, usa un compressore per fligorifero, è meglio di niente se non hai la pompa, con quello dovreti tirare 50mb.

randagio73
08-02-2008, 20:38
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (tecnonick @ 8/2/2008, 19:20)</div><div id="quote" align="left">troppi, per un buon bagliore devi scendere almeno a 20mb, usa un compressore per fligorifero, è meglio di niente se non hai la pompa, con quello dovreti tirare 50mb.</div></div><br>il mio vuotometro ha una scala a passi di cento millibar con un fondo scala di 1000 mbar devo considerarli negativi rispetto alla pressione atmosferica? perchè se è così i venti millibar li ho superati è questo che non riesco a capire , ho raggiunto i 200 ( o i 15 cm/hg) ??

tecnonick
08-02-2008, 21:26
sono negativi, cioè più la pressione è bassa e più ti devi avvicinare allo zero, se sei per esempio a 900mb sei prossimo alla pressione atmosferica.

Schrödinger
08-02-2008, 23:48
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (teslacoil @ 8/2/2008, 00:36)</div><div id="quote" align="left">Cosa ancora piu&#39; importante, prima di sperimentare occorre IMPARARE A SPERIMENTARE, NON e&#39; possibile pensare di sperimentare su cose innovative se prima NON si ha fatto un po di gavetta iniziale sperimentando su cose gia&#39; esistenti ed ampiamente descritte e dimostrate... altrimenti si rischia di prendere lucciole per lanterne&#33;</div></div><br>Tesla è esattamente questo il punto... Purtroppo noto che su questo forum molti non cominciano in questo modo. Ma non andiamo OT eheh<br><br>Comunque per il fusor non si possono assolutamente utilizzare pompe per il vuoto reperite da qualche parte. Nemmeno i compressori dei frigoriferi in serie riescono ad arrivare ad un vuoto accettabile. Servono pompe multistadio, ioniche o comunque molto costose

randagio73
09-02-2008, 00:08
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Schrödinger @ 8/2/2008, 22:48)</div><div id="quote" align="left">Comunque per il fusor non si possono assolutamente utilizzare pompe per il vuoto reperite da qualche parte. Nemmeno i compressori dei frigoriferi in serie riescono ad arrivare ad un vuoto accettabile. Servono pompe multistadio, ioniche o comunque molto costose</div></div><br>non credo che qui qualcuno abbia parlato di fare il fusor con dei motori di frigo...poi questa ossessione consumistica che per fare delle cose validie ci sia bisogno di cose sempre e comunque costose io non la capisco.. ad Archimede è bastato solo una vasca da bagno per scoprire delle cose innovative..

teslacoil
09-02-2008, 01:40
Hola All&#33;<br><br>Ragazzi, NON litighiamo........ <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a7982a5ebd259f0837cea8ece1913edd.gif" alt=":rolleyes:"><br><br><br>Ecco cosa puo&#39; fare una rotativa bistadio ad alto vuoto da 800 euro (nuova) unita ad una lampada antideflagrante seriamente modificata e un po di roba da idraulica tradizionale, niente sistemi per il vuoto<br>flangiati dunque, solo un rottame riciclato, niente pompe supercomplesse dunque, per ora una semplice<br>pompa meccanica a due soli stadi (ovviamente specifica per vuoto&#33;)<br><br><br><a href="http://img142.imageshack.us/my.php?image=plasma1ic5.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/210f71cf561630b0fed76d15a0d8b4ed.jpg" alt="image"></a><br><br><br><a href="http://img254.imageshack.us/my.php?image=plasma2zr3.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/21c5c0a2bcd242f9d64ce15e84efb811.jpg" alt="image"></a><br><br><br><a href="http://img254.imageshack.us/my.php?image=plasma3rl2.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ca5081be8f47dc01ea2076435cc61bff.jpg" alt="image"></a><br><br><br><a href="http://img184.imageshack.us/my.php?image=plasma4au7.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c191f048a292f4ac7da69ff4be3382d5.jpg" alt="image"></a><br><br><br><br>Fiocco rosa&#33;&#33;&#33; e&#39; nata un altra stella....... e questa volta si tratta di una STELLA COMETA&#33;&#33;&#33;&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a4ddae76d53a897931b9e92b717f3fdf.gif" alt=":o:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/5dca1145be8a28a6bfef2f2ac3bd4b6f.gif" alt=":wub:"><br><br><br>Durante le prove la pressione nella camera era all&#39; incirca 215 micron, ancora troppa per ottenere qualcosa<br>di valido, ma gia&#39; sfruttabile per ottenere delle belle foto&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a7982a5ebd259f0837cea8ece1913edd.gif" alt=":rolleyes:"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/54c50355ecc02ee57b2890251f9185f6.gif" alt=":woot:"><br><br><br><br>Purtroppo c&#39;e&#39; ancora qualche perdituccia, lasciando spenta la pompa con rubinetti chiusi per una decina di ore la pressione nella camera sale a 250 mm...... alla faccia della perdituccia&#33;&#33;&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/8812e79fac380b132511d91ca929ec2b.gif" alt=":angry:"><br><br><br><br><br><br>

ElettroRik
09-02-2008, 10:34
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (teslacoil @ 9/2/2008, 00:40)</div><div id="quote" align="left">Purtroppo c&#39;e&#39; ancora qualche perdituccia, lasciando spenta la pompa con rubinetti chiusi per una decina di ore la pressione nella camera sale a 250 mm...... alla faccia della perdituccia&#33;&#33;&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/168938fc329dab8fb70db410358a7091.gif" alt=":angry:"></div></div><br>Attento&#33; Non è detto&#33;<br><br>L&#39;idrogeno tende a formare idruri con i metalli, penetrando dentro di essi. E&#39; plasibile che l&#39;abbassamento di pressione sia dovuto anche a questo. Di che metallo sono: flangia, griglia e sfera?

randagio73
09-02-2008, 16:49
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (teslacoil @ 9/2/2008, 00:40)</div><div id="quote" align="left">Purtroppo c&#39;e&#39; ancora qualche perdituccia, lasciando spenta la pompa con rubinetti chiusi per una decina di ore la pressione nella camera sale a 250 mm...... alla faccia della perdituccia&#33;&#33;&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/dc808733e95a8644f6cea73f07d916d4.gif" alt=":angry:"></div></div><br>tesla prova a riscaldare la cella prima di attaccare la pompa e dopo durante il pompaggio, questo potrebbe favorire il rilascio dei gas e l&#39;espansione dell&#39; aria presente , per ottenere vuoti più spinti.. potresti usare quelle pistole ad aria calda che si usano per sverniciare oppure una resistenza interna alla cella anche se questo costruttivamente è più complicato..prova e fammi sapere<br>ciauz&#33;<br>+ps. bellissime le foto <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/f070441b010f1fc3102ab88240015deb.gif" alt=":D">

teslacoil
10-02-2008, 01:40
Hola All&#33;<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">L&#39;idrogeno tende a formare idruri con i metalli, penetrando dentro di essi. E&#39; plasibile che l&#39;abbassamento di pressione sia dovuto anche a questo. Di che metallo sono: flangia, griglia e sfera?</div></div><br>Eh, no, almeno NON a questi livelli perlomeno&#33;<br><br>La pressione e&#39; SALITA, se fosse stato assorbito del gas sarebbe scesa, inoltre e&#39; lampante il fatto che si tratta di una perdita e NON di una lieve degasatura perche&#39; la pressione e&#39; passata dai 215 MICRON iniziali ai 250 MILLIMETRI finali....... nel primo caso si parla di un vuoto moderatamente spinto, nel secondo si tratta di una banale depressione.<br><br><br>Ad ogni modo la rubinetteria e&#39; in OTTONE CROMATO con sfera in ACCIAIO e rondelle in TEFLON, il raccordo ad X e&#39; in GHISA, la raccorderia e&#39; in OTTONE E RAME saldati a STAGNO/PIOMBO, la flangia e&#39; in ALLUMINIO, le sigillature sono state fatte con PARA e RESINA EPOSSIDICA, la rete interna e&#39; in FERRO TROPICALIZZATO e la griglia in FERRACCIO ZINCATO, perlomeno questi sono i materiali attualmente in nostro possesso.<br><br><br>Per la degasatura viene usata una lampada alogena a faro da mezzo kilowatt puntata a pochi cm dalla camera.

teslacoil
10-02-2008, 15:23
Hola All&#33;<br><br><br>UPDATE:<br><br>Dopo una settimana di prove tecniche di saldatura a punti su spezzoni di filo in acciaio da 0,8mm, sono finalmente riuscito ad acquisire &quot;la mano&quot; necessaria per realizzare delle griglie un po piu&#39; precise:<br><br><br><a href="http://img257.imageshack.us/my.php?image=geogrid1jn4.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/2749556015b6d722a437d75da68e5fb8.jpg" alt="image"></a><br><br><br><a href="http://img443.imageshack.us/my.php?image=geogrid2od4.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/6e656fef6fe5864e6625b62e9b546f05.jpg" alt="image"></a><br><br><br><a href="http://img406.imageshack.us/my.php?image=geopuntatriceyf3.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/6b6d819b08edcfd1186f2d56e8238598.jpg" alt="image"></a><br><br><br>In queste foto vedete due griglie interne assieme &quot;alla mano&quot; che le le ha fatte e assieme alla puntatrice che e&#39; servita per realizzarle. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4bb896bbf737a539af401a6429102a1a.gif" alt=":lol:"><br><br>Per la verita&#39;, oltre alla mano occorre farsi pure &quot;il piede&quot;, ma questo e&#39; dovuto al fatto che l&#39; azionamento della corrente di punto viene fatto mediante un foot-switch&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4bb896bbf737a539af401a6429102a1a.gif" alt=":lol:"><br><br><br>WORK IN PROGRESS&#33;&#33;&#33;&#33;<br>

OggettoVolanteIdentificato
10-02-2008, 22:12
Ciao,Tesla.<br>Leggevo che avevi un qualche interesse sia nei confronti del deuterio,che del trizio.<br>Se ti occorre una minuscola quantit&agrave; di gas,puoi buttare una 90ina di euro in questo<br><a href="http://cgi.ebay.it/TRASER---H3-TRIZIO-P5900-OROLOGIO-MILITARE---TRUPPE-USA_W0QQitemZ370017207738QQcmdZViewItem" target="_blank">http://cgi.ebay.it/TRASER---H3-TRIZIO-P590...8QQcmdZViewItem</a><br><br>A mano a mano che leggi,noterai che in questo orologio vi sono 14 ampolle contenenti tritio,perfettamente ermetiche.Non so ancora se sia possibile romperle e recuperare il gas in maniera ottimale,ma sicuramente,facendo l&#39;operazione di frantumazione sott&#39;acqua, vedrai le bolle di trizio salire a galla.Si possono recuperare successivamente,con una siringa o quant&#39;altro.<br>E&#39; auspicabile invece puntare non direttamente all&#39;orologio,ma all&#39;industria che li fabbrica,per acquistare l&#39;ampolla di trizio come &#39;&#39;ricambio&#39;&#39; di orologio.In questo caso si butteranno via una decina di euro,ma per un fusor....questo ed altro&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/373f9ce5e991a06d7cdee94d511a54ac.gif" alt=":rolleyes:"><br>Mi pare di ricordare che il trizio,rispetto al deuterio, necesita di minor energia per essere confinato e attivato,ma di questo occorre visionare delle tabelle di innesco.

stranger
11-02-2008, 11:45
Cattiva battuta di spirito...<br>è possibile estrarre trizio dal litio facendo <a href="?t=10405072" target="_blank"><span style="color:blue">questo</span></a>. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ae038d82c2bc95128d4ea55ebe47c7ed.gif" alt=":D">

randagio73
11-02-2008, 16:43
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (teslacoil @ 22/1/2008, 23:26)</div><div id="quote" align="left">quanto al vuoto, beh, stiamo facendo degli esperimenti di autocostruzione di una pompa ionica, NON so cosa ne puo&#39; venire fuori, se qualcuno dispone di qualcosa di meglio lo faccia sapere&#33;</div></div><br>che caratteristiche dovrebbe avere?(tensione di filamento, anodica, dimensioni? ,(la tensioni sono proporzianali alle prestazioni?)<br>magari fra una decina di anni ne costruirò una&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/70ee016cf4fcb4c71003e04705321552.gif" alt=":D"><br>ciiao

teslacoil
14-02-2008, 16:03
<br>Hola All&#33;<br><br>Pompe rotative bistadio ad alto vuoto (ma basso costo&#33;) per tutti&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br><a href="?t=12892885" target="_blank">http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=12892885</a><br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">che caratteristiche dovrebbe avere?(tensione di filamento, anodica, dimensioni? ,(la tensioni sono proporzianali alle prestazioni?)</div></div><br>Speri che ne sappiamo abbastanza da poter rispondere a queste domande?????<br><br>Noi cercheremo di ottenere la combinazione corrente/tensione migliore possibile, ma NON speriamo di poter raggiungere vuoti inferiori alla decina di micron.

teslacoil
16-02-2008, 15:50
Mi piacciono gli schemi di Stranger, chissa&#39; se funzioneranno veramente.....<br><br>..... stranger, procurami un generatore sinusoidale da 110kV - 10mA @ 400 MHz che proviamo a replicare l&#39; esperimento&#33;

stranger
16-02-2008, 20:07
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (teslacoil @ 16/2/2008, 14:50)</div><div id="quote" align="left">Mi piacciono gli schemi di Stranger, chissa&#39; se funzioneranno veramente.....<br><br>..... stranger, procurami un generatore sinusoidale da 110kV - 10mA @ 400 MHz che proviamo a replicare l&#39; esperimento&#33;</div></div><br>Ciao&#33; Testacoil &#33;<br>è sempre un piacere risentirti.<br>Lo sai benissimo che il generatore sinusoidale da 110 kvolt 400 MEGAherz non esistono, quindi occorre prendere un banale generatore di segnali per alta frequenza e poi amplificare il segnale mediante un amplificatore o più amplificatori.<br><br>Effettivamente gli acceleratori da 2,5 Mev per reprimere i tumori nel cervello funzionano propio cosi, c&#39;è un generatore di segnali e poi potenti amplificatori in cascata.<br><br>i 10 milliampere si riferiscono alla corrente protonica e non alla corrente del generatore di segnali.<br><br>Gli anelli di rame sono 25 e non 4, perchè altrimenti il disegno diventava troppo ingombrante. <a href="?t=10405072" target="_blank"><span style="color:blue">link 1</span></a> <a href="http://www.gencodicephp.it/fontidineutroni.pdf" target="_blank"><span style="color:blue">link 2</span></a><br><br>Potrei acquistare il generatore di segnali radio, ma per gli amplificatori dovresti pensarci tu perché sei l&#39;esperto della progettazione elettronica.<br><br>Saluti.

teslacoil
16-02-2008, 23:50
Hola All&#33;<br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Lo sai benissimo che il generatore sinusoidale da 110 kvolt 400 MEGAherz non esistono, quindi occorre prendere un banale generatore di segnali per alta frequenza e poi amplificare il segnale mediante un amplificatore o più amplificatori.</div></div><br>Stranger, da quello che scrivi e disegni si nota benissimo che ti piacerebbe sperimentare qualunque tipo di apparato scientifico, ma purtroppo NON hai mai imparato a sperimentare sul serio.<br><br><br>Lo so che in teoria per ottenere 110kV @ 400 MHz e&#39; sufficiente un oscillatore a detta frequenza seguito poi da una catena di amplificatori, pero&#39; nella pratica le cose si fanno particolarmente difficili.......<br><br>prima cosa..... 400 MHz corrispondono ad una lunghezza d&#39; onda di 75 cm, per realizzare un amplificatore totalmente aperiodico, quindi in grado di spostarsi di frequenza liberamente in base alla frequenza al suo ingresso le dimensioni dei circuiti sottoposti alla RF dovrebbero essere MOLTO MINORI della lunghezza d&#39; onda (almeno 10 volte piu&#39; piccoli), e la cosa si tradurrebbe in avere a disposizione solo 7,5 cm in totale per il circuito elettrico d&#39; uscita (nel calcolo della lunghezza elettrica del circuito d&#39; uscita deve essere sommata anche la lunghezza dei fili di collegamento verso l&#39; esterno ivi compresi i collegamenti agli anelli di rame, il che significa<br>nella migliore delle ipotesi vedersi ridotto della meta&#39; la lunghezza elettrica disponibile per il circuito dello stadio d&#39; uscita)<br><br>Ti restano 3,7 cm a disposizione, e in questi 3,7cm devi riuscire a farci stare 110 kV..... impossibile da farsi in aria, ovvio, ma anche impossibile da farsi in olio perche&#39; a 400 MHz di frequenza anche l&#39; olio avrebbe dei serissimi problemi ad isolare (senza contare le capacita&#39; parassite maggiorate dovute alla costante dielettrica maggiore&#33;)<br>scartiamo pure la ceramica, scartiamo tutte le materie plastiche (teflon incluso&#33;), cosa ti resta???? forse l&#39; unico isolante al quale si potrebbe fare isolare 110kV a 400 MHz<br>e&#39; l&#39; esafluoruro di zolfo, ma i problemi NON finirebbero qui..... l&#39; esafluoruro e&#39; un gas, e per isolare un simile inferno lo dovresti mettere in pressione..... NON conosco di preciso le caratteristiche dielettriche dell&#39; SF6, ma stimo che come minimo ci vorranno una cinquantina di bar di pressione...... AUGURI&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br><br><br>C&#39;e&#39; un altro dettaglio che NON mi quadra affatto nel tuo disegno? che ci fa li una turbina????? (senza neppure un circuito idralulico con pompa per completare il ciclo di Rankine peraltro&#33;)<br><br>Quando si sperimenta con cose nuove, NON si deve MAI pensare al recupero dell&#39; eventuale energia emessa........ tuttalpiu&#39; si pensa a come smaltirla all&#39; esterno sotto forma di calore.<br><br>solo DOPO aver studiato a fondo l&#39; apparato e aver verificato che effettivamente funziona, solo allora si puo&#39; iniziare ad un EVENTUALE recupero di energia.<br><br><br>CMQ....... torno sempre a ripetere la stessa cosa...... PRIMA DI SPERIMENTARE OCCORRE IMPARARE A SPERIMENTARE, quanti sono gli esperimenti nucleari che hai provato a fare finora???<br>e quanti di questi erano repliche di esperimenti di sicuro funzionamento, quindi esperimenti gia&#39; abbondantemente descritti e magari pure impiegati nell&#39; industria?????<br><br><br><br>Detto questo, NON mi hai piu&#39; chiamato poi per realizzare delle prove con il TESLA....... avete risolto da soli oppure avete ancora bisogno di me?

stranger
17-02-2008, 12:13
La frequenza 400 MEGAHERZ rappresenta un barbatrucco per potere dare 2,5 Mev ai protoni... più semplicemente potrei fare con <b>ZERO</b> MEGAHERZ ma allora (senza barbatrucco) la tensione sarebbe continua e dovrebbe essere 2,5 MEGAvolt.<br><br>Adesso io non so se è più facile fare 2,5 Mevolt zero herz, oppure è più facile fare 110 kv con 400 megaherz... certamente il circuito cambia completamente in tensione continua perchè un capo andrebbe collegato sul bersaglio e l&#39;altro capo sul fronte opposto, invece nella tensione alternata sinusoidale abbiamo degli anelli collegati alternativamente e sul bersaglio non è collegato niente.<br><br>Quei 10 milliampere di corrente protonica sono ovviamente esagerati perchè dipendono dal livello di vuoto, è ovvio che se il livello di vuoto è scadente allora succede che i protoni sono tanti e la corrente protonica è elevata, quindi decadrebbe la tensione, e per non farla decadere si dovrebbe mettere potenza sul generatore di segnali.<br>Un valore più realistico sarebbe 1 milliampere, il che vuol dire 2,5x10<sup>6</sup>ev x 1 x 10<sup>-3</sup> cioè 2,5 kw.<br><br>Se però la corrente protonica diminuisce allora diminuisce anche il flusso neutronico: non più 2,8x10<sup>11</sup> neutroni al secondo su cm<sup>2</sup> ma 2,8x10<sup>10</sup> neutroni al secondo su cm<sup>2</sup><br><br>Siccome in un centro ospedaliero all&#39;avanguardia non c&#39;è problema di 25 kw (anzichè soltanto 2,5 kw), allora il macchinario che emette neutroni consuma 25 kw anzichè 2,5, cioè il livello di vuoto è più scadente appositamente per potere fare un flusso neutronico più intenso, più intenso perchè il tumore maligno deve essere rimosso entro un certo numero di ore altrimenti il boro mescolato nel sangue si disperde in giro e quindi poi l&#39;operazione fallisce.<br><br>Lo so anch&#39;io che si potrebbe produrre neutroni avvicinando un pezzo di materiale radioattivo naturale (che emette particelle alfa) ad un pezzo di berillio naturale, <b>ma il flusso è insignificante</b>, non per niente conviene fare artificialmente.<br>

elFranZ
17-02-2008, 12:53
beh tesla, fermo restando che appoggio in pieno tutto ma tutto il tuo discorso, un amplificatore con le caratteristiche richieste da stranger è fattibile, magari 400 MHz può essere una frequenza complicata da gestire a livello elettrico proprio perchè è un filino bassa. io punterei su uno stadio finale a valvole per radar, costano molto ma hanno delle prestazioni in gestione di potenza tutt&#39;ora ineguagliate dalla controparte solid state. certo che poi il discorso si complicherebbe per via delle temperature dei tubi a vuoto e dei trasformatori, ma lavorando per esempio ad una freq leggermente maggiore risolviamo anche il problema dell&#39;isolamento, meno materiale da usare e possibilit&agrave; di sfruttare meglio l&#39;effetto pelle, da piazzare praticamente solo nella sezione di potenza e vicino i trafo...

teslacoil
17-02-2008, 13:49
Hola All&#33;<br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Siccome in un centro ospedaliero all&#39;avanguardia non c&#39;è problema di 25 kw (anzichè soltanto 2,5 kw)</div></div><br>Ma perche&#39; quando si parla di esperimenti con l&#39; elettricita&#39; in un qualunque gruppo estero nessuno si fa mai problemi di kilowatt mentre nel nostro bel (?????) paese tutti devono sempre farsi le seghe mentali additando allo scoglio dei 3kW???? ma certo, perche&#39; la potenza e&#39; malgestita..... ma tiriamo avanti......<br><br>nei locali dove abbiamo allestito gli esperimenti con il fusor abbiamo a disposizione un allacciamento ENEL da 80kW trifase di quelli con il contatore senza lo sgancio (se ti serve, puoi prelevare anche il doppio della potenza ma il costo dei kilowatt consumati sara&#39; maggiore perche&#39; ti viene addebitata una penale)<br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">un amplificatore con le caratteristiche richieste da stranger è fattibile, magari 400 MHz può essere una frequenza complicata da gestire a livello elettrico proprio perchè è un filino bassa.</div></div><br>Bene, allora perche&#39; NON lo realizzi???? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/57b8c61b9058a9175463902e46655a19.gif" alt=":woot:"><br><br>Mi verrebbe da chiederti se hai mai realizzato un amplificatore RF, io con la radiofrequenza ci ho giocato spesso, le cose si riescono a fare, ma vi posso assicurare che NON sono affatto semplici come qualcuno pensa e la complicazione sale esponenzialmente con la frequenza e la potenza&#33;<br>senza andare tanto nel complicato, la semplice induttanza di blocco per portare l&#39; anodica alla placca e&#39; un bel casino da realizzare, ci vuole un attimo perche&#39; una sua risonanza spuria te la mandi in fiamme&#33;<br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">io punterei su uno stadio finale a valvole per radar, costano molto ma hanno delle prestazioni in gestione di potenza tutt&#39;ora ineguagliate dalla controparte solid state.</div></div><br>CMQ, E&#39; OVVIO che per fare una roba del genere amatorialmente si deve puntare sui tubi, erogano forti potenze, sono meno suscettibili ai guasti e si prestano piu&#39; facilmente dei transistor a lavorare a larga banda (NON so se hai mai giocato su un ampli a transistor, per fare i kilowatt in UHF e&#39; IMPOSSIBILE affidarsi ad un amplificatore a transistor, e&#39; necessario affidarsi a TANTI PICCOLI AMPLIFICATORI a transistor che vengono poi miscelati assieme attraverso catene di miscelatori ed accoppiatori direzionali (per altissime frequenze si usano i circolatori) ad albero, e&#39; un buon sistema, la potenza e&#39; facilmente scalabile, in caso di guasto di uno dei moduli il relativo accoppiatore direzionale si preoccupa di far transitare la potenza emessa dal suo &quot;gemello stretto&quot; attraverso un carico fittizio per riequilibrare l&#39; impedenza del sistema evitando che si spenga del tutto l&#39; amplificatore (ovviamente la potenza emessa diminuira&#33;)<br><br>Purtroppo pero&#39; il metodo a transistor presenta dei grossi problemi dal nostro punto di vista....... I MISCELATORI E GLI ACCOPPIATORI DIREZIONALI NON POSSONO ESSERE A LARGABANDA, l&#39; amplificatore va progettato e realizzato per l&#39; esatta frequenza per la quale dovra&#39; lavorare (entro un ristretto range di tolleranza ammessa)<br><br><br>Una cosa: chi ti ha detto che le valvole costano molto????<br>Hai mai provato a vedere quanto costa un transistor di simile frequenza e potenza??? (sto parlando di singolo stadio, se devi fare gli amplificatori ad albero possiamo stare freschi&#33;&#33;&#33;) LE VALVOLE SONO ECONOMICISSIME&#33;<br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">certo che poi il discorso si complicherebbe per via delle temperature dei tubi a vuoto e dei trasformatori,</div></div><br>L&#39; amplificazione RF valvolare, rispetto alla controparte solid state, e&#39; e continuera&#39; a rimanere la piu&#39; semplice su potenze elevate, che poi industrialmente si sia avviato un processo di graduale sostituzione questo e&#39; un altro discorso, la cosa e&#39; dovuta anche al fatto che le potenze usate per trasmettere, nel corso degli anni, sono andate gradualmente a scendere.<br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">ma lavorando per esempio ad una freq leggermente maggiore risolviamo anche il problema dell&#39;isolamento,</div></div><br>Sei proprio cosi&#39; sicuro????<br>all&#39; aumentare della frequenza scendera&#39; si la tensione necessaria per l&#39; esperimento, ma salgono le perdite all&#39; interno dei conduttori (effetto pelle) e negli isolanti (per fattore di dissipazione, per capacita&#39; parassita e per corona), man mano che la frequenza sale, la tensione e&#39; semppre piu&#39; difficile da tenere ferma&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;

elFranZ
17-02-2008, 15:04
sicuramente, ma la mia era solo un&#39;osservazione, mica voleva essere una disquisizione precisa. il succo era che se a stranger andasse, almeno la parte a RF con tanta buona volont&agrave; la si fa, punto.<br>per i tubi... io sinceramente devo ancora finire il mio primo ampli audio a valvole, sto usando delle submini di produzione anni &#39;80, e ti assicuro che costano, a meno che con capiti la botta di ehm... quella lì, su ebay. non mi intendo di tubi per radiofrequenza, se mi dici che non costano tanto, meglio no?<br>coi circuiti radio ci gioco anch&#39;io <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c84bf86e581366186ad19782270eacba.gif" alt=";)">, tranquillo, ma ancora per poco, si spera tra qualche tempo di progettarli io per qualcuno...

Schrödinger
17-02-2008, 15:44
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (teslacoil @ 16/2/2008, 14:50)</div><div id="quote" align="left">Mi piacciono gli schemi di Stranger, chissa&#39; se funzioneranno veramente.....<br><br>..... stranger, procurami un generatore sinusoidale da 110kV - 10mA @ 400 MHz che proviamo a replicare l&#39; esperimento&#33;</div></div><br>Avrei qualche dubbio, senza offesa stranger&#33;<br><br>edit: tesla, hai un allacciamento ENEL trifase da 80 kW? Non ci posso credere&#33; ma dove l&#39;hai trovato? E quanto l&#39;hai pagato?<br>mio dio non voglio sapere cosa ci fai con tutta quella potenza disponibile <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/c4bdd89768ffad4f8c5579279f11a5e7.gif" alt=":D">

teslacoil
19-02-2008, 16:36
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left"><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Mi piacciono gli schemi di Stranger, chissa&#39; se funzioneranno veramente.....<br><br>.......stranger, procurami un generatore sinusoidale da 110kV - 10mA @ 400 MHz che proviamo a replicare l&#39; esperimento&#33;</div></div><br>Avrei qualche dubbio, senza offesa stranger&#33;</div></div><br>La mia era solo una battuta ovviamente&#33;<br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">edit: tesla, hai un allacciamento ENEL trifase da 80 kW? Non ci posso credere&#33; ma dove l&#39;hai trovato? E quanto l&#39;hai pagato?<br>mio dio non voglio sapere cosa ci fai con tutta quella potenza disponibile</div></div><br>No, c&#39;e&#39; tutta questa potenza a disposizione perche&#39; gli esperimenti vengono fatti all&#39; interno di una falegnameria, normalmente serve per i macchinari presenti, di sabato e domenica ce ne appropriamo noi&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/0390d27a7d750370dee4e7c232934d86.gif" alt=":lol:"><br><br>Noi TESLARI a casa dobbiamo accontentarci dei classici 14 kW, potenza che generalmente ci basta ed avanza perche&#39; abbiamo sempre a disposizione poco spazio dove poter realizzare le nostre apparecchiature e dobbiamo giocoforza limitarci un poco.<br><br>finora l&#39; apparato piu&#39; energivoro che ho realizzato se la cavava con 42 ampere, c&#39;e&#39; ancora un buon margine di espansione direi.<br><br>Ah, e&#39; chiaro che, per coloro che hanno a disposizione moltissimo spazio il problema energetico NON si pone....... si trovano abbastanza spesso ditte ed uffici che dismettono o sostituiscono i loro gruppi elettrogeni ad uso backup dell&#39; alimentazione........ vengono sostituiti perche&#39; vecchi di decenni (ma con solo qualche centinaio di ore di funzionamento alle spalle&#33;) oppure perche&#39; insufficienti dopo una espansione della ditta; visto che farseli smaltire a volte puo&#39; costare qualche migliaio di euro, sono ben felici di regalarvelo, basta che ve lo portiate via&#33;<br><br><br>CMQ, questo theread e&#39; stato &quot;inquinato&quot; da numerosissimi post che NON hanno nulla a che vedere con il topic, prego gli amministratori di spostare o cancellare tutti i messaggi che esulano dal topic <b>e prego gli utenti a postare interventi futuri inerenti solo ed esclusivamente alla fusione calda a confinamento inerziale elettrostatico con metodo Irish-Farnsworth </b> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/42393fe846598fc031d55e561ea3ff73.gif" alt=":rolleyes:">

mgb2
19-02-2008, 17:01
ciao teslacoil,<br><br>vediamo bene...<br><br>quanta acqua pesante ti servirebbe????<br><br>Se è per qualche millilitro si può fare.<br><br>Ciao<br><br>mgb2<br>

teslacoil
19-02-2008, 17:56
Hola Mgb2&#33;<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">quanta acqua pesante ti servirebbe????<br><br>Se è per qualche millilitro si può fare.</div></div><br>Si, qualche ml va benissimo&#33;<br>il consumo di deuterio del fusor e&#39; irrisorio tanto che la quantita&#39; di D20 minima necessaria e&#39; sostanzialmente determinata da quanto si riesce a fare piccolo l&#39; elettrolizzatore, se riesci a farmi avere un po di D2O a prezzo contenuto mi fai un grandissimo favore&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>PS: un informazione riservata, il gatto che cerchi nell&#39; avatar lo sta tenendo ben nascosto Schrödinger all&#39; interno di una scatola insospettabile&#33; ;-)

mgb2
19-02-2008, 18:42
Per quanto riguarda il vuoto ho a disposizione una turbomolecolare.<br><br>Se il tuo apparato si può spostare e venire a genova nel week-end ed è provvisto dell&#39;attacco giusto (casomai te lo faccio sapere) allora puoi risolvere un altro problema.<br><br>ciao<br><br>mgb2

teslacoil
19-02-2008, 19:21
Purtroppo il problema rimane perche&#39; l&#39; apparecchio per funzionare richiede il pompaggio continuativo; volendo l&#39; apparato si puo&#39; spostare senza problemi, ma rimarrebbe il problema che, in una sola giornata, tra viaggio, preparazione degli attacchi, vuotatura con relativo degass rimarrebbe poco tempo per gli esperimenti..... morale della favola, per poter sperimentare su queste cose occorre averle a casa gia&#39; premontate e sfruttare le mezz&#39;ore libere che si riescono a raccattare qua e la (ed e&#39; proprio per questo che mi sono acquistato una pompa a vuoto pure io, mi arrivera&#39; a breve)<br><br>Se vuoi provare a sperimentare anche tu, in cambio dell&#39; acqua pesante, posso farti degli elettrodi geodetici in acciaio inox saldato a puntatrice e un semplice sistema di alimentazione HV, per il vuoto credo che tu NON abbia alcun problema.<br><br><br>Ciao&#33;<br>Fabio

mgb2
20-02-2008, 11:43
ciao tesla,<br><br>ok, non sono molto pratico del fusor ma mi sembra una buona occasione per imparare.<br><br>ciao<br>

elFranZ
20-02-2008, 12:17
ciao tesla, ti chiedo anticipatamente scusa per la domanda forse banale, ma se non ho capito male il vostro fusor è composto da 3 stadi, come mai?<br>spulciando in giro, mi sembra che la maggior parte dei replicatori ne usi solo uno, o mi sbaglio?

teslacoil
20-02-2008, 14:38
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">ciao tesla, ti chiedo anticipatamente scusa per la domanda forse banale, ma se non ho capito male il vostro fusor è composto da 3 stadi, come mai?<br>spulciando in giro, mi sembra che la maggior parte dei replicatori ne usi solo uno, o mi sbaglio?</div></div><br>Questa me la devi spiegare perche&#39; NON l&#39; ho capito..... che significa &quot;3 stadi&quot;???

elFranZ
20-02-2008, 16:40
beh... pagina 1, nel tuo secondo post parli di un sistema di pompaggio a 3 stadi, giusto? mi chiedevo semplicemente se è tutto in serie, diciamo, o se invece avete il pompaggio differenziato in 3 sezioni distinte del fusor...

teslacoil
20-02-2008, 17:05
Capito la domanda:<br><br><br>Gli stadi di pompaggio vanno tutti in cascata l&#39; uno con l&#39; altro, il motivo e&#39; semplice, NON esiste nessuna pompa a vuoto in grado di ottenere un vuoto cosi&#39; spinto, pertanto si usano due o tre pompe a vuoto messe in cascata tra loro, ciascuno stadio aggiuntivo &quot;tira&quot; qualcosina di piu&#39;.<br><br><br>Attualmente abbiamo solo due stadi di pompaggio, contenuti all&#39; interno di un singolo apparecchio(definito pompa a doppio stadio; di fatto e&#39; del tutto simile ad una pompa a singolo stadio ma ha la differenza di avere all&#39; interno del carter due pompe rotative messe in cascata che condividono l&#39; albero di trasmissione e sono mosse dal medesimo motore)<br><br>le pompe meccaniche bistadio sono per alto vuoto, se e&#39; necessario ottenere vuoto altissimo occorre almeno un terzo stadio esterno aggiuntivo da porre in cascata alla pompa rotativa bistadio ed idoneo per altissimo vuoto (per esempio uno stadio a diffusione, turbomolecolare, ionico o a criosorbimento)<br><br><br>capito tutto?<br><br><br>Per fare qualche prova iniziale una semplice pompa rotativa bistadio e&#39; sufficiente, per sperimentare sul serio con la fusione purtroppo e&#39; necessario pure il terzo stadio&#33;

elFranZ
21-02-2008, 16:16
ri-ciao tesla, grazie per la spiegazione.<br>intervengo solo per segnalarti questo negozio ebay, the Element Shop... non mi pare che siano malaccio come prezzi, e soprattutto si trova in Inghilterra.<br><br><a href="http://cgi.ebay.it/Heavy-Water-Deuterium-Oxide-10ml-Ampoule_W0QQitemZ300075881866QQihZ020QQcategoryZ41 3QQrdZ1QQssPageNameZWD1VQQ_trksidZp1638.m118.l1247 QQcmdZViewItem" target="_blank">http://cgi.ebay.it/Heavy-Water-Deuterium-O...7QQcmdZViewItem</a><br><br>p.s. piccola curiosit&agrave;: avete intenzione di fare esperimenti solo con confinamento elettrostatico o magari... che ne so, tentare di replicare un confinamento magnetico, tipo il poliwell?<br>eee lo so, dovete ancora partire con l&#39;accensione e gi&agrave; rompo <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/edc95d4f968324585cb16b03341b8f0b.gif" alt=":D">... è che fate delle cose intrippantissime&#33;

ElettroRik
21-02-2008, 23:17
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (elFranZ @ 21/2/2008, 15:16)</div><div id="quote" align="left"><a href="http://cgi.ebay.it/Heavy-Water-Deuterium-Oxide-10ml-Ampoule_W0QQitemZ300075881866QQihZ020QQcategoryZ41 3QQrdZ1QQssPageNameZWD1VQQ_trksidZp1638.m118.l1247 QQcmdZViewItem" target="_blank">http://cgi.ebay.it/Heavy-Water-Deuterium-O...7QQcmdZViewItem</a></div></div><br>Credo sia Austriaco, di Vienna:<br><a href="http://www.smart-elements.com" target="_blank">www.smart-elements.com</a>

teslacoil
23-02-2008, 01:50
Hola All&#33;<br><br><br>Buone notizie, il quorum e&#39; stato raggiunto, sono arrivate le 11 pompe che volevamo comprare e il suo &quot;venditore&quot; che ha trovato l&#39; offerta in blocco e ce le ha proposte in acquisto ne ha subito provata una<br>realizzando un apparecchio che ha visto quando e&#39; venuto a fare visita a Milano..........<br><br><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/4da2cb7b918fca74e0d791f6e1312eec.jpg" alt="image"><br><br><br><br>Oh... oh..... questo apparecchi mi ricorda qualcosa....... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ad548665017036e97df34face52b6b5d.gif" alt=":woot:"><br>E&#39; nata una stella..... un altra&#33;&#33;&#33;&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/23c7aee6fe85c8c894c0093030f303fe.gif" alt=":wub:"><br><br>giusto per sfizio personale, ha pure provato ad invertire la polarita&#39; di alimentazione<br><br><br><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a32e2c8ac7290f6d930bfd50d8a16cc7.jpg" alt="image"><br><br><br>Belle immagini, vero?<br><br>Signori, FATELO ANCHE VOI, e&#39; una sciocchezza, basta solo un buon vuoto e un po di tempo per realizzare<br>la camera stagna, il confinamento inerziale elettrostatico si replica in un attimo<br><br><br><br>EDIT: visto l&#39; innato spirito di emulazione presente nel gruppo ALTATENSIONE, e visto che 10 di quelle<br>11 pompe sono finite ad altrettanti soci di questo gruppo, credo proprio che almeno la meta&#39; di queste<br>finira&#39; per farci vedere le stelle...... letteralmente&#33;&#33;&#33;&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/7e7de83ede127c8100edc1b4073677e7.gif" alt=":lol:">

kalos66
24-02-2008, 13:44
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (teslacoil @ 23/2/2008, 00:50)</div><div id="quote" align="left">Hola All&#33;<br><br><br>Buone notizie, il quorum e&#39; stato raggiunto, sono arrivate le 11 pompe che volevamo comprare e il suo &quot;venditore&quot; che ha trovato l&#39; offerta in blocco e ce le ha proposte in acquisto ne ha subito provata una<br>realizzando un apparecchio che ha visto quando e&#39; venuto a fare visita a Milano..........</div></div><br>Bellissima stellina <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/275bf3d926f78e4bee1499476c9a64d0.gif" alt=":)"> .<br>Il fornitore potrebbe rimediare altre pompe a vuoto ?? che costo hanno ?<br><br>Ciao

teslacoil
24-02-2008, 16:16
Forse ce n&#39;e&#39; ancora una o due.... ti ho mandato un MP con l&#39; indirizzo mail del venditore.

teslacoil
25-02-2008, 02:32
<br>Hola All&#33;<br><br>ho parlato ieri con Michele circa la possibilita&#39; di realizzarsi in casa una pompa ad altissimo vuoto a diffusione, mi ha mostrato<br>delle foto e dei disegni di varie pompe realizzate in acciaio o vetro......<br><br>Sono semplici dal punto di vista teorico, ma costruirle NON e&#39; affatto facile, solamente delle persone molto pratiche di lavorazione<br>meccaniche e parecchio spostate con il cervello possono pensare di realizzarne una amatorialmente.<br><br>Ne ho parlato con Riccardo e anche lui ha pensato la medesima cosa.... benissimo..... visto che siamo bravini con le realizzazioni<br>meccaniche e siamo di certo completamente fulminati nel cervello, ci siamo messi subito al lavoro per realizzarne una.....<br><br>...... niente di particolarmente complesso o esagerato, beninteso, solo una diffusione doppio stadio interamente realizzata in acciaio<br>INOX 316 elettrosaldato, di piccole dimensioni, NON arriva a pesare neanche 20 kg, rubinettone a sfera d&#39; ingresso compreso&#33; :-)<br><br><br>Per realizzarla ci siamo divisi i compiti, Riccardo ha tornito, io ho saldato; il taglio dei tubi e&#39; stato fatto da entrambi &quot;a turno&quot; e la<br>stessa cosa e&#39; valsa per la ripulitura delle scorie di saldatura, ottenuta mediante robuste martellate e smerigliatura.<br><br>Le parti piu&#39; difficili della realizzazione, manco a dirlo, sono state la tornitura in lastra del piattello superiore (questa e&#39; stata la prima<br>volta che Riccardo ha tornito in lastra, ed ha iniziato con uno dei materiali piu&#39; difficili, l&#39; acciaio&#33;) e la saldatura ad arco dei vari pezzi,<br>(ottenuta mediante una saldatrice di basso prezzo modificata con ponte rettificatore ed induttanza serie, gli elettrodi erano da 1mm in<br>acciaio INOX, buoni per le parti piccole, un po meno buoni per le saldature grosse..... mi ha fatto sudare terribilmente anche perche&#39;<br>era la prima volta che saldavo l&#39; acciaio&#33;)<br><br><br><a href="http://img529.imageshack.us/my.php?image=parabole1kl3.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/396d09982493cddd72ca548df4fab2b5.jpg" alt="image"></a><br><br><br><a href="http://img136.imageshack.us/my.php?image=diffusionead7.jpg" target="_blank"><img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/832c5798937724fcfb3b389fbabe675a.jpg" alt="image"></a><br><br><br>Che ne dite signori???? niente male per dei principianti vero?<br><br><br>WORK IN PROGRESS&#33;&#33;&#33;&#33;&#33; :-)

scu
25-02-2008, 03:20
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (teslacoil @ 25/2/2008, 01:32)</div><div id="quote" align="left">solamente delle persone molto pratiche di lavorazione<br>meccaniche <b>e parecchio spostate con il cervello </b> possono pensare di realizzarne una amatorialmente.</div></div><br>li ho capito che la frase dopo avrebbe incluso l&#39;inizio dei lavori...<br>

stranger
25-02-2008, 10:40
Pretendere di fare le pompe per il vuoto in casa, sarebbe come pretendere di fare il pentium 4 in casa partendo da pezzi di silicio e pezzi di rame.<br><br>Sarebbe una pretesa niente affatto intelligente.<br><br>Chi produce le pompe per il vuoto da anni, possiede dei macchinari che costano decine di migliaia di euro, e possiede anche tutti i disegni e le attrezzature predisposte.<br>Nonchè operai esperti abituati a fare rifiniture di alta precisione con la tolleranza di +1 centesimo di millimetro....-1 centesimo di millimetro.<br><br>Il micrometro non basta per fare la precisione che serve, servono altri strumenti del tipo: comparatori digitali, interferometri, eccetera.<br><br>Con i soldi necessari per comprari i macchinari, si potrebbe teoricamente comprare 1000 pompe per il vuoto gia fatte e garantite, quindi conviene comprarle gi&agrave; fatte.<br><br>Diverso è il discorso per gli acceleratori e i fusor, i quali non li vendono e quindi si è costretti a farli.<br><br>Si fa... quello che si è costretti a fare.<br><br>Non si fa quello che gi&agrave; è disponibile.

triac60
25-02-2008, 20:13
teslacoil<br>Complimenti per tutto il lavoro svolto per il fusor<br>Per il modo di procedere con i tuoi esperimenti<br>Per le stelle che hai fatto nascere<br>Per le modalit&agrave; di divulgazione del tuo lavoro<br>Procedi così ti seguo/seguiamo tutti con grande interesse<br>Ma perchè hai fatto morsicare dal cane quel bellissimo asse di acciaio?<br>Scherzo...<br>Avanti tutta.. alla via così<br><br><br><br><br>

teslacoil
25-02-2008, 23:41
Hola All&#33;<br><br>Mannaggia a Max, che mi fa sparire e mi sgagna sempre qualunque cosa.... beh..... in questo caso NON credo possa essere stata colpa sua perche&#39; in primis e&#39; stata colpa mia, inoltre dubito che i suoi denti riescano a segnare l&#39; acciaio 316&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/17e06f4ffabc6ff3ac05849dbeb08a62.gif" alt=":rolleyes:"><br><br><br>Stranger, dimmi dove trovi 1000 pompe a diffusione al prezzo dei macchinari che servono per realizzarne una che vado subito a comprarne una decina, ad occhio e croce mi dovrebbero costare 2-3 euro cadauna....... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/87420020b04964aa244a033bbe3c373c.gif" alt=":woot:"><br><br><br>Il problema e&#39; che le pompe a diffusione nuove costano in realta&#39; meno dei macchinari che ti servirebbero per autocostruirtene una (parlo di macchinari nuovi dopotutto serve solo un tornio ed una saldatrice TIG) e la precisione richiesta per realizzarle e&#39; quantomeno grossolana; se vuoi farle perfette hai bisogno di un po di preparazione meccanica, se invece vuoi farne una che tiri quanto basta, allora bastano attrezzature modeste da hobbysta..... volendo proprio vedere, visto che le flange si trovano gia&#39; fatte dal rottamaio, si potrebbe realizzarne una con il solo flessibile, la saldatrice ad arco, due mestoli e un po di rottami metallici.<br><br><br>CMQ, e&#39; sbagliato quello che hai detto tu perche&#39; io di pompe a diffusione a prezzo hobbystico in italia NON sono mai riuscito a trovarne (e per svariati motivi NON ho alcuna voglia di importarle dagli USA), ci vanno come mimimo 2000 euro per una diffusione in acciaio usata o 800 euro per una diffusione in pyrex da neonisti nuova.<br><br>CMQ, se tu riesci a trovarle, buon per te, vuol dire che ti costruirai solamente l&#39; acceleratore di particelle e il fusor&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/87420020b04964aa244a033bbe3c373c.gif" alt=":woot:">

triac60
26-02-2008, 23:06
Teslacoil<br>La battuta del cane che sgagna l&#39;acciaio significava:<br><br>Se devi fare delle lavorazioni con precisione centesimale..<br><br>A che temperatura e con che cosa le misuri?<br>A che temperatura poi devono lavorare?<br>Sei sicuro che sia così facile fare quei pezzi?<br><br><br>

teslacoil
27-02-2008, 01:29
Tranquillo Triac, NON dobbiamo fare lavorazioni a precisione centesimale.<br><br>Nel caso delle pompe rotative, azzeccare il centesimo e&#39; importante, nel caso delle pompe turbomolecolari bisogna riuscire ad essere ancora piu&#39; precisi.......... per nostra fortuna pero&#39;, sia le pompe a diffusione che quelle ioniche NON richiedono affatto precisioni elevate per essere realizzate, una sgrossatura con precisione intorno a +/- 1mm e&#39; piu&#39; che accettabile per entrambi i tipi di pompa.<br><br><br>E poi, abbiamo cercato di pararci il piu&#39; possibile da possibili errori costruttivi, tecnicamente una pompa a diffusione a singolo stadio realizzata alla perfezione dovrebbe riuscire a tirare un vuoto 10 volte piu&#39; spinto di quello che ci servirebbe (intorno ai 10 micron), una doppio stadio a diffusione, perfettamente realizzata, almeno 50 volte il vuoto che ci serve........... abbiamo scelto di realizzare una bistadio perche&#39;, per quanto rozza ed errata possa essere la nostra realizzazione, abbiamo un margine di sovradimensionamento del 5000%.<br><br><br>CMQ, la pompa a diffusione e quella ionica sono quanto di piu&#39; semplice possa esistere in fatto di pompe per altissimo voto, si basano pressoche&#39; sul medesimo principio salvo il fatto che la prima &quot;spinge&quot; le molecole di gas grazie a vapori di olio sparati verso il basso a pioggia mentre la seconda utilizza gli elettroni emessi da un filamento caldo, e successivamente accellerati da un campo elettrico elevato, per portarsi a dietro le famigerate molecole di aria.<br><br><br>EDIT: oggi e&#39; stata una grande giornata grazie ad una visita ai laboratori del CESI RICERCA da parte del gruppo ALTATENSIONE, inoltre ho avuto la pompa a vuoto che avevo ordinato, l&#39; ho provata ed ha raggiunto i 133 micron (contro i 136 della pompa superprofessionale da 800 euro.... questa sara&#39; pure bruttarella, realizzata con finiture poco professionali e provvista di inutile manometro, pero&#39; tira di brutto, addirittura un pochino di piu&#39; di quella professionale e la valvola di NON ritorno e&#39; utilissima per mantenere sempre sottovuoto gli organi interni ed ottenere una partenza piu&#39; immediata), ho ricevuto un pacchetto contenente 15ml di ACQUA PESANTE (grazie MGB&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;), ho ricevuto un mazzetto di fili in KOVAR, una lega speciale che si salda al vetro permettendo sicuri passaggi elettrici nel vuoto e 4 reagenti chimici per esperimenti piu&#39; o meno pericolosi....... <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/28f10211a538625c6f68e0d7d610467d.gif" alt=":woot:"><br><br><br>Ultimissima cosa.... e&#39; nata ancora un altra stellina.... manco a dirlo, e&#39; stata la prima cosa che ha fatto la pompa a vuoto appena acquistata subito dopo la prova con il vacuometro&#33;&#33;&#33;&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/28f10211a538625c6f68e0d7d610467d.gif" alt=":woot:"><br><br><span class="edit">Edited by teslacoil - 27/2/2008, 00:57</span>

mgb2
27-02-2008, 11:34
Attenzione a quando farai nascere la prima stella di neutroni,<br><br>quelle fanno molto male<br><br>ciao<br><br>mgb2<br>

mgb2
28-02-2008, 13:13
Ciao Tesla,<br><br>ho una domanda interessante e che potrebbe avere degli sviluppi applicativi per il tuo fusor:<br><br>riesci a focalizzare il fascio di neutroni prodotto ?<br><br>Se la risposta è affermativa le cose si farebbero intriganti.<br><br>ciao<br><br>mgb2<br>

kalos66
28-02-2008, 13:43
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (mgb2 @ 28/2/2008, 12:13)</div><div id="quote" align="left">Ciao Tesla,<br><br>ho una domanda interessante e che potrebbe avere degli sviluppi applicativi per il tuo fusor:<br><br>riesci a focalizzare il fascio di neutroni prodotto ?<br><br>Se la risposta è affermativa le cose si farebbero intriganti.<br><br>ciao<br><br>mgb2</div></div><br>Attenti con i neutroni <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/486809c4ed63b29bf4e233aca739f2ed.gif" alt=":)"> , che vorresti fare ?? trasmutare il piombo in oro o innescare un ordigno nucleare ( come in alcune di questi ) ?? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/1d29f7b770946d32393296c0ab40e0db.gif" alt=":D"> .<br><br>Ciao

teslacoil
28-02-2008, 14:20
Hola All&#33;<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">riesci a focalizzare il fascio di neutroni prodotto ?</div></div><br>NON ne sono certo, ma credo che se la precisione richiesta sia grezza (ad esempio un fascio largo 45°) forse qualcosa si potrebbe riuscire a mettere assieme deformando<br>opportunamente la forma delle griglie....<br><br>CMQ, tutto e&#39; da sperimentare.... iniziamo a produrli questi neutroni (anche pochi e male, basta che ci siano), poi penseremo ad affinare la tecnica.<br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Attenti con i neutroni</div></div><br>Consiglio a tutti coloro che si vogliono cimentare nella realizzazione di un fusor di procurarsi una telecamera a circuito chiuso (ma va bene anche un camcorder, basta<br>che abbia l&#39; uscita PAL), un monitor (va bene pure il TV, con ingresso video su RCA o su SCART) e naturalmente....... un cavo coassiale da 75 ohm molto lungo, senza cercare quelli appositi per segnale video, un banale cavo per antenna TV o TV-SAT andra&#39; benissimo......... sapete&#39; com&#39;e&#39; i neutroni NON fanno particolarmente bene alla salute ed e&#39; il caso di starci lontani&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a7d83fe09b4600bd39d47daaa19779a5.gif" alt=":lol:"><br><br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">che vorresti fare ?? trasmutare il piombo in oro o innescare un ordigno nucleare ( come in alcune di questi ) ??</div></div><br>Con calma, con calma..... procediamo per gradi, iniziamo a farli questi neutroni, poi per eventualmente utilizzarli c&#39;e&#39; tempo.<br>

kalos66
28-02-2008, 16:16
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (teslacoil @ 28/2/2008, 13:20)</div><div id="quote" align="left">Consiglio a tutti coloro che si vogliono cimentare nella realizzazione di un fusor di procurarsi una telecamera a circuito chiuso (ma va bene anche un camcorder, basta<br>che abbia l&#39; uscita PAL), un monitor (va bene pure il TV, con ingresso video su RCA o su SCART) e naturalmente....... un cavo coassiale da 75 ohm molto lungo, senza cercare quelli appositi per segnale video, un banale cavo per antenna TV o TV-SAT andra&#39; benissimo......... sapete&#39; com&#39;e&#39; i neutroni NON fanno particolarmente bene alla salute ed e&#39; il caso di starci lontani&#33; <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/06e6485d49d798c827f5c7a39afcb327.gif" alt=":lol:"></div></div><br>Sarebbe opportuno schermare il tutto con piombo o immerso in acqua e &quot;telecomandare&quot; il tutto . Una Video camera wifi sarebbe l&#39;ideale e la prova si potrebbe mandare in diretta in video conferenza a tutto il mondo <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/ffbdb9ab7511e3f21fe0d8ca1b32cd0a.gif" alt=":)"><br><br>Ciao<br>

mgb2
05-03-2008, 13:31
Tesla,<br>ogni tanto fatti sentire, coi capiamo che sei ancora VIVO <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/a1c1de8c9b093b3c1bea50d6069c888b.gif" alt=":D">

teslacoil
05-03-2008, 14:12
PRESENTE.... anche se sarebbe piu&#39; consono dire ASSENTE visto che NON ho scritto nulla e NON sono riuscito a fare ancora nulla dall&#39; ultima volta, la pompa a diffusione e&#39; ancora mezza fatta come ve l&#39; ho fotografata, l&#39; acqua pesante e&#39; ancora sigillata dentro al contenitore originale e il fusor ormai avra&#39; perso il vuoto nelle varie perditucce............. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/dcbfc2ae6d7361c1e10a955b8ab581ab.gif" alt="-_-"><br><br>Purtroppo il mio tempo e&#39; quello che e&#39;, vado un po in regime ON-OFF...... ma appena il tempo lo permette (forse gia&#39; da questo weekend, anche se credo che sia piu&#39; facile dal prossimo), cerco subito di portarmi avanti nella realizzazione di questo fusor, ormai siamo vicini alla sua conclusione

cirowsky
12-03-2008, 19:47
qualcuno di voi che ci capite avrebbe voglia di (forse è oportuno aprire un nuovo thread?) di spiegare lo &quot;stato dell&#39;arte&quot; del fusor?<br>tipo, per esempio: qualcuno è riuscito forse a produrre più energia di quella ce ci ha messo? e quanta di più? e per quanto tempo? chi e dove? un link?<br><br>grazie cmq e buon lavoro<br><br><br>

teslacoil
19-03-2008, 14:21
Come NON detto, anche questo weekend e&#39; andata buca&#33; :-(<br><br>Mi sa che mi dovro&#39; procurare tornio e fresa pure io se voglio avere una continuita&#39; nelle sperimentazioni (gli amici sono utili, ma purtroppo occorre<br>portare avanti i lavori piano piano&#33;)<br><br><br>Si, si produce sempre piu&#39; energia di quanta se ne immette, ma la quantita&#39; di energia prodotta e&#39; sostanzialmente irrisoria quindi impossibile da sfruttare.<br><br>Il FUSOR in laboratorio e&#39; invece utile per produrre forti quantitativi di neutroni veloci da usarsi poi per altri scopi (ad esempio, attivazione neutronica di materiali&#33;)<br><br><br>puoi trovare ottime info (ed i recenti sviluppi sul loro forum) sul sito<br><a href="http://www.fusor.net/" target="_blank">http://www.fusor.net/</a><br>

stranger
19-03-2008, 16:01
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (teslacoil @ 19/3/2008, 13:21)</div><div id="quote" align="left">Il FUSOR in laboratorio e&#39; invece utile per produrre forti quantitativi di neutroni veloci da usarsi poi per altri scopi (ad esempio, attivazione neutronica di materiali&#33;)<br><br>puoi trovare ottime info (ed i recenti sviluppi sul loro forum) sul sito<br><a href="http://www.fusor.net/" target="_blank">http://www.fusor.net/</a></div></div><br>mmmmh... C&#39;è qualcosa che non mi convince....<br>Per rimuovere i tumori maligni ubicati nelle profondit&agrave; del cervello, usano neutroni che sono stati prodotti da collisioni di ioni di H con litio.<br>Se fosse vero che il fusor produce tanti neutroni, allora il centro ospedaliero userebbe il fusor e non un acceleratore che bersaglia il litio.<br><br>Forse che il medico chirurgo è stupido <span style="font-size:14pt;line-height:100%">?</span><br>io penso di no&#33;<br>Oltretutto che il deuterio costa anche parecchio e invece l&#39;idrogeno normale costa poco.<br><br>

mgb2
21-03-2008, 12:22
ciao tesla,<br><br><div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b></div><div id="quote" align="left">Il FUSOR in laboratorio e&#39; invece utile per produrre forti quantitativi di neutroni veloci da usarsi poi per altri scopi (ad esempio, attivazione neutronica di materiali&#33;)</div></div><br>Io sviluppo nastri di mgb2 con guaina in nichel.<br>Uno dei problemi da risolvere è proprio quello di creare centri di &quot;pinning&quot; nel superconduttore ( cioè difetti dalle dimensioni paragonabili alla lunghezza di coerenza dell&#39;mgb2,+/- 5 nm, che &quot;ancorano&quot; i flussoni impedendogli di creare dissipazioni) in modo da incrementare la corrente critica per poterlo usare in alti campi magnetici (>20 Tesla).<br>Ottimi risultati sono stati ottenuti irraggiando con neutroni i campioni, ma fin&#39;ora si parla di bulk, se si riuscisse a irraggiare un nastro lungo 1,6 Km in modo industriale....<br><br>lavora lavora che se funziona le cose si faranno interessanti.<br><br><br><br><span class="edit">Edited by mgb2 - 21/3/2008, 19:37</span>

cirowsky
23-03-2008, 11:26
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (teslacoil @ 19/3/2008, 13:21)</div><div id="quote" align="left">puoi trovare ottime info (ed i recenti sviluppi sul loro forum) sul sito<br><a href="http://www.fusor.net/" target="_blank">http://www.fusor.net/</a></div></div><br>è il primo posto dove avevo guardato, speravo qui di ottenere informazioni un po&#39; meno sparse. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/447d549efdcacc963136bfdc1006602e.gif" alt="-_-"><br>cmq sono tornato in quel sito, queste sono le info che ho trovato (giusto due appunti):<br>- fusor.net è il sito degli &#39;smanettoni&#39; del fusor.<br>- il progetto più &#39;professional&#39; è emc2: il progetto è stato prima finanziato dalla marina, poi non più finanziato, il fondatore è morto.<br>- attualmente (<a href="http://www.fusor.net/board/view.php?bn=fusor_historynews&amp;key=1204162545" target="_blank">http://www.fusor.net/board/view.php?bn=fus...&key=1204162545</a>) il progetto emc2 è ripartito ma senza troppa pubblicit&agrave;.<br>

ElettroRik
23-03-2008, 23:43
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (cirowsky @ 23/3/2008, 10:26)</div><div id="quote" align="left">cmq sono tornato in quel sito, queste sono le info che ho trovato (giusto due appunti):<br>- fusor.net è il sito degli &#39;smanettoni&#39; del fusor.<br>- il progetto più &#39;professional&#39; è emc2: il progetto è stato prima finanziato dalla marina, poi non più finanziato, il fondatore è morto.<br>- attualmente (<a href="http://www.fusor.net/board/view.php?bn=fusor_historynews&amp;key=1204162545" target="_blank">http://www.fusor.net/board/view.php?bn=fus...&key=1204162545</a>) il progetto emc2 è ripartito ma senza troppa pubblicit&agrave;.</div></div><br>Ciao,<br><br>si, EMC2 è l&#39;azienda fondata dal Dot.. Robert Bussard.<br><br>Ci sono un paio di post sul Polywell di Bussard, che è un&#39;evoluzione del fusor:<br><br>Uno è questo <a href="?t=5618581" target="_blank">http://energierinnovabili.forumcommunity.net/?t=5618581</a><br>l&#39;altro non so dove sia finito, forse è stato accorpato a questo.<br><br>Il concetto è far collidere atomi di gas deuterio ionizzato in un tubo a vuoto a geometria sferica, concentrando verso il centro le particelle ionizzate. Dalla reazione di fusione si ottiene 3He più neutroni, o Trizio + protoni.<br><br>Il vero problema è che, così com&#39;è, il bilanci energetico è in perdita secca, e il fascio neutronico non è per nulla direzionabile, quindi in medicina nucleare non è sfruttabile.

cirowsky
24-03-2008, 11:02
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (ElettroRik @ 23/3/2008, 22:43)</div><div id="quote" align="left">Il vero problema è che, così com&#39;è, il bilanci energetico è in perdita secca, e il fascio neutronico non è per nulla direzionabile, quindi in medicina nucleare non è sfruttabile.</div></div><br>ciao, grazie.<br>Bussard e i suoi successori sostengono che il Polywell produce più di quanto consuma, quindi (almeno secondo loro) non è in perdita secca, anzi. giusto?

teslacoil
15-05-2008, 00:51
Sono riapparso dopo lungo silenzio, ma dopotutto e' normale, sono fatto cosi'

Dunque, se voi pensate che finora il lavoro sul fusor e' rimasto fermo, vi sbagliate di grosso......


Innanzitutto, in tutto questo tempo mi sono messo in testa di imparare a SOFFIARE IL VETRO, dopotutto il vetro soffiato e il vuoto vanno molto d' accordo tra di loro e permettono di realizzare numerosi tubi sperimentali a basso costo.

NON e' affatto semplice lavorare il vetro, pero', con un po di pratica (e tanti, tantissimi insuccessi!) i risultati cominciano ad arrivare......

http://img444.imageshack.us/img444/8743/tubohomemadeoy1.th.jpg (http://img444.imageshack.us/my.php?image=tubohomemadeoy1.jpg)

http://img213.imageshack.us/img213/3345/tubows4.th.jpg (http://img213.imageshack.us/my.php?image=tubows4.jpg)

Tali tubi di vetro soffiato mi hanno permesso di fare esperienza sull' alto vuoto, sulle problematiche di bake, degass, pompaggio ionico e chemisorbimento (getter), ora sono riuscito a raggiungere i 34 micron di vuoto (da pompaggio + bake/bombardamento + degass + lieve pompaggio ionico) e addirittura pressioni inferiori al micron (aggiungendo anche il chemisorbimento), insomma, il vuoto idoneo per innescare la reazione nel fusor l'ho gia' raggiunto amatorialmente!!!


Inoltre mi sono autoconvinto (con un minimo di aiuto da parte di fusor.net) che il fusor realizzato in campana di vetro e' una PESSIMA idea, se viene colpita da un fascio di ioni rischia di implodere per dilatazione termica localizzata, inoltre NON e' bella da vedersi quanto una sfera in acciaio INOX flangiata.
Purtroppo la sfera di INOX flangiata e' difficile da realizzare, costa un botto se fatta fare e richiede numerose operazioni di carpenteria meccanica per poter essere autocostruita; potrebbe essere piu' semplice una forma cilindrica, magari ottenuta da un grosso tubo a T, perom che ci volete fare, la sfera di INOX con le flange fa una scena da paura, quindi merita proprio di essere utilizzata, costi quel che costi!!! :-)
inizialmente l' idea era quella di realizzarne una di dimensioni molto piccole, 10 o 15 cm di diametro, in modo da rendere piu' semplice la sua lavorazione meccanica, ma poi, come al solito si inizia a pensare di farla poco piu' grande perche' c'e' piu' spazio disponibile per sperimentare dentro, poi piu' grande perche' fa piu' scena, poi ancora piu' grande perche' cosi' c'e' la possibilita' di introdurre una seconda griglia postacceleratrice e magari pure dei campioni di materiale da attivare, poi ancora piu' grande per cause ancora da definirsi fino a scegliere, tra le varie misure di sfere disponibili, quella il cui diametro si avvicinava di piu' a quanto pensato, arrotondando ovviamente per eccesso........ in poche parole la camera di fusione verra' fuori ENORME! ;-)


http://img217.imageshack.us/img217/6510/iosferaip4.th.jpg (http://img217.imageshack.us/my.php?image=iosferaip4.jpg)


Naturalmente, per realizzare le flange occorre un lavoro di carpenteria meccanica.
Riccardo "si e' offerto volontario" per realizzarmi le flange al tornio (in realta' lui avrebbe voluto evitare questo lungo lavoro, ma aveva bisogno di un magnetron da radar e di un po di guide d' onda ed accessori per microondistica e ho barattato tale materiale per il suo lavoro!), per le saldature dovro' cavarmela da me: ho recuperato un piccolo set per la saldatura autogena ossiacetilenica ed un altro set, questa volta bello grosso, per la saldatura ossipropanica e sto facendo pratica nella saldatura! ;-)



WORK IN PROGRESS...... un po a rilento in verita', ma cerchero' di farlo venire bene......

ifftb
15-05-2008, 11:22
Bentornato teslacoil! Finalmente ti si rivede!

Da un po' di tempo mi chiedevo che fine avessi fatto : non riuscivo sinceramente a capire perchè il 3D, dopo un carteggio così fitto, si fosse interrotto tanto bruscamente.

Proprio qualche giorno fa avevo avuto la tentazione, anche se poi non l'ho fatto, di chiedere tue notizie in lavagna.

Mi auguro che, d'ora in poi, tu continui a tenerci informati sulle tue ricerche e sperimentazioni.

Ciao e buon lavoro!

teslacoil
15-05-2008, 13:19
La mia presenza e' stata tutt' altro che assidua e credo proprio che continuera' ad essere cosi' pure in futuro...... :-(

Come mio solito, sto portando avanti 1000 cose in contemporanea (un po a causa del fatto che il lavoro si blocca perche mi manca sempre qualcosa per andare avanti e devo attendere per procurarmelo o farmelo fare, un po perche' ho comunque parecchi altri lavori importanti a cui dedicarmi), mi tocca lavorare come al solito in multitasking a divisione di tempo.... pero' piano piano i lavori vanno comunque avanti, e poi, durante questo tempo, pur NON avendo modo di poterci lavorare causa mancanza delle parti di INOX e all' impossibilita' di farmele da me al fusor ho pensato comunque parecchio facendomi NON pochi lavori con il vetro e l' alto vuoto; maneggiare il vuoto NON e' impossibile amatorialmente, pero' ho sperimentato di persona quanto sia difficile, tra microperdite, materiali che rilasciano piccolissime quantita' di gas, molecole di gas che rimangono attaccate alle pareti dei tubi e quant'altro...... peraltro finora ci ho giocato usando il solo vetro....... e con il vetro e' piu' semplice realizzare sigillature che reggano veramente, chissa' quanto dovro' impazzire con l' acciaio inox e le flange varie, dopotutto preferirei avere delle flange smontabili piuttosto che avere una camera stagna in vetro o acciaio interamente saldata quindi impossibile da smontare!!! :-/


Ad ogni modo, work in progress.

Hellblow
22-09-2008, 00:26
CITAZIONE
riesci a focalizzare il fascio di neutroni prodotto ?

NON ne sono certo, ma credo che se la precisione richiesta sia grezza (ad esempio un fascio largo 45°) forse qualcosa si potrebbe riuscire a mettere assieme deformando
opportunamente la forma delle griglie....

CMQ, tutto e' da sperimentare.... iniziamo a produrli questi neutroni (anche pochi e male, basta che ci siano), poi penseremo ad affinare la tecnica.

La forma sferica della griglia non e' stata scelta a caso ma ha la funzione di massimizzare le reazioni di fusione. Cambiando forma alla griglia il rendimento cala.
Tesla aspettati un consumo vistoso della griglia interna :) Bussard aveva notato la cosa ed infatti ha optato per una "griglia magnetica".

teslacoil
11-03-2010, 00:49
Hola All!

Con alti e bassi (principalmente bassi), preso da altri mille altri problemi ed altri progetti e dilatando i gia' lllllllluuuuuuunnnnnnggggghhhhhhiiiii tempi tecnici sto portando avanti in sordina questo progetto, che a dispetto di quello che molti potevano aver pensato, NON e' mai stato cancellato, anzi, e' sempre progredito sottobanco.



Tanto per iniziare, ho comprato una pompa a diffusione

Con un po di sbattimenti e ingegni sono stati realizzati gli adattatori per interconnettere la pompa rotativa, la pompa a diffusione, il vacuometro digitale e la sfera di reazione tra di loro usando pezzi di acciaio inox e particolari in ottone torniti e saldati a TIG e/o brasati ad argento tra di loro

http://img96.imageshack.us/img96/7150/fusorprogressi.th.jpg (http://img96.imageshack.us/i/fusorprogressi.jpg/)

http://img16.imageshack.us/img16/31/iofusor.th.jpg (http://img16.imageshack.us/i/iofusor.jpg/)



Ormai e' tempo di fare le cose sul serio, NON e' possibile continuare a mettere assieme le cose cosi' come sono, troppa roba e troppo peso per potersi permettere i lavori provvisori, occorre costruire una incastellatura che regga tutto l' insieme, per ragioni di praticita' e facilita' di realizzazione e' stata scelta una soluzione a base di tubolari di ferro elettrosaldati provvista di ruote.

http://img138.imageshack.us/img138/6576/fusorframe.th.jpg (http://img138.imageshack.us/i/fusorframe.jpg/)



Poi, visto che senza il tornio e senza la fresa NON si puo' fare nulla, e gli amici che hanno il tornio sono sempre impegnati, ho voluto concedermi il lusso di comprarmi una piccola combinata tornio-fresa-foratrice che mi semplifichera' di moltissimo il lavoro futuro.

http://img203.imageshack.us/img203/1679/torniofresaposizionato.th.jpg (http://img203.imageshack.us/i/torniofresaposizionato.jpg/)



Tra mille impegni e mille ritardi, pian piano porto avanti pure questo progetto, ad oggi mi mancano da realizzare:

- l' impianto di raffreddamento per la pompa a diffusione.
- la flangia di INOX con finestrella in pyrex per guardarci dentro.
- il passante HV.
- l' alimentatore HV.
- un po di infighettamenti estetici per rendere l' apparecchio meglio presentabile.


WORK IN PROGRESS!!!!

teslacoil
01-04-2010, 18:47
Ed ecco i nuovi sviluppi, questi solo puramente meccanici ed estetici (ho saldato e smerigliato per ore, adesso e' appeso per la verniciatura!!!!)

http://img410.imageshack.us/img410/6576/fusorframe.th.jpg (http://img410.imageshack.us/i/fusorframe.jpg/)

Ciao!
Fabio.

Franco52
03-04-2010, 08:55
Vai, Teslacoil, sei grande!Certo non abbiamo l'Elio-3,
ma ti sono vicino.

mariomaggi
03-04-2010, 09:23
Fabio - teslacoil,
bentornato! Molti sul forum non ti conoscono ancora, forse non sanno che hai delle ottime competenze al punto che la RAI ti ha scelto per realizzare esperimenti ad altissima tensione.
Non conosco i rischi di un fusor, spero che prima di tutto penserai alla tua salute e a quella dei tuoi vicini.
Hai mai pensato o provato ad agganciarti a qualche ente/ditta/universita' per arrivare prima ad un risultato?
Buona Pasqua,
Mario

teslacoil
04-04-2010, 17:52
L' elio 3 NON e' un grosso problema, lo autoproduce lui in automatico come prodotto di fusione di due molecole di deuterio (produce al 50% He3 e al 50% T con emissione di neutroni in entrambe le reazioni).

Lasciamo perdere il modo in cui sono finito a fare il concorrente in una trasmissione senza mai essermi iscritto ad alcunche'..... piu' che "scelto" direi "scelto volontario".

Per quanto riguarda i rischi del fusor direi, in ordine di pericolosita':
-rischio di folgorazione (usa parecchie decine di kV e pure una discreta corrente)
-rischio da esposizione ai neutroni (occorre fare misurazioni e schermarsi)
-rischio da esposizione ai raggi X (emette pure questi come sottoprodotti anche se in misura inferiore)
-rischio implosioni dovute all' altissimo vuoto (lavorando con acciaio INOX ben sovradimensionato il rischio e' molto piccolo)
-rischio ustioni dovute all' elevata temperatura di alcune parti (pure in questo caso il rischio e' modesto)
-rischio chimico dovuto all' olio e ai gas usati (rischi modestissimi, quasi tutti i materiali sono poco pericolosi)

Ho chiesto aiuto per alcune realizzazioni meccaniche di precisione ad una industria che puo' vantare torni, frese e attrezzature ben migliori delle mie (CNC), per quanto riguarda enti o universita' ho poco da chiedere aiuto, loro possono pensare principalmente alla parte teorica e NON hanno granche' di possibilita' realizzative.
Mi sono iscritto comunque al gruppo di fusor.net ed ho chiesto lumi ad un collega ingegnere nucleare che e' molto ben disposto ad aiutarmi (e poi a giocare a fare esperimenti assieme a lavorazione completata!) ;-)

Franco52
09-04-2010, 17:06
Teslacoil
La notizia che mi dai che è possibile recuperare Elio 3 dal Fusor è strabiliante!
Pensa che molte agenzie spaziali stanno pensando di andare sulla Luna a estrarlo!

kyu2t
12-06-2010, 15:46
scusate la domanda, ma ho letto tutta la discussione e mi chiedo: dove avete trovato quel cavolo di deuterio? (e cosa importate, quanto l'avete pagato?)

Elektron
12-06-2010, 17:15
Se vivi negli USA, lo puoi acquistare come ossido online Deutrium Oxide - $10.00 : United Nuclear , Scientific Equipment & Supplies (http://unitednuclear.com/index.php?main_page=product_info&cPath=16_17_69&products_id=135) e costa anche poco ... Il relativo gas per il fusor si ottiene per elettrolisi. In Italia .. non saprei

uforobot
29-06-2010, 11:25
L' elio 3 NON e' un grosso problema, lo autoproduce lui in automatico come prodotto di fusione di due molecole di deuterio (produce al 50% He3 e al 50% T con emissione di neutroni in entrambe le reazioni).

Non dimenticare il targhet di palladio idrurato o titanio idrurato.

Il target serve per comprimere tanto gas in uno spazio molto piccolo, in altre parole, il target serve per aumentare la sezione d'urto e quindi l'efficienza.

Esiste il paradosso che serve alto livello di vuoto per potere accelerare le particelle ad alta velocità, e contemporaneamente serve un bassissimo livello di vuoto (alta pressione) per aumentare la sezione d'urto.
Quindi ci si rompe la testa per capire se il livello di vuoto deve essere alto oppure basso.

In realtà il livello di vuoto deve essere alto nella zona spaziale dove le particelle dovono accelerare, e inesistente nella zona delle collsioni.

Quindi serve un controllo dei livelli di vuoto.

Per realizzare questo controllo, occorre un target che abbia la caratteristica chimica di assorbire tanto gas di idrogeno; in questo modo realizziamo il controllo secondo cui nella zona delle collisioni la pressione del gas è notevole, e invece nella zona di accelerazione la pressione del gas è inesistente e anzi c'è un alto livello di vuoto.

Il target metallico idrurato rappresenta il cuore del fusor.

Sbagliato tribulare per fare imbuti di forze magnetiche che dovrebbero collimare chissà che cosa, perchè il lavoro di collimazione (e compressione) è già eseguito dall' elettrochimica di assorbimento di certi materiali come palladio e titanio.

Spero di avere dato un buon consiglio.

teslacoil
07-07-2010, 00:02
Uforobot, il tempo a disposizione per gli esperimenti e' poco, e ancora NON ho avuto alcuna possibilita' di portare avanti la realizzazione del fusor, anzi, per dirla proprio tutta, neppure ho avuto il tempo di fare un salto dal rottamaio a caccia di spezzoni di tubo, flange ed altri pezzi di INOX da riciclare per la camera di fusione.


Sono iscritto ad ogni modo ad un gruppo di appassionati di fusione calda a confinamento inerziale elettrostatico, di carne al fuoco ne hanno parecchia e di esperimenti ne fanno parecchi, ognuno ha la sua linea di pensiero e le sue linee sperimentali, mi piacerebbe tanto allinearmi a loro con un mio apparato sperimentale, anche se poi so benissimo che avro' poco tempo per poterlo utilizzare e, esaurito l' entusiasmo iniziale, finira' per essere usato pochissimo.


In ogni caso, visto che hai sempre delle grandiose idee sperimentali, perche' NON ti allestisci pure tu una bella cantina ricolma di apparecchiature piu' disparate?

teslacoil
24-11-2010, 14:09
Hola All!


Volevo aggiornarvi sulle ultime novita' circa il Fusor che stavo autocostruendo.

La sua costruzione ha subito per tre volte dei bruschi STOP dovuti alla mancanza di tempo, materiale e altri problemi intercorsi
nel frattempo, pero' NON e' mai stata abbandonata ed oggi ha avuto l' ennesima ripartenza.

Settimana scorsa ho trovato in fiera ad Erba un modulo chiller comprensivo di scambiatore di calore, ventola e pompa di circolazione
di provenienza surplus ex industria chimico-farmaceutica, il costo era abbastanza elevato ma tutto sommato sapevo che ne avevo
bisogno quindi l' ho comprato.

http://img80.imageshack.us/img80/5299/chiller2.th.jpg (http://img80.imageshack.us/i/chiller2.jpg/)

Ancora mi mancava la riserva di liquido di raffreddamento, inizialmente avevo pensato di realizzarmene una in plexiglass trasparente
al tornio, poi causa altri lavori piu' urgenti ho rimandato a questa settimana.

Questa settimana la svolta, ero intenzionato a dedicare il pomeriggio alla costruzione della riserva di liquido e iniziare a fare i supporti
di ferro saldato per chiller, riserva di liquido di raffreddamento e bombola di lavaggio, come quasi tutte le domeniche pero' ho fatto il mio
classico salto al solito mercatino domenicale dove ho trovato un chiller con riserva di liquido integrata che era semplicemente bellissimo,
e' tutto in alluminio estruso, alettato ed anodizzato con i tappi in alluminio torniti dal pieno..... bello, bello ma decisamente ingombrante e
totalmente sovradimensionato rispetto alle mie esigenze, pero' al pezzo di 10 euro NON ho saputo dire di no e me lo sono portato a casa!
Una rapida ricerca successiva ha svelato che si trattava di un pezzo di un kit di raffreddamento a liquido fanless per appassionati di modding
di computer..... personalmente a fianco del PC NON ce lo metterei mai (oltre ad essere totalmente pacchiano e sovradimensionato e' piu'
alto del case del PC stesso!!!) pero' incastonato nella struttura di un FUSOR fa di certo la sua "porca figura" senza sostanzialmente occupare
spazio prezioso (quel posto sarebbe stato occupato dalla riserva di liquido in basso e in alto sarebbe stato lasciato vuoto)........

http://img98.imageshack.us/img98/1629/chiller.th.jpg (http://img98.imageshack.us/i/chiller.jpg/)


....... OK, OK, OK, ormai era fatta, NON vedevo l' ora di posizionare tutti i componenti buttati li a casaccio per vedrere come sarebbero stati
nella struttura, pochi spostamenti e....... come al mio solito inizialmente ho pensato a soluzioni piuttosto easy ma dalla scarsa robustezza,
poi, preso dalla solita mania di voler fare le cose sovradimensionate, ho preso un bel lamierone di acciaio inox di 3mm di spessore provvisto
di rinforzi laterali ed ho preso in mano maschera e saldatrice; ecco cosa ne e' uscito (i componenti sono solo appoggiati sopra, NON sono ne
imbullonati ne sono stati collegati tra loro, e' solo per il piacere dell' occhio per ora).


http://img259.imageshack.us/img259/8498/fusorchiller1.th.jpg (http://img259.imageshack.us/i/fusorchiller1.jpg/)

http://img413.imageshack.us/img413/9166/fusorchiller2.th.jpg (http://img413.imageshack.us/i/fusorchiller2.jpg/)

http://img217.imageshack.us/img217/247/fusorchiller3.th.jpg (http://img217.imageshack.us/i/fusorchiller3.jpg/)


NB: qualcuno come al solito dira' che sono il solito esagerato e faccio sempre cose grosse e pesanti, ma questa volta NON e' cosi', questa
realizzazione e' tutta alveolare per pesare di meno, la posso tranquillamente sollevare da solo...........
........MMMMMMMMmmmmmmmmgggggggggggghhhhhhhhhhh... ......... forse se la prendo un po meglio..........
........MMMMMMMMMMMMMMMMMMMmmmmmmmmmmmmmmmmmmmgggg gggggggggggggggggghhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh........ ....
ehmmmmmmm, se gli levo un po di pezzi forse ce la faccio, comunque per comodita' ho fatto benissimo a metterci sotto le ruote!!! :-)


Ci sara' ancora molto da aggiungere a questo apparecchio anche se la gran parte del peso e' stata messa, indicativamente ci dovro'
aggiungere una decina di kg di altra roba......... poi ovviamente ci va l' alimentatore, ma quello sara' un apparato a parte pure esso
carrellato perche' penso che NON riusciro' a farlo pesare meno di 80kg; indicativamente penso che tutto l' insieme arrivera' a pesare poco
meno di 2 quintali quadro di controllo ed accessori inclusi.


Buona autocostruzione di "cose scientifiche" grosse, pesanti, sovradimensionate, pericolosissime, assolutamente inutili ma
tremendamente belle e divertenti a tutti!


DIY RULEZ!!!!

Franco52
24-11-2010, 14:24
ma perchè inutili?
Lo devi fare o no stò Fusor?

teslacoil
24-11-2010, 21:38
Certo che lo devo fare il fusor, peraltro oltre a quello potro' fare ulteriori esperimenti con il vuoto spintissimo e costruire tubi che debbono essere evacuati.

Ho scritto "cose scientifiche" grosse, pesanti, sovradimensionate, pericolosissime, assolutamente inutili ma tremendamente belle e divertenti perche' di fatto se ben ci pensi tutte queste cose autocostruite servono solo come giocattoli, per scopo didattico e puro sfizio personale; per l' hobby ci spendo migliaia di euro che a volte riesco anche a recuperare noleggiandoli come effetti speciali e simili..... di energia in eccesso sfruttabile per ora neanche a parlarne, pero' vuoi mettere le conoscenze che si acquisiscono nel costruirli e nel giocarci e l' inevitabile pura soddisfazione di esserci riusciti?


Work in progress!!!!

Franco52
25-11-2010, 10:15
Ma non è che i replicatori "falliti" del Fusor, non hanno ottenuto incremento energetico perchè hanno usato Deuterio?
Se si usasse Elio3, prodotto dallo stesso Fusor e recuperato,
forse ci sarebbe un aumento di energia!

Quantum Leap
25-11-2010, 14:35
Ciao Teslacoil,

sappi che ti seguo da vicino in questa tua ultima realizzazione.
Nella speranza che quanto prima tutto sia pronto per pigiare il testo 'on' e provare.

Complimenti. :)

teslacoil
25-11-2010, 23:12
Non è consentita la citazione inutile e quella integrale è sempre considerata inutile. Violazione art. 3d del regolamento.



Tanto per iniziare, le reazioni avvengono principalmente D+D per ragioni probabilistiche, ma ne avvengono comunque parecchie anche tra D+He3, D+T, T+T che si formano nella fusione
di D+D e sono immediatamente disponibili per essere accellerati a loro volta.


Poi, chi ti ha detto che la reazione di fusione D+D e' energeticamente in perdita????
un incremento di energia c'e' eccome, il problema e' che stai lavorando con quantita' microscopiche di materia che si fondono, e l' incremento energetico NON puo' che essere MICROSCOPICO, per contro devi tenere pure conto del fatto che, a meno di NON andare a fare la fusione nello spazio dove il vuoto e' gia' presente a gratis, per ottenere la fusione devi ottenere altissimi livelli di vuoto, e per farli devi inevitabilmente consumare tanta potenza in apposite pompe (il mio sistema pompante, per succhiare aria si succhia pure 800W di energia elettrica!!!!)

Per ottenere una produzione di energia apprezzabile occorrerebbe scalare il sistema notevolmente piu' in grande, cosa che purtroppo NON appare ancora possibile da realizzarsi con il confinamento inerziale elettrostatico.


NON e' cosi' facile come lo pensa qualcuno (anzi, e' proprio ben difficile, ma perche' NON c'e' nessun'altro che ci prova???)

endymion70
26-11-2010, 13:38
perche' NON c'e' nessun'altro che ci prova???)

Forse perchè tu stesso, non so se ironicamente o no, hai ammesso che alla fine è un giocattolo fine a se stesso.

teslacoil
26-11-2010, 17:37
Forse perchè tu stesso, non so se ironicamente o no, hai ammesso che alla fine è un giocattolo fine a se stesso.

NON ho mai detto che e' un giocattolo fine a se stesso, ho detto che e' una di quelle cose inutili che ti servono per imparare e farti un bel bagaglio di esperienza....... qui' tutti pensano all' energia gratuita, pero' in pochissimi pensano che, prima di riuscire ad arrivare ad un risultato del genere, occorre sperimentare, sperimentare, sperimentare, sperimentare e ancora sperimentare per farsi un bel bagaglio di esperienza...... praticamente ricerca pura a fondo perduto............ SE POI SI RIESCE PER CASO A FAR SALTAR FUORI UNA ROBA ENERGETICAMENTE PRODUTTIVA TANTO MEGLIO, pero' bisogna comunque pensare fin dall' inizio che NON si sta' cercando di raggiungere un risultato specifico bensi' si stia facendo ricerca pura, cioe' una attivita' fine a se stessa cosi' come lo e' il gioco (in effetti anche la realizzazione di un simile apparato amatorialmente e' una attivita' scientifico-ludica)

Molte delle grandi scoperte dell' uomo sono avvenute per caso mentre si stava cercando di fare altro o durante attivita' fini a se stesse, chissa' che anche giocando con un fusor NON possa saltar fuori PER CASO qualche scoperta nuova (che NON necessariamente deve essere energia pulita a basso costo)



torno a ripetere, perche' NON ci provate anche voi????

endymion70
26-11-2010, 17:45
NON ho mai detto che e' un giocattolo fine a se stesso, ho detto che e' una di quelle cose inutili che ti servono per imparare e farti un bel bagaglio di esperienza

Ma infatti anche i giocattoli servono, non lo nego.



torno a ripetere, perche' NON ci provate anche voi????
Secondo me occorrerebbe provare almeno una qualche variazione di quello che stai facendo tu. Replicare in toto il progetto non servirebbe a molto. E poi comunque non sarebbe il caso di studiarlo meglio teoricamente? Almeno poi uno sa dove muoversi.

BesselKn
26-11-2010, 20:01
SE POI SI RIESCE PER CASO A FAR SALTAR FUORI UNA ROBA ENERGETICAMENTE PRODUTTIVA TANTO MEGLIO Ne dubito fortemente, visto che - con le attuali tecnologie - si sa (da studi sulla fusione nucleare) che il confinamento elettrostatico non è in grado nemmeno di autosostenersi.

Molte delle grandi scoperte dell' uomo sono avvenute per caso mentre si stava cercando di fare altro o durante attivita' fini a se stesse Questo è vero soprattutto per il passato. Oggi, grazie ai calcolatori, in molti àmbiti della scienza si fa dell'ottima ricerca (universitaria) senza sperimentare nel modo forsennato che tu ci dipingi, bensì con molta più parsimonia. Il che comporta degl'indubbi vantaggi economici, di tempo, di spazio e di persone. A tal proposito, il tuo "adagio" si può così modificare: simulare (al calcolatore), simulare, simulare, sperimentare, validare il modello.
torno a ripetere, perche' NON ci provate anche voi? Io personalmente non ci provo perché la reazione D+D è neutronica. Infatti, il fusor trova impiego proprio come generatore di neutroni. Di conseguenza non ho nessuna intenzione di fungere, col mio corpo, da schermo per i neutroni. Né voglio rischiare di maneggiare materiali attivati. E poi come li smaltisco? In secondo luogo, non ci provo perché a me pare una perdita di denaro e tempo.

uforobot
26-11-2010, 21:50
MA invece del confinamento elettrostatico non sarebbe meglio il confinamento chimico ?

domanda:
Che significa confinamento chimico ?

Risposta:
Significa che il confinamento è realizzato mediante un idruro che è vorace di idrogeno, (però nel tuo caso specifico siccome ci dovrebbe essere un tornaconto energetico) ne consegue che la frase "vorace di idrogeno" va sostituita con "vorace di deuterio", e la parola idruro fa sostituita con la parola deuduro.

deuduro di litio

Il deuduro di litio è esattamente il materiale che viene usato nelle moderne bombe all'idrogeno stile americano.
La frase "bomba all'idrogeno" è una frase ambigua ed impropria perchè in realtà sono bombe di "deuturo di litio".
------------
ritornando al fusor....
La pompa del vuoto crea il vuoto ma tale vuoto non può strappare via il deuterio attaccato al litio, perchè il deuterio è legato chimicamente al litio.
Da qui la denominazione di confinamento chimico.

Il confinamento chimico permette alta densità nel target e bassissima densità lungo la strada spaziale dove i deuteroni dovrebbero accelerare.
La bassissima densità permette accelerazioni elevate, e l'elevata densità di deuterio (nel litio) permette una sezione d'urto non trascurabile cioè interessante.

Come si fa per conciliare vuoto spinto e alta densità sul bersaglio ?
La risposta è usare un idruro, pardon... un deuduro di litio.

Faccio ricordare che nella bomba all'idrogeno americana, non ci sono campi elettrostatici o magnetici, c'è un idruro... pardon un deuduro.

L'innesco di plutonio (o uranio o altro) non ti serve, perchè la cosa deve essere controllata, controllata significa accelerare poche particelle nell'unità di tempo.

In concluisione: consiglio a Testacoil di non perdere tempo con i campi elettrostatici perchè già altri avevano perso tempo in quella direzione, per poi alla fine rendersi conto che la sezione d'urto era troppo bassa; e per aumentare la sezione d'urto occorre aumentare la densità, cioè utilizzare un idruro che attira fortemente nuclei di deuterio (attrazione di tipo chimico).

BesselKn
26-11-2010, 23:56
deuduro di litio Deuteruro, semmai. Deuteride in inglese.

teslacoil
27-11-2010, 13:56
Secondo me occorrerebbe provare almeno una qualche variazione di quello che stai facendo tu. Replicare in toto il progetto non servirebbe a molto. E poi comunque non sarebbe il caso di studiarlo meglio teoricamente? Almeno poi uno sa dove muoversi.

Prima di fare variazioni sul campo e' necessario avere replicato l' esperimento originale (esito positivo = esperienza acquisita + certezza di avere realizzato ogni parte in maniera idonea + base di partenza certamente funzionale per altri esperimenti che potrebbero anche NON funzionare), poi, io lo studio teorico l' ho fatto, per studiarlo MEGLIO NON c'e' altra soluzione se NON quella di replicarlo.



Ne dubito fortemente, visto che - con le attuali tecnologie - si sa (da studi sulla fusione nucleare) che il confinamento elettrostatico non è in grado nemmeno di autosostenersi.

Eccolo qua il solito discorso energetico che rappresenta l' obiettivo da raggiungere a tutti i costi SBARRANDO LA STRADA A TUTTI GLI ALTRI.
E' UN ESPERIMENTO FINE A SE STESSO, DIMENTICATI L' ENERGIA PRODOTTA E PROVA A PENSARE CHE POTREBBE FAR SALTAR FUORI QUALCOS' ALTRO, MAGARI UN MATERIALE DALLE CARATTERISTICHE INNOVATIVE (visto che a te sta tanto a cuore l' energia, MGB sta per esempio puntando ad un possibile uso pratico di questo apparato per realizzare nuovi tipi di superconduttori, e diciamoci la verita', per produrre superconduttori l' energia NON la generi affatto ma invece la consumi....... pero' poi chissa' che questi materiali NON ce ne facciano risparmiare un botto eliminando le perdite dei sistemi esistenti!).



Questo è vero soprattutto per il passato. Oggi, grazie ai calcolatori, in molti àmbiti della scienza si fa dell'ottima ricerca (universitaria) senza sperimentare nel modo forsennato che tu ci dipingi, bensì con molta più parsimonia. Il che comporta degl'indubbi vantaggi economici, di tempo, di spazio e di persone. A tal proposito, il tuo "adagio" si può così modificare: simulare (al calcolatore), simulare, simulare, sperimentare, validare il modello.

L' uso di calcolatori per simulare anziche' sperimentare e' un buon modo per andare fuori strada, lo so bene io che ho avuto modo di usarli piu' volte, sempre e solo con risultati mediocri o pessimi (NB: io li ho usati nel campo dell' elettronica: solite simulazioni circuitali + simulazioni degli effetti induttivi, gli accoppiamenti capacitivi tra le piste, dei disturbi elettromagnetici, i ritardi di propagazione e simili su circuiti mixed signal digitali + analogici + power, anche in RF e posso assicurarti che il risultato che ti da un simulatore puo' anche essere migliore di quello che ti da un circuito fatto alla pene di segugio, ma se mi metto a disegnare lo stampato tutto rigorosamente manualmente, di testa mia, ragionando io la disposizione di componenti e piste e immaginandomi "ad occhio" le interazioni tra piste vicine, i percorsi che fa il segnale per richiudersi a massa e i campi elettrostatici ed elettromagnetici posso assicurarti che so batterti di molti dB il risultato del simulatore).
IL PROBLEMA DELLE SIMULAZIONI SONO I MODELLI, CHE DOVREBBERO RAPPRESENTARE LA REALTA' NEL MODO PIU' FEDELE POSSIBILE MA CHE DI REALE HANNO BEN POCO.
L' immaginazione e il ragionamento di un cervello umano possono di gran lunga battere i risultati della simulazione, parlo per esperienza!



Io personalmente non ci provo perché la reazione D+D è neutronica. Infatti, il fusor trova impiego proprio come generatore di neutroni. Di conseguenza non ho nessuna intenzione di fungere, col mio corpo, da schermo per i neutroni. Né voglio rischiare di maneggiare materiali attivati. E poi come li smaltisco? In secondo luogo, non ci provo perché a me pare una perdita di denaro e tempo.

Sai che questa cosa puzza veramente tantissimo di scusa per lanciare il sasso e nascondere la mano??? :-P



MA invece del confinamento elettrostatico non sarebbe meglio il confinamento chimico ?
Troppa carne al fuoco, mi sono studiato questo per ora e vorrei provare ad applicarlo, inoltre sono gia' ad uno stadio abbastanza avanzato di costruzione di un apparato a confinamento inerziale elettrostatico: perche' il confinamento chimico NON lo provi tu?

uforobot
27-11-2010, 16:56
Troppa carne al fuoco, mi sono studiato questo per ora e vorrei provare ad applicarlo, inoltre sono gia' ad uno stadio abbastanza avanzato di costruzione di un apparato a confinamento inerziale elettrostatico: perche' il confinamento chimico NON lo provi tu?

La differenza costruttiva tra confinamento elettrostatico e confinamento chimico è semplicemente un pezzo solido di litio.
Se preferisci quello elettrostatico fai pure quello ma quando sarai curioso di provare quello chimico: allora aprirai il contenitore e aggiungerai un pezzo di litio, poi richiuderai l'ambaradam, poi idruri, poi rifai il vuoto.

Io non consigliavo di distruggere tutto il buon lavoro che hai fatto finora, ma semplicemente consigliavo di AGGIUNGERE un pezzetto più nel mosaico.
In particolare consigliavo di aggiungere un pezzo di litio e posizionarlo nel centro focale del fusor (tutto qui).

Se vuoi, te lo comprerò io il pezzo di litio, mi mandi un messaggio privato in cui spiega dove acquistarlo e poi te lo consegno.

è dispersivo che io ricostruisca tutto il marchingegno e già l'hai fatto tu, meglio invece collaborare.
Poi (fra parentesi) io non sono bravo come te a maneggiare l'alta tensione.
----------------------------
E' anche possibile usare ambedue i confinamenti nello stesso tempo: sia quello chimico che quello elettrostatico, in tale caso oltre a mettere il target di litio, occorre anche dare tensione elettrica per fare il confinamento elettrostatico.

Se invece si desidera fare soltanto il confinamento chimico: basta non dare tensione elettrica al campo elettrostatico che funge da confinamento.
Ma costruttivamente il fusor non cambia, fatta eccezione del pezzo di litio che può essere inserito o tolto: rispettivamente confinamento chimico o elettrostatico (è sottinteso si può fare anche oppure ambedue).

Forse la cosa migliore è usare ambedue i confinamenti, ma di questo non sono sicuro perché il confinamento elettrostatico costa energia per mantenerlo, quindi occorre sperimentare e vedere se l'aggiunta del confinamento elettrostatico provoca un aumento significativo il rendimento.

teslacoil
27-11-2010, 20:15
La differenza costruttiva tra confinamento elettrostatico e confinamento chimico è semplicemente un pezzo solido di litio [...CUT...]
Io non consigliavo di distruggere tutto il buon lavoro che hai fatto finora, ma semplicemente consigliavo di AGGIUNGERE un pezzetto più nel mosaico.
In particolare consigliavo di aggiungere un pezzo di litio e posizionarlo nel centro focale del fusor (tutto qui) [...CUT...]

E' anche possibile usare ambedue i confinamenti nello stesso tempo: sia quello chimico che quello elettrostatico, in tale caso oltre a mettere il target di litio, occorre anche dare tensione elettrica per fare il confinamento elettrostatico.

Se invece si desidera fare soltanto il confinamento chimico: basta non dare tensione elettrica al campo elettrostatico che funge da confinamento.
Ma costruttivamente il fusor non cambia, fatta eccezione del pezzo di litio che può essere inserito o tolto: rispettivamente confinamento chimico o elettrostatico (è sottinteso si può fare anche oppure ambedue).


Ho capito perfettamente quello che mi vuoi cercare di dire, pero' ti dico fin da ora che quello che vuoi fare e' IRREALIZZABILE perche' ti sei dimenticato di tre cosette importanti:

1- il confinamento inerziale elettrostatico NON puo' essere tolto perche' oltre a confinare la reazione in un punto il campo elettrostatico generato dalle griglie serve per accellerare fortemente le molecole di deuterio disperse nell' ambiente fortemente rarefatto mandandole a collidere al centro con un energia sufficiente per provocarne la fusione, senza confinamento elettrostatico, oltre che a venire a mancare..... il confinamento appunto, viene a mancare pure l' accelerazione delle molecole e il loro successivo urto, quindi viene a mancare la fusione.

2- Mi risulta che il litio puro abbia temperatura di fusione di 453,69 K (180,54 °C) e temperatura di ebollizione di 1615 K (1342 °C), ora, NON so quanto possano cambiare queste due temperature nel caso di idruro di litio o deuteruro di litio, pero' ad occhio e croce credo che siano entrambe comunque "un pochino troppo basse" rispetto alla minima temperatura necessaria per ottenere la fusione (pari a circa 45 milioni di gradi kelvin, indicativamente 4keV di energia che in realta' poi devono essere almeno 10 volte tanti per ottenere una probabilita' di urto efficace sufficientemente elevata)....... se tutto va bene il tuo deuteruro di litio si vaporizza in pochissimi istanti decretando l' insuccesso dell' esperimento, se invece le cose vanno male, i vapori di litio che si formano entrano nella pompa a diffusione contaminando il suo costosissimo olio (cosa fastidiosa, ma di olio ne ho reperito 1 litro da una ditta che faceva tubi catodici ad un decimo del prezzo originale) oppure, ancora peggio, si depositano condensandosi sull' isolatore passante ad alta tensione metallizzandolo e mandandolo in corto (e ripulirlo da una metallizzazione senza danneggiarlo o renderlo poroso ed inadatto al vuoto e' una impresa alquanto difficoltosa!!!!)



Forse la cosa migliore è usare ambedue i confinamenti, ma di questo non sono sicuro perché il confinamento elettrostatico costa energia per mantenerlo, quindi occorre sperimentare e vedere se l'aggiunta del confinamento elettrostatico provoca un aumento significativo il rendimento.

Daje con questa energia, e' un fottutissimo paraocchi per vedere solo una strada ignorando tutte le altre!
A parte che senza confinamento inerziale elettrostatico oltre che al confinamento viene a mancare anche l' accelerazione che fa acquistare l' energia necessaria alla fusione PER INERZIA durante l' urto al centro quindi la fusione cessa di esistere, ma al di la di questo poi mi devi spiegare come diamine vorresti fare ad estrarre l' eventuale energia da un punto di dimensioni microscopiche avente temperature extra altissime mantenuto in quella posizione da un campo elettrostatico perche' NON esiste alcun materiale al mondo in grado di resistere a simili temperature!!!!!!!!!


Infine, I PRIMI ESPERIMENTI CHE DOVRO' FARCI CON QUESTO APPARECCHIO SARANNO DI ATTIVAZIONE NEUTRONICA, magari anche aiutare MGB a sviluppare i suoi superconduttori mediante bombardamento di neutroni, mi serve il fusor sicuramente funzionante e in configurazione originale per ora.


Keep on topic.
se qualcuno ha suggerimenti da fare a riguardo e' ben accetto (NB: pero' prima di parlare di energia pensateci due volte, ricordatevi che si tratta di un esperimento fine a se stesso e che comunque l' obiettivo iniziale sono i neutroni, in futuro si veda', per ora mi interessa tutto cio' che riguarda il fusor di Farnsworth-Hirsch, in particolare consigli costruttivi, avvertenze e errori da evitare, NON mi dispiaciono affatto anche suggerimenti su come utilizzare i neutroni prodotti, un po di utilizzi glieli ho gia trovati ma se mi suggerite altri esperimenti mi farebbe molto piacere!).


Buona AUTOCOSTRUZIONE a tutti!

uforobot
28-11-2010, 16:24
2- Mi risulta che il litio puro abbia temperatura di fusione di 453,69 K (180,54 °C)


A me risulta che il gas di deuterio abbia una temperatura anche inferiore
( :D questa era una battuta di spirito)

----------------------------
a parte gli scherzi....
Se mi arriva in testa un protone cosmico da 10 Gev è probabile che neanche me ne accorgo.

Li'... (quelle poche centinaia di molecole interessate alla spallazione), la temperatura è di miliardi di gradi Celsius, ma non per questo il mio cranio va in fiamme, caso mai mi verrà voglia di grattarmi la testa perchè sentirei uno strano formicolio temporaneo.

La temperatura del target può essere regolata come si vuole, a condizione che si possa regolare il livello di rarefazione.
Se si desidera che il target non superi i 90 gradi Celsius, il livello di rarefazione deve essere molto alto.
------------------------------------
------------------------------------
Se ipotesi ti interessa soltanto la produzione di neutroni (e non ti interessa il rendimento energetico): allora in questo caso la cosa è più semplice perchè non ti servono gas di nessun tipo.
Semplicemente il vuoto in cui una tensione continua di 1,7 Mv spinge gli elettroni contro un target di berillio il quale produce raggi gamma, a sua volta i raggi gamma contro il berillio producono neutroni.

teslacoil
28-11-2010, 17:54
a parte gli scherzi....
Se mi arriva in testa un protone cosmico da 10 Gev è probabile che neanche me ne accorgo.

Li'... (quelle poche centinaia di molecole interessate alla spallazione), la temperatura è di miliardi di gradi Celsius, ma non per questo il mio cranio va in fiamme, caso mai mi verrà voglia di grattarmi la testa perchè sentirei uno strano formicolio temporaneo.


Tieni presente che la griglia geodesica e' notevolmente distante dal punto piu' caldo della reazione, ma nonostante cio tende ad arroventarsi di brutto durante il funzionamento del fusor al punto di arrivare a deformarsi o fondersi del tutto.
Inoltre, a causa del continuo bombardamento di particelle, la griglia tende ad evaporare usurandosi pian piano e ricoprendo di vapori di acciaio inox le pareti interne del contenitore per sputtering....... oltre a leggerlo su internet dalle esperienze di altri fusoristi amatoriali ho gia' avuto modo di accorgermi di questo fenomeno pure io perche' la griglia del secondo demo fusor con cui ho fatto i primi esperimenti (solo confinamento inerziale elettrostatico, senza combustibile, con tensioni e vuoti piu' modesti e ovviamente senza fusione) e' evaporata pesantemente contro le pareti del contenitore (sigh, anche un pochino sull' isolatore ceramico passante nel vuoto!) e si e' surriscaldata cosi' tanto da piegarsi.



La temperatura del target può essere regolata come si vuole, a condizione che si possa regolare il livello di rarefazione.
Se si desidera che il target non superi i 90 gradi Celsius, il livello di rarefazione deve essere molto alto.


Per la verita' il livello di temperatura minimo per innescare la fusione e' determinato dal minimo livello di ENERGIA D' URTO necessario per avere delle probabilita' che le due molecole di deuterio vadano a fondersi assieme, va da se che tale energia minima implica anche la velocita' minima delle molecole, che a sua volta determina la minima tensione di accelerazione necessaria sulle griglie.
il livello di rarefazione stabilisce la quantita' di molecole di deuterio che vanno a collidere al centro del fusor e, in definitiva, il consumo elettrico necessario per mantenere innescata la fusione e il confinamento.



Se ipotesi ti interessa soltanto la produzione di neutroni (e non ti interessa il rendimento energetico): allora in questo caso la cosa è più semplice perchè non ti servono gas di nessun tipo.
Semplicemente il vuoto in cui una tensione continua di 1,7 Mv spinge gli elettroni contro un target di berillio il quale produce raggi gamma, a sua volta i raggi gamma contro il berillio producono neutroni.


Certo che e' piu' semplice, basta avere sottomano ***UN MILIONE E SETTECENTOMILA VOLT*** in corrente continua (cosa che tutti hanno in casa, vedi sotto per dettagli) poi logicamente occorre avere a disposizione un isolatore passante per ultravuoto in grado di reggere tale tensione (comunemente reperibile al supermercato, spesso fanno anche il 3x2, buono per avere dei ricambi casomai si metallizzasse per sputtering)..... poi.... beh, ovvio, una camera ad ultravuoto idonea con tutto il sistema pompante necessario, questa bene o male ce l' hanno tutti in garage..........

UFOROBOT, MA COSA CAXXPITA STAI DICENDO????
ma tu hai almeno una minima idea di cosa siano 1,7MV e come vanno trattate simili tensioni???? io in cantina a simili tensioni NON potrei mai arrivarci perche' c'e' troppo poco spazio a disposizione, ed anche avendole a disposizione, poi come li fai entrare nel vuoto?


Gli hobbysti, si sa, possono realizzare delle cose impensabili a volte, pero' cosi' tanto mi sembra al di fuori della portata del 99.999% degli autocostruttori piu' incalliti, quello che mi hai suggerito lo potrebbe fare un supersmanettone che NON lavora ma vive di rendita grazie al suo conto in banca che farebbe invidia al vincitore del superenalotto e che ha a disposizione un piccolo complesso di capannoni allestiti ad uso hobbystico!



NB: senza andare troppo lontano, questa foto l' ho scattata io e quello che si vede ritratto e' il mio "gadget elettrico" piu' grosso (per ora!)

http://img200.imageshack.us/img200/4233/teslarsg.th.jpg (http://img200.imageshack.us/i/teslarsg.jpg/)

Raggiunge a vuoto un picco di 1,1MV e in queste condizioni NON c'e' storia di riuscire ad isolarlo in qualche modo, la scarica parte da sola comunque in aria dopo averne rotto la sua rigidita' dielettrica a causa del raggio di curvatura troppo piccolo del toroide.... per evitare che scarichino 1,7MV ci vogliono sfere dentro alle quali potrei entrarci io rimanendo in piedi!


Io rimango sempre della stessa idea, ti consiglio di iniziare a sperimentare pure a te, solo sbattendoci la testa scopri tutte le difficolta' realizzative di certe cose e al contempo l' estrema facilita' a realizzarne delle altre apparentemente difficili..... la teoria ci sta anche, ma se e' campata in aria senza alcuna possibilita' di realizzazione pratica allora ha ben poca utilita'

BesselKn
28-11-2010, 22:33
io lo studio teorico l'ho fatto Allora hai senz'altro stimato anche quanti neutroni otterrai, nonché hai progettato le opportune schermature, nonché hai stimato l'entità dell'attivazione che indurrai nei materiali componenti il tuo reattore, no?

Eccolo qua il solito discorso energetico che rappresenta l'obiettivo da raggiungere a tutti i costi SBARRANDO LA STRADA A TUTTI GLI ALTRI. Non sbarro la strada a nessuno. Dico solo che il fusor può essere o può non essere lo strumento adatto per i nostri scopi. Ma ciò dipende appunto dagli scopi prefissati. Quindi, se dici che vuoi fare il fusor perché vuoi produrre neutroni, allora ti dico che fai bene perché già sappiamo dal 1960 che il fusor è un valido strumento per produrli.
Se invece dici che lo vuoi fare per tentare di ricercare se, con la configurazione tradizionale del fusor, è possibile avere un tornaconto energetico, allora ti dico che perdi tempo perché già altri se ne sono occupati e hanno visto che in tal senso il fusor tradizionale è inutile.

L'uso di calcolatori per simulare anziche' sperimentare e' un buon modo per andare fuori strada Mi riferivo a simulazioni per la ricerca, che hanno vincoli meno stringenti sulla durata e sulla ridotta potenza di calcolo disponibili invece per le simulazioni circuitali per progettisti elettronici. Ci sono simulazioni (anche in àmbito elettronico) che girano per settimane su cluster di computer. In questi casi è ovvio che si spinga il più possibile sulle simulazioni perché realizzare ogni singolo prototipo avrebbe costi esorbitanti al confronto.

Sai che questa cosa puzza veramente tantissimo di scusa per lanciare il sasso e nascondere la mano? Sinceramente, io non metterei mai le mani su un dispositivo del quale: non si sa nemmeno una stima di quanti neutroni (né con quale energia) emetta al secondo; non è stato progettato alcuno schermo per neutroni né per raggi X né per raggi γ da attivazione; non si sa nemmeno a spanne quanta radioattività indurrà nei materiali costituenti il reattore (e nei materiali circostanti); non dà alcuna garanzia contro l'inalazione accidentale di piccolissime quantità di trizio; non si sa poi come smaltirlo; non è certamente a norma di Legge (quindi dubito che MgB2 possa impiegarlo legalmente).


I PRIMI ESPERIMENTI CHE DOVRO' FARCI CON QUESTO APPARECCHIO SARANNO DI ATTIVAZIONE NEUTRONICA Le prime cose che ti si attivano saranno gli elettrodi e il contenitore.

la griglia tende ad evaporare usurandosi pian piano e ricoprendo di vapori di acciaio inox le pareti interne del contenitore per sputtering Non è possibile usare un metallo/composto tra i più refrattari esistenti?

teslacoil
29-11-2010, 00:23
Allora hai senz'altro stimato anche quanti neutroni otterrai, nonché hai progettato le opportune schermature, nonché hai stimato l'entità dell'attivazione che indurrai nei materiali componenti il tuo reattore, no?

Si, purtroppo si tratta di cifre abbastanza irrisorie, la radioattivita' del reattore la si potra' a malapena misurare (quando sara' spento), per l' attivazione conto di usare un supporto flangiato che faccia entrare il campione da irradiare all' interno della sfera, vicinissimo al punto focale dove avverra' la reazione, per la schermatura ai neutroni si puo' usare la banale acqua di rubinetto che peraltro essendo abbastanza densa e' in grado di attenuare anche i raggi X emessi (i gamma dovuti all' attivazione dei materiali saranno trascurabili) anche se ho fatto una stima che a soli 10 metri di distanza dal fusor acceso le radiazioni NON rappresentano piu' un rischio, come al solito la solita legge del quadrato della distanza rende il lavoro di schermatura notevolmente piu' semplice.



Non sbarro la strada a nessuno. Dico solo che il fusor può essere o può non essere lo strumento adatto per i nostri scopi. Ma ciò dipende appunto dagli scopi prefissati. Quindi, se dici che vuoi fare il fusor perché vuoi produrre neutroni, allora ti dico che fai bene perché già sappiamo dal 1960 che il fusor è un valido strumento per produrli.
Se invece dici che lo vuoi fare per tentare di ricercare se, con la configurazione tradizionale del fusor, è possibile avere un tornaconto energetico, allora ti dico che perdi tempo perché già altri se ne sono occupati e hanno visto che in tal senso il fusor tradizionale è inutile.


Il fusor tradizionale e' di certo inutile dal punto di vista energetico ed anche se si riuscisse a modificarlo in qualche modo per ottenere un buon surplus energetico, poi c'e' da mettere in conto il problema di come tirarcelo fuori questo calore generato.
Tuttavia, NON si puo' sperimentare su cose nuove e sconosciute senza aver prima sperimentato e capito quelle vecchie altrimenti si rischia solo di prendere delle grossissime cantonate (Quando si impara qualcosa lo si fa dai propri errori, capendoli e trovando il modo per correggerli; per poter capire gli errori e' necessario che siano spiegabili pero', altrimenti ti ritrovi con qualcosa che NON funziona e tu NON sai con esattezza il perche').



Mi riferivo a simulazioni per la ricerca, che hanno vincoli meno stringenti sulla durata e sulla ridotta potenza di calcolo disponibili invece per le simulazioni circuitali per progettisti elettronici. Ci sono simulazioni (anche in àmbito elettronico) che girano per settimane su cluster di computer. In questi casi è ovvio che si spinga il più possibile sulle simulazioni perché realizzare ogni singolo prototipo avrebbe costi esorbitanti al confronto.

Il problema piu' grande delle simulazioni NON e' la capacita' di calcolo o il tempo di computazione bensi' l' accuratezza dei MODELLI che DOVREBBERO rappresentare la realta' nel modo piu' fedele possibile ma che, realmente, NON la rappresentano affatto poi cosi' bene come dovrebbero.
NON c'e' storia, per quanto possa essere fatto bene un modello matematico NON potra' MAI essere completamente fedele alla realta', se poi al posto di un circuito elettronico (di cui e' possibile avere molte informazioni sui suoi componenti), si cerca di simulare una reazione nucleare (di cui si conosce ancora solo una parte dei fenomeni che avvengono realmente) viene da se che la simulazione NON potra' mai essere accurata come dovrebbe, ed ecco la ragione per la quale gli esperimenti vengono poi fatti sul serio per confermare, O SMENTIRE, una teoria sviluppata su dei concetti puramente ideali; se fosse possibile simulare tutto al calcolatore come dici tu ottenendo sempre risultati reali, che senso avrebbe spenderci poi ingenti quantitativi di soldi per provare a fare una cosa che sai gia' che funziona e sai gia' come funziona????

Per ogni teoria confermata, chissa' quante ce ne saranno che si sono rivelate "aria fritta" e chissaquante altre sono state soggette a enormi stravolgimenti, eppure tutte queste sono state strasimulate su supercalcolatori ed hanno dato risultati positivi!


NB: cmq per esperienza devo dire che, quelle ultrararissime volte in cui si trovano dei modelli matematici decenti che rispecchiano le caratteristiche reali dei componenti poi il simulatore se la cava abbastanza bene.... ma se NON riescono quasi mai a realizzare dei modelli decorosi per delle cose che, dopotutto, sono relativamente semplici da parametrizzare, come diamine sperano gli scienziati di parametrizzare delle cose di cui ancora si conosce poco-nulla?

Ovvio, come al solito si chiama "tutta esperienza", anche da questi errori imparano qualcosa.



Sinceramente, io non metterei mai le mani su un dispositivo del quale: non si sa nemmeno una stima di quanti neutroni (né con quale energia) emetta al secondo; non è stato progettato alcuno schermo per neutroni né per raggi X né per raggi γ da attivazione; non si sa nemmeno a spanne quanta radioattività indurrà nei materiali costituenti il reattore (e nei materiali circostanti); non dà alcuna garanzia contro l'inalazione accidentale di piccolissime quantità di trizio; non si sa poi come smaltirlo; non è certamente a norma di Legge (quindi dubito che MgB2 possa impiegarlo legalmente).
Le prime cose che ti si attivano saranno gli elettrodi e il contenitore.

La stima e' fattibile nel mondo ideale (ammettendo che le cose funzionino al 100% ma sappiamo benissimo che e' impossibile) semplicemente calcolando il numero di atomi di deuterio presenti nella camera (calcolo fattibile conoscendo il volume e la pressione) e sapendo che ad ogni coppia di atomi corrisponde 1 neutrone prodotto + emissione di trizio nella meta' dei casi e di elio3 nell' altra meta'
sapendo che la fusione avviene anche tra D ed He3, D e T, T e T e ciascuna di queste reazioni emette un neutrone, quanto ci vuole secondo te a calcolare quanti neutroni potra' cacciare fuori il fusor?
Poi nella realta' le cose sono tutt' altro che semplici e NON tutti gli atomi arriveranno a fondersi (ma solo alcuni percento), ma nel calcolo della schermatura poco importa perche' l' emissione di radiazioni sara' SEMPRE INFERIORE a quel valore!
Tieni presente cmq che stiamo parlando di ALTISSIMI VUOTI, le reazioni al secondo sono proprio pochine, eh!



Non è possibile usare un metallo/composto tra i più refrattari esistenti?

Hanno provato il Tungsteno, ma evapora ancora piu' dell' acciaio (in effettile prime lampadine si annerivano per questo motivo), hanno provato l' acciaio tubolare raffreddato con un olio molto termoconduttore, ma e' solo un palliativo, hanno provato pure con il platino ed anche questo e' un palliativo.
Purtroppo e' solo un gadget, lo si puo' tenere acceso poco tempo perche' poi le griglie si consumano e gli isolatori si metallizzano, pero' per farci esperienza di laboratorio amatorialmente va piu' che bene!.

uforobot
29-11-2010, 20:14
Il fusor tradizionale e' di certo inutile dal punto di vista energetico ed anche se si riuscisse a modificarlo in qualche modo per ottenere un buon surplus energetico, poi c'e' da mettere in conto il problema di come tirarcelo fuori questo calore generato.
.

Li'.. dove c'è il centro focale del fusor, dovrebbe esserci un serpentina idraulica di raffreddamento, di forma simile alla serpentina di un comune scaldabagno elettrico, ma lo scopo deve essere opposto: anzichè scaldare, deve raffreddare.
Anzichè una resistenza elettrica, dentro c'è acqua che scorre.

Il tubo metallico piegato a U ha 3 funzioni fondamentali.
1) raffreddare
2) target
3) estrarre il calore generato e portarlo fuori, quindi è possibile sfruttare il calore.

Alla fine un target solido lo devi sempre mettere dentro il fusor, altrimenti come lo tiri fuori il calore da li ?
Se il calore lo lasci li, si squaglia tutto il fusor;

e poi un target solido ti serve anche per aumentare la sezione d'urto, perchè soltanto il gas è troppo rarefatto e la rarefazione del centro focale abbassa la sezione d'urto, quindi il rendimento.

uforobot
05-12-2010, 11:47
YouTube - Get Lithium Metal From an Energizer Battery (http://www.youtube.com/watch?v=BliWUHSOalU&feature=related)

Qui sopra c'è un link che spiega come estrarre il litio da certi tipi di pile.


Riassumendo:

serve un tubetto di acciaio inossidabile piegato a forma di U
l'estremità del tubetto va annegata nel litio bollente.
si aspetta che il litio si raffreddi
il target è pronto ed possibile inserirlo dentro il fusor, quindi inserire
collegare i tubi dell'acqua al target: in un tubo entra l'acqua fredda e nell'altro esce acqua calda

teslacoil
05-12-2010, 15:31
Due problemi:

NON hai ancora tenuto conto dell' evaporazione del litio, e della sua successiva deposizione elettrostatica sull' isolatore che diventa un conduttore.

per introdurre qualcosa all' interno della sfera e' necessario polarizzare quel "qualcosa" con una tensione di accelerazione (negativa) piu' alta di quella presente sulla griglia, altrimenti l' accelerazione elettrostatica e relativi inerzia e confinamento vanno a farsi benedire; se sulla griglia vado a metterci -40kV sul tuo target dovrei metterci almeno -100kV con evidentissimi problemi di isolamento durante il passaggio nella campana di vetro e nella gestione del sistema di raffreddamento cosi' tanto sollevato da massa.


Cosi' come vorresti fare l' esperimento, servono piu' fondi e mezzi per fare il sistema di raffreddamento e relativo alimentatore aggiuntivo che NON l' intero fusor tradizionale e, anche se dovesse funzionare realmente, l' esperimento durerebbe pochi secondi a causa della metallizzazione degli isolatori che finiscono rapidamente per cortocircuitarsi e mandare a pallino tutto l' esperimento.


Uforobot, tu spessisismo la fai un po troppo facile, a disegnare schizzi con carta e penna e' facilissimo e si possono usare vuoti spinti a piacere, tensioni alte a piacere, dimensioni fisiche a piacere e logicamente pure stilizzazioni del sistema semplificati a piacere........ ma poi tra il dire e il fare c'e' di mezzo "e il"; ricordati sempre che si parla di un esperimento il cui reperimento di materiali nuovi e' completamente fuori dalla portata economica dell' hobbysta medio, devo aver pazienza e aspettare che qualche pezzo salti fuori per caso usato ad un prezzo moderato e tenere ben da conto quello che trovo perche' probabilmente mai piu' mi capitera' di trovare un ricambio identico........ nonostante tutte le ristrettezze, penso che alla fine questo capriccio mi arrivera' a costare attorno ai 3000 euro complessivi a fine lavoro, capisci che in queste condizioni, metallizzare un isolatore passante per una cxxata potrebbe darmi alquanto fastidio.

uforobot
05-12-2010, 20:08
NON hai ancora tenuto conto dell' evaporazione del litio, e della sua successiva deposizione elettrostatica sull' isolatore che diventa un conduttore.
.

e se invece del litio ci fosse il boro che fonde a 2300 gradi ?

con il litio bastava 850 kv, invece con il boro serve 1,4 Mv

Questo perché il nucleo del boro ha un campo repulsivo leggermente più grande.

Il vantaggio del boro sta nel fatto che non c'è bisogno del deuterio, va benissimo semplice idrogeno.
--------------------------
RIASSUMENTO:
deuterio-deuterio ----> 360 kvolt
deuterio-litio ----> 850 kvolt
protone-boro ----> 1,4 Mv

A guardare la tabella sopra indicata sembra che il deuterio-deuterio sia più conveniente, in realtà si tratta di una illusione ottica perchè il deuterio è un gas molto rarefatto cui sezione d'urto è inrilevante.
Diverso è il discorso di un target SOLIDO la cui sezione d'urto è interessante.


fonti:
Fusione nucleare - Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Fusione_nucleare)

BesselKn
08-12-2010, 00:17
Teslacoil,
secondo me avresti fatto meglio a postare un po' di calcoletti, così sappimo meglio di cosa stiamo parlando.
Per quanto riguarda le simulazioni, volevo semplicemente dire - in generale - che tra il fare 5640 prototipi e solo qualche conto a mano e il fare 1 singolo prototipo ma un miliardo di simulazioni pesantissime esiste un compromesso. Che poi è quanto seguono tutte le università del mondo e le più grandi aziende del mondo nella progettazione di sistemi molto complessi, perché ciò permette d'ottimizzare i costi-risorse-rischi.


un target solido ti serve anche per aumentare la sezione d'urto
Non ho mai visto un solo grafico di sezione d'urto nucleare che dipendesse dalla densità... Sai perché? Perché la sezione d'urto non dipende dalla densità. Uforobot, ma t'improvvisi esperto?


invece con il boro serve 1,4 Mv Peccato che, come t'ho fatto notare in un'altra discussione, protoni da 1,4 MeV s'arrestano completamente in circa 21 μm di boro-11 (2,45 g/cm^3)! Ciò perché i protoni cedono la loro energia cinetica soprattuto agli elettroni costituenti il bersaglio mediante interazione coulombiana. Quindi è del tutto inutile sparare protoni sul boro e sperare di averne poi un ritorno energetico.
Se invece vuoi impiantare H in B, allora ok: la cosa acquista senso.

sembra che il deuterio-deuterio sia più conveniente
Veramente, la reazione calda più conveniente/facile è la D+T... Su questo sono concordi praticamente tutti i fisici e gl'ingegneri nucleari del mondo. E ci sarà un motivo valido, o no? O devi per forza avere ragione tu, Uforobot? Ti do un suggerimento: tròvati un grafico della sezione d'urto per la reazione D+D e confrontalo con la sezione d'urto della D+T. Anzi! Meglio ancora, parlando di fusione calda, se riesci a trovare i grafici delle reattività. Sai cosa sono le reattività, no?

endymion70
08-12-2010, 10:41
Non ho mai visto un solo grafico di sezione d'urto nucleare che dipendesse dalla densità... Sai perché? Perché la sezione d'urto non dipende dalla densità. Uforobot, ma t'improvvisi esperto?

Diciamo che quella MACROSCOPICA lo è...

BesselKn
08-12-2010, 13:20
Sì, la sezione d'urto macroscopica (che si misura in 1/cm) dipende dalla densità, ma la sezione d'urto totale (che si misura in cm^2) no.
Ad ogni modo, Uforobot non può sostenere che più il target è denso più reazioni nucleari avvengono e forse il tutto diventa energeticamente vantaggioso, perché in questo modo lui sta comunque ignorando la perdita d'energia per interazione coulombiana cogli elettroni, che in genere è il contributo di perdita dominante quando si sparano particelle cariche pesanti su un solido. Sei d'accordo che Uforobot la fa troppo troppo semplice?

uforobot
08-12-2010, 15:54
perché in questo modo lui sta comunque ignorando la perdita d'energia per interazione coulombiana cogli elettroni, che in genere è il contributo di perdita dominante quando si sparano particelle cariche pesanti su un solido. Sei d'accordo che Uforobot la fa troppo troppo semplice?

Ma nel deuterio rarefatto di testacoil, gli elettroni non ci sono ?

o gli elettroni sono presenti soltanto nei pezzi solidi ?


Dal mio modo di vedere: la configurazione boro-idrogeno è più promettente del costosissimo rarefatto deuterio-deuterio.

BesselKn
08-12-2010, 17:17
Certo che ci sono gli elettroni! Però in quel caso parliamo di plasma caldo, quindi il deuterio (cioè il bersaglio) è già ionizzato. Se è già ionizzato, allora ha senso parlare di perdita di energia per ionizzazione? No, perché non c'è più niente da ionizzare. Quindi l'energia verrà persa soprattutto secondo gli altri due meccanismi che t'ho già detto: bremsstrahlung, interazione coulombiana coi nuclei (e anche fuga di paricelle dal reattore).

La configurazione protoni sparati su boro-11 non dà alcun vantaggio energetico, come ti ho anche mostrato con semplici calcoletti qui
http://www.energeticambiente.it/fusione-calda/5618581-fusione-calda-ma-pulita-5.html#post119139162

Il mio consiglio è che se vuoi elucubrare sulla possibilità di produrre energia utile mediante le cosiddette fusioni a fascio (cioè sparando particelle cariche su bersagli solidi/liquidi/gassosi) è meglio che lasci perdere! Già dal 1960 (grazie a studi sia teorici sia sperimentali) è noto che questo modo non funziona perché la quasi totalità dell'energia viene persa per eccitare/ionizzare gli elettroni del bersaglio. Piuttosto dèdicati a qualche altro modo più promettente...

endymion70
11-12-2010, 07:20
Sì, la sezione d'urto macroscopica (che si misura in 1/cm) dipende dalla densità, ma la sezione d'urto totale (che si misura in cm^2) no.

Sì. E l'inverso della s.u. macroscopica è il libero cammino medio.



Sei d'accordo che Uforobot la fa troppo troppo semplice?
Ma certo che la fa troppo semplice. E' il suo errore ricorrente. Però "ci prova", non saprei dirlo diversamente. Non cerca risposte fuori dalla scienza ufficiale e non si inventa teorie (troppo) strampalate. Basta che studi un po' di più, vero ufo? :rolleyes:

Quantum Leap
11-12-2010, 19:32
Ciao a tutti,



se qualcuno ha suggerimenti da fare a riguardo e' ben accetto ( [...] comunque l' obiettivo iniziale sono i neutroni, [...] NON mi dispiaciono affatto anche suggerimenti su come utilizzare i neutroni prodotti, un po di utilizzi glieli ho gia trovati ma se mi suggerite altri esperimenti mi farebbe molto piacere!).


Per misurare i neutroni termici emessi in altri esperimenti (plasma elettrolitico) abbiamo messo a punto un sistema di misura neutroni di tipo dosimetrico. Il dosimetro si presenta come un contenitore cilindrico (diametro 20 mm - altezza 80 mm) e va esposto alla sorgente di neutroni termici.

Il suo funzionamento si basa sull'elevata sezione d'urto ai neutroni termici data dal boro 10 e alla successiva emissione di particella alpha. All'interno del dosimetro infatti è presente una certa quantità di boro 10 ad avvolgere un polimero sensibile alle alpha.

Successivamente all'esposizione il dosimetro va sottoposto a una fase di 'sviluppo' che rende visibili le tracce alpha delle particelle incidenti e rende possibile conteggiarle per poi risalire al numero di neutroni originario.
Abbiamo trascorso l'ultimo anno ad eseguire una 'taratura' di questo sistema sottoponendo un certo numero di campioni a sorgente 'calibrata' di neutroni termici e a conteggiare le tracce alpha ottenute. Quindi è disponibile un metro di confronto.

Il vantaggio di questo metodo è che non è affetto da rumore elettromagnetico.


Sarebbe interessante provare a misurare il flusso del tuo fusor con questo metodo. Bisogna capire a che distanza porre tali dosimetri, in quanto sono sensibili solo a neutroni termici, o dover porre qualche schermatura che termalizzi i neutroni emessi.
Tenendo presente che la superficie 'utile' alla misura diminuisce allontanandosi dalla sorgente (la dimensione del dosimetro non aumenta, l'angolo solido coperto dal dosimetro diminuisce).

;)

teslacoil
14-12-2010, 23:17
Per i neutroni per ora ho reperito questo, e' il classico snoopy in versione old style, con
lancetta ed alimentazione esterna, e' vecchio ma sempre valido, lo fanno ancora anche se con un visualizzatore moderno e con una tecnologia a basso consumo che permette di usare pile interne senza la necessita' di un pesante pacco batterie esterno aggiuntivo:

http://img692.imageshack.us/img692/8864/snoopy1u.th.jpg (http://img692.imageshack.us/i/snoopy1u.jpg/)

http://img574.imageshack.us/img574/6996/snoopy2.th.jpg (http://img574.imageshack.us/i/snoopy2.jpg/)


grazie all' enorme moderatore che ha attorno e' sensibile ai neutroni veloci, pero' al suo interno ha vari strati tra i quali uno speciale di gomma che serve a linearizzare la risposta
anche ai neutroni termici.


e' un misuratore elettronico, con tutti i suoi pregi e difetti (risposta immediata senza necessita' di sviluppo, ripetibilita' delle misure infinite volte, economicita' perche' e' riutilizzabile senza praticamente alcun costo al di fuori delle pile, per contro ovviamente potrebbe essere messo in crisi da campi elettromagnetici, e' decisamente grosso e pure ben pesante visto che il moderatore e' un cilindrone pieno di polietilene)



Tengo ben presente la tua offerta di dosimetri neutronici da sviluppare, inzialmente ero tentato di acquistare i dosimetri neutronici a bolle della BTI, poi ho desistito (o forse solo
rimandato l' acquisto) perche' sono tremendamente costosi ed hanno una vita utile di soli
12 mesi, prima di acquistarli voglio essere pronto con un fusor funzionante ed essere assolutamente sicuro che mi servano proprio quelli.



Nel frattempo ho avuto dei problemi con il sistema di raffreddamento a causa della pompa
a membrana che mi pompa il liquido "ad intermittenza" generandomi notevoli colpi di ariete nel sistema idraulico che arrivano a farmi vibrare di brutto il baffle interno alla pompa (una spirale di tubo in acciaio inox supportata esclisivamente dagli estremi del tubo stesso) con evidente rischio che si possa spezzare a breve....... sembrera' una minkiata ma ho dovuto autocostruirmi una seconda riserva di liquido aggiuntiva che verra' messa in pressione dalla pompa a membrana e spruzzera' il liquido dentro nella pompa a diffusione....... una copiosa bolla d' aria in pressione al suo interno garantira' lo smorzamento dei colpi di ariete e la realizzazione completamente in plexiglass trasparente, con una sorta di "fontanella" interna oltre a dargli un estetica "cool" mi permettera' pure di vedere se il sistema di pompaggio sta funzionando correttamente e valutare il livello della bolla d' aria.

http://img263.imageshack.us/img263/3487/antiariete.th.jpg (http://img263.imageshack.us/i/antiariete.jpg/)



WORK IN PROGRESS!

Ciao!
Fabio.

teslacoil
23-12-2010, 23:55
Hola All!

Questo post NON c'entra specificatamente con il theread ma lo invio lo stesso perche' potrebbe essere d' ispirazione per tutti

Poco tempo fa, un amico mi ha fatto una domanda che mi ha lasciato
alquanto di stucco:

"Vuoi venire a vedere l' LHC al CERN di Ginevra???"

La risposta NON poteva essere nient' altro che

"Il CERN di Ginevra???? e me lo chiedi pure???? certo che ci voglio
venire!!!!" ;-)



E cosi', ridendo e scherzando, 6 giorni fa eravamo in partenza per
questa grande avventura sotto la neve
che imperversava su mezza europa e ci faceva temere di NON riuscire ad
arrivare in tempo..... per fortuna
NON e' stato cosi' e, pur con lieve ritardo, siamo riusciti a
raggiungere Ginevra e parcheggiare in un candido
parcheggio innevato a fianco di un rassicurante cartello con scritto
"CERN" :-)


Dopo i primi convenievoli, un po di "riscaldamento" presso la zona
dimostrativa destinata ai visitatori occasionali
(praticamente una sorta di expo fatta per le scuole o poco piu'),
abbiamo iniziato il giro vero e proprio e la parte
principale e' stata una grossa visita all' interno di quello che e' il
magazzino ricambi dell' LHC dentro al quale sono
presenti anche i banchi di test per collaudare e riparare i vari
tronconi di acceleratore per validarli prima di portarli
giu' dentro nella caverna dove e' stato realizzato l' LHC.

Appena entrati nel gigantesco capannone la prima cosa che si percepisce
e' il senso di grandezza di questa immensa
opera, dentro a quel locale ci si sente decisamente piu' piccoli e in
contemporanea gli occhi iniziano a farsi grandi
davanti a quelle decine di migliaia di tonnellate di ferro ed acciaio
che ci si ritrova davanti.........


Strutturalmente l' acceleratore e' fatto da vari tronconi, le parti piu'
abbondanti sono gli elettromagneti superconduttori
a dipolo che hanno come unico scopo quello di mantenere confinato il
fascio circolante all' interno dei due tubicini
preposti a contenerlo, oltre ai dipoli magnetici sono presenti pure
quadrupoli, esapoli e decapoli (in numero minore)
che hanno la duplice funzione di confinare il fascio circolante e
restringerlo, collimarlo e ricentrarlo ogni volta che serve.
esiste pure un collimatore meccanico, nient' altro che un disco forato
di materiale superresistente all' usura che ha lo
scopo di far passare il fascio principale attraverso il suo foro e di
arrestare tutta la parte di fascio spurio che si trova
attorno; (a causa della sua funzione di target questo povero collimatore
e' soggetto ad usurarsi e pure ad attivarsi di
brutto, e' la parte destinata a diventare la piu' radioattiva di tutta
la struttura!!!).
Le parti principali dell' acceleratore sono ovviamente le cavita'
risonanti acceleratrici e per poter eseguire esperimenti
pure le 4 stanze per gli altrettanti collisori.
completano l' opera un generatore di particelle, un preacceleratore
circolare che serve per permettere l' immissione
di particelle con una sufficiente energia iniziale e un assorbitore di
particelle, una sorta di cestino, che le rallenta fino a
fermarle al termine degli esperimenti.

L' istituto di ricerca e' suddiviso logicamente in piu edifici, la cosa
che appare strana e' che solo alcuni di questi si
trovano a Ginevra (in svizzera), gli altri si trovano in Francia, pure
lo stesso "anellone" che si trova a 200 metri di
profondita' si ritrova in parte in territorio svizzero e in parte in
territorio francese; durante la visita al CERN e successivamente
durante un po di giri in citta' per mangiare e visitare qualcosa abbiamo
passato la frontiera tante di quelle volte che
spesso ci veniva il dubbio se fossimo in svizzera o in francia e a volte
neppure ci accorgevamo di aver passato una
frontiera!

Purtroppo NON e' stato possibile scendere nella caverna dell' LHC
perche' l' acceleratore e' stato spento recentemente
e a causa degli esperimenti realizzati in precedenza ha accumulato una
discreta dose di radioattivita' che "sconsiglia"
la visita alle persone, poco male cmq, visto dall' esterno l'
acceleratore nient' altro e' che un lunghissimo tubo metallico
di colore blu che NON lascia intravedere alcunche' del suo
sofisticatissimo interno; c'e' stato invece possibile visionare
accuratamente il loro contenuto all' interno del capannone dei ricambi
(dove sono presenti i banchi di test e riparazione,
quindi anche moltissime parti di ricambio dell' acceleratore
parzialmente smontate!); poter calcare quel laboratorio, vedere
con i propri occhi dal vivo cotanta magnificenza e poterla anche
accarezzare con le mani e' stata un emozione incredibile
che spero di riuscirvi a farvi provare in parte grazie alle
numerosissime fotografie che abbiamo scattato; mi scuso fin d' ora
per la qualita' di molte di queste, purtroppo nell' illuminazione erano
presenti molte lampade al sodio (a luce giallognola)
e i colori sono venuti un po sfalsati.


Ho dovuto dividere le foto in 5 album perche' imageshack impediva la
creazione di album con piu' di 100 foto (e gia'
iniziava a dare alcuni problemi intorno alla cinquantina)

ImageShack Album - 42 images (http://img90.imageshack.us/g/pict64321136x852.jpg/)

ImageShack Album - 42 images (http://img705.imageshack.us/g/pict6433852x1136.jpg/)

ImageShack Album - 42 images (http://img574.imageshack.us/g/pict64761136x852.jpg/)

ImageShack Album - 42 images (http://img101.imageshack.us/g/pict65191136x852.jpg/)

ImageShack Album - 42 images (http://img535.imageshack.us/g/pict66001136x852g.jpg/)


Buona visione e naturalmente BUONE FESTE a tutti!


Ciao!
Fabio

teoria del tutto
19-12-2015, 18:07
Non so se mi avete gia visto nel forum ma visto che nessuno viene nei confini provo io a uscire.anchio sto provando a creare una fusione nucleare ma piu casalinga.

teoria del tutto
21-12-2015, 10:40
Io sono del'idea che tesla era sulla giusta strada con la sua bobina.ma gli mancavano le forze.durante una fusione noi non possiamo interagire con il materiale ma le forze possono farle automaticamente basta disporle in modo adeguato in modo da raggiungere una simmetria.mettiamo che abbiano ragione nel puntare 140 laser su un piccolo quantitativo di atomi racchiusi in un contenitore in berillio,nel momento che avviene la fusione chi puo' contenerla se riuscissimo chi puo mantenerla tale?l'energia non puo essere contenuta usando altra energia.ogni cosa portata in una situazione asimmetrica a causa del'energia laen viene portata ad una situazione simmetrica.pensate ad un baricentro di un sistema,e poniamo che il sistema sia l'universo ogni volta che io muovo un'atomo nel'universo(essendo l'universo un sistema chiuso a dispersione zero)l'universo direzionando il tempo e quindi la luce modifica lo spazio ristabilizzando l'equulibrio(energia laen),quindi non potremo mai contenere grandi quantita di energia in un punto.la mia soluzione e' modificare il punto e quindi lo spazio con pochissima energia ma posizionata in modo che si autoalimenti.quindi creare gravita come fa un buco nero,la terra gli atomi in modo da creare uno spazio stabile quindi un forte baricentro che trasferisca lo spazio tempo circostante nella sua ricerca di equilibrio.anche se punto 140 laser in un punto li collimo su migliardi di atomi influenzando gli stessi atomi che contengono il materiale,quindi se verificate il baricentro di una struttura simile esso si spostera fuori dal.campione.se noi invece creiamo il nulla e quindi uno spazio nullo ma che esiste perche' la luce le gira attorno riesco a collimare i laser automaticamente.per farlo devo togliere luce al campione in questo caso l'idrogeno mettendolo in rotazione per renderlo sferico(come il vuoto della bobina di tesla togliendo luce l'idrogeno cristallizza in modo sferico quindi ogni atomo di idrogeno assume una posizione e in questo caso sferica.raffreddando il ccampione a forma di sfera allo zero assoluto ho cristalli di idrogeno che collimano nel punto centrale della sfera.per avere questa situazione perfetta di collimazione mi serve creare attorno alla sfera un campo magnetico in modo che mi determini il baricentro magnetico della sfera e il punto di origine del congelamento.tutto deve essere messo in rotazione con velocita sopra il g per oviare alla gravita terrestre e per agevolare il tutto deve essere inserito in sfere di acqua contenenti una bolla di aria.una volta che il mio campione e'predisposto ho l'idrogeno dove i miei atomi sono direzionati in un solo punto e quindi nel baricentro del campione e quindi su un solo atomo.anche usando poca energia a questo punto ho un baricentro portato allo zero assoluto e intorno tutte le forze,la luce attorno al campione mano a mano che raggiunge il cenro rallenta fino a fermarsi.solo a questo punto si deve dare una potente scarica eletrica che agitera gli atomi che faranno da resistenza inluminandosi,verranno filtrati dalla polvere in berillio posizionata durante la rotazione,filtrando la luce in raggi x puntati verso un solo atomo.l'atomo si dilatera a dismisura(il suo nulla)un'esplosione nucleare.ma con un vantaggio le forze sono disposte quindi partira un ruassorbimento controllato che portera ad un mini buco nero.tutto cio che stara attorno verra tramutato in energia.nulla fondera si modifichera lo spazio circostante assorbendo energia e restituendola in un solo punto.come fa la terra e il sole assorbono energia circostante modificando lo spazio interno emettendo un campo eletromagnetico dai poli come fa la terra o emettendo luce come fa il sole.