PDA

Visualizza la versione completa : Come scegliere la caldaia per una nuova abitazione



robertaluca
30-01-2008, 11:24
Salve a tutti<br>siamo una coppia di sora (Fr) e stiamo costruendo una nuova abitazione di circa 115 mq + 80 di seminterrato a detta del costruttore ben isolata termicamente, ora siamo arrivati al punto di decidere quale sistama utilizzare per scaldarla.<br>La scelta iniziale era così composta:<br>- termocamino con autoalimentatore per pallet, sansa, gusci ecc<br>- caldaia a metano<br>- eventuale pannello solare per l&#39;acs.<br>per quello che riguarda il termocamino abbiamo capito che l&#39;autoalimentatore è molto rumoroso e delicato quindi sconsigliato da quasi tutti i rivenditori, ma in base a quali parametri si deve scegliere visto che i depliant che forniscono danno solo la scelta in base ai metri quadri e non anche alla produzione di acs o altro?<br>La caldaia è il nostro grande dilemma dato che alcuni consigliano assolutamente una caldaia a condensazione con la possibilit&agrave; di collegarla direttamente al pannello solare in modo che il delta T sia minimo, tipo la meteo green solare della Beretta, altri invece la sconsigliano perchè pare che con l&#39;impianto a radiatori ( in alluminio, pare siano i migliori) la caldaia non riesca a condensare.<br>Per quanto riguarda infine il pannello pare che il risparmio effettivo sia elevato, quindi direi che lo mettiamo, dovremmo poi valutare le dimensioni e se a circolazione naturale o forzata in base all&#39;impianto che sceglieremo.<br>Qualcuno di voi può darci qualche dritta per aiutarci a scegliere?<br>Mille grazie gi&agrave; da ora

dotting
30-01-2008, 17:10
Se pensavi a pellets, gusci e sansa eri cosciente di dover gestire una biomassa.<br><br>Io non abbandonerei l&#39;ipotesi del pellets e esaminerei la possibilit&agrave; di mettere una idrostufa nel semiinterrato, che per sua configurazione solitamente è molto openspace ed è ben coibentato di suo, che alimenta l&#39;impianto a termosifone nel piano superiore.<br><br>Per l&#39;ACS impianto separato con pannelli solari piani a Circolazione Naturale, sud pieno inclinazione minima 45°, collegata a scaldino a gas metano secondo il solito schema:<br><a href="http://web.tiscali.it/risparmio_energetico/miscelatore_rovescio.pdf" target="_blank">http://web.tiscali.it/risparmio_energetico...re_rovescio.pdf</a><br><br>Semplice e lineare.

robertaluca
31-01-2008, 11:56
Grazie per la risposta ma ho un dubbio:<br>il tutto senza caldaia?

dotting
31-01-2008, 13:08
Dipende se tu ritieni di poter gestire sempre il pellets.<br>Gestire significa avere spazi dove metterlo, comprarlo o approvvigionarlo, caricare giornalmente la caldaia, pulire il cassetto cenere ecc.<br>Se hai qualche dubbio devi prendere una caldaia mista riscaldamento+ACS che colleghi ai termo in questo modo, al posto del termocamino considera la idrostufa:<br><a href="http://web.tiscali.it/risparmio_energetico/termocamino+gas.jpg" target="_blank">http://web.tiscali.it/risparmio_energetico...ocamino+gas.jpg</a>

robertaluca
01-02-2008, 11:44
Tutto chiaro, ma lavorando entrambi per buona parte della giornata dubito che avremo tempo e modo di gestire sempre l&#39;idrostufa, infatti l&#39;idea del termocamino derivava proprio dal poco tempo libero che abbiamo. Pensavamo infatti di usare la caldaia (quale a condensazione o normale?) per le ore diurne e il termocamino per la sera, in modo tale da poterlo caricare, pulire ecc&#33;<br>La scelta che mi consigli (idrostufa e non termocamino) da cosa deriva?Perdona l&#39;ignoranza ma a me sembravano uguali,solo che il termocamino in più ha la possibilit&agrave; di avere il fuoco a vista visto che a me piace molto.

dotting
01-02-2008, 13:32
Be anche la idrostufa ha il fuoco a vista.<br>Fra il termocamino e una idrostufa in termini di facilit&agrave; di gestione cè un abisso, profondo.<br>La idrostufa per dire la puoi accendere dall&#39;ufficio con il telefono.<br>La carichi una volta al giorno, le ceneri sono scarse, canna fumaria da 80 mm.<br><br>Mi fermo qu&agrave;, perchè potrei continuare per un paio di pagine, documentati un poco e poi fai domande.