PDA

Visualizza la versione completa : dritte su inverter in rete



nicthepic
08-03-2005, 16:17
Sono partito con la progettazione dell&#39;inverter di tipo stand alone e grid connected, stiamo gia stilando lo schematico,anche se ci vorra un po.<br>le domande sono molteplici, ma una in particolare mi sta a cuore: la comunicazione con l&#39;esterno.<br>Sembra che il protocollo migliore per non crearne uno proprietario da usare sia il modbus, Vi risulta?<br>avete dritte o specifiche anche di diverso argomento (rendimenti richiesti e della concorrenza, tipologia ecc ecc) da consigliarmi?<br>questa settimana vado al cebit di hannover a vedere i cinesi, non vedro spesso il forum, ma rispondete lo stesso se volete.<br>Grazie<br>Nicola

gattmes
08-03-2005, 17:04
Mi <u>raccomando</u>...Linux compatibile....

Furio57
09-03-2005, 12:06
<table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> (nicthepic @ 8/3/2005, 16:17)</td></tr><tr><td id='QUOTE'>Sono partito con la progettazione dell&#39;inverter ... le domande sono molteplici, ma una in particolare mi sta a cuore: la comunicazione con l&#39;esterno...</td></tr></table><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Nicola per la comunicazione con l&#39; esterno proporrei una uscita "standard" RS232 ASCII oppure RS422, lo so che qualche cervellone oramai ha tolto dai pc la porta seriale, ma secondo me è la più semplice da realizzare e da gestire: per diagnostica, aggiornamento firmware ecc. Poi i codici ASCII puoi manipolarli come meglio credi. Oppure installare un&#39; interfaccia USB, ma qui le cose si complicano un po&#39;. Volendo si potrebbe progettare una specie di Hub con all&#39; ingresso otto porte seriali ed una uscita USB, per unire i dati di più inverter insieme, da vendersi come accessorio.<br>Per un funzionamento anche in remoto assieme ad altri inverter, attraverso il Web mi sembra d&#39;obbligo un&#39; interfaccia IE802, cioè Ethernet, da vendere come opzione. Molto più incasinato da realizzare, ma anche molto più sofisticato, poi qual&#39;cosa in più della concorrenza biosogna dare no? Se hai difficolt&agrave; nella realizzazione in tal senso, siamo qua.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br><span class="edit">Edited by Furio57 - 9/3/2005, 14:14</span>

nicthepic
14-03-2005, 14:49
Tornato dal cebit, nulla da dichiarare se non un futuro mal di chiappe dovuto a concorrenza (sleale?) cinese nel mio settore.<br>non vi era solare in esposizione, ma non era la fiera giusta.<br>Tornando all&#39; inverter:<br>Va bene per 232 anche se da qui a pochi anni sara&#39; morta, in favore della USB, piu&#39; robusta, veloce ed affidabile.<br>la 422 mi sembra piu affermata nel campo delle apparecchiature (la rs 485?)<br>il discorso da fare è sul protocollo di comunicazione: Inutile usare ora un protocollo da personal computer, se in questo campo non viene usato.<br>le varie apparecchiature di gestione e controllo dell&#39;energia, cosa usano?<br>devo creare un procollo io , o vi è uno standard?.<br>creare un protocollo proprietario è fattibile, ma ne vale la pena?<br>per il web, vi sono apposite interfacce (SNMP)<br> <br>

16-03-2005, 15:33
Ma se questi inverter se non li attacchi a un computer dove li attacchi? <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/huh.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Quali sono questi altri apparecchi?<br><br>Per il web il protocollo snmp serve solo per gestire le reti (Simple Network Management Protocol) e per l&#39;inverter non serve a un gran che, magari puoi fare una bella interfaccia html, che è accessibile da tutti i pc senza sistemi strani <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/cool.gif' border='0' valign='absmiddle'>

nicthepic
17-03-2005, 08:39
in effetti possono venire collegati ad apparati di misura, oppure a plc di controllo,quindi non solo a pc.<br>la domanda che hai posto è giusta: quali e che protocolli usano?<br>è anche la mia.<br>una interfaccia SNMP usata nel nostro campo (UPS) (tra l&#39;altro è un hdw abbastanza complesso) prevede a una o piu&#39; pagine HTML accessibili da rete , e , se vi è un&#39;accesso internet, anche via IP.<br>al limite, in assenza di router, con un cross cable puoi collegarti ad essa senza problemi.

17-03-2005, 11:40
L&#39;SNMP non serve solo per il network management.<br><br>Il protocollo prevede l&#39;invio di trap (piccoli messaggi di informazione) ad un collettore il quale interpreta i messaggi che possono essere resi pubblici attraverso ad esempio una interfaccia web. Io credo sia possibile utilizzare questo tipo di tecnologia nell&#39;inverter ma bisognerebbe scrivere anche le MIB (informazioni necessarie al collettore per interpretare le trap inviate dall&#39;inverter). A quel punto il collettore può anche non essere necessariamente un PC anche se mi sembra la cosa più semplice, ma può essere anche un telecontrollo wireless con display e firmware dedicato.<br><br>Buon lavoro a tutti<br>

nicthepic
17-03-2005, 11:57
gia&#39;, è cosi&#33;<br>vuol dire costi...<br>vederemo.

Furio57
17-03-2005, 12:22
Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Occhio ragazzi l&#39;inverter non deve essere un computer deve solamente "far vedere" i propri dati che sono pochi ad unit&agrave; esterne che possono essere o comprendere una moltitudine di apparecchi, interfaccie, concentratori ecc. ecc.<br>In definitiva forse una usb dovrebbe essere l&#39; ideale, ma non tutti i dispositivi c&#39;è <br>l&#39; hanno. Rimango dell&#39; idea che una seriale tradizionale con semplici codici ASCII ci deve essere.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br><span class="edit">Edited by Furio57 - 17/3/2005, 12:24</span>

17-03-2005, 15:52
<center><div style='width: 95%; margin: 3px' align=left><b>CITAZIONE</b> (Furio57 @ 17/3/2005, 12:22)</div><div id='QUOTE' style='width: 95%' align=left>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Occhio ragazzi l&#39;inverter non deve essere un computer deve solamente "far vedere" i propri dati che sono pochi ad unit&agrave; esterne che possono essere o comprendere una moltitudine di apparecchi, interfaccie, concentratori ecc. ecc.<br>In definitiva forse una usb dovrebbe essere l&#39; ideale, ma non tutti i dispositivi c&#39;è <br>l&#39; hanno. Rimango dell&#39; idea che una seriale tradizionale con semplici codici ASCII ci deve essere.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'></div></center><br> In effetti furio ha ragione, va a finire che viene a costare più l&#39;interfaccia per fare vedere quei due dati che l&#39;inverter vero e proprio<br>Anche perchè un conto è un ups che deve essere sempre sotto controllo, un conto è un inverter che volendo uno può dimenticarsi che ce l&#39;ha ...<br>Se poi è un inverter in rete fa proprio tutto da solo <br><br><br>E comunque l&#39;snmp come standard non c&#39;entra niente con gli inverter <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/blink.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Leggete un po&#39;...<br><a href='http://openskills.info/topic.php?ID=169' target='_blank'>http://openskills.info/topic.php?ID=169</a><br>Tra l&#39;altro è abbastanza complesso come protocollo

nicthepic
06-04-2005, 09:57
improntato il progetto, mi servono altre informazioni se possibili, e chiarificazioni.<br>le pongo qui:<br>puo servire e/o cè gia l&#39;opzione wireless per il trasferimento dati dall&#39;inverter?<br>che acessori vengono richiesti normalmente con gli inverter?<br>la taglia di 6 KW è eccessiva?<br>il colloquio con i contatori esterni ( quali ?) avviene attraverso un bus, ma quale protocollo viene usato per la maggiore , e quale usa l&#39;ENEL?<br>Vi sono gia dei programmi di gestione dell&#39;inverter o devo crearne uno proprietario?<br>ringrazio in anticipo.<br>p.s. paghero&#39; le consulenze con sconti extra quando (e se) saranno pronti gli inverter<br>

ag_smith
23-04-2005, 18:52
ragazzi 30metri di cavo da 6mm di diametro quanta coduta di volt c&#39;e&#39; nella linea 220v??<br><br>in oltre sarebbe regolabile un inverter comprato per umentare un po la tensione d&#39;uscita(tipo una 20ina di volt) in modo da non risentire della caduta di tensione dovuta ai 30metri di cavo?

Furio57
23-04-2005, 23:15
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (ag_smith @ 23/4/2005, 19:52)</div><div id='QUOTE' align='left'>ragazzi 30metri di cavo da 6mm di diametro quanta caduta di volt c&#39;e&#39; nella linea 220v??</div></center><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Ag-Smith caspita&#33; con tutti gli interventi fatti e formule scritte, dovresti sapere che la caduta di tensione è in funzione del carico, no? La domanda non ha risposta.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'>

ag_smith
24-04-2005, 08:47
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Furio57 @ 24/4/2005, 00:15)</div><div id='QUOTE' align='left'><center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (ag_smith @ 23/4/2005, 19:52)</div><div id='QUOTE' align='left'>ragazzi 30metri di cavo da 6mm di diametro quanta caduta di volt c&#39;e&#39; nella linea 220v??</div></center><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Ag-Smith caspita&#33; con tutti gli interventi fatti e formule scritte, dovresti sapere che la caduta di tensione è in funzione del carico, no? La domanda non ha risposta.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'></div></center><br> scusa ma non influiva pure la lunghezza del cavo quindi la sua resistenza? <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/wacko.gif' border='0' valign='absmiddle'>

Furio57
24-04-2005, 10:47
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (ag_smith @ 24/4/2005, 09:47)</div><div id='QUOTE' align='left'>...ma non influiva pure la lunghezza del cavo quindi la sua resistenza?</div></center><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Ag-smith, certamente&#33; la tensione di caduta è il prodotto fra la resitenza e la corrente. Come noterai l&#39;aumentare di questa tensione è direttamente proporzionale al valore della resistenza o/e della corrente.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br><span class="edit">Edited by Furio57 - 24/4/2005, 11:49</span>

ag_smith
24-04-2005, 10:54
quindi non dovrebbe portare problemi con l&#39;impiantone da 15kw perche&#39; l&#39;assorbimento non andrebbe mai sopra i 9KW tranne se non approvano un conto energia conveniente a quel punto si collegherebbe alla rete enel...<br><br>a proposito furio ci sono inverter che hanno un&#39;opzione ch epermette di sincronizzarli o no?

Furio57
24-04-2005, 11:03
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (ag_smith @ 24/4/2005, 11:54)</div><div id='QUOTE' align='left'>quindi non dovrebbe portare problemi con l&#39;impiantone da 15kw perche&#39; l&#39;assorbimento non andrebbe mai sopra i 9KW tranne se non approvano un conto energia conveniente a quel punto si collegherebbe alla rete enel...</div></center><br>???? <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/blink.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br><center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> </div><div id='QUOTE' align='left'>...ci sono inverter che hanno un&#39;opzione che permette di sincronizzarli...?</div></center><br>No&#33; uno stand alone non potr&agrave; mai essere un grid connected e viceversa.<br><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Ag-smith

ag_smith
24-04-2005, 11:39
azz caspita.. quindi dovrei comprare un inverter sincronizzato grosso e uno piccolino non sincronizzato per ora funzionano insieme e poi quando si collega all&#39;enel staccare quello piccolino...

Furio57
24-04-2005, 12:49
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (ag_smith @ 24/4/2005, 12:39)</div><div id='QUOTE' align='left'>azz caspita.. quindi dovrei comprare un inverter sincronizzato grosso e uno piccolino non sincronizzato per ora funzionano insieme e poi quando si collega all&#39;enel staccare quello piccolino...</div></center><br> Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Ag-smith può darsi che quello più piccolo si fulmini, comunque deve produrre una forma d&#39;onda perfettamente sinusoidale e la frequenza con tolleranze strettissime.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'>

FernandoFast
24-04-2005, 18:09
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (ag_smith @ 24/4/2005, 12:39)</div><div id='QUOTE' align='left'>azz caspita.. quindi dovrei comprare un inverter sincronizzato grosso e uno piccolino non sincronizzato per ora funzionano insieme e poi quando si collega all&#39;enel staccare quello piccolino...</div></center><br>Vedi se ti aiutano questi schemi <br>Il primo è Grid Connected<br><img src='http://www.intersolare.it/idrogeno/Schema a blocchi dei flussi grrid connected.jpg' border='0' alt='user posted image'><br>Il secondo è stand alone<br><img src='http://www.intersolare.it/idrogeno/Schema a blocchi dei flussi stand alone.jpg' border='0' alt='user posted image'><br>Se vuoi fare in modo di utilizzare un sistema che dia la possibilit&agrave; di avere un doppio sistema (ad esempio se prevedi di fare un sistema ANTI BLACK OUT) l&#39;ENEL ti richiede di fare un impianto diverso. Con la creazione di un isola privilegiata come indicato in questo schema<br><img src='http://www.intersolare.it/idrogeno/schema con isola.jpg' border='0' alt='user posted image'><br><br>Ciao e spero di esservi stato utile<br>Fernando

24-04-2005, 21:45
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (FernandoFast @ 24/4/2005, 19:09)</div><div id='QUOTE' align='left'>Se vuoi fare in modo di utilizzare un sistema che dia la possibilit&agrave; di avere un doppio sistema (ad esempio se prevedi di fare un sistema ANTI BLACK OUT) l&#39;ENEL ti richiede di fare un impianto diverso. Con la creazione di un isola privilegiata come indicato in questo schema</div></center><br> Però che inverter posso usare?<br><br>Ne esiste un tipo fatto apposta per questo collegamento?

FernandoFast
25-04-2005, 11:45
Se guardi bene lo schema, l&#39;inverter è a valle delle batterie. La corrente che va alle batterie deve essere in continua. Ci vuole un sistema che ottimizza la carica delle batterie e che quindi controlli la carica e la scarica delle stesse in modo che non si brucino o rovinino; quindi, hai bisogna di un inverter che gestisci la fase alternata e un controllo di carica per le batterie.<br>Ciao<br>Fernando

NextEnergy
27-04-2005, 21:52
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (nicthepic @ 6/4/2005, 10:57)</div><div id='QUOTE' align='left'>improntato il progetto, mi servono altre informazioni se possibili, e chiarificazioni.<br>le pongo qui:<br>puo servire e/o cè gia l&#39;opzione wireless per il trasferimento dati dall&#39;inverter?<br>che acessori vengono richiesti normalmente con gli inverter?<br>la taglia di 6 KW è eccessiva?<br>il colloquio con i contatori esterni ( quali ?) avviene attraverso un bus, ma quale protocollo viene usato per la maggiore , e quale usa l&#39;ENEL?<br>Vi sono gia dei programmi di gestione dell&#39;inverter o devo crearne uno proprietario?<br>ringrazio in anticipo.<br>p.s. paghero&#39; le consulenze con sconti extra quando (e se) saranno pronti gli inverter</div></center><br> Ciao Nicthepic,<br><br>seguo con interesse il tuo progetto di realizzazione inverter per FV.<br>Potresti essere un mio potenziale fornitore.<br>La taglia di 6 Kw può andare bene.<br>Ma la cosa più importante sar&agrave; oltre all&#39;affidabilit&agrave; (leggi garanzia per 10 anni), l&#39;efficienza =>94-95% ed un costo all&#39;utente finale non superiore ai 500 Euro/KW.<br>Tieni presente ch Fronius, Sunny Boy, mastervolt, ecc. costano di listino circa 1000euro/W, ma per grosse forniture si può scendere a 600/700.<br><br>Tienimi aggiornato.<br>

nicthepic
28-04-2005, 14:22
la vedo dura una garanzia decennale, che non sia supportata dal punto di vista economico.<br>il prezzo target di vendita è piu&#39; o meno quello, piu&#39; è sofisticata piu costa.<br>quella che sto facendo lo è abbastanza.<br>l&#39;efficenza massima è un&#39;altro degli obiettivi.<br>vedremo.<br>sinceramente, vedo altri dichiarare il 95 %: non ci credo se non vedo.<br>è un&#39;obiettivo difficilissimo da raggiungere. in piu dipende anche da come si fanno le misure.<br>ricordo che qualche anno fa le prime caldaie a condensazione, con apparati appositi di misura e dellle formule usate allora, davano endimenti superiori alla unita, chi sa qualcosa di termodinamica sa che bufalata è questa. <br><br><span class="edit">Edited by nicthepic - 28/4/2005, 15:27</span>

NextEnergy
28-04-2005, 18:47
Ciao Nicthepic,<br><br>Premetto che NON SONO UN TECNICO, e forse sparo una Caxxxta.<br><br>E&#39; possibile modificare un inverter industriale, di quelli che servono per comandare i motori, AC-DC-AC, saltando la prima parte, e collegando direttamente l&#39;impianto FV sulla DC e poi con un filtro a valle correggere l&#39;uscita AC in sinusoidale pura..? Non mi mandare a quel paese subito, ...riflettici un poco.<br>Gli inverter industriali a parit&agrave; di potenza costano meno di 1/5. Lo so perchè un mio amico è un importatore diretto, ed io gli ho gia messo una pulce nell&#39;...inverter.

Furio57
28-04-2005, 22:00
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (NextEnergy @ 28/4/2005, 19:47)</div><div id='QUOTE' align='left'>...Gli inverter industriali a parit&agrave; di potenza costano meno di 1/5. Lo so perchè un mio amico è un importatore diretto, ed io gli ho gia messo una pulce nell&#39;...inverter.</div></center><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao NextEnergy avendo letto questa tua richiesta rispondo perchè gli inverter industriali li conosco e li ho usati. Penso che ti riferisca agli inverter rivolti ad alimentare macchine utensili, laminatoi ecc. Questi inverter si chiamano si, inverter, ma sono anche regolatori, la caratteristica saliente è quella di comandare motori normalmente trifase asincroni tenedo continuamente sotto controllo diversi parametri quali coppia rampa di accellerazione/decellerazione, scorrimento ecc. Strutturalmente sono molto diversi dal grid connected. Per quanto riguarda il prezzo, non costano di meno perchè sono per uso industriale, ma perchè vengono forse dalla Cina? Per gli inverter industriali sono molto forti i giapponesi perchè hanno una cultuta "robotica" molto sviluppata e aziende come "Hitachi" sono all&#39; avanguardia in questo campo. Se vorr&agrave; replicare, lascio la parola a Nichthepic che oltre sulla parte tecnica potr&agrave; dirti anche qual&#39; cosa circa i costi d&#39; azienda e di concorrenza cinese.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br><span class="edit">Edited by Furio57 - 28/4/2005, 23:26</span>

NextEnergy
29-04-2005, 09:53
Ciao Furio57,<br><br>avevo premesso che NON SONO UN TECNICO, ma sono curioso e mi faccio domande.<br><br>So che sono inverter con caratteristiche e funzioni diverse (variano la frequenza di uscita per comandare motori ecc), ma sempre inverter sono, ed il mio amico ha effettivamente inserito la CC ottenendo in uscita CA. Di più non so dirti.<br><br>Per quanto riguarda il prezzo, sono prodotti di una multinazionale coreana (DELTA), non so se poi li fanno costruire in Cina, potrebbe essere.<br><br>Il prezzo dipende anche e sopratutto dalla dimensione del mercato. Gli inverter industriali sono prodotti e venduti in milioni di pezzi in tutto il mondo, mentre gli inverter "Solari" hanno un mercato ancora estremamente ridotto. <br>E poi ancora oggi tutto quello che è "solare" è venduto con margini spaventosi giocando sull&#39;alta tecnologia (&#33;?) e sull&#39;ignoranza del mercato. Ricordiamoci che fino a qualche anno fa il mercato, ovvero il Cliente, era solo il privato che voleva installare l&#39;impiantino sul tetto. Con conoscenze e capacit&agrave; contrattuale pari a zero.<br><br>Ciao a tutti. <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/happy.gif' border='0' valign='absmiddle'>

Furio57
29-04-2005, 11:18
Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao NextEnergy come vedi più o meno ho centrato, prova ad acquistare un inverter Siemens o Asea Brown Boveri e ne riparliamo. E&#39; il solito discorso: l&#39;operaio orientale quadagna circa 80/120 euro al mese e senza alcuna tutela e diritto. Per sistemare questa sleale concorrenza, basterebbe esportare da quelle parti, tutto il nostro sindacato in blocco e gli ambientalisti,...se non li ammazzano prima, le cose tornerebbero a posto. <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/wink.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Se ti stupisce il fatto che in un circuito possa entrere della continua ed ottenere della alternata, con 20 euro o anche meno è facile costruirsi un inverterino per i più svariati usi. Non è questo il punto, è l&#39;affidabilit&agrave;, la qualit&agrave; della forma d&#39; onda e l&#39; efficienza.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br><span class="edit">Edited by Furio57 - 29/4/2005, 12:19</span>

nicthepic
02-05-2005, 07:41
a parte la diversita&#39; del mercato, e quindi il numero di pezzi molto maggiore che permette economie di scala, negli inverter per motori rispetto a quelli dedicati non vi è:<br>isolamento galvanico lato dc (non serve sui motori)<br>non c&#39;e&#39; il filtro di uscita<br>la sinusoide è meno precisa ( la frequenza di pwm è , di solito. piu&#39; bassa)<br>non si sincronizza con la rete, non è quindi possibile creare un grid connected.<br>minore sofisticazione dei circuiti di protezione.<br>In qualsiasi caso, la loro funzionalita è molto simile ad un inverter per alimentazione, e con le dovute cautele e modifiche, è possibile tirarci fuori qualcosa come inverter stand alone.<br>ma ne vale la pena?<br>per quel che riguarda il prezzo:<br>riportandoci ad un inverter costruito apposta per il solare, nel piano di progetto del mio il costo per il materiale di un 3000 watt sara&#39; di circa 500 euro.<br>aggiungici la mano d&#39;opera, l&#39;ammortamento del progetto che dipendera&#39; dai numeri, imballi costi fissi e un target di prezzo di vendita ai grossisti od installatori sul migliaio di euro<br>vedi&#39; gia&#39; che il ricarico aziendale sara&#39; massimo intorno al 30 %, che è il minimo che una piccola azienda possa applicare per vivere.<br>se poi trovi grossisti che vendono con ricarichi del 60 o 70 %.....<br>beh, si cerca un&#39;altro rivenditore.<br> <br><br><span class="edit">Edited by nicthepic - 2/5/2005, 08:50</span>