PDA

Visualizza la versione completa : alternatore si opp. no?



14-03-2005, 11:06
Salve amici sono nuovo del forum ma e&#39; da un bel po che sto pensando di costruire<br>un generatore eolico e piu&#39; di una volta mi sono arreso, stavolta spero che con il Vostro aiuto possa riuscirci, i quasiti sono i seguenti:<br>1 Questo benedetto alternatore auto va bene o non va bene, scusate in auto funziona soltanto facendolo girare ,alcuni dicono di modificarlo e come ?<br>2 Cosa avete escogitato per non fare attorcigliare i cavi attorno alla struttura che sorregge il generatore visto che in un generatore orizzontale l&#39;alernatore gira su se stesso a secondo la direzione del vento?<br>Grazie amici aspetto fiducioso.

paolosport
15-03-2005, 11:46
Ciao Adamo,<br><br>gli alternatori per auto non vanno bene per due fondamentali motivi:<br><br>1) Hanno bisogno di un numero troppo elavato di giri (circa 800/1000) prima di erogare una corrente accettabile e quindi di conseguenza una potenza accettabile;<br>2) Devono essere necessariamente eccitati con una sorgente di corrente esterna dato che al loro interno non vi sono magneti permanenti che generano un campo magnetico;<br><br>La "torre" dell&#39;aerogeneratore potr&agrave; essere costituita da un tubo all&#39;interno del quale verr&agrave; inserito il cavo che ha il compito di trasportare l&#39;energia prodotta dal generatore, in questo modo non si attorciglier&agrave; niente.<br><br>Ciao

15-03-2005, 14:33
<table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> (paolosport @ 15/3/2005, 11:46)</td></tr><tr><td id='QUOTE'>Ciao Adamo,<br><br>gli alternatori per auto non vanno bene per due fondamentali motivi:<br><br>1) Hanno bisogno di un numero troppo elavato di giri (circa 800/1000) prima di erogare una corrente accettabile e quindi di conseguenza una potenza accettabile;<br>2) Devono essere necessariamente eccitati con una sorgente di corrente esterna dato che al loro interno non vi sono magneti permanenti che generano un campo magnetico;<br><br>La "torre" dell&#39;aerogeneratore potr&agrave; essere costituita da un tubo all&#39;interno del quale verr&agrave; inserito il cavo che ha il compito di trasportare l&#39;energia prodotta dal generatore, in questo modo non si attorciglier&agrave; niente.<br><br>Ciao</td></tr></table><br> 1) Hanno bisogno di un numero troppo elavato di giri (circa 800/1000) prima di erogare una corrente accettabile e quindi di conseguenza una potenza accettabile;<br><br>Grazie per la risposta immediata ,ma siamo sicuri che gli 800/1000 giri sono quelli dell&#39;alternatore e non quelli del motore.<br>Per spiegarmi meglio anche il mio scenic carica a questi giri stando a quello che dice il conta-giri ,ma non vorrei che l&#39;alternatore invece girasse a molto meno, tipo rapporti con pulegge ecc ecc.

ag_smith
15-03-2005, 16:04
<table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> (adamo @ 15/3/2005, 14:33)</td></tr><tr><td id='QUOTE'><table border='0' align='center' width='95%' cellpadding='3' cellspacing='1'><tr><td><b>CITAZIONE</b> (paolosport @ 15/3/2005, 11:46)</td></tr><tr><td id='QUOTE'>Ciao Adamo,<br><br>gli alternatori per auto non vanno bene per due fondamentali motivi:<br><br>1) Hanno bisogno di un numero troppo elavato di giri (circa 800/1000) prima di erogare una corrente accettabile e quindi di conseguenza una potenza accettabile;<br>2) Devono essere necessariamente eccitati con una sorgente di corrente esterna dato che al &nbsp;loro interno non vi sono magneti permanenti che generano un campo magnetico;<br><br>La "torre" dell&#39;aerogeneratore potr&agrave; essere costituita da un tubo all&#39;interno del quale verr&agrave; inserito il cavo che ha il compito di trasportare l&#39;energia prodotta dal generatore, in questo modo non si attorciglier&agrave; niente.<br><br>Ciao</td></tr></table><br>1) Hanno bisogno di un numero troppo elavato di giri (circa 800/1000) prima di erogare una corrente accettabile e quindi di conseguenza una potenza accettabile;<br><br>Grazie per la risposta immediata ,ma siamo sicuri che gli 800/1000 giri sono quelli dell&#39;alternatore e non quelli del motore.<br>Per spiegarmi meglio anche il mio scenic carica a questi giri stando a quello che dice il conta-giri ,ma non vorrei che l&#39;alternatore invece girasse a molto meno, tipo rapporti con pulegge ecc ecc.</td></tr></table><br> no anzi le puleggie che muovono la&#39;lternatore tendono a moltiplicare i giri... <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/shifty.gif' border='0' valign='absmiddle'>

pchiara
15-03-2005, 23:20
Ciao<br>In effetti gli alternatori auto hanno una curva di efficienza con un picco molto marcato a regimi superiori ai 2000RPM<br>e sono accoppiati al motore con moltiplicatori di giri (1.3 - 1.5 x)<br>In un sistema ad asse orizzontale si presenta comunque il problema dell&#39;attorcigliamento del filo anche se dentro il tubo di supporto data la possibilita&#39; che ha il vento di ruotare di 360 gradi<br>Il problema non si presenta su un sistema ad asse verticale (anche se tipicamente le efficienze sono inferiori)<br>Ciao

16-03-2005, 15:55
<center><div style='width: 95%; margin: 3px' align=left><b>CITAZIONE</b> (pchiara @ 15/3/2005, 23:20)</div><div id='QUOTE' style='width: 95%' align=left>Ciao<br>In effetti gli alternatori auto hanno una curva di efficienza con un picco molto marcato a regimi superiori ai 2000RPM<br>e sono accoppiati al motore con moltiplicatori di giri (1.3 - 1.5 x)<br>In un sistema ad asse orizzontale si presenta comunque il problema dell&#39;attorcigliamento del filo anche se dentro il tubo di supporto data la possibilita&#39; che ha il vento di ruotare di 360 gradi<br>Il problema non si presenta su un sistema ad asse verticale (anche se tipicamente le efficienze sono inferiori)<br>Ciao</div></center><br> Grazie PCHIARA ,per qunto riguarda il cavo che si attorciglia ho pensato di montare un coppia di ingranaggi (che tra l&#39;altro pssono essere aquistati con vari rapporti 1:1 opp 2:1 su RS ) per poter accoppiare l&#39;elica posta in orizzontale ed l&#39;alternatore posto in verticale, tutto questo concepito con l&#39;aiuto di alcuni amici del mestiere.<br>Il dubbio che mi rimane e&#39; quello dell&#39; alternatore, posso utilizzare un motore passo-passo montato in una stampante IBM vecchio stampo 3 kg solo di motore &#33;&#33;&#33;<br>puo&#39; funzionare ? e se la tensione che alla fine ottero&#39; non e&#39; quella che io mi aspettavo ne 220 ne 12 volt che faccio ?<br>&#33;&#33;&#33; Help mi sta andando in pappa il cervello &#33;&#33;&#33;&#33;

pchiara
16-03-2005, 19:56
x adamo<br>attenzione che la coppia conica nella soluzione che proponi puo&#39; risultare complessa e comunque assorbe energia in particolare se moltiplica i giri.<br>Sugli stepper non ho esperienza diretta ma probabilmente connettendo opportunamente le bobine puoi ottenere diverse tensioni in uscita ma ti conviene far girare il motore con un trapano ad esempio per vedere che cosa eroga e poi separare le bobine per formare l&#39;uscita che ti interessa. Poi raddrizzi e metti in batteria.<br>Ciao<br>

paolosport
17-03-2005, 14:28
Ciao,<br>Per quanto riguarda gli ingranaggi sono da evitare perchè le trasmissioni fatte in tale modo assorbono potenza utile, a maggior ragione se il rapporto di trasmissione è diverso da 1:1. Altro motivo per evitare di moltiplicare il numero di giri delle turbina è dovuto al fatto che gli aerogeneratori hanno una bassa coppia di spunto soprattutto con i venti più deboli.<br><br>Gli stepper motor delle vecchie stampanti sono validi solo se vuoi ottenere pochi watt.<br><br>La soluzione migliore è quella di autocostruirsi l&#39;alternatore, come ho fatto io, anche se è la soluzione più complicata e costosa dato che i magneti al neodimio costano molto. <br><br><br> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/rolleyes.gif' border='0' valign='absmiddle'> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/rolleyes.gif' border='0' valign='absmiddle'> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/rolleyes.gif' border='0' valign='absmiddle'>

29-03-2005, 06:00
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (paolosport @ 17/3/2005, 15:28)</div><div id='QUOTE' align='left'>Ciao,<br>Per quanto riguarda gli ingranaggi sono da evitare perchè le trasmissioni fatte in tale modo assorbono potenza utile, a maggior ragione se il rapporto di trasmissione è diverso da 1:1. Altro motivo per evitare di moltiplicare il numero di giri delle turbina è dovuto al fatto che gli aerogeneratori hanno una bassa coppia di spunto soprattutto con i venti più deboli.<br><br>Gli stepper motor delle vecchie stampanti sono validi solo se vuoi ottenere pochi watt.<br><br>La soluzione migliore è quella di autocostruirsi l&#39;alternatore, come ho fatto io, anche se è la soluzione più complicata e costosa dato che i magneti al neodimio costano molto. <br><br><br> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/rolleyes.gif' border='0' valign='absmiddle'> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/rolleyes.gif' border='0' valign='absmiddle'> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/rolleyes.gif' border='0' valign='absmiddle'></div></center><br> Io ne ho costruito uno con un alternatore a 24v 120A recuperato da una corriera giapponese. Il rotore tripala da tre metri e&#39; calettato direttamente sull&#39; asse alternatore, ho eliminato il regolatore e l&#39; eccitazione l&#39;ho prelevata attraverso di un ponte raddrizzatore trifasico duplicatore di tensione direttamente sulle bobine prima dei diodi. Ho rifatto l&#39;avvolgimento con il doppio delle spire,usando lo stesso diametro di filo,per fortuna lo spazio era sufficente..In un primo tempo usavo un interruttore dinamico al mercurio per l&#39;eccitazione, ma anche se presente un diodo smorzatore sulla spazzola positiva mi faceva saltare i mosfet dell&#39; inverter.. poi ho optato per l&#39;autoeccitazione. Risultato, il rotore parte dolcemente con una leggera brezza,a 5/6 Kmh si eccita (di colpo) e comincia a generare. Con una velocita&#39; del vento di 15 Kmh genera 7A su 48volt normalmente nella giornata vedo 15/20A La notte il vento cala e vedo 5/7 A in casi sporadici di forte vento ho visto punte da 50A. Sta funzionando da piu&#39; di un anno e non mi ha dato problemi.<br>Ciao a tutti Wagner La Romana Rep.Dominicana.

paolosport
29-03-2005, 09:03
Ciao Wag,<br>permettimi di dubitare dei tuoi dati poichè mi sembra molto improbabile che con una turbina di 3 metri di diametro tu con soli 15 Km/h di vento riesca ad avere quasi 350 watt <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/blink.gif' border='0' valign='absmiddle'> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/blink.gif' border='0' valign='absmiddle'> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/blink.gif' border='0' valign='absmiddle'> , se così fosse (magari) il mondo dell&#39;energia eolica avrebbe tutt&#39;altro sviluppo&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>Con la formula di Betz, che ha scritto Furio in altro post, la massima potenza teorica ricavabile con un vento di 15 Km/h è pari a 252 watt, ripeto max teorica.<br><br>Ciao<br> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/w00t.gif' border='0' valign='absmiddle'> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/w00t.gif' border='0' valign='absmiddle'> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>

29-03-2005, 14:43
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (paolosport @ 29/3/2005, 10:03)</div><div id='QUOTE' align='left'>Ciao Wag,<br>permettimi di dubitare dei tuoi dati poichè mi sembra molto improbabile che con una turbina di 3 metri di diametro tu con soli 15 Km/h di vento riesca ad avere quasi 350 watt <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/blink.gif' border='0' valign='absmiddle'> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/blink.gif' border='0' valign='absmiddle'> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/blink.gif' border='0' valign='absmiddle'> , se così fosse (magari) il mondo dell&#39;energia eolica avrebbe tutt&#39;altro sviluppo&#33;&#33;&#33;&#33;&#33;<br><br>Con la formula di Betz, che ha scritto Furio in altro post, la massima potenza teorica ricavabile con un vento di 15 Km/h è pari a 252 watt, ripeto max teorica.<br><br>Ciao<br> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/w00t.gif' border='0' valign='absmiddle'> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/w00t.gif' border='0' valign='absmiddle'> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'></div></center><br> Bene Paolo sicuramente hai ragione. non ho un anemometro, i dati sulla velocita&#39; del vento qui nella mia zona li ricavo in rete in base hai dati dell&#39; aeroporto locale.<br>Penso che la differenza e data dal fatto che l&#39; aeroporto in questione dista circa 10Km ed e&#39; nel entroterra,il generatore invece e&#39; a meno di un Km dal mare....<br>I dati dell amperometro invece sono sicuri, posso dirti che le uniche cose che ho collegate alla rete sono, il frigorifero e la lavatrice, tutto il resto funziona con un inverter autocostruito da 1500W. Ho fatto varie prove con i magneti permanenti ed ho concluso che la cosa migliore e&#39; un generatore a dischi multipli alternati bobine / magneti , senza traferro cosi non si hanno problemi di partenza....<br>Sto costruendo una tripala in legno di 5 metri di diametro,per collegarla poi all&#39;alternatore multidisco...<br><br>Scusami per eventuali errori di scrittura...Non sono piu&#39; abituato a scrivere in italiano ed a volte faccio confusione...<br>Ciao Wagner Rep.Dominicana.

andy48
05-05-2005, 21:26
<img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/rolleyes.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ragazzi non c&#39;è nulla da inventare. Basta girare in rete e si trovano tutte le risposte, anche se a volte bisogna tradurle dall&#39;inglese. Avete mai guardato il sito www.otherpower.com, dove c&#39;è la descrizione della costruzione di generatori eolici fino a 3 KW? e dove si trovano i pro ed i contro su tutte le scelte possibili?<br>Guardatevi anche il sito inglese www.scoraigwind.com dove trovate una abbondante documentazione tecnica (disponibile in lingua inglese, francese e da qualche giorno anche italiana). E visto che ci siete guardatevi il forum di www.fieldlines.com, ci sono tante discussioni interessanti. Buona ricerca&#33;<br>Andy48

Furio57
05-05-2005, 23:03
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (andy48 @ 5/5/2005, 22:26)</div><div id='QUOTE' align='left'>...Basta girare in rete e si trovano tutte le risposte, anche se a volte bisogna tradurle dall&#39;inglese. Avete mai guardato il sito www.otherpower.com, dove c&#39;è la descrizione della costruzione di generatori eolici fino a 3 KW?...</div></center><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Andy 48 bentrovato&#33; E&#39; roba qui sul forum, straconosciuta&#33;<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'>

andy48
06-05-2005, 21:19
Ciao Furio57, <br>scusami se entrando nel forum non mi sono presentato. Avrei voluto iscrivermi con mio nome (Antonio), ma il forum l&#39;ha rifiutato. Insegno elelttrotecnica e con i miei allievi ho costruito un generatore eolico da 500W sulla base dei siti citati. Abbiamo avuto un frequenti scambio di e-mail con il &#39;mitico&#39; Piggott ed abbiamo contribuito alla traduzione italiana del suo dettagliato manuale sulla costruzione dei generatori. <br>saranno pure siti straconosciuti, ma c&#39;è ancora molta gente che scrive perchè brancola nel buio pesto. <br>In effetti in Italia nessuno descrive in rete le sue esperienze riuscite, come fanno negli USA, quasi che una volta raggiunto il successo si fosse gelosi di farne conoscere i particolari.<br>Non ti sembra che tanti forum interessanti restano senza risposte e muoiano nell&#39;indifferenza?<br>Sono convinto che siano poche le cose straconosciute: quante persone sanno dove reperire la mappa anemometrica dettagliata dell&#39;Italia, elemento essenziale per cominciare a parlare di eolico? Ricambio i salutoni.<br> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/rolleyes.gif' border='0' valign='absmiddle'> Andy48

Furio57
06-05-2005, 23:59
Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Andy 48 finalmente un insegnante degno di tale nome. E complimenti per la realizzazione. In Italia nessuno fa pubblicit&agrave; alle proprie esperienze, non per gelosia, ma perchè nessuno realizza nulla chiaccherando solamente e basta, creando discussioni a volte violente sul nulla. Qui sul forum gi&agrave; qualcuno ha presentato qualche realizzazione, però con risultati non proprio eclatanti. Devi considerare che per costruire un qualcosa di veramente efficiente e funzionale non basta l&#39;impegno e la buona volont&agrave;, ma anche una conoscenza specifica come puoi avere tu insieme ai tuoi allievi e chi ha studiato in tal senso. C&#39;è gente che ha cercato di inventarsi dei generatori eolici con costruzione del relativo generatore premettendo che di "corrente" non ne capiva nulla. <br>Comunque a fronte di ciò aspettiamo con impazienza la presentazione del vostro generatore magari con qualche "calcoletto" e con qualche foto. Per quanto riguarda le esperienze del sottoscritto, visto che sono stato uno dei primi a "lavoraci su", per questioni di tempo e altri motivi, sono ancora fermo all&#39;alternatore trifase.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'>

07-05-2005, 00:43
Complimenti per l&#39;iniziativa scolastica e grazie per averne parlato su questo Forum. Sono daccordo con lei la gelosia del proprio sapere e dei proprio lavori non porta da nessuna parte.<br>Posso fare una domanda?<br>Ho smontato il regolatore di un alternatore di una clio ed ho collegato direttamente le spazzole ad una corrente esterna.L&#39;alimentore è un carica batteria da 6Ampere ,ho settato la tensione a 12v.L&#39;amperometro del carica batteria misura meno di 1 Ampere mentre con il tester ho riscontrato che sulle spazzole la tensione è inferiore a 12v?<br>Come mai si è abbassata la tensione? La grossa induttanza del rotore?<br>Appena viene alimentato in questo modo l&#39;alternatore inizia a produrre corrente anche a bassisimi giri.<br>Purtroppo non ho un contagiri e non posso tracciare le caratteristiche...<br>una cosa è sicura se il rotore viene alimentato con questi 4 o 5w La potenza in uscita è notevolmente superiore.. gi&agrave; a bassisimi giri.. Con un trapano che girava a 1500 giri collegato con un asse all&#39;alternatore ho acceso 3 lampadine (abbaglianti ed anabaglianti insieme). Ho provato a far funzionare anche un morotino di avviamento per moto ma il filo è diventato incandescente e si è bruciato. <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/ph34r.gif' border='0' valign='absmiddle'> .<br>Mi chiedo due cose prof..<br>1) Brucerò l&#39;alternatore? rovinerò le spazzole?.<br>2) Se gli do una corrente alternata sincronizzata con la rete elettrica al rotore ottengo in uscita,ovviamente prima del raddrizzatore,una corrente alternata in fase con la rete elettrica?<br><br>Ancora un&#39;altra visto che ci sono. <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/w00t.gif' border='0' valign='absmiddle'> ..e per riprendere il titolo (...) Alternatore si opp. no?<br><br>Grazie.

andy48
07-05-2005, 15:24
Gentile Furio57, gentile Capirosca,<br>... azzo che rapidit&agrave;: io scrivo alle 22 e trovo il vostro riscontro al risveglio&#33;<br>Raccolgo la sfida di Furio, prima che la lanci. Per gratificare gli allievi ho visto in giro se qualcuno poteva pubblicare i risultati. Ho trovato al primo colpo una rivista, che ha accettato con entusiasmo (FARELETTRONICA) e nel numero di maggio, gi&agrave; in edicola, pubblica la prima delle quattro parti in cui è stato diviso il progetto didattico di costruzione del generatore &#39;Piggott style&#39;.<br>Gentile Capirosca, sulla bobina di eccitazione dell&#39;alternatore trovi una tensione più bassa di 12 V perchè la forma d&#39;onda del caricabatteria è pulsante e non continua, e la sua tensione "efficace" è minore di 12 V. Non ho esperienza diretta con gli alternatori per auto, ma tutti i siti di hobbisti inveterati SCONSIGLIANO l&#39;uso degli alternatori per auto per vari motivi (numero di giri alto per poterli adattare ad un generatore eolico a 150-300 giri/minuto, usura delle spazzole, ....). Alcuni hanno optato per i motori asincroni dopo aver riavvolto le bobine e fissato dei magneti sul rotore; lavoro lungo e delicato, ne vale la pena? Leggiti in proposito il sito www.otherpoer.com alla voce WIND; se conosci l&#39;inglese ti può essere molto utile.<br>Gentile moderatore, dopo aver anticipato i diritti d&#39;autore al mitico PIGGOTT, sono stato autorizzato a diffondere la traduzione italiana del suo mitico manuale. E&#39; il manuale delle giovani marmotte per gli hobbisti dell&#39;eolico, è una guida completa per la costruzione con risposte chiare ad ogni quesito. Bacchettami pure se ritieni che questa sia pubblicit&agrave;, ma con moderazione&#33;&#33;<br>Andy48<br>

Furio57
07-05-2005, 19:15
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (andy48 @ 7/5/2005, 16:24)</div><div id='QUOTE' align='left'>...Raccolgo la sfida di Furio, prima che la lanci... sono stato autorizzato a diffondere la traduzione italiana del suo mitico manuale...E&#39; il manuale delle giovani marmotte per gli hobbisti dell&#39;eolico, è una guida completa per la costruzione con risposte chiare ad ogni quesito. Bacchettami pure se ritieni che questa sia pubblicit&agrave;, ma con moderazione&#33;&#33;<br>Andy48</div></center><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Andy48 non ho nessuna intenzione di lanciare la sfida ad alcunchè.<br>Se vuoi pubblicare la vostra realizzazione è sicuramente ben venuta.<br>Per quanto riguarda il manuale sono convinto che se non ci sono problemi di royaties, Roy avr&agrave; molto piacere a pubblicarlo in modo "permanente" e facilmente fruibile da tutti.<br>Per quanto riguarda i siti di cui fai menzione, erano i famosi straconosciuti, addirittura ho postato alcune fotografie tratto dal sito otherpower per far capire meglio come realizzare il gruppo magneti e bobine. A parte un caso, che io sia a conoscenza, non c&#39;è stato alcun risultato. Ho postato anche una realizzazione completa di alternatore più raddrizzatore, proprio di Piggott, <a href='http://www.forumcommunity.net/?t=944924' target='_blank'><u>QUI</u></a> ma anche in questo caso non ci sono stati riscontri. Ben venga il vostro progetto...Mr. Piggott ha insegnato e ha da insegnare molto, quindi perchè bacchettare. Le bacchettature le darei ad alcuni partecipanti del forum di cui non faccio nome per non sollevare nuove polemiche, che se le meritano di santa ragione e molto forti anche...&#33;<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br><span class="edit">Edited by Furio57 - 7/5/2005, 21:30</span>

andy48
10-05-2005, 09:15
Dear Furio57,<br>il manuale di Piggott da te citato è di pubblico dominio, essendo stato sponsorizzato nel 2001 da una ONG per i paesi in via di sviluppo. Tratta della costruzione di un alternatore da 200W, non non delle pale e del sostegno.<br>Piggott usa invece correntemente un manuale completo che egli stesso aggiorna due o tre volte all&#39;anno (Axial plans) e che non è di pubblico dominio: è ordinabile sul suo sito (www.scoraigwind.com) ed è disponibile anche in italiano (l&#39;ho tradotto io).<br>Guardando in giro sui forum nostrani, mi sono reso conto che non è dalle notizie frettolose e frammentarie che si può imparare a costruire un generatore eolico.<br>Serve una guida organica che non si deve esaurire in poche pagine e qualche foto, soprattutto per chi non ha la pazienza di tradurre i siti inglesi o di collegare le idee pescate qua e l&agrave; nella rete.<br>Gradirei che tu dessi uno sguardo al lavoro pubblicato dai miei allievi su FARELETTRONICA e che esprimessi un tuo giudizio alla fine delle quattro puntate. L&#39;idea è fornire agli appassionati una solida base per continuare autonomamente.<br>The best saluti.<br>Andy48

Furio57
10-05-2005, 14:37
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (andy48 @ 10/5/2005, 10:15)</div><div id='QUOTE' align='left'>Dear Furio57,<br>il manuale di Piggott da te citato è di pubblico dominio, essendo stato sponsorizzato nel 2001 da una ONG per i paesi in via di sviluppo. Tratta della costruzione di un alternatore da 200W, non non delle pale e del sostegno.</div></center><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Andy 48. Il fatto che il progetto di Mr. Piggott sia del 2001 non significa che sia obsoleto. Più o meno è molto simile a quelli proposti da otherpower. Tutto sta nella scelta di un rotore con magneti e circuito magnetico, oppure con due rotori con i magneti. Per quanto riguarda il palo, beh&#33; se bisogna spiegare anche questo...<br>In ogni caso ho sempre parlato di alternatori per un uso con generatori eolici verticali, quindi le pale per un generatore orizzontale con relative misure, non interessavano. <br><br><center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> </div><div id='QUOTE' align='left'>Piggott usa invece correntemente un manuale completo che egli stesso aggiorna due o tre volte all&#39;anno (Axial plans) e che non è di pubblico dominio: è ordinabile sul suo sito (www.scoraigwind.com) ed è disponibile anche in italiano (l&#39;ho tradotto io).</div></center><br>L&#39;interesse era ed è relativo solamente ai generatori verticali e solamente ultimamante l&#39;interesse si è rivolto anche all&#39; altro tipo orizzontale. Mr. Piggott per quello che so si occupa esclusivamente di questi ultimi.<br><center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> </div><div id='QUOTE' align='left'><br>Guardando in giro sui forum nostrani, mi sono reso conto che non è dalle notizie frettolose e frammentarie che si può imparare a costruire un generatore eolico.<br>Serve una guida organica che non si deve esaurire in poche pagine e qualche foto, soprattutto per chi non ha la pazienza di tradurre i siti inglesi o di collegare le idee pescate qua e l&agrave; nella rete.</div></center><br>Nessuno ha mai avuto la pretesa di presentare una realizzazione completa, ma solamente quella di rispondere ai vari quesiti di volta in volta presentati. Non sono invece d&#39;accordo sul fatto che non si possa creare un generatore eolico "serio" dalle varie notizie captate qu&agrave; e l&agrave; sul web e tu con il tuo lavoro ne sei una conferma. Nell&#39;articolo della rivista addirittuta c&#39;è scritto "<i>non è tutto frutto del nostro ingegno quello che leggerete:...,ma soprattutto abbiamo saccheggiato la rete per eccellenza...INTERNET".</i> Appunto&#33;<br><center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> </div><div id='QUOTE' align='left'><br>Gradirei che tu dessi uno sguardo al lavoro pubblicato dai miei allievi su FARE ELETTRONICA e che esprimessi un tuo giudizio alla fine delle quattro puntate. L&#39;idea è fornire agli appassionati una solida base per continuare autonomamente...</div></center><br>Oggi ho acquistato la rivista, hanno diluito un po&#39; troppo l&#39;articolo, per chi segue questo forum il contenuto del primo numero è superfluo e gi&agrave; conosciuto, comunque buono, purtroppo solo nei numeri sucessivi di questa estate riusciremo a vedere qual&#39;cosa di più consistente.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br><span class="edit">Edited by Furio57 - 10/5/2005, 15:41</span>

10-06-2005, 20:35
perche&#39;fare tutto difficile,non tutti sono professori come voi....C&#39;e&#39; anche qualche appassionato che si accontenterebbe di un generatore eolico da 200/300 w<br>Chi non ha soldi per comprarsi i magneti permanenti cosa fa ? continua a sognare il suo "eolico" o va a rapinare una banca??? Dite le cose come sono, che differenza fa tra un alternatore da autotrazione o uno a magneti permanenti, quello a magneti lo vedrai la maggior parte del tempo fermo, invece quello automobilistico se autoeccitato ti dara la gioia perlomeno di vederlo girare con un alito di vento...<br>Di quale regolatore di tensione state parlando, non si puo&#39; togliere il carico al rotore quindi l&#39; unica maniera e&#39; di deviare la corrente dal generatore a qualcosa che assorba l&#39;energia quando le batterie sono piene...Nel mio caso la corrente viene automaticamente deviata da un commutatore ad uno scaldabagno elettrico 110v 3000w, la tensione dell&#39;alternatore a vuoto arriva tranquillamente a 150v. <br>Con un grosso alternatore da camion che quindi ha un rotore grande non importa girare tanto forte, e puo&#39; essere come il mio calettato direttamente sull&#39; albero elica. Si deve togliere il regolatore e collegare le spazzole una a massa e l&#39; altra all&#39;uscita + dell&#39; alternatore. Unica cosa mettere un grosso diodo tra il generatore e le batterie perche la tensione non vada ad eccitare l&#39;alternatore...Vivo da parecchi anni in un paese del terzo mondo, dove l&#39;energia elettrica e presente solo qualche ora al giorno,se posso quindi comunicare con voi lo devo al alternatore da camion che gira su tetto di casa mia, a lui devo anche la possibilita&#39; di bere un poco di acqua fresca o vedere la televisione....Ciao a tutti Wag. <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'>

11-06-2005, 20:24
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Furio57 @ 10/5/2005, 15:37)</div><div id='QUOTE' align='left'><center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (andy48 @ 10/5/2005, 10:15)</div><div id='QUOTE' align='left'>Dear Furio57,<br>il manuale di Piggott da te citato è di pubblico dominio, essendo stato sponsorizzato nel 2001 da una ONG per i paesi in via di sviluppo. Tratta della costruzione di un alternatore da 200W, non non delle pale e del sostegno.</div></center><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Andy 48. Il fatto che il progetto di Mr. Piggott sia del 2001 non significa che sia obsoleto. Più o meno è molto simile a quelli proposti da otherpower. Tutto sta nella scelta di un rotore con magneti e circuito magnetico, oppure con due rotori con i magneti. Per quanto riguarda il palo, beh&#33; se bisogna spiegare anche questo...<br>In ogni caso ho sempre parlato di alternatori per un uso con generatori eolici verticali, quindi le pale per un generatore orizzontale con relative misure, non interessavano. <br><br><center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> </div><div id='QUOTE' align='left'>Piggott usa invece correntemente un manuale completo che egli stesso aggiorna due o tre volte all&#39;anno (Axial plans) e che non è di pubblico dominio: è ordinabile sul suo sito (www.scoraigwind.com) ed è disponibile anche in italiano (l&#39;ho tradotto io).</div></center><br>L&#39;interesse era ed è relativo solamente ai generatori verticali e solamente ultimamante l&#39;interesse si è rivolto anche all&#39; altro tipo orizzontale. Mr. Piggott per quello che so si occupa esclusivamente di questi ultimi.<br><center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> </div><div id='QUOTE' align='left'><br>Guardando in giro sui forum nostrani, mi sono reso conto che non è dalle notizie frettolose e frammentarie che si può imparare a costruire un generatore eolico.<br>Serve una guida organica che non si deve esaurire in poche pagine e qualche foto, soprattutto per chi non ha la pazienza di tradurre i siti inglesi o di collegare le idee pescate qua e l&agrave; nella rete.</div></center><br>Nessuno ha mai avuto la pretesa di presentare una realizzazione completa, ma solamente quella di rispondere ai vari quesiti di volta in volta presentati. Non sono invece d&#39;accordo sul fatto che non si possa creare un generatore eolico "serio" dalle varie notizie captate qu&agrave; e l&agrave; sul web e tu con il tuo lavoro ne sei una conferma. Nell&#39;articolo della rivista addirittuta c&#39;è scritto "<i>non è tutto frutto del nostro ingegno quello che leggerete:...,ma soprattutto abbiamo saccheggiato la rete per eccellenza...INTERNET".</i> Appunto&#33;<br><center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> </div><div id='QUOTE' align='left'><br>Gradirei che tu dessi uno sguardo al lavoro pubblicato dai miei allievi su FARE ELETTRONICA e che esprimessi un tuo giudizio alla fine delle quattro puntate. L&#39;idea è fornire agli appassionati una solida base per continuare autonomamente...</div></center><br>Oggi ho acquistato la rivista, hanno diluito un po&#39; troppo l&#39;articolo, per chi segue questo forum il contenuto del primo numero è superfluo e gi&agrave; conosciuto, comunque buono, purtroppo solo nei numeri sucessivi di questa estate riusciremo a vedere qual&#39;cosa di più consistente.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'></div></center><br> solamente quella di rispondere ai vari quesiti di volta in volta presentati. Non sono invece d&#39;accordo sul fatto che non si possa creare un generatore eolico "serio" dalle varie notizie captate qu&agrave; e l&agrave; sul web e tu con il tuo lavoro ne sei una conferma.<br> <br>Salve ancora...<br>Avrei un "quesito" (nel mio paese vuol dire formaggino Hi) cosa pensate se al mio<br>rotore di 4 metri,che presenta a 400 rpm una velocita periferica pari a 301 Kmh<br>cambiassi l&#39; angolo d&#39;attacco della punta (tips?) da positivo 2 gradi a negativo 1....<br>Se vediamo la pala come se fosse un ala, un piccolo angolo negativo nella zona del<br>tips dovrebbe migliorarne l&#39; efficenza o no??<br><br>Secondo Voi e&#39; meglio la tripala o bipala ??<br><br>Il dilemma e&#39; che non so quanto convenga una bipala sapendo che pur essendo piu<br>veloce presenta problemi di forti vibrazioni dati dall&#39; effetto giroscopico,che e&#39; uguale<br>a zero quando la pala e&#39; in posizione verticale,e massimo quando e&#39; orrizzontale,nei<br>cambi di direzione imposti dal timone. La tripala non ha questo tipo di inconveniente<br>visto che la forza giroscopica e sempre uguale....Esiste sempre una forza che agisce<br>sull&#39; albero elica che contrasta il timone, una lineare nel caso di tre pale e una oscillatoria nel caso di due pale...quale delle due dara il miglior compromesso la<br>velocita&#39; o la vibrazione ??<br><br>Saluti Wag.<br><br>Meglio avere poche idee e ben confuse che non averne per niente.....<br><br>

12-06-2005, 18:09
differenze tra l&#39;alternatore da autotrazione e quello a magneti permanenti assiale tipo<br>piggot/dan b/dan f..<br><br>Quale il migliore e quali i prezzi. <br>Gli alternatori a disco con chiusura magnetica su banda di ferro, non sono molto efficenti per il fatto che il GAP e&#39; molto grande,quindi si perde molto flusso,il ferro e&#39;<br>ferro normale , non al silicio ne a grani orientati, qundi presentano una isteresi grandissima che aumenta con la frequenza, se si modifica la banda praticandole cave per l&#39; avvolgimento, aumentera&#39; l&#39;effetto frenante dato dai magneti quindi avremo la partenza del rotore solo a velocita&#39; del vento elevate (si puo&#39; mettere un elica piu&#39; grande, partira&#39; meglio e andra comunque a vibrare per mancanza di carico ad alta rivoluzione.<br>Costo,18/20 magneti li regalano cada uno a 8 dollari, piatto freno con mozzo volvo,non so a quanto lo regalano gli sfasciacarrozze. Se hai un tornitore amico che ti tornisce il disco, questo sarebbe gratis,altrimenti non so...Resina,fibra,super colla per fissare i magneti,li compri al supermercato come in USA.. Necessitano di raddrizzatori.Spacciato in un primo tempo per 700w SU 12v..ridimensionati poi a 400w su 12v.<br>Per me BOCCIATO: Costa troppo,non tutti possono costruirlo,costruzione pericolosa<br><br>Quello di Piggot usa due dischi metallici,che bisogna farsi tagliare da qualcuno possibilmente gratis,il sistema e&#39; molto migliore dell&#39; altro perche ha un rendimento maggiore,e&#39; trifasico, il campo magnetico si chiude tra i magneti,quindi nessun isteresi, nessun problema alla partenza, unica cosa il rendimento cade un poco per il GAP molto grande. Necessita di due cuscinetti,albero e mozzo. Anche qui servono raddrizzatori,resina, colla,rame , ecc.<br>Per me Bocciato : costo elevato difficile costruzione.rendimento basso 200W<br><br>Quello da autotrazione, e&#39; gia&#39; fatto, non costa molto, se di grandi dimensioni non necessita moltiplicatore,ideale sarebbe uno a 24v per caricare batterie a 12v<br>rendimento mediocre 150/400w <br>Per me Bocciato: tutti dicono che non funziona quindi.....<br><br>Migliori in tutti i casi sono gli alternatori radiali a magneti permanenti....<br>Grande diametro,quindi velocita&#39; periferica alta,GAP minimo,elettromeccanica riparata dagli agenti atmosferici,costruzione abbastanza semplice,possibilita&#39; di variare il GAP con meccanismi semplici.<br>Per me sono i migliori,visto che tutti i costruttori di piccoli e medi generatori usano questo sistema....<br><br>Non ho volutamente messo i costi del supporto alternatore e torre perche&#39; lo necessitiamo in tutti i casi,magneti o no...<br><br>Saluti e buon lavoro Wag.<br><br>mi sembra che il tema sia " alternatore auto si o no".... <br><br><br>

13-06-2005, 23:02
guardate questi matti fanno eolici da 700w con alternatori auto...&#33;&#33;&#33;<br><br><a href='http://dragonflypower.com/builders.htm' target='_blank'>http://dragonflypower.com/builders.htm</a> <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'>

ag_smith
14-06-2005, 08:07
per questo tipo di turbine l&#39;alternatore da automobile inizia a diventare utilizzabile...

Furio57
14-06-2005, 10:19
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (wag @ 12/6/2005, 19:09)</div><div id='QUOTE' align='left'>...Gli alternatori a disco con chiusura magnetica su banda di ferro, non sono molto efficenti per il fatto che il GAP e&#39; molto grande,quindi si perde molto flusso,il ferro e&#39; ferro normale , non al silicio ne a grani orientati, qundi presentano una isteresi grandissima che aumenta con la frequenza...</div></center><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Wag complimenti per le tue realizzazioni, vorrei però puntualizzare le due questioni, cioè che una è la necessit&agrave; di realizzare qualcosa di funzionante subito al minor costo possibile per un utilizzo pratico, l&#39;altra è realizzare un alternatore da zero per ottenere certamente qualcosa di funzionante, ma anche per sperimentare. Per quanto riguarda i generatori a flusso assiale per quel che mi riguarda nella realizzazione che sto facendo, la distanza fra i magneti e le bobine (gap) è sul millimetro, mentre il circuito magnetico è fatto con lamierino a granuli orientati. <br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br><span class="edit">Edited by Furio57 - 14/6/2005, 11:22</span>

14-06-2005, 14:22
Perfetto Furio...<br>Dove hai trovato il lamierino a grani orientati ?? Se buono doverebbe avere perlomeno 17.000 linee di flusso per mm3....Non voglio contraddirti per quanto riguarda il gap.....Se la banda in lamierino non ha le cave (slot) per metterci il filo di rame,il gap risulta essere molto grande, considera la distanza dal magnete al lamierino per misurare il gap (magnetico non fisico). Alcuni anni fa ne ho costruito uno con lamierino tolto da un trasformatore di alta tensione industriale, dopo aver tagliato,avvolto e bloccato la banda, gli ho fatto 18 grandi fori con un trapano ad alta velocita&#39;, poi con un disco diamantato ho fatto le cave....In questo modo il gap tra il ferro ed il magnete e minimo,unico problema il rotore non parte facilmente. Conviene comunque costruire macchine trifasiche, quello in questione era monofasico, ti diro ho dovuto toglierlo dal tetto per il rumore tremendo e le vibrazioni che faceva quando cominciava a generare... <br>Ciao Wag.

Furio57
14-06-2005, 16:30
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (wag @ 14/6/2005, 15:22)</div><div id='QUOTE' align='left'>Perfetto Furio...<br>Dove hai trovato il lamierino a grani orientati ?? ...Alcuni anni fa ne ho costruito uno con lamierino tolto da un trasformatore di alta tensione industriale...Conviene comunque costruire macchine trifasiche...</div></center><br>Ciao a tutti <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br>Ciao Wag per il lamierino o meglio un avvolgimento fatto con una banda in lamierino a granuli orientati me la sono fatta preparare da una azienda che fa queste cose.<br>Gli avvolgimenti alti 5 mm sono praticamente appoggiati alla banda avvolta.<br>Ovviamente il generatore è trifase.<br><br>Salutoni<br>Furio57 <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/biggrin.gif' border='0' valign='absmiddle'> <br><br><span class="edit">Edited by Furio57 - 14/6/2005, 17:32</span>

paolo.furlan
31-01-2008, 02:57
ciao a tutti. Sono nuovo di questo sito ma visto la competenza delle persone che vi scrivono mi butto in mezzo anch&#39;io. Posseggo 6 motorini a CC 12V 4.5A a 4500rpm e 10 12V 3,7A a 1700rpm. Pensavo di utilizzarli per un eolico casalingo ma mi chiedo se montare tutti questi motorini possa creare degli attriti tali da rendere sfavorevole la cosa. Poi se per quanto riguarda quelli a 1700rpm è pensabile una trasmissione con rapporto 1 a 3 per quelli a 4500rpm mi chiedo se una trasmissione 1 a 9 sia ammissibile o se sia possibile effettuare modifiche tali a rotore e statore al fine di modificare la velocit&agrave; di rotazione mantenendo tensione e corrente. Ho pensato anche di sfruttarli come dinamo eccitatrice per un alternatore da macchina ma vedo dal forum che non è una pratica che consigliate. Sono aperto ai vostri consigli, il progetto è tutto da fare&#33;&#33;&#33;

maximum2
06-02-2008, 22:20
qui: <a href="http://www.futurenergy.co.uk/products.html" target="_blank">http://www.futurenergy.co.uk/products.html</a> vendono un alternatore da 1 KW per Eolico a 210 euro + spese di spedizione.<br><br>costa un po&#39; di più che costruirselo, ma sicuramente si tratta di un prodotto che durerá molti anni senza problemi.<br><br>personalemente ti consiglerei di farti una savonius o derivata (Verticale) e accoppiarla a questo alternatore.<br><br>Se la resa di una verticale è inferiore rispetto ad una orrizzontale, tieni conto che non teme gli uragani e che sopperire alla bassa resa, puoi sempre farla più grande.<br><br>ciao<br>MaX<br>

paolo.furlan
17-02-2008, 02:25
L&#39;alternatore è molto interessante solo mi chiedo che dimensioni dovrebbe avere la pala per far girare 1Kw di generatore. Anch&#39;io ero per un generatore ad asse verticale (savonius) soprattutto per il vantaggio che non teme raffiche. Per la minor resa io compenso col fatto che in un anno di misurazione non ho hai avuto vento inferiore a 4m/s sul lato nord della casa e raffiche fino a 18m/s.