PDA

Visualizza la versione completa : Contabilizzatori di energia volumetrici



mafel05
12-02-2008, 16:42
Da informazione raccolte sembra che i modelli per singole unità immobiliari siano poco affidabili, qualcuno di voi li sta utilizzando?

Manofthemoon
12-02-2008, 17:43
Io li installo normalmente.<br>Se ci si attiene alle limitazioni del costruttore (principalmente sulla portata massima) non ci sono problemi

mafel05
12-02-2008, 18:24
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Manofthemoon @ 12/2/2008, 17:43)</div><div id="quote" align="left">Io li installo normalmente.<br>Se ci si attiene alle limitazioni del costruttore (principalmente sulla portata massima) non ci sono problemi</div></div><br>Nel condominio di un mio collega dopo quattro o cinque anni hanno rinunciato alla contabilizzazione e sono ritornati all’addebito a millesimi perché si staravano e la sostituzione era costosissima.<br>I conti con il contatore all’uscita della caldaia non tornavano mai.<br>Non ti risultano casi del genere?<br><br>

Manofthemoon
12-02-2008, 19:21
ma hanno messo un contatore generale e poi tutti i singoli contatori?<br><br>e pretendevano che la somma dei singoli fosse = al generale ?<br><br>questo è matematicamente impossibile.<br><br>Infatti quello generale non si installa mai, non serve anulla (ovviamente bisogna vedere il tipo di impianto)<br><br>

mafel05
15-02-2008, 10:26
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Manofthemoon @ 12/2/2008, 19:21)</div><div id="quote" align="left">ma hanno messo un contatore generale e poi tutti i singoli contatori?<br><br>e pretendevano che la somma dei singoli fosse = al generale ?<br><br>questo è matematicamente impossibile.<br><br>Infatti quello generale non si installa mai, non serve anulla (ovviamente bisogna vedere il tipo di impianto)</div></div><br>Si tratta di un immobile nuovo consegnato a fine 2000, il contatore generale era di progetto ed ogni abitazione ha il proprio per la contabilizzazione.<br>Il condominio non acquista conbustibile, ma energia.<br>Il mio collega mi ha spiegato che per i primi anni la differenza, dovuta alle dispersione della distribuzione, tra la somma dei singoli contatori ed il generale era minima e veniva addebitata a millesimi.<br>Dopo qualche anno con il cattivo funzionamento dei singoli contatori è costantemente aumentata, e dato l’alto costo degli stesi, hanno deciso di ripartire le spese di riscaldamento a millesimi.<br>Sei sicuro che quelli utilizzati da te vadano bene?<br><br>

Manofthemoon
15-02-2008, 14:25
Direi di si, non ho mai installato il contatore generale, quindi non posso fare il confronto tra le somme.<br>Però no pagaoniamo i consumi annuali con gli storici degli anni precedenti, se si disconstano molto si verifica la funzionalit&agrave; dei contachilòocaloria (sonde + contatore volumetrico)<br><br>

mafel05
15-02-2008, 15:19
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Manofthemoon @ 15/2/2008, 14:25)</div><div id="quote" align="left">Direi di si, non ho mai installato il contatore generale, quindi non posso fare il confronto tra le somme.<br>Però no pagaoniamo i consumi annuali con gli storici degli anni precedenti, se si disconstano molto si verifica la funzionalit&agrave; dei contachilòocaloria (sonde + contatore volumetrico)</div></div><br>Probabilmente trattandosi di una nuova costruzione, non avendo uno storico, hanno dovuto montare il contatore generale. Come avrebbero potuto diversamente individuare degli scostamenti.<br>Nel caso di impianti nuovi tu come fai a sapere quando è ora di intervenire?<br><br>

Manofthemoon
15-02-2008, 15:38
Bhè diciamo che i primi due anni negli impianto nuovi conoscendo le dispersioni del fabbricato si riesce a stabilire indicativamente un cosnumo stimato.<br><br>Da lì in poi si usa lo storico e come riferimento degli appartamenti simili etc..<br><br>

mafel05
19-02-2008, 15:42
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Manofthemoon @ 15/2/2008, 15:38)</div><div id="quote" align="left">Bhè diciamo che i primi due anni negli impianto nuovi conoscendo le dispersioni del fabbricato si riesce a stabilire indicativamente un cosnumo stimato.<br><br>Da lì in poi si usa lo storico e come riferimento degli appartamenti simili etc..</div></div><br>Mi sono informato dal collega che da circa sette anni è consigliere del condominio in cui abita (ca 200 appartamenti).<br>Il contatore generale era essenziale per sottoscrivere il contratto energia.<br>All’epoca erano stati proposti due prezzi unitari rispettivamente per i MWh misurati dal contatore generale e la somma di quelli dei singoli appartamenti.<br>La differenza del costo unitario era nell’ordine del 15% e loro avevano optato per la prima soluzione.<br>Quando i contatori hanno incominciato a dare problemi anche loro avevano stimato i consumi secondo lo storico e riferendosi ad appartamenti simili, ma venivano regolarmente contestati dai condomini.<br>Loro avevano dei contatori tedeschi per i quali era raccomandata la sostituzione dopo cinque anni. Visto il costo degli stessi hanno deciso di ripartire le spese di riscaldamento a millesimi.<br>Lui sostiene che se non ci fosse stato un contatore generale il venditore di energia col giochino delle stime avrebbe potuto fatturare quello che voleva.<br>Ritieni che abbia senso, vista la poca affidabilit&agrave; dei contatori volumetrici, sottoscrivere un contratto energia senza il contatore generale?