PDA

Visualizza la versione completa : accumulazione corrente alternata?



Franco52
13-02-2008, 19:26
La butto l&agrave;, come per togliere un sassolino entrato nella scarpa.<br>Secondo voi sarebbe possibile accumulare la corrente alternata direttamente in una batteria?<br>Senza usare inverter, naturalmente.<br>Così come si fa con la corrente continua con le batterie ricaricabili?<br>

gattmes
13-02-2008, 19:49
Questo si che è un bell&#39; arcano da risolvere.........<br>In una batteria canonica non penso...ma in qualche altro tipo.....chiss&agrave;...mmmmmm....<br>...io partirei con l&#39;escludere forme d&#39;onda diverso dal sinusoidale...per questioni..diciamo..di.... &quot;non armonia&quot;....

livingreen
13-02-2008, 20:23
si<br>basta metterci prima un raddrizzatore.<br><br>il problema sarebbe una batteria capace di EROGARE dopo altrettanta corrente alternata..... infatti l&#39;inverter NON serve per caricare una batteria, ma semmai per convertire la corrente cotinua (che può anche <u>provenire da una batteria</u>) in alternata

Eddy79
13-02-2008, 21:30
La &quot;chimica&quot; delle batterie come le conosciamo oggi non permette di erogare correnti alternate.. e&#39; comunque possibile aggiungere un inverter.<br>Pero&#39; se tu immagini una &quot;&quot;batteria&quot;&quot; come un motore sincrono e un volano diciamo che puoi immagazzinare energia alternata anche se per brevissimi periodi, diciamo che piu&#39; che altro colmi gli sbalzi di rete.... (con rendimenti scarsi)<br><br>Eddy

Schrödinger
13-02-2008, 22:11
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (Eddy79 @ 13/2/2008, 21:30)</div><div id="quote" align="left">La &quot;chimica&quot; delle batterie come le conosciamo oggi non permette di erogare correnti alternate.. e&#39; comunque possibile aggiungere un inverter.<br>Pero&#39; se tu immagini una &quot;&quot;batteria&quot;&quot; come un motore sincrono e un volano diciamo che puoi immagazzinare energia alternata anche se per brevissimi periodi, diciamo che piu&#39; che altro colmi gli sbalzi di rete.... (con rendimenti scarsi)<br><br>Eddy</div></div><br>Quoto.<br>Aggiugo che ormai i rendimenti degli inverter e dei raddrizzatori sono molto alti per cui le perdite sono comunque abbastanza limitate...

Franco52
14-02-2008, 19:11
Penso che l&#39;inventore di un accumulatore del genere vincerebbe il premio Nobel.<br>Per ora accontentiamoci del sistema Raddrizzatore-Batteria-Inverter.

gattmes
15-02-2008, 09:55
In linea con il mio primo post... voglio solo sottolineare le proplematiche diverse da affrontare (non sancendo SI può/NON si può).<br>Quindi rimando alla sezione manualistica dove è possibile (con paragoni semplici) esaminare in dettaglio le differenze sostanziali tra una tensione DC e una AC.. e il diverso numero di parametri che le caratterizzano (esempio in DC basta un valore di targa..ovvero la tensione. In AC è del tutto insufficiente....)<br><br>..ovviamente NON prendendo alla lettera la domanda (corrente&#33;), ma considerando il significato <i>popolare</i> di questa (ovvero tensione&#33;) .. altrimenti ...l&#39;arcano si complica ulteriormente&#33;

rpprogetti
22-02-2008, 14:24
be trattandosi di alternata... l&#39;eventuale accumulatore non può essere un accumulatore che ha caratteristiche intrinseche statiche come le batterie.. ossia la corrente continua la accumulo in accumulatori che innescano reazioni chimiche reversibili innalzando la materia della batteria ricaricabile stessa dalla condizione di equilibrio ad una instabile.. potendo poi fruire della restituzione energetica nel momento in cui mi serve...fino a ricondurre lo stato chimico della batteria alla stabilit&agrave;...man mano che si scarica.. quindi secondo percorsi vettoriali continui ed alternativamente unidirezionali o di carica o di scarica, che richiedono un certo tempo nella carica per convincere le molecole ad assumere lo stato o la configurazione chimica di eccitazione e che diventano pericolosetti nel percorso di scarica in corto circuto per il dinamismo con ui questo avviene e per le relative reazioni esotermiche secondarie (stile diga che crolla...tanto per riempirla..ma per svuotarla un attimo devastante)<br><br> Nel caso dell&#39;alternata ..divendo fruire di un sitema che ha caratteristiche prossime a quella della corrente, potrei immaginare un sistema oscillante con un magnete al centro di una fune tesa ad opportuna tensione e di opportuna lunghezza tale da renderla risonante ed &quot;accordata&quot; alla frequenza della corrente alternata (stile corda di chitarra)...magnete che viene attratto e repulso dal campo magnetico generato da una spira percorsa dall&#39;alternata... e che come grave oscillante accumuler&agrave; l&#39;energia elettrica trasformandola in energia cinetica (del magnete oscillante) e potenziale elastica (nella corda che si tende ad ogni oscillazione) implementando man mano la ampiezza di vibrazione all&#39;aumentare dell&#39;energia serbata... per poi resituirla creando la fem nella stessa spira con il magnete in oscillazione quando servir&agrave;.. chiaramente questo modello ideale è soggetto a perdite meccaniche spaventose.. a rischi di frattura meccanica..alla necessit&agrave; di un ottimo e robusto sitema di vincolo, ma potrebbe essere ottimizzato e pensato in maniera efficace per micro impieghi.. (usando un carter sottovuoto, materiali compositi ed elastici.. una serie di micromasse in parallelo, ecc ecc).. ma il solo pensarci mi fa venire mal di testa .. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/3d2036298f71ec2c5fe481d7a0caea9f.gif" alt=":D"><br><br><span class="edit">Edited by rpprogetti - 22/2/2008, 15:02</span>

rpprogetti
26-02-2008, 10:22
mi è venuta in mente anche un altra soluzione di accumulo di corrente come corrente alternata...<br><br>immaginiamo un motore a magneti fissi.. con i magneti sul rotore... un grosso rotore con all&#39;interno masse vincolate all&#39;asse di istantanea rotazione con sistemi elastici, con funzione di volano.. questo messo in rotazione dalla corrente.. man mano che incrementa l&#39;energia contenuta e si oppone all&#39;aumento del numero di giri con l&#39;allontanamento delle masse dal centro di istantanea rotazione (all&#39;aumentare della velocit&agrave; angolare, aumenta la forza centrifuga, estendendo le molle.. incrementando il momento di inerzia del rotore.. e il momento della quantit&agrave; di moto serbabile a pari velocit&agrave;)... rallentando fa viceversa.. richiamando le masse a se e compensando la perdita di velocit&agrave; angolare per cessione di energia con un certo incremento del numero dei giri.. (sempre per la conservazione del momento della quantit&agrave; di moto...come il ballerino che durante un axel tira a se le braccia.. ovviamente si prsuppone che l&#39;incremento per conservazione del momentod ella quantit&agrave; di moto sia pari a decremento dovuto alla conversione di energia cinetica in corrente nelle fasi di rilascio.. quindi conservando per quanto si può il numero di giri).. ovviamente..il sistema è meccanicametne piu stabile del precedente.. ma richiede molle lunghissime precaricate..al fine di consentire le estensioni..ritrazioni con piccole modificazioni del carico.. molle che potrebbero essere elasticoni avvolti su assi pulegge inserite nel sistema.. <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/37974077f637c71d11ea08e951413663.gif" alt=":D">.. nelle evidenze deve ammettere un sistema fruitore con una suscettanza ammissibile della frequenza fruita discretamente ampia.. che so dai 40 ai 60 hz.. dimensione che credo appartenga al grosso delle utenze non sofisticate.. comunque poi su un mega volanone a magneti fissi si può pensare anche ad un sistema di controllo elettronico delle masse.. super cuscinetti a levitazione ecc ecc<br><br> le masse invece di essere solide potrebbero essere liquidi che si inseriscono in serbatoio cilindirci concentrici.. eliminando anche il problema dell&#39;equilibratura dinamica e del costo materiale.. insomma.. riservandomi di elaborare meglio al questione se qualcuno emtte mano al portafoglio...non la vedo così male...chiaramente.. sarebbe un sistema che avrebbe una funzione di volano energetico...quindi di accumulo impulsivo..per quanto nella media grande dimensione e con adeguate v angolari ed armonizzazione di sistemi (demltipliche.. corretta scelta delle coppie polari, ecc ecc ) potrebbe contenere qualche centinaio di kwh agevolemnte senza essere grosso come una villetta<br><br>PS per il Malagrini Franco: Mi ci sto avvicinando al Nobel?? <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/37974077f637c71d11ea08e951413663.gif" alt=":D"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/37974077f637c71d11ea08e951413663.gif" alt=":D"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/37974077f637c71d11ea08e951413663.gif" alt=":D"><br><br>rI PS Rubbia se sei in ascolto...portami con te <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/37974077f637c71d11ea08e951413663.gif" alt=":D"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/37974077f637c71d11ea08e951413663.gif" alt=":D"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/37974077f637c71d11ea08e951413663.gif" alt=":D"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/37974077f637c71d11ea08e951413663.gif" alt=":D"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/37974077f637c71d11ea08e951413663.gif" alt=":D"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/37974077f637c71d11ea08e951413663.gif" alt=":D"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/37974077f637c71d11ea08e951413663.gif" alt=":D"> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/37974077f637c71d11ea08e951413663.gif" alt=":D"><br><br><span class="edit">Edited by rpprogetti - 26/2/2008, 10:39</span>