PDA

Visualizza la versione completa : Metropolitana leggera Cagliari



ziobertex
19-03-2008, 13:03
Lunedì hanno inaugurato ufficialmente una linea della metropolitana leggera una specie di incrocio da una metrò e un tram, oggi causa rottura macchina di Mio padre ho avuto modo di provarla mi ha colpito molto la silenziosit&agrave; , penso che come primo lotto vada bene lever&agrave; un bel po di macchine e scooter dalla strada , adesso speriamo che comincino a cantierare anche le altre tratte.<br><br>per maggiori informazioni ecco una fonte<br><br><a href="http://it.wikipedia.org/wiki/Metropolitana_leggera_di_Cagliari" target="_blank">http://it.wikipedia.org/wiki/Metropolitana...era_di_Cagliari</a><br><br> <img src="http://codeandmore.com/vbbtest/images/customimages/8c745c2a831eaf22e3917c699682d754.gif" alt="^_^"><br>

mariomaggi
03-09-2009, 06:52
Questo sistema di Cagliari mi sembra valido: A Cagliari l’autobus diventa tecnologico - | ImpresaCity | Soluzioni B2B per il mercato delle imprese e per la PA (http://www.impresacity.it/news/8528/a-cagliari-l-autobus-diventa-tecnologico.html)

Ciao
Mario

iP Tom
18-04-2010, 21:22
interessante. funzionerà ?

autostop
01-05-2010, 18:44
Hanno fatto anche per cagliari un Piano Urbano della Mobilità (PUM)?
Siccome a trento e bolzano lo hanno fatto, e l'hanno già fatto in tante altre città, (basta fare una ricerca in google), mi sono convinto che le strategie sono sempre quelle: investire un bel po' di soldi in una nuova metropolitana, o tram su sede stradale, togliere il traffico dai quartieri per incanalarlo nelle principali vie di comunicazione, togliere il parcheggio all'aria aperta per metterlo sottoterra e utilizzare lo spazio lasciato libero per nuove attività, piste ciclabili, parchi e altro.
Siccome mi pare di vedere una strategia comune per le varie città, non so se questo sia frutto di strategie che sono obligate, o se sia frutto di una regia comune dei progettisti, sicuramente daccordo tra loro, perchè magari arrivano dalla stessa "scuola".
La mia perplessità non è tanto su quello che viene fatto, sicuramente una buona cosa, soldi senz'altro investiti meglio che con la tav, che dal punto di vista finanziario è disastroso, ma anche in questo caso sull'efficacia dei soldi che vngono investiti, anche se lo spreco dovrebbe essere minore..Una metropolitana ha dei costi notevoli, anche se non interrata, e vorrei capire se col tempo si ripagano.Credo, come ho già detto in altra discussione, che ci sono mamiere molto piu' semplici per togliere auto dalla strada, che non quella di creare metropolitane o tram.
Se si crea un tram, si deve per forza togliere il traffico da quella via.
Credo che ci sarebbe un modo molto piu semplice di questo, ed è quello di creare corsie riservate agli autobus.Non penso proprio che il consumo di energia sia cosi' determinante in un servizio pubblico.Il fatto di far funzionare il tram su gomma o su ferro non dovrebbe essere detrminante per i costi, tantopiu' che se non vado errato la metropolitana di caglairi viaggia su gomma.Credo che sia piu' determinante il tempo perso a causa del traffico, e il costo dell'infrastruttura e del costo del personale adetto ai bus.
Se è come la metropolitana di torino, questa struttura dovrebbe viaggiare senza conducente.

Non è appunto piu' vantaggiosa creare delle corsie riservate, piuttosto che fare linee per il tram, che sono comunque delle corsie riservate?
Oppure si fanno le linee per il tram senza togliere il traffico automobilistico?
Non so, vorrei capire.Non mi riferisco alla metropolitana di cagliari, che viaggia utilizzando i vecchi percorsi, resi moderni da questa innovazione, ma le altre città dove vengono fatti questi interventi.

eroyka
24-05-2010, 08:12
Ciao autostop.
Purtroppo il problema del traffico è moolto molto complesso e richiede un'analisi di fattori vasti e complessi e legati al territorio.

Per diminuire il traffico bisogna affrontare la questione con un ampia visione delle necessità di mobilità locali e capire i principali flussi a cosa sono dovuti.

Per quanto riguarda la creazione di metropolitane, tram, linee autobus e corsie riservate... bhe è difficile giudicare senza una conoscenza appropriata del territorio se le soluzioni adottate sono le migliori o meno.
Di sicuro bisogna da un lato costruire una cultura del mezzo pubblico creando un servizio efficiente e puntuale. Ma soprattutto bisogna lavorare alla diminuzione delle necessità di spostamento e poi fare in modo che quelle rimanenti siano soddisfacibili attraverso una mobilità collettiva (che non vuol dire per forza pubblica).

C'è un flusso enorme di auto che vanno in ogni direzione e che sono mezze vuote: ll carsharing, il carpooling e l'autostop organizzato sono forme di mobilità collettiva immediate, che non richiedono infrastrutture e che non costano niente alla comunità se non in termini di cultura.

La strada più semplice però può risultare la più difficile se non si ha la vera volontà di cambiare le cose.
Roy