PDA

Visualizza la versione completa : AQUAFUEL + PILE A COMBUSTIBILE



22-04-2005, 12:59
Leggendo qu&agrave; e l&agrave; sui metodi per produrre combustibile dall&#39;acqua, emerge chiaro che il problema principale per chiudere l&#39;anello, è convertire con efficienza il gas prodotto in elettricit&agrave;. Con i comuni sistemi motore a CI - generatore, l&#39;efficienza non supera il 18 ÷ 20%. Per certo, le pile a combustibile hanno un rendimento che oscilla tra il 40% e il 60%.<br>Ha mai provato nessuno ad utilizzare l&#39;aquafuel per alimentare una pila a combustibile che produca energia suffieciente a produrre l&#39;aquafuel? Il giro di parole è voluto, ma il senso è questo: riusciremo a chiudere questo benedetto loop?.<br>L&#39;informatica appartiene agli hacker, la scienza a chi la vuole&#33;<br>Buona spremuta di meningi a tutti.

ag_smith
12-05-2005, 18:27
con gli attuali rendimenti delle fuel cell che digeriscono anche il carbonio abbiamo bisogno di un cop di almeno 2 solo per chiudere l&#39;anello ma si deve considerare che a noi interessa anche un surplus di energia... quindi ci vorrebbe un cop di 3 mentre il cop massimo misutrato per i reattori acquafuell attalmente e&#39; di 1,75 migliori speranze invece ci sono epr il magnegas il cui cop arriva a 4

AlessandroTesla
19-05-2005, 00:21
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (karruso @ 22/4/2005, 13:59)</div><div id='QUOTE' align='left'>Leggendo qu&agrave; e l&agrave; sui metodi per produrre combustibile dall&#39;acqua, emerge chiaro che il problema principale per chiudere l&#39;anello, è convertire con efficienza il gas prodotto in elettricit&agrave;. Con i comuni sistemi motore a CI - generatore, l&#39;efficienza non supera il 18 ÷ 20%. Per certo, le pile a combustibile hanno un rendimento che oscilla tra il 40% e il 60%.<br>Ha mai provato nessuno ad utilizzare l&#39;aquafuel per alimentare una pila a combustibile che produca energia suffieciente a produrre l&#39;aquafuel? Il giro di parole è voluto, ma il senso è questo: riusciremo a chiudere questo benedetto loop?.<br>L&#39;informatica appartiene agli hacker, la scienza a chi la vuole&#33;<br>Buona spremuta di meningi a tutti.</div></center><br> Invece di pensare come produrre elettricit&agrave; dal magnegas secondo me il punto è trovare un sistema per produrre magnegas dal calore e non dall&#39; elettricit&agrave;. Naudine ha proposto un sistema per alimentare un rasaerba al 20% idrocarburi e 80% acqua, di fatto il motore viene alimentato da una decomposizione termica dell&#39;acqua in gas, come ben spiega Naudine, in un reattore ad alta temperatura.<br>Il tutto senza archi voltaici ma solo con calore e superfici determinate.<br>Una volta alimentato il sistema a calore sar&agrave; molto più facile ricavarne un utile, sempre che questo sia possibile <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/smile.gif' border='0' valign='absmiddle'>

ag_smith
19-05-2005, 13:27
purtroppo non ho capito bene come funzionass equel sistema di naudine e a che servisse a suo tempo ma mi sembr a un po complicatuccio da costruire in casa senza mezzi... cmq se ti va prova e facci sapere i risultati...

20-05-2005, 00:04
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (AlessandroTesla @ 19/5/2005, 01:21)</div><div id='QUOTE' align='left'>Naudine ha proposto un sistema per alimentare un rasaerba al 20% idrocarburi e 80% acqua, di fatto il motore viene alimentato da una decomposizione termica dell&#39;acqua in gas, come ben spiega Naudine, in un reattore ad alta temperatura.</div></center><br> Ciao AT,<br>il sistema sperimentato da Naudin si chiama GEET ed è stato ideato da Paul Pantone (http://www.geet.com).<br><br>Il problema di quel sistema è che va bene solo per motori a regime di giri fisso, e non variabile come quello di un&#39;auto, xcui potrebbe essere perfetto x per un gruppo elettrogeno.<br><br>A suo tempo avevo mandato una mail all&#39;inventore che mi aveva risposto dicendomi che era disposto a vendermi i disegni e gli schemi costruttivi a circa 170 &#036;....<br><br>Puoi trovare un precedente post dove se ne parla <a href='http://www.forumcommunity.net/?t=945293' target='_blank'>QUI</a><br><br>Ciao&#33;

ag_smith
20-05-2005, 13:37
mm interessante...<br><br>e se il nostro generatore alimentasse il caricabatterie di u na uto elettrica?

20-05-2005, 14:13
<center><div id='QUOTE_top' align='left'><b>QUOTE</b> (ag_smith @ 20/5/2005, 14:37)</div><div id='QUOTE' align='left'>mm interessante...<br><br>e se il nostro generatore alimentasse il caricabatterie di u na uto elettrica?</div></center><br> Si, era venuta anche a me quest&#39;idea.<br>Usare un piccolo gruppo elettrogeno per generare energia sufficiente a far andare un motore elettrico.<br>Il problema è che bisogna capire se l&#39;energia prodotta è sufficiente ad alimentare il motore elettrico...<br><br>La mia idea era quella di avere un motore a gruppo elettrogeno abbastanza piccolo da consumare il minimo indispensabile, produrre l&#39;energia necessaria a caricare le batterie dell&#39;auto elettrica e tramite una centralina elettronica pilotarne l&#39;accensione solo quando le batterie si stanno esaurendo...<br><br>Forse però il problema principale è la taratura di tutte le varie valvole in modo che il ciclo abbia le pressioni corrette... e non sò se questo si riesca a fare tramite dei servomeccanismi pilotati da un circuito...<br><br>denis.<br><br>PS: Io per prima cosa proverei a replicare il generatore... poi chiss&agrave; che si riesca anche a montarlo su un&#39;auto elettrica...<br>

25-07-2005, 09:42
Salve.<br><br>Sono nuovo di questo forum. Credo di aver letto tutti i forum aperti sull&#39;acquafuel ed avrei qulche domanda e qualche considerazione da farvi.<br><br>Domanda: Qualcuno ha capito come funziona quel reattore cosi affamato di energia?<br><br>Mia risposta: <br>Secondo me si crea un condensatore tra i due elettrodi in grafite (qualcuno ha provato ad usare i carboncini da disegno o le mine delle matite morbide?). Ad un certo punto il condensatore collassa producendo la scarica ad alta temperatura la quale provoca la ricombinazione di H - O - C. <br><br>Considerazione:<br>Tutti i gas prodotti per ricombinazione hanno un&#39;alta percentuale di H e CO, Perche&#39; ci ostiniamo ad usarli in un motore a combustione interna? Non sarebbe piu&#39; utile trasformare la percentuale di CO in H passando il gas contenente CO il acqua a 450 gradi ottenendo CO + H2O --&#62; CO2 + H2 (lo so non e&#39; semplicissimo, il processo e&#39; pero&#39; largamente documentato in letteratura). Il gas cosi&#39; ottenuto e&#39; praticamente H2 + C02 Molto piu&#39; facilmente utilizzabile in una cella a combustibile.<br><br>Grazie per il tempo concessomi.<br><br>PS: Scusate le lettere accentate con l&#39;apostrofo ma sto usando una tastiera barbara&#33; (E&#39; americana.)

ag_smith
25-07-2005, 19:44
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Nove^3 @ 25/7/2005, 10:42)</div><div id='QUOTE' align='left'>Salve.<br><br>Sono nuovo di questo forum. Credo di aver letto tutti i forum aperti sull&#39;acquafuel ed avrei qulche domanda e qualche considerazione da farvi.<br><br>Domanda: Qualcuno ha capito come funziona quel reattore cosi affamato di energia?<br><br>Mia risposta: <br>Secondo me si crea un condensatore tra i due elettrodi in grafite (qualcuno ha provato ad usare i carboncini da disegno o le mine delle matite morbide?). Ad un certo punto il condensatore collassa producendo la scarica ad alta temperatura la quale provoca la ricombinazione di H - O - C. <br><br>Considerazione:<br>Tutti i gas prodotti per ricombinazione hanno un&#39;alta percentuale di H e CO, Perche&#39; ci ostiniamo ad usarli in un motore a combustione interna? Non sarebbe piu&#39; utile trasformare la percentuale di CO in H passando il gas contenente CO il acqua a 450 gradi ottenendo CO + H2O --&#62; CO2 + H2 (lo so non e&#39; semplicissimo, il processo e&#39; pero&#39; largamente documentato in letteratura). Il gas cosi&#39; ottenuto e&#39; praticamente H2 + C02 Molto piu&#39; facilmente utilizzabile in una cella a combustibile.<br><br>Grazie per il tempo concessomi.<br><br>PS: Scusate le lettere accentate con l&#39;apostrofo ma sto usando una tastiera barbara&#33; (E&#39; americana.)</div></div><br> il problema e&#39; che tutto questo andrebbe ad accrescere ancora l&#39;assorbimento energetico della reazione e poi il gas e&#39; utilizzabile direttamente senza altre reazioni nelle celle a combustibile certo non nelle afc ma in molti altri di tipi si...

26-07-2005, 09:04
Lo so che ci vorrebbe ulteriore energia, ma la relazione CO+H2O--&#62;CO2+H2 se non mi sbaglio e&#39; una reazione endotermica e quelle temperature ( circa 450 gradi) sono raggiungibili anche da un collettore solare...<br><br>Comunque credo che questa reazione sia anche compresa nella PMC di Naudin. ( Tra l&#39;altro ne ho capito + o - il funzionamento a regime ma non ho capito come possa partire....).<br><br>Grazie <br><br><span class="edit">Edited by Nove^3 - 26/7/2005, 10:05</span>

ag_smith
27-07-2005, 11:14
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Nove^3 @ 26/7/2005, 10:04)</div><div id='QUOTE' align='left'>Lo so che ci vorrebbe ulteriore energia, ma la relazione CO+H2O--&#62;CO2+H2 se non mi sbaglio e&#39; una reazione endotermica e quelle temperature ( circa 450 gradi) sono raggiungibili anche da un collettore solare...<br><br>Comunque credo che questa reazione sia anche compresa nella PMC di Naudin. ( Tra l&#39;altro ne ho capito + o - il funzionamento a regime ma non ho capito come possa partire....).<br><br>Grazie</div></div><br> proprio perche&#39; e&#39; endotermica necessita di piu&#39; energia... senza contare le perdite di calore che ci sarebbero...

ag_smith
27-07-2005, 11:15
cmq ho dimenticato di farti il benvenuto nella discussione&#33;&#33;<br><br>ultimamente hanno disertato un po tutti questo argomento...

31-07-2005, 10:44
Grazie per il benvenuto.<br><br>Comunque io pensavo anche al recupero di calore di "scarto".

ag_smith
31-07-2005, 19:07
<div align='center'><div class='QUOTE_top' align='left'><b>CITAZIONE</b> (Nove^3 @ 31/7/2005, 11:44)</div><div id='QUOTE' align='left'>Grazie per il benvenuto.<br><br>Comunque io pensavo anche al recupero di calore di "scarto".</div></div><br> si buona idea cmq sarebbe utile per portare l&#39;acqua fino a 100 gradi ma gli altri 300?

17-08-2005, 08:34
Scusate il periodo di latitanza ma le ferie "bisogna" farle&#33; <img src='http://img.forumfree.net/html/emoticons/tongue.gif' alt='tongue.gif'> <br><br>In questo periodo ci ho pensato un po&#39; su e mi e&#39; venuta una piccola idea.<br>Sapete se qulcuno ha provato a collegare il tubo di scarico di un motore a combustione interna con un serbatoio contenente biomassa (legno, paglia, erba, ecc.)?<br>Se il gas di scarico ha una temperatura di almeno 400 gradi si dovrebbe avere pirolisi e in parte gassificazione (se non ho capito male dipende dalla quantita&#39; di ossigeno presente).<br>Il principio e&#39; piu&#39; o meno quello della GEET di Pantone anche se mi sono ispirato di piu&#39; ai sistemi per lo smaltimento dei rifiuti. <br><br><span class="edit">Edited by Nove^3 - 17/8/2005, 09:35</span>

whiles_
01-10-2007, 19:09
<div align="center"><div class="quote_top" align="left"><b>CITAZIONE</b> (ag&#95;smith @ 12/5/2005, 19:27)</div><div id="quote" align="left">con gli attuali rendimenti delle fuel cell che digeriscono anche il carbonio abbiamo bisogno di un cop di almeno 2 solo per chiudere l&#39;anello ma si deve considerare che a noi interessa anche un surplus di energia... quindi ci vorrebbe un cop di 3 mentre il cop massimo misutrato per i reattori acquafuell attalmente e&#39; di 1,75 migliori speranze invece ci sono epr il magnegas il cui cop arriva a 4</div></div><br>Il vostro COP non sar&agrave; mai uguale o superiore ad uno. Ciò significa che le overunity non esistono.<br><br>La termodinamica, questa sconosciuta, eh?

Bit79
16-02-2008, 00:21
Mi sa che qui si lotta contro i mulini a vento....