PDA

Visualizza la versione completa : Preriscaldamento sorgente fredda PDC aria-acqua



bert
13-05-2008, 16:55
Sono un novizio e scusate se torno su un argomento quà e la già dibattuto in questo intrigante forum.
Ho letto diverse considerazioni fatte dai partecipanti riguardo a come fare per ottimizzare il rendimento della PDC in condizioni estreme cercando di preriscaldare o raffreddare l'aria attraverso vespaio o terreno, in particolare mi hanno colpito le considerazioni e gli esperimenti di dotting.
Sto iniziando in toscana, zona climatica D, la costruzione di una casa su 3 piani, 50mq per piano di cui uno interrato.
Isolamento muri esterni: 12cm poroton, 6cm sughero, 2cm aria, 8cm forato.
Tetto ventilato con 10cm di fibra di legno.
Ho a disposizione 250mq di giardino.
Vorrei mettere una PDC aria-acqua per riscaldamento a pavimento + ACS.
A questo punto mi chiedo e vi chiedo?

1) Se con una catenaria piazzo un tubo di plastica di140mm ( è sufficente?), a 50cm di profondità, che poi coprirò con altri 50cm di terra che mi avanza da uno sbancamento, quindi in tutto 1m. Con un passo di 1m tra tubo e tubo, potrei stenderne 150m. Otterrei dei benefici concreti?

2) Può bastare o è meglio sfruttare anche il vespaio?

3) Devo cercare di tenere una pendenza o fare dei pozzetti di scolo per eventuali condense?

4) Esistono problemi di saturazione termica del terreno?

5) Qualche consiglio su che PDC piazzare?

Grazie a tutti comunque bert

dotting
13-05-2008, 19:55
1.- Ti conviene fare una classica disposizione a pettine con i denti del pettine di diametro 10 ed il collettore da 20 cm;
2.-ti conviene sfruttare anche il vespaio;
3.- sento di tanta gente preoccupatissima per la condensa nei tubi interrati, io ho all'ingresso aria delle pompe di calore servite da aria "geotermica" ho sempre rilevato valori di umidità molto bassi, condensa assente;
4.- nessun problema;
5.- sono tanti i chiller che hanno un buon rendimento.

bert
15-05-2008, 11:50
Grazie Dotting,
Ti faccio sapere eventuali sviluppi!

PIERO-U
23-10-2012, 15:44
Salve a tutti,
riapro questa discussione, dopo aver letto tutti gli scritti di Dotting nei vari Forum, ponendo l’ennesimo quesito:
Sto costruendo un muretto (lungo 30 metri) nel bordo strada che dovrò tamponare con circa 1 metro di terra; volendo applicare i suggerimenti di Dotting in materia, ho pensato di interrare un tubo corrugato (quello rosso per passaggio cavi elettrici) da 80-100 per preriscaldo aria da mandare a :
-Prima ipostesi
<O:p</O:pConvogliare l’aria ad una delle 2 bocchette del Termocamino ad aria (una bocchetta aspira l’aria direttamente da dentro casa, l’altra appunto dall’esterno)
-Seconda ipotesi
<O:p</O:pConvogliare l’aria in un vano tecnico creato appositamente (altro grande suggerimento del Monumento) che misura 3x2 e alto 2 metri, dove ho installato le 2 macchine esterne dei Clima in PDC .
Inoltre, (finiti i 30 metri) dovro’ attraversare la strada (3,5 metri ) per entrare nella cantina e attraversarla (2,5 metri), e da qui arrivare o al Termocamino o ai Clima; per l’attraversamento (Figura), sono intenzionato a servirmi di un vecchio Tubo in Cemento da 200 già esistente (1 metro sotto il piano strada) di raccolta acqua piovana, inserendoci appunto il Tubo corrugato, o vecchi pluviali in PVC che ho già, posizionandoli nella parte alta del tubo, evitando il contatto con l’acqua.
Quindi:
1) Un prerisclado aria sviluppato così, meglio al Termocamino (salubre !?) o ai Clima ?
2) Il passaggio (nella maggioranza sospeso) all’interno del tubo in cemento dove scorre acqua, potrebbe causare problemi ?
Grazie per tutte le risposte
Visto che ci sono, approfitto per ringraziare Dotting, attraverso le tantissime risposte che ha dato, ho compreso e applicato molte cose.

Saluti

Piero

25863