PDA

Visualizza la versione completa : generatori a bassi rpm in commercio



lethimos
14-02-2009, 11:31
Ciao, mi sto inoltrando adesso in questo mondo, ho letto un bel po' di messaggi e si e' posto un quesito.
Leggo che una savonius rende al massimo a circa 0,9 volte la velocita' del vento.
Questo significa un numero di rpm irrisorio, e cercando in rete non sono riuscito a trovare in commercio generatori brushless a cosi' bassi regimi di giri.
Ecco il quesito:
Chi costruisce sistemi "seri" (non che quelli autocostruiti non lo siano, sto solo parlando di sistemi industriali) come fa?
Ne esistono e non li ho trovati io, devono essere costruiti su misura o i progettisti sono costretti a creare un moltiplicatore di giri disperdendo cosi' parte dell'energia potenziale?

mefistofele
14-02-2009, 18:54
ciao ...lethimos,
......uuummpruff.....
(non resisto....)
......scusa...ma...
quando parli di ...energia potenziale......
parli di "energia potenziale"...o di...
energia ....che potresti ...avere... in ......potenza...???
dove però qui il termine "potenza" non é però inteso come "potenza di una forza"...
ma come...potenzialità...di un ...evento....
cioé ....probabilità...che quell'evento....accada.....
quindi se parliamo di probabilità di evento....allora si può ben parlare di ....
aleatorialità.....probabilistica......
ma...... "Dio non giocava a dadi"....
e......Lui perdona ...io no...!!!
e gli ..."Angeli ...continuavano ...a mangiare ...fagioli.."
ma ciò.....comporta.............vento !!!
e siamo di nuovo ai tuoi generatori......a .....vento....
però ...adesso sappiamo ....come.....testarli !! ....he!he!he!
scherzo !!!....
scusa...scusa....é stata più forte ...di..me (potenzialmente...he!he!he!)!!!
Allora ......seri...
per i tuoi quesiti non sono certo io il più esperto,
ma prima ti faccio una domanda cosa vuol dire:
""""una savonius rende al massimo a circa 0,9 volte la velocita' del vento""""..???
scusa sarà la mia poca competenza di Savonius...che non mi permette di capire...
Vabbé tento comunque di risponderti...... (nel mio piccolo....) :
Di sistemi commerciali ne ho visti solo con asse orizzontale....!!!
Per il numero di giri ....dipende da come sono fatte le eliche ....
si può comunque fare un generatore a bassi numeri di giri ...
e questo dipende dagli avvolgimenti.....cioè da quanti ..poli "elettrici".. ha !!!
Ci sono i grossi generatori (si parla di alcune centinaia di KW)
che addirittura sono "generatori sincroni" e vengono messi
in rete con una procedura simile agli alternatori di una centrale elettrica , e girano ...piano, la loro potenza immessa in rete prevalente é controllata dalla corrente di armatura ed inoltre possono avere anche pale a "inclinazione" variabile"!!!!
(ed hanno pale ...enormi...!!!)
Un buon progetto (se buono!!!!)deve "fittare" i giri di potenza massima del generatore
con la velocità massima del vento
(per quelli, come dicevo molto grossi ,senza inverter!!) !
Per potenze medio-piccole , i generatori sono seguiti da inverter che si preoccupano
di modificare la tensione di uscita degli stessi (che é funzione della velocità del vento)
e di immettere sempre la potenza erogata puntuale in rete,.. detti sistemi sono i "grid" .
Poi ci sono i sistemi piccoli o anche medi che non hanno una rete prevalente
e che quindi sono costretti ad avere pacchi batterie da caricare per mediare i diversi tempi di produzione e consumo e qui, purtroppo, hai ,come limitazione, la potenza installata delle batterie !!!!e qui ,cioè, non puoi usufruire della capacità degli inverter
di "accettare" qualunque potenza...che tanto c'é la rete prevalente che te la ...accetta!!!!...qui ..se le batterie sono cariche.....ciccia !!!
Non so se ti sono stato utile,
però ripeto in linea teorica non c'é nessun vincolo tecnologico per il numero di giri
piuttosto vi sono vincoli economici e/o di rendimento energetico.
O meglio,.... il calcolo é sempre Tecnico-Economico-e/o-Ecologico !!!
Se vuoi farti una Savonius a bassi giri basta che "ampli" un progetto comune,
es. un 200-400 giri/minuto, mettendo dieci volte il numero di bobine e di magneti
avrai un generatore da 20-40 giri/minuto !
Insomma il diametro sia del rotore sia dello statore ti diventerà abbastanza rilevante
ma dovendo girare a bassi giri, non sarà un grosso guaio come forze centrifughe e/o di inerzia.
Inoltre,(se non per autocostruzioni) non si usano moltiplicatori di giri, per vari motivi, oltre a quelli detti sopra di rendimenti energetici, anche per costi e manutenzioni!
Ciao
Mef

tommy_sp
15-02-2009, 10:14
ciao lethimos

certamente c'è qualcosa che non va, il limite TEORICO di rendimento è circa 0.6... considera poi che il savonius è tra tutti quello con il minor rendimento in assoluto (circa 0.2, in condizioni ottimali).

se vuoi un generatore ad asse verticale il darrieus è molto piu indicato, ha un rendimento di circa 0.4 e inoltre lavora ad alte velocità pertanto puoi utilizzare alternatori piu "commerciali".

credo (anzi sono quasi sicuro) che ogni ditta che produce aerogeneratori si produca da se i propri alternatori, o al limite li deleghi a qualche azienda, comunque certamente ogni modello ha il suo alternatore specifico.

comunque c'è un database qui sul forum con tutti i principali costruttori di turbine ad asse verticale, in particolare ti consiglio il sito ropatec (che è una ditta italiana), nel quale c'è anche un video bello lungo che mostra come lavorano

lethimos
15-02-2009, 11:28
X mefistofele (nome azzeccatissimo) :-)
Qualcuno disse.
Non fare domande se non sei in grado di capire la risposta.
O io ho sottovalutato la complicatezza della mia domanda, o a qualcuno piace complicarsi la vita.
:-)

Resta il fatto che non ho capito una H di tutto quello che hai scritto, magari piu' tardi mi ci metto con calma e rileggo tutto due o tre volte, chissa' che qualcosa non riesca a tirarlo fuori.
Speriamo

Lo 0,9 del quale parlavo e' la velocita' delle pale in rapporto alla velocita' del vento.
Non posso dirlo con certezza ma e' quello che ho trovato gironzolando per il forum.

Ciao e grazie per l'impegno di aprire una finestra su un mondo che questo rintronato dura ancora fatica a capire.
:-)

lethimos
15-02-2009, 11:41
X tommysp
Grazie per le informazioni e iniziamo da una parte.
Ho visto la lista dei produttori, io pero' ero interessato al generatore soltanto, non a tutto l'impianto, compresa turbina etc.
I produttori della lista mi sembra di aver capito che vendano tutto in blocco.
A me interessava per fare qualche esperimento in vari campi della generazione per cui un generatore industriale mi faciliterebbe la vita nel passare da eolico a idrodinamico a motori a combustione.

Pero come confermavi tu stesso chi produce le turbine si autoproduce anche i generatori per cui sara' difficile trovarli in commercio, quindi mi sa che saro' costretto a studiarmeli e autocostruirlo. :-)
Poco male, anzi mi sembrava di aver visto qui sul forum un pdf che lo spiegava...vado a ricercarlo.

Ah gia che ci sono una domanda... a parita' di vendo e lavorando a regimi di giri piu' bassi puo' essere che la savonius abbia una forza di torsione maggiore di una darrieus (scusa se magari non uso le parole piu' adatte, ma non sono proprio quello che si puo' definire un ingegnere).

Grazie.

P.S. Se dovessi comprare una turbina sicuramente prediligerei una di produzione italiana, fosse solo per aiutare l'economia e spingere la sperimentazione

mefistofele
16-02-2009, 08:10
Ciao lethimos....:bye1:
scusa....ma ...:closedeyes:...cosè che non hai capito ????:dev:
(he!he!he!)

ciao

Mef

lethimos
16-02-2009, 09:46
Ciao,
diciamoc he prevalentemente la parte che non ho capito e' la sconquassata papella di roba scritta in vetta...quello che ho capito e' che e' la presa (bonaria, tranquillo che non mi sono offeso) per il culo di un "tecnico" nei confronti di un perfetto ignorante in materia.

Per quanto scritto sotto mi pare di capire che confermi la mia idea che in commercio non si trovino generatori a bassi regimi di giri e che se ne voglio uno, devo costruirmelo.
E fin qui poco male, il male arriva quando devo scontrarmi con la dura realta' delle leggi della fisica e dell'elettricita', temi dei quali sono pressoche' digiuno.
Intanto una info molto utile sono riuscito a ricavarla:
Che uno dei metodi per adattare ad un basso regime di giri un progetto e' quello di calcolare le bobine ed i giri in modo inversamente proporzionale l'uno a l'altro.
Adesso dovro' capire come funzionano le questioni di diametri del filo, numero di spire e potenza dei magneti

ciao

mefistofele
16-02-2009, 12:00
...."""""...é la presa bonaria...."""....
no!....no!.....proprio cattivona !!!!....he!he!he!:rolleyes:
vabbé .....non sono così ...cattivo ...col ....primo ...venuto....
(però...però....hai già sette messaggi....uhmmm... (he!he!he!) )

ed il diavolo ...lo si dipinge ...più brutto di quel che é !!!!
e..... non fa i coperchi...
e.......vabbéeee .....!!!!!
per la bruttezza ...ognuno é bello "i..mamma suaaa"
però .....
che..... IO ....non sia capace di fare i coperchi....!!!!!????
questa é un infamia bella e buona ...!!!! he!he!he!:devilred:

Vabbé
da quello che vedo io....
la cosa più semplice é "sfogliare" uno di quei progetti in giro....
ed "magnificarli" (no!.......nel senso di ampliarli!!!....biensur....he!he!)
cioé ingrandirli mettendoci più magneti e bobine ...
in proporzione inversa con la dinimuzione del numero di giri !!!!
ciò ti porterà ad un funzionamento a basso numero di giri....
con solo un aggravio di peso e dimensioni (oltre al costo)...
però il tuo generatore così fatto ti erogherà più potenza !!!
(nella stessa proporzione.... !!!)
Se sei limitato dagli ingombri,
allora riduci le dimensioni dei magneti e delle bobine
(ma aumentandone il numero come detto prima!!!)
e puoi ridurre le spire delle bobine stesse
(es. se hai raddoppiato le bobine puoi dimmezzare il numero delle spire , mettendole poi in serie...in....fase !!!)
in questo modo non aumenterai la potenza più di tanto né li ingombri...
Ciao
Mef:dev:

lethimos
23-02-2009, 14:29
Ciao, grazie per le dritte, sono stato un po' occupato in questi giorni, ma adesso mi metto in cerca di qualche buon file sulla costruzione, e, semmai riusciro' a trovare il tempo, mi mettero' a fare anche un po' di prove... non si sa mai che riesca a combinare qualcosa di decente.

Ciao