PDA

Visualizza la versione completa : chi può spiegare ?



franco marin
20-03-2009, 16:46
<?xml:namespace prefix = o ns = "urn:schemas-microsoft-com:office:office" /><o:p></o:p>
<o:p></o:p>
Chi può spiegare a me e a molti altri ?
<o:p></o:p>
Mi risulta che il mitocondrio – posizionato verso le parti terminali degli assoni di un neurone – sia quella “ fabbrica “ ove si sintetizzano i neurotrasmettitori che verranno poi espulsi da determinate vescicole, adatte per misura, fino a raggiungere le omologhe vescicole del neurone successivo al quale trasmettono l’ informazione che portano con se e che , di neurone in neurone continuano il trasporto d’ informazione da qualsiasi parte del nostro organismo al cervello, e viceversa. I neuroni non sono molti, mi sembra ca 70 e sono molecole organiche di tipo lineare o aromatico le quali , una volta ceduto il messaggio , si dissolvono nei loro componenti, dando luogo ad atomi liberi, nell’ assone ove si trovano, che permetteranno la sintetizzazione di nuovi neurotrasmettitori nel mitocondrio.
Un paio di domande:
Chi da’ l’ ordine e come di sintetizzare per es. Acetilcolina o Ac Glutammico o altri ? Come viene guidata la sintesi ?
Non è possibile che una molecola lineare come quella dell’ acido glutammico, trovandosi in prossimità di un atomo elettronegativo, o comunque di grande massa atomica, un metallo, posizionato in zona centrale della molecola, che possa attirare a se gli elettroni lontani nella molecola stessa - di ac glutammico – tanto da creare una concentrazione di elettroni in zona centrale e un impoverimento in zona periferica tanto da considerare la molecola stessa come una giunzione P-N-P ? Un transistor ?
E’ possibile che esistano transistors organici, con eguale capacità di amplificazione, oltre a quelli inorganici creati dall’ uomo ? Dall’ esempio sopra riportato , come potrebbero funzionare ?
Come da link seguente vediamo che le molecole possono essere unità di memoria e perché no anche di altre applicazioni ?
<o:p></o:p>
<o:p></o:p>
http://punto-informatico.it/242328/PI/News/memorizzata-un-immagine-una-molecola.aspx (http://punto-informatico.it/242328/PI/News/memorizzata-un-immagine-una-molecola.aspx)
<o:p></o:p>
Grazie per l’ attenzione e per auspicabili risposte.
<o:p></o:p>
Franco
<o:p></o:p>
<o:p></o:p>

BrightingEyes
25-03-2009, 17:27
Il mitocondrio è una struttura cellulare che interviene nel metabolismo energetico. Non mi risulta c'entri granchè con i neurotrasmettitori (non neuroni!).
Questi vengono sintetizzati nel corpo del neurone e poi trasportati lungo l'assone alle sinapsi dove vengono rilasciati quando necessario all'esterno dell'assone e vicino a un altro neurone.
I neurotrasmettitori sono relativamente pochi, se ne conosce una settantina appunto. I neuroni sono le cellule cerebrali e ce ne sono centinaia di migliaia (più o meno, ho i ricordi un pò vaghi dagli studi universitari). Qui (Neurone - Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Neurone)) un esempio esplicativo abbstanza semplice.
La sintesi avviene tramite trasmettitori ormonali e credo attraverso la stessa attività interneuronale, ma è un argomento decisamente complesso e specialistico. Il rilascio dei neurotrasmettitori credo sia determinato dall'attività elettrica della membrana dell'assone.
Sul resto della domanda non ci ho capito granchè. Forse perchè non ho idea di quel che rappresenti un transistor nell'organismo. Il funzionamento della memoria umana è tuttora poco compreso, ma ci sono teorie che mettono in campo la struttura molecolare, atomica ed addirittura subatomica (particelle). La teoria in voga ai miei tempi era quella di una memorizzazione tramite circuiti organici di neuroni collegati su base elettrica (e quindi anche neurotrasmessa) che venivano rinforzati ad ogni attivazione del ricordo. Ma di più non saprei proprio dire. :preoccupato:

franco marin
26-03-2009, 18:19
Ti ringrazio Brighting Eyes per il tuo intervento !!!!
<?xml:namespace prefix = o ns = "urn:schemas-microsoft-com:office:office" /><o:p></o:p>
Credevo di aver proposto un tema interessante a molti, a differenza di altri che hanno suscitato una minima attenzione, vedi “ memoria dell’ acqua “ ecc..
<o:p></o:p>
Per questa proposizione tematica la risposta è invece nulla. So benissimo di non proporre temi semplici, ma sono convinto che la molla della ricerca sia il porsi domande. Se Newton non si fosse posto la domanda “ perché la mela è caduta ? “……… .
Alle moltissime domande che ci poniamo , raramente otteniamo risposta. Noi, non più giovanissimi, ci poniamo quesiti intelligenti. Mi preoccupa il vuoto mentale dei giovani ! Per loro la risposta deve essere veloce e senza fatica , quasi per tutti.
Ritorniamo al nostro problema, che attualmente non ha soluzione.
<o:p></o:p>
Il neurone è una cellula molto strana, ha un nucleo, ha degli assoni, ha delle sinapsi, ha un liquido cellulare con componente fondamentale l’ acqua cellulare..Ma chi e perché l’ ha fatto così ?
Ho visto anch’ io ciò che dice Wikipedie ed altre fonti di ricerca, ma ne evinco che si sa ancora pochissimo su questi temi e, quel che è peggio, che si fanno poche ipotesi.
Lo scopo delle mie domande è stimolare curiosità per la ricerca non legata a quei pseudo baroni scientisti che si sentono scienziati solo per il posto – stipendio e immagine - che occupano, ma ai semplici curiosi che abbiano un po’ di bagaglio culturale.
Brevemente :
Il transistor costituito da molecole biologiche, appartenenti ad un tessuto vivente.
L’ ipotesi espressa la volta scorsa è stata da me presentata - ca. 15 anni fa - ad un prof di fisica dell ‘ UNI di Torino, il quale mi ha sobissato dei risultati delle sue ricerche - sui neurotrasmettitori – derivanti da osservazioni sperimentali. Non entro in merito, ma osservo :
La totalità della medicina diagnostica, terapeutica e di ricerca è affidata a macchine delle quali gli addetti all’ uso sono quasi sempre analfabeti. Le macchine sono prodotti ingegneristici che seguono altre logiche . Ben vengano i corsi di informazione !!!! anche parziale !!!
I transistors umani sono a base di Silicio - minerale – nella cui struttura molecolare vengono posizionate sostanze droganti per aumentare il flusso elettronico da una giunzione all’ altra – la base -. Una molecola lineare di ac Glutammico, come già descritto, non potrebbe funzionare allo stesso modo prelevando elettroni da un metallo, come ad es. il Cu ? – la base ? -.
Nel transito d’ informazione , nella lunghissima sequenza dei neuroni , devono essere molteplici i punti ove l’ informazione viene fedelmente amplificata : altrimenti, malgrado le cellule di Schwan gli impulsi elettrici si disperdono nel circuito linfatico, nell’ acqua.
Scusate la mia ignoranza alla quale non ci sono risposte. O forse sì ???
Saluti Franco
<o:p></o:p>
PS. Seguiranno altri quesiti interessanti !
<o:p></o:p>
<o:p></o:p>

grimanic
14-12-2011, 20:33
salve io sono nuovo in questo forum volevo solo notificare che oggi il telegiornale a dato la notizia che il famoso c.e.r.n.

ha trovato la famosa particella di DIO cosi l'hanno chiamata in tv penso sia una scoperta importante che con le nano tecnologie penso centri qualche cosa , adesso si aprono nuove frontiere cosi hanno detto riferedosi alla nasa e universo

salti a tutti:oops:

amir
18-12-2011, 07:46
... oggi il telegiornale a dato la notizia che il famoso c.e.r.n.

ha trovato la famosa particella di DIO ... salti a tutti ...

1) Sei fuori tema rispetto alla sezione, che si chiama " nanotecnologie":
2) Sei fuori tema rispetto alla discussione, che parla di neuroni transistor e quant' altro:
3) il CERN non ha annunciato di aver trovato il bosone di Higgs, ma di aver visto alcuni segnali che fanno pensare che forse esiste;
4) salti pure a te.

amir