PDA

Visualizza la versione completa : L'idroelettrico fatto in casa SI PUO' FARE



Diego Del Marco
18-05-2009, 18:24
Ciao,

Vi invito a vedere questo mio knol, e chi ha tempo e un po' di denaro (ma nemmeno poi cosi' tanto), può farsi l'energia elettrica in casa:

Energia Rinnovabile - Energia elettrica dalla forza di gravità - een knol van Diego Del Marco (http://knol.google.com/k/diego-del-marco/energia-rinnovabile-energia-elettrica/2d87rbqt8epyt/2)#

Diego

mister
20-05-2009, 22:19
Ciao diego, a prima vista il concetto non sembra male, ma a pensarci bene le guarnizzioni una volta gonfiate per dividere in due la colonna d'acqua devono per forza spingere contro le pareti del cilindro esterno, quindi a occhio il tappo restera' fermo li dove si trova. Al contrario se ci fosse anche una piccola tolleranza tra guarnizzioni e cilindro non avresti piu' due segmenti d'acqua distinti ma sempre e comunque uno. Un saluto da Mister:beer:

Wattos
21-05-2009, 16:00
ciao, +tosto fate evaporare l'acqua da sotto tramite il sole, evaporando il vapore sale sale si accumula in quel recipiente in alto, 1volta accumulata l'energia poi la fate cadere come in 1centrale idroelettrica e il ciclo ricomincia in pratica è quello che fa la pioggia naturalmente

endymion70
21-05-2009, 16:20
Ciao,

Vi invito a vedere questo mio knol, e chi ha tempo e un po' di denaro (ma nemmeno poi cosi' tanto), può farsi l'energia elettrica in casa:

Energia Rinnovabile - Energia elettrica dalla forza di gravità - een knol van Diego Del Marco (http://knol.google.com/k/diego-del-marco/energia-rinnovabile-energia-elettrica/2d87rbqt8epyt/2)#

Diego

Così, l'acqua si fa un giretto per il tuo marchingegno, cede energia ad una turbina e ritorna come prima, come se nulla fosse, senza energia esterna, usando solo la forza gravitazionale, che notoriamente non si può utilizzare in quel modo?
Se guardi l'ultima slide e la prima, non noti qualche differenza? io sì.

Diego Del Marco
21-05-2009, 17:27
Ciao,
certo che il progetto finale userà energia esterna, altrimenti come potrebbero gonfiarsi e sgonarsi le guarnizioni.. Questo non è un progetto fatto e finito, esprime solamente un'idea.
Perchè notoriamente non si può utilizzare in quel modo?
Che differenze noti?

Diego Del Marco
21-05-2009, 18:00
ciao, +tosto fate evaporare l'acqua da sotto tramite il sole, evaporando il vapore sale sale si accumula in quel recipiente in alto, 1volta accumulata l'energia poi la fate cadere come in 1centrale idroelettrica e il ciclo ricomincia in pratica è quello che fa la pioggia naturalmente
Beh..
è ok anche il tuo, ma necessita del sole o comunque di una fonte di calore; quindi si cade nel fotovoltaico o nel geotermico

endymion70
21-05-2009, 22:04
Ciao,
certo che il progetto finale userà energia esterna, altrimenti come potrebbero gonfiarsi e sgonarsi le guarnizioni.. Questo non è un progetto fatto e finito, esprime solamente un'idea.
Perchè notoriamente non si può utilizzare in quel modo?
Che differenze noti?

Il problema delle tenute non c'entra: non funzionerebbe neanche se usassi zero energia.
Oltretutto l'energia usata per gonfiare le guarnizioni cresce più o meno linearmente col raggio del cilindro, mentre il lavoro cresce quadraticamente con il raggio del cilindro.

La forza di gravità è conservativa: nessun ciclo utilizzante la forza di gravità può produrre lavoro.
Al che uno di solito obietta: "ma come, e le centrali a maree...?". Vero, le centrali a maree utilizzano il fatto che il campo gravitazionale terra-luna varia nel tempo, ma non mi pare il tuo caso.

tommy_sp
22-05-2009, 01:22
ciao :)

ingegnoso come sistema, ma, ahimè, non funzionerà mai.
alla base del funzionamento c'è un errore macroscopico: hai fatto confusione tra forze e pressioni.

hai scritto:

"Si potrebbe pensare che il peso del liquido nella condotta (8) possa fermare la macchina, ma cosi’ non è per un semplice gioco di proporzioni; la condotta (8) è appositamente piccola ed il peso del liquido al suo interno è vinto dalla forza 20 di Fig.7"

se prendi un tubo da 10 metri di diametro pieno d'acqua e un tubo da un centimetro di diametro vuoto e li metti in comunicazione dal basso, l'acqua nel tubicino salirà fino a portarsi al livello dell'acqua nel tubone, ne di piu, ne di meno.
non è che perchè il tubo grosso contiene più acqua si ha piu peso e allora il livello dell'acqua nel tubicino sale di più
si chiama teoria dei vasi comunicanti, che sta alla base dell'idraulica

Diego Del Marco
22-05-2009, 16:33
Il problema delle tenute non c'entra: non funzionerebbe neanche se usassi zero energia.
Oltretutto l'energia usata per gonfiare le guarnizioni cresce più o meno linearmente col raggio del cilindro, mentre il lavoro cresce quadraticamente con il raggio del cilindro.

La forza di gravità è conservativa: nessun ciclo utilizzante la forza di gravità può produrre lavoro.
Al che uno di solito obietta: "ma come, e le centrali a maree...?". Vero, le centrali a maree utilizzano il fatto che il campo gravitazionale terra-luna varia nel tempo, ma non mi pare il tuo caso.
La pressione sulle guarnizioni non è in funzione della grandezza del cilindro per il paradosso idrostatico, cioè le guarnizioni devono tenere la sola pressione della colonna di acqua che le sovrasta nella loro verticale.
La forza di gravità come il magnetismo sono conservative solo in un ciclo chiuso, ma
essendoci un momento OFF della macchina non si' puo' considerare ne ciclo chiuso ne
moto perpetuo.

Diego Del Marco
22-05-2009, 16:36
ciao :)

ingegnoso come sistema, ma, ahimè, non funzionerà mai.
alla base del funzionamento c'è un errore macroscopico: hai fatto confusione tra forze e pressioni.

hai scritto:

"Si potrebbe pensare che il peso del liquido nella condotta (8) possa fermare la macchina, ma cosi’ non è per un semplice gioco di proporzioni; la condotta (8) è appositamente piccola ed il peso del liquido al suo interno è vinto dalla forza 20 di Fig.7"

se prendi un tubo da 10 metri di diametro pieno d'acqua e un tubo da un centimetro di diametro vuoto e li metti in comunicazione dal basso, l'acqua nel tubicino salirà fino a portarsi al livello dell'acqua nel tubone, ne di piu, ne di meno.
non è che perchè il tubo grosso contiene più acqua si ha piu peso e allora il livello dell'acqua nel tubicino sale di più
si chiama teoria dei vasi comunicanti, che sta alla base dell'idraulica
Si chiama principio dei vasi comunicanti e funziona proprio come dici; ma non è applicabile perchè il liquido sopra il basamento non è a contatto con quello sotto.

walterino
22-05-2009, 21:09
non credo che funzioni ,forse è meglio che tiripassi il principio di archimede sui vasi comunicanti,saluti e buona fortuna

tommy_sp
23-05-2009, 00:56
Si chiama principio dei vasi comunicanti e funziona proprio come dici; ma non è applicabile perchè il liquido sopra il basamento non è a contatto con quello sotto.

ciao diego
ma scusa, cosa c'entra il fatto che i due liquidi non sono in comunicazione?? se ti fai un calcolo vedrai bene che non c'entra niente, la pressione rimane sempre quella, sia che le due zone siano separate od unite, sia che non le siano.

Diego Del Marco
23-05-2009, 17:14
non credo che funzioni ,forse è meglio che tiripassi il principio di archimede sui vasi comunicanti,saluti e buona fortuna
Buona fortuna la auguro io a te...

Diego Del Marco
23-05-2009, 17:26
ciao diego
ma scusa, cosa c'entra il fatto che i due liquidi non sono in comunicazione?? se ti fai un calcolo vedrai bene che non c'entra niente, la pressione rimane sempre quella, sia che le due zone siano separate od unite, sia che non le siano.
Ciao Tommy,

c'entra perchè il liquido sottostante il basamento è schiacciato dal peso dell'acqua (liquido) sopra il medesimo.

Per farti un esempio:

Prova a pensare a collegare un tubicino in gomma al posto dell'ago in
una siringa piena di acqua, gira il tubicino verso l'alto ma tieni la
siringa rivolta verso il basso; ora premi lo stantuffo e vedi che
l'acqua schizza fuori dal tubicino in modo proporzionale alla forza
con cui premi lo stantuffo.

Questa macchina funziona allo stesso modo.


Più terra terra:

Immagina di sciacciare con le dita un qualsiasi "succo di frutta" in cartone con la
classica cannuccia infilata dentro, se non si fà attenzione ci si macchia...

tommy_sp
23-05-2009, 18:40
Ciao Tommy,

c'entra perchè il liquido sottostante il basamento è schiacciato dal peso dell'acqua (liquido) sopra il medesimo.

Per farti un esempio:

Prova a pensare a collegare un tubicino in gomma al posto dell'ago in
una siringa piena di acqua, gira il tubicino verso l'alto ma tieni la
siringa rivolta verso il basso; ora premi lo stantuffo e vedi che
l'acqua schizza fuori dal tubicino in modo proporzionale alla forza
con cui premi lo stantuffo.

Questa macchina funziona allo stesso modo.



Più terra terra:

Immagina di sciacciare con le dita un qualsiasi "succo di frutta" in cartone con la
classica cannuccia infilata dentro, se non si fà attenzione ci si macchia...

ciao diego.
ancora no!! funzionerebbe se il liquido sopra il coperchio pesasse più dell'acqua.
ti invito a fare due semplici calcoli e verificare tu stesso che la pressione alla base della colonna di sinistra (quella grande) è la stessa, che ci sia o non ci sia il coperchio.

PSMRKG
23-05-2009, 21:31
salve a tutti!!! scusate la mia intromissione ma, a priori nn mi sento di dire se funziona o no....il tempo matura le nespole. einstein disse: "tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, arriva uno sprovveduto che nn lo sa e la inventa". meditate gente!!!! stiamo lavorando ad un progetto simile da diverso tempo ma è meno complesso da realizzare........chissà....cordialità

tommy_sp
24-05-2009, 00:56
si, ok, ma come ha detto endimion70 qualche post fa, la forza di gravità è una forza conservativa, e se la circuiti lungo una linea chiusa vien fuori zero..

max72
24-05-2009, 21:46
Salve a tutti! Tentativo apprezzabile quanto cervellotico di ricavare energia dal nulla!
Per far girare il meccanismo sostituisci la turbina con una bella pompa...così potrai vincere gli attriti, le perdite di carico sul tubicino e le spinte di archimede..

Ciao

max72

Diego Del Marco
24-05-2009, 22:34
salve a tutti!!! scusate la mia intromissione ma, a priori nn mi sento di dire se funziona o no....il tempo matura le nespole. einstein disse: "tutti sanno che una cosa è impossibile da realizzare, arriva uno sprovveduto che nn lo sa e la inventa". meditate gente!!!! stiamo lavorando ad un progetto simile da diverso tempo ma è meno complesso da realizzare........chissà....cordialità
Ciao,
State lavorando ad un progetto simile...? Interessante, lo si può vedere?

Diego

PSMRKG
25-05-2009, 20:06
ciao a tutti!!! rispondo a diego......da diverso tempo stiamo lavorando ad un progetto simile...nn riesco a inserire un disegno perchè nn mi funziona il tasto GESTIONI ALLEGATI... quindi spiegherò con le parole. un tubo verticale a sx con sopra un grosso cono che funge da serbatoio, un tubo verticale a dx in cui scorre il pistone, collegato in basso con una U al precedente.il pistone di cui sopra è a tenuta alle pareti esterni con due OR. dentro vi è una valvola a farfalla ache essa a tenuta con OR che ha due posizioni, orizzontale,cioè chiusa, e 45, aperta. il peso della acqua che sta nel cono sopracitato spinge il pistone verso l'alto. arrivato alla battuta superiore il colpo fa ruotare di 45 la farfalla e il pistone cade a stecca verso il basso. si richiude e il ciclo riparte. il tutto autonamente, ossia senza alcun aiuto esterno. a dirsi sembra facile ma ne abbiamo buttati gia 5 per degli errori di costruzione. sono tornitore cnc e nn mi manca il materiale ne le attrezzature,solo il tempo. sperando di essere stato esaustivo.....dimenticavo....nn abbiamo idea di come sfruttare quanto sopra, quindi se e quando partirà, se ce riesco, invierò video e mi darete na dritta!!! cordialità, paolo

Diego Del Marco
27-05-2009, 09:09
ciao a tutti!!! rispondo a diego......da diverso tempo stiamo lavorando ad un progetto simile...nn riesco a inserire un disegno perchè nn mi funziona il tasto GESTIONI ALLEGATI... quindi spiegherò con le parole. un tubo verticale a sx con sopra un grosso cono che funge da serbatoio, un tubo verticale a dx in cui scorre il pistone, collegato in basso con una U al precedente.il pistone di cui sopra è a tenuta alle pareti esterni con due OR. dentro vi è una valvola a farfalla ache essa a tenuta con OR che ha due posizioni, orizzontale,cioè chiusa, e 45, aperta. il peso della acqua che sta nel cono sopracitato spinge il pistone verso l'alto. arrivato alla battuta superiore il colpo fa ruotare di 45 la farfalla e il pistone cade a stecca verso il basso. si richiude e il ciclo riparte. il tutto autonamente, ossia senza alcun aiuto esterno. a dirsi sembra facile ma ne abbiamo buttati gia 5 per degli errori di costruzione. sono tornitore cnc e nn mi manca il materiale ne le attrezzature,solo il tempo. sperando di essere stato esaustivo.....dimenticavo....nn abbiamo idea di come sfruttare quanto sopra, quindi se e quando partirà, se ce riesco, invierò video e mi darete na dritta!!! cordialità, paolo
Eh...
Sei bravo, è la versione B del mio macchinario. Via le guarnizioni che si gonfiano e si sgonfiano ed arriva un tappo. Complimenti, non ti dimenticare di brevettarlo prima di pubblicarlo, costa solo 250 euro quello nazionale e con le nuove leggi vale per 20 anni.
Non sò di dove sei, ma se vuoi una mano a fare il prototipo io ci sono.
Se vuoi contattami via mail che poi ti do' il cellulare.
DelMarcoDiego@gmail.com

ciao

stenhas
27-05-2009, 23:01
Un ripassino al paradosso idrostatico no,ehh....?! troppa fatica.....

energiecomuni
28-05-2009, 08:35
con tutto il rispetto, ma se fosse possibile produrre energia dal nulla, secondo voi staremmo qui a sbatterci tanto a parlare di progetti, efficienze, tariffe, produzioni, riduzione consumi, salti, portate, il barile alle stelle e compagnia bella?

remtechnology
28-05-2009, 21:11
In effetti...
Ciao a tutti
Rem

gino583
29-05-2009, 16:27
Salve a tutti so benissimo che non sarebbe nemmeno da perdere tempo a commentare
ma è più forte di me.
la risposta è ovviamente per Diego il galleggiante della tua macchina ( scusa se semplifico) essendo appunto un gallegiante rimarra sempre bloccato ai fermi superiori (4).
semplicemente perchè a parte i vasi comunicanti ( osservazione giustissima) è un gallegiante e verra tenuto sempre verso l'alto dall pricipio di archimede a prescindere dalla quantità (PESO)di acqua che si trova sopra.La forza 19 che tu disegni non esiste
ma esiste solo e sempre ( sia con le guarnizioni gonfiate che sgonfiate) la forza 15 che è appunto quella del principio di archimede .

cnc
29-05-2009, 20:46
buona sera ho letto alcune cose interessanti.Qualcuno a provato a metterlo in pratica?

cnc
29-05-2009, 20:52
Salva a tutti ho letto cose interessanti.Qulcuno a provato a metterlo in pratica o solo teoria ?

georg_bl1
30-05-2009, 14:14
Pazzesco!
Scusate lo sfogo

LAG
30-05-2009, 19:51
Salute a tutti,
ad occhio questo è un progetto in cui la pressione allo scarico della turbina è maggiore rispetto a quella della condotta; come dite quasi tutti anch'io sono del parere che non potrà mai funzionare, anche con attrito nullo sulle guarnizioni, che non mi sembra servano comunque a nulla. Se si provasse a realizzare credo che i due livelli nel cilindro e nello scarico si equivarrebbero, sempre considerando nullo l'attrito

PSMRKG
01-06-2009, 20:04
per cnc....il principio dei vasi comunicanti è attivo anche se i liquidi sono separati......

Diego Del Marco
03-06-2009, 17:32
Un ripassino al paradosso idrostatico no,ehh....?! troppa fatica.....
Il ripassino l'ho fatto.. E quindi?

Diego Del Marco
03-06-2009, 17:38
con tutto il rispetto, ma se fosse possibile produrre energia dal nulla, secondo voi staremmo qui a sbatterci tanto a parlare di progetti, efficienze, tariffe, produzioni, riduzione consumi, salti, portate, il barile alle stelle e compagnia bella?
Non è dal nulla.. ma dalla forza di gravità

Diego Del Marco
03-06-2009, 17:52
In effetti...
Ciao a tutti
Rem
In effetti è strano..,
e lo dico a te che sei il mediatore,
che nessuno si sia presentato con nome/cognome e titolo (del tipo docente dell'università di ..., o fisico di.. etc..) e ci abbia messo la faccia per dare un suo INSIDACABILE giudizio.
Dove sono queste eminenze grigie?..
Allora, le mie polemiche nei loro confronti in questo linq non sono poi cosi' campate in aria:

Le INCONGRUENZE della fisica moderna - een knol van Diego Del Marco (http://knol.google.com/k/diego-del-marco/le-incongruenze-della-fisica-moderna/2d87rbqt8epyt/10)#

Fossi zittito da uno di loro, potrei anche scusarmi di aver fatto perder tempo a tutte queste persone che hanno postato i loro dubbi e perplessità. Ma ripeto..., DOVE SONO???

Diego Del Marco
03-06-2009, 17:57
Salve a tutti so benissimo che non sarebbe nemmeno da perdere tempo a commentare
ma è più forte di me.
la risposta è ovviamente per Diego il galleggiante della tua macchina ( scusa se semplifico) essendo appunto un gallegiante rimarra sempre bloccato ai fermi superiori (4).
semplicemente perchè a parte i vasi comunicanti ( osservazione giustissima) è un gallegiante e verra tenuto sempre verso l'alto dall pricipio di archimede a prescindere dalla quantità (PESO)di acqua che si trova sopra.La forza 19 che tu disegni non esiste
ma esiste solo e sempre ( sia con le guarnizioni gonfiate che sgonfiate) la forza 15 che è appunto quella del principio di archimede .
Quindi se ad una paperetta di plastica galleggiante (quelle con cui giocano i bambini per intenderci) gli lego al collo un blocco di cemento di 100 kg questa rimane comunque a galla per il principio di archimede???

Diego Del Marco
03-06-2009, 18:01
Salva a tutti ho letto cose interessanti.Qulcuno a provato a metterlo in pratica o solo teoria ?
Ciao,
si l'ho provato io; quantomeno il momento "ON" della macchina. Qualche giorno che recupero le foto e poi le posto.

Diego

Diego Del Marco
03-06-2009, 18:03
Salute a tutti,
ad occhio questo è un progetto in cui la pressione allo scarico della turbina è maggiore rispetto a quella della condotta; come dite quasi tutti anch'io sono del parere che non potrà mai funzionare, anche con attrito nullo sulle guarnizioni, che non mi sembra servano comunque a nulla. Se si provasse a realizzare credo che i due livelli nel cilindro e nello scarico si equivarrebbero, sempre considerando nullo l'attrito
Ma quindi l'acqua arriva alla turbina ma non ha pressione o non ci arriva nemmeno???

endymion70
03-06-2009, 19:05
Non è dal nulla.. ma dalla forza di gravità

Cioè nulla. O, per capirci meglio, un qualunque ciclo che coinvolga solo la forza di gravità non può dare lavoro netto. E' un campo conservativo, o se preferisci il rotore di questo campo è nullo, una è una formulazione integrale, l'altra locale, ma la salsa non cambia. Per funzionare, il tuo sistema ha bisogno di un circolatore, altro che una turbina: quindi energia esterna.

Diego Del Marco
03-06-2009, 19:40
Cioè nulla. O, per capirci meglio, un qualunque ciclo che coinvolga solo la forza di gravità non può dare lavoro netto. E' un campo conservativo, o se preferisci il rotore di questo campo è nullo, una è una formulazione integrale, l'altra locale, ma la salsa non cambia. Per funzionare, il tuo sistema ha bisogno di un circolatore, altro che una turbina: quindi energia esterna.
La forza di gravità nel suo insieme è definita conservativa, ma un campo di forze (http://www.energeticambiente.it/wiki/Campo_di_forze) si dice conservativo se risponde alle seguenti condizioni:

1) il lavoro (http://www.energeticambiente.it/wiki/Lavoro_(Fisica)) compiuto da una forza dipende dal punto di partenza e dal punto di arrivo ma non dalla traiettoria seguita.
2) il lavoro (http://www.energeticambiente.it/wiki/Lavoro_(fisica)) su di un corpo che percorre una qualsiasi traiettoria (http://www.energeticambiente.it/wiki/Traiettoria) chiusa è nullo

In questa macchina:
1) La traiettoria seguita è definita (solo verticale)
2) La traiettoria non è chiusa (quando arriva giù si ferma)

LAG
03-06-2009, 21:29
Buonasera Diego
l'acqua arriverà sì alla turbina ma senza energia, se non durante il riempimento della condotta di scarico cioè la tubazione di ritorno. Quando i due livelli si saranno equiparati il sistema rimarrà a mio avviso assolutamente statico.
Ho visto il tuo sito . Dici che non sai dove va l'energia prodotta in eccesso dalle centrali elettriche. Le centrali producono esattamente l'energia che viene istantaneamente consumata, oltre alle perdite sui sistemi di trasmissione e trasformazione. Se pensi di poter SENSIBILMENTE migliorare l'efficienza delle centrali idroelettriche concentrati su quello, se ti riuscisse di ottenere anche solo un punto di rendimento in più rispetto alla media attuale dei grossi impianti, che sono circa 85-90% diventeresti in brevissimo tempo miliardario.

remtechnology
03-06-2009, 21:53
In effetti è strano..,
e lo dico a te che sei il mediatore,
che nessuno si sia presentato con nome/cognome e titolo (del tipo docente dell'università di ..., o fisico di.. etc..) e ci abbia messo la faccia per dare un suo INSIDACABILE giudizio.
Dove sono queste eminenze grigie?..
Allora, le mie polemiche nei loro confronti in questo linq non sono poi cosi' campate in aria:

Le INCONGRUENZE della fisica moderna - een knol van Diego Del Marco (http://knol.google.com/k/diego-del-marco/le-incongruenze-della-fisica-moderna/2d87rbqt8epyt/10)#

Fossi zittito da uno di loro, potrei anche scusarmi di aver fatto perder tempo a tutte queste persone che hanno postato i loro dubbi e perplessità. Ma ripeto..., DOVE SONO???

Gentile Sig. Diego del Marco,
Lei non si trova ne all'università e nemmeno all'accademia delle scienze, si trova in un forum di cui Lei ha letto e sottoscritto le condizioni di utilizzo. Le consiglio di rileggere le regole del forum.
In queste norme sono indicate le funzioni del Moderatore ,e non Mediatore visto che non vendo ne case ne bestiame, e il fatto che non mi si presenti con nome e cognome lo deve chiedere agli amministratore che mi hanno affidato questa funzione e non mi devo giustificare con Lei.
Lei ha postato una sua idea, come molti altri.
Alcuni utenti hanno delle perplessità e nel dialogo tecnico può succedere.
Non mi sembra costruttivo comunque nel contesto del nostro forum le sue argomentazioni e le sue sentenze che chiedono eminenze grigie ed esperti di fisica applicata.
Noi ci occupiamo di produrre energia rinnovabili con impianti idroelettrici scontrandoci quodiamente con enti, procedure, procedure, strumentazione, disciplinari e questo è quello che facciamo.
Se non ritiene di condiviudere questo spazio di discussione va bene, ma non sta a Lei giudicare il nostro forum e il nostro lavoro.
Cordiali saluti
RemTechnology

endymion70
03-06-2009, 22:27
In questa macchina:
1) La traiettoria seguita è definita (solo verticale)
2) La traiettoria non è chiusa (quando arriva giù si ferma)

Davvero? Seguiamo nel suo movimento l'acqua? Mi dici che non fa un ciclo? Strano, e io che la vedevo rientrare dall'alto dopo esser scesa giù...
Per inciso, nella tua definizione di campo conservativo, il punto 2) discende dal punto 1).
Infatti una qualunque traiettoria chiusa può esser vista come la successione di due traiettorie tra gli stessi punti (ma a percorso invertito), pertanto come la somma di due lavori, uno esattamente l'opposto dell'altro. Per cui avremo sempre zero.

Nel tuo blog inoltre dici che è la gravità la vera rinnovabile. Invece, se ci rifletti, vedrai che alla fine tutto dipende dall'energia del sole. Chi riporta l'acqua in cime alle montagne per essere nuovamente turbinata (orrida parola)? Il sole.
Chi crea il vento? Il sole.

Anche il campo magnetico è conservativo, senza correnti. Per cui niente lavoro neanche da lì.

tommy_sp
03-06-2009, 22:54
Il ripassino l'ho fatto.. E quindi?

forse piu che ripassare dovresti studiare ,e a lungo, la meccanica classica di base.
sono convinto che se lo facessi ti renderesti conto che stiamo parlando del niente, e che questo modo di ottenere energia non sta in piedi nella maniera piu assoluta.

gino583
04-06-2009, 15:31
caro Diego ti pregherei di leggere con più attenzione la mia risposta io ho detto semplicemente "rimarra sempre bloccato ai fermi superiori (4)" e non che rimarra a galla
cosi come la paperella con il blocco di cemento tenderà sempre a rimanere più in alto
dell blocco di cemento bloccata dalla corda con cui la leghi quella che tu disegni come forza 19 al disopra del gallegiante non è una forza ma è solo acqua al di sopra la spinta
che ti fa salire il galleggiante è sempre presente sia con le guarnizioni gonfiate che con le guarnizioni sgonfiate il pricipio di archimede è sempre valido o anche quello è un incongruenza della fisica moderna

Diego Del Marco
04-06-2009, 17:21
Buonasera Diego
l'acqua arriverà sì alla turbina ma senza energia, se non durante il riempimento della condotta di scarico cioè la tubazione di ritorno. Quando i due livelli si saranno equiparati il sistema rimarrà a mio avviso assolutamente statico.
Ho visto il tuo sito . Dici che non sai dove va l'energia prodotta in eccesso dalle centrali elettriche. Le centrali producono esattamente l'energia che viene istantaneamente consumata, oltre alle perdite sui sistemi di trasmissione e trasformazione. Se pensi di poter SENSIBILMENTE migliorare l'efficienza delle centrali idroelettriche concentrati su quello, se ti riuscisse di ottenere anche solo un punto di rendimento in più rispetto alla media attuale dei grossi impianti, che sono circa 85-90% diventeresti in brevissimo tempo miliardario.
Miliardario... E' più facile che finisca in una buca nel deserto di las vegas o sciolto nell'acido chissà dove (anche solo per precauzione..)

Ciao

Diego Del Marco
04-06-2009, 17:30
Ok,

comunque sia direi di chiuderla qui con questa storia, pensavo si potesse disquisire ancora a lungo ma.. le regole son regole!

GRAZIE a tutti per i Vostri post ed un grazie a questo Forum per aver accolto il mio.

Cordiali Saluti

Diego

tommy_sp
05-06-2009, 13:33
In effetti è strano..,
e lo dico a te che sei il mediatore,
che nessuno si sia presentato con nome/cognome e titolo (del tipo docente dell'università di ..., o fisico di.. etc..) e ci abbia messo la faccia per dare un suo INSIDACABILE giudizio.
Dove sono queste eminenze grigie?..
Allora, le mie polemiche nei loro confronti in questo linq non sono poi cosi' campate in aria:

Le INCONGRUENZE della fisica moderna - een knol van Diego Del Marco (http://knol.google.com/k/diego-del-marco/le-incongruenze-della-fisica-moderna/2d87rbqt8epyt/10)#

Fossi zittito da uno di loro, potrei anche scusarmi di aver fatto perder tempo a tutte queste persone che hanno postato i loro dubbi e perplessità. Ma ripeto..., DOVE SONO???

comunque, con tutto il dovuto rispetto, non vedo alcuna incongruenza nella fisica moderna, tantomeno dai quesiti che hai sollevato, i quali cadono non appena si spulcia un testo di fisica generale per le superiori.
trovo un po' presuntuoso da parte tua delegittimare un'intera struttura fisica e le menti (tante) che ci lavorano tutti i giorni, e che probabimente di fisica e scienza in generale ne sanno più di me, te e tutti qualli di questo forum messi insieme

sunny life
06-06-2009, 16:24
scusa diego, hai studiato oppure sei un autodidatta?
penso che se ci credi veramente dovresti spendere qualche centinaio di euro
e toglierti lo sfizio di "picchiarci il naso" perchè mi sembra che non ti accontenterai
di alcuni o molti pareri contrari alla tua idea....comunque vada buona fortuna
ciao.

fabio.betto
11-06-2009, 19:03
Diego de Marco...ma ci facci il piacere...chissenefrega dell guarnizioni e tutto il resto...è il principio che non sussiste! la colonnina piccola per piccola che sia schiaccia il pistone con la stessa forza del tuo peso virtuale! anzi ti dirò di pù! il pistone sale quando lo liberi perchè la colonna grossa ha una densità media più bassa essendoci il galleggiante! quindi funziona al contrario e l'energia viene dissipata durante la risalita per la laminazione dell'acqua tra l'inercapedine cilindro pistone...beh ci hai provato dai, bravo lo stesso...

Superman
14-09-2009, 09:20
Allora, ho visto il disegno, ho letto un po la spiegazione, secondo me si potrebbe farlo funzionare facendo delle piccole modifiche.
in pratica il "pistone cavo" pieno d'aria galleggiante dovrebbe funzionare al contrario, cioè per pompare l'acqua verso l'alto, poi una volta arrivato in cima bisognerebbe allagarlo svuotando le guarnizioni, il che gli consentirebbe di affondare senza abbassare il livello del liquido nel recipiente, poi una volta sul fondo risvuotarlo e rigonfiare le guarnizioni...

Ma dubito che si possa ricavarne tanta energia...

fabio.betto
16-09-2009, 13:40
errare è umano, perseverare....

curioso42
16-10-2009, 08:46
Sto seguendo questa discussione solo ora e, siccome sono curioso ed impiccione, non posso trattenermi dal dire che questa macchina non può assolutamente funzionare. Se ne è già stato costruito un prototipo, provate ad immettere acqua dal cilindro piccolo e vedete quello che succede. Se anche vi fosse una forza esterna a comprimere l'acqua nel cilindro grande, questa verrebbe drasticamente ridotta nel cilindro piccolo per la nota legge dei vasi comunicanti. In pratica la forza del cilindro grande non si moltiplica ma si divide in modo proporzionale alle superfici delle sezioni dei due cilindri; succede che se applichi una forza, per esempio, di 10 Kg nel cilindro grande, nel cilindo piccolo, presumendo avere una sezione pari a 1/10 di quello grande, avremo una forza pari a 1/10 di quella iniziale e, quindi pari a 1. Basti pensare alle presse idrauliche, basate proprio sul principio dei vasi comunicanti, per far crollare il tutto.