PDA

Visualizza la versione completa : Fusione fredda tra grafite ed elio



uforobot
21-05-2009, 14:53
--- inizio premessa ---
Qui in questa discussione non intendo discutere del processo denominato "processo tre alfa" perchè ritiengo inrealizzabile dal punto di vista della convenienza.

Processo tre alfa - Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Processo_tre_alfa)

In questa discussione (per fusione fredda tra grafite ed elio), si intende semplicemente la collisione di atomi di elio con un bersaglio di grafite, le stupidate di qualcosa di triplo non ve ne sono.
--- fine premessa ---



Sebbene che questa discussione non centri niente con il processo tre alfa, in fondo in basso in quella pagina di wikipedia (che parla di quel processo) c'è scritta un'importante equazione che è.

carbonio + elio = ossigeno + energia
C + He = O + energia

(sostituisco fedelmente con i Gev)

11,1879 Gev + 3,7284 Gev = 14,9033 Gev + 0,012 Gev
energia = 0,012 Gev = 12 Mev

Basta semplicemente bombardare la grafite con un flusso denso di particelle alfa ed ecco fatto la fusione fredda.

e dove lo vado a prendere un flusso denso di particelle alfa ?

(La domanda è pertinente...)

Un pezzo di materiale radioattivo naturale non va bene perchè le particelle alfa emesse nell'unità di tempo sono di numero troppo basso.

e allora per avere un intenso flusso di particelle alfa serve un piccolo acceleratore di particelle caricato con elio, il quale possiede nel suo interno un bersaglio di grafite che è bersagliato con nuclei di elio, (pardon con particelle alfa).

http://www.gencodicephp.it/distanze.zip

Ecco fatto la fusione fredda...
1) senza usare preziosissimo palladio costosissimo
2) senza usare preziosissima acqua pesante costosissima.

---------------------------------------
Mentre nel processo tre alfa si produce carbonio, nel processo elio-grafite si produce ossigeno stabile.
Quindi i 2 processi sono completamente diversi e non c'entra niente il discorso che faceva elettrorik a riguardo del dottor Bussard eccetera.

Se non erro, anche la reazione nucleare (elio-grafite) è una reazione aneutronica cioè non produce pericolosi neutroni, ma produce soltanto calore ed ossigeno.


(di solito la spazzola di una dinamo è fatta di grafite e ed è già collegata ad un filo conduttore di elettricità)

GabriChan
21-05-2009, 19:31
Ciao non chiamere ff una cosa che non è, il metodo che descrivi può ache funzionare ma e "caldo" cioè gli dai tu l'energia necessaria per fondersi.

uforobot
01-06-2009, 16:35
Esiste la teoria secondo la quale la tensione erogata da un accendigas piezoelettrico sia di 1 MEGAvolt, questo significa che un accendigas piezoelettrico può funzionare come acceleratore di ioni di elio, cioè può funzionare come generatore di particelle alfa.

La collisione tra particella alfa e carbonio solido produce ossigeno + energia. (tanta energia)

Purtroppo non è dimostrabile che l'accendigas piezoelettrico eroghi la tensione di 1 MEGAvolt perchè la resistenza interna del tester o di qualsiasi altro strumento non è sufficientemente alta.

L'unica cosa che si potrebbe dimostrare è il notevole eccesso di calore generato dal bersaglio di grafite o carboncino quando il premo il bottone dell'accendigas.

Ovviamente il bersaglio deve essere immerso in un ambiente di gas elio molto rarefatto, altrimenti l'assorbimento dei microampere è eccessivo e decade la tensione elettrica che non è più 2,5 MEGAvolt ma di meno.

Valmax
01-06-2009, 18:11
allora facciamo così: quando qualcuno avrà verificato questo megavolt prodotto da un accendigas ne riparliamo. Fino ad allora, è speculazione dell'assurdo.

uforobot
01-06-2009, 19:15
allora facciamo così: .

Allora facciamo cosi: il cosi detto "moltiplicatore di tensione" funziona perchè già testato quindi al posto dell'acceleratore di particelle (o piezoelettrico) si può usare un moltiplicatore di tensione.

endymion70
01-06-2009, 19:59
Hai detto "no al processo tre alfa", ma quella reazione accade con il processo 3 alfa. Comunque interessante, in pratica proponi una fusione inerziale con nuclei più pesanti. Ma non è una fusione fredda.

uforobot
02-06-2009, 08:57
Hai detto "no al processo tre alfa", ma quella reazione accade con il processo 3 alfa. Comunque interessante, in pratica proponi una fusione inerziale con nuclei più pesanti.

Il processo tre alfa serve alla stella per avere a disposizione il carbonio, però qui sulla Terra il carbonio c'è già quindi non mi sembra il caso di perdere tempo a vedere come si produce il carbonio.

La produzione del carbonio è molto difficile e assai improbabile perchè devono congiungersi 3 nuclei di elio, appunto 3 alpha.

Fare collisioni su un materiale che è allo stato SOLIDO è facile, il carbonio nello stato di grafite o carbone è allo stato SOLIDO.


---------------------------------


Ma che significa la frase "allo stato solido ?"
Significa che non c'è bisogno del campo magnetico di contenimento del tomamak per contenere chissà quale cosa strana.
Il pezzo di grafite è solido e quando una particella alfa collide sulla sua superficie SOLIDA, la pressione i quell'istante è milioni di atmosfere, sarebbe come se io stessi applicando la presa in giro del tokamak o iter. (uguale)

endymion70
02-06-2009, 11:00
Il pezzo di grafite è solido e quando una particella alfa collide sulla sua superficie SOLIDA, la pressione i quell'istante è milioni di atmosfere, sarebbe come se io stessi applicando la presa in giro del tokamak o iter. (uguale)

Vallo a dire a quelli che fanno la fusione inerziale che è "facile".

Il carbonio nello stato di grafite è solido fintanto che non sublima.
Hai idea dell'energia che devi fornire all'He per farlo impattare sul carbonio? Ti sei mai chiesto come mai questa reazione avvenga, e pure raramente, sulle stelle e non qui?
Guarda che non ci va da solo. Inoltre la tua idea della materia fa sorridere.
A livello atomico non ci sono superfici, solo... atomi.

Per capire se il tuo reattore è conveniente occorrerebbe applicare un'analisi sul tipo del criterio di Lawson. Ti servono insomma alcuni numerini. http://it.wikipedia.org/wiki/Criterio_di_Lawson

uforobot
02-06-2009, 12:45
Vallo a dire a quelli che fanno la fusione inerziale che è "facile".

Il carbonio nello stato di grafite è solido fintanto che non sublima.
Hai idea dell'energia che devi fornire all'He per farlo impattare sul carbonio? Ti sei mai chiesto come mai questa reazione avvenga, e pure raramente, sulle stelle e non qui?


2,5 Mev sono sufficienti
1 ev=11604 kelvin
2,5 Mev = 1,1604 *10^4 * 2,5 * 10^6
2,5 Mev = 1,1604 * 2,5 * 10^10
2,5 Mev = 40 miliardi di gradi kelvin

40 miliardi di gradi kelvin sono sufficienti per superare la forza coulombina del carbonio


Per spingere i nuclei di elio fino a raggiungere quella temperatura occorrono 25 tubetti di rame distanziati nel modo seguente...
tubo 1 = 2,94 millimetri
tubo 2 = 13,65 millimetri
tubo 3 = 20,63 millimetri
tubo 4 = 26,27 millimetri
tubo 5 = 31,14 millimetri
tubo 6 = 35,48 millimetri
tubo 7 = 39,45 millimetri
tubo 8 = 43,12 millimetri
tubo 9 = 46,55 millimetri
tubo 10 = 49,79 millimetri
tubo 11 = 52,85 millimetri
tubo 12 = 55,78 millimetri
tubo 13 = 58,58 millimetri
tubo 14 = 61,27 millimetri
tubo 15 = 63,86 millimetri
tubo 16 = 66,36 millimetri
tubo 17 = 68,79 millimetri
tubo 18 = 71,14 millimetri
tubo 19 = 73,42 millimetri
tubo 20 = 75,65 millimetri
tubo 21 = 77,81 millimetri
tubo 22 = 79,93 millimetri
tubo 23 = 81,99 millimetri
tubo 24 = 84,01 millimetri
tubo 25 = 85,99 millimetri

tratto da http://www.gencodicephp.it/distanze.zip
----------------------------------------------------------
Quelli del tokamak hanno preso una strada sbagliata cioè hanno preso la strada di volere comprimere LENTAMENTE un gas con il magnetismo.
LENTAMENTE cioè senza inerzialità.
Che stupidaggine !
E' necessaria improvvisazione cioè inerzialità, la bomba all'idrogeno funziona per inerzialità cioè all'improvviso c'è quella caloria e il deuterio non ha tempo di scappare (inerzialità)


Allo stesso modo il nucleo di elio arriva contro il nucleo di carbonio è il nucleo di carbonio non tempo di scappare, non ha tempo di sublimare, non ha tempo di liquefare, non ha tempo di vaporizzare.
Ha solo il tempo di trasmutare in ossigeno e liberare tanta energia, quest'ultima potrebbe fondere la grafite o il diamante o il carboncino e quello che vi pare.
Ma noi raffreddiamo il target con acqua fresca che diventa bollente che diventa vapore che fa girare le turbine, le turbine fanno girare il generatore elettrico, il generatore alimenta il piccolo acceleratore di nuclei di elio e alimenta anche il monitor che stai guardando.


Poi, proprio il carbonio è l'elemento con il più alto punto di fusione e quindi si presta benissimo per fare questi lavori.

endymion70
02-06-2009, 14:05
2,5 Mev sono sufficienti

Dove l'hai trovato questo valore?

uforobot
02-06-2009, 18:35
Dove l'hai trovato questo valore?

La domanda è intelligente è merita una risposta calcolata.
qui su wikipedia è scritto come si calcola la barriera di coulomb
Barriera di Coulomb - Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Barriera_di_Coulomb)


Sarai daccordo con me che quella equazione è valida perchè non è stata inventata da me, io non pasticcio le pagine di wikipedia e comunque potresti fare degli incroci prendendo informazioni da altri fonti prese a caso e poi verificare.

Energia = (0,9 * Z1 * Z2) / (A1^(1/3) + A2^(1/3))

dove Z1 è il numero atomico dell'elio
dove Z2 è il numero atomico del carbonio
dove A1 è il numero di massa dell'elio
dove A2 è il numero di massa dell'carbonio


http://it.wikipedia.org/wiki/Numero_di_massa
Elementi per numero atomico - Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Elementi_per_numero_atomico)
dalla tabella sopraindicata ricavo che
Z1=2
Z2=6
A1=4 ---> (perchè il nucleo di elio possiede 2 neutroni e 2 protoni)
A2=12 ---> (perchè il nucleo di carbonio possiede 6 neutroni e 6 protoni)

applico l'equazione
Energia = (0,9 * Z1 * Z2) / (A1^(1/3) + A2^(1/3))
Energia = (0,9 * 2 * 6) / (4^(1/3) + 12^(1/3))
Energia = 10,8 / (4^(0,3333) + 12^(0,3333))
Energia = 10,8 / (1,5873 + 2,2892)
Energia = 10,8 / 3,8765
Energia = 2,78 Mev

Quindi confesso di avere sbagliato!
Non è vero che bastano 2,5 Mev, sono necessari 2,78 Mev

E' possibile rimediare a questo errore ritoccando i parametri di questo applicativo.
http://www.gencodicephp.it/distanze.zip

Appena viene avviato l'applicativo, il valore di default è 2,5 Mev.
Modificare quel valore sostituendo con 2,78.

Risulterà che gli anelli necessari sono sempre 25 e la frequenza sempre 30 megaherz ma la tensione anzichè essere 50 Kvolt (tra anello e successivo) dovrà essere 51,48 kvolt
Per essere certi che la barriera di coulomb venga certamente sfondata è possibile alzare la tensione a 52 kvolt anzichè 50 come previsto.

-----------------------------------------------
-----------------------------------------------

In teoria basterebbe anche soltanto 1 Mev!

Come ?
solo 1 Mev ?
Ma come è possibile ?
è possibile perchè nel mondo microscopico degli atomi esiste l'effetto tunnel e la probabilistica.
Il nostro sole non avrebbe dovuto emettere luce perchè inizialmente esso era fatto solo di idrogeno e l'energia interna del nucleo non era sufficiente per vincere la forza repulsiva tra protone e suo vicino protone, (non era sufficiente per superare la barriera di coulomb).

Ma grazie all'effetto tunnel il sole ha potuto avviare le reazioni nucleari, creare nuovi elementi che prima non esistevano e ha potuto anche risplendere.

Ricordo però che sperare solo sull'effetto tunnel non è conveniente dal punto di vista della produzione di energia, infatti 4,5 miliardi di anni fa il sole emetteva circa 1/3 della luce che emette oggi, questo perchè all'epoca tutto era basato sulla speranza dell'effetto tunnel in quale è poco produttivo.
Oggi nel nucleo del sole ci sono nuovi elementi che prima non c'erano: c'è più deuterio, più trizio, eccetera.
Le collisoni di questi nuovi elementi sono più probabili e l'effetto tunnel diventa leggermente meno importante.
Effetto tunnel meno importante significa maggiore efficienza e maggiore energia emessa.

endymion70
02-06-2009, 18:59
Ok, non ho controllato ma suppongo sia giusto. Ma non basta.

Adesso la fase due. Sai cosa è la sezione d'urto? Devi anche fare in modo che le reazioni AVVENGANO, non basta sparacchiare l'He4 sperando che basti superare la barriera coulombiana: quello è il minimo sindacale, ma devi pensare che il tuo fascio va a colpire prevalentemente il vuoto, visto che la materia (anche quella solida) è fatta prevalentemente di... nulla.

In sostanza, ogni quanti He4 sparati avviene una reazione di fusione? Questo è cruciale per capire quanto e se il tuo reattore è conveniente. Questa probabilità è legata alla sezione d'urto per quella reazione e dipenderà dalla velocità relativa tra C e He e dalla presenza, nello spettro di interesse, di risonanze.

uforobot
02-06-2009, 19:11
Ok, non ho controllato ma suppongo sia giusto. Ma non basta.

Adesso la fase due. Sai cosa è la sezione d'urto? Devi anche fare in modo che le reazioni AVVENGANO, non basta sparacchiare l'He4 sperando che basti superare la barriera coulombiana: quello è il minimo sindacale, ma devi pensare che il tuo fascio va a colpire prevalentemente il vuoto, visto che la materia (anche quella solida) è fatta prevalentemente di... nulla.


Se debbo dire la verità, io non sono esperto a calcolare le sezioni d'urto, ma so che il problema della sezione d'urto è molto serio quando si usano i neutroni e non le particelle alfa prodotte artificialmente.

Per fermare un fascio di neutroni veloci sono necessari almeno 4 metri di acqua, (ma se sono 6 è meglio).

Per fermare un fascio di particelle alfa io so che basta un foglio di carta, ma se invece di usare un foglio di carta, usiamo una piastra di grafite spessa 1 centimetro, è certo che li fermiamo tutti e TUTTI dovrebbero reagire nuclearmente con il carbonio.

Però ripeto...
Io non sono esperto a calcolare la sezione d'urto di un fascio di neutroni o di un fascio di particelle alfa.

Io ti rispondo dicendo che TUTTI interagiscono, ma la mano sul fuoco non ce la metto, si dovrebbe sentire il parere di qualcuno più esperto di me in materia di reazioni nucleari e sezioni d'urto.
Per esempio elettrorik potrebbe andare bene, mandagli un messaggio privato e chiedi a lui, e poi (per cortesia) mi riferisci pubblicamente.

endymion70
02-06-2009, 20:49
Vedi, quando ti ho chiesto in base a cosa affermassi che 2,5 MeV fossero sufficienti, io ho implicitamente assunto che avessi già pensato a questo.
Calcolare... non si può. Esistono grafici empirici delle sezioni d'urto. Non so risponderti per i nuclei di He4, ma ti so dire qualcosa sui neutroni. Le sezioni d'urto sono fondamentali, ed è per questo che i neutroni nei reattori pwr tipici vengono PRIMA rallentati dal moderatore, altrimenti la reazione non si manterrebbe.

Particelle alfa... prima hai detto che sono molto poco energetiche, ed è vero. Non puoi prenderle in considerazione. Solo una su 20000 più o meno reagisce con il nucleo. Anzi, storicamente questo è stato uno dei primi esperimenti che ha determinato il fatto che esiste il nucleo.

Quindi ricapitolando, dettotelo da un ing. nucleare che non "frequenta" più tanto il club dell'atomo, senza saper nè leggere ne scrivere:
1. Devi trovare un grafico che ti dia la sezione d'urto del carbonio sull'He4
2. Devi valutare l'energia sufficiente per poter avere un netto positivo

SCORDATI che ogni particella alpha sparata sul carbonio interagisca col nucleo solo perchè ha la giusta energia.

ElettroRik
02-06-2009, 20:59
SCORDATI che ogni particella alpha sparata sul carbonio interagisca col nucleo solo perchè ha la giusta energia.

Ciao, endymion70.

In molti hanno già tentato di spiegargli che gli atomi non sono palle da biliardo...Ma non c'è verso, continua imperterrito con le sue 'genialate'. Se mi dai retta, lascia perdere, sprechi il fiato nuovamente invano, un concetto come 'sezione d'urto' è evidentemente fuori della sua portata.
Forse è in buona fede, anzi, quasi sicuramente, ma è un tipo piuttosto ostinato.... ;-)

Saluti.

uforobot
03-06-2009, 09:22
Ciao, endymion70.
un concetto come 'sezione d'urto' è evidentemente fuori della sua portata.
Forse è in buona fede, anzi, quasi sicuramente, ma è un tipo piuttosto ostinato.... Saluti.


ElettroRik!
Questa risposta non è una risposta costruttiva.

Per esempio una risposta costruttiva avrebbe potuto essere quella di mostrare un grafico che mostra come si comporta un fascio di particelle alfa che collide contro un pezzo di grafite.
Se non altro per soddisfare la curiosità di endymion70 e non la mia (so che in questo momento non sono il Presidente della Repubblica).

Se tu ElettroRik ti rileggi questa discussione dall'inizio, scopriresti che endymion70 ha fatto delle domande molto cattive, prova ad immaginare se avesse fatto quelle domande nella tua amata sezione che parla di palladio acqua pesante eccetera, lo avresti lasciato perdere oppure ti saresti arrabbiato cosi tanto da proporre al tuo amico Eroyka di bannare a quello là.

Il fatto che non si riesca a trovare dei grafici o delle informazioni, non significa che la fusione tra carbonio ed elio non possa funzionare.

Anche il famoso Edison, quando sperimentava le lampadine ad incandescenza, non aveva grafici eppure si è armato di pazienza ed è riuscito a trovare lo stesso delle soluzioni.

ElettroRik
03-06-2009, 14:28
ElettroRik!
Questa risposta non è una risposta costruttiva.

Lo so. Ma tu hai contato quante volte rifai sempre le stesse domande sparpagliate nelle vaie sessioni del forum?

Prova a capire una delle mille risposte, intendo a comprenderne a fondo le ragioni: eviteresti di formulare le altre 999.

Ricordo bene di averti pazientemente risposto, addirittura uno o due anni fa, quando parlammo di questa stessa reazione nel sistema Polywell di Bussard.
Evidentemente non l'hai, o accettata, o capita, ma resta il fatto che sei tornato a ripteterti.

In particolare, se avessi studiato a fondo il concetto di sezione d'urto:
- sapresti che non si 'calcola' ma lo si deriva da tabelle empiriche
- che essite un 'diagramma' della sezione d'urto, perchè essa è variabile in funzione dell'energia del proiettile
- che una collisione nucleare utile per generare energia deve contemporaneamente soddisfare molte esigenze: avere energia utile per rompere la barriera, lavorare con energie che massimizzino la sezione d'urto, avere bilancio energetico positivo, autosotenersi.

Questo come minimo sindacale. Se poi, è aneutronica, e semplice da realizzare hai fatto bingo.
Tutto questo è un tantino 'complesso' ed è il Santo Graal che in molti fisici nucleari nel mondo inseguono da decenni. Non bastano fantasia e buona volontà, purtroppo.

Poi, vedi tu.

endymion70
03-06-2009, 14:31
Guarda qui:

Similar Articles Query Results (http://adsabs.harvard.edu/cgi-bin/nph-abs_connect?bibcode=1991PhDT........12O&return_req=no_params&selfeedback=1&use_title=YES&use_kwds=YES&return_req=feedback)

In particolare gli articoli 1,2,12 se non erro.

uforobot
04-06-2009, 17:44
Si!
Ma io vorrei sapere l'interazione.

Interazione è il rapporto tra il numero delle particelle alfa lanciate e il numero delle particelle alfa che subiscono la trasmutazione.

NumTrasmutate = numero delle particelle trasmutate
NumLanciate = numero delle particelle lanciate


interazione = NumTrasmutate / NumLanciate

Questa domanda tu l'avevi fatta a me, ma siccome io non ne conosco la risposta allora io la faccio a te.

Valmax
04-06-2009, 19:08
uforobot, tira e ritira, arriviamo al classico paradosso che alla fine scopre la debolezza fondamentale dei tuoi teoremi:

Primo paradosso
tu che non sei un ingegnere nucleare hai raggiunto delle risposte che persone più esperte di te e con molte più risorse (di calcolo e di laboratorio) non hanno trovato

Secondo paradosso
tu predichi di avere trovato una facile risposta ad un problema per il quale persone più esperte di te e con molte più risorse (di calcolo e di laboratorio) non hanno trovato

Puoi esaltarti fino a farti scoppiare una vena, ma la cruda realtà è che resterai confinato nelle tue illusioni che nessuna rivista scientifica vedrà scritte.

uforobot
04-06-2009, 20:05
Io non mi esalto, volevo solo sapere l'interazione e basta, ma se nessuno lo sa fa niente.
Io pretendo di fare fusioni nucleare spendendo 2,79 Mev per nucleo, c'è chi pretende di spenderne 0,001 Mev usando una cella elettrolitica.

Vedi un pò tu chi è che ha i piedi più vicino a terra.

Ma sempre rimane il fatto che nessuno mi risponde.
interazione = NumTrasmutate / NumLanciate
interazione = ?

GabriChan
04-06-2009, 22:16
http://www.energeticambiente.it/clear.gif L.E.N.R. (Trasmutazioni Bassa Energia) (http://www.energeticambiente.it/l-e-n-r-trasmutazioni-bassa-energia/)

Ti basta come risposta. non ti sei ancora accorto che sei nella sezione sbagliata?!!!!!!

Nabla
25-06-2009, 02:26
Grazie all'effetto tunnel il sole ha potuto avviare le reazioni nucleari, creare nuovi elementi che prima non esistevano e ha potuto anche risplendere.

Ricordo però che sperare solo sull'effetto tunnel non è conveniente dal punto di vista della produzione di energia, infatti 4,5 miliardi di anni fa il sole emetteva circa 1/3 della luce che emette oggi, questo perchè all'epoca tutto era basato sulla speranza dell'effetto tunnel in quale è poco produttivo.

Le collisoni di questi nuovi elementi sono più probabili e l'effetto tunnel diventa leggermente meno importante.
Effetto tunnel meno importante significa maggiore efficienza e maggiore energia emessa.
Ciao a tutti.
Devo smentire Uforobot. L'effetto tunnel è fondamentale nei processi di fusione nucleare. Infatti, la frazione di coppie di particelle aventi energia del loro centro di massa sufficiente a superare la barriera di potenziale coulombiana è bassissimo. Se si volesse dimostrare che la fusione nucleare avvenisse secondo la fisica classica (cioè confidando solo nel superamento della barriera di potenziale coulombiana, senza considerare la possibilità dell'effetto tunnel), si fallirebbe totalmente.
Si può calcolare indicativamente qual è il numero di coppie di protoni che in un plasma a 14 MK (~temperatura del centro solare), avente massa pari a quella solare, possiedono energia sufficiente a superare la barriera di potenziale coulombiana. Ebbene, si trova che tale numero è pressoché 0; comunque è molto minore di 1! Ovvero, non si troverebbe neanche una sola coppia di protoni che fonderebbe "classicamente" sul Sole.
Posso allegare un po' di calcoli, se vi va.

endymion70
25-06-2009, 06:54
Posso allegare un po' di calcoli, se vi va.

Allega pure: danno peso e valore alla discussione.

Nabla
25-06-2009, 21:23
Ipotesi semplificative:
1) consideriamo solo le reazioni p+p;
2) il Sole è composto solo da p ed e-;
3) tutto il Sole è un plasma in equilibrio termodinamico alla T = 14 MK (in realtà, solo il nucleo solare raggiunge questa T. Ma abbondiamo!);
4) la statistica dell'energia del centro di massa è una Maxwell-Boltzmann.

L'altezza della barriera coulombiana, in MeV, è data da:
Vb = Z1*Z2/(A1^(1/3) +A2^(1/3)) = 0,5 MeV
poiché Z1=Z2=A1=A2=1 essendo 2 protoni. La formula è leggermente diversa da quella di Uforobot perché è stata scelta una costante del raggio nucleare un po' differente.

La frazione delle coppie p p, rispetto al totale, avente energia del loro centro di massa > Vb si calcola integrando la distribuzione di Maxwell-Boltzmann delle energie tra Vb e +inf. Si trova: 2,59912*10^(-179)

La massa del Sole è: MS=1,9891*10^30 kg.
A sua volta: MS = N*(mp+me), (assumendo che il Sole non abbia carica).
mp è la massa del protone, me quella dell'e-, N è il numero di particelle.
Ma: mp=1836*me
quindi: MS = N*1837*me
da cui: N=MS/(1837*me)=1,18866*10^57
Le coppie di p sono la metà, ovvero 5,9433*10^56.
Le coppie che superano Vb sono allora 5,9433*10^56 * 2,59912*10^(-179) = 1,54473*10^(-122).
Lontanissimi quindi dall'avere anche solo una singola coppia che fonde saltando la barriera coulombiana!

uforobot
25-06-2009, 22:11
Comunque la fusione fredda tra grafite ed elio è un bluff perchè il nuclei di carbonio sono molto piccoli e molte particelle alfa si perdono per strada.

Allora io invito a non portare avanti questa discussione, ma di proseguire con questa
http://www.energeticambiente.it/l-e-n-r-trasmutazioni-bassa-energia/14719019-il-berillio.html

Anche li i nuclei di berillio sono molto piccoli e molte particelle alfa si perdono per strada, però quei pochi neutroni che si generano sono sufficienti per attivare la criticità del torio.

(pochi neutroni... per modo di dire, perchè sono qualche milione di volte in più rispetto ad un impasto di polvere di berillio e radio)

Nabla
27-06-2009, 20:40
È un bluff soprattutto perché produce raggi gamma.