PDA

Visualizza la versione completa : Centralina idroelettrica su impianto per l'irrigazione a pioggia



Prinx82
07-07-2009, 14:53
Ciao a tutti, sono nuovo del forum e personalmente non ho mai scritto e chiesto niente all'interno del forum ma ho ricevuto risposte solamente navigando tra le vostre domande già fatte e leggendo le vostre risposte molto complete.<O:p</O:p
Adesso avrei bisogno se potete aiutarmi di un parere<O:p</O:p
Premetto , ci sarebbe la possibilità se riesco a prendere accordi con il comune e il relativo consorzio irriguo di una collaborazione per l'utilizzo di acqua a fine idroelettrico,ci sarebbe la tubazione per l'irrigazione a pioggia che vorremo sfruttare a valle
Una volta terminata ci porterebbe in questa situazione<O:p</O:p
· 2 tubi relativamente uno da 250 e uno da 280 in plastica (sono stati messi due e non uno da come ho capito per questioni economiche)<O:p</O:p
· l'eventuale posizionamento della centralina sarebbe in un punto dove arriviamo a 6 / 7 atmosfere<O:p</O:p
Le mie domande sono queste quanta acqua può passare all'interno di quei tubi, ne vale la pena investire per la costruzione di un'impiantino, che turbina conviene mettere?io non avendo sicuramente le vostre conoscenze in materia sarei molto propenso a farlo anche conoscendo già il funzionamento di certificati verdi e tutta la prassi enel, se siete così gentili da dirmi un vostro parere mi farebbe molto piacere.
grazie in anticipo a tutti e complimenti per il forum buona giornata a tutti a presto spero
<O:p
<O:p</O:p
Cristian<O:p</O:p
<O:p</O:p

Spes
07-07-2009, 15:21
Anzichè darti risposte ti faccio altre domande.

Con la realizzazione della centralina utilizzi tutta la pressione. A valle, poi ne hai a sufficienza per l'impianto di irrigazione?
L'uso dell'irrigazione è stagionale, il resto dell'anno l'acqua è disponibile?

Un saluto a tutti
Spes

car.boni
07-07-2009, 17:26
Buonasera Prinx,
concordo con le osservazioni dell'amico Spes ed ammettendo che nn esistano problemi sull'impianto di irrigazione e sulla durata della portata i problemi si trasferiscono sulla quantita' di energia che potrai produrre rd slls concessione.
A "braccio" i due tubi dovrebbero portare rispettivamente 50/60 l/s e 60/70 l/s. Con quelle portate e con quel salto (60/70 m ca) potresti ricavare dai 15 ai 30 kW (ipotesi di minima e di massima).
Per il discorso concessione, di per se semplice e veloce, la vedo comunque problematica in quanto trovare un accordo per lo sfruttamento idroelettrico di una tubazione irrigua di proprieta' di un consorzio comunale potrebbe portare ad un bando di gara se nn utilizzato direttamente dal consorzio.
Tienici informati, auguri
ciao car.boni

Prinx82
07-07-2009, 17:45
Buonasera, e vi ringrazio per le risposte velocissime allora:
per rispondere al Sig. Spes la nostra intenzione sarebbe appunto di utilizzare tutta la pressione e scaricare in fiume visto che vorremo metterla in funzione nei mesi in cui il consorzio non la utilizza e quindi sarebbero 8 mesi circa e non si darebbe fastidio a nessuno e i restanti magari lasciarla ferma per intenderci da giugno a settembre per l'irrigazione, nei mesi invernali da me nevica e anche parecchio non viene utilizzata.
Ma mi chiedo sig. Carboni con diciamo circa 100 l di acqua e un salto da 70 m non si dovrebbe arrivare sui 50 / 60 kw perchè mi dici solamente 30 kw. (cmq facendo i rilievi da google earth approssimativi la differenza di altezza è di circa 81 m da monte a valle) grazie ciao ciao

car.boni
07-07-2009, 18:39
Ciao Prinx,
metti da parte il Sig. ..... :)
certo che con 100 l/s e 70 m si arriva alla potenza di 50 kW, ma ci si arriva anche con la mia ipotesi (15+30=45 kW) calcolandola sui due tubi, nell'ipotesi di minima e di massima (intendo portata e salto).
Questo aspetto passa in secondo piano, prima pensa a come trovare un accordo.
ciao car.boni

sandroturbine
07-07-2009, 19:49
Buonasera ,
Confermo che 50 kW sono possibili ,se usi una macchina con generatore verticale ti basta un locale di 2mt x 2mt ,la connessione alla rete si puo fare in bassa tensione (400V trifase )
Per la turbina se la portata è costante una turgo da 320 mmm accoppiata a un generatore asincrono 6 poli da 55kW (pesa un po ..470Kg) ma è l'unica soluzione .La sua corrente nominale è 100A a 400V sufficienti anche per la corrente reattiva di rifasamento . La turbina puo montare
3 getti fissi da 34 mm (33lt/sec l'uno) a comando on-off manuale o automatico .
Ciao.

Prinx82
07-07-2009, 21:21
Si scusa Car.boni non avevo interpretato bene il senso della tua risposta, in questi giorni devo andare a fare due rilievi con l'altimetro per avere dati un po' più attendibili sui due punti di monte e di valle, sugli accordi sono con te ma dato che le stanno scadendo i diritti che hanno per 200 litri se fosse un progettino fattibile e diciamo un'investimento sensato andrei a parlarle e cercare di trovare un accordo che conviene a tutti a noi e loro...Sandroturbine2 parlava di una turgo che non ho mai sentito parlare a dir la verità, secondo voi?a spanne a che spesa si potrebbe andare incontro?

ciao a tutti
Cristian

NES
18-07-2009, 07:59
Ciao a tutti,
anch'io sono un nuovo utente del sito.
Per quanto riguarda la questione impianti idroelettrici in condotte di irrigazione vorrei aggiungere che non sempre il diritto di sfruttamento idroelettrico è automatico. Non sempre infatti ad una concessione di derivazione viene poi rilasciata la concessione di derivazione ad uso idroelettrico, un motivo è che il periodo di derivazione passa da alcuni mesi all'intero anno. Per questo il mio consiglio, prima di effettuare un'analisi accurata, è di rivolgersi all'ufficio acque della provincia di appartenenza.
La turbina Turgo, nominata da Sandroturbine, viene nominata anche Banki-Mitchell.
Sull'argomento minidro potete consultare il testo " Guida all'idroelettrico minore" disponibile all'indirzzo: http://www.boriani.it/energia/guida2.pdf.
Saluti a tutti

car.boni
18-07-2009, 13:47
...Per quanto riguarda la questione impianti idroelettrici in condotte di irrigazione vorrei aggiungere che non sempre il diritto di sfruttamento idroelettrico è automatico. Non sempre infatti ad una concessione di derivazione viene poi rilasciata la concessione di derivazione ad uso idroelettrico, un motivo è che il periodo di derivazione passa da alcuni mesi all'intero anno. Per questo il mio consiglio, prima di effettuare un'analisi accurata, è di rivolgersi all'ufficio acque della provincia di appartenenza.
La turbina Turgo, nominata da Sandroturbine, viene nominata anche Banki-Mitchell........

Buongiorno Giorgio Battisti,
benvenuto nel forum.
Concordo con Te sul discorso concessioni idroelettriche ma sulla definizione della turbina Turgo devo dissentire.
La turbina Turgo e' una sorta di ruota Pelton modificata (semplificando molto il discorso e scusandomi con l'amico Sandroturbine per questa superficialita') mentre le Banki-Mitchell (dal nome del suo inventore) sono le cosiddette cross flow o flusso incrociato la cui espressione massima e' rappresentata dalla ditta tedesca Ossberger e si basano (sempre con un espressione grezza) sul principio della ruota idraulica da mulino.
Buon proseguimento.
ciao car.boni