PDA

Visualizza la versione completa : Piccolo mulino ad acqua



2bkk
01-10-2009, 19:36
Salve a tutti,

sono in prossimo alla ristrutturazione di un agriturismo / fattoria didattica, (imperniata sulle F.E.R.)

ho un pozzo artesiano a 30 mt profondita', con pompa sommersa da 1 lt al secondo mandata, che verra' convogliata a pdc acqua-acqua per riscaldamento a pavimento, con scambiatore.

le acque reflue, le volevo recuperare facendole passare in un piccolo molino ad acqua per eventuale recupero energetico con mini turbina. E' fattibile il tutto ????

grati per vs. risposte e consigli

saluti
luciano

Wilmorel
13-10-2009, 16:31
Il tuo impianto potrebbe avere una potenza teorica di 10W ogni metro di caduta o prevalenza, in pratica molto meno.
Dubito che tu possa reimmettere l'acqua in falda e quindi riutilizzare il salto di 30 m.
Nel tuo quesito non fornisci dati sufficienti ad un giudizio, anche se a spannometro ritengo modestissimo il recupero. In caso contrario, l'impianto di pompaggio e circolazione sarebbe surdimensionato e quindi errato.

2bkk
13-10-2009, 16:41
ciao Wilmorel , Spiega meglio che dati ti servono, una volta che l'acqua e' passata dalla pdc, viene convogliata verso le pale del mulino con pressione di 1 lt al secondo, tubo da 1 pollice. Pensi che non riesca a muovere la ruota ??? Perche' parli di salti , falde, ecc.... ???? Sono in Pianura....

Wilmorel
14-10-2009, 15:31
ciao Wilmorel , Spiega meglio che dati ti servono, una volta che l'acqua e' passata dalla pdc, viene convogliata verso le pale del mulino con pressione di 1 lt al secondo, tubo da 1 pollice. Pensi che non riesca a muovere la ruota ??? Perche' parli di salti , falde, ecc.... ???? Sono in Pianura....

I l/sec non esprimono la pressione ma la portata.
La formula che determina la potenza estraibile da una massa (flusso) d'acqua è:

P=9,8*Q*H*n
dove
P=potenza in kW
H=salto idraulico in m
Q=portata in m3/sec
n=rendimento in %

In pratica, hai fornito la portata, pari a 1 l/sec = 0,001 m3/sec

La profondità del pozzo pari a 30 m non mi dice niente della energia posseduta dall'acqua allo scarico dello scambiatore della pompa di calore.
Se l'impianto e la pompa di sollevamento sono stati dimensionati correttamente, la pressione allo scarico deve essere minima, prossima allo zero.
Oppure, la pompa del tuo pozzo non è stata correttamente dimensionata, e allo scarico è presente una pressione residua, nel qual caso ti converrebbe piuttosto sostituirla con altra di caratteristiche ridotte e adeguate.

Un dubbio che mi è sorto e che dovresti chiarirci, riguarda la natura del pozzo.
Con gli attuali prelievi in falda sono sempre meno frequenti, ma in alcune zone esistono ancora, pozzi artesiani, nei quali l'acqua fuoriesce spontaneamente a pressione.
In prima lettura, ho immaginato il termine "artesiano" una espressione impropria, ma se viceversa sei un fortunato proprietario di uno di questi pozzi, prescindendo dalle norme d'uso che non conosco, puoi tentare di utilizzare la pressione residua all'uscita dell'impianto scambiatore.
Per quantificare il valore di questa pressione, che immagino variabile stagionalmente (questo potrebbe essere un problema), devi inserire un manometro su di uno spezzone di tubo prima dello scarico. Se inserisci il manometro nel tratto immediatamente adiacente allo scarico le letture potrebbero essere falsate. Aggiungi perciò uno spezzone di tubo, di una ventina di centimetri o più a valle del manometro, ed eventualmente una valvola a sfera da 1" allo scopo di valutare come cambia la pressione al variare della portata.
Se come dicevo la pressione è variabile stagionalmente, dovresti fare una serie di rilievi nel tempo, per definirne l'andamento e valutare la turbinetta più idonea.

Quando avrai installato il manometro, ed effettuate le letture, avrai con buona probabilità valori in bar o atm.
Ai nostri fini potrai inserire nella formula di sopra il valore letto al posto di H, previa moltiplicazione per 10.

Es.

Lettura manometrica = 2 bar = H = 2 bar = 20 m
Portata = Q = 1 l/sec = 0,001 m3/sec
Rendimento = n = 60%

P= 9.8*0,001*20*60/100 = 0,117 kW = 117 W

2bkk
14-10-2009, 18:46
Grazie comunque Wilmorel per l'interessamento, non ci ho capito un hacca, ma vedro' una volta finito l'impianto con pdc acqua-aqua cosa salta fuori di residuo.
ciao