PDA

Visualizza la versione completa : Business plan



buccule
11-11-2009, 15:31
Ciao a tutti.. Vorrei sapere se qualcuno può aiutarmi con la stesura di un business plan per una centrale che produce energia elettrica( 500 kW) da biogas medianti reflui bovini e insilato di mais. Avete documenti o qualcosa che può essermi utile?

gordini-motori
15-11-2009, 10:56
calcola che devi spendere non meno di 3500 euro per KW, saluti

biocaz
15-11-2009, 21:57
facciamo 4000.....esperienza reale

gordini-motori
16-11-2009, 07:23
SI,se non hai amicizie per risparmiare ancora, nelle opere d'arte, (cementi e affini e piazzali), comunque io mi riferisco a vasche interrate in cemento, e il occhi che non vedono cuore che non piange, oppure se non vedi non da fastidio, saluti

iciodebby
17-11-2009, 22:12
Ciao biocaz ! quindi tu sei riuscito a fare il tuo impianto...tutto ok come le premesse oppure sono saltati fuori problemi non valutati sulla carta? comunque complimenti!

agricapital
23-02-2010, 15:17
Gentile iciodebby,

leggo che saresti interessato alla realizzazione di un impianto a biogas. Hai mai pensato alla possibilità di farlo in società con un investitore, dividendo il rischio con la consapevolezza di avere al Tuo fianco un partner forte ed esperto? Saluti, Attilio.

energiapulita
25-02-2010, 12:15
Gentile iciodebby,

leggo che saresti interessato alla realizzazione di un impianto a biogas. Hai mai pensato alla possibilità di farlo in società con un investitore, dividendo il rischio con la consapevolezza di avere al Tuo fianco un partner forte ed esperto? Saluti, Attilio.

complimenti per l'iniziativa.......

Energiaverde
10-03-2010, 14:54
complimenti per l'iniziativa.......

Prova sentire operatori come SEBIGAS e Ladurner....fanno partnership agricole e forniscono assistenza sin dalle fasi autorizzative

gordini-motori
10-03-2010, 20:41
si poi anche la altri ma sono tutti uguali a parole, ho fate finta di non sapere ma in giri i primi impianti sono gia piantati, poveri agiricoltori , e finisco qui

Solar
11-03-2010, 12:11
Signori miei... non mettetevi nelle mani degli investitori... si chiamano investitori proprio perchè investono... mi sa che la battuta mi è venuta male!
Comunque meglio farsi aiutare dai fornitori dell'impianto, a dei miei clienti sono riuscito a far sborsare un equity del 5% semplicemente facendo un po di dillazionamento di pagamento, un po di entrata societaria al 5% del fornitore del cog con un successivo prestito soci alla società ecc... se sai come fare riesci a sfuggire agli investitori... ma purtroppo ancora non ho imparato la finanza creativa per sfuggire alle banche!

gordini-motori
11-03-2010, 15:11
ESATTO meglio stare alla larga sono investitori perchè sanno speculare sulla povera ignoranza, invece delle banche pultroppooooo, siamo prigionieri, saluti

Energiaverde
11-03-2010, 18:42
Signori miei... non mettetevi nelle mani degli investitori... si chiamano investitori proprio perchè investono... mi sa che la battuta mi è venuta male!
Comunque meglio farsi aiutare dai fornitori dell'impianto, a dei miei clienti sono riuscito a far sborsare un equity del 5% semplicemente facendo un po di dillazionamento di pagamento, un po di entrata societaria al 5% del fornitore del cog con un successivo prestito soci alla società ecc... se sai come fare riesci a sfuggire agli investitori... ma purtroppo ancora non ho imparato la finanza creativa per sfuggire alle banche!

I nomi che ho fatto, Sebigas e Ladurner...ma ce ne sono anche altri...sono proprio di fornitori che entrano in Società e, a fronte dell'equity versata, danno garanzie tecniche di elevato standing e rassicurazioni sul corretto funzionamento, essendo allo stesso tempo soci e fornitori.

gordini-motori
11-03-2010, 19:25
si entrano come fornitori ESCO non come soci paritari al rischio tecnologico e finanziaramente non rischiano nulla, e se vi sono problemi non hanno mai la colpa loro ma cause esterne vecchia storia di Italia, saluti

Energiaverde
12-03-2010, 09:55
si entrano come fornitori ESCO non come soci paritari al rischio tecnologico e finanziaramente non rischiano nulla, e se vi sono problemi non hanno mai la colpa loro ma cause esterne vecchia storia di Italia, saluti


perdonami, se mi permetto!...ma la tua valutazione è un po' incompleta...io lavoro nel settore da parecchio e mi occupo di valutazioni economiche.
Ho avuto a che fare con parecchi operatori e ti garantisco che ci sono varie strade (tra cui le "Esco" come dici tu), ma se ci sono le condizioni di convenienza per entrambi i soci (ovvero, essenzialmente, il mantenimento della fiscalità agricola attraverso la locazione dei terreni necessari), gli operatori industriali sono i primi a dimostrare interesse a rimanere in società per 15 anni.

Parliamoci chiaro, non sono benefattori e, come ho detto la convenienza ci deve essere....ma è vero che la convenienza c'è per tutti!
Senza nasconderci dietro un dito, molto spesso sono gli agricoltori/allevatori stessi che vogliono la botte piena e la moglie ubriaca: un impianto funzionante alla perfezione, senza aver versato un euro di equity, senza alcuna garanzia soci, con il riconoscimento del prezzo delle biomasse per 15 anni a valori superiori a quelli di Mercato....

Non è così che si solleva un settore. Se si vuole investire nel biogas bisogna crederci e capire che "business is business"...i margini sono e devono essere sull'enegia, ovviamente con un riconoscimento congruo dei costi di coltivazione, altrimenti non si va da nessuna parte...

Scusate se sono sembrato un po' rude, ma ho a che fare tutti i giorni con situazioni in cui una delle due parti agisce ciecamente per i propri interessi, senza capire che, in un settore in cui i ritorni sul progetto sono del 20%, si lavora meglio e più in fretta se si agisce realmente in "società".
Saluti

gordini-motori
12-03-2010, 15:51
è proprio li il proplema cosa ofri in cambio all'agricoltore, lui di fame non muore, tu senza terra non fai nulla, secondo, se gli agricoltori sono cosi perchè non ci si domanda il perchè, io sono duro pultroppo perchè tutti i giorni devo combatttere con gente arrabbiata delle fandonie che gli hanno propinato i soliti fenomeni, e cercare di trovare rimedio, saluti

skomodo
21-03-2010, 09:59
Buon giorno a tutti , e complimenti per la concretezza degli interventi!
Io invece cerco info per conoscere i termini di collaborazione con gli investitori. Opero in un mercato dove i parametri del green investment ( economico / legislativo /sociale ) sono completamente diversi. Apprezzerei anche consigli concreti da parte di chi ha gia' " manipolato " l'humus" per assemblare un biz-plan destinato ai paesi dell'est Europa.In particolare avrei bisogno di un contributo per dimensionare il progetto stesso partendo dal bacino di utenza .
Grazie per qualunque riscontro.