PDA

Visualizza la versione completa : eolico a pale orientabili



aless391
22-11-2009, 08:32
<HR SIZE=1> <!-- / icon and title --><!-- message -->
<HR SIZE=1> <!-- / icon and title --><!-- message --> (http://img30.imageshack.us/i/eolien.jpg/)http://img30.imageshack.us/img30/4258/eolien.jpg (http://img30.imageshack.us/i/eolien.jpg/)
(http://img30.imageshack.us/i/eolien.jpg/)

aless391
22-11-2009, 08:40
ciao a tutti , sto realizzando una macchina del tipo sopra ( il disegno l'ho preso in prestito :)) con 4 vele/pale di alluminio dalle dimensioni di 125 *60 cm con una diametro della macchina di 2 metri . l'orientamento delle stesse è assicurato da catene pignoni e corone . mi chiedevo: cosa posso aspettarmi da questo accrocchio ? considerando una velocita del vento di 7 m/sec che potenza teorica potrei tirarci fuori ? credo che la velocita di rotazione sara' uguale a quella del vento calcolata sulla circonferenza del cerchio che descrive la pala (quindi 7 m/sec = 66 giri al minuto con raggio di un metro ) ma la potenza o la coppia come si dovrebbe calcolare?

chiodoc
22-11-2009, 13:51
salve. volevo sapere se hai già realizzato il tuo mini eolico che avevi in mente, se è si, hai avuto problemi con l'enel per l'allaccio e l'immissione in rete enel della energia prodotta?
Io ho in mente di istallare dalle 2 alle 3 torri di mini eolico, quindi con una spesa di circa 100 -150 mila euro. Ma se poi l'enel tarda ad allacciare la mia produzione alla rete enel ,mi tocca pagare il mutuo, senza avere entrate, quindi c'è da uscire matti.
Mi sai dare qualche notizia in merito. grazie
chiodoc....

aless391
22-11-2009, 14:34
non intendo allacciarlo i n rete . è solo un esperimento per farne uno piu grosso in seguito.prima di investire tanti soldi fatti bene i conti e sopratutto fai un po' di misure anemometriche .dove vivi , o meglio dove vuoi installare gli impianti? comprando le macchine gia fatte a prezzi unitari superiori a 1500 euro/kw e montati in siti con 2000 ore di vento a velocita media di 6-7 m/sec i ricavi sono ridotti all'osso, in taluni casi non riesci neanche a pagare le rate del mutuo, quindi attenzione.

chiodoc
22-11-2009, 15:39
grazie del consiglio, ne farò buon uso. Ti descrivo un pò i luoghi.
Io vorrei istallare questi 2 pali mini eolici nel comune di Carlopoli, prov. di Catanzaro, a quota 1000, quindi libera da ostacoli. Il preventivo è di 105000,00 euro per tutti e due. Nelle 2000 ore annuali di vento previste, ogni palo potrebbe produrre 40.000 Kw che al costo di euro 0,30, che il gse paga, sarebbe una bella somma. Certo che i rischi ci sono. Tu con la tua esperienza, visto che è già da un pò che stai pensando all'eolico, quindi mi dici di stare cauto e di non affrettarmi. Ok grazie

Wilmorel
23-11-2009, 15:23
....
con raggio di un metro ) ma la potenza o la coppia come si dovrebbe calcolare?

Il metodo è il solito in uso per qualsiasi turbina eolica:

P= 0.64*Cp*A*V^3 = potenza meccanica all'asse di rotazione in Watt
dove:

0.64 numero fisso dipendente dalle unità di misura, densità dell'aria, ecc.
A= area spazzata dalla turbina (diametro * altezza turbina)
V= velocità del vento (al cubo)
Cp= coefficiente di potenza variabile secondo il tipo di turbina.
Il suo valore è di solito abbastanza costante per un determinato tipo di turbina. Nel caso di una turbina Savonius, di funzionamento a resistenza, simile alla tua, assume un valore di 0,2 - 0,25.
Il valore per la tua turbina, che è molto sperimentale, non lo conosco ma potrebbe essere di 0,3 e forse anche 0,35.


Il momento torcente in newton*metri:
M=P/(2*pigreco*n/60)


Dubito che tu possa assumere la velocità periferica della turbina pari a quella del vento indisturbato.
Questo vorrebbe dire che il vento, passando attraverso la turbina non gli cede alcuna energia.
Questo criterio è valido solo per turbine e anemometri che sottraggono una quota infinitesima della energia del vento.
Vedrei piuttosto, per il TSR o rapporto vel. periferica/vel. vento valori attorno a 0,7 - 0,8

chiodoc
23-11-2009, 18:26
Il metodo è il solito in uso per qualsiasi turbina eolica:

P= 0.64*Cp*A*V^3 = potenza meccanica all'asse di rotazione in Watt
dove:

0.64 numero fisso dipendente dalle unità di misura, densità dell'aria, ecc.
A= area spazzata dalla turbina (diametro * altezza turbina)
V= velocità del vento (al cubo)
Cp= coefficiente di potenza variabile secondo il tipo di turbina.
Il suo valore è di solito abbastanza costante per un determinato tipo di turbina. Nel caso di una turbina Savonius, di funzionamento a resistenza, simile alla tua, assume un valore di 0,2 - 0,25.
Il valore per la tua turbina, che è molto sperimentale, non lo conosco ma potrebbe essere di 0,3 e forse anche 0,35.


Il momento torcente in newton*metri:
M=P/(2*pigreco*n/60)


Dubito che tu possa assumere la velocità periferica della turbina pari a quella del vento indisturbato.
Questo vorrebbe dire che il vento, passando attraverso la turbina non gli cede alcuna energia.
Questo criterio è valido solo per turbine e anemometri che sottraggono una quota infinitesima della energia del vento.
Vedrei piuttosto, per il TSR o rapporto vel. periferica/vel. vento valori attorno a 0,7 - 0,8
salve saprebbe dirmi qualcuno se altri hanno già istallato qualche mini eolico nella provincia di Catanzaro

andel55
23-11-2009, 18:32
ciao aless,

parli di catena?

ma come le monti?

non vorrei che le pale ti girassero al contrario.

fammi sapere

ciao

Stregatto
23-11-2009, 18:33
Dubito che tu possa assumere la velocità periferica della turbina pari a quella del vento indisturbato.
Questo vorrebbe dire che il vento, passando attraverso la turbina non gli cede alcuna energia.
Questo criterio è valido solo per turbine e anemometri che sottraggono una quota infinitesima della energia del vento.
Vedrei piuttosto, per il TSR o rapporto vel. periferica/vel. vento valori attorno a 0,7 - 0,8
In realtà se il bordo delle pale ha la stessa velocità del vento le zone centrali sono più lente e ricevono ancora una spinta. Quindi non sembra così assurdo che il bordo viaggi alla velocità del vento e anche un po' di più, se non c'è una resistenza sull'asse.
Piuttosto sarebbe da capire qual'è la velocità più conveniente per avere il massimo di potenza. Probabilmente molto meno della velocità del vento.

Wilmorel
23-11-2009, 18:45
... Quindi non sembra così assurdo che il bordo viaggi alla velocità del vento e anche un po' di più, se non c'è una resistenza sull'asse.
Piuttosto sarebbe da capire qual'è la velocità più conveniente per avere il massimo di potenza. Probabilmente molto meno della velocità del vento.

Si, quello che dici è plausibile.
Ad ogni buon conto non assumerei la velocità periferica pari a quella del vento, ma inferiore.

aless391
24-11-2009, 16:55
ciao aless,

parli di catena?

ma come le monti?

non vorrei che le pale ti girassero al contrario.

fammi sapere

ciao

allora . mettero' 2 o 4 pignoni centrali con l'asse vincolato ad una banderuola e che quindi girano con la banderuola ; i pignoni collegati tramite le catene alle corone con numeri dei denti doppio rispetto ai primi . dalle simulazioni che ho fatto dovrebbero girare bene , altrimenti invertiro' le catene .pero devo ancora montare sia i pignoni che le corone e sono gia 3 settimane che ci lavoro . credevo che sarebbe stato piu semplice ( che stress) ma si sa che il primo prototipo è sempre piu impegnativo ....chissà che non mi conveniva farne uno ad asse orizzontale...bho

andel55
26-11-2009, 18:38
ho capito bene?........qualcosa del genere?

Stregatto
26-11-2009, 19:02
Non sarebbe più semplice usare, come nel disegno sopra, delle ruote gommate che rotolano su una ruota fissa centrale ?

aless391
26-11-2009, 21:22
si piu o meno il meccanismo è quello nel disegno.
Le ruote gommate che dici fanno piu attrito e poi non sono cosi longeve come le catene di metallo. comunque appena lo finisco posto le foto e faccio le varie prove ...non è detto che sia ben funzionante....è una prova.

andel55
29-11-2009, 13:49
attenzione ragazzi!!!

aldilà della resistenza, il problema fondamentale che, nel primo e secondo caso, le ruote esterne girano in senso contrario........come immaginavo.

se l'uso delle ruote gommate o altro potranno mettere ulteriori difficoltà costruttive, bisognerà inventarsi dell'altro.

senza spendere soldi si potrebbero utilizzare le due pulegge dentate dell'albero motore e a camme (della cinghia di distribuzione). sono già predisposte per avere il rapporto giusto. il problema è che bisognerà smussare i denti quadrati.

fatto questo si potrà allontanare, dall'asse, con catene e corone di uguale dentatura.

se il concetto non è chiaro farò un disegnino

ciao

aless391
05-12-2009, 21:41
ho montato le prime due catene alle prime pale e girano nel verso giusto (quello descritto nel disegno ) tra qualche giorno dovrei finire il tutto...

aless391
08-12-2009, 19:58
ecco le foto del misfatto.... ho molti dubbi ...è pesantissimo

gianchi
09-12-2009, 09:04
Complimenti un bel lavoro.
Mi chiedevo se vada posizionato in una precisa direzione o non importa da dove spira il vento.
gianchi

aless391
09-12-2009, 22:06
in effetti sopra manca ancora la banderuola che orienta le pale al vento in modo che ci sia sempre una pala /vela che stia di fronte , quindi dovrebe andare bene per tutte le direzioni del vento...sempre che giri ...dato il peso notevole. vi terro' informati.

gianchi
10-12-2009, 00:40
x aless391
Anche io sto sperimentando un moto verticale ed ho fatto delle domande sulla posizione delle vele vedi "rotore ad asse verticale" e ti chiedo magari tu l'hai già calcolato le tue vele con quel sistema si posizionano sempre nella posizione giusta in confronto al vento anche se in posizione fissa?
Non so se mi sono spiegato bene.
La domanda è un pò difficile per me da esporre, perchè ragionando sulla posizione delle vele, con un altro sistema magari si potrebbe ovviare alla posizione fissa della struttura, con il grande vantaggio di meno meccanismi per il posizionamento nella vento.
Non sono un grande scrittore questo sie è capito.
Forse ci vorranno alti post per intenderci.
gianchi

aless391
10-12-2009, 21:37
emh ...in effetti non ho capito molto bene ....

gianchi
10-12-2009, 22:39
Ai ragione, non avevo ben capito la storia della banderuola.
sono curioso di vederla finita.
Io penso che per quanto riguarda il peso, non dovrebbe esserci problemi, gira di sicuro, dipenderà dall'intensità del vento.

gianchi
11-12-2009, 12:55
Avrei una domanda da porti.
I rapporto tra i pignoni interni ed esterni è 1/2 ?
Cioè quelli sulle vele sono il doppio?
grazie

andel55
12-12-2009, 20:40
bene....bravo aless....vedo che non scherzi affatto......sono convinto anch'io che a volte fare i modellini è una perdita di tempo....quando si hanno le idee chiare è meglio andare sul sodo!!!!

scusami se insisto ma il fatto che girano giuste mi sembra molto strano.....ma.....meglio così

complimenti

aless391
14-12-2009, 15:14
Avrei una domanda da porti.
I rapporto tra i pignoni interni ed esterni è 1/2 ?
Cioè quelli sulle vele sono il doppio?
grazie

si esatto: a lcentro ho messo 4 pignoni da 15 denti e sulle vele da 30 e girano nel senso giusto , credetemi!

Wilmorel
15-12-2009, 18:45
ecco le foto del misfatto.... ho molti dubbi ...è pesantissimo


Vivi complimenti per il ciclopico lavoro!
Grande, molto...

nickyitn
17-01-2010, 15:24
salve a tutti,
sembrerà incredibile ma ho immaginato anche io una cosa del genere senza vederla prima, lo giuro.
non ci sarebbe nessun pregio a dire di essere arrivati 4° o 5° ...
caro aless391, devi sapere che dalle mie ricerche (inizialmente oltremodo entusiasta di aver inventato l'acqua calda senza sapere che già esiste!!!!!) ho scoperto che un tizio francese ha presentato una cosa del genere all'Expo delle invenzioni a Ginevra nel 2007, ha vinto il 2° premio, poi l'ha brevettata ma non l'ha ancora venduta per lo sfruttamento industriale.
poi in un altra discussione di questo forum, ho letto di un inventore sardo che (senza dettagli) nel 2006 diceva di essere vicino a realizzare una cosa del genere ... poi non ho trovato più notizie ...
questo natale, giocando con i miei figli stavo guardando Discovery mentre stavano trasmettendo uno dei tanti documentari sulle energie rinnovabili e parlavano del tizio che è riuscito a realizzare (non so quando) un generatore/cuscinetto senza attriti che aveva accoppiato ad un rotore a forma di doppia S.
leggendo questo fantastico forum, ho risolto che è del tipo savonious

per tornare a noi ... guardandolo con l'occhio da velista, mi sono chiesto che rendimento potrebbe aver mai avuto un rotore che offre quasi metà dela sua superficie in opposizione al senso di rotazione, anche se di forma convessa ???
allora quella sera mi sono messo a ragionare e in pochi giorni sono giunto ad un disegno molto simile al tuo!!!!
se ti in teressa la collaborazione, ti posso dire che ho fatto una serie di calcoli ....
1.ho risolto che la dimensione(raggio) migliore delle singole pale per evitare che si sovrappongano è pari al 50 - 60% della distanza tra un asse periferico e l'asse centrale ...
2. l'angolo di maggior superficie esposta è pari a circa 20° rispetto alla direzione di provenienza del vento ...
3. la superficie esposta di volta in volta varia da circa il 40% a oltre il 65% del totale delle 4 pale, inoltre il calcolo è fatto nella ipotesi (falsa o quantomeno incorretta) che le pale sottovento ad altre non lavorano e invece io non sapendole quantizzare aerodinamicamente, ho risolto di contarle nulle .
4.poi ti potrei dire che, dai calcoli, una soluzione a tre pale anzicchè 4 sembrerebbe (almeno dai calcoli ) migliore perchè presenta meno sovrapposizioni, anche se ha un punto nel qualae la superficie totale è solo il 30% del totale ...

adesso ho poco tempo, ma contattami che ci possiamo scambiare pareri e informazioni, mi piacerebbe anche a ame realizzare una cosa del genere ...
nick

aless391
18-01-2010, 11:04
ciao , non ho ancora montato l'aggeggio in campagna per saggiarlo a causa del tempo inclemente . la macchina ha un diametro di 2 metri , le pale sono larghe 60 cm e alte 125 cm. inizialmente non montero' nessun generatore perche voglio provare a vedere quanto gira , che rumore fa , e che usura hanno i ruotismi (cuscinetti,catene , pignoni e corone)poi postero i risultati e le foto .ciao

Skeggia85
31-07-2013, 10:54
Ciao Nickyitn,
sapresti per caso indicarmi il nome di quell'invenzione presentata al salone di Ginevra? Un amico mi aveva mostrato dei disegni di un sistema simile (che a suo dire aveva inventato lui), ma vorrei portargli esempi concreti che è un pò in ritardo. Ovviamente le foto del sistema di Aless sono un ottimo punto di partenza...però mi piacerebbe visitare un sito web (se esiste) dove vi sia l'invenzione della quale parlavi...

Grazie mille....