PDA

Visualizza la versione completa : dubbi sull'eolico - betz - asse verticale



ironmallamo
23-01-2010, 18:55
Salve,
ho delle curiosità. Nel calcolo della teoria di betz viene presa tutta l'area spazzata dalle pale, ma il vento utile in realtà è quello intorno alle pale..come faccio a tenere conto di questo?
inoltre è consigliato non mettere aereogeneratori allineati,ma con tutto il vento che passa tra un pala e l'altra come si fanno a disturbare? 3-5 aereogeneratori in successione dovrebbero funzionare.
Nel caso di aereogeneratori con asse verticale,di quelli con profilo ad onda, ho che tutto il volume di aria urta le pale,quindi in rendimento dovrebbe essere molto piu elevato di quello delle pale ad asse orizzontale. betz non vale per gli aereogeneratori ad asse verticale.sbaglio?
mi potete chiarire le idee?
grazie:bye1:

bepi1973
24-01-2010, 22:00
Betz vale anche per i VAWT . E' l'ngombro frontale del rotore incontrato dal vento.

Se ti riferisci alle scie nella tua seconda domanda, anche qui ti dico che interferiscono e come. A valle dei rotori si crean moti turbolenti che si sta cercando di modellizzare in vari modi.

Sono moti che possono assomigliare ad un moto elicoidale. In ogni caso è pericoloso per l'integrità strutturale delle macchine che si trovano a valle che si beccano la "sporcizia" di quelle a monte (oltre a produrre di meno)

ironmallamo
24-01-2010, 22:10
scusa nella teoria di betz si parla di volune di aria cilindrico in movimento....la base di questo cilindro è in minima parte occupata dalla pale,quindi il vento che "impatta" su di loro sarà una minima parte di quella della cerchio di base, potrei capire questo discorso per pale che vanno a forte velocità,ma le pale eoliche sono relativamente lente,la omega dubito sia alta,quindi le pale non fanno in tempo a sfruttare tutto il vento presente nella base del cilindro.
stesso motivo per il quale non capisco l'interferenza tra aereogeneratori allineati, le pale creano turbolenza solo sul flussi che incontrano,però,come detto prima,a causa della velocità bassa,rispetto a tutta l'aria della superficie di base del cilindro, ne intercetta pochissima, tra una pale e l'altra il flusso dovrebbe essere indisturbato.
questa cosa nn mi torna,dove sbaglio?

bepi1973
24-01-2010, 23:41
scusa nella teoria di betz si parla di volune di aria cilindrico in movimento....la base di questo cilindro è in minima parte occupata dalla pale,quindi il vento che "impatta" su di loro sarà una minima parte di quella della cerchio di base, potrei capire questo discorso per pale che vanno a forte velocità,ma le pale eoliche sono relativamente lente,la omega dubito sia alta,quindi le pale non fanno in tempo a sfruttare tutto il vento presente nella base del cilindro.
stesso motivo per il quale non capisco l'interferenza tra aereogeneratori allineati, le pale creano turbolenza solo sul flussi che incontrano,però,come detto prima,a causa della velocità bassa,rispetto a tutta l'aria della superficie di base del cilindro, ne intercetta pochissima, tra una pale e l'altra il flusso dovrebbe essere indisturbato.
questa cosa nn mi torna,dove sbaglio?

Innanzi tutto non è proprio un cilindro ma devi immaginare un profilo 3D a collo di bottiglia per vari motivi (astrazione necessaria per ottenre il rispetto della cons della massa tra zone a velocità diversa etc).
Poi, non a caso esiste un limite del 59% non superabile..per altro ideale. Inoltre un rotore che va "forte" può teroricamente fornire al flusso di vento in arrivo una superficie continua, quasi un disco, e il sitema estrae ben poco dal flusso in arrivo.
Non a caso si parla di tip speed ratio ottimale.

Per la scia aggiungo poi che esiste anche una scia tra una pala e quella che la segue... quindi...flusso a valle con traiettorie elicoidali e vortici con asse ad ogni istante tangenti a tale traiettoria (modellazione frequente)