PDA

Visualizza la versione completa : caldaia a legna e biomassa D'Alessandro CLP



bioterm
13-02-2010, 09:10
Chi ha avuto modo di utilizzare la caldaia CLP della D'Alessandro, praticamente al momento è l'unica ad avere doppia camera di combustione; quella a legna a fiamma inversa e quella a biomasse frantumate o pellettate nella parte inferiore.
Vorrei capire se chi l'ha acquistata ne è soddisfatto, e che tipo di impianto ha realizzato se a vaso aperto o chiuso, e che tipo di puffer ha installato, con che rapporto kw / litri puffer, e possibilmente i mq riscaldati e i consumi legna e biomassa

Dott Nord Est
14-02-2010, 08:42
hummm, mi sorge un dubbio....
come mai bioterm chiede opinioni su tale caldaia visto che lui la vende?
non dovrebbe essere lui a dare giudizi?
eheheheheh, c'e' puzza di bruciato..... :cry::cry::cry:

giuggiolo0107
14-02-2010, 10:26
IO LA METTO SEMPRE CON BUONA FEDE...... 1 se lui chiede opinioni forse vuole solo controllare se il suo prodotto è affidabile , se i clienti sono soddisfatti, se ci sono dei problemi..... però potrebbe essere anche che lui si voglia fare un po' di pubblicità . in questo caso credo , a mio parere, che sia giusto farlo qui, infatti è un rischio , se qualcuno si trova male non farà una bella bubblicità , e lui si moderà le dita....:dev::bye1::bye1:

liskam
15-02-2010, 14:14
dove posso vedere questa caldaia

frao
16-02-2010, 15:27
Salve vorrei sapere le caldaie a legna ci sono anche di grosse dimenzioni avrei da scaldare circa 500mq, e quanto dura una carica di legne

Dott Nord Est
16-02-2010, 15:29
frao, se devi scaldare grandi superfici, è "obbligatorio" l'accumulo con la legna..........

frao
16-02-2010, 15:30
<!-- / icon and title --><!-- message -->
Salve vorrei sapere le caldaie a legna ci sono anche di grosse dimenzioni avrei da scaldare circa 500mq, e quanto dura una carica di legne
<!-- / message -->

Scusa ma non sono del settore cosa intendi per accumulo con la legna

NinoS
16-02-2010, 16:06
Intende un serbatoio pieno d'acqua (in gergo chiamato "puffer") dimensionato in base alla potenza della caldaia, con funzione di volano termico, ossia immagazzina il calore prodotto dalla caldaia per poi cederlo all'impianto.
La necessità di suddetta configurazione, nasce dalla modalità di combustione della legna, che non può essere controllata con precisione, come ad esempio gasolio o gas che puoi spegnerli e riaccenderli all'istante.

psq
16-02-2010, 21:21
Chi ha avuto modo di utilizzare la caldaia CLP della D'Alessandro, praticamente al momento è l'unica ad avere doppia camera di combustione****

Che poi non è vero che è l'unica ad avere la doppia possibilità: Ce ne sono parecchi modelli di tedesche o austriache a funzionare sia a legna che cippato o pellet

Regola3d) Non è consentita la citazione di un intero messaggio. Le citazioni devono riportare solo parti significative del messaggio alle quali si vuole aggiungere un commento o un chiarimento. (http://www.energeticambiente.it/misc.php?do=cfrules)

Simone5
17-02-2010, 07:33
Son d'accordo con "psq", ci sono molti modelli di caldaie che dispongono di doppia camera di combustione... ovviamente alcune hanno dei prezzi esorbitanti e alcune prezzi tipo la D'Alessandro.......
Io, al momento, non possiedo caldaia a biomassa...ma mi sto documentando, in quanto ho intenzione di acquistarne una, proprio del tipo doppia camera di combustione....
Ciao!

liskam
17-02-2010, 11:09
ho visto la caldaia, ma gli altri modelli che voi dite non dispongono di caldaia a fiamma inversa nella parte superiore, io non ne ho trovate
Mi sono fatto mandare il manuale via mail, lo posto così mi dite:rolleyes::rolleyes::rolleyes:

Simone5
17-02-2010, 14:04
Mi dispiace ma non mi trovi d'accordo...
Per quanto ne so io, senza voler fare alcuna pubblicittà, anche la caldaia combinata GASELLE HI-TECH della Mescoli e la TERMOCOMBI della Extraflame sfruttano il principio della fiamma inversa nella combustione del legno... per dirne alcune!!

franking
18-02-2010, 22:55
Se non ricordo male la gaselle utilizza sempre la stessa camera,ha il bruciatore del pellet che si può mettere e togliere.

ogre
19-02-2010, 12:50
Mi dispiace ma non mi trovi d'accordo...****

queste utlizzano un bruciatore orizzontale in camera di combustione, che è la stessa
si credo che non ci siano caldaie come quella
se vado a Verona vado a vederla

Regola3d) Non è consentita la citazione di un intero messaggio. Le citazioni devono riportare solo parti significative del messaggio alle quali si vuole aggiungere un commento o un chiarimento. (http://www.energeticambiente.it/misc.php?do=cfrules)

Paologreen
19-02-2010, 14:23
Ma sta caldaia D'alessandro utilizza 3 motori elettrici.
Non consumerà molto in elettricità?

Dott Nord Est
22-02-2010, 13:56
mah....
bisognerebbe che chi vende avesse il coraggio di mettere nome e cognome, invece di mascherarsi......

lupakkiotto
16-08-2010, 22:16
Sono curioso di questa caldaia policombustibile, nessuno l'ha montata?

THE DOCTOR
30-11-2012, 17:11
Sto per acquistare una cpl della D'alessandro.Non so se vado per una 40 o per una 50 KW. Qualcuno sa dirmi come va?grazie

Dott Nord Est
30-11-2012, 21:12
quanti mt da scaldare e che zona e che isolamento?

THE DOCTOR
01-12-2012, 17:47
Sono a sud di salerno, nel parco nazionale del Cilento, 380 mt slm a 8 kilometri il mare in faccia, 500 metri di casolare da riscaldare con impianto a pavimento,boiler di 1000 litri che integra panneli solari termici,termocamino da 28000 kalorie e caldaia a gas. La casa è in pietra con muratura spessa ma non coibentata.Tuttavia la zona climatica non e estrema,pochi giorni all'anno si vede lo zero.Vorrei però eliminare il gas e non essere schiavo del termocamino...cmq oggi ho fatto fare i preventivi da un venditore per la d'alessandro clp da 40 e 50 kw e anche per il modello a soli prodotti triti.Tuttavia la domanda mia era diversa:qualcuno ha esperienza con queste caldaie?le conosce,le ha viste,usate,che qualità hanno,sono affidabili?grazie

gionni-bio
06-02-2013, 10:39
Sono nuovo del forum e a breve dovro' acquistare una caldaia che deve scaldare due appartamenti da 50 + 140 mq in una abitazione mediamente coibentata (6 cm di cappotto, infissi nuovi) in zona di L'Aquila (altezza 760 slm, zona E). Il combustibile piu' facilmente reperibile nella mia zona e' legname che tagliato si trova a 12-14 euro/q e non tagliato a circa 6-8 eruo/q, ma volendo potrei anche acquistare sansa esausta + gusci in sacchi da 20 Kg che mi costano 17,5 euro/q (trasporto incluso); il pellet non lo sto considerando perche' ormai costa circa 30 euro/q. Visti i prezzi sopra sarei orientato per una caldaia onnivora e in particolare ho notato la CLP della D'Alessandro che e' una delle poche caldaie ad avere la camera separata per la legna a fiamma rovescia ed e' forse l'unica ad essere omologata anche per le varie biomasse. Nella mia zona molti hanno caldaie D'Alessandro per soli triti tipo CS o CSI che sono gia andato a vedere ma nessuno ha la CLP. Ho chiamato il rappresentante di zona e mi ha riferito che hanno gia' venduto circa 350 CLP e sarebbe disponibile a mostrarmi la caldaia in azienda (dista circa 100 Km da casa). Io vorrei avere pareri piu' disinteressati: c'e' qualcuno del forum che la possiede e mi sa dire come va?

maxfaby
11-02-2013, 22:32
Questo è il secondo inverno di utilizzo della CLP30. Utilizzo la caldaia con legna di quercia secca e gusci di nocciole. Sono soddisfatto della caldaia, anche se non ho altri termini di paragone. Alcune cose andrebbero messe a punto meglio ... accensione automatica e passaggio legna pellet.
Leggo questo forum da poco tempo, e mi sono reso conto (forum) che il collegamento diretto, senza puffer, non è la cosa migliore. Scaldo una casa indipendente di 140mq (tutti i giorni) + 100mq (fine settimana). La costruzione sembra robusta. Alla caldaia è collegato un boiler di 300 l per acqua calda sanitaria.

Non siamo a casa durante la settimana e per questo programmo un'accensione automatica alle 18, 30 con spegnimento alle 24. Basta "quasi" una carica di legna di 90 litri (capienza camera di combustione) ed alcune volte termina il riscaldamento dopo la commutazione a gusci.

Saluti, e grazie a tutti i componenti del forum.

gionni-bio
12-02-2013, 13:33
Ciao maxfaby,
la CLP30 e' proprio la caldaia che vorrei comprare io.


Alcune cose andrebbero messe a punto meglio ... accensione automatica e passaggio legna pellet.


Cosa intendi esattamente?
Da quello che ho capito dal manuale d'uso posso impostare la modalita' legna+pellet e fare il carico di legna. La caldaia parte a pellet, la fiamma incendia anche la legna e quindi spegne il bruciatore del pellet e accende le ventole della camera della legna. Una volta terminata la legna riaccende il pellet, fino a quando non si fa un altro carico di legna e il cilclo si ripete.


... mi sono reso conto (forum) che il collegamento diretto, senza puffer, non è la cosa migliore ...


io ho intenzione di installare un puffer da 1000 o 1500 litri




... programmo un'accensione automatica alle 18, 30 con spegnimento alle24. Basta "quasi" una carica di legna di 90 litri (capienza camera di combustione) ed alcune volte termina il riscaldamento dopo la commutazione a gusci.


quindi una carica di legna dura circa 5 ore.
La caldaia e' continuamente accessa oppure fa piu' cicli accensione e spegnimento? E' possibile che lavori a intermittenza visto che non hai il puffer!

Quanto hai consumato in un inverno tra legna e gusci? La tua zona e' molto fredda?

Ciao

maxfaby
12-02-2013, 22:14
La caldaia parte a pellet, incendia la legna e commuta a legna. E fin qui è perfetto.

Terminata la legna (rilevato dalla temperatura fumi + delta tempo) commuta a pellet. Questo passaggio dura ca 1 ora, tempo in cui la temperatura della caldaia si attesta sui 60 gradi anzichè 70/75 impostati. Questo tempo, legato al fatto che non ho il puffer, rende non molto confortevole la temperatura in casa durante il passaggio.
Ho fatto una domanda alla D'Alessandro per sapere se oltre alla modifica dei parametri T28 a 79 T29 a 83 T60 5 e A01 64 si poteva migliorare la situazione con la modifica di altri parametri, ma dal 24 gennaio non ho ancora ricevuto risposta.
Risposta che un mio amico, da me consigliato ad acquistare la caldaia, ha ottenuto il giorno successivo ... ma la sua era una domanda di prevendita!!!!! eheehheh

La carica di legna dura circa 4/5 ore. x riscaldare 140mq a 19.5 con t ext 5° e la coibentazione media della mia casa.

La caldaia e' continuamente accessa e passa tra max potenza / modulazione / mantenimento. Certo con il puffer puoi impostare la temperatura della caldaia a 80° per scaricare più velocemente l'energia.

Che tipo di impianto intendi fare? Tutto a vaso aperto compreso il puffer?

Quanto hai consumato in un inverno tra legna e gusci?
L'anno scorso ho acceso a metà dicembre e scaldavo solo il seminterrato di 100mq. Fino al 30 aprile ca 65 qli compessivi.

Credo che quest'anno saranno 100/120 qli.

Abito a Viterbo, zona climatica D.

gionni-bio
12-02-2013, 23:08
Che tipo di impianto intendi fare? Tutto a vaso aperto compreso il puffer?


Leggendo sul forum ho capito che ho le seguenti alternative:

collegare la caldaia e puffer diretti (stessa acqua) a vaso aperto: non posso farlo altrimenti dovrei mettere il vaso aperto sopra il radiatore piu' alto e quindi al secondo piano
collegare la caldaia e puffer diretti (stessa acqua) a vaso chiuso: secondo me si puo fare usando come sicurezza la valvola di scarico termico ma il mio idraulico dice che non e' molto sicuro!!
collegare caldaia e puffer tramite scambiatore a piastre e fare vaso aperto circuito caldaia e vaso chiuso circuito puffer e radiatori: a me non piace il dover mettere lo scambiatore e un circolatore in piu' (piu' consumo di corrente)
collegare la caldaia ad una serpentina del puffer e fare vaso aperto circuito caldaia e vaso chiuso circuito puffer e radiatori: non so se e' una soluzione efficiente; la serpentina e' in grado di scaricare tutta la potenza della caldaia? E poi dovrei mettere un puffer con 3 serpentine: legna, gas e solare. Chiedo lumi agli esperti del forum su questo punto!!!
Tu come hai fatto?

Un altro dubbio che ho e' sulla facilita' di gestione della caldaia: e' capace chiunque a gestire la caldaia (accensione, pulizia, cariche ....) oppure uno deve essere un esperto fuochista. Quando io sono fuori dovra' essere mia moglie a governare.
Per esempio quando si carica legna esce molto fumo dallo sportello aperto? Se si lasciera' cattivo odore sui vestiti.

A proposito, quanto hai pagato la caldaia?

maxfaby
12-02-2013, 23:34
Tu come hai fatto?


Non ho puffer, solo il boiler!!! Se monto il puffer faccio tutto a vaso aperto.
La D'Alessandro VIETA il montaggio a vaso chiuso.





Un altro dubbio che ho e' sulla facilita' di gestione della caldaia: e' capace chiunque a gestire la caldaia (accensione, pulizia, cariche ....) oppure uno deve essere un esperto fuochista. Quando io sono fuori dovra' essere mia moglie a governare.

Per esempio quando si carica legna esce molto fumo dallo sportello aperto? Se si lasciera' cattivo odore sui vestiti.



Secondo me è semplice da pulire, e quando apri il portello carico legna si attiva il ventilatoe di tiraggio.
Nessun cattivo odore ... davvero nessuno.

ak 47
18-03-2013, 17:21
ciao maxfabymi puoi mandare le regolazioni che usi per i materiali triti pellet gusci ecc grazie

maxfaby
18-03-2013, 18:13
ho utilizzato solo gusci di nocciole. Ho semplicemente aumentato la regolazione della coclea a 5.5 ca

ak 47
19-03-2013, 18:29
per max: i gusci che usi sono rimacinati o divisi a metà? l'aria a quanto la metti?

maxfaby
19-03-2013, 21:09
i gusci sono spezzati a metà. L'aria la verifico domani e ti faccio sapere.
Volevo invece chiederti, se puoi pubblicare o inviarmi, la foto della camera di combustione della legna per valutare quante incrostazioni fa. Volevo confrontare con la mia che è collegata diretta!!! A proposito, a quanto tieni impostata la temperatura della caldaia e com'è il tuo impianto a vaso chiuso o aperto? Scusa le tante domande.

ak 47
20-03-2013, 16:16
la mia caldaia non ha la valvola anticondensa e ti posso assicurare che le incrostazioni sono maggiori rispetto a chi la monta. la caldaia è impostata a 70 e la caldaia è stata montata a vaso aperto come raccomanda il costruttore e la legge. non ti preoccupare domanda pure e se posso rispondo volentieri

ciao gionni bio si riesco tranquillamente a scaldare 320 metri quadri 20 gradi da mattina sera in continuo più acqua sanitaria per 4 persone. Casa per metà è costruita in muratura,blocchi di tufo, per meta è in cemento armato doppia tamponatura con isolante da 7 cm più finestre con doppi vetri. Io abito nel lazio in un paesino a circa 350 metri. Per quanto riguarda i consumi la legna la faccio io e non la peso ma credo sia realistico ipotizzare 150 quintali a stagione per il pellet ho giusto provato qualche volta

gionni-bio
20-03-2013, 16:52
ak 47,
volevo capire bene come gestisci le cariche di legna utilizzando il puffer.
Immagino che fai cariche di legna solo quando il puffer e' scarico. In questo modo la caldaia dovrebbe lavorare sempre al massimo senza entrare in mantenimento (ventole ferme) e dovrebbe rendere di piu'.
Con il tuo puffer da 1000l riesci ad accumulare tutto il calore di una carica di legna oppure fai mezze cariche?
Quanto tempo intercorre tra due cariche nel periodo piu' freddo?
Hai un termostato sul puffer che manda in mantenimento la caldaia superata una certa temperatura?

maxfaby
20-03-2013, 18:03
per max: l'aria a quanto la metti?

aria ad 1.5 ... credo sia la regolazione di fabbrica.

ak 47,

hai montato anche il puffer a vaso aperto o hai inserito uno scambiatore tra caldaia e puffer?

ak 47
20-03-2013, 18:59
si ho montato anche il puffer a vaso aperto.per quanto riguarda le cariche di legna le faccio sempre complete e nel momento piu freddo ci fai circa 5 ore e ti ritrovi il puffer a 50 gradi.ora che fa più caldo mi basta una carica per la giornata. il puffer se scaldo tutti i 320 metri e piu che sufficiente meglio sarebbe da 1500 però sotto quella capienza non scendere altrimentiuna carica di legna è troppo, si ho messo un termostato sul puffer posizionato al secondo attacco dal basso

maxfaby
20-03-2013, 19:19
non ti converrebbe aumentare la temperatura della caldaia ad 80° per avere meno incrostazioni ed un rendimento superiore? (mi sembra di aver capito questo leggendo sul forum!!!)

Qual'è la capacità del vaso di espansione?

ak 47
21-03-2013, 07:27
per quest'anno è andata cosi ma per il prossimo proverò anche questa regolazione che mi suggerisci, comunque nei fasci tubieri puliti mediamente una volta a settimana solo cenere.

ak 47
22-03-2013, 18:52
ciao max scusa volevo sapere se hai provato il nocciolino di oliva chiaro ( il solo osso per capirci) e come ti sei trovato ? per quanto riguarda le incrostazioni posso dirti che più la legna è secca meno ne fà

maxfaby
22-03-2013, 23:24
ciao ak 47, il nocciolino non l'ho provato. Però credo che a breve si dovrebbe trovare anche nella mia zona ... ci soo molti oliveti ... proverò. I prezzi dovrebbero essere concorrenziali. Ho provato, ma con caldaia appena installata, il pellet di sansa e debbo dire che, forse per una regolazione sbagliata della carburazione, il risultato non è stato molto soddisfacente. Molto residuo in camera di combustione.

Per quanto riguarda le incrostazioni mi piacerebbe vedere la camera di combustione con l'impianto provvisto di puffer.

Sono combattuto sull'installazione del puffer con gruppo laddomat o simile, o della sola valvola anticondensa ... Certo che se le incrostazioni fossero nella norma ... lascerei tutto com'è!!!!!

ak 47
23-03-2013, 18:04
appena posso cerco di mettere la foto. Comunque più che per le incrostazioni il puffer telo consiglio per avere una maggiore comodità di gestione quando utilizzi la legna a meno che il tuo impianto non riesca ad assorbire tutta l'energia di una carica di legna. se monti una valvola anticondensa risparmi rispetto a tutto il gruppo laddomat. comunque le incrostazioni dipendono anche da quanto è secca la legna che usi

maxfaby
26-03-2013, 21:48
Per la valvola anticondensa sono combattuto. Leggendo sul forum sembra non avere e solo vantaggi ma potrebbe creare strozzature. Per questo vorrei valutare la pompa anticondensa, anche se poi il tutto è molto più complicato da regolare.Riesco a scaricare tutta la carica sull'impianto ma con il puffer mi sembra di capire che si aumentano il rendimento per effetto della temp caldaia più alta e che non va in modulazione ... oltre a minori incrostazioni. C'È anche il vantaggio di poter gestire la temperatura dell'impianto differente da quella della caldaia con una valvola miscelatrice.La legna che uso è molto secca. Però non so valutare la quantità di incrostazioni.

Dott Nord Est
26-03-2013, 22:39
ma potrebbe creare strozzature

ed è appunto quello che deve fare, altrimenti come impedisce l'entrata di acqua fredda? se questo poi dà problemi, significa che il dimensionamento o la regolazione sono sbagliati, ma non è certo colpa della valvola

maxfaby
27-03-2013, 11:25
Grazie Dott della risposta.

Il mio impianto è fatto con tubi in rame da 42 e per la valvola più di 1 1/2" non trovo. Questo comporterà una piccola strozzatura comunque accettabile?

Pensavo comunque di provare una valvola a 50° in modo tale che se pure abbasso a 65° la temperatura di mandata della caldaia il ritorno sarà 60 (ho il termometro ed a regime tra mandata e ritorno ho 4/6 °) così la valvola qanticondensa sarà tutta aperta.

Sono considerazioni giuste? La valvola a 50° comporterà benefici tangibili vista la temperatura bassa o comunque apprezzabili?

murano
27-04-2013, 12:35
Premetto che mi sono appena iscritto vi chiedo scusa sin da ora se commetto degli errori. Ma ho visto solo ora questa discussione e mi chiedevo se potete aiutarmi nella mia scelta tra una clp della d'alessandro o una solarbayer con sonda lampda.
Sono nuovo del forum e a breve dovro' acquistare una caldaia che deve scaldare due appartamenti da 50 + 140 mq in una abitazione mediamente coibentata (6 cm di cappotto, infissi nuovi) in zona di L'Aquila (altezza 760 slm, zona E). Il combustibile piu' facilmente reperibile nella mia zona e' legname che tagliato si trova a 12-14 euro/q e non tagliato a circa 6-8 eruo/q, ma volendo potrei anche acquistare sansa esausta + gusci in sacchi da 20 Kg che mi costano 17,5 euro/q (trasporto incluso); il pellet non lo sto considerando perche' ormai costa circa 30 euro/q. Visti i prezzi sopra sarei orientato per una caldaia onnivora e in particolare ho notato la CLP della D'Alessandro che e' una delle poche caldaie ad avere la camera separata per la legna a fiamma rovescia ed e' forse l'unica ad essere omologata anche per le varie biomasse. Nella mia zona molti hanno caldaie D'Alessandro per soli triti tipo CS o CSI che sono gia andato a vedere ma nessuno ha la CLP. Ho chiamato il rappresentante di zona e mi ha riferito che hanno gia' venduto circa 350 CLP e sarebbe disponibile a mostrarmi la caldaia in azienda (dista circa 100 Km da casa). Io vorrei avere pareri piu' disinteressati: c'e' qualcuno del forum che la possiede e mi sa dire come va?

Dott Nord Est
27-04-2013, 13:27
sono due caldaie completamente diverse
una è una marina doppia camera pellet/legna
l'altra è una fiamma inversa gassificazione legna
dipende dalle tue esigenze, la caldaia è l'ultima cosa che si sceglie. Prima si analizza il cliente, lo spazio, l'esigenza, il budget, le aspettative, il combustibile, il tipo di riscaldaemento e il tipo di gestione, ecc ecc

murano
27-04-2013, 13:58
Ti ringrazio per avermi risposto. Personalmente mi piacerebbe avere la clp per la possibilità di poter utilizzare più di un combustibile; ma non sono certo dell'affidabilità della clp visto che in precedenza avevo rivolto la mia attenzione a caldaie più "importanti" come quelle austriache a fiamma inversa

Dott Nord Est
27-04-2013, 14:22
sai che una caldaia specifica (che sia legna o pellet) ha sempre + resa di una policombustibile.
poi c'è parecchia differenza di prezzo
quindi, la tua situazione qual'è?
hai legna tua diponibile? hai legna disponibile ma nonti basta? devi comprare tutto? nella tua zona cosa trovi?

murano
27-04-2013, 14:25
Sono d'accordo con te, ma le mie perplessità sull'affidabilità della d'alessandro rimangono

termica
27-04-2013, 14:34
Murano,scusa...quali sono le perpessità sull'affidabilità? con quale delle teutoniche hai paragonato la d'alessandro?

murano
27-04-2013, 14:40
Non mi riferisco nello specifico ad una teutonica. Ma mi hanno proposto una solarbayer vantando il suo alto rendimento, rispetto ad una d'alessandro che non dichiara il proprio.

Dott Nord Est
27-04-2013, 14:42
murano, ma sono due caldaie con due filosofie diverse....
una la conosco bene (Solarbayer), l'altra no.
sono però per due utenti diversi.....

termica
27-04-2013, 14:43
murano,perchè dici che la d'alessandro non dichiara il rendimento? mi dici il modello della solarbayer che ti hanno proposto?

murano
27-04-2013, 14:47
devo confessarvi che non ho ancora deciso su quale delle due rivolgere la mia attenzione. Ma in particolare la solarbayer mi lascia perplesso per i suoi costi così inferiori rispetto alle altre caldaie della stessa categoria.

Dott Nord Est
27-04-2013, 14:51
se vuoi alzo il prezzo !!!! :spettacolo:
magari col prezzo aumenta la resa e calano i consumi??? :clapping:

termica
27-04-2013, 14:52
Murano,va bene che non hai deciso,si può avere il modello?

murano
27-04-2013, 15:01
per quanto riguarda la solarbayer ero orientato verso la hvs 25 lc lambda control; ma sono indeciso visto i costi e dato che non amo molto l'elettronica. Per quanto riguarda la d'alessandro mi piace molto la clp vista l'opportunità di poter sfruttare più di un combustibile, ma sono anche un po' perplesso visto che la più piccola è una 30kw e con una casa di circa 150m non vorrei che fosse troppo grande.

Dott Nord Est
27-04-2013, 15:02
ora cosa usi e quanto cosnumi?

murano
27-04-2013, 15:07
in questo momento utilizzo un termocamino che voglio togliere per svariati motivi

termica
27-04-2013, 15:31
murano ,ho trovato la caldaia come al solito le caretteristiche lasciano dubbi:
potenza nominale kw 25
Rendimento della caldaia con controllo potenza kw 5-31
Efficienza di rendimento % 86-92%.................i conti non tornano
La potenza al focolare??????l'aggiungo io
se la resa è 92% la potenza al focolare è kw 27
se la resa è 86% la potenza al focolare è kw 29

Se invece la potenza al focolare è kw 31 la resa è 80,6 %

murano
27-04-2013, 15:34
ecco perché sono molto perplesso e cercavo l'aiuto di qualcuno

termica
27-04-2013, 15:36
murano,allora la CLP 30
potenza al focolare kw 34,9
potenza nominale kw 30
resa non dichiarata,l'aggiungo io 85,95 %

murano
27-04-2013, 15:38
tu la clp la conosci al punto di dirmi come va cosa ne pensi

termica
27-04-2013, 15:47
murano,io conosco la clp come la bayer,ovvero non le conosco ,ho letto le caretteristiche.Una clp l'hai vista mai?
Comunque sia non puoi fare un paragone tra le due macchine,come non puoi paragonare una clp ad una policombustibile classica sia della stessa azienda sia di altre aziende

murano
27-04-2013, 15:50
l'ho vista in fiera questa settimana e mi è piaciuta molto per la sua semplicità mi sembra affidabile essendo come dicevo semplice e con poca elettronica mi chiedevo solo se ci fosse qualcuna che la usa già

Dott Nord Est
27-04-2013, 17:07
Se invece la potenza al focolare è kw 31 la resa è 80,6 %

una curiosità.....
e se la caldaia funziona a 5 kw, che resa ha?
e se a 31 kw che resa ha?
una cosa è la potenza ottenibile, e una cosa è la resa. Non sempre alla max potenza ottenibile si ha la max resa (uscita fumi + caldi, impostabili da scheda).
In questo caso la max resa si avrà a un funzionamento di 25 kw.

termica
27-04-2013, 18:23
Questi sono i dati dell'azienda:
potenza nominale kw 25
Rendimento della caldaia con controllo potenza kw 5-31
Efficienza di rendimento % 86-92%.................
Se non ho il dato della potenza al focolare non posso risalire al rendimento,considerato che ci sono due valori.Con i due valori di rendimento sono risalito ad altrettanti valori di potenza al bruciatore fermo restando che come dato sicuro è la potenza nominale in kw 25.
Risulta un dato che è 31 kw,a cosa è riferito questo 31? è la potenza massima al bruciatore? se si,la resa è l'80,64 ,in contrasto con i già citati valori.Su questa macchina abbiamo solo un dato certo ...la potenza utile di 25 kw.

Dott Nord Est
27-04-2013, 18:42
oppure di certo c'è anche la certificazione, vuoi che te la alleghi qui?

termica
27-04-2013, 18:52
ma senta un po ma se debbo parlare di questa macchina debbo chiedere il permesso a lei? sono padrone di chiedere dalle caretteristiche dati certi? detto questo voglio sapere la potenza al focolare,ovvero la resa un unico dato non due,voglio sapere il 31 kw che viene menzionato a cosa si riferisce.Ripeto se 31 kw è la potenza al bruciatore la macchina ha una resa del'80% e non del 92

murano
27-04-2013, 18:55
a proposito termica visto che mi sembri piuttosto esperto che idea ti sei fatto della d'alessandro clp?

Dott Nord Est
27-04-2013, 18:55
io ti ho solo chiesto se vuoi la certificazione qui, te la posto
tu puoi parlare come e di cosa vuoi, nonsono certo io (a dfferenza di te) a vietarti qualcosa.
mi sembri un tantino suscettibile..... :preoccupato:
sei padrone di dire tutto quello che vuoi. :bye1:

termica
27-04-2013, 19:08
Allora,quello che io contesto a questi signori e la non chiarezza dei dati che vengono pubblicati,per esempio se a me serve la potenza massima al focolare per la somma potenza dove è scritta? lei è in grado di dirmi la potenza al focolare di questa macchina? lei è in grado di farmi il conteggio avendo come dati la potenza utile e la resa?

termica
27-04-2013, 19:25
muraro,ripeto,non conosco il modello specifico,comunque sia l'azienda è conosciuta e non sono gli ultimi arrivati ,sicuramente costicchia,tieni presente che è una fiamma inversa a tutti gli effetti non è una policombustibile che va "anche" a legna .è tutta automatica cosa vuoi di più.Se devi fare un paragone devi sempre confrontare due macchine simili,non fare come su questo forum che mettono a confronto un termocamino a legna con una caldaia

Dott Nord Est
27-04-2013, 21:05
,per esempio se a me serve la potenza massima al focolare per la somma potenza dove è scritta? lei è in grado di dirmi la potenza al focolare di questa macchina?

ecco la potenza nominale

termica
27-04-2013, 21:18
cosa ci debbo fare con la potenza nominale,ma nei post precedenti cosa ho scritto?a me serve la potenza globale al bruciatore,valore non presente nella dichiarazione della bayer dove risulta solo la potenza nominale 25 kw e la resa 91,3%,io voglio la potenza globale al focolare.Lei è in grado con i dati a disposizione, dirmi la potenza al focolare?

Dott Nord Est
27-04-2013, 21:24
quelli sono i dati ufficiali che la casa madre ha inserito nel libretto.
per altre info, puoi sempre chiedere a loro direttamente.

come mai anche la Froling scrive allo stesso modo? che siano anche loro "poco chiari" come dici tu? :cry:

oppure anche la Okofen, anche loro "poco chiari"? accidenti..... termica, allora vuoi dirmi che le tanto decantate ditte teutoniche sono TUTTE poco chiare??? :bored: perbacco....... non ci avevo mai pensato.

termica
27-04-2013, 21:38
Lo vede,lei non è in grado di dirmi la potenza al focolare...e le vende,figuriamoci il povero acquirente.Quì stiamo parlando di una caldaia ma quando parliamo di termocamini che i venditori dicono all'utente che il camino rende 80% all'acqua,perchè le signore aziende mettono solo due dati......potenza nominale e resa.Detto questo nel caso specifico potenza nominale 25 kw ,resa 91,3% potenza globale al focolare kw 27,38......se la resa dichiarata è veritiera.

Dott Nord Est
27-04-2013, 21:44
appunto, quindi tutte le ditte tedesche che mettono la potenza nominale sono "furbette"?
no, semplicemente è un conteggio che qualsiasi persona che sappia usare la calcolatrice o carta e penna sà fare.... quindi è inutile metterla (inoltre la legge impone che sia scritta la nominale, non quella al focolare)
ma secondo te io non sono in grado di di dividere 25 per 0.913 ?? :beer: incredibile.....

detto questo, murano chiedeva la differenza tra le due caldaie, e giustamente come da te e da me detto, sono due caldaie completamente diverse, che nulla hanno in comune. Quindi, inutile confrontarle.....
Il passo giusto sarebbe invece "studiare" le esigenze di murano, e quindi poi scegliere la tipologia di caldaia....

termica
27-04-2013, 21:56
fino a prova contraria muraro ha parlato di rese quando sono intervenuto io.In un generatore di calore quella che fa fede è la potenza massima al focolare,non per niente la somma potenze si calcola al focolare, non si calcola la nominale

Dott Nord Est
27-04-2013, 22:03
e bene, allora basta dividere la potenza nominale per la resa. Dove stà il problema??? Non capisco.....

termica
27-04-2013, 22:08
guarda che non sto parlando di conteggi ma i dati che debbono essere comunicati all'utente...... a norma.Infatti la norma per i generatori sopra i 35 kw debbono avere la targhetta applicata con una serie di dati e il primo dato è la potenza al focolare

Dott Nord Est
27-04-2013, 22:09
hai detto bene, sopra i 35 kw......
ripeto, sono fuori norma tutte le teutoniche che ti ho postato?
se un cliente mi chiede info su quello che vendo, comunico tutto.

termica
27-04-2013, 22:18
Ok,lasciamo stare ,buona notte.I consumi di un generatore come vengono calcolati,con la potenza utile?Allora non ci siamo capiti,le aziende debbono mettere tutti i dati,e spesso fanno le furbette,omettendo qualche dato in special modo nei termocamini.Detto questo ,se le aziende fanno le furbette,i venditori........... che fanno? gli indiani

Dott Nord Est
27-04-2013, 22:19
ok, allora scrivi alla Froling, Okofen, Solarbayer, KWB, ecc ecc e digli che sono TUTTI furbetti....
che vuoi che ti dica?
io con i miei clienti non faccio l'indiano, e questo che importa a me.

ak 47
28-04-2013, 08:43
dai termica invece di fare inutili discussioni dicci della tua esperienza con la clp come ti trovi se sei soddisfatto qualche regolazione cosi ci confrontiamo

termica
28-04-2013, 09:16
ak47 buon giorno..e spero che rimanga tale.Prima di rispondere alla tua domanda, se mi è consentito ,vorrei IO rivolgerti delle domande...per fare un'affermazione del genere hai letto tutta la discussione? pensi veramente che siano chiacchiere inutili?ti piace farti prendere in giro dalle aziende e da venditori compiacenti?inoltre ti chiedo..quando leggi i post di una discussione...li leggi con attenzione? ovvero li leggi tanto per leggerli?, questa mia ultima domanda è in riferimento alla tua DOMANDA
Ti allego questo link,leggiti le caretteristiche e dimmi se hai capito cosa andresti ad acquisare.Se vado io e il venditore mi ripete a pappagallo le caretteristiche dell'accrocchio gli spu....in faccia.
Questo a conferma delle chiacchiere inutili
http://www.caldaiaecologica.com/dettaglio_pagine.php?id_p=31&id=4&id_s=64&lingua=1

murano
28-04-2013, 11:19
ak 47 se ci sei mi piacerebbe chiacchierare un po' con te

ak 47
28-04-2013, 11:25
ciao termica si è un buon giorno grazie. Non volevo polemizzare ho saputo che sei in possesso di una D'ALESSANDRO CLP e volevo solo scambiare qualche chiacchiera con te per sapere come ti sei trovato dato che penso che solo chi utilizza un determinato prodotto ne conosce pregi e difetti in modo molto più approfondito di chi li vende. Tutto qua. Dimenticavo ho utilizzato anche io una clp 34 quest inverno e ne sono rimasto soddisfatto.Te lo ripeto era solo per confrontare le nostre esperienze, visto che la discussione è sulla clp,non per polemizzare

murano
28-04-2013, 11:28
io sono murano e mi piacerebbe chiedere qualche consiglio visto che vorrei acquistarla anchio

termica
28-04-2013, 11:45
Ak,la situazione si aggrava,tu non leggi i post,le persone farneticano e danno false informazioni,quindi un invito che rivolgo a te e di chi ti ha informato sul possesso della clp, di leggere sia il post 62 sia il post 71 di questa discussione.Per il resto non ti preoccupare,ciao

ak 47
28-04-2013, 12:35
chiedo scusa a termica per quanto rigurda murano chiedi pure

murano
28-04-2013, 13:51
quanta legna hai consumato? E il puffer lo si deve inserire per forza nell'impianto?

ak 47
28-04-2013, 14:01
il consumo preciso non te lo so dire perchè la legna la faccio di mio però diciamo sui 130 quintali per scaldare a 20 gradi per 12ore 320 metri quadri più acqua sanitaria per quattro persone. si puffer obbligatorio con la legna io ho messo un tank in tank cordivari da 1000 lt

filmec
02-10-2014, 16:31
Utilizzando la clp 30 avete riscontrato difetti di funzionamento??

murano
04-10-2014, 06:28
Personalmente no, mi sono trovato bene. L'unica cosa forse è che nella 30 kw la legna può essere lunga massimo 42 cm.

gionni-bio
08-02-2015, 22:12
... dopo tanto sono finalmente riuscito ad installare la CLP30 ed e' in funzione da circa un mese.
Vorrei confrontarmi con gli altri possessori di questa caldaia per condividere le informazioni.

Per esempio nel funzionamento a legna ho notato una grande diversità della fiamma rovescia a seconda della dimensione di ciò che si brucia.
Mi spiego meglio: in fase di accensione metto in basso legna molto piccola e tavolette e la fiamma iniziale e' molto grande, riempie completamente la camera di combustione inferiore e arriva al bruciatore del pellet in basso.
Quando questa legna piccola è bruciata e rimane legna di grandezza media (circa 10-15 cm) la fiamma si riduce di parecchio e arriva fino a metà della camera inferiore.
Ma se metto legna più grande, diciamo 20 cm, la fiamma si riduce ancora di più ed è appena visibile dallo spioncino se si guarda in alto.
Fa cosi' anche a voi?

Poi un'altra cosa che ho notato e' che la carica di legna si incendia tutta, anche nella parte alta: ma nelle caldaie a fiamma inversa non dovrebbe incendiarsi solo la parte bassa, quella a contatto con la feritoia inferiore?

monelli
10-02-2015, 14:37
Ciao,
Anche io da un paio di inverni ho la tua stessa caldaia!

Sinceramente non ho mai visto nella mia la fiamma arrivare in fondo, nella mia arriva al massimo a metà camera. Ho notato anche io che bruciando legna grossa la fiamma è poco visibile, infatti ho preso uno spaccalegna e la legna grossa la spacco. In questo modo secondo me la combustione è migliore.

Non ho mai notato che la legna si incendiasse nella parte alta, tende a farlo quando si apre lo sportello di carico perchè vengono aspirati i fumi ed in pratica brucia come una caldaia normale. Se hai un bello strato di braci, fai una bella carica, lasci bruciare una mezzora, apri, vedrai che è incendiata solo la parte bassa.
Diverso il discorso quando viene raggiunta la temperatura impostata e la caldaia si spegne con la legna dentro (automantenimento) allora sembra che si incendi tutto, secondo me per via del tiraggio naturale.

Questo il comportamento della mia caldaia, ma sinceramente non sò dirti se è normale o no!!!

THE DOCTOR
21-04-2016, 17:08
Ciao Ragazzi,
è da tempo che non scrivo in questa discussione alla quale avevo partecipato nel 2012.Già all'epoca chiedevo informazioni sulla d'alessandro CLP in quanto volevo sostituire termocamino e gas con un unico prodotto che mi garantisse economicità e tempi di ricarica maggiori rispetto al termocamino. Oggi a causa di un difetto nel camino sono quasi costretto a procedere verso tale direzione. La mia scelta resta sempre verso una policombustibile,vivo in un parco nazionale,la legna abbonda sia da acquistare che autoprodotta,cosi come non manca il nocciolino o altri prodotti triti. Ho messo a paragone due caldaie credo simili,la D'alessandro clp e la Carinci prestige. Altri prodotti simili non ne trovo e non ho grossa conoscenza.
Anche a me consigliano di prendere in considerazioni l'eventualità di prodotti d'oltralpe,tipo caldaie austriache o tedesche. L'unica alternativa vista è la froling;mi sembrano davvero prodotti ottimi ma chiamando in azienda mi hanno detto che non lavorano nella mia regione e dunque non hanno ne venditori ne assistenza.
Qualcuno sa farmi un elenco di macchine di pari caratteristiche di potenza che va dai 35 ai 50 kw?

Tornando a me il mio impianto esistente è fatto da un accumulo di 1000 lt con tre serpentine,una x il solare termico,una caldaia gas e l'altra per il termocamino che presto eliminerò.5406154062

In allegato ho messo le foto.
Chi ha esperienza con la d'alessandro clp 45kw?chi sa dirmi come va?se è complessa o meno nella gestione e chi sa dirmi che tipo di collegamento devo fare a questo impianto?avendo gia un boiler da 1000 litri mica serve aggiungere altri accumuli?Considerando che ho una grossa superficie da riscaldare con impianto radiante a pavimento.Grazie

monelli
22-04-2016, 08:57
Ciao, io ho la CLP da tre anni se non sbaglio, con Puffer da 1000 + Boiler per ACS da 300 (Separati).
Come tutte le cose bisogna prenderci la mano e seguirla un attimo, una volta capito come funziona l'impianto ed modificando qualche parametro di configurazione riesco tranquillamente a fare due cariche al giorno, mantenendo la brace per il giorno successivo. Anche il passaggio pellet legna pellet automatico ha richiesto qualche modifica dei parametri per funzionare meglio.
Comunque ad oggi non mi lamento, mai avuto problemi.
Se hai qualche domanda scrivi pure, per l'impianto non sono esperto...

murano
22-04-2016, 13:52
Anch'io ho la clp e mi trovo molto bene. Chiaramente non puoi paragonarlo ad un austriaca ma il suo prezzo non si avvicina neppure. All'inizio devi prenderci la mano ma ricorda che una policombustibile non può darti la resa in termini di riferimento di una caldaia che usa un solo combustibile. Se sei disposto ad accettare questo compromesso è la caldaia che fa per te e a costi accettabili.

THE DOCTOR
23-04-2016, 11:04
Grazie per le risposte ragazzi,partecipai a questa discussione gia tempo fa,in quanto già da qualche anno avevo in mente di passare ad un prodotto di questo tipo. So bene che le rese non possono essere paragonate ma io vado un po al di sopra dei numeri e faccio un bilancio complessivo che comprende più fattori.
Vivo in una casa enorme,in zona climatica non estrema ma comunque necessita di un buon riscaldamento per 5 mesi.
Adoro il fuoco e attualmente acquisto circa 15 metri cubi di legna di castagna ( 80 90 quintali) in piu integro con legna autoprodotta. Se una cosa non manca dalle mie parti e proprio la legna di qualunque genere e a prezzi buoni.Inoltre si trova sansa e nocciolino di sansa a quintali. Con questo mando avanti il termocamino,ma sono l'unico a pensarla così in quanto a casa spesso non si ha il tempo di seguire il fuoco e far rendere al meglio tutto. Conti alla mano io spendo 400 euro di legna e 1000 di gas per la caldaia.
Invece acquistando una caldaia potrei permettermi il lusso di comprare più legna,integrare con il pellet o con altri triti,e avere solo la costanza di passare due tre volte al giorno per la carica.Sostituirei il termocamino interno con un camino normale giusto di compagnia. Non so perchè ma diverse persone mi dicono di vedere anche altri articoli,ma sinceramente oltre a D'alessandro e Carinci di prodotti così non ne ho trovati.Certo guardare oltralpe non sarebbe male,ma non idea di costi,leggo che sono più alti ma non so di quanto,sicuramente l'assistenza potrebbe essere complessa e poi scusatemi tanto ma io un po al made in italy ci tengo,nel senso che mi piace acquistare a chilometri ridotti.

Le mie domande erano comunque orientate a capire il funzionamento in generale,non tanto quello della fase iniziale che sicuramente potrebbe richiedere settimane di prove e aggiustamenti. Mi domando tipo lo svuotamento delle ceneri ogni quanto va fatto,considerando che cercherei di far funzionare la caldaia il più possibile a legna.I cassetti sono comodi capienti? e soprattutto ho visto che nella caldaia Frolig c'è un sistema che quando il cassetto ceneri viene estratto c'è come un coperchio che lo chiude in automatico ed evita dispersione di polveri. La pulizia dei condotti ogni quanto va fatta?e agevole?e anche in questo caso la ventola di aspirazione funziona per cui si evita polvere? chiedo cio perchè nel periodo invernale nel locale termico a volte stendo anche il bucato per cui vorrei evitare che diventi una grossa polveriera.

Dal punto di vista tecnico invece qualcuno sa dirmi come può essere collegata al mio impianto?può andare direttamente nel boiler (quindi sarebbe a vaso chiuso) o necessita di altri scambiatori?
Inoltre io tutto l'impianto lo faccio lavorare a temperature basse,nel senso che nella parte inferiore dell'accumulo mantengo una temperatura di 42 43 gradi che salgono a 45 46 nella parte superiore dove avviene il prelievo dell'acs. Ciò comporterebbe un funzionamento della caldaia a temperature più basse,nel senso che sarebbe sufficiente farla lavorare a 50 55 gradi per avere gia le temperature che a me servono. Può questo influire sulla durata della macchina e causare problemi di condensa e corrosione? Grazie a tutti per le risposte.

P.s. Ultima precisazione.Voi tutti parlate della 30 kw ma io sarei orientato alla 45 kw.Questa permette di inserire tronchiu piu grossi e non è un vantaggio da poco.1000 litri di accumulo sono sufficienti o sono pochi per una caldaia di tale potenza?

Dott Nord Est
23-04-2016, 13:32
1000 lt possono essere insignificanti nel momento in cui la casa assorbe pochi kw, possono essere tanti se la casa assorbe tanti kw....
quindi tanti o pochi non si dice a caso, ma vanno dimensionati.

monelli
26-04-2016, 12:24
Le mie domande erano comunque orientate a capire il funzionamento in generale,non tanto quello della fase iniziale che sicuramente potrebbe richiedere settimane di prove e aggiustamenti. Mi domando tipo lo svuotamento delle ceneri ogni quanto va fatto,considerando che cercherei di far funzionare la caldaia il più possibile a legna.I cassetti sono comodi capienti? e soprattutto ho visto che nella caldaia Frolig c'è un sistema che quando il cassetto ceneri viene estratto c'è come un coperchio che lo chiude in automatico ed evita dispersione di polveri. La pulizia dei condotti ogni quanto va fatta?e agevole?e anche in questo caso la ventola di aspirazione funziona per cui si evita polvere? chiedo cio perchè nel periodo invernale nel locale termico a volte stendo anche il bucato per cui vorrei evitare che diventi una grossa polveriera.



La CLP non ha un vero e proprio cassetto per le ceneri estraibile, ma queste cadono nella parte inferiore della caldaia (dove c'è il braciere del pellet).
Poi sono da levare con una paletta o con un aspiratore.
Io generalmente con il funzionamento a legna pulisco la cenere e passo lo scovolo nei fasci tubiferi una volta la settimana. Mentre una volta ogni 15 giorni pulisco anche dietro (ci sono due aperture dove esce della cenere).
No, la ventola di spirazione non gira quando si apre il portello di sotto, quindi sì, si fa un pò di polvere.
Non puoi paragonarla alla Froling, questa è una caldaia grezza!

cippato mon amour
26-04-2016, 22:15
Ciao a tutti.
Nel mio paese di circa 1000 abitanti un "venditore da fiera" ne ha installate tre di quella marca che citate a pellet...
Ho avuto l'onore di toglierne una per disperazione in quanto sovradimensionata, senza accensione elettrica automatica (il pellet pirolizzava nella camera di combustione) lo scambiatore di sicurezza era collegato per produzione di ACS, canna fumaria in inox con elementi montati al contrario che colavano catrame (soprattutto in estate) ecc.ecc.ecc.
Non dico che la colpa sia della ditta che la produce, ma certo che comunque mettere sul mercato caldaie a pellets senza possibilità di accensione automatica (e quindi non si può nemmeno applicare un puffer) mi fa un po pensare...
Morale della favola? in paese la "vox populi" è stata per anni che "il pellet non va bene...bisogna pulire, sporca ecc.."
Due su tre dei poveri "pizzicati" si è ri-convertito al metano per disperazione...Qualche buon impianto a pellet che sta funzionando da alcuni anni fortunatamente sta smentendo queste prime esperienze negative ed anche il passaparola si sta orientando verso questa alternativa.
Così...tanto per riportare un'esperienza.
Ciao a tutti.

Dott Nord Est
26-04-2016, 22:24
Non dico che la colpa sia della ditta che la produce, ma certo che comunque mettere sul mercato caldaie a pellets senza possibilità di accensione automatica (e quindi non si può nemmeno applicare un puffer) mi fa un po pensare...


indipendentemente dalla marca, caldaie meccaniche senza accensione automatica e con puffer ne ho montate a centinaia.... con ottimi risultati.
magari non hai una casistica così elevata per giudicare con spirito critico adeguato.
il problema non sta nella meccanica o elettronica, ma in tutto il resto che ci sta attorno.....
in privato ti allego un link dove puoi vederne "qualcuna".....

monelli
27-04-2016, 09:13
Lì non puoi dare la colpa alla caldaia ma solo all'impianto che ti è stato fatto...

Una cosa, cosa intendete per accensione automatica?
In pratica a pellet quando tutto è in temperatura la caldaia si spegne proprio e poi si riaccende? La mia invece tiene sempre la brace e va in auto-mantenimento?
Oppure proprio bisogna fare un fuoco ed accendere il pellet a mano la prima accensione?!?!

Dott Nord Est
27-04-2016, 11:45
monelli, una meccanica la accendi a mano (ad esempio con la diavolina) solo a inizio stagione, poi si arrangia tutto da sola.
la caldaia mantiene la brace anche se è meccanica

monelli
27-04-2016, 13:43
Ecco capito, quindi la mia CLP la posso considerare meccanica, la resistenza accende il pellet automaticamente solo alla prima accensione (quando premo il pulsante) poi continua a tenere la brace... Non si spegne più e la resistenza non si attiva più.

Dott Nord Est
27-04-2016, 14:33
è un'elettronica, che poi lavora con una meccanica.
una meccanica pura non ha la candeletta, e la prima accensione la fai con il fiammifero....

cippato mon amour
27-04-2016, 21:08
Dott. nord est
Non serve vedere centinaia di caldaie per farsi un'idea.
Una caldaia a pellet che non ha la possibilità di accendersi automaticamente (intendo con una candeletta elettrica) è una caldaia che per forza di cose pirolizza il pellet al suo interno producendo catrame e fumi che incrostano.
Non ce l'ho con la meccanica o l'elettronica, con le caldaie con o senza sonda lambda ecc. ma a mio avviso una caldaia a pellets in grado di accendersi e spegnersi da sola , ovviamente abbinata ad un impianto fatto bene è il minimo sindacale.
Ho installato lo scorso autunno una thermorossi compact che è meccanica e va benissimo, niente da dire.
Quelle che sono state rimosse vanno bene se dal momento che le accendi al momento in cui le spegni funzionano a regime...già il fatto di doverle accendere con diavolina o altro...penso che sia come se oggi si facesse avviamento alle auto con la manovella...
O sbaglio?

Dott Nord Est
27-04-2016, 21:35
cippato.... l'accensione con la diavolina si fa a inizio stagione e stop...
vedi cippato, dalla mia ho la grandissima fortuna di aver centinaia e centianaia di impianti fatti, con caldaie meccaniche, elettroniche, a legna, a cippato, a quello che vuoi....
questo mi porta ad avere una visione molto ampia.....e a poter affermare che quello che tu dici è distante anni luce dalla realtà.
quando mi scrivi "Ho installato lo scorso autunno una thermorossi compact che è meccanica", scusa ehh...ma sarebbe questa la tua casistica? una o due caldaie meccaniche installate all'anno ?? :cry:

poi, come sempre dico, libertà di opinione, per tutti.....

cippato mon amour
04-05-2016, 21:32
Dott nord est, non ho intenzione i fare polemiche, ma di rendere utili e disinteressate informazioni agli utenti del sito.
Posso dirti che dalla mia invece ho la grandissima fortuna di incontrare frequentemente molti clienti (spesso compaesani o di paesi vicini) soddisfatti, coi quali scambio opinioni e cerco di arricchire il mio bagaglio di esperienza, cercando di trasmetterlo poi anche, mestamente, a chi ne ha bisogno anche attraverso il forum.
Preciso che sono installatore appassionato di biomasse e non venditore, pertanto se ho installato una meccanica l'autunno scorso, non vuol dire che metto una caldaia l'anno, ma ne ho messa una di quel tipo. Non ho citato la solarfocus therminator II della scorsa settimana, l'hargassner a cippato di 20 giorni fa, oltre ad impianti a pavimento, sanitari e quant'altro.
Pertanto la valutazione che ho fatto nei post precedenti nasce da una esperienza maturata sul campo ascoltando i clienti anche dopo mesi e anni dall'installazione, non fotografandoli felici il giorno dell'accensione.
Grazie per la concessione della libertà di espressione, la mia forse ancor più libera dato che sotto il mio profilo non ci sono sponsor.
Cordiali saluti.

Dott Nord Est
04-05-2016, 21:39
cippato.... il mio appunto era per la tua affermazione "con una meccanica non si può abbinare puffer", che è del tutto inesatta.
tutto qua, sponsor o non sponsor (in quanto qui non si parla di marca o ditta, ma di principio)
inoltre, tu ben scrivi che ne hai messa una di quel tipo (meccanica).... io di quel tipo ne ho messe qualche centinaio.... magari ho una casistica un pò più elevata di te, non credi ?