PDA

Visualizza la versione completa : Accumulatori al litio al posto del piombo senza modifiche



amos_trooper
16-10-2010, 13:47
http://www.lipotech.net/industria/images/stories/LTE/Catalogo%20LTE.pdf

guardate un po' qui. come è possibile? non si deve nemmeno cambiare il caricabatterie.
sul mio scooter ci stanno addirittura quelle da 45 Ah e avrei ancora 20 Kg in meno da portarmi in giro.
Amos.

amos_trooper
27-10-2010, 07:20
nessuna risposta? nessuno può aiutarmi?

carest
27-10-2010, 23:05
Se la tua domanda è "come è possibile", la risposta è direttamente nella seconda pagina del pdf che hai linkato; se vuoi sapere come vanno, l'unica è provarle... io attualmente attendo ancora (anche se sono convinto che funzionino perfettamente), perchè hanno il piccolo difetto del costo:
Serie LTE 12V (http://www.lipotech.net/storeindustria/index.php?cPath=123_131&osCsid=9876018c1d56eb735db652a8fb81ff9c)

Spuzzete
28-10-2010, 19:46
Ciao,

la butto lì: visto che il prodotto si trova in Italia perchè non proporre un "test" delle batterie sul forum?
Se poi il prodotto si rivela valido si potrebbe organizzare un gruppo d'acquisto sul forum per far scendere i prezzi, che comunque mi sembrano in linea con le altre batterie al litio che si trovano all'estero (calcolando costi d'importazione/dazio/iva/balzelli vari + elettronica di controllo).

Ciao,

Jac

amos_trooper
28-10-2010, 20:56
quello che mi lascia perplesso è la ricarica. caricare le batterie al lito con un caricatore inadatto non dovrebbe ridurre la vita delle batterie?

l'altra cosa è l'autonomia effettiva.
mi spiego:
il mio scooter ha 5 batterie al piombo 60V nominali, in realtà sono 68V (ogni batteria arriva a 13.7 V quando è carica a circuito aperto).
la tensione minima è 59V (11.8V a batteria)

le batteria al litio in questione hanno come tensione minima 10.5 V

se metto le batterie al litio senza cambiare questi parametri potrei avere un'autonomia ridotta per colpa di una taratura errata del cut-off (probabilmente a vantaggio dell'aumento dei cicli di ricarica) ???

amos_trooper
28-10-2010, 21:15
Ciao,

la butto lì: visto che il prodotto si trova in Italia perchè non proporre un "test" delle batterie sul forum?
Se poi il prodotto si rivela valido si potrebbe organizzare un gruppo d'acquisto sul forum per far scendere i prezzi, che comunque mi sembrano in linea con le altre batterie al litio che si trovano all'estero (calcolando costi d'importazione/dazio/iva/balzelli vari + elettronica di controllo).

Ciao,

Jac

se per test intendi che voi prendete accordi, poi io posso montare le batterie sul mio scooter per un paio di anni per farci 15000 km o più.... bè io ci sto:dev:

vi assicuro che vi tengo aggiornati settimanalmente sul funzionamento, pregi e difetti....:worthy:

in effetti il prezzo è in linea con gli altri prodotti, ma la mancanza di elettronica dedicata mi lascia un po' perplesso...

carest
28-10-2010, 23:47
quello che mi lascia perplesso è la ricarica. caricare le batterie al lito con un caricatore inadatto non dovrebbe ridurre la vita delle batterie? Nel documento è dichiarata una vita (2000 cicli con DOD 85%) inferiore rispetto alle altre tipologie con il BMS (3000 cicli al 70%).



l'altra cosa è l'autonomia effettiva.
mi spiego:
il mio scooter ha 5 batterie al piombo 60V nominali, in realtà sono 68V (ogni batteria arriva a 13.7 V quando è carica a circuito aperto).
la tensione minima è 59V (11.8V a batteria)
le batteria al litio in questione hanno come tensione minima 10.5 V
se metto le batterie al litio senza cambiare questi parametri potrei avere un'autonomia ridotta per colpa di una taratura errata del cut-off (probabilmente a vantaggio dell'aumento dei cicli di ricarica) ???
L'unico vero problema che avresti è che la tensione massima può arrivare a 16 volt, quindi anche 80volt totali.... occorre verificare che l'elettronica non abbia problemi a gestirla.

Spuzzete: in realtà si trovano a San Marino, che è uno stato indipendente da molto più tempo rispetto all'Italia.... certo che da me distano 100 km, mentre l'Australia è dall'altra parte del mondo... :bye1: adesso dovrebbe essere primavera da te, mentre qui stanno iniziando le prime nevicate.

Spuzzete
29-10-2010, 06:15
se per test intendi che voi prendete accordi, poi io posso montare le batterie sul mio scooter per un paio di anni per farci 15000 km o più.... bè io ci sto:dev:

vi assicuro che vi tengo aggiornati settimanalmente sul funzionamento, pregi e difetti....:worthy:

in effetti il prezzo è in linea con gli altri prodotti, ma la mancanza di elettronica dedicata mi lascia un po' perplesso...

@amos_trooper Scherzi a parte, penso che se vuoi si può fare. Ma i test vanno fatti in modo accurato e seguiti da persone qualificate, tutte capacità che questo forum ha.Insomma bisogna buttare giu un progetto serio. Prova a contattare gli admin e vedere cosa ne pensano, soprattutto un certo admin che di accumulatori ne sa qualcosina.

@ Carest. Pensavo anche al fatto di avere un bms e dei balancer per ogni singola "batteria" da 12v in modo da gestire meglio e avere sotto controllo la carica/scarica.
Per il fatto che poi si trovano a S.Marino penso non rappresenti un problema per acquisto e spedizione. Sicuramente non è così complicato come dover acquistare in cina.

Ora mi trovo in California per la vendemmia, torno a casa per Natale solo per le vacanze e poi riparto per un'altra vendemmia in Australia.

Un saluto a tutti dagli U.S.A. :bye1:

Jac

amos_trooper
29-10-2010, 07:26
L'unico vero problema che avresti è che la tensione massima può arrivare a 16 volt, quindi anche 80volt totali.... occorre verificare che l'elettronica non abbia problemi a gestirla.



questo non è un problema reale, il mio caricatore per le Pb-Gel è da 69V (misurata ai terminali senza carico) 5A, non potrebbe mai portare delle batterie da 58.5-59V (a livello di cut-off della centralina a 80V)

però anche qui mi sorge un altro dubbio, il mio caricatore da 69V, oltre a non essere un caricatore dedicato, e quindi potenzialmente indatto elettronicamente, può caricare batterie da 16V fornendone 13.8??? io direi di no....

carest
29-10-2010, 11:48
amos, con il tuo caricabatterie ricaricheresti non completamente le nuove batterie, quindi otterresti una autonomia inferiore.

Spuzzete, quindi sei un produttore di vino "mondiale"?
Si, non ci sarebbero problemi per S. Marino; ho anche un collega che ci abita.
Per la prova proviamo a chiamare l'admin (e anche a darci un suo giudizio su queste batterie):
GATTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTTT
. MESSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSSS

Spuzzete
29-10-2010, 17:23
questo non è un problema reale, il mio caricatore per le Pb-Gel è da 69V (misurata ai terminali senza carico) 5A, non potrebbe mai portare delle batterie da 58.5-59V (a livello di cut-off della centralina a 80V)


Se la centralina è programmabile si possono cambiare i valori di cut-off (scarica) in cui la centralina limita o azzera il passaggio di corrente verso il motore. Altrimenti si può sempre cambiare la centraliana con una dedicata.

Stesso discorso vale per il CB. Credo che entro certi limiti si possa cambiare il voltaggio di uscita,altrimenti si acquista un cb dedicato ( mi pare sia sui 250 euro il modello da 1kw sullo stesso sito dove vendono le bat. )


@ carest il vino lo analizzo :) anche se qui in California ho cominciato a fare un po' di vino.

amos_trooper
31-10-2010, 21:11
il grafico del'andamento della scarica a 1C indica che il voltaggio parte da12.8V (e non da 16) e che fino ai 12V la capacità è 8/9 rispetto alla scarica fino a 10V quindi il cut-off che ha la cantralina va benissimo, scaricherei le batterie un po' meno rispetto al valore richiesto dal costruttore senza perdere molta autonomia. quindi la centralina non dovrebbe essere un problema.

mi chiedo se caricare le batterie da 64V con un caricatore che ne fornisce 69v con una corrente di 5Ah sia adatto, ma a quel punto cambaire anche il caricatore non è una spesa proibitiva.

gattmes
02-11-2010, 09:24
Eccomi qua...
..arrivate un po' in ritardo.. sono già 3-4 anni che "esistono" quelle batterie.

Le avevo prese in considerazione (e sufficientemente "stressato" il buon Brandon allora alla TS).

Queste batterie sono adatte all'uso automobilistico (batteria d'avviamento), non proprio per quello VEL.
Qualcuno (dalle mie parti...) che ha voluto insistere nel loro impiego "trazione elettrica" sui suoi prodotti... si vocifera (voci di "corridoio") che sia stato alle prese con una bella detonazione (cosa ormai quasi impossibile col le odierne batterie al litio... quasi.. probabilmente sono state ben stressate), ripiegando poi quindi verso il vecchio piombo.

Come sapete (forse...) esiste una bat, che è stata testata a livello "embrionale", che permette quella sorta di sostituzione metti-e-leva.

Però dovete comprendere che un conto è un centro di ricerca, un altro è una SOLA persona che deve anche preoccuparsi di generare (+-) degli introiti economici con una canonica occupazione (e di questi tempi...), introiti che sono vitali anche alla stessa "ricerca" (questi sono "giocattoli" costosi...)
Ponderare tuttavia ha anche lati...diciamo... "propedeutici"!
Infatti tal volta giungono le "illuminazioni" celestiali (di solito in ...riunione di gabinetto...) ed anche le innovazioni di prodotto, vedi i nuovi elementi delle "terre rare" (ittrio, vedi pagina di Wiki (http://%22http://it.wikipedia.org/wiki/Ittrio)) aggiunti nel "sughetto" delle recenti LYP....

amos_trooper
02-11-2010, 12:31
e con il tuo roller litio come va? è un bel po' che non aggiorni il postg dedicato.

gattmes
02-11-2010, 12:50
Il Roller, originariamente equipaggiato con 4x bat 12 V AGM sui 42 Ah e dato per 60 km circa di autonomia, era passato da circa 27 km reali (per l'uso che ne facevo e/o "coefficiente di gattmes") a circa 55 km max con 12-13 x 40 Ah litio "LCP".

Dopo una breve sperimentazione con le 12 x 90 Ah LCP è (/sono... in quanto 2) "fermo", in attesa delle nuove bat.
Fermo anche perchè -da solo- non posso contemporaneamente portare avanti prove su ibrido, auto elettrica... ed anche scooter.. nello stesso tempo ...tempo in cui (oltre che anche "guidare" in contemporanea più veicoli :bored:) dovrei pure progettare.... ma anche lavorare, perfino studiare (quest'anno mi è "toccato" pure questo)... oltre a tutte le altre "normali" cose che fanno parte della comune "vita" (e poi non ho citato il tempo dedicato a EA e affini)...
... Avessi a disposizione io un Termini Imerese! (Mi avrebbero già fatto fuori per... eccessivo disturbo alla quiete.... economica)
[detto questo > sono un grande fun di Re Salomone!...].

amos_trooper
03-11-2010, 12:55
visto che ci troviamo ti "spremo" per bene e ti chiedo anche delle batterie NiZn. non ne trovo in commercio. esistono ancora?

ho letto anche i link sui produttori di batterie ma molti sono offline (o lo erano nelle occasioni in cui ci ho guardato)

gattmes
05-11-2010, 13:19
prova a rivedere ora l'elenco.... oltre alla già nota (x me) Rigel.. o aggiunto un a"new entry"...

amos_trooper
05-11-2010, 20:47
agiungerei anche questi:
Welcome to Zinc World - your Web Resource for all things Zinc (http://www.iza.com/batteries.html)

amos_trooper
13-11-2010, 08:06
ho deciso di rimanere sul piombo ancora un po'.
alla fine di una lunga ricerca non ne sono venuto a capo(per ora)
cambio le 2 batterie che sono più in crisi e vado avanti ancora qualche migliaio di chilometri.

intanto aspetto che qualcuno si inventi qualcosa....

già che ci sono faccio qualche modifica per poter mettere un pacco batterie di riserva nel sottosella.

Leonardon
24-11-2010, 03:36
Ieri sera sono arrivato a quota 1.344 brevetti studiati nel mondo batterie e fuel cell.
Certo che c'è di tutto: dalle celle agli ioni di stronsio alle fuel cell al bromuro.
Ma come mai certe batterie sono sparite?
Non funzionavano? Ma i brevetti non devono essere verificati?
E quelle assegnate al governo USA?

E perchè pur sapendo che il litio è poco e non basterà, tutti come pecoroni a fare LiPO o LiFePO4 o LiFeYPO4 ecc. ecc.?

Mah!

amos_trooper
24-11-2010, 07:26
E perchè pur sapendo che il litio è poco e non basterà, tutti come pecoroni a fare LiPO o LiFePO4 o LiFeYPO4 ecc. ecc.?

Mah!

i motivi sono molti, sicuramente:
1) la tecnologia è valida
2) è abbastanza economica tenendo conto che siamo agli inizi
3)è versatile, so possono ottenere scariche da 0.5C a 20C
4) è leggera e molto adatta al mondo del modellismo e dei veicoli elettrici

probabilmente:
5)c'è qualcuno molto inflente che guadagna da questa cosa, magari proprio sui brevetti...

Leonardon
24-11-2010, 16:10
E' la migliore, ma per accontentare tutti ce ne voglioni anche altre.
Saluti

omaccio
24-11-2010, 21:14
Bè, diciamo che come detto in precedenza non esiste una batteria litio pronta a sostituirne una all'acido senza cambiare qualche parametro nei settaggi elettronici.
Basta dire che una cella all'acido ha tensione nominale 2 volt, mentre una al litio 3,7, il che mi porta a pensare che posso utilizzare parametri simili se parlo della tensione (sempre nominale di 74 volt).
Tutto questo però non tiene conto della tensione minima di una li-po o litio che è diversa dalle acido(cosa di persè gravissima in quanto rischio di buttare via il mio pacco se scarico troppo le mie celle)

Per quanto riguarda le prestazioni sono nettamente superiori quelle litio, noi le utilizziamo per provare i motori che realizziamo e vi assicuro che batterie di 300 grammi tirano fuori anche 150A...rapporto peso prestazioni è eccezionale.
Meno il prezzo, meno anche la durata ma per alcune applicazioni sono indispensabili!


Ritornando al post iniziale:NON si può caricare una litio o lipo con caricabatteria non idoneo, si rischia L'ESPLOSIONE DEL PACCO!!! efanno un bel botto!!!