PDA

Visualizza la versione completa : Impianto ORC su centrale ad olio vegetale



ruberviridis
07-01-2011, 08:03
Sto realizzando uno studio di prefattibilità (economica) per un impianto ad olio vegetale che sfrutti il calore dei fumi per produrre attraverso un ORC energia elettrica supplementare.
Il problema sorto è questo: il GSE, attraverso il numero verde mi dice che la quota di energia prodotta con l'ORC non può ottenere alcuna tariffa incentivante, nè gli 0,28 € (qualore il totale si mantenesse inferiore al Mw) nè i certificati verdi, ma può essere solo ceduta al prezzo di mercato.
Indagando fra i fornitori di ORC si desume invece che in giro per l'Italia vi sarebbero impianti a olio vegetale con ORC a valle che hanno ottenuto la tariffa incentivante sul totale della potenza prodotta (quindi centrale + ORC come unico impianto).

Qualcuno sa qualcosa di più su questo punto?

In teoria avevo ritenuto (prima di parlare col GSE), forse in modo troppo ottimistico, che essendo l'energia prodotta dall'ORC dovuta al recupero dei fumi di un impianto ad olio vegetale potesse essere trattata alla stregua di quella primaria e godere quindi delle stesse agevolazioni (in fondo è energia prodotta senza immissione alcuna di inquinanti nell'atmosfera). Consideravo l'operazione un pò come un aumento del rendimento complessivo dell'impianto.

Che ne pensate?

bruno335
07-01-2011, 14:59
ciao,
che hai ragione!!
anche noi abbiamo le tue stesse informazioni. Del resto la termica ( più che i fumi di scarico) nn usata per altri scopi, la buttiamo?? Che l'uso "esclusivo" x la prod. di e.e. nn comporti il riconoscimento di cogenerazione è un conto, che nn venga incentivata....è indispensabile leggerlo da comunicazione ufficiale GSE.
Da notare che un ORC è una bella spesa: diciamo :wub2:....... 200mila € in più ???

ruberviridis
07-01-2011, 15:12
Sì Bruno la spesa non è trascurabile, per circa 50 kW supplementari si aggirerebbe intorno ai 180.000 €.
Resterebbe poi da appurare l'affidabilità tecnica di un simile impianto, che per dimensioni così piccole è tutto da dimostrare, (per il momento sto seguendo solo la prefattibilità economico-finanziaria).
Se funzionasse senza troppi intoppi, i 200.000 sarebbero ben spesi, ma se il GSE si mettesse di traverso e si rifiutasse di riconoscere quello che a parere mio è un diritto ci sarebbe da porre un quesito ufficiale all'ente e lasciare che ciascuno si prenda le sue responsabilità.
Se devo essere sincero ho avuto la sgradevole sensazione, ma è solo una sensazione e nulla più, che siccome devono elargire degli incentivi si sentano nelle condizioni di chi fa un regalo e come si sa a caval donato non si dovrebbe guardare in bocca.
Io penso invece che se c'è una normativa di riferimento debbano esistere doveri, diritti e responsabilità.
Concordo con te, il riconoscimento della cogenerazione è un conto la tariffa incentivante è un altro. Ho anche insistito su questo aspetto precisando che non intendevo equiparare la centrale ad un impianto a cogenerazione (anche se........) ma solo chiedere la tariffa incentivante per le centrali a olio vegetale; la risposta che non lascia adito a dubbi è stata: " i kWh prodotti dalla combustione possono godere delle incentivazioni, i kWh prodotti con ciclo ORC possono solo essere immessi in rete a 0,1 €/kwh"

bruno335
07-01-2011, 15:35
La TO per e.e. prodotta con biomasse necessita di I.A.F.R.
SE nn fai cogenerazione -difficilmente- ti viene riconosciuto.A quel punto tutta l'energia prodotta ti viene corrisposta ad esclusione di quella "consumata" per alimentare l'impianto.In un caso ho visto a piè macchina il contatore fiscale del consumo.

ruberviridis
07-01-2011, 15:42
Bruno aspetta non ho capito. Mi spieghi meglio?
A me hanno detto che il riconoscimento o meno della cogenerazione ha attinenza solo con le agevolazioni riguardanti l'iter autorizzativo (ovvero bypassaggio della conferenza dei servizi) non con il riconoscimento della tariffa incentivante. Ti risulta il contrario?

ruberviridis
07-01-2011, 16:12
Ho richiamato il GSE temendo di aver male interpretato.

Come dicevo il fatto che l'impianto sia a cogenerazione o no ha effetto esclusivamente sullo snellimento dell'iter autorizzativo.

Con la cogenerazione si può andare in DIA (o SCIA) mentre senza c'è bisogno della conferenza di servizi.

La TO esula da questo aspetto e viene riconosciuta anche in assenza di cogenerazione.

marcober
10-01-2011, 09:57
Ruber..ritengo che la TO spetti anch per la parte ORC.
Ci sono discussisoni vecchie in proposito dove i più esperti del forum concordavano.
Ho visto poi personalmente un impianto ad olio che ha ORC a valle (oltre 1 mega) e il proprietario mi ha detto che tutta la produzione godeva di stesso trattamento (in quel caso mi pare CV). Non mi pare che per la TO cambi nulla a livello interpretativo..
Infine ci sono impianti a biomassa solida che usano solo ORC..e prendono la TO.. se ci fosse una preclusone "tecnologica" non lo potrebebro fare..

Che marca di ORC stavi valutando?
Marco

ruberviridis
10-01-2011, 15:51
Sì marcober le tue informazioni coincidono con quelle che ho reperito sul campo.
Il problema è il GSE che a domanda precisa ha ribadito (l'ho anche richiamati temendo che l'addetta del numero verde avesse mal interpretato) che solo la porzione di energia prodotta direttamente bruciando olio vegetale può accedere alla tariffa incentivante, mentre la quota prodotta da ORC verrebbe considerata alla stregua di un'energia prodotta da rifiuti (i fumi dell'impianto a olio).
Il buro-ragionamento è allucinante ma ti assicuro che questa è stata la risposta :-(
Dovrò armarmi di pazienza e farmi un viaggetto a Roma. Meno male che non abito a Bolzano o a Enna.
Per gli ORC ti rispondo in PVT.
Ciao

marcober
10-01-2011, 15:56
molto strano..prova a solecitare un intervento pvt a Sulzer, che è molto competente in materia..caso mai dimmi cosa ne pensa lui..Marco

bruno335
10-01-2011, 15:59
ciao,
ci vorrebbe una risposta ufficiale da parte del GSE.
HO chiamato 2 volte il GSE e ho avuto 2 risposte diverse.
D: se quando nn uso la termica per riscaldare il mio capannone e la invio in un ORC, l'e.e. che ottengo è incenticata???
R1 : si, in quanto prodotta da un impianto con qualifica IAFR.
R2: NO, in quanto prodotta con energia termica frutto di un processo già incentivato.

Se qualcuno ha riferimento normativo o risposta da GSE che chiarisca,senza possibilità di equivoco la questione, gli sarò grato.

ruberviridis
10-01-2011, 16:24
Bruno la motivazione di cui al punto R2 è la stessa che ho ricevuto io.
Non la condivido per 2 motivi:
1) Uno tecnico: non è vero che così l'impianto sarebbe incentivato 2 volte, in quanto la quota di e.e. che viene trattata dall'ORC è quella che andrebbe perduta sotto forma di energia termica, non è la stessa su cui ho già preso l'incentivo. Se 100 è l'energia che produco bruciando olio, 50 la trasformo subito in e.e. e ci prendo l'incentivo, su l'altro 50 agisco con l'ORC e tiro fuori un altro 5 su cui ho il diritto di pretendere la TO perchè la fonte energetica è sempre l'olio.
2) Uno da leguleio: se lo spirito della norma è quello di incentivare l'uso di fonti non inquinanti o a basso contenuto inquinante perchè non incentivare impianti ORC che producono e.e. a inquinamento praticamente nullo? In fondo lo si può considerare un modo per aumentare il rendimento complessivo dell'impianto.

marcober
10-01-2011, 16:50
http://www.energeticambiente.it/biomasse/14734863-progetto-impianto-cogenerazione-e-orc.html

io non avrei dubbi..sono andato a vedere qualche discussione passata dove era presenta anche Sulzer, che ho conosciuto personalmete e che ritengo affidabile, dove si discuteva di ORC per uso del termico prendendo al TO.

Ovviamnete non esiste un riferimento Normativo, ma per il semplice motivo che dovrebbero fare un elenco esaustivo di ogni condizione tecnica..ad sempio anche un turbocompressore usa gas di scarico (cioè enrgia che h gia prodotto EE), ma comunque viene utilizzata per aumentare la resa globale dell'impianto..
Comunque non vi sarà difficile fare come me, cioè visitare un impianto che usa ORC e farvelo confermare dal gestore..nel mio caso prendeva i CV, ma non cambia rispetto TO..

Nele istallazioni basate su turbine (alimentate da biogas), l'uso di cicli (a vapore) alimentatai da gas scarico turbina sono la quotidianità..a nesuno verrebeb in mente di pensare che la parte generata da altrnatore principale sia IARF e quella del generatore ausiliario a cascat non lo sia (a parte ovvio a qualche entralinista del GSE)..

Marco

bruno335
10-01-2011, 17:03
ciao,
concordo con VOI nel ritenere l'e.e. dell' ORC sia incentivabilissima.....anzi, visto l'investimento x questo recupero dovrebbe avere un incentivo maggiore.

Sulzer1
10-01-2011, 18:41
Rispondo senza aver letto tutto perchè non ho tempo e devo andar via. Penso di aver interpretato i dubbi
GSE da questo parere ufficiale
1) ORC montato contemporaneamente al motore diesel e autorizzato in C.d.S per potenze > di 1 Mwe prende i C.V. ( si tratta di un ciclo combinato )
2) ORC Autorizzato su un impianto < a 1Mwe ( motore 850 kwe e ORC 100 Kwe ) prende Omnicomprensiva
3) Impianto autorizzato senza ORC
a) montaggio successivo senza autorizzazione non gode di CV o Omnicomprensiva
b) Passaggio successivo in CdS (refreshing) e successivo montaggio di ORC , gode di CV o Omnicomprensiva.
Per delicatezza non pubblico il parere dello scorso anno della funzionaria GSE al mio quesito ma ne ho descritto il sunto.
ps
Se la centrale fosse stata autorizzata per una potenza maggiore di quella effettiva e poi la potenza autorizzata fosse raggiunta con un ORC rischierebbe la contestazione da parte di GSE

ruberviridis
11-01-2011, 09:25
Grazie Sulzer. In effetti quanto dici spiegherebbe le risposte random che si ottengono telefonando al numero verde.