PDA

Visualizza la versione completa : Arca Granarola o Froling P4



Pagine : [1] 2

Dover
06-02-2011, 19:38
Buongiorno, sono quasi arrivato alla scelta della caldaia. Ho finalmente deciso di prenderla a pellet. Ora vorrei solo capire se le caldaie Austriache funzionano solo con pellet di ottima qualità o anche con altri? Non che voglio bruciare qualsiasi porcheria che trovo, ma se per caso ordino del combustibile che in realtà è meno buono di quello che pensavo lo brucia o lo devo buttare via perchè intaso la caldaia? In alternativa mi hanno proposto la caldia dell'Arca, che inizialmente avevo scartato, perchè mi piaceva meno della P4, non ha la pulizia automatica e soprattutto ha il magazzino pellet sopra la camera di combustione.
Al di là di questo come funziona ha la combustione delicata come le austriache?
Spero che qualcuno di voi abbia esperienza diretta con queste 2 caldaie e mi possa dare dei graditi consigli.

turbogen
06-02-2011, 19:56
beh, dover, io posso parlarti dell'arca, se ti interessa...per quella che è la tua perplessità sul funzionamento solo con pellet supercertificato posso assicurarti che non è così, un mio cliente sta avendo problemi con una fornitura di royal pellet, in pratica fino a un mesetto fa poteva pulirla tranquillamente ogni settimana-settimana e mezza trovando solo cenere, invece con questi ultimi due bancali si forma del vero e proprio carbone-catrame e deve pulirla ogni 4 giorni(operazione velocissima, circa 10 minuti), la caldaia però rende e scalda ugualmente...il magazzino sopra la caldaia non so che svantaggio dia, anzi la coclea non lavora a"bagno"nella cenere o a contatto con la brace ed è praticamente eterna..... se hai altre domanda sull'arca chiedi pure.ciao:bye1:

Dott Nord Est
06-02-2011, 22:44
ciao dover
se vuoi un compromesso tra le austriache e le italane, dai un'occhiata alla mini K25, ora con pulizia semiautomatica dei fasci tubieri.
quindi, per la pulizia si svuota solo il cassetto della cenere e stop.

buran001
06-02-2011, 23:22
Ciao Froling P4 altrimenti se non sono troppi 25 kw c'é la Turbomatic che in emergenza puo anche andare a legna!
poi ci sono altre marche... e pure Italiane
Ciao

Dover
07-02-2011, 07:01
Rispondendo a buran la Turbomatic non ci sta nel mio locale caldaia.
Invece per quanto riguarda il magazzino pellet sopra il bruciatore, cosa succede in caso di incendio?

turbogen
07-02-2011, 07:04
dover, quanto sei pessimista.......che sappia io non è mai successa una cosa simile(a un'arca di quel tipo), poi o sopra o di fianco non ci vedo tutta sta differenza in caso di disgrazia, se ti tocca ti tocca, non c'è niente da fare.....

Dott Nord Est
07-02-2011, 07:25
dover, quanto sei pessimista.......che sappia io non è mai successa una cosa simile(a un'arca di quel tipo), poi o sopra o di fianco non ci vedo tutta sta differenza in caso di disgrazia, se ti tocca ti tocca, non c'è niente da fare.....

emm emm, l'azienda è seria in quanto in caso di incidente fà garanzia.... ma succede.
come ben si legge, se tocca tocca.
diciamo che con il serbatoio carico per caduta, si hanno limiti nei combustibili. Infatti, non tutto può essere caricato in quel modo. In caso di combustibili molto fini e polverulenti, il pericolo di incendio è maggiore (nel tubo che collega la testa della coclea e la camera di combustione, in caso di combustibili particolari, può formarsi sulla parete una patina che si può incendiare e risalire).
questo cmnq può succedere ad esempio anche su un carico laterale dove per errata regolazione non si fà mai girare la coclea per delle ore mentre l'aria comburente continua a soffiare)
diciamo quindiche sono due concezioni diverse di carico, con pro e contro.

turbogen
07-02-2011, 07:33
granola manuale, caldaia totalmente diversa, il serbatoio è a fianco della caldaia, non granola automatica....qui si parla di granola automatica....
con la tua correzione è un tantino meglio......

Dott Nord Est
07-02-2011, 07:45
si parla di concezione di carico, non della specifica caldaia.
cmnq sempre da evitare, secondo il mio umilissimo parere, serbatoi sopra la caldaia.......
dall'alto è consigliabile caricare solo il mais,in quanto ha una T° di combustione + alta, e quindi difficilmente incendiabile per risalita calore.

Dott Nord Est
07-02-2011, 07:53
infatti, anche tutte le + note marche teutoniche (KWB, froeling, okofen, gilles, ecc ecc) hanno vari tipi di carico, dall'alto e a coclea, dipende....
ma in qualsiasi caso MAI hanno il serbatoio posto sopra la caldaia, ma lateralmente.
questo appunto per evitare risalite possibili di combustione.

turbogen
07-02-2011, 10:43
bene, scendiamo sul tuo piano....
dover, rileggiti un pò di discussioni sulle tatano, sul fatto che per pulirle a fine stagione devi smontare mezza caldaia, sul fatto che se non usi pellet strabuono ti si forma un sacco di robaccia nel braciere(sembra che vada bene solo l'agrifire)...il forum ne è pieno di gente con problemi di taratura e altri difetti vari, invece di problemi riguardanti arca, d'alessandro e altre marche non meno presenti(intesi come numericamente installate),non mi sembra che siano altrettanto presenti,se questa non è una cosa che deve fare pensare...
mi scordavo, sull'arca vale la stessa considerazione fatta in'un'altro post, più di diec'anni che è prodotta e zero problemi......per la serie fatti, non p.....

Dott Nord Est
07-02-2011, 11:28
allora, non capisco sempre e cmnq questa "battaglia" nei miei confronti.
che sia tatano, d'alessandro, pasqualicchio, o altro, sempre caldaie sono. La caldaia è un pezzo di ferro che è l'utlima cosa da incolpare se uno ha problemi (a meno che non sia una caldaia fatta dal primo rigattiere che capita....). Che centra è quello che stà attorno, le regolazioni, l'impiantistica, il combustibile, ecc ecc, X TUTTE !!!
le mie sono ne + ne - come le altre.
come devo dirtelo.......
a parte dire che le tue sono migliori di altre, o viceversa, si devono portare dati, foto, testimonianze, realtà......
tutto qua.
basta basta basta (3 volte), per favore, per favore, per favore (3 volte) evitiamo di intasare il forum di sciocchezze come queste !!!!!!!!!!!!!!
hai pareri e opinioni? scrivile e documentale, stop.

turbogen
07-02-2011, 11:35
ho risposto solo a tema paragonandomi alle tue risposte, nulla più nulla meno, lo stesso comportamento che io tengo con te tu lo tieni con me, ci ripaghiamo della stessa moneta, non è piacevole, questo lo ammetto, ma io a passare da fesso non ci sto, lo stesso vale x te....come già ti dissi, se tu non avesti iniziato a criticare pretestuosamente(perchè questo è, non siamo tutti stupidi) per tutta la mattinata arca(o quello che dico io, è la stessa cosa), io non avrei speso nessuna parola per tatano......
detto questo, per me se vuoi finisce qui,quello che dovevo dire l'ho già detto.ciao:bye1:

Dover
07-02-2011, 11:36
dover, quanto sei pessimista.......che sappia io non è mai successa una cosa simile(a un'arca di quel tipo), poi o sopra o di fianco non ci vedo tutta sta differenza in caso di disgrazia, se ti tocca ti tocca, non c'è niente da fare.....

Anche mia moglie mi dice che a volte sono pessimista, ma in realtà lavoro come collaudatore in una azienda italiana e parte dei miei studi riguardano proprio i malfunzionamenti e i problemi che si possono avere sui bruciatori a gas e gasolio. Quindi sono abituato a considerare ogni possibile problema che può esserci e le cause.

turbogen
07-02-2011, 11:41
dover, fai benissimo, io del mio posso dirti che quella caldaia il problema da te descritto in più di 10 anni non lo ha mai sofferto, tra l'altro è una filosofia seguita da molti quella del serbatoio sopra, tipo thermorossi, ecofaber, ecc.....sicuramente nomi altrettanto noti e caldaie altrettanto ipercollaudate ed iperinstallate, ma quel problema non si è mai presentato....se hai domande o perplessità chiedi pure, sono ben felice di risponderti.ciao:bye1:

Dott Nord Est
07-02-2011, 11:41
dover, concordo.
allora ritornando al discorso, INDIPENDENTEMENTE dalla marca, io (una mia opinione) ritengo che avere il serbatoio del pellet o altro direttamente sopra la caldaia, che per remoti motivi (mancanza di energia elettrica, intasamenti, carico esagerato di legna, ecc ecc) la fiamma e il calore andando sempre verso l'alto (legge fisica) possa remotamente risalirmi il condotto...... beh, a parità di possibilità preferisco averlo di lato o in altra stanza.

turbogen
07-02-2011, 11:45
dr, se manca la luce il ventilatore si spegne, la fiamma di conseguenza si spegne quasi istantaneamente(già sperimentato), se il ventilatore è in funzione invece, ovviamente la fiamma viene tirata verso il camino....

Dott Nord Est
07-02-2011, 11:50
benissimo,
facciamo un'ipotesi:
carichi e stivi tutta la caldaia di legna (funzionamento combinato), la legna si accende ed è al max di fiamma. Parte la corrente (temporale), cosa succede?
Si spegne istantaneamente la fiamma? Cosa impossibile, in quanto nessuna caldaia è ermetica, attraverso il condotto di aria comburente, anche se a ventola ferma, aria passa; inoltre, essendo il camino stracaldo vista la max fiamma della legna, tirerà di conseguenza anche sensa corrente.
Mettiamo però che per magia la fiamma in un millesimo di secondo si spenga, ma rimangono le braci.....
Scusa, ma prima non dicevi che da 80 a 90° ci mette un attimo ad arrivarci anche con le sole braci? E se dentro ci sono kg e kg di legna e braci, il calore cosa fa?
Hai mai visto tetti e sotto tetti incendiarsi solo per la "vicinanza" con la canna fumaria incandescente?

RIPETO, NON PARLO DI MARCHE MA DI CONCEZIONE COSTRUTTIVA.

turbogen
07-02-2011, 11:55
dr, la granola automatica funziona solo ed esclusivamente a pellet!!!!!!
l'avrò scritto un milione di volte!!!!!

turbogen
07-02-2011, 12:07
scusate per il messaggio successivo, ma devo dividere il concetto:premesso che come ho detto sopra il dr non aveva capito di che caldaia parlavamo, in quelle nuove(funzionamento legna-pellet in automatico, la lpa duo matic, non è altro che una aspiro a legna con applicato il bruciatore a pellet nella portina inferiore), il funzionamento sia a legna che a pellet è del tutto impossibile, il bruciatore parte solo quando è finita la carica di legna, e se manca la luce le braci sono nel magazzino legna(superiore), mentre il bruciatore è nella zona fumi(inferiore), quindi il contatto tra il pellet e la legna o le braci non avviene mai..
forse tu ti riferivi alla duo tech, ma anche lì sei in errore, infatti in questa il bruciatore a pellet è sì nel magazzino superiore, ma non è consentito il funzionamento combinato in automatico(se vuoi andare a pellet monti il bruciatore, se vuoi andare a legna lo smonti e applichi al suo posto la flangia-tappo...)
p.s. premettendo che il problema del contenitore sopra, come ben dimostrato, è inesistente, in questi due modelli legna-pellet il contenitore non è sopra la caldaia, lo puoi pure mettere a metri e metri dalla caldaia, il serbatoio è separato....
dr, forse arca la conosco un pelo meglio io.....
p.s: in una caldaia a fiamma inversa, se il ventilatore è spento, di fumo-calore su per il camino non ne va nemmeno un pò, l'inversione di fiamma mica la si fa a tiraggio naturale, passa solo quel pò d'aria tramite i condotti dell'aria primaria che serve a mantenere vive le braci, ma come ho già detto il caldo rimane tutto nel magazzino legna(ecco xchè in due e due quattro, se la pompa impianto e il ventilatore sono fermi, la caldaia arriva a 90 gradi..)
ciao:bye1:

Dover
07-02-2011, 12:12
Invece su Freling sapete dirmi qualcosa le avete mai viste in giro, hanno problemi o no?

Dott Nord Est
07-02-2011, 13:13
dover, usando pellet certificato di buona qualità (e non altro), sono degli orologi....
che costano però !!

Dover
07-02-2011, 16:22
Ma come fai a sapere se il pellet è buomo o no? Non ho mai comprato il pellet, devo guardare sul sito dell' Aiel?

Dott Nord Est
07-02-2011, 16:24
difficile..... molto difficile.....
la prova diretta "taglia la testa al toro".

rpm
07-02-2011, 20:22
ecofaber,
a me con la risparmiola è successo...... per errore mio,:cry: ma è successo... avevo messo un pezzo di legna propio davanti a dove esce il pellet mais..... e si era riempito il tubo di collegamento (plastica giallo corrugato) tra serbatoio e tramoggia... risalito il fuoco.... fuso il tubo che ha scaricato il pellet nella carcassa esterna della caldaia.. e scongiurato il peggio.....il fatto che però sia aspirata e non soffiata credo che sia un vantaggio....:bye1:

bema
07-02-2011, 21:09
buonasera a tutti.io possiedo un' arca granola automatica .sono soddisfatto della caldaia,solo il motore e riduttore coclea trovo siano decisamente rumorosi, oltre a creare delle risonanze sulle pareti dell serbatoio pellet quando è quasi vuoto.(difetti parzialmente risolti mettendo dei tiranti dentro il serbatoio e dei tamponi in gomma sotto il serbatoio).ciao.

leone sandri
08-02-2011, 09:01
Come sicurezza in caso di incendio avendo la caldaia a legna/pellet, io nel locale caldaia ho fatto installare un termostato con una sonda che quando rileva temperatura superiore a 45° dell'aria manda un allarme sonoro nell'abitazione e se non sono in casa è collegato con l'antifurto e mi chiama sul cellulare.

Dover
08-02-2011, 20:42
Comunque se qualcuno vuole suggerirmi altre marche da prendere in considerazione ben venga. Considerate che abito in provincia di Cuneo e vorrei l'assistenza per lo meno in provincia, se no non le tengo neanche in considerazione. Perchè quando si deve vendere tutti son bravi a dirti che vengono entro 24 ore, spingendoti verso la manutenzione annuale per avere la priorità, ma poi una volta pagato il prodotto.....

polluz
11-02-2011, 17:09
Ciao a tutti, mi aggancio a questo post.

Sto dedicandomi alla ristrutturazione di una vecchia casa in zona collinare in provincia di cuneo.

Non ho possibilità di allacciamento al metano e mi stavo orientando su una caldaia a biomasse.

Mi sono fatto fare un po' di preventivi (uno da un idraulico e uno da un rivenditore).

L'idraulico mi ha consigliato e fatto un preventivo per una caldaia a pellet della Paradigma o della ETA da 22 kw (devo scaldare all'incirca 180 mq),
Vi lascio immaginare il prezzo di questa austriaca. Eccessivo.

Da un rivenditore sono andato a vedere un'altra caldaia a pellet di qualità inferiore, Una edilkamin Ottawa da 24kw la quale costa meno della metà (dovrebbe essere un modello nuovo e non ho trovato commenti).

I combustibili di cui dispongo sono legna e pellet. Facendo degli orari lavorativi impegnativi la comodità del pellet e di una alimentazione automatizzata.

Per questo volevo adibire un locale per lo stoccaggio del pellet con coclea o sistema pneumatico di trasporto verso la caldaia.

La versatilità di una caldaia policombustibile che usere principalmente a legna e pellet mi ha fatto incuriosire sulle varie marche di marine italiane. Tatano, d'alessandro, ecofaber e similari.

Essendo l'assistenza fondamentale per qualsiasi tipo di macchina sapete consigliarmi rivenditori e installatori o cat per le suddette caldaie (o anche altre marche, (ho visto l'alpina e mi sembra notevole).

Grazie!

Ciao a tutti e grazie!

polluz

turbogen
11-02-2011, 17:26
ciao, a legna-pellet adesso c'è anche l'arca lpa duo-matic, che abbina il rendimento di una caldaia a legna a fiamma rovesciata con 3 giri di fumo, a un bruciatore a pellet per quando si esaurisce la carica di legna(o quando non hai voglia di usare la legna), con l'elettronica della caldaia hai anche la possibilità di gestire, tramite l'aggiunta di sonde, l'eventuale boiler, o il puffer, e addirittura i pannelli solari....ciao

Dott Nord Est
11-02-2011, 17:35
polluz, intendi montare la caldaia diretta o con accumulo?
e un futuro solare o no?

rpm
11-02-2011, 18:37
I combustibili di cui dispongo sono legna e pellet. Facendo degli orari lavorativi impegnativi la comodità del pellet e di una alimentazione automatizzata.

se l'impianto è fatto bene con un buon puffer ,con una caldaia solo a legna hai la stessa "modulabilità" di una caldaia a pellet..... ovviamente dipende dalla quantità di un combustibile piottosto che di un'altro... se li compri entrambi è un conto... ma se la legna la fai tu con un costo quasi a 0 (solo fittizzio perchè la legna costa comunque sudore!!!!) pensaci bene..... hai la possibilità di installare un puffer? il carburante principale quale sarebbe?? è proponibile andare solo a legna?? (stoccaggio, sporcizia, ecc) se ti ritieni in grado di accendere la caldaia almeno 2 volte a gg ...forse è valutabile......:bye1:

polluz
11-02-2011, 20:42
Prima di tutto grazie per le risposte.

Sono appena uscito da una lunga presentazione delle caldaie tatano da un installatore / rivenditore /idraulico della provincia di Cuneo precisamente a Bra che tra l'altro è dove lavoro.

Mi hanno consigliato una kalorina da 45kw depotenziata a 30kw (se ho capito bene), mi hanno detto che è possibile usare un ambiente con scivolo per lo stoccaggio pellet e che la coclea di alimentazione può essere montata dietro e ai lati della caldaia, precisamente mi servirebbe a sx.

Descrivevano un sistema di pulizia automatica (per evitare di pulire gli scambiatori 2 volte a settimana) che ha un suo costo e che infatti difficilmente vendono.

Utilizzerei un puffer sia per l'acqua sanitaria che per quella dell'impianto a pavimento che mi hanno consigliato in tubo di plastica (con barriera a ossigeno) e non il multistrato che ha bisogno di 2 gradi in più perchè parte del calore viene dissipato appunto dal multistrato.

Come costi, sia per quanto riguarda riscaldamento a pavimento che per quanto riguarda caldaia e punti acqua, sembrano dimezzati rispetto all'idraulico che forniva la paradigma.

Per rispondere a Dott Nord Est e rpm, non è fattibile il riscaldamento solo a legna in quanto lavoro lontano da casa e volevo avere il minimo o comunque un accettabile dispendio di tempo per l'alimentazione e la manutenzione. (la paradigma ad esempio aveva solo necessità di rimozione della cenere una volta al mese e per questo mi veniva in contro).

Come impressione mi ha stupito la versatilità delle caldaie di tipo marino e delle Tatano, andranno quasi sempre a pellet ma nei we la legna del bosco (che potrei tagliarmi da me o fare tagliare) è una opzione da considerare.

Attendo i vostri pareri!


Grazie a tutti!

turbogen
11-02-2011, 20:50
Mi hanno consigliato una kalorina da 45kw depotenziata a 30kw


evviva la serietà.......sai che nel malaugurato di un controllo, o ancor peggio di una disgrazia(non è che voglio essere pessimista, ma bisogna valutare tutti gli aspetti, sia positivi che negativi, di ogni situazione), a quanti problemi puoi andare incontro????
qualsiasi cosa tu ti faccia montare, accertati che corrisponda realmente a quello che è dichiarato come potenza della caldaia,lo dico per evitarti problemi....
ot:mi sa che sta pratica delle caldaie depotenziate è un pò troppo diffusa ultimamente:rolleyes::rolleyes:.....

polluz
12-02-2011, 08:57
Grazie turbogen, lo prendo in considerazione, ma tolto il discorso potenza i miei dubbi rimangono su:

- qualità della kalorina 220x elettronica e sua durata nel tempo
- intervalli di pulizia e efficienza dell'eventuale kit di pulizia automatica (si può aggiungere in un secondo momento?)
- effettivo switch automatico fra pellet e legna e viceversa
- durata nel tempo del tubo in plastica per pavimento radiante rispetto al multistrato (a quanto pare senza giunte sotto al pavimento)
- come dimensionare il locale per lo stoccaggio stagionale del pellet (180 m2 da scaldare + acs)

In sostanza mi pare comunque di aver letto bene di queste caldaie, i prezzi sembrano buoni rispetto alle austriache, insomma cerco la qualità ma non voglio dover vendere un rene essendo già onerose tutte le altre voci della ristrutturazione.

Grazie a tutti!

Dott Nord Est
12-02-2011, 10:43
[QUOTE]
- qualità della kalorina 220x elettronica e sua durata nel tempo
[QUOTE]

penso non ci siano dubbi sulla qualità. Il tempo e i numeri fanno testo....

[QUOTE] - intervalli di pulizia e efficienza dell'eventuale kit di pulizia automatica (si può aggiungere in un secondo momento?)
[QUOTE]

no, deve essere montata in fase di costruzione


[QUOTE]
- effettivo switch automatico fra pellet e legna e viceversa
[QUOTE]

tu puoi benissimo buttare la legna mentre stai andando a pellet. Una volta che le due fiamme si sommano e il calore aumenta, andando in MOD rallenta il pellet e brucia la legna. Una volta che la fiamma della legna cala, e la caldaia esce da MOD, riparte il pellet al 100%.


[QUOTE]
- come dimensionare il locale per lo stoccaggio stagionale del pellet (180 m2 da scaldare + acs)
[QUOTE]

dipende da vari fattori..... che ne sò, prevedi circa 60/70 ql. Dipende dalla zona, coibentazione, T°, ecc ecc

biomassoso
12-02-2011, 11:25
la coclea di alimentazione può essere montata dietro e ai lati della caldaia, precisamente mi servirebbe a sx.
tutte le marine sono similari, e l'alimentazione è reversibile
Descrivevano un sistema di pulizia automatica (per evitare di pulire gli scambiatori 2 volte a settimana) che ha un suo costo e che infatti difficilmente vendono.
lascia perdere dispendiosi pseudo-automatismi, una veloce scovolata e tirare via mezzo secchio di segatura alla settimana non è un dramma
Come impressione mi ha stupito la versatilità delle caldaie di tipo marino e delle Tatano
dimenticati la legna, e per la marca in questione vedi cosa tanti della nostra provincia han lamentato sulla disinvolta assistenza
____________:bye1________________

polluz
12-02-2011, 11:38
Biomassoso in che senso disinvolta assistenza?

Tu che dovresti essere mio vicino di casa cosa consigli?
Quale marca e assistenza sono quotate nella granda?

Grazie ancora!

Senergy
12-02-2011, 11:43
allora, non capisco sempre e cmnq questa "battaglia" nei miei confronti.
che sia tatano, d'alessandro, pasqualicchio, o altro, sempre caldaie sono. La caldaia è un pezzo di ferro che è l'utlima cosa da incolpare se uno ha problemi (a meno che non sia una caldaia fatta dal primo rigattiere che capita....). Che centra è quello che stà attorno, le regolazioni, l'impiantistica, il combustibile, ecc ecc, X TUTTE !!!
le mie sono ne + ne - come le altre.
come devo dirtelo.......
a parte dire che le tue sono migliori di altre, o viceversa, si devono portare dati, foto, testimonianze, realtà......
tutto qua.
basta basta basta (3 volte), per favore, per favore, per favore (3 volte) evitiamo di intasare il forum di sciocchezze come queste !!!!!!!!!!!!!!
hai pareri e opinioni? scrivile e documentale, stop.



Mi permetto di appoggiare ed elogiare questo post, a volte si sentono lamentele o elogi su una marca o un'altra che concettualmente sono uguali e se sono italiane hanno in alcuni casi persino la stessa componentistica, a partire dalla centralina elettronica.
Sono d'accordo con Dott. che solitamente i problemi nascono da tarature sbagliate e mancate direttive date dai rivenditori in fase di prima accensione.. che spesso non viene proprio fatta!

Ciao a tutti.
Enrico

biomassoso
12-02-2011, 12:19
in che senso disinvolta assistenza?


mancata assistenza e/o rimpalli vari.....basta andare a leggere: QUESTO (http://www.energeticambiente.it/caldaie-termocamini-stufe/2859262-caldaie-legna-e-biomasse-tatano-123.html) è un esempio

consigli?....nessuna in particolare che non sono sfacciato, oppure solo in privato, e sempre che questo amico abbia voglia di darti una sua caldaia

la base è che son quasi tutte precise identiche, cosa cambia è solo la pubblicità, più o meno sfacciata, e la visibilità mediatica :D

piccolo appunto: chi ti ha consigliato a BRA una 46 kW per 180 m2 passabilmente isolati ed in più con riscaldamento a B.T. farebbe meglio a cambiar mestiere!

P.S. per prima cosa dovresti farti fare una valutazione energetica da un termotecnico, lascia perdere gli imbonitori...:bye1:

polluz
12-02-2011, 13:33
a proposito di dimensioni caldaia, buttando l'occhio sul sito tatano vedo che non producono più la k2203e ma solo la 2202e e 2204e da 20 e 46 kw.

Dove è finita quella da 30kw?

la 20kw potrebbe essere strettina per la mia casa anche a fronte di eventuali future espansioni.

Immagino che sia per questo che l'idraulico mi ha consigliato la 46 depotenziata.

Ciao!

Dott Nord Est
12-02-2011, 15:40
tra poco saranno rifatti tutti i cataloghi con la nuova versione da 30kw.

biomassoso
12-02-2011, 16:33
non producono più la k2203e ma solo la 2202e e 2204e
Dove è finita quella da 30kw?



la k2203 non è mai esistita

turbogen
12-02-2011, 17:27
oppure esisteva"per vie traverse"(diciamo così:rolleyes::rolleyes:...)
ciao bio:bye1::bye1:

Dott Nord Est
12-02-2011, 17:43
tra poco ci sarà anche nei cataloghi, per buona pace di tutti.

polluz
12-02-2011, 17:55
E' una versione completamente nuova o una depotenziata di fabbrica?
Cosa succede depotenziando una caldaia?
Se è nuova conviene aspettare o prendere la 45 kw depotenziata?

Quando uscirà?


Grazie!

Dott Nord Est
12-02-2011, 17:57
è già in commercio, sono i cataloghi che non sono aggiornati. Tra poco lo saranno pure quelli.

turbogen
12-02-2011, 23:58
la 2203 prendila in considerazione solo se è realmente 30 kw, non 46 "depotenziata" (per modo di dire....), i motivi te li ho già spiegati qualche messaggio sopra..
p.s:lo sai che esistono molti altri marchi di caldaie simil-tatano(nel senso che sono marine)????d'alessandro, ct pasqualicchio, ecc...
la d'alessandro fa una caldaia legna-pellet che un pochino mi piace, la clp, con doppia camera di combustione (una x la legna e una x il pellet)...
ci sarebbe anche arca, ma non è una marina....
ciao:bye1:
p.s:dr, ma perchè scrivi in neretto??????

Dott Nord Est
13-02-2011, 07:17
lutto.... mi è morto il gatto...... :cry:

turbogen
13-02-2011, 10:54
mi spiace, condoglianze:cry::cry:
ciao:bye1:

LuGa59
13-02-2011, 11:37
buongiorno a tutti ,
come consulente tecnico commerciale Froling che abita e lavora in Piemonte , mi sento tirato in causa in questa discussione sui prezzi .

siamo poi così tanto sicuri che il prodotto italiano , accessoriandolo con la tecnologia a bordo caldaia P4 , sia tanto diverso ?

gestione di 2 circuiti miscelati ( ampliabili fino a 18 ) con sonda di temperatura esterna ,
temperatura scorrevole di mandata
non necessita di anticondensa
gestione da centralina di comandi vari ( 3 standard fino a 18 con moduli esterni ) tra cui pannelli solari e deviatrice per altra caldaia in supporto ,
pulizie automatiche degli scambiatori e del braciere
rimozione ceneri a intervalli programmabili max 500 ore di funzionamento
caricamento pellet automatico con gestione di coclea o silos o sonda di aspirazione da un cassone artigianale
gestione puffer e o boiler con sonde .

rimango in attesa dei vs commenti .

polluz
13-02-2011, 13:27
Turbogen, conosco le altre marche la clp della d'alessandro è molto interessante, quello che mi limita nella scelta è la reperibilità in piemonte e soprattutto l'assistenza nelle vicinante. Io sono a saluzzo (CN) mi sembra eccessivo ogni volta in cui ho bisogno di assistenza fare muovere un tecnico da alessandria o posti più remoti, inoltre cercavo un rivenditore / installatore che possa fare anche il resto dell'impianto in modo da non scaricare le colpe a un prodotto o all'altro.

LuGa, la froling è un prodotto ottimo, ma la possibilità di usare ogni tanto la legna mi alletta e come costi mi occorrerebbe un preventivo ma le italiane a spanne sembrano più economiche e posso affrontare una pulizia settimanale (non di più insomma).

Diciamo che l'ottimo sarebbe installarla e dimenticarsene ma la versatilità delle marine (anche se è una tecnologia sicuramente meno innovativa) mi attrae.

In ogni caso se avete nomi o referenze in peimonte e nella mia zona non esitate, anche in pm sono aperto a tutto!

Grazie a tutti!

Dott Nord Est
13-02-2011, 13:29
tutte belle cose, in quanto la froling la conosco molto bene........
belle, funzionali, al top....
ma perchè devo prendere una ferrari per consegnare il pane? casomai prendo una panda.......
poi, se ho soldi a gò gò, prendo pure la ferrari.
forse bisogna partire dall'inizio e chiedere all'utente perchè ha deciso di passare alla biomassa....
cioè, sapere la sua prima esigenza (che penso proprio sia il risparmio.......)

polluz
13-02-2011, 13:32
centrato dott... sto valutando i preventivi per la ristrutturazione e sono cifre che per un 28 enne in carriera sono esorbitanti. Sono dell'idea che la virtù stia nel mezzo. Non prendere pezzi di lamiera da 4 soldi ma nemmeno la ferrari.Sono conscio che dovrò sendere a compromessi. L'importante è valutare quanto questi siano accettabili.

lupakkiotto
13-02-2011, 16:48
....ma perchè devo prendere una ferrari per consegnare il pane? casomai prendo una panda...........)
dott, ma per vendere caldaie non basta la panda?!? o bisogna presentarci con la Jaguar?!?!?....non dico altro....:spettacolo::bye1::spettacolo::bye1:

Dott Nord Est
13-02-2011, 16:54
nooooooooooo, se vado con la panda ci stanno pochi depliants.... :spettacolo:

lupakkiotto
13-02-2011, 17:51
nooooooooooo, se vado con la panda ci stanno pochi depliants.... :spettacolo:
allora ti basterebbe anche un fiorino......:spettacolo::spettacolo::spettacolo:

Dott Nord Est
13-02-2011, 17:54
ho mia nonna inglese.... sai, vuole che segua la sua tradizione, altrimenti non mi dà più la mancia a Natale....:rolleyes::rolleyes::rolleyes:

ma non siamo fuori tema?????

lupakkiotto
13-02-2011, 17:58
......ma non siamo fuori tema?????

se parliamo delle nostre 4ruote sicuramente.... però se paragoniamo la froling con qualsiasi altra nostra italiota no......

Dott Nord Est
13-02-2011, 18:01
ma certo che si !!!
ho già scritto precedentemente che la froling è un'OTTIMA caldaia.
Basta sapere i pro e i contro, tutto qui.
Delle italiote e delle teutoniche.

lupakkiotto
13-02-2011, 18:05
i contro delle teutoniche rispetto alle nostre garibaldine penso siano solo i costi di acquisto, per il resto non credo ci siano paragoni, soprattutto per le marine.....

Dott Nord Est
13-02-2011, 18:05
anche un'altra cosa: l'unico combustibile digerito...

lupakkiotto
13-02-2011, 18:14
dott, io ho preso una marina per la possibilità di poter bruciare più tipi di combustibile e non essere legato solo al pellet, ma dopo cinque mesi di utilizzo a pellet non vedo come si possa pensare di stare a utilizzare combustibile come sansa, nocciolino o altro. dico questo perchè io già mi sono rotto di andare ad abbuffarmi di polvere nociva ogni settimana usando il pellet e se devo pensare di usare gli altri triti che mi costano meno ma devo tribolare di più per pulire mi si rizzano i capelli..... ho vari conoscenti che devono pulire la caldaia ogni giorno usando nocciolino e sansa, ma vogliamo mettere sul piatto anche questo?
anche le nostre care italiote se non ci metti buon pellet sono delle vere rotture....

Senergy
13-02-2011, 20:57
Ciao lupakkiotto, anche io sono tra quelli che bruciano combustibili "alternativi" come sansa e nocciolino, sarà che in Sardegna il pellet difficilmente costa sotto i 4,90 euro!

Comunque anche io ho avuto un amico che doveva pulire la caldaia ogni giorno, perché aveva acquistato della sansa non essiccata, se prendi sansa o nocciolino essiccati (e non semplicemente messi al sole) la pulizia resta settimanale, parola di uno che brucia 220kg di sansa a settimana con l'impianto di riscaldamento acceso 24/24 da ottobre scorso..

Siamo comunque d'accordo che con il pellet la pulizia sarebbe ancora più leggera, per questo dico sempre a tutti che con le policombustibili più lavori e ci dedichi tempo e più risparmi, tutto dipende dalle possibilità economiche e temporali dell'utente.

Ciao a tutti

Enrico

polluz
13-02-2011, 22:06
lupakkiotto, ogni quanto pulisci, quanto ci impeghi? perchè non usi un aspirapolvere adatto?

e soprattuto che caldaia hai?

lupakkiotto
13-02-2011, 22:09
almeno una volta a settimana, ma dipende dal consumo.
l'aspirapolvere adatto ce l'ho, ma non la puoi pulire tutta con quello.
ho una d'alessandro csi30

polluz
13-02-2011, 22:14
Non puoi usarla a legno vero? Mi sembra di aver capito che l'unica che va anche a legna è la clp. Invece mi sembra che le tatano +/- tutte vadano anche a legna (seppure non sia il loro combustibile primario).

Nessuno sa dove reperire le d'alessandro vicino a cuneo?

Domani telefonerò alla fabbrica

lupakkiotto
13-02-2011, 22:18
la cs può bruciare anche qualche pezzo di legno ma non sono nate certo per quel combustibile. la clp dovrebbe essere un buon prodotto.
se vuoi la csi30 a buon prezzo vieni a prendere la mia......devi fare solo qualche km.....

polluz
13-02-2011, 22:19
Come mai la vendi? Con cosa vuoi sostituirla?

lupakkiotto
13-02-2011, 22:24
con una non onnivora, che sporchi meno e che ci voglia meno per pulirla...... tipo una thermorossi compact32

polluz
13-02-2011, 22:37
Leggendo qua è là sembra che abbia qualche problemino soprattutto per i consumi...

Dott Nord Est
13-02-2011, 22:39
lupa, anche la nostra k25 è onnivora e ha la pulizia automatica delle ceneri....
quindi, come vedi anche le italiote possono avere i loro vantaggi.

polluz
13-02-2011, 22:43
Ha la pulizia automatica? Come funziona? E' un optional? che pulizia resta da fare? me la consigli rispetto alla k2203/4 ?

Grazie!

Dott Nord Est
13-02-2011, 22:50
è di serie.
resta solo da scaricare il cassetto della cenere.
se te la consiglio? dipende dal tuo impianto. Se fatto bene e abbinata a un puffer dimensionato bene, scalda senza problemi 250/300 m2.
ecco come potrebbe apparire:

polluz
13-02-2011, 22:52
Non si può alimentare automaticamente prendendo il pellet da un silos in muratura vero?

Non si può mai avere l'uovo e la gallina ;-)

Dott Nord Est
13-02-2011, 22:55
certo che si può, con un carico pneumatico.
fino a 15 mt di distanza e 4 di dislivello.
oppure con una coclea, ma allora il silos deve essere vicino.

polluz
13-02-2011, 23:03
mmmhhhh mi tenta assai, rispetto alla kalorina/E. M mi eviteri la pulizia settimanale e svuoterei solo la cenere... la camera per la legna è un po' più piccola ma non sarebbe l'uso principale. Dove posso trovare un listino per paragonarla alle altre tatano?

Dott Nord Est
13-02-2011, 23:04
vai dal rivenditore di zona e ti dice tutto.
costo di listino, da scontare, è lo stesso della K2203/E.

lupakkiotto
14-02-2011, 06:14
lupa, anche la nostra k25 è onnivora e ha la pulizia automatica delle ceneri....
quindi, come vedi anche le italiote possono avere i loro vantaggi.

avrà la pulizia automatica ma come rendimenti è sempre minore di una tipo quella che ho mensionato... poi non so quanto costa la tua k25, ma sono sicuro che non si scosta tanto da una windhager o froling, e quindi la scelta qui serebbe automatica....
secondo me è proprio il concetto di caldaia marina che non è paragonabile alle altre, indipendentemente da chi le fabbrica

turbogen
14-02-2011, 06:22
ciao lupa,avevo paura che mi diventasti un tatanista:cry: pure te.......
comunque butta un'occhio anche all'arca granola automatica, non è male pure quella.....
ciaooooooooooo:rolleyes:

lupakkiotto
14-02-2011, 06:26
turbo, sarei matto da passare da una d'alessandro ad una tatano, sono di egual concezione. se decidessi di cambiare non mi rifarei certo una marina....

Dott Nord Est
14-02-2011, 07:09
avrà la pulizia automatica ma come rendimenti è sempre minore di una tipo quella che ho mensionato...

un 4/5% annuo su una media di 60 ql, sono circa 3ql..... 60/80 euro annui....

[/QUOTE] poi non so quanto costa la tua k25, ma sono sicuro che non si scosta tanto da una windhager o froling, e quindi la scelta qui serebbe automatica....[/QUOTE]

quanto costa? a parità di potenza, meno della metà....


[/QUOTE]secondo me è proprio il concetto di caldaia marina che non è paragonabile alle altre, indipendentemente da chi le fabbrica[/QUOTE]

nessun dubbio su questo, ma ripeto, bisogna analizzare tutto, e non solo quello che luccica.....

leone sandri
14-02-2011, 08:31
x polluz, visto che sei un giovane in carriera, comprati una caldaia che abbia la manutenzione ridotta al minimo ed il tempo che risparmi lo dedichi a qualcosa di + redditizio che fare lo spazzacamino o fare il fuochista ad aggiungere un pezzo di legna per volta dentro ad una caldaia non adatta.
Prima di muoverti nell'acquisto di qualsiasi pentolone vai a vederne in funzione e vedi cosa ti comporta come gestione ricette e ricettine, altrimenti sono solo inca..ature e perdite di tempo.
Qualcuno paragona le austriache-tedesche sempre a delle ferrari, cioè a macchine di alto costo che in cambio ti danno certe prestazioni e prestigio...(e che se ne può benissimo fare a meno) io non sono d'accordo per nulla, queste caldaie sono efficenti, hanno altissimi rendimenti, basse emissioni, quasi nullo impegno da parte del conduttore è permettono il controllo di tutto l'impianto tramite un unico pannello.

Dott Nord Est
14-02-2011, 08:49
leone, le parole restano sempre e solo parole....
iniziamo a quantificare qualcosa?
sarebbe molto più serio......
costi, manutenzione, rese, ecc ecc e confronti.
allora qualsiasi parola sarebbe più seria, e non dare tutto per partito preso.

Senergy
14-02-2011, 09:24
Ragazzi, io continuo a dire che l'impegno delle caldaie tipo marina non è alto, si tratta di 15 minuti una volta a settimana, inoltre in praticamente tutte è possibile mettere qualche pezzo di legna se si vuole, ma è talmente scomodo andare a legna che lo fai solo se è gratis.
Secondo me lo spirito di chi acquista questa caldaia deve essere di una persona che si vuole sentire libera di scegliere, non di legarsi al pellet e poi tra qualche anno lamentarsi per gli aumenti, con le caldaie onnivore sei libero di bruciare il combustibile più economico e comodo che di anno in anno si presenta.

Per quanto riguarda le "austriache" non ho mai avuto la fortuna di vederne una, ho sempre sentito dire però che se bruciassero la sansa o altre "schifezze" piuttosto che del buon pellet potrebbero dare problemi, questo però solo per sentito dire nei forum, forse proprio dal Dott.

Ciao a tutti.
Enrico

margiop
14-02-2011, 10:05
purtroppo in economia i prezzi di beni perfetti (o quasi) sostituti, in questo caso i combustibili per riscaldamento, sono strettamente collegati.
l'elasticità di reazione dipende da molti fattori, tuttavia il trend tendenziale di fondo è quello, aumenta uno aumentano anche gli altri.
in più, ho letto diversi post dove gli utenti affermavano di aver verificato il mancato risparmio dei triti rispetto al pellet, ovviamente tutto dipende dal prezzo di vendita, ma se tutti quelli che bruciano pellet nell'onnivora iniziano a comprare nocciolino non credo che il prezzo di quest'ultimo ci metta tanto a salire.
io credo invece che la geografia faccia tanto.
molto genericamente al Centro ed al Sud convengono i triti, al Nord il pellet.
si tratta di normali effetti della specializzazione produttiva, aggiundengo il fatto che i costi di trasporto incidono parecchio su prezzo finale.
la biomassa ha una notevole somiglianza con il concetto di km 0 utilizzato in agricoltura.

ale82
14-02-2011, 11:14
buongiorno a tutti,
sono il consulente tecnico commerciale Froling per il Veneto e il Friuli, mi inserisco nella discussione per fare un piccolo appunto sui vari accostamenti dalle caldaie alle automobili: sono daccordo che per portare il pane basta una panda, sempre se il pane lo porto una volta al mese e a 5 minuti da casa...ma se il pane(il riscaldamento) come in questo caso lo devo portare(utilizzare) 200 giorni l'anno a tutte le ore del giorno e per 20\30 anni, probabilmente se prendo una macchina più comoda mi spaccherò meno la schiena..fatta questa valutazione, ci si piuo sedere a tavolino e capire a parità di optional e comfort(cosa molto difficile da fare tra caldaie italiane e austriache) se il prezzo è molto differente..ricordiamoci che comprando una caldaia a biomassa risparmiamo sul combustibile indubbiamente ma ci compriamo un po di lavoro, qui sta il nodo da sciogliere: me ne voglio comprare tanto o poco???io personalmente ne dedico già molto al lavoro e non mi va di perdere anche solo 10 minuti al giorno tutti i giorni o comunque a intervalli regolari per 20\30 anni...a questo punto fatte queste considerazioni,vale la pene spendre qualcosa in più (questo sempre da valutare a parita di comfort) o no, se poi effettivamente ho una caldaia più performante e molto più confortevole?

Dover
14-02-2011, 11:48
Valuta con attenzione tutte le possibilità, se vuoi in privato ti posso mandare qualche preventivo che mi son fatto fare. Io però sono orientato su caldaie che vanno ad un solo combustibile sia italiane che austriache, sicuramente la Paradigma e la Eta sono tra le più care a livello della Okofen. Ci sono anche altre ditte straniere che costano un pò meno. Sulla potenza ti consiglio anch'io di rivolgerti ad un termotecnico. Perchè se la tua casa è nuova e ben isolata con 30kw max non dovresti avere problemi.

polluz
14-02-2011, 13:01
Contattatemi pure con pm per le informazioni che non possono essere scritte sul forum.

Concordo sul spendere un po' di più per una qualità maggiore, occorre solo quantificare quanto sia questo di + e se c'è vantaggio effettivo.

Grazie ancora a tutti!

Dott Nord Est
14-02-2011, 13:36
scusate, ma perchè invece di dire sempre bla bla bla, non si fa un confronto pubblico su costi e benefici?
altrimenti restiamo sempre sulle ipotesi, e con le ipotesi, non si fà nulla.
Esempio, si parlava della K25 automatica.
Bene, prendiamo una teutonica e iniziamo un confronto serio.
Prendiamo la froling? ale82, prego, proponi una caldaia da 29 kw combinata legna/pellet e iniziamo seriamente i confronti.

polluz
14-02-2011, 13:55
Mi piace molto questa idea :-D

Dott Nord Est
14-02-2011, 13:55
penso non ci voglia tanto a fare confronti...
o non si vuole farli? mah..........

margiop
14-02-2011, 14:25
Ecco i miei conti, numeri reali, casa in costruzione, la mia ovviamente.

Preventivo (da scontare) dell'idraulico per tutto l'impianto, tutto compreso, prezzo 30.575 €.
Nel preventivo c'è la FROLING P4 da 14,9 Kw (8.840 € installata e non scontata) e il puffer con serpentina istantanea OKOCELL H2 850 (2.685 € installato e non scontato).

Nel caso di conferma del pacchetto lo sconto è del 10%, pari a 3.057 €.

Nel caso di scelta di altra caldaia lo sconto è del 5%, pari a 1.529 €, però vanno computati a parte i costi di installazione, quantificabili in 1.000 €.

Ho in mano un preventivo di caldaia italica, la mini K25, con puffer tank in tank da 800 litri e gruppo ricircolo a 6.500 €, installazione esclusa.

La Froling gestisce direttamente gruppi pompa miscelati anche con sonda esterna e diretti, quindi non devo prendere centralina climatica (300 €).

A conti fatti l'impianto con la Froling mi verrebbe a costare 27.517 €, quello con la caldaia italica 25.898 €.

La differenza è dunque di circa 1.600 €.

Le differenze tra una Froling P4 ed una Mini K25 semiauto sono facilmente evincibili dalle rispettive schede tecniche, e credo che la scelta sia strettamente individuale, non sono quei 1.600 euro che incidono nel mio caso.
Così come non incidono i due differenti puffer, e neanche (forse) l'analisi fumi che i tecnici della Froling verrebbero a fare.

In realtà uno scoglio che si è poco affrontato nel forum è la questione impiantistica, perchè alla fine ciò che conta non è solo avere una buona caldaia che funzioni, ma tutto l'impianto.
Voglio dire, ho chiesto diversi preventivi, ed ogni idraulico ha cercato di vendermi la propria marca di caldaie, tirando su il naso quando ho proposto ciò che mi interessava, chiedendomi chi firmerà la conformità dell'impianto, ricattandomi sotto questo aspetto.
La teoria è una cosa, nella realtà purtroppo ci si scontra con situazioni diverse, perchè quando qualcosa va storto chi si chiama ? l'idraulico o il venditore di caldaie ? gli impianti possono essere semplici in fase di esecuzioni e complessi quando è ora di sistemare un guasto, sicchè avere un unico referente impedisce gli scarichi di responsabilità (esempio classico, idraulico con elettricista) .

non sto comprando un oggetto stand alone, come l'automobile, sto comprando una parte di un sistema, di un impianto, che deve lavorare in sintonia con il resto.

Dott Nord Est
14-02-2011, 14:29
margiop, 14.9 kw contro 29 kw...
confronto alla pari dicevamo..... e policolmbustibile (almeno la legna o altro in emergenza...)
se parliamo di quella potenza, parliamo di molto meno della metà del costo (non con pulizia automatica, basta saperlo..... K2202)
quindi la P4 non si può confrontare con la K25. Basta saperlo.
Fai una bella cosa: chiedi al tuo contatto del preventivo K25 con impianto completo.... e vedi.
altrimenti sono sempre confronti che non contano nulla.
Per essere serio deve essere alla pari:
- solo caldaie
- caldaie + impianto
per entrambi i preventivi, altrimenti parliamo sempre della luna nel pozzo.

p.s.: non è un pò strana questa differenza di sconto? 5 o 10...... bah.... no comment

margiop
14-02-2011, 14:39
dott, leggi bene ciò che ho scritto, le schede tecniche spiegano tutto, affermare che non si possono confrontare è errato, perchè sono entrambe caldaie, mica biciclette.
dal listino che tu hai postato qui:
http://www.energeticambiente.it/caldaie-termocamini-stufe/14737556-froling-p4-opinioni-e-valutazione.html
si evince che la 25 kw costa di listino 500 euro in più della 14,9 kw.
riguardo al policombustibile ... mica vorrai confrontare la mini K25 con una caldaia a doppia camera con fiamma inversa ? perchè il rischio è che ponendo mille paletti poi il confronto risulti impossibile da fare, specie se consideri che le Tatano sono le uniche ad avere la predisposizione per il bruciatore aggiuntivo, almeno credo.

cerchiamo di essere ragionevoli e trovare una base comune di confronto, sono pur sempre due caldaie a pellet.

come ho detto, con quei preventivi alla mano la scelta è individuale, mi piacerebbe che dicessi qualcosa riguardo alla questione impiantistica nel suo complesso.

Dott Nord Est
14-02-2011, 14:43
non mi permetto di dire nulla sull'impianto, in quanto non lo conosco.
si parla di confronto caldaie: prezzi, rese, pulizia, ecc ecc
tutto il resto, sono solo parole.
Siccome sai bene conosco la scontistica di tutte, qualche dubbio mi sorge.... sul resto.
hai fatto un preventivo completo di impainto anche della italiana?
non ti sorge neppure lontanamente qualche dubbio? pensaci.....
Cmnq, ripeto, non stà a me dirlo, in quanto non conosco che impianto sia.

P.S.: prezzi di listino 8025 / 5940

bene, ora chiedi ai tuoi due contatti la scontistica delle rispettive caldaie, compresa avvio/collaudo, assistenza, ecc ecc (e non lo sconto conteggiato nell'impianto...troppo semplice così). Così si ha una base di partenza.

ma è così difficile giocare a carte scoperte??????????????

Dott Nord Est
14-02-2011, 14:56
cerchiamo di essere ragionevoli e trovare una base comune di confronto, sono pur sempre due caldaie a pellet.

come ho detto, con quei preventivi alla mano la scelta è individuale, mi piacerebbe che dicessi qualcosa riguardo alla questione impiantistica nel suo complesso.

perfetto, base comune di confronto, prezzi delle sole caldaie.

tu non hai due preventivi..... ma uno mi pare... della sola caldaia e uno dell'impianto completo.....

quindi.... nessuna possibilità di confronto.

margiop
14-02-2011, 14:59
provo a spiegarmi meglio.
non ti sto chiedendo valutazioni sul mio impianto o sui preventivi, ti sto solo chiedendo lumi riguardo ciò:

TUTTI gli idraulici interpellati si rifiutano di firmare la conformità dell'impianto se non sono loro a fornire la caldaia.

qualora accadesse qualcosa all'impianto la colpa sarà sempre di altri, chi compra deve sapere a cosa va incontro.

torniamo alla questione confronto, tuo messaggio n°90, costi-benefici.

froling p4 mi costa 1.600 euro in più di mini k25, per me è così, per altri sarà diverso, ma se vuoi gli esempi devi accettare i numeri che scrivo, numeri da compratore.

confrontiamo allora il tutto:

FROLING

costa 2.100 euro in più (1.600 + 500)
funziona solo a pellet
ha la pulizia automatica, si svuota la cenere 4 volte all'anno
ha la sonda lamba
mi fanno l'analisi fumi
comanda i circuiti di riscaldamento con sonda esterna
ha serbatoio da 150 kg

MINI K25

funziona a triti, pellet e legna
ha serbatoio da 45 kg
ha pulizia semi automatica

chi deve aggiungere qualcosa lo faccia, cerchiamo di fare un confronto, non di confutare di continuo le ipotesi, chiedo solo di ragionare sulla tesi.

Dott Nord Est
14-02-2011, 15:03
bene, abbiamo iniziato a ragionare.

Prezzi di listino....
prezzi scontati delle due caldaie? li hai?
vuoi che te li dica io di entrambi visto che li conosco bene? (poi mi sanzionano per publicità.....)
posso cmnq dire che la differenza netta è di 2.500/3.000 euro + iva delle sole caldaie (questo posso dirlo senza sanzione del forum, in quanto non faccio riferimento nello specifico a nulla)
quindi, la differenza che dici tu... da dove salta fuori? io lo sò, ma non stà a me dirlo......

Dici tutti gli idraulici si rifiutano... Sicuro di aver interpellato tutti? mah........

La TUA differenza di costo tra le due caldaie è a impianto completo (quindi non delle due sole caldaie, ma tutto il resto.... a libera discrezione di chi ti fà il lavoro) ....ricordalo...... e se uno ci ragiona.... beh, vedi te.

margiop
14-02-2011, 15:09
quindi.... nessuna possibilità di confronto.

ok, mettiamo online i preventivi, confrontiamo ceteris paribus:

- caldaia mini k25 + tank in tank da 800 litri + gruppo di ricircolo esbe € 6.500 + 2.700 € di installazione, totale € 9.200

- caldaia froling p4 + okocell h2 850 installata € 10.400

differenza tra le due soluzioni € 1.200

solo le caldaie:

- mini k25 4.500 €

- froling di pari potenza € 6.500

se hai dati differenti ti chiedo di postarli, sai bene che mi interessano.

ho scritto TUTTI GLI IDRAULICI intendendo quelli che ho contatto, se c'è gente che lavora gratis fammi sapere.

PS la differenza risulta dall'extra sconto che l'idraulico mi fa se prendo da lui la caldaia (non ho ancora deciso), la butti via ?

PS 2 non essere criptico
( vedi te ?)a me che interessa se l'idraulico guadagna di più ? a me interessa il totale alla fine. sul resto (firma impianto, garanzie) non hai risposto.

margiop
14-02-2011, 15:17
dott, non è mia intenzione fare polemiche con nessuno, io metto i dati, accetto i tuoi dubbi, pur replicando, e attendo che qualcun altro dica la sua.

Dott Nord Est
14-02-2011, 15:19
mica hai chiesto a me di fare l'impianto, quindi come posso risponderti su firma impianto e garanzia da parte di altri?? :cry:

margiop
14-02-2011, 15:22
ma dott, tu non sei un idraulico.

ti chiedo solo che ne pensi del fatto che gli idraulici interpellati (4) non volessero firmare la conformità dell'impianto con caldaia di altro fornitore (pratica commerciale scorretta, ma reale).

Dott Nord Est
14-02-2011, 15:25
io posso parlare per i "miei" idraulici.....
ne ho viste talmente tante di vicessitudini da parte di idraulici esterni che.... no comment.
non posso dire di chi e cosa non conosco !!!!

"gli idraulici interpellati (4) non volessero firmare la conformità dell'impianto con caldaia di altro fornitore "

non ti fà pensare nulla questo?

margiop
14-02-2011, 15:38
vabbè, io ho provato a mettere dei numeri, giusti o sbagliati che siano sono i miei numeri, REALI.

Dott Nord Est
14-02-2011, 15:39
e hai fatto più che bene.
secondo la mia modestissima opinione, cosa ne risulta?
che ancora non sappiamo la vera differenza economica tra una caldaia e l'altra, e invece sappiamo che ALCUNI idraulici non firmano se NON VENDONO loro....
ma non dovrebbe essere che l'idraulico, una volta avuta la documentazione in regola dei prodotti che installa, è lui che deve firmare visto che monta, indipendentemente che venda o meno i componenti?
mah... mistero. :rolleyes::rolleyes::rolleyes:

margiop
14-02-2011, 15:45
la mia conclusione, REALE, e forse anche realistica, è che tra italiane di un certo livello e austriache non c'è grande differenza di prezzo, e che quindi gli aspetti da tenere in considerazione sono altri, aspetti di cui si è discusso più volte (mono pluri combustibile, sonda lambda, pulizia più o meno automatica, garanzia, rese, etc).

la mia altrettanto modesta opinione è che le onnivore italiane convengono solo nei modelli base, meccaniche da prezzo intendo, spendere poco per comprarle e per rifornirle di "cibo" ma dedicandoci tempo e possibilmente un locale dedicato.

quando la caldaia italiana cresce di caratteristiche e prezzo finisce per confrontarsi con le austriache, e non ne esce bene.

infine ti faccio una domanda, quando tu vendi la caldaia è prevista l'analisi fumi ?

Dott Nord Est
14-02-2011, 15:46
se vuoi, faccio anche quella, perchè?

differenza di prezzo, mediamente del 40%, se è marginale....

cmnq giustamente è tutto relativo, infatti io non ho la panda !!! :spettacolo::spettacolo::spettacolo::spettacolo:

margiop
14-02-2011, 15:48
come "se vuoi" ?
non è obbligatoria ?

Dott Nord Est
14-02-2011, 15:50
la caldaia ha l'obbligatorietà della certificazione del prodotto, che è di corredo.
l'analisi fumi, ove richiesta, viene fatta dall'installatore.

turbogen
14-02-2011, 15:50
dr, non è se vuoi, è obbligatoria, se vendi una caldaia la devi fare...caso diverso è se ti chiamano a fare un collaudo iniziale su una caldaia venduta da altri nella tua zona, se la tatano non paga la prova dei fumi, e il cliente non la vuole pagare, allora puoi ovviamente non farla, ma su quelle che vendi tu è serietà farla gratis...
ciao:bye1:

Dott Nord Est
14-02-2011, 15:51
turbogen, leggi bene sopra...... ho già risposto.

turbogen
14-02-2011, 15:54
il problema è solo quell"ove richiesta"..
nessuno deve richiedere niente, è un'obbligo di legge, e se tu vendi una caldaia completa di installazione(o anche solo di collaudo) dovresti imporre- importi di farla....

Dott Nord Est
14-02-2011, 15:55
ripeto, "ove richiesta", in quanto è l'installatore che deve certificare.
La ditta produttrice, Tatano o non tatano, DEVE avere già la certificazione, fumi compresi, altrimenti non rientra nella classe, ecc ecc
Per cortesia, diciamo le cose chiare, e non sempre alludendo........

turbogen
14-02-2011, 15:58
dr, non dire che non te la cerchi poi...
mi spieghi come cavolo fai a tarare-collaudare una caldaia a regola d'arte senza fare una prova fumi, per vedere temperatura fumi, co, ecc....
volendo si fa anche a occhio, con un minimo di esperienza, ma non fare-dare un servizio obbligatorio x legge, e che su una caldaia venduta da te dovrebbe essere già compreso nel prezzo...bè, è un pò grave, e lascia il tempo che trova....

Dott Nord Est
14-02-2011, 16:02
scusa turbogen, qui si parla di certificazioni di impianto non date da idraulici che noncogliono prodotti che nonsiano venduti da loro...
io la caldaia posso avviarla e controllarla anche tramite una centrale di supercomputer, o test astronomici, ma è poi l'istallatore che certifica.
Ripeto, la caldaia, qualsiasi caldaia venduta in territorio ITALIANO, deve essere corredata da certificazione già uscendo dalla fabbrica.
Quindi non parlarmi di gravità........ grazie.
Noi usiamo l'IMQ, tanto per dire...

biomassoso
14-02-2011, 16:04
giusti o sbagliati che siano sono i miei numeri, REALI.

Come vedi neppure il tuo "ceteris paribus" è bastato!

Se la differenza è quella da te evidenziata comunque non ci sono dubbi: prendi la crucca ad occhi chiusi, almeno sei sicuro che anche come emissioni sarai in regola, che qui prima o poi se cominciano veramente i controlli sai quanto si dovrà spendere in più per mettere a norma le pentole nostrane?....altro che il risparmio iniziale!.....:rolleyes:

Naturalmente "tecnicamente" è impossibile fare un raffronto fra le 2, il vecchio bracere eruttivo ha i suoi limiti ed ha fatto il suo tempo, queste son di un altro pianeta....con buona pace dei panettieri!
:bye1:
FILMATO froeling P4 (http://www.froeling.com/it/film-froeling-caldaia-a-pellet-p4-pellet.html)

polluz
14-02-2011, 16:05
non volevo scatenare dei flame...

Però è stato utile per avere le idee un po' più chiare.

Grazie!

Dott Nord Est
14-02-2011, 16:07
certo biomassoso, le teutoniche sono migliori, nulla da dire, sono il primo ad affermarlo (a parte l'abisso di costo).
ma devi ricordare al sig. margiop di stare molto attento poi con il pellet.... :rolleyes::rolleyes::rolleyes: (magari proviamo a usare quello in foto sotto sulla froling?)
dovrà cercarlo col lanternino quello che riuscirà a digerire senza avere problemi.... :bye1::bye1::bye1:
ah, altra cosa: che non si inventi la legna.... non funziona.

detto questo, libera scelta !!!!!!!!

turbogen
14-02-2011, 16:08
dr, non sviare, c'è legna e legna, c'è pellet e pellet, c'è sansa e sansa, ecc.....
ogni caldaia COME OBBLIGO DI LEGGE deve avere all'atto della prima istallazione effettuata la prova di combustione, proprio per tararla al meglio con il combustibile usato, qui si parla DI LEGGE, non di certificazioni o altro, vatti a rileggere la domanda di mario...nessuno ti chiede di effettuarla a gratis su caldaie vendute da altri, ma nelle caldaie vendute\installate da te è tuo obbligo sia morale che di legge effettuarla, da qui non si scappa....
p.s: spero di sbagliarmi, ma dal tenore delle tue risposte mi sembra di capire che tu i libretti di impianto, gli allegati f o g,bollini calore pulito, ecc... non gli abbia mai visti...

Dott Nord Est
14-02-2011, 16:12
carissimo turbogen, io non svio nulla.....
ti ricordi cosa dicevano una trentina d'anni fa?
IL METANO TI DA UNA MANO..... (monocombustibile)
ora si vede....... che mano ti dà.
scusa, ma chi ha detto che le analisi non si fanno?

ma io non capisco perchè non si debba essere mai chiari a una domanda che un utente pone: polluz.
lui ha chiesto le differenze di caldaia e economiche, stop.
e qui nessuno vuole tirarle fuori, al netto di tutte le parole che stanno di contorno.

lui ha chiesto info sulla k25, bene. Si porti a confronto una teutonica di pari potenza, con prestazioni e costi. STOP
poi sarà lui e chi legge a giudicare e decidere cosa fare, no?
tutto il resto, sono solo bla bla bla di contorno che a nulla servono.

turbogen
14-02-2011, 16:16
e che caspita c'entra il metano adesso??
comunque,per concludere(tanto al dr non gli entrerà mai in testa..):ragazzi, qualsiasi caldaia comperiate, ricordatevi che la prova di combustione all'atto del primo avvio è obbligatoria, e deve essere effettuata gratuitamente da chi ve la vende o da chi vi installa la caldaia, se non hanno le dotazioni tecniche per effettuarla, e ve la fate fare dal centro assistenza autorizzata all'atto del collaudo, ricordate che non spetta a voi pagarla, ma al venditore o all'installatore
ciao:bye1:

Dott Nord Est
14-02-2011, 16:19
e io cosa ho detto sopra???????
che è chi certifica che deve farla...........


"e che caspita c'entra il metano adesso??"
era in risposta a questa tua affermazione: dr, non sviare, c'è legna e legna, c'è pellet e pellet, c'è sansa e sansa, ecc.....

margiop
14-02-2011, 16:20
ottima info turbogen.

tornando a noi, sono convinto, al pari di biomassoso, che prima di quanto si creda si arriverà a normare pesantemente le emissioni di stufe e caldaie a biomassa, siano esse ad aria o ad acqua, perchè non è giusto che la gente bruci tutto senza controllo, l'aria è di tutti.

biomassoso
14-02-2011, 16:29
comunque,per concludere(tanto al dr non gli entrerà mai in testa..)

Più che far lo gnorri, che si può anche capire dal momento che un venditore tende a tacere ciò che è scomodo, il suo è però un comportamento altamente scorretto che ingegnera confusione,
il che non è accettabile in un forum tecnico da alcuni scambiato per la propria pagina personale online di "consigli per gli acquisti"

Se il cliente lo richiede??????
:bored:

margiop
14-02-2011, 16:30
Però è stato utile per avere le idee un po' più chiare.

dott, non mi sembra che Polluz sia scontento delle info ricevute.

turbogen
14-02-2011, 16:40
ottimo bio, questo mette davanti all'evidenza dei fatti tutti...
p.s: il cliente può anche non sapere(mica deve per forza essere un'esperto di normative) sta nella nostra serietà e onestà informarlo sugli obblighi di legge ed attenerci a quanto essa prescrive...

biomassoso
14-02-2011, 16:52
prima di quanto si creda si arriverà a normare pesantemente le emissioni di stufe e caldaie a biomassa

Se tante province come QUESTA (http://www.provincia.pordenone.it/index.php?id=722) cominceranno a richiedere nuovamente l'allegato G con la prova fumi si prevedono sconquassi generali! :rolleyes:

Dott Nord Est
14-02-2011, 17:31
Se il cliente lo richiede??????

:bored:

gradirei leggere dove ho scritto questa frase....
grazie


"Più che far lo gnorri, che si può anche capire dal momento che un venditore tende a tacere ciò che è scomodo, il suo è però un comportamento altamente scorretto che ingegnera confusione, "

questa frase, altamente offensiva, dovrebbe essere quantomeno comprovata.
altrimenti, chi l'ha scritta, dovrebbe correggerla...... grazie.

turbogen
14-02-2011, 17:33
l'analisi fumi, ove richiesta, .

:rolleyes:........:rolleyes::oops:

Dott Nord Est
14-02-2011, 17:36
turbogen, ripeto, leggi bene: OVE RICHIESTA.
Qualcuno deve pur farla? se non la fà l'installatore, verrà richiesta ad altri, no?
Non riesco a capire come fai a non comprendere ciò che scrivo. Più chiaro di così....
Ho forse scritto che è il cliente a richiederla?
Mi sembra di scrivere con i bambini, che pur di denigrare cercano di trovare appigli dove ci sono gli specchi.....

turbogen
14-02-2011, 17:40
bene, bravo, bis:eek::eek:
vabbe, meglio pensare ad altro, per fortuna non siamo tutti stupidi...
ciao:bye1:

Dott Nord Est
14-02-2011, 17:45
no commet, andiamo avanti, meglio.

Senergy
14-02-2011, 19:42
Scusate, ma quando i comuni e le province, prima o poi chiederanno l'analisi dei fumi, sarà un "problema" generalizzato per tutti quelli che hanno una qualunque caldaia o semplice stufa a pellet o no? Varrà davvero la pena investire oggi del denaro nell'eventualitò in futuro entri in vigore una legge che ancora non conosciamo come verrà scritta? per quello che ne sappiamo oggi nemmeno le costose austriache è detto che saranno esenti dalle verifiche o mi sbaglio?
Enrico

biomassoso
14-02-2011, 19:54
Scusate, ma quando i comuni e le province, prima o poi chiederanno l'analisi dei fumi, sarà un "problema" generalizzato per tutti quelli che hanno una qualunque caldaia o semplice stufa a pellet o no?

Guarda che è già obbligatorio, poi naturalmente l'Italia è più di una.

Detto molto semplicemente: le crucche dovendo fare i conti con le normative di casa propria già ora sono in regola nei limiti emissivi dei fumi, anche la più stringente di alcune regioni e/o provincie, le Italiote.....

Dott Nord Est
14-02-2011, 20:23
biomassoso, te la fai una scommessa con me?
prendiamo un analizzatore e misuriamo due caldaie
una italiota e una teutonica, e vediamo i risultati.
entrambe senza filtro.... (che neppure le teutoniche hanno di serie, bisogna ricordarlo....)
io te la getto, ora a te raccoglierla o meno.

lupakkiotto
14-02-2011, 20:31
dott, scusa ma è inutile che continui a sbattere sul muro per difendere la tua marina a tutti i costi. le cosiddette teutoniche sono due passi avanti, lo sai tu, lo sappiamo noi e oramai lo sa anche il più ignorante in materia.... e per dirne un'altra, secondo il mio modestissimo parere anche qualche italiota (ma non marina però) è migliore delle nostre pentole (mia d'alessandro e tua tatano) ....

Dott Nord Est
14-02-2011, 20:36
chi dice che le italiote sono migliori?
ancora con sta storia......
le teutoniche sono migliori, l'ho detto 100 volte, ma non ripagano MAI la differenza economica !!!!!!!!!
io sto solo facendo un conto economico, che penso sia l'interesse principale del 99,99% di chi passa alla biomassa.
se devo spendere una follia per una caldaia, vado a metano !!!!!!!!!!

P.S.: una caldaia così ti dice nulla? bene....
però non conosci i suoi costi (io si, visto che....)

biomassoso
14-02-2011, 20:39
io te la getto

Facciamo prima, guarda se trovi una tua caldaia in questo elenco

poi alla Marzullo fatti una domanda e risponditi!

:bye1:

Dott Nord Est
14-02-2011, 20:42
neppure la tua se devo ben guardare...
ma ripeto, strumento e prova per scommessa, te la fai?
perchè sinceramente (da utente e non da venditore) si sarei unpò stancato di sentir sempre parlare di teoria e poca pratica.....

p.s.: leggi bene, quell'elenco serve per il finanziamento e non per la possibilità di montare o meno, e se non ricordo male era riferito a Piemonte o Val d'Aosta....
ah, altra cosa: se ben ricordo, in quelle regioni quelle caldaie costavano mediamente un 20/30% + delle altre regioni, come mai? mah...........

sinceramente, di quell'elenco, vivendo in Veneto, non sò cosa farmene.....
e se per avere un finanziamento che viene "mangiato" dal costo maggiore, beh.... che mi serve????

vedi biomassoso, purtroppo qui nessuno mi tapperà mai la bocca, e quello che penso lo dirò sempre...

leone sandri
15-02-2011, 00:23
E ci mancherebbe che qualcuno mai ti vuole tappare la bocca, poi tutte le pecorelle smarrite che devono fare ricettine nessuno se le fila più e non risparmiano riscaldandosi ma risparmiano solamente più, solo mi viene in mente don chisciotte combattere i mulini a vento, neppure davanti all'evidenza di dati forniti......non va bene.

Dott Nord Est
15-02-2011, 05:11
leone, tu hai dati da riportare? certi? costi? differenze documentate di rese?
attendiamo con fiducia quello che scriverai.....


"poi tutte le pecorelle smarrite che devono fare ricettine nessuno se le fila più "
beh, forse allora vuol dire che qualcuno aiuto. Altri parlano parlano parlano, ma di aiuti concreti ne vedo ben pochi... :cry::cry::cry:
penso che il forum oltre che una cattedra da cui dettare procalmi, dovrebbe essere anche una fucina di idee, aiuti, consigli, ecc ecc :)

ciao ciao :bye1::bye1::bye1:

enry65
15-02-2011, 07:42
Io ho una caldaia granarola da circa sei mesi,ho avuto problemi solo nei primi mesi
Dovuti a delle mancate accensioni,il tecnoco specializzato ha dovuto attuare delle modifiche
Agendo sulla fotocellula del bruciatore,problema risolto dopo un po' di tentativi.
La radice del problema era che in fase di assemblamento della caldaia la ditta aveva
Montato male la fotocellula,quindi leggeva male e mandava in mancata accensione.ora
Sono passati quattro mesi e il problema non si e più'presentato funziona tutto bene.
Direi che sono soddisfatto per ora.
La pulisco una volta la settimana,ho un contenitore da 10 sacchi di pellet da 15 kg

turbogen
15-02-2011, 07:52
bene, son contento, se ti dovesse capitare ancora qualche problema di mancata accensione ricordati che molto probabilmente può essere dovuto al vetrino della fotocellula sporco, a me è già successo, specialmente usando del pellet non proprio eccelso(comunque la caldaia funziona e rende bene lo stesso, è solo da pulire più spesso)
se vuoi, quandopulisci la caldaia, smonta anche la fotocellula e dagli una pulita con uno straccio al vetrino(è a incastro, ci si mette 30 secondi).ciao:bye1:

enry65
15-02-2011, 08:41
Grazie dei consigli.
A proposito ora sto utilizzando un pellet che a differenza di quello che usavo precedentemente
Fa molto residuo,facendo andare la caldaia come prima del suo utilizzo,tra l'altro e un residuo
Molto chiaro sembra sabbia molto polveroso quasi non macchia,l'unica pecca e che ne va un po di più.
Da cosa sara dovuto?

turbogen
15-02-2011, 10:20
qualità del pellet, sei fortunato, a un mio cliente è capitato che due bancali di pellet, sempre della stessa marca usata x 7 mesi senza problemi, si mettessero a fare del carbone e del catrame nero nellla bacinella nel bruciatore, e tra l'altro gli sporcava ogni 4 giorni la fotocellula...alla fine dei canditi si è trattato solo di un leggero maggior consumo, e di pulirla due volte a settimana invece di una...ciao:bye1:

Dover
15-02-2011, 11:41
chi dice che le italiote sono migliori?
ancora con sta storia......
le teutoniche sono migliori, l'ho detto 100 volte, ma non ripagano MAI la differenza economica !!!!!!!!!
io sto solo facendo un conto economico, che penso sia l'interesse principale del 99,99% di chi passa alla biomassa.
se devo spendere una follia per una caldaia, vado a metano !!!!!!!!!!

P.S.: una caldaia così ti dice nulla? bene....
però non conosci i suoi costi (io si, visto che....)


Infatti anch'io andrei a metano se avessi la possibilità, solo che abito in campagna e posso usare il gpl o il gasolio in alternativa alle biomasse. Visto i continui aumenti e che chi ha il gpl tende a toglierlo, vorrei una caldaia a pellet che non da grossi problemi a costo di comprare il pellet un pò più caro. Per questo guardo le austriache. Sicuramente trovassi una valida alternativa italiana, preferirei non arricchire gli stranieri.

margiop
15-02-2011, 12:04
dover, anch'io sono senza metano.
o gpl o gasolio, un suicidio.
preventivo di caldaia a gasolio con serbatoio interrato, fornitura e posa in opera ... € 5.000 ! mica bruscolini.
nella scelta io tengo conto anche del fatto che devo fare un impianto che sia gestibile anche da moglie e figli, che non hanno voglia di svernare in centrale termica.

Dott Nord Est
15-02-2011, 13:50
dover, alternative ci sono.... credimi.
e a un prezzo mediamente inferiore del 40%.
in contropartita devi dedicarci 5 minuti alla settimana + delle teutoniche.
stop

Dover
15-02-2011, 16:05
Non stare a dirmi che ci sono dimmi quali. Perchè di caldaie a legna adattate a pellet ne ho già viste tante. L'Arca che è l'unica che mi piace un pò ha preso un bruciatore a gasolio e lo ha adattato al pellet, si sporca la fotocellula spesso e lo credo bene....

giuggiolo0107
15-02-2011, 16:13
beh.. se non interessa l'accensione elettrica (che è un'optional, e sapevo che non era il massimo....) io mi trovo mooolto bene con la mia ecofaber..... sia a legna , che misto... poi se uno la usa esclusivamente a triti (pellet , mais, nocciolino) niente puffer, vaso chiuso , poche beghe, e "digerisce" un po di legna , vai sulla risparmiola........

lupakkiotto
15-02-2011, 16:38
lasciamole perde ste marine italiote (e lo dico da possessore...), vedendo le altre si capisce che è una concezione obsoleta. diciamo che l'unico pro a favore è il costo d'acquisto e per il resto sono evidenti scalate sugli specchi......
poi non diciamo che le teutoniche vanno solo a buon pellet perchè ci sono miriadi di interventi qui sul forum (compreso il mio..) di possessori di marine che non riescono a digerire pellet. a quanti qui intervenuti gli si è consigliato di bruciare agrifire? io ho problemi col pellet (scadente che sia) figuriamoci se devo pensare di andare a sansa o altro

giuggiolo0107
15-02-2011, 16:52
lasciamole perde ste marine ....
le mie non sono marine....:rolleyes::rolleyes::rolleyes:

lupakkiotto
15-02-2011, 16:57
il mio intervento non era rivolto alla tua....:rolleyes::rolleyes::rolleyes:

turbogen
15-02-2011, 16:58
preso un bruciatore a gasolio e lo ha adattato al pellet, si sporca la fotocellula spesso e lo credo bene....
dover, qui ti sbagli, usando del pellet discreto-buono puoi stare anche 7 mesi senza pulirla(la fotocellula ovviamente), se usi della m....... si tratta di pulirla una-due volte alla settimana, quando rimuovi anche la cenere, un'operazione che in totale porta via una decina di minuti(e che usando del pellet tristo devi mettere ovviamente in conto per ogni marca di caldaia, si intende la pulizia)
p.s:il procedimento è lo stesso di un bruciatore(aspirato) ma credimi, tra un bruciatore di pellet e uno a gasolio passa la stessa differenza che c'è tra il giorno e la notte..ciao

leone sandri
15-02-2011, 17:17
Nella mia Eta a pellet che è a griglia rotante ho bruciato già alcuni tipi di pellet, lava(ha un odore sospetto),royal pellet(che mi è sembrato di legno vero), Brucciolo e un' altro che mi sfugge il nome, comunque la caldaia anche se è austriaca a digerito tutto senza alcun problema visibile, poi io non mi intendo molto di pellet e tra questi non sò se sono il meglio che ci sia sul mercato o sono delle schifezze.
Se io producessi delle caldaie a pellet, vedendo che c'è pure del pellet al cemento in circolazione, raccomanderei di usare del pellet ottimo, per non ritrovarmi a fare i conti con le coclee spianate dall'abrasione come si è visto in altri post, mi sembra normale fare certe raccomandazioni, inoltre l'ambiente non può che beneficiarne se si brucia legno buono.

turbogen
15-02-2011, 17:25
ciao leone, io(o meglio un mio cliente) invece ho avuto dei problemi col royal pellet, per 7 mesi 0 problemi, mai sporcata la fotocellula, la caldaia pulita ogni settimana- settimana e mezza...invece con gli ultimi due bancali deve pulirla ogni 3-4 giorni, ma almeno la caldaia ha di bello che rende ugualmente bene(nonostante che il periodo in cui gli ha creato + problemi di notte si andasse anche a -15....), hai avuto problemi anche tu col royal pellet???i bancali in questione gli furono consegnati a metà dicembre...

ale82
15-02-2011, 17:31
scusate, ma perchè invece di dire sempre bla bla bla, non si fa un confronto pubblico su costi e benefici?
altrimenti restiamo sempre sulle ipotesi, e con le ipotesi, non si fà nulla.
Esempio, si parlava della K25 automatica.
Bene, prendiamo una teutonica e iniziamo un confronto serio.
Prendiamo la froling? ale82, prego, proponi una caldaia da 29 kw combinata legna/pellet e iniziamo seriamente i confronti.



naturalmente essendo un profondo conoscitore delle Froling saprai benissimo che non possiamo fare un confronto di questo tipo...essendo che non cè in commercio una Froling combinata legna\pellet...non sei cosi sicuro di vincere il confronto ad armi pari che devi già farmi partire con un andicap??o vuoi che la giriamo e ti dica che come da profondo conoscitore saprai che il sistema di combustione della legna a pezzi e pellet sono gestiti in maniera differente quindi come Froling al momento mantengono le due cose separate fin che non avranno un prodotto con caratteristiche molto performanti in entrambe le combustioni usando la stessa caldaia cercando di mantenetre un alto comfort..

leone sandri
15-02-2011, 17:34
No io ne ho bruciati una 40 di sacchi acquistati nel 2009 ma nessun problema ne ho ancora 1 bancale, mi sembra un buon pellet non ha odori particolari e a sbriciolarlo sembra di segatura abbastanza pulita, anche la cenere residura che ritrovo nel cassetto apposito(io non pulisco nulla fà tutto da sola) mi sembra normale senza alcuna crosta o parte + dura.
Tieni conto che comunque ne brucio solo 1 bancale all'anno, per il resto vado a legna da 50 cm, almeno su quella ho la certezza che viene dalla pianta.

turbogen
15-02-2011, 17:47
grazie leone, pure lui l'ha bruciato prima per un'anno nella stufa a pellet senza problemi, poi ha montato la caldaia e per 7 mesi nessun problema, solo gli ultimi due bancali lasciavano alquanto a desiderare....ciao:bye1:

Dott Nord Est
15-02-2011, 18:38
Non stare a dirmi che ci sono dimmi quali. Perchè di caldaie a legna adattate a pellet ne ho già viste tante. L'Arca che è l'unica che mi piace un pò ha preso un bruciatore a gasolio e lo ha adattato al pellet, si sporca la fotocellula spesso e lo credo bene....

e vieni a chiederlo a ame che sono un venditore Tatano ???? :cry:

Dott Nord Est
15-02-2011, 18:40
a quanti qui intervenuti gli si è consigliato di bruciare agrifire? io ho problemi col pellet (scadente che sia) figuriamoci se devo pensare di andare a sansa o altro

io ti ho consigliato quello perchè era la cosa + veloce da fare....
una marina digerisce tutto, basta saperla regolare...
è quello che faccio con tutti i miei clienti !!!!
tu hai chiesto alla ditta che te l'ha venduta di regolartela?

lupakkiotto
15-02-2011, 18:46
io ti ho consigliato quello perchè era la cosa + veloce da fare....
una marina digerisce tutto, basta saperla regolare...
è quello che faccio con tutti i miei clienti !!!!
tu hai chiesto alla ditta che te l'ha venduta di regolartela?

senti non ricominciare con la solita manfrina e non prendermi per stupido, ho fatto i salti mortali per fargli digerire questa schifezza di pellet e sono arrivato a una pulizia a settimana. se non la faccio però mi si tappano i buchi dell'aria nel bruciatore. e non è colpa della caldaia perchè lo stesso pellet nella tua farebbe uguale!
lo sai come si dice qui da noi?!?! cala da 'ssa cerecia......

Dott Nord Est
15-02-2011, 18:47
naturalmente essendo un profondo conoscitore ..

ale, forse non hai capito il mio discorso... (essì che ci conosciamo...)
ho affermato varie volte che le froling sono OTTIME caldaie, ben superiori alle marine italiote, ma quale prezzo (economico e nessuna possibilità di essere onnivora e diversificare in base ai costi il combustibile) devo sostenere ???
allora, siccome in italia il 99.99% delle persone passano alla biomassa per risparmiare, i conteggi si devono fare completi......
prezzo di partenza, ricambistica, rese, consumi, elasticità, ecc ecc
ogni persona è libera di spendere ciò che vuole, l'importante è che sia informata di tutto, pro e contro.
poi, libera scelta, siamo ancora in una democrazia, no?

Dott Nord Est
15-02-2011, 18:49
senti non ricominciare con la solita manfrina e non prendermi per stupido, ho fatto i salti mortali per fargli digerire questa schifezza di pellet e sono arrivato a una pulizia a settimana. se non la faccio però mi si tappano i buchi dell'aria nel bruciatore. e non è colpa della caldaia perchè lo stesso pellet nella tua farebbe uguale![QUOTE=lupakkiotto;119172048]

scusa eh, ma questo lo stai affermando tu.
come puoi dire che farebbe lo stesso su una caldaia regolata diversamente?
mica tutti i miei clienti usano agrifire.......
non è la solita manfrina, è la realtà. Lo sai benissimo cosa ti ho sempre detto sin dall'inizio mesi fà, la caldaia è solo un pezzo di ferro.... serve anche il resto.
Se mi paghi vengo a regolartela con qualsiasi schifezza che bruci... :spettacolo::spettacolo::spettacolo:

Dover
15-02-2011, 18:49
beh.. se non interessa l'accensione elettrica (che è un'optional, e sapevo che non era il massimo....) io mi trovo mooolto bene con la mia ecofaber..... sia a legna , che misto... poi se uno la usa esclusivamente a triti (pellet , mais, nocciolino) niente puffer, vaso chiuso , poche beghe, e "digerisce" un po di legna , vai sulla risparmiola........

La Ecofaber è la prima ditta a cui ho pensato, perchè un mio amico la possiede da un anno. E da li sono nate le mie prime perplessità, lui ha una Alpina che va a legna, mais e pellet, tutto nella stessa camera di combustione. Quindi se vai alegna è adeguata se bruci altro è sproporzionata, se non guardi i consumi, tutto bene.
La risparmiola è un pò meglio, non costa tanto, non si può paragonare alle austriache ma non penso che sia quello il suo obbiettivo. Detto in termini automobilistici è una Punto base.

lupakkiotto
15-02-2011, 18:52
[QUOTE=lupakkiotto;119172048]

scusa eh, ma questo lo stai affermando tu.
come puoi dire che farebbe lo stesso su una caldaia regolata diversamente?
mica tutti i miei clienti usano agrifire.......
non è la solita manfrina, è la realtà. Lo sai benissimo cosa ti ho sempre detto sin dall'inizio mesi fà, la caldaia è solo un pezzo di ferro.... serve anche il resto.
Se mi paghi vengo a regolartela con qualsiasi schifezza che bruci... :spettacolo::spettacolo::spettacolo:
cala da 'ssa cerecia dott.
non è come credi che sia.... o come vuoi far credere....

Dover
15-02-2011, 18:55
p.s:il procedimento è lo stesso di un bruciatore(aspirato) ma credimi, tra un bruciatore di pellet e uno a gasolio passa la stessa differenza che c'è tra il giorno e la notte..ciao[/QUOTE]

Non ho problemi a crederti anche perchè i bruciatori a gasolio e gas sono il mio pane, e li devo dire che le ditte italiane, soprattutto una può dire la sua a livello europeo.
Tornando all'Arca volevo dire che assomiglia esteticamente, non come funzionamento, la mia critica è più rivolta alla camera di combustione che sembra riadattata per il pellet e non una caldaia dedicata vedi Froeling e le altre teutoniche

Dott Nord Est
15-02-2011, 18:57
lupa...
ma sei incredibile....
come credo che sia....
ma lo sai cosa faccio per lavoro?? non vendo caramelle......
penso di saper qualcosa di caldaie.... :beer:
guarda che per me non cambia niente dirti una cosa o un'altra, il problema resta tuo, non mio.
diverso sarebbe il discorso se il problema fosse di un mio cliente.....

Dover
15-02-2011, 18:58
Per le caldaie che ho visto un paio in Italia ci sono: la Serenissima, la Mescoli, o sbaglio?

lupakkiotto
15-02-2011, 19:03
lupa...
ma sei incredibile....
come credo che sia....
ma lo sai cosa faccio per lavoro?? non vendo caramelle......
guarda che per me non cambia niente dirti una cosa o un'altra, il problema resta tuo, non mio.
diverso sarebbe il discorso se il problema fosse di un mio cliente.....
dott, sei tu incredibile.......
ma che pensi che se una persona non vende caldaie è stupida?!? sai quante persone ci stanno che ne capiscono più di te e non vendono caldaie?!?!
io ti dico che anche con le tue non bruci tutto e questo tipo di pellet che ho io lo bruceresti come me, ne più, ne meno

turbogen
15-02-2011, 19:05
ciao dover, anche la mescoli usa un bruciatore a pellet(però montato su di una caldaia nata a legna, tipo le arca aspiro duo tech)
l'arca invece è nata a pellet, il focolare(corpo caldaia-camera di combustione) non c'entra niente con le caldaie a legna,è stato studiato e sviluppatoproprio solo per quel combustibile, se ti vuoi togliere una curiosità vai sul sito di arca e scaticati il libretto di uso e manutenzione della granola, è spiegato e illustrato tutto abbastanza bene(e magari scaricati anche quello di una caldaia a legna, vedrai che non c'è nulla di uguale..)
ciao:bye1:

turbogen
15-02-2011, 19:07
bravo lupa!!!!!:)
ciao:bye1:

p.s; per dover, la ditta italiana è la cib-unigas????

Dott Nord Est
15-02-2011, 19:07
ok, come vuoi....
evidentemente tu sai cosa bruciano le caldaie nella mia zona, tutte.
ripeto, il problema resta tuo e non mio. Per me non cambia nulla.....
Ho forse detto che una persona è stupida? forse non ha così tanta esperienza per sapere come fare, tutto lì....
una domanda: perchè per curare una malattia vai dal dottore e non dal rigattiere?...... :cry::rolleyes:

Dott Nord Est
15-02-2011, 19:13
bravo lupa!!!!!:)
ciao:bye1:


mah, misteri.....
una volta si esalta biomassoso che dice che una caldaia onnivora DEVE bruciare tutto....
una volta si esalta lupa che dice che una caldaia onnivora non deve bruciare tutto.....
forse c'è un pò di confusione in qualcuno.....:rolleyes::rolleyes::rolleyes:

turbogen
15-02-2011, 19:16
in te di sicuro.......ma proprio tanta, ma tanta tanta......tantissimaaaaaaaaaaaaaa:oops:
per fortuna che sono uno che ste cose le prende in ridere....
ciaoooooooo:bye1:

Dott Nord Est
15-02-2011, 19:20
si infatti..... :spettacolo::spettacolo::spettacolo: ho visto quanti consigli hai dato a lupa quando aveva il problema....
meglio andare avanti, va..... e farci una risata (non occupo altro spazio del forum in merito a questo discorso postando copia dei vari interventi di qualcuno..... meglio impiegarlo per altre cose)

mi sembra di stare all'asilo e dovermi sempre difendere a livello personale, accidenti.

STOP

andiamo avanti !!!!

ciao ciao :bye1::bye1::bye1:

turbogen
15-02-2011, 19:36
p.s:non so se lo sai, visto che dici di conoscere tanto bene arca, ma appunto arca di caldaie marine non ne ha mai fatte...il che spiega il fatto che non le conosca, e che ovviamente non lo abbia consigliato proprio perchè non avrei saputo che dirgli(magari gli facevo fare più casino che altro, tanto vale conoscere i propri limiti e starsene zitti..)
ri p.s:il lupa col fatto che non l'ho consigliato è super-incavolato con me, ha maledetto il giorno che mi ha incontrato, mi insulta telefonicamente tutti i giorni, mi terrorizza inviandomi a casa dei camion carichi di depliant della tatano(un vero incubo) .....hahahaha
qui bisogna proprio prenderla in ridere(anche se onestamente altri la prenderebbero alla tomtom,e onestamente non potrei dargli tutti i torti....)
vabbè, ciaooooooooooo:bye1:

Dott Nord Est
15-02-2011, 19:42
vabbè,
si continua fuori OT, e io dico STOP.
no comment.
Ciao ciao :bye1::bye1::bye1:

turbogen
15-02-2011, 19:46
semplicemente rispondo a tema e a modo a ciò che tu dici, che pretendi pure di avere l'ultima parola????se qualcuno mi tira in ballo io ballo, tutto qui, se poi non gli vanno bene le mie risposte...bè, non è un mio problema.
ciao:bye1:

lupakkiotto
15-02-2011, 20:19
vabbè,
si continua fuori OT, e io dico STOP.
no comment.
Ciao ciao :bye1::bye1::bye1:

dott, ti dico una cosa sincera in italiano conosciuto da tutti: ridimensionati
co sto modo de fa ti sarai fatto parecchi clienti in questo forum ma se non te ne sei accorto sei andato sul cavolo a parecchi utenti.
st'ultimi giorni pure sempre in neretto scrivi, ma che te sei messo in testa?!?
stiamo su energeticambiente o stiamo sul tuo blog?!?
va be che la tua jaguar non va a acqua però datti una ridimensionata e scendi tra noi sulla terra.....:bye1::bye1::bye1:

Dover
15-02-2011, 20:50
bravo lupa!!!!!:)
ciao:bye1:

p.s; per dover, la ditta italiana è la cib-unigas????

No molto più famosa, basta andare alla fiera del riscaldamento e lo vedi subito dagli stand.
Il libretto l'ho già scaricato domani lo guardo bene, mi ero soffermato solo sul bruciatore. Ti chiedevo i prezzi in un messaggio privato, perchè tra Arca e l'altra marca ci sono solo 800 Euro di differenza. Ciao

Dott Nord Est
15-02-2011, 20:53
semplicemente rispondo a tema e a modo a ciò che tu dici, che pretendi pure di avere l'ultima parola????se qualcuno mi tira in ballo io ballo, tutto qui, se poi non gli vanno bene le mie risposte...bè, non è un mio problema.
ciao:bye1:


no comment
ciao ciao :bye1:

Dott Nord Est
15-02-2011, 20:54
dott, ti dico una cosa sincera in italiano conosciuto da tutti: ridimensionati[QUOTE=lupakkiotto;119172117]

no comment
ciao ciao :bye1::bye1:

lupakkiotto
15-02-2011, 20:57
no comment
ciao ciao


[QUOTE=lupakkiotto;119172117]

no comment
ciao ciao

:woot_jump::woot_jump::woot_jump:
no comment
:woot_jump::woot_jump::woot_jump:

Daniel1980
16-02-2011, 07:36
TUTTI gli idraulici interpellati si rifiutano di firmare la conformità dell'impianto se non sono loro a fornire la caldaia.


Prova a contattare idraulici onesti. Anche io sono un'installatore, e perdere la vendita di una caldaia del genere anche a me brucerebbe parecchio, ma non posso certo rifiutarmi di firmare la dichiarazione di conformità dell'impianto che ho fatto per questo motivo! Se proprio non voglio installare qualcosa che il cliente si compra rifiuto tutto il lavoro, che senso ha rifiutarsi di firmare dopo averlo fatto? Da criminali!

margiop
16-02-2011, 10:27
che senso ha rifiutarsi di firmare dopo averlo fatto? Da criminali!

hai frainteso, il lavoro non è ancora stato fatto, si parla di preventivi in mano.
tu capirai che se interpello 4 idraulici e mi danno la stessa risposta non è che posso perdere un anno in cerca di quello che mi firma l'impianto senza problemi, magari mi capita uno rinomato perchè lavora male o perchè è caro impestato.
non c'è solo la caldaia nella fornitura, l'impianto è un sistema fatto di varie componenti, per questo motivo Dott. dice che propone ai suoi clienti i suoi idraulici, sa bene anche lui quanto sia difficile lavorare con quelli degli altri.
nella realtà i fattori da considerare sono molteplici, mica solo la caldaia ed il suo prezzo.

sono infine convinto che la differenza di rendimento ripaghi il maggior investimento, una caldaia mal regolata che brucia un pellet scarso rende il 60%, una caldaia ben regolata che brucia buon pellet rende l'85%, se anche risparmiassi solo 200 euro all'anno in 10 anni mi ripagherei della maggiore spesa e mi resterebbero tutti i plus, compreso un magazzino pellet più piccolo.
è ovvio che maggiori sono i consumi della casa maggiore è la convenienza alla caldaia efficiente.

Dott Nord Est
16-02-2011, 10:33
margiop, e una caldaia ben regolata che costa però il 40/50% in meno?
e che ti dà la possibilità di essere onnivora? ci sono caldaie onnivore che hanno bisogno di ridottissima pulizia, basta individuarle bene.
bah... libertà di scelta, giustamente.

turbogen
16-02-2011, 10:43
e una non onnivora, che ti costa lo stesso molto meno, e non ti fa impazzire con regolazioni, pulizie con mazzetta e scalpello o martellino pneumatico ad aria del crogiolo(già successo) , svuotamenti del crogiolo ripetuti, ecc ecc.... non è ancora meglio?????premesso sempre che i soldi in più per le austriache NON SONO MAI BUTTATI, se uno ha la disponibilità economica sono soldi ben spesi dal primo all'ultimo......

margiop
16-02-2011, 11:18
......................................cut......... ..............

biomassoso
16-02-2011, 11:23
MARGIOP,
se puoi permetterti una crucca non starci neppure a pensare un attimo.

E' inutile che qualcuno andando contro la ragione cerchi "pro domo sua" di confrontare a tutti i costi una classica marina a braciere eruttivo con una di queste: è impossibile, le crucche hanno una concezione tecnica ed una combustione totalmente differente neppur da paragonare lontanamente alle obsolete tecnologie nostrane.....

Che poi queste accettino solo obbligatoriamente pellet ottimo è, garanzia a parte, ancor tutto da vedere: ne ho viste funzionare egregiamente con gusci avendo un ottimo sistema di pulizia, volerci bruciare anche mer@a è però un'altra cosa....

Chi poi non ha portato il cervello all'ammasso dovrebbe ormai aver capito che la possibilità decantata di poter bruciare anche legna nelle "sedicenti" onnivore ha più svantaggi che aspetti positivi: nessuno, ripeto nessuno, può, al di là della propaganda imbonitrice, tecnicamente far coesistere nella stessa pentola con stesso scambiatore termico e stessa unica aria comburente le due combustioni che sono TOTALMENTE differenti: chi poi si accontenta di un surrogato pensando di risparmiare perchè dentro pensa di passarci anche la suocera son affari suoi, l'importante è saperlo!

Questa vecchia tecnologia a braciere eruttivo ha fatto ormai il suo tempo e si deve lasciare a paesi del 3° mondo che per loro è un prodotto lunare, continuare lancia in resta a presentarlo come ultima innovazione solo perchè di tanto in tanto gli si aggiunge qualcosa per giustificare aumenti di prezzo lascia un po' il tempo che trova, e le emissioni inquinanti di questi vecchi catafalchi prima o poi ci faranno spendere altri soldi per aggiornare l'impianto alle nuove normative se vogliamo ancora continuare ad usarle.

margiop
16-02-2011, 11:29
bio, io nella scelta come ho già scritto, terrò in considerazione l'evenienza che la caldaia si utilizzata anche da altri, non solo dal sottoscritto.
non posso pensare che moglie o figli vadano ogni giorno a guardare il braciere, se è pulito ,se è a livello, se ci sono residui, a scovolare i tubi orizzontali, etc etc.
io lo farei, anche volentieri, ma loro ?
e non mi va di dover chiamare CAT o tecnico per ogni aggiustamento.
dott è molto disponibile e cortese, ma se domani cambiasse lavoro ?
in soggiorno metto comunque una bella stufa a legna, con quella mi godo la fiamma, che ha il suo fascino, e brucio ciò che voglio, suocera compresa, niente condense acide (a parte quelle della suddetta).

Dott Nord Est
16-02-2011, 11:29
chissà mai perchè a casa mia funziona egregiamente, boh..........

turbogen
16-02-2011, 11:34
mi sa che casa tua non fa testo dr, sarai fortunato, oppure c'è un fantasma la notte che si cura di risolvere tutti i problemi(a tua insaputa, ovviamente) così quando ti alzi la mattina è sempre perfetta e ti sembra di non farci mai nulla....
io guardo di più alle esperienze che vengono raccontate sul forum....

Dott Nord Est
16-02-2011, 11:35
mah, magari margiop può testimoniare.....
visto che l'ha vista + di qualche volta.....

margiop
16-02-2011, 11:38
Dott, la mini K25 è una bella caldaia, ed ho verificato di persona che a casa tua va da Dio, ma cavolo, tu sei Dott, mica un pincopallino qualunque.
Non per niente giri il Nord Est a vendere e fare assitenza a caldaie.
Già il solo fatto che tu assisti tanto, e ti fa onore, specie quando lo fai gratis, mi fa pensare che le regolazioni siano fondamentali, più rognose di quello che si pensi.
non è possibile leggere thread kilometrici relativi a tarature, c'è qualcosa che non va nel concetto stesso del pentolone.
io credo che siano grandi strumenti nelle mani di agricoltori che bruciano di tutto e di più, tipo giuggiolo, ma che l'estensione del loro utilizzo in ambito casilingo sia un poco forzata (per non parlare delle emissioni).
secondo me la Tatano come tante altre italiche ha le carte in regola per produrre oggetti di tecnologia avanzata, ed a minor prezzo, dato il costo del lavoro più basso che quello crucco, perchè non lo fa ?

Dott Nord Est
16-02-2011, 11:40
margiop, io invece sono di un parere diverso.....
le teutoniche sono ottime, le italiane sono buone.
il problema, nel 99% dei casi stà nell'impianto o in chi conduce la caldaia.....
o peggio, in chi vendendo la caldaia non fà il suo dovere... (giusta scelta, giustoimpianto, giusti insegnamenti)
dici bene, io giro, e non ho certo tempo per star a guardare la caldaia, a parte il sabato mattino (15 minuti) che la pulisco......
tanto per capire, in 5 anni rispetto al gasolio, ho risparmiato 17/18.000 euro. Vedi te.....

margiop
16-02-2011, 11:45
dott, cerca di capirmi.

più la caldaia è autonoma meno assistenza mi serve, l'assistenza è fatta da uomini, domani tu non vendi più Tatano ma Froling o Arca, io che faccio ?

chi conduce la caldaia ... non è una professione, un conto è caricare il pellet e svuotare il cassetto ceneri, un conto è regolare l'aria e la coclea o i mille parametri della centralina e scovolare ogni due giorni perchè magari ci butto legna oppure brucio porcheria.

Dott Nord Est
16-02-2011, 11:48
margiop, tu sei libero di fare la scelta che vuoi, l'impianto è tuo. Si parla solo per scambiare opinioni.
ah, dimenticavo, la froling non è esente da rotture, e se poi cambiano venditore?

Dover
16-02-2011, 11:51
[QUOTE=margiop;119172357]hai frainteso, il lavoro non è ancora stato fatto, si parla di preventivi in mano.
tu capirai che se interpello 4 idraulici e mi danno la stessa risposta non è che posso perdere un anno in cerca di quello che mi firma l'impianto senza problemi, magari mi capita uno rinomato perchè lavora male o perchè è caro impestato.
non c'è solo la caldaia nella fornitura, l'impianto è un sistema fatto di varie componenti, per questo motivo Dott. dice che propone ai suoi clienti i suoi idraulici, sa bene anche lui quanto sia difficile lavorare con quelli degli altri.

Ti parlo della mia esperienza: io l'impianto in casa l'ho già fatto ed ora ho una vecchia termocucina che voglio sostituire. Quando ho chiesto il preventivo al mio idraulico mi ha detto che lui monta solo Arca. Poi ho chiesto altri preventivi e sia Froling che Kwb mi hanno detto che preferivano che l'installazione la seguisse il mio idraulico, visto che l'impianto l'ha fatto lui e lo conosce meglio.
Allora sono andato da lui e gli ho detto che preferivo venisse lui, non volevo altri idraulici ecc... alla fine mi ha detto che secondo lui Arca è meglio, ma mi installa e certifica qualsiasi caldaia. Secondo me se sei deciso nessuno o quasi rifiuta un lavoro...

Dover
16-02-2011, 11:52
ah, dimenticavo, la froling non è esente da rotture, e se poi cambiano venditore?[/QUOTE]


Mi dici quali sono i guasti più frequenti alla P4

turbogen
16-02-2011, 11:53
ah, dimenticavo, la froling non è esente da rotture, e se poi cambiano venditore?

nemmeno la tatano è esente, mi sembra di capire dal forum, anzi, chissà perchè c'è proprio un mucchio di gente sul forum che se ne lamenta,e non è così per molte altre marche...
se cambiano venditore rimane sempre l'assistenza autorizzata, forse sarà un problema solo per chi ha comperato da chi abbina la figura di venditore a quella di centro assistenza:rolleyes:.....

turbogen
16-02-2011, 11:55
dover, ma ti sei accorto a chi lo stai chiedendo?????
leggiti il forum e guarda in quanti si lamentano, questa è già una risposta, del tutto imparziale..
ciaooooooooooo:bye1:

Dott Nord Est
16-02-2011, 12:12
forse perchè il numero delle P4 vendute da noi non è così elevato.....

Dover
16-02-2011, 12:21
Va be in generale volevo sapere quali sono i problemi di queste austriache a pellet. Se nessuno mi da una risposta allora non hanno problemi, sono perfette non comprarle e volersi far del male.......Visto che le italiane problemi ne hanno e non pochi

turbogen
16-02-2011, 12:27
dover, hai capito tutto, bravo!!!!
solo non generalizzare troppo con le italiane......
ciaoooooooooooo:bye1::bye1:

biomassoso
16-02-2011, 12:34
chi conduce la caldaia ... non è una professione

Premesso che non è che servino doti sovraumane per regolare una semplice marina, il problema è solo che dovrai farlo in continuazione se vuoi una combustione ottimale, ed il braciere eruttivo non può per ovvie ragioni costruttive pulirsi autonomamente da agglomerati di sinterizzazione del combustibile, problema questo irrisolvibile con quelle vecchie tecnologie.

Poi non si possono fare paragoni di gestione con una semplice scheda dozzinale da 80€ (anche se si fa pagare minimo 3 volte di più) della maggior parte delle nostrane rispetto alla regolazione lambda della crucca, ed il braciere con pulizia a raschiamento/ribaltamento oltre alla suddivisione delle comburenti la rende tecnologicamente inarrivabile per qualsiasi Italiota.

P.S. per gli eventuali problemi riscontrati sulle Froeling, basta andare sui forum crucchi specializzati e si può vedere quali possano essere stati riscontrati.....e forse come numeri son leggermente più vendute della onnipresente ed autoreferenziata qui sul forum.
:bye1:

Dover
16-02-2011, 12:35
Senza offendere nessuno..Non voglio essere polemico ma solo avere più opinioni possibile

margiop
16-02-2011, 12:57
ah, dimenticavo, la froling non è esente da rotture, e se poi cambiano venditore?

froling è un'azienda austriaca da 100 milioni di fatturato, tatano è un artigiano siciliano, con tutto il rispetto per tutti sono due realtà diverse.

Dott Nord Est
16-02-2011, 13:05
una domanda banale quanto reale: se la stessa caldaia, italiana o teutonica o americana o australiana, non ha importanza, da caio funziona, da tizio funziona e da sempronio no, premettendo che i componenti della caldaia non sono rotti, di chi è la colpa? della caldaia o di altri o altro?
a voi le risposte.....

Daniel1980
16-02-2011, 13:08
froling è un'azienda austriaca da 100 milioni di fatturato, tatano è un artigiano siciliano, con tutto il rispetto per tutti sono due realtà diverse.


Si, ma poi bisogna vedere la realtà italiana, alla quale Dott. si riferiva, presumo. Prodotti hi-tec si vendono solo al nord italia, nel centro sud e isole è arrivata a malapena la condensazione nelle caldaie a gas...

Dott Nord Est
16-02-2011, 13:10
anche la toyota è il + grosso gruppo automobilistico del mondo, ma sta richiamando milioni di auto con problemi.....
giusto, la Tatano è molto + piccola della Froling, ma non leggo nessun mio cliente qui che si lamenti dell'assistenza che dò....
Le ditte, qualsiasi, grande o piccole, sono fatte di persone.... semplicemente questo.

biomassoso
16-02-2011, 13:19
di chi è la colpa?

siccome nella tua domanda è racchiuso il tuo specifico:
colpa dello pseudo o sedicente tecnico TATANO da una botta e via o della rete di assistenza! :bye1:

margiop
16-02-2011, 13:20
Dott, ti ripeto, la tua serietà, onestà e disponibilità non è assolutamente in discussione, come non lo è la tua gentilezza.
Oggi vendi Tatano domani vendi Froling oppure vinci alla lotteria e mandi tutti a quel paese.
Compro la caldaia, non compro il Dott, quindi devo garantirmi il minor numero di rogne possibili in futuro.
Nessuno si è mai lamentato della tua assistenza, ma sulle caldaie non puoi dire lo stesso.

Dott Nord Est
16-02-2011, 13:22
colpa dello pseudo o sedicente tecnico TATANO da una botta e via o della rete di assistenza! :bye1:

non mi sembra di aver parlato di una marca nel particolare (se la stessa caldaia, italiana o teutonica o americana o australiana, non ha importanza,), ma in generale tutte.
vedo con rassegnazione che si continua nel puro attacco personale.
ah, una domanda semplice semplice: perchè bio ha una caldaia marina e vende caldaie marine? mah.......
compresa la "famigerta" Tatano...

margiop
16-02-2011, 13:23
dott, c'è differenza tra funzionare bene e funzionare male.

tra rendere il 50% perchè male tarata o rendere il 90% perchè tarata perfettamente.

il punto è questo, che impegno richiede la taratura ? dalla lettura del forum si evincono sbattimenti continui, gente che parte consumando 6 sacchi al giorno e dopo mille peripezie, turbolatori compresi, ne consuma 3.

parlo in generale, mica di tatano, ma anche di altre marche.

Dott Nord Est
16-02-2011, 13:26
margiop, che impegno richiede?
io posso rispondere per me e per quel che faccio assieme ai miei collaboratori: richiede un buon progetto e un buon avvio/collaudo con relativa istruzione. Stop

margiop
16-02-2011, 13:35
devi fare conto anche sulle mogli e i figli, la mia per esempio non vuole avere a che fare con l'elettronica e non si vuole prendere la briga di tarare.
sono aspetti che un commerciale dovrebbe considerare.
se la moglie mi avesse detto di non voler caricare i pellet o pulire ceneri avrei preso una caldera a gasoline o a gipielle, mai una biomassa.

Dott Nord Est
16-02-2011, 13:40
sono sposato pure io.... e la moglie al max ci butta il pellet se io sono via.
ah, nel filmato che ho sul mio canale you tube, si vede pure mia figlia !!!
cmnq, ripeto, le mie sono e restano sempre opinioni personali e di libera interpretazione. :beer:

steve57
16-02-2011, 13:42
Il problema è che per progettare una caldaia tipo "teutonico" non serve un artigiano ma un ingegnere meccanico con specializzazione in termotecnica e questo stravolgerebbe il concetto di azienda artigianale che si è evoluta a partire dai caminetti o dalla fabbricazione di infissi e similari in ferro.

Guardando sui forum si vedono per es. delle tali idiozie nella fabbricazione di termostufe da fare riflettere sull'approccio di questi pseudo tecnici.

Per es. Bracieri che si deformano/consumano dopo 2 mesi di utilizzo, girofumi "impulibili" programmazione della centralina a piripicchio ecc.

In Germania/Austria producendo con questi criteri non venderesti neppure un accendino...

E' triste pensare che le caldaie marine benchè trogloditiche come concezione sono quasi gli unici oggetti italici che funzionano più o meno come da brocure...

Dott Nord Est
16-02-2011, 13:45
esatto steve57, per quanto banali e semplici siano, non bisognerebbe mai affidarsi al rigattiere di turno e peggio ancora al fai da te.
i tedeschi ragionano ben diversamente da noi.... e infatti tali paesi sono da me frequentati assiduamente !!!!!

margiop
16-02-2011, 14:05
Dott, secondo me dovresti ampliare la gamma delle caldaie che vendi, qualche prodotto di punta non farebbe male.

biomassoso
16-02-2011, 14:13
non mi sembra di aver parlato di una marca nel particolare
ma l'ho fatto io, infatti tu nella tua posizione, avendo un leggerissimo conflitto d'interessi, puoi SOLO parlare della tua marca ed astenerti da giudizi "tranchant" sulla concorrenza

perchè bio ha una caldaia marina e vende caldaie marine? mah.......
La mia personale ha 10 anni e per quegli anni mi andava anche bene, ma guarda che in IT non mi permetterei mai di proporre oggigiorno simili obbrobri obsoleti se mai dovessi venderle: come ben sai quei rottami sono venduti in BR, che oltretutto sei disattento, oppure leggi solo cosa ti interessa:
""Questa vecchia tecnologia a braciere eruttivo ha fatto ormai il suo tempo e si deve lasciare a paesi del 3° mondo che per loro è un prodotto lunare""

compresa la "famigerta" Tatano...
PSSSTTTT....la "famigerata" è un semplice specchietto per le allodole facilmente raggiungibile sul WEB grazie allo spam incessante, ma era improponibile come prezzo rispetto a similari Italiote!

_______________________:bye1:_____________________ _

Dott Nord Est
16-02-2011, 14:16
Dott, secondo me dovresti ampliare la gamma delle caldaie che vendi, qualche prodotto di punta non farebbe male.

margiop, preferisco essere specializzato su un prodotto che non superficiale su molti....

margiop
16-02-2011, 14:22
margiop, preferisco essere specializzato su un prodotto che non superficiale su molti....

i concessionari toyota, i più specializzati ed organizzati, ora vendono anche chrysler, senza problemi.

non è che vendi caldaie e motoseghe.

Dott Nord Est
16-02-2011, 14:28
bravi quelli della toyota, e infatti non si vergognano per i loro richiami, ma li fanno con serietà e puntualità.
molto meglio di altri porduttori che pur sapendo un difetto, lo tengono nascosto, a scapito dell'utente.
cmnq io preferisco la monomarca, e al momento mi trovo più che bene con quella che seguo.
Infatti, come tu hai detto in precedenza, la mia funziona da Dio.... :):):)

Daniel1980
16-02-2011, 14:32
Guardando sui forum si vedono per es. delle tali idiozie nella fabbricazione di termostufe da fare riflettere sull'approccio di questi pseudo tecnici.
Per es. Bracieri che si deformano/consumano dopo 2 mesi di utilizzo, girofumi "impulibili" programmazione della centralina a piripicchio ecc.
In Germania/Austria producendo con questi criteri non venderesti neppure un accendino...


Quello delle biomasse è un settore di nicchia, in Italia c'è tutto il know-how necessario per produrre caldaie all'avanguardia, ma a che pro, se poi il mercato ti richiede modelli da 3-4-5 mila euro massimo? L'italia poi è un paese a due velocità, il mercato del Nord è diverso da quello del Sud e delle Isole, dove il reddito medio è la metà e dove la biomassa è più diffusa. I grossi produttori italiani del settore ricaldamento questo lo sanno bene, e infatti finora non stanno investendo un'euro, preferiscono lasciare il mercato in mano ai piccoli produttori locali e a qualche austriaco che vende qualche decina di caldaia all'anno.

biomassoso
16-02-2011, 14:34
I prodotti di punta son tutti esteri, in IT niente di nuovo.
Questi che sono un po' più seri dei nostrani non è che li diano a cani&porci, nelle Italiote invece puoi trovare lo stesso prodotto da distributori come dall'ultimo idraulico che lavora in nero, ed i problemi con rimpalli di responsabilità poi si sprecano.
Assistenza clienti (http://www.froeling.com/it/servizio/assistenza-clienti.html)

margiop
16-02-2011, 14:34
sono d'accordo con Daniel, le Italia sono più d'una, i triti vanno al Sud il pellet al Nord, lo avevo già scritto.
per questo motivo a noi veneti conviene comprare austriaco.

il ragionamento di Bio è perfetto, la distribuzione di alcune italiane è poco curata, mentre le tedesche sono più organizzate, tanto che l'idraulico me la propone, ma l'avvio, il collaudo e le spiegazioni vengono fatte direttamente da Froling.

e direttamente con loro si sigla il service annuale, che prolunga la garanzia a 10 anni (dieci).

Dott Nord Est
16-02-2011, 14:37
Assistenza clienti (http://www.froeling.com/it/servizio/assistenza-clienti.html)

embè?
lo faccio pure io, che non sono nessuno............
è solo questione di serietà

margiop
16-02-2011, 14:45
Giuseppe, come mai nel sito scaldareapellet hai tolto tutti i prezzi ?

Dott Nord Est
16-02-2011, 14:51
perchè la concorrenza ci sguazzava, e siccome erano quelli da me applicati, e non quelli da listino Tatano, ho preferito toglierli.
Chi vuole quelli da Listino, non ha che da richiedermeli (come indicato appunto nel sito). Poi, la scontistica è un'altra cosa (dipende da tanti fattori, se solo caldaia, o caldaia + accessori, o caldaia + installazione, ecc ecc)

Daniel1980
16-02-2011, 14:54
, ed i problemi con rimpalli di responsabilità poi si sprecano.
Assistenza clienti (http://www.froeling.com/it/servizio/assistenza-clienti.html)

Seee, vabbè, è tutto da dimostrare, non generalizzerei.

polluz
16-02-2011, 15:05
ho scatenato un polverone ;-) nel frattempo continuo a informarmi sui forum e dai rivenditori.

Un ulteriore idraulico mi ha consigliato una unical a fiamma inversa per andare a legna e nel caso in cui questa richieda eccessivo sbattimento una d'alessandro csi da 30kw.

Io mi sono lanciato nel rivendirore da cui si rifornisce.... i prezzi mi hanno shokkato. Una CSI da 30kw elettronica a 3,4 k IVATA...


Stavo propendendo sulle austriache, ma il divario è di 7000 euro da 3,4k a oltre i 10k.

Stando nei 10k ci farei anche il solare e il puffer....

Sono ancora più confuso.

Ho concluso che per praticità andrei solo a pellet di buona qualità sia con tedesche che con austriache. Meno sbattimenti....


che indecisione.... aiuto!!!!

Dott Nord Est
16-02-2011, 15:08
plluz, qualunque tua decisione, secondo me, per essere "umana" deve essere ammortizzabile al max in 5 anni, italiane o teutoniche (spesa, costi gestione, consumi, rese, ecc conteggiando tutto)

Daniel1980
16-02-2011, 15:09
sono d'accordo con Daniel, le Italia sono più d'una, i triti vanno al Sud il pellet al Nord, lo avevo già scritto.
per questo motivo a noi veneti conviene comprare austriaco.


Il 'conviene' è relativo, dipende sempre da quanto vuoi o puoi spendere.

margiop
16-02-2011, 15:12
infatti il conviene è relativo a me, e i conti li ho postati in lungo ed in largo.

un consiglio a polluz, sbattiti con i preventivi, manda un mp ad ale82, vedrai che le differenze si assottiglieranno.

turbogen
16-02-2011, 15:27
il ragionamento di Bio è perfetto, la distribuzione di alcune italiane è poco curata, mentre le tedesche sono più organizzate, tanto che l'idraulico me la propone, ma l'avvio, il collaudo e le spiegazioni vengono fatte direttamente da Froling.

ciao mario, per ogni marca un minimo seria deve-dovrebbe essere così, è lo stesso comportamento che teniamo in arca(tramite noi centri assistenza), e fino ad ora in qualsiasi altro marchio di caldaie mi sono imbattuto(non solo a biomassa, ma anche murali) è sempre stato così.....

Dover
16-02-2011, 16:35
sE VUOI LA CALDAIA A LEGNA COMPLETAMENTE manuale Lohe costa 3300 Euro ed è austriaca e la Froling S3 si aggira sui 6000, come anche la Herz base con sonda lambda a legna ovviamente. Per il pellet costano di più, altri modelli con sonda lambda e controllo per il solare...

Stando nei 10k ci farei anche il solare e il puffer....

Sono ancora più confuso.

Ho concluso che per praticità andrei solo a pellet di buona qualità sia con tedesche che con austriache. Meno sbattimenti....


che indecisione.... aiuto!!!![/QUOTE]

turbogen
16-02-2011, 16:37
dover, devi avere fatto un pò di caos con le quote, non si capisce niente....

Dover
16-02-2011, 18:12
Rispondevo a polluz, a proposito la granola la sonda lambda c'è l'ha o no?

turbogen
16-02-2011, 18:17
ha la sonda fumi, che la fa modulare a seconda della temperatura rilevata, oltre a modulare a seconda della temperatura della caldaia, ovviamente...ciao:bye1:

Dover
16-02-2011, 18:27
A bene, ma allora qualcosa in meno c'è.....rispetto alla P4

turbogen
16-02-2011, 18:30
ci mancherebbe che ci fosse qualcosa in più e che costasse meno....diciamo che c'è tutto quello di essenziale che si deve cercare in una caldaia, e anche qualcosa di più, tipo un'elettronica che ti gestisce caldaia, boiler o puffer e pannelli solari di serie, e non è poco...
ciao:bye1:

Dott Nord Est
16-02-2011, 18:58
dover, ora ti stuzzico un pò.
negli ultimi tempi, se l'utente abbina un puffer, consiglio addirittura la caldaia meccanica, non l'elettronica.
risultato? costa molto meno ed è eterna, e praticamente esente da rotture........
poi dipende se l'utente invece vuole la pulizia automatica, e allora consiglio la versione adatta.

turbogen
16-02-2011, 19:03
risultato? ed è eterna, e praticamente esente da rotture........


:woot_jump::woot_jump::woot_jump:


è evidente che hai bisogno di rileggerti qualche discussione del forum sulla tatano.....

Dover
16-02-2011, 19:41
Scusa dott. ma anche fossi interessato alle tue caldaie, come potrei fare che tu servi solo il veneto e il trentino. Comunque non ci sta nel mio piccolo locale caldaia....

Dott Nord Est
16-02-2011, 20:32
è evidente che hai bisogno di rileggerti qualche discussione del forum sulla tatano.....

non commento, non serve.
evidentemente sono cieco, visto che mai ho visto un mio cliente lamentarsi qui..... forse sono tutti senza pc e internet.
e a dire il vero, di rotture non ne ho mai lette neppure dagli altri....
magari regolazioni non appropriate si, ma rotture no. Mah........

Dott Nord Est
16-02-2011, 20:34
Scusa dott. ma anche fossi interessato alle tue caldaie, come potrei fare che tu servi solo il veneto e il trentino. Comunque non ci sta nel mio piccolo locale caldaia....

giusto, io servo solo veneto e trentino.
in altre zone ci sono altre persone.

turbogen
16-02-2011, 20:46
e a dire il vero, di rotture non ne ho mai lette neppure dagli altri....
magari regolazioni non appropriate si, ma rotture no. Mah........

http://www.energeticambiente.it/caldaie-termocamini-stufe/14736900-affidabilita.html
ne sei ancora così sicuro????:rolleyes::rolleyes:
sul fatto che ci siano problemi di digestione del pellet nessuno aveva dubbi....