PDA

Visualizza la versione completa : Herz, Eta, Windhager. Qualcuno ha o conosce queste caldaie?



gaucho
14-12-2011, 21:08
Ne sto valutando l'acquisto. Per la ETA SH 30kw credo ci vogliano ca. 10.000€ i.i.
La Windhager logwin 30 non ho idea.
Quella che mi pare interessante è la Herz Firestar perchè le tre caldaie mi paiono sulla carta molto simili, tutte con vano di carico grande 160-180 lt, peso sui 600kg, ottimo rendimento, pulizia automatica turbolatori e sopratutto, almeno la herz e la eta, un'ottima centralina di controllo che comanda ogni componente del sistema compreso carico puffer e 6 circuiti di riscaldamento. Il fatto è che per meno di quanto costa la ETA la Herz mi da caldaia, accumulo 2000lt, modulo produzione ACS, valvole AC e scarico termico, regolatore di tiraggio c.f., trasporto e messa in funzione.

Qualcuno usa o ha visto usare questi prodotti?

leone sandri
19-12-2011, 15:36
Io ho una Eta in funzione dal 2009 spettacolo, se ti interessa tasto cerca ci sono parecchi post a riguardo.
Ciao

Clamy
19-12-2011, 22:14
Salve Leone posso chiederti di quantificare il consumo Pellet, ed in che condizioni.In particolare la ETA cede calore nell'ambiente in cui si trova? Saluti

leone sandri
20-12-2011, 07:41
Ciao, la mia è una combinata a legna e con affiancata e flangiata la caldaia a pellet a griglia rotante si tratta della Eta twin, come consumi di pellet non posso aiutarti molto dato che il pellet io lo uso soltanto per integrare a quando non ci sono o non ho voglia di caricarla a legna, ad esempio l'altro anno ho consumato 70 ql di legna e 9 di pellet per una abitazione di 200 mq(160mq a 22° 40mq a 11°) in classe C quasi B in zona climatica E.
La caldaia ha un isolamento completo anche sotto di 5 cm di lana di roccia quando è accesa oltre ad essere silenziosissima se metti la mano sopra la setti fredda soltanto di fianco all'altezza del focolare da 1000° in ceramica senti tiepido, d'altronde non fosse isolata bene farebbe friggere le schede elettroniche che si trovano distribuite sulla parte superiore sopra il vano carico per la legna quella a pellet ha le schede laterali adiacenti al serbatoio di accumulo interno di pellet da 50kg.
Io ho un locale tecnico esterno in lamiera coibentata e struttura in ferro di circa 2x6 mt dove ci sono la coldaia e il puffer da 1500 lt le temperatura oscilla tra i 20° quando caldaia è spenta e il puffer e al minimo sui 45° e i 26° quando il puffer è a 88-90° la caldaia ha poca influenza di + sicuramente il tubo di scarico che nel mio caso sarà di 1 mt non coibentato e viaggia a temperature dei fumi intene alla bocca caldaia comprese tra i 150 e 230° in estate con caldaia spenta e puffer caldo con il solare che lo carica arrivo a temperature anche di 30-35°.

Giancarlo
20-12-2011, 07:48
Quando ho acquistato la mia caldaia a legna ho visionato anche le caldaie sopra menzionate, ma alla fine ho optato per una Fischer.
La potenza è circa sui 30kw con un rendimento certificato sup 90% ed un peso di kg700 senza sonda lambda ed ai suoi tempi a confronto con altre caldaie di qualità era quella che aveva il miglior rapporto qualità/prezzo.
L'unica che avevo preso più in considerazione era la Hertz, ma poi l'ho scartata perchè nella parte sotto aveva la camera di combustione non completamente in refrattario ed inoltre aveva una staffa in centro che, secondo me, avrebbe dato fastidio per la pulizia.
Nel caso avessi optato invece per una caldaia con sonda lambda avrei scelto invece una caldaia fiamma assiale ECOBiovent SLC o la Olzmax

Denix1983
19-04-2013, 10:58
Salve a tutti,
qualcuno mi può dare qualche testimonianza sulle caldaie a legna herz firestar senza sonda lambda?

vorrei acquistare firestar 20 con accumulo 2000 litri!
grazie!

Yapok
19-04-2013, 11:05
Che io sappia hanno tutte la sonda lambda. C'è il modello con elettronica avanzata (biocontrol) e quello "base" (Lambda). La prima credo sia più diffusa, la seconda dovrebbe costare molto meno (sicuramente una delle più economiche tra le austriache) però pare che anche in Austria o in Germania (dove vengono rivendute anche come Buderus o Junkers) ne abbiano vendute poche.

Denix1983
19-04-2013, 17:02
Grazie per la precisione!
sapete darmi maggiori informazioni sulla versione più semplice , firestar 20 lambda?
come va? è comunque di qualità superiore? è affidabile?
Potete darmi dei consigli su questa caldaia?

grazie!

Yapok
19-04-2013, 22:23
Purtroppo anche sui forum tedeschi si parla pochissimo della Herz Lambda/Buderus S261. Qualcuno aveva accennato ad un problema con la pulizia dei turbolatori, un altro utente era soddisfatto (solo qualche riga trovata su qualche forum), però 2 persone non fanno statistica...

Il prezzo è inferiore (in Germania si trova a 5000€, qui è tutto da vedere), ma se hai interesse ad accedere ai contributi del GSE dovrai cercare un'altra caldaia, sono abbastanza sicuro che sia una en303-5 classe 3 (per i gse deve essere in classe 5). Su un impianto serio quei 1000-2000€ pesano relativamente, quindi ti conviene investigare solo se prendi contributi diversi dal GSE e se trovi qualcuno che ti dia un parere. Sulla carta comunque è una buona caldaia (la centralina gestisce impianti meno complessi dell biocontrol, ma si può ovviare con una buona centralina climatica/solare, che comunque si mangia parte della differenza di prezzo e della semplicità d'installazione).

Denix1983
20-04-2013, 08:40
Grazie!
sì, ho intenzione ad accedere ai contributi del GSE, siccome è uscito da poco il nuovo regolamento, il mio tecnico non è ancora bene informato su questi parametri di emissioni;
comunque l'intenzione è quella di installare una Herz firestar 20 lambda con puffer 2000 litri + 300 litri per acqua sanitaria a parte.
In alternativa potrei usufruire della detrazione del 55% in 10 anni , detrazione dall'irpef.

Yapok
20-04-2013, 08:52
Allora ti conviene darti una mossa... auguri.

rosscal
01-05-2013, 14:33
ciao sono nuovo nel forum, mi sto informando sulle caldaie a legna a fiamma inversa.
Tra varie ditte (froling, eta, kob, ecc) un bel casino. Mi sono fatto fare alcuni preventivi prezzi allucinanti per ammortizzare caldaia e puffer ci vogliono 10 anni. Ad oggi mi sa che rimango col mio impianto a gpl nonostante i 2500 anno spesi. Rispetto ai 15-18 prospettati per nuova caldaia e puffer.

Yapok
01-05-2013, 16:29
Con 15-18000 ci rifai la centrale termica (con caldaia austriaca) e ti avanzano i soldi per un viaggio intercontinentale in due... hai chiesto direttamente a Froeling e compagnia o tramite idraulico? Se ti sbrighi e hai reddito (difficile ma non impossibile) puoi prendere il 50%, altrimenti puoi vedere cosa prendi col conto termico. Di che zona sei?

Giancarlo
02-05-2013, 11:20
Purtroppo anche sui forum tedeschi si parla pochissimo della Herz Lambda/Buderus S261. Qualcuno aveva accennato ad un problema con la pulizia dei turbolatori, un altro utente era soddisfatto (solo qualche riga trovata su qualche forum), però 2 persone non fanno statistica...

Il prezzo è inferiore (in Germania si trova ................


Bisogna fare attenzione se chi vende un prodotto poi lo produce veramente.
A me era capitato, ai tempi dell’acquisto della mia caldaia, di notare delle strane somiglianze tra alcune marche. Quelle che più mi erano sembrate lampanti erano quelle tra un modello della Viessmann che altro non era che una Windagher verniciata di argento invece che di rosso, e la Buderus che era una Fischer verniciata di blu invece che di colore grigio.
Delle prime non ho conservato nulla, mentre delle seconde ho trovato ancora questo:
Logano S241 und SX241 (http://www.buderus.de/sixcms/detail.php/2230371)
FISCHER Heizkessel Scheitholz - VX 30 mit GEFImatic 23 kW Heizungsfachshop | Details (http://www.heizungsfachshop.de/wbc.php?sid=60353387d7&pid=10808&tpl=pd.html)
Quindi attenzione prima di acquistare un prodotto, perché può essere rimarchiato e riverniciato con l’unica differenza del prezzo che magari è maggiorato.

Yapok
02-05-2013, 12:58
Non mi pare che ci fosse alcuna ambiguità sul fatto che le Buderus non siano fatte dalle Buderus. Al contrario, per quel che riguarda la S261, i modelli Buderus/Junkers spesso costano meno di quelli originali Herz...

Daniel1980
03-05-2013, 08:05
i modelli Buderus/Junkers spesso costano meno di quelli originali Herz...

Infatti, perlomeno in Italia. Il fatto è che quasi tutti i produttori tedeschi non vendono tramite i canali dei grossisti termoidraulici ma direttamente all'idraulico o al cliente, con ricarichi a volte mostruosi visto che non c'è concorrenza. L'altro anno mi è capitato di vedere una Herz proposta inizialmente a 35mila Euro e poi abbassata sotto i 30 mila pur di venderla. Vergognoso.

Yapok
03-05-2013, 08:58
Quale parte è vergognosa? Era una Herz che in Germania costa 15k€ o trovi vergognoso il ribasso?

Daniel1980
03-05-2013, 10:58
*** Citazione integrale rimossa. Violazione art.3 del regolamento del forum. nll ***

Quello che trovo poco serio è il metodo di vendita da vu-cumprà, poi per il discorso prezzo come ho detto è solo una questione di politica commerciale. In linea di principio comunque che in Italia un prodotto tedesco costi più che in Germania ci stà, visto che qui c'è da pagare anche una filiale e un magazzino.

elena81
27-08-2013, 10:11
Buongiorno a tutti, leggendo questa discussione ho visto che avete parlato della Holzmax, ho scaricato i deplian di questa caldaia e ho visto che a differenza di quasi tutte le altre questa è a fiamma assiale invece che a fiamma inversa, qualcuno ha qualche esperienza con questo tipo di caldaia? sapete come vanno? sul deplian dicono che una carica dura anche più di 24 ore, è possibile?
Inoltre ho notato che in alcune caldaie la sonda Lambda è posizionata in basso, in altre in alto, c'è differenza? è una domanda da pignolini....lo so...:oops:

serpico1
22-02-2017, 15:50
Salve a tutti,ho una caldaia a legna Herz Firestar 20 con 2500 LT di accumulo e un impianto a pavimento della Rotex Sistema 70,stò cercando di lavorare con una temperatura di 50/55 °C ,vorrei sapere con cortesia se qualcuno ha dei parametri ottimali per l'impostazione della sudetta caldaia per poterla sfruttare al meglio per non avere molta dispersione di temperatura nei fumi in uscita. Grazie.

aldo55
22-02-2017, 20:00
scusa serpico1..
non so se hai ben in mente una caldaia a legna a fiamma inversa..
vorresti far lavorare la caldaia con mandata 55°..?

non saprei.. ma per farti un piccolo esempio, se il mio termocamino, dico termocamino e non caldaia, dovesse lavorare a quelle temperature si rifiuterebbe di accendenrsi..
pensa una caldaia a legna a fiamma inversa della herz.. secondo me gli verrebbe il magone solo a pensarci..
pensa che il mio tc che ha una resa irrisoria rispetto ad una caldaia, scarica su puffer da 1300 e per il 60% della combustione è intorno ai 78° e anche oltre..
a parte il fatto che quelle che chiami dispersioni in uscita fumi sarebbero da controllore altrove, sempre se le hai, facendola lavorare a quella temperatura le dispersioni le avrai altrove
e peggiori oltretutto.. poi se solo pensi che avendo un sistema anticondensa con taratura di 60/65° non circolerebbe nemmeno sulla mandata.. meglio che ci metti una cero dentro e
neanche tanto grosso..

leaza
23-02-2017, 09:08
Penso dipenda dalla caldaia, 55 cmq mi sembra bassa come temperatura impostata. Di serie a quanto è messa?

aldo55
23-02-2017, 09:26
Ciao leaza.. si parla di caldaia a legna a fiamma inversa.. 55° non è che sarebbero pochi, sono irrisori.. sono caldaie che dovrebbero lavorare ad alte T minimo 70/75°.. diversamente i problemi saranno ben altri.. a 50/55° neanche una caldaia a pellet che modula al minimo lavora a quelle T..

Lore_
23-02-2017, 09:58
Ciao serpico1,

ma quando dici "stò cercando di lavorare con una temperatura di 50/55 °C " ti riferisci alla mandata del radiante non penso alla t della caldaia, perchè a quelle t parte giusto la pompa per far girare l'acqua nella caldaia, ma la valvola anticondensa come minimo prima di 62/65° non comincia ad aprirsi.
Attualmente quale è la temperatura dei fumi che hai per volerla ottimizzare

aldo55
23-02-2017, 11:01
parla di ridurre la dispersione uscita fumi.. il che significa voler far lavorare la caldaia in modulazione riducendo al minimo aria ingresso e ventola aspirazione fumi..
dovrebbe controllare i parametri della T fumi sulle caratteristiche tecniche della caldaia e verificare prima di tutto il tiraggio della canna fumaria se abbia il tiraggio giusto ed eventualmente regolatore di tiraggio.. ma impensabile far lavorare una caldaia a legna a quelle T..
a meno che abbia espresso male le sue intenzioni..

Lore_
23-02-2017, 11:09
Ciao aldo55,


a meno che abbia espresso male le sue intenzioni..

per me è più questo, probabilmente non si è espresso bene, T fumi a 50/55° forse ci arrivano le caldaia a biomassa con sistema di condensazione.

morenorisorti
26-02-2017, 16:57
O a caldaia spenta....................................
non credo che possa lavorare contemperature al di sotto dei 180/200 C°
Ne abbiamo una in famiglia da 35 kw, T° fumi costante sopra 200, tranne modulazione/mantenimento
Montata e controllata da tecnico herz, controllata da una settimana, tutto ok