PDA

Visualizza la versione completa : Pasqualicchio CS Marina 25



Pagine : [1] 2

nico-bio
29-12-2011, 19:37
Ciao a tutti!!
Vi seguo da moltissimo e finalmente ci sono anch'io!!
Siete fenomenali!!

Ho acquistato una caldaia a biomassa Pasqualicchio cs marina 25... me la consegneranno martedì...

Nel frattempo avrei un po di domande... innanzitutto non trovo il manuale da nessuna parte, qualcuno ce l'ha e me lo manderebbe??

L'altra questione importante è: siccome non utilizzerò mai la legna ma solo pellet e sansa, posso installarla a vaso chiuso... norme a parte, intendo solo se si può tecnicamente... prima di fare altre domande aspetto che qualche buon'anima mi posti il manuale, cosi che possa evitare stupide domande le cui risposte saranno sicuramente su di esso.

Grazie a chi mi risponderà!

Dott Nord Est
29-12-2011, 20:24
aspetterai che ti arrivi per vedere se dentro c'è il manuale, no? mi sembra strano che non ci sia......
cmnq per il vaso chiuso, dipende se tal caldaia è omologata per quello (ma penso di si). Valvole a norma e espansione della giusta misura.

nico-bio
29-12-2011, 20:41
In questi giorni vorrei iniziare a preparare l'impianto e avendo il manuale sarebbe più semplice... Se qualcuno me lo manda mi fa un grosso favore.

Dott Nord Est
29-12-2011, 20:46
e perchè non lo chiedi al venditore ???

nico-bio
29-12-2011, 20:53
Ma che risposta e'? .......

Dott Nord Est
29-12-2011, 20:56
come che risposta è....
se hai comprato una caldaia nuova, l'avrai pure comprata da qualcuno, no? e chi meglio di questo dovrebbe fornirti il manuale????
mi sembra sia logico.......
cmnq io non ho il manuale della Pasqualicchio...

nico-bio
29-12-2011, 21:03
Il centro che me l'ha venduta ha solo il cartaceo... Ecco il motivo.. Ho chiamato la Pasqualicchio oggi ma x sfortuna stavano chiudendo (erano le 18.30.....)

Dott Nord Est
29-12-2011, 21:05
ah, ma a te serve il pdf. Con il cartaceo non riesci?
ma penso nel manuale sia descritta la caldaia, non come devi adeguare l'impianto alla tua situazione.

nico-bio
29-12-2011, 21:12
ah, ma a te serve il pdf. Con il cartaceo non riesci?ma penso nel manuale sia descritta la caldaia, non come devi adeguare l'impianto alla tua situazione. Il cartaceo arriverà con la caldaia, mi basta il manuale x capire come predisporre il tutto...

biomassoso
29-12-2011, 21:50
mi basta il manuale x capire come predisporre il tutto...

guarda se ti basta questo:

nico-bio
30-12-2011, 16:15
Biomassoso sei un grande!! Grazie mille e' utilissimo!!!

alessandrobrunialex
02-01-2012, 23:24
io ho la csv 18kw, da me il vaso e pompa circolatore sono gia nella caldaia.. tra gli accesssori per l amor di dio fatti mettere la valvola anti incendio che a me ha preso fuoco il serbatoio di pellet e per un pelo non finivamo tutti a concimare i cipressi

forse queste cose gia le sai ma te le dico perche avrei voluto sentire prima di comprare la caldaia (1 anno fa): cerca assolutamente di mettila in un locale che non sia comunicante con la casa(le caldaie a biomassa puzzano sporcano e sono pericolose, la robba che bruci puzza e sporca)
ah.... ricordati di far fare la prima accenzione a un loro tecnico (sul foglio della garaznia c è scritto se è compresa nel prezzo della caldaia) e poi di spedire la garanzia, ( te lo dico chiaro chiaro: non ti servira' a nulla, pagherai tutto (o quasi) sempre qualsiasi cosa accada, ma almeno potrai arrabbiarti sapendo di aver ragione :) ) (tranquillo non è che hai scelto male, semplicemente nel mondo delle onnivole la garanzia è biomassa quasi per tutte le ditte)

ciao e ben venuto ne club

nico-bio
04-01-2012, 16:53
Ri-ciao a tutti, ho appena finito di collegare tutta la parte idraulica e sto terminando quella elettrica... e domani canna fumaria esterna (odio lavorare coi piedi sulla scala...)
avrei bisogno di un po di chiarificazioni, che non sono chiare sul manuale (che biomassoso ha gentilmente allegato sopra...)
1. che differenza c'è tra funzionamento con termostato ambiente e crono?? io ho un classico cronotermostato settimanale, che era collgato alla caldaia a gas. è un termostato o un crono?? che differenza c'è tra il funzionamento con termostato e con crono?
Io vorrei che lavorasse piu o meno come la caldaia a gas, con la differenza che non vorrei spegnerla mai, e quindi:
h 5,30 il cronotermostato accende, puntato a 21°C e va cosi fino alle 22,30 di sera.
h 22,30 il cronotermostato stacca, e rimane comunque puntato a 18°C. in questa fase vorrei che la caldaia andasse in automantenimento, non che si spegnesse, in quanto non ho il phon, e mi ritroverei al freddo al mattino.

Quindi la mia domanda è: mi collego ai morsetti "crono" o "termostato ambiente"?

Per completezza vi scrivo alcuni dati sull'impianto e sull'abitazione.

145mq, villetta singola sui 4 lati, infissi triplo vetro con gas (nuovi), muri 50cm di spessore, comprensivi di intercapedine d'aria di 8cm.
Prima mi scaldavo con una caldaia Beretta Mynute J24 C.S.I. (24kw) che tra poco verrà fisicamente staccata dall'impianto riscaldamento, e resterà solo come acs per l'estate, nell'attesa di mettere il solare termico.

Spero di avere risposte e di non avervi annoiati, GRAZIE!!!!

scresan
04-01-2012, 17:32
Benvenuto nel club delle caldaie a biomassa!!!!

Potresti descrivere un po' meglio il tuo impianto? Non vorrei sconfortarti, anzi, ma tenere la caldaia in manteninento per diverse ore non sempre è cosa semplice!!
Dipende da molte cose:
tipo di combustibile e sua qualità
elettronica di controllo sulla caldaia
braciere con sistema autopulente
presenza di valvole di zona dell' impianto che chiudono come da comando dei cronotermostati

... fra una settimana ti renderai conto che la biomassa non è il metano o gasolio!!!!

P.S.: che consumi avevi di metano negl' anni passati?

nico-bio
04-01-2012, 17:57
Ciao, a dire la verità un anno intero a metano non l'ho mai fatto, perchè vivo qui da 3 inverni e:
1° inverno la caldaia a etano che c'era era rotta, e usavamo solo la stufa a pellet ad aria (12kw) quindi sahara in sala e cucina e polo nord nelle camere
2° inverno, cambiato la caldaia a metano, e poco dopo ho comprato una caldaia a pellet (lasciamo perdere, l'ho venduta per la disperazione. era una termostufa vestita da caldaia, e non lavorava bene)
3° inverno (questo):stufa tutto il giorno + metano...

Perchè non è facile tenere la caldaia in mantenimento? se è settata bene non ci dovrebbero essere problemi no?
Come combustibile per ora uso pellet, ne ho circa 8 tonnellate a casa, e lo recupero a poco, meno di 3 euro al sacchetto

scresan
04-01-2012, 18:14
... dacci nome e cognome della caldaia a pellet..... e perchè non ti funzionava???

nico-bio
04-01-2012, 18:29
Scusa ma stai andando fuori tema... il assato è passato, parliamo piuttosto della mia pasqualicchio marina cs 25.... non credi sia meglio?

scresan
04-01-2012, 18:35
Allora perchè ritieni che la tua nuova caldaia sia completaqmente diversa da quella che avevi prima? Cos'ha in piu' della termostufa vestita da caldaia? ....... non ti preoccupare di fuori tema... qua siamo solo 4 amici al bar che discutono... Ciao.

nico-bio
04-01-2012, 18:41
l'altra era proprio come una stufa, caduta pellet dall'alto, pompa e vaso inclusi, e il pellet cadeva tramite valvola stellare, non coclea, e questa si riempiva di segatura (la valvola tritava il pellet fisicamente....)e una volta piena non arrivava piu pellet con conseguente spegnimento.
Questa è tutt un'altra cosa, e sinceramente sono bravo a smanettare e trovare i parametri.. io vorrei solo sapere se il classico cronotermostato è inteso come crono o come termostato dalla mia caldaia, tutto qui!

L'altra era cmq una MZ idroeasy 25.

Dott Nord Est
04-01-2012, 18:51
io ti consiglio di lavorare con il termostato ambiente sulla pompa di mandata riscaldamento.
infatti, la caldaia deve regolarsi in base al tuo ambiente, e non il tuo ambiente in base alla caldaia.

scresan
04-01-2012, 19:00
... praticamente il cronotermostato attiva la pompa di quella zona che porta acqua calda sui radiatori. Quando ha raggiunto la t. voluta la pompa si ferma, la caldaia raggiunge la temperatura max impostata e va in mantenimento....

Com'è fatto il tuo impianto? valvole di zona attivate dai cronotermostati o semplici circolatori , una zona o piu' zone? radiatori o pavimento riscaldante.... etc

nico-bio
04-01-2012, 19:18
Una sola pompa, una sola zona, radiatori in ghisa e nei bagni radiatori e scaldasalviette.
Ipotizziamo di lavorare sul termostato: la pompa funzionerà in base alla richiesta del mio cronotermostato giusto? ma di notte, il cronotermostato non richiede mai calore. la caldaia andrà in mantenimento o cercherà di tenersi pronta (tipo a 70 gradi per intenderci) in fase di modulazione?

nico-bio
04-01-2012, 20:08
Ma quindi se ho capito bene, come crono la pasqualicchio intende un classico interruttore con orologio (tipo quelli da elettricista per i lampioni)?? e come termostato il classico cronotermostato di casa? ma leggendo il manuale, l'unico modo di usarla anche per acs (con serpentina in rame integrata) è quello via crono e vi spiego il perchè: il flussostato andrebbe collegato agli stessi pin del termostato, ma cosi facendo, quando apro l'acs partirebbe anche la pompa dell'impianto, e quindi mi ruberebbe calore. sbaglio? idee?
non sono un idraulico, ma un elettronico...

Dott Nord Est
05-01-2012, 01:11
cercherà di tenersi pronta (tipo a 70 gradi per intenderci) in fase di modulazione?

in MANTENIMENTO alla T° che hai tu impostato,ad esempio 70°

Dott Nord Est
05-01-2012, 01:12
l'unico modo di usarla anche per acs (con serpentina in rame integrata)

un consiglio? evita la produzione di acs con la serpentina interna la caldaia..... col tempo, te ne pentirai......

nico-bio
05-01-2012, 20:49
la serpentina me l'hanno regalata, quindi per ora è cosi, ma al posto di fare affermazioni stupide come "col tempo te ne pentirai" potresti giustificare tecnicamente il perchè no?

Dott Nord Est
05-01-2012, 21:02
stupide?
prova ad usarla, non servono spiegazioni tecniche.....
prova a usare 8/10 lt al minuto e vedi quanti rubinetti apri....
prova a fare la doccia e nel frattempo la moglie inizia a lavare i piatti...
prova a usare acs con caldaia in MAN a 65° e vedi cosa succede....
prova ad avere acqua con calcare che la ustruisce pian piano...
insomma, le mie affermazioni sono stupide, quindi prova... e vedi.

nico-bio
05-01-2012, 21:13
Mia moglie sa benissimo che non deve lavare i piatti mentre mi lavo e mi sembra ovvio... Calcare?? Ho tutti i filtri del caso a monte dell'impianto. 10 litri min mi bastano eccome e la mia caldaia ne fa 12-14 al minuto...quindi x ora non mi hai convinto affatto...

Dott Nord Est
05-01-2012, 21:18
- per te è ovvio non lavarti mentre la moglie lava i piatti?
- 10 lt al minuto sono tanti?
- non sei convinto che la serpentina non è il massimo?
beh, mica devo convincerti.... io sò già come funziona..... molto tempo prima di te.....e con decine e decine di casi in cui sono poi intervenuto.
quindi, se la mia opinione è diversa dalla tua, nessun problema, mica sei obbligato....

scresan
05-01-2012, 21:27
L' hai già installata? Come sta andando?
Da quanto dici .... sembri ancora convinto che una caldaia a biomassa sia molto simile ad una a gpl-metano!
Per quanto ne so... non è così!!!
Spero molto per te di sbagliarmi!!
Mi fa comunque molto piacere che un ' altro italiano abbia deciso di abbandonare i petrolieri!! a favore delle biomasse!!!!

Dott Nord Est
05-01-2012, 21:29
Da quanto dici .... sembri ancora convinto che una caldaia a biomassa sia molto simile ad una a gpl-metano!
Per quanto ne so... non è così!!!


appunto, sono due cose COMPLETAMENTE diverse, con tempi di reazione COMPLETAMENTE diversi......

nico-bio
05-01-2012, 22:05
Per scresan: so benissimo che hanno tempi e modi ben diversi...Per dr: per me e' ovvio, oltretutto mia moglie non lava i piatti, li lava la lavastoviglie. E la mia caldaia non fa 10 ma dai 12 ai 14l di ACS.Non so a cosa sei abituato tu ma per i miei modi bastano.. Se in futuro metterò un boiler chi lo sa, ma x ora bastano... E poi, chi si loda si imbroda!!! Se sai queste cose da molti anni più di me è solo perché io ho 25 anni e tu probabilmente più del doppio.. Ma preferisco non lodarmi ed essere giovane!! Prrrrt

Dott Nord Est
05-01-2012, 22:11
nico, non è discroso di lodarsi, ma di dirti la semplice e pura verità
scresan perchè pensi abbia detto la stessa cosa? se sai benissimo che i tempi di reazione sono diversi, sai anche che produrre acs da caldaia in MAN è assai arduo..... A meno che tu non faccia la doccia solo quando il riscaldamento funziona.... (beh, mi sembra assai limitativo allora...o no?)
poi, ripeto, se a te va bene così, non c'è nessun problema.....

scresan
05-01-2012, 22:13
.. ma l'hai gia' installata e funzionante o no? Oppure ci stai riportando quanto ti ha detto chi te l'ha venduta?

scusa la franchezza non voglio cadere nelle solite diatribe .... altrimenti mi tolgo subito di mezzo.

Dott Nord Est
05-01-2012, 22:27
se non erro gli è arrivata martedì, due giorni fà.
non credo l'abbia già installata e avuto modo di testarla per vari giorni........ ma attendiamo conferma o meno da nico.
penso proprio scresan che siano info date dal venditore....

nico-bio
05-01-2012, 22:31
Io non ho problemi ad adeguarmi, se Cmq la t dell'acs scende sotto i 42 parte la caldaia a metano..

Dott Nord Est
05-01-2012, 22:33
ahhhhhhhhhhh parte il metano..........
vedi che poi alla fine le verità escono......
e questo vuol dire adeguarsi? no, vuol dire che se non funziona una cosa, interviene l'altra (e penso interverrà varie volte..)
cmnq, la caldaia è già installata o sono tutte info da parte del venditore?

nico-bio
05-01-2012, 22:46
Già installata, da me, a casa mia faccio tutto io.. Cmq non mi piacciono i tuoi modi... Sei presuntuoso e maleducato e quindi la tua professionalità diventa meno di zero

Dott Nord Est
05-01-2012, 22:48
non si può piacere a tutti.
ecco un detto valido: " insegna' al mus si piart solo timp e si fas rabià la bestia"
ciao notte :bye1:

nico-bio
05-01-2012, 23:00
La bestia sarai tu gran cafone vergognati mia figlia di 5 anni e' più educata di te che ta se un nono...

Dott Nord Est
05-01-2012, 23:07
scusa eh, ma chi ti ha dato della bestia?
fai tutto da solo...boh........
il forum è un luogo per scambio di opinioni, e se le mie che sono diverse dalle tue ti fanno arrabbiare, che ti devo dire? calmati......
io mi fermo qui, perchè ho capito che tu non cerchi opinioni, ma solamente elogio alle tue scelte.
ciao :bye1:

giuggiolo0107
06-01-2012, 09:53
li lava la lavastoviglienon entro in merito alla discussione..... ma questa affermazzione con le tecnologie attuali non mi piace...... non so se tu abbia il fotovoltaico, ma mettiamo di no...... quindi la lavastoviglie DEVE essere allacciata all'acs....scrivo DEVE perchè tutta hanno questa possibilità (la mia non l'aveva 12 anni fa e l'ho fatto ..... nessun problema!!) costa molto meno scaldare con la biomassa che con la resistenza elettrica interna...... io addirittura NON ho la miscelatrice in entrata, quindi entra h20 a 70 gradi!!! quindi tornando al discorso doccia ..... se io faccio la doccia e parte la lavasoviglie 10 lt mi fanno un baffo!!! ovvio che posso "mettermi daccordo con la moglie"... ma oltre alla lavastoviglie ho anche la lavatrice collegata all'acs...... quindi siamo gia in 3 a metterci daccordo..... poi ho anche 2 bimbi..... insomma siamo troppi...... ultima cosa.... io faccio il contedino , e la doccia di solito la faccio alla sera , idem bimbi, idem lavastovigle e lavatrice (che la moglie lavora il giorno) quindi abbiamo un prelievo simultaneo molto elevato....

giuggiolo0107
06-01-2012, 09:55
" insegna' al mus si piart solo timp e si fas rabià la bestia"
bhe io e te siamo vicini... e questa non la riesco a tradurre.... magari lui ha interpretato male...... traduci prego!!!

scresan
06-01-2012, 10:16
...ad insistere con una persona testarda non la si convince, ma sicuramente la si fa arrabbiare!!!!

Dott Nord Est
06-01-2012, 11:06
esatto, scresan ha risposto per me.
non capisco questo modo di offendere che ha nico..... (mi dice bestia, cafone, ecc ecc)
bah, nessun problema... pensavo di far bene a dare dei consigli. Non sempre si indovina, forse è meglio che alcune persone ci sbattono il naso.

nico-bio
06-01-2012, 11:42
Dr sicuramente sei un esperto non c'è dubbio, ma sbagli nei modi... Cmq torniamo sul tecnico... Ho montato un flussostato che esclude la pompa riscaldamento se apro l'acqua e che nel caso la caldaia non fosse in potenza, gli da il consenso... Giuggiolo grazie le tue risposte sono sempre appropriate ( anche negli altri post) ma Cmq ho il fotovoltaico quindi e' tutto collegato all'afs.Scresan..... Lasem perdar....

Dott Nord Est
06-01-2012, 12:22
Ho montato un flussostato che esclude la pompa riscaldamento se apro l'acqua e che nel caso la caldaia non fosse in potenza, gli da il consenso... .

il problema non sarà quando il riscaldamento funziona, in quanto vorrà dire che la caldaia è in lavoro e quindi con fiamma attiva
il tuo problema sarà quando la caldaia sarà in mantenimento, quindi senza fiamma.

nico-bio
06-01-2012, 12:59
Quando non va il riscaldamento dormiamo tutti.... Senza fiamma sarà tra le 23 e le 5 del mattino...Cmq ho capito che mi consigli un bollitore, ma per ora vado così, se poi mancherà ACS lo metterò ma direi che costano troppo... Un 200 lt quanto potrebbe costare??tu quali usi? Cosa proporresti??

Dott Nord Est
06-01-2012, 13:06
forse non hai ben chiaro il funzionamento di una caldaia a biomassa......
il riscaldamento non funziona in base alle tue voglie, ma in base alla T° dell'abitazione
ti faccio un esempio: imposti il termostato a 20°, alle 19.30 in casa raggiungi i 20° e la pompa si ferma. La caldaia raggiunge la T° interna imposta e và in mantenimento. Alle 20 vuoi farti la doccia. Inizi a spillare acqua con la caldaia in MAN, la T° interna si abbassa repentinamente perchè arriva in serpentina acqua a 10° dal pozzo. Quindi la caldaia riparte, ma prima di entrare in regime ci vogliono alcuni minuti. Nel frattempo tu continui a spillare acs, ma sempre + fredda, perchè nel frattempo la caldaia stà ripartendo con calma e scendendo in fretta di T°.
quindi..... o parte il gas o ti fai la doccia fredda.
spero di essermi spiegato.
un boiller da 200 lt costa meno di quel che pensi, e dà prestazioni ben maggiori di una serpentina......
io non ti consiglio nulla, ti dò solo la mia opinione dettata dall'esperienza.
prova a chiedere a chi ti ha consigliato la serpentina cosa succede quando spilli acs e la caldaia è in MAN.
P.S.: dimenticavo di dirti, che abbassando repentinamente la T° in caldaia, accorci di molto la sua vita......

giuggiolo0107
06-01-2012, 13:45
Un 200 lt quanto potrebbe costare??lo so che io non faccio testo............... ma sapessi quanto bollitori ci sono usati/nuovi!!! l'ultimo che ho preso erano in realtà 2 da 300lt a intercapedine 400 euro entrambi!! poi 1 l'ho rivenduto a 250 così mi sono portato a casa il mio a 150!!! il circolatore è di recupero (5 euro cinque!!) visto che "non hai fretta" il mio consiglio è di mettere la ricerca in internet e aspettare... magari 6 mesi.. ma l'occasione arriva..... (io trovo molto su vivastreet e subito..)

nico-bio
06-01-2012, 14:07
sei sempre il più brillante giuggiolo!! ottimi suggerimenti.... grazie

giuggiolo0107
06-01-2012, 14:55
sei sempre il più brillante giuggiolo!! o:cheers::drive1: di dove sei??? ma soprattutto quanti siete in famiglia?? per sapere quanto"ti vuole grosso!!!" di solito si calcolano 30 50 lt a testa.... piccola idea ulteriore.... un bollitore con un ricircolo nella serpentina dell'acs... in teoria non avresti neanche bisogno di una serpentina/intercapedine... un semplice boiler da 100 euro , lo metti in serie alla caldaia , ed installi un circolatore con un termostato... poca spesa e tanta resa.... con 150 euro passa la paura!!!!!! poi se un domani vorrai/troverai un bollitore che ti aggrada....... Bollitore ad intercapedine - Giardino e Fai da te In vendita a Ferrara (http://www.subito.it/giardino-fai-da-te/bollitore-ad-intercapedine-ferrara-34805195.htm)

Max_
06-01-2012, 15:56
Ho letto con attenzione i post precedenti. Devo dire che alcuni anni fa ho acquistato una caldaia con serpentina per l'ACS ma nonostante le rassicurazioni del venditore accadeva esattamente cio' che ha descritto Dr. Nord Est. Pero' ho risolto mil problema acquoistando un piccoloboiler da 100 litri, ho installato una valvola a 3 vie motorizzata comandata da un termostato posto nella caldaia e un corcolatore. uando la caldaia va in mantenimento e supera la T° massima (e n0n c'e' richiesta da parte del riscaldamento), il termostato fa aprire la valvola a 3 vie e accende il circolatore e fa raffreddare la caldaia fino alla t° max. Risultato nel boiler ci sono sempre 100 litri di acqua tra i 45/50° che passano comunque nella serpentina della caldaia. Percio' ho acqua sempre calda e soprattutto quanta ne voglio senza abbassare repentinamente la temperatura della caldaia. Tutto sommato il costo dell'impianto nn e' stato mkolto elevato...e ho potuto sfruttare la serpentina che ho acquistato incautamente...

Dott Nord Est
06-01-2012, 16:48
max, praticamente hai messo un termostato di max che bypassa il termostato ambiente e fà scaricare nel boiller. Praticamente hai una specie di overboost casalingo...... :clapping::clapping:

Max_
06-01-2012, 17:09
esattamente!, ho preso l'idea da una caldaia a gas riello e devo dire che funziona molto bene ... naturalmente se non avessi preso la serpentina avrei speso meno ...

nico-bio
06-01-2012, 18:32
A me la serpentina l'hanno regalata.. sono un commerciale di mestiere, e sono bravissimo a trattare (se vi dio quanto ho pagato la cs25 nuova, con consegn, collaudo e acs non mi crede nessuno....)

Carina l'idea dei boiler elettrico mantenuto in temperatura con un circolatore in serie alla serpentina acs..
Avrei un'altra idea e non vedo l'ora di vedere come giuseppe la distruggerà!! :beer:
Potrei avere con un centinaio di euro uno scaldabagno a gas istantaneo beretta idrabagno ESI 17lt/min.... se io collegassi l'uscita della serpentina acs della caldaia all'entrata dello scaldabagno beretta? in inverno quando la caldaia è accesa il salto termico che il metano dovrebbe fare è decisamente basso, e in estate, quando la caldaia è spenta, parte tranquillamente lo scaldabagno, come se niente fosse.. che dite? niente boiler, niente accumuli, niente dispersioni (qualsiasi accumulo crea dispersione, QUALSIASI!) e in ogni caso avrei 17lt/min di acs sempre.. che dite? potrei farlo anche con la mia attuale caldaia a metano, ma la voglio proprio togliere...

Dott Nord Est
06-01-2012, 18:35
nico, così risolvi il problema di T° costante dell'acs al rubinetto, ma ti resta il GROSSO problema di T° che cala repentinamente in caldaia, con i problemi che ne conseguono.
non si tratta di distruggere le tue idee, ma di non distruggere la caldaia......

nico-bio
06-01-2012, 18:42
quindi la sola serpentina acs fa calare cosi tanto la temperatura in caldaia?? e il giochino di fare un ricircolo on un boiler normalissimo potrebbe funzionare?

Dott Nord Est
06-01-2012, 19:33
la serpentina fà calare più di quel che pensi. Se la caldaia è in MAN, prima che riprenda la manda in condensa.
cosa intendi per ricircolo in boiller? se hai il boiller, meglio usarlo nel modo giusto.

nico-bio
06-01-2012, 19:36
Non ho un boiler ma potrei comprarlo... Un 200litri... Mi posteresti uno schema idraulico di collegamento?

Dott Nord Est
06-01-2012, 19:42
ma come....
prima mi dici cafone, che non sò nulla, che la tua serpentina va benissimo per come la userai, ecc ecc....
e ora mi chiedi come si collega il boiller? :spettacolo:
normalmete chi ti vende il prodotto ti dice anche come collegarlo. Io di solito faccio così (ogni prodotto ha le sue caratteristiche).
dipende da quante serpentine ha, se vuoi dopo integrare col solare, da che attacchi ha, ecc ecc.
cmnq non è difficile.

nico-bio
06-01-2012, 19:51
Lo potrei prendere da te... Non mi interessa del solare... 200lt... Se vuoi fammi la proposta in pvt..

Dott Nord Est
06-01-2012, 19:55
non importa da chi lo prendi, ma sei sicuro che un domani, chissà, non monterai mai un solare termico? per acs estiva

nico-bio
06-01-2012, 20:03
Del doman non v'è certezza ma visto che il mondo finisce quest'anno...

nico-bio
06-01-2012, 22:18
Cmq siamo partiti col piede sbagliato e dal canto mio ti chiedo scusa qui pubblicamente... Quando prenderò il bollitore magari ci conosceremo

scresan
06-01-2012, 23:09
... e bravi ragazzi!! Complimenti !! Così mi piace il forum. Chiedere, parlarne ... anche discutere animosamente, ma alla fine trovare la quadra!!!

Dott Nord Est
07-01-2012, 07:37
Cmq siamo partiti col piede sbagliato e dal canto mio ti chiedo scusa qui pubblicamente...

ma certo, nessun problema.....
ma non sbandierarlo ai 4 venti che mi hai chiesto il bollitore, altrimenti i miei "amici" ti linciano.... :spettacolo:

nico-bio
07-01-2012, 17:24
ahahahah... beh comunque la prima cosa che devo fare è provare.. appena finisco di montare la canna fumaria, e finalmente potrò accendere il tutto vi farò sapere dettagliatamente!

Dott Nord Est
07-01-2012, 17:26
appena finisco di montare la canna fumaria, e finalmente potrò accendere il tutto vi farò sapere dettagliatamente!

emm emmm, ma il giorno 5 gennaio non avevi scritto questo? Già installata, da me, a casa mia faccio tutto io..

birbantello........ :spettacolo:

nico-bio
07-01-2012, 17:37
installata idraulicamente ed elettricamente.. ma non mi hano consegnato ancora gli 8 metri di canna coibentata e tutti i vari accessori... per ora ho fatto il foro nel muro e nel cornicione della casa.... ma no tubi, no accensione... :-(

nico-bio
08-01-2012, 13:02
avrei una domanda... se dovessi installare un boiler doppio serpentino diciamo da 200 litri, potrei collegare ad un serpentino la caldaia a biomassa e all'altro la caldaia a metano? vi spiego la mia idea e vediamo la fattibilità:
INVERNO: la caldaia a biomassa andrebbe sempre, e mi terrebbe 200 litri di acs pronta.
ESTATE: al posto di usare la caldaia per produrre acs istantanea, potrei utilizzarla per scaldare il boiler, così da avere la comodità di avere 200 litri pronti. non voglio montare un pannello solare termico, anche perchè con il FV sul tetto non mi avanza molto spazio utile, e senza varie ombre di alberi, palazzi vicini e comignoli.

Che dite? è fattibile?
Come andrebbero collegati?

Dott Nord Est
08-01-2012, 13:06
puoi farlo benissimo
serpentina sotto per la biomassa
quella sopra per il gas

nico-bio
08-01-2012, 13:35
ciao mi spiegheresti tecnicamente come mai scegli la serpentina inferiore per la biomassa e quella superiore per la metano?

Dott Nord Est
08-01-2012, 14:14
20936perchè la caldaia a gas è molto più "veloce" e quindi la devi far scaricare nella parte alta.
se tu la fai scaricare basso, e usi la serpentina alta per la biomassa, rischi lo stesso problema esposto molti post fà con la serpentina diretta in caldaia.
inoltre, scaricando il gas alto, puoi fare in modo che integri in automatico una momentanea carenza della caldaia a biomassa, cosa che non puoi fare se inverti le posizioni.

nico-bio
08-01-2012, 14:29
grazie mille... considerando che la biomassa alimenterebbe direttamente anche il riscaldamento, quali modifiche dovrei fare all'impianto sopra? nel caso di tenere l'accumulo a 50°C, la miscelatrice in uscita si potrebbe eliminare?

ROLLFORM
08-01-2012, 16:06
Ho anch'io una situazione del genere, e la segnalazione di Dott. mi mette in ansia, circa la caduta repentina della T° caldaia e conseguente condensa a rovinare la stessa, premetto che con i collegamenti attuali non ho problemi di T° acs però se è possibile ottimizzarli diversamente gradirei consigli dagli esperti.
Il collegamento è il seguente acs proveniente dal P.S. alimenta scambiatore a piastre e Bojler posti in parallelo, una valvola deviatrice posta sulla caldaia commuta sullo scambiatore fin quando la caldaia è a T° poi passa sul Bojler.

Dott Nord Est
08-01-2012, 16:11
nel caso di tenere l'accumulo a 50°C, la miscelatrice in uscita si potrebbe eliminare?

io direi di no, perchè potresti sfruttare il boiller come scarico termico per eccesso T° in caldaia a biomassa.
quindi recuperi il calore in eccesso e poi lo adegui alle tue eseigenze con la miscelatrice (anche perchè costa qualche decina di euro, ma ti migliora di molto inl confort di acs)

Dott Nord Est
08-01-2012, 16:13
gradirei consigli dagli esperti.


riesci a postare un disegno, così si capisce meglio? grazie

ROLLFORM
08-01-2012, 17:14
Ecco lo schema di massima.
20939

Dott Nord Est
08-01-2012, 17:20
scusa, ma per P.S. cosa intendi?
nel boiller non hai seprentina?
e poi,perchè tutto quel casino???? quando bastava solo il boiller e un termostato.......

nico-bio
08-01-2012, 17:21
Pannelli solari?

ROLLFORM
08-01-2012, 17:27
P.S. Pannelli solari , il Bojler ha una intercapedine come quello che si usa per il P.S. primario e secondario.spiegami meglio il casino, preciso che il bojler era presente nel vecchio impianto lo scambiatore è in dotazione alla caldaia, ho cercato di utilizzare tutto.

Dott Nord Est
08-01-2012, 17:30
se pannelli solari, lo scambiatore è quello della caldaia?
se in inverno arriva acqua dai pannelli a 10°, e se lo scambiatore è diretto con la caldaia, bene non fà......
quanti lt contiene la caldaia?
inoltre, se solare, il boiller dovrebbe avere una serpentina per scaricare.
quindi, se non c'è una seconda serpentina, lo scambiatore deve lavorare sul boiller con un termostato.
il boiller quante serpentine ha?

scritto dopo aver letto....

Dott Nord Est
08-01-2012, 17:31
il boiller dove ce l'hai?
ha attacchi liberi, dove?
inoltre, se a intercapedine, cosa arriva sull'intercapedine? dal disegno che hai messo, il boiller a cosa serve?

ROLLFORM
08-01-2012, 17:37
Il bojler è da 80 lt orizzontale Elbi inox, collegato sulla linea dei termosifoni, sì presenta attacchi liberi per eventuale resistenza ai due lati.

Dott Nord Est
08-01-2012, 17:40
guarda che da come hai disegnato, è collegato al solare....

ROLLFORM
08-01-2012, 17:43
l'acs è collegata al solare, per riscaldare gli ottanta litri il primario è collegato alla caldaia,come uno scambiatore, spero di essere stato chiaro.

Dott Nord Est
08-01-2012, 17:53
20940

scusa, ma non capisco proprio come è fatto.
o il disegno è sbagliato o non sò.....
un boiller a intercapedine è fatto così, non certo come hai disegnato tu.

nico-bio
08-01-2012, 17:55
In effetti il disegno non e' chiaro...

ROLLFORM
08-01-2012, 18:04
non riesco a vedere l'immagine, comunque controlla se ora è più chiaro.
20941

Dott Nord Est
08-01-2012, 18:19
ora è più chiaro....
ora una domanda: perchè hai fatto tutto quel casino?
per risparmiare una misera pompa???
ti faccio un piccolo disegno d'esempio....

ROLLFORM
08-01-2012, 18:19
dimenticavo un particolare per chiarire il pannello solare ha un suo bojler dal quale proviene l'acs che alimenta il tutto da 200lt.

scresan
08-01-2012, 18:20
Sistema acs piu' unico che raro. Scusa ma chi te l'ha fatto in quel modo?

ROLLFORM
08-01-2012, 18:24
no non voglio risparmiare, avendolo impiantato io, questa è l'idea che ho partorito, spero di averne di migliori da parte vostra (sicuramente)che mi permettano di migliorarne l'efficenza,altro discorso è il funzionamento della caldaia che essendo collegata diretta , e non potendo mettere un puffer è collegata diretta, oltretutto con il vecchi termocamino.Adesso il casino è ancora più grande.

Dott Nord Est
08-01-2012, 18:25
20942

bastava una semplicissima cosa così......
non capisco perchè vi complicate la vita con centrali nucleari che poi hanno mille problemi.....
logicamente con anticondensa sul riscaldamento
(sul sanitario si gestisce la funzione anticondensa "giocando" con le T° del termostato)

ROLLFORM
08-01-2012, 18:32
Quindi lo scambiatore a piastre è da eliminare,ed utilizzo P.S. e Bojler, giusto?

ROLLFORM
08-01-2012, 18:55
Vi ringrazio per la disponibilità, appena possibile cambierò impostazione.

Dott Nord Est
08-01-2012, 19:46
ricordati anticondensa sul riscaldamento....
poi imposta il termostato boiller con undelta di 3° rispetto alla caldaia.
la caldaia la lasci sempre accesa o ON/OFF?

ROLLFORM
08-01-2012, 19:59
La caldaia per ora funzione on/off , e devo dire che purtroppo effettua diverse fermate e ripartenze , e come più volte hai scritto queste comportano scarza efficienza e condensa , la caldaia, pensa, è impostata a 58° e in casa si hanno 21°, mentre ho letto T° di lavoro ben più alte, una domanda per una 34Kw quale vac consigli?

Dott Nord Est
08-01-2012, 20:05
io ti consiglio T° in caldaia di almeno 65°, e lavoro seza ON/OFF ma gestione con il mantenimento automatico.
per la VAC, prendi che abbia almeno 7/9 m3 di portata.
taratura in base alle tue esigenze, comnq mai meno di 10° di delta dalla caldaia

ROLLFORM
08-01-2012, 20:18
allora vorrei alcune delucidazioni in merito al mantenimento, on/off intendo che io accendo/spengo la caldaia , ora il mantenimento è gestito dalla centralina che circa ogni 1/2 ora mantiene il braciere vivo, però la caldaia ho verificato in queste condizioni lavora circa 7/8minuti per poi andare in mant. per 15'. Ecco la mia preoccupazione per il discorso della condensa , e forse questo è problema delle incrostazioni che trovo nel braciere.

Dott Nord Est
08-01-2012, 20:49
e come faccio a sapere se non conoscola tua caldaia?
di regola, qualsiasi caldaia a biomassa, io preferisco nonfare MAI on/off, ma usare il mantenimento.
quando raggiunge la T° impostata e il riscaldamento o acs non consumano calore, deve fare il mantenimento e stop.

ROLLFORM
08-01-2012, 21:26
Perfetto è esattramente quello che fà,ogni 1/2 si avvia per qualche minuto, sull' ON/OFF intendo dire che viene accesa e spenta dopo 7ore, in pratica non è ancora dotata di cronotermostato. Io chiedevo se un intervallo del genere 8'ON 15'OFF è un funzionamento normale o pregiuduca la salute della caldaia , visto che frequenti attacca/stacca creano condensa.

Dott Nord Est
08-01-2012, 21:28
dopo 7 ore....
e le ore restanti del giorno????
vuoi dire che per il mantenimento fà 8 minuti in ON e 15 minuti in OFF???

ROLLFORM
08-01-2012, 21:36
NO, allora la caldaia viene accesa nell'arco delle 24H solo 7H , il mantenimento per come è programmato interviene una volta arrivata a T° la Caldaia dopo 1/2 , se non dovesse trascorrere questo tempo, perchè si abbassa il lavoro che fà è con quella cadenza che ho scritto.

Dott Nord Est
08-01-2012, 21:37
ok, e nelle restanti ore in cui la caldaia è spenta, come fai per acs?

ROLLFORM
08-01-2012, 21:49
La mattina è ancora tiepida , per ora di pranzo di solito viene acceso il termocamino per farci compagnia e renderci il servizio.

Dott Nord Est
08-01-2012, 22:04
allora hai anche un termocamino......
dici le cose a pezzi !!!!
cmnq, la condensa in caldaia può dipendere da varie cose:
- T° interna alla caldaia troppo bassa
- T° di arrivo dallo scambiatore acs troppo bassa
- modo di gestione errato della caldaia (che non conosco), ma in questo caso, più che di condensa parlerei di combustione errata.

ROLLFORM
09-01-2012, 16:49
Forse ti è sfuggito ma nel post 94 ho menzionato la presenza del termocamino, tra l'altro molto vecchio ma ancora funzionante.
Comunque sono ben disposto a seguire i vostri consigli per ottimizzare l'impianto, visto che in questo modo già mi soddisfa, sicuramente non può che migliorare.

nico-bio
09-01-2012, 17:12
Tornando all'oggetto della discussione (la mia caldaia) avrei pensato ad un possibile schema idraulico/elettrico...
20975

C'è un errore elettrico nel collegamento del relè (andrebbe in parallelo all'elettrovalvola deviatrice... ma passatemela, non avevo voglia di rifare il disegno)
Giuseppe, che dici?

Dott Nord Est
09-01-2012, 17:36
nico, sincero?
non mi piacciono due circuiti (riscaldamento + acs) con la stessa pompa.
odio le valvole deviatrici, si rompono.
preferisco SEMPRE due circuti e due pompe (pompa riscaldamento comandata da termostato ambiente/caldaia e pompa acs comandata da termostato acs).

per il discorso elettrico, altra storia, ma viene dopo. Evitiamo il sommarsi delle cose..... altrimenti casino !!

nico-bio
09-01-2012, 17:45
ma con due pompe non rischio che circoli l'acqua circoli anche nel circuito caloriferi quando invece servirebbe a scaldare il bolltore? che accorgimenti dovrei prendere? valvole di ritegno? dove?

Dott Nord Est
09-01-2012, 18:24
scusa..... ma nelle case in cui ci sono 4/5/8/12 zone e chi più ne ha più ne metta, come fanno?
nico..... eddai....... semplici VNR dopo ogni pompa

giuggiolo0107
09-01-2012, 18:47
valvole di ritegno? dove?per il costo e per non saper niente , io la metto sempre dopo i circolatori (tutti)

giuggiolo0107
09-01-2012, 18:55
nico, sincero?
non mi piacciono due circuiti (riscaldamento + acs) con la stessa pompa.
odio le valvole deviatrici, si rompono.
confermo perchè provato sulla mia pelle!!!! una deviatrice costa??? (la mia 150 euro!!) e si è gia rotto il motorino (3 anni 70 euro) i circolatori costano 100 euro (ed io li trovo a 5!!!)

nico-bio
09-01-2012, 19:35
Allora giusto per finire in bellezza non e' che mi correggereste lo schema idraulico?? Elettricamente faccio io tutti i pilotaggi ma vorrei uno schema idraulico corretto così da fare tutte le predisposizioni prima di caricare l'impianto!

onire
09-01-2012, 20:23
Ma poi queste Pasqualicchio, come vanno?
Ieri ne ho vista una CS 40 a casa di un conoscete di un mio amico ed proprietario era molto soddisfatto. Diciamo che non ha saputo darmi molte informazioni sui consumi, questo è il primo inverno che fa, e ha detto che finalmente riesce a scaldarsi, ha una casa ha 2 piani con due termocamini che naturalmente adesso sono spenti.
Il prezzo che ha pagato mi è sembrato molto conveniente.

nico-bio
09-01-2012, 20:31
dai DR non mi fai lo schemino fatto bene come quelli che fai tu?

giuggiolo0107
09-01-2012, 20:32
e ha detto che finalmente riesce a scaldarsi,purtroppo penso di sapere perchè...... probabile che prima andasse a gas?? e, in caso affermativo ... hai visto la caldaia (quella a gas) era in un locale tecnico?? ............

Dott Nord Est
09-01-2012, 20:49
20977
Allora giusto per finire in bellezza non e' che mi correggereste lo schema idraulico??

fatto in velocità, tanto per capire.

onire
09-01-2012, 20:56
purtroppo penso di sapere perchè...... probabile che prima andasse a gas?? e, in caso affermativo ... hai visto la caldaia (quella a gas) era in un locale tecnico?? ............

Veramente mi ha detto che ha installato la caldaia dove sarebbe dovuta andare la caldaia a gas, ma che non aveva mai messo, usava i termocamini.

nico-bio
10-01-2012, 15:13
Grazie a tutti, tra poco accenderò e vi posterò le mie opinioni!!

carrubbo
11-01-2012, 17:01
Salve a tutti, mi allaccio alla discussione perchè ho una sorella maggiore della caldaia in oggetto e leggendo i vari post mi sono venuti alcuni dubbi sul corretto utilizzo della caldaia! Vi spiego come la utilizzo io e poi mi dite se è giusto o meno: Premesso che e diretta e ho bisogno di scaldare casa dalle 6:00 alle 8:00 e dalle 17/18:00 alle 23:00 e che uso principalmente nocciolino e quando posso un pò di legna ho collegato il cronotermostato alla caldaia in modo che negli orari indicati passi dallo stato di mantenimento "delle braci" allo stato normale, in questo modo la caldaia ha bisogno un pò di tempo prima di far partire la pompa settata a 62° inoltre se metto un pò di legna e la temperatura della casa raggiunge quella prefissata nonostante il termostato fa passare la caldaia in mantenimento la legna continua a bruciare e fintanto che la temperatura è sopra i 62° l'acqua è in circolo, sprecando quindi calore che non è necessario! Avrei pensato quindi di far comandare al cronotermostato la partenza della pompa, quindi metterei in circolo l'acqua solo al necessario, di contro però negli orari in cui non riscaldo mantenere la temperatura in caldaia a 72° quanto mi costa in termini di consumi e ancora, quando metto la legna e la temperatura dell'ambiente mi fa staccare il termostato tutto il calore sviluppato dalla legna mi fa salire la temperatura in caldaia e ..... che succede?
Per quanto descritto, che ne pensate? Ragionamenti giusti o ...?

fedebio
11-01-2012, 17:05
Ciao a tutti, una domanda veloce: in teoria la 25kw fino a quanti metri 3 puo' riscaldare? Grazie

Dott Nord Est
11-01-2012, 17:51
Per quanto descritto, che ne pensate? Ragionamenti giusti o ...?

se usi legna con una caldaia diretta, faticherai sempre...... ricordalo.

Dott Nord Est
11-01-2012, 17:53
in teoria la 25kw fino a quanti metri 3 puo' riscaldare?

fede....
dipende dalla coibentazione, dalla T° interna ed esterna, ecc ecc.....
se vuoi un numero a "spanne", direi 600/800 cubi.

fedebio
11-01-2012, 18:04
Si, e' chiaro che bisogna tener conto dei vari parametri, solo che mi stanno facendo un preventivo in base alla piantina, senza sopralluogo, e sono curioso per i miei 540 m3 se hanno il coraggio di propormi la 40kw.
E grazie, sempre gentilissimo

onire
11-01-2012, 18:22
, in questo modo la caldaia ha bisogno un pò di tempo prima di far partire la pompa settata a 62° ....
Scusami se dico un'ovvietà, ma se anticipi un po' la partenza della caldaia, all'orario che necessiti la caldaia è a temperatura, o sbaglio?
Es. per averla efficiente alle 17, l'accendi alle 16.45

nico-bio
11-01-2012, 21:11
Ciao a tutti, una domanda veloce: in teoria la 25kw fino a quanti metri 3 puo' riscaldare? GrazieIn teoria con 100 cavalli a che velocità puoi andare??? Serve qualche info in più..

nico-bio
14-01-2012, 20:44
Domandina tecnica.. ci sono differenze tra un vaso di espansione che la baia definisce come per autoclave e un vaso di espansione per riscaldamaneto? lo chiedo perchè per un 24 litri ci sono prezzi che vanno dai 17 ai 40 euro e volevo capirci di piu...

Dott Nord Est
14-01-2012, 22:56
2107321072

certo
vaso espansione per riscaldamento (di solito rosso/arancione)
vaso espansione per acs (di solito celeste)
due pressioni di carico diverse..........

nico-bio
15-01-2012, 11:11
Ma siccome la pressione di precarico la posso modificare con il compressore, altre differenze tecniche?

Dott Nord Est
15-01-2012, 11:23
nico..... non è proprio così....
anche le membrane sono diverse, per le varie pressioni.
altrimenti li facevano tutti uguali, no ??????
cmnq fai come vuoi..... ritorniamo allo stesso discorso dell'acs tempo fa.... Le mie sono opinioni, mica Vangelo... A casa tua fai come vuoi.

nico-bio
15-01-2012, 11:27
Dott mi hai frainteso volevo solo capire tecnicamente e tu mi hai spiegato delle membrane. Ora e' chiaro, quindi x il riscaldamento il classico rosso ma quando prenderò un boiler ce ne vorrà uno blu?

Dott Nord Est
15-01-2012, 11:29
allora, per riscaldamento e boiller considera sempre il 10% dei volumi.
esempio:
- puffer 1.000 lt + 150 lt caldaia e impianto = vaso per riscaldamento 100/110 lt + valvola 3 bar
- boiller 300 lt = vaso per acs 30 lt + valvola 6 bar

fracchi
17-01-2012, 08:59
scusate potete postare anche la parte dove ci sono indicati i parametri delle ricette di combustione? (come si legge dal manuale) grazie.

Dott Nord Est
17-01-2012, 19:15
fracchi? cioè?
nel manuale non ci sono già i parametri scritti?

fracchi
17-01-2012, 20:56
e no sul manuale che ha pubblicato biomassoso non ci sono le ricette di combustione.

Dott Nord Est
17-01-2012, 21:17
tu hai quel modello di caldaia? non c'è scritto nel tuo manuale?

fracchi
18-01-2012, 10:19
no è per un mio amico io ho pasqualicchio compact 09 mi ha fatto tribbolare a nocciolino figuriamoci se ci metto la sansa! sul manuale a pag 1 di questa discussionepubblicato da biomassoso le ricette non compaiono, si legge che compaiono su un altro foglio.

nico-bio
19-01-2012, 12:44
Confermo, nella CS25 non c'è nessun allegato con le ricette

nico-bio
19-01-2012, 17:45
domandina... Ma se dovessi sostituire l'attuale SY325 con una Biocontrol (la ditta che la produce è a 5 minuti da dasa mia) potrei avere dei vantaggi tangibili??

Dott Nord Est
19-01-2012, 17:46
prova........
è tutto un rapporto costo/risultati.

nico-bio
19-01-2012, 18:01
beh, se provo e poi il gioco non è valso la candela, alla fine la candela me la metto nel c..o? ahahha
Scherzi a parte, Dott non ti è ancora capitato di moltarla al posto di una scheda su una delle tue tatano?? secondo la tua personale esperienza, su una caldaia come la mia, nell'ottica di dover gestire in un futuro anche un boiler, e magari altre cose, potrebbe essere un'idea?

Dott Nord Est
19-01-2012, 18:08
secondo me non vale la candela.
troppo costosa per la differenza che può dare.
pensa te che se monto il puffer, preferisco e consiglio le meccaniche base.
meno elettronica ho, meglio è. In fondo la cenere non va d'accordo con i microchip......
se poi a te piace l'elettrronica, altro discorso......

nico-bio
19-01-2012, 19:17
Si guarda, sarebbe giusto uno sfizio visto che io sono un elettronico e soprattutto uno smanettone... ma per ora vado con la SY325.. poi si vedrà.. compe prezzo pare stia attorno ai 200 euro sbaglio?
Appena torno da Manchester, andrò a fare un salto alla intech...

nico-bio
25-01-2012, 09:57
Finalmente posso scrivervi un po di dati dopo i primi 4 giorni di funzionamento.
Alla fine, come consigliato da voi tutti ho installato un bollitore doppio serpentino della valmus 200lt pagato 300 euro consegna gratis!! :-)

L'impianto è quindi cosi composto:
PARTE RISCALDAMENTO: 9 caloriferi in ghisa + 2 scaldasalviette (monozona) con cronotermostato che comanda la pompa del riscaldamento. La caldaia è impostata a 70°C.
PARTE ACS: Boiler smaltato doppio serpentino 200lt con doppio terrmostato: parte bassa scaldata dalla caldaia a biomassa con pompa dedicata e circuito con relè (autocostruito) che se la T boiler scende sotto una T impostata invia alla caldaia il segnale di richiesta potenza e quando la T caldaia sale oltre i 55°C attiva la pompa sanitario e nel caso fosse accesa, disattiva la pompa riscaldamento.

Consumo medio per ora 2 sacchi al giorno

T ambiente giorno: 21
T ambiente notte: 18

Ciao

fedebio
25-01-2012, 09:59
...il tutto per la modica cifra di (tutto l'impianto+ manodopera)...

nico-bio
25-01-2012, 10:16
tutto compreso di caldaia, boiler, pompe tubi e ogni altra cosa necessaria a collegare il tutto direi sui 4000... manodopera 0, ho fatto tutto da me!

Dott Nord Est
25-01-2012, 10:27
e dimmi nico, come ti trovi col boiller ? :spettacolo:
altra cosa... il valmus che modello? (smaltato, vetrificato) perchè è MOLTO utile che sia vetrificato, non smaltato.....

fedebio
25-01-2012, 14:02
4000??? e la caldaia quanto l'hai pagata????

nico-bio
25-01-2012, 17:41
L'ho pagata 3000 iva e trasporto compreso... alla fine considera che sono un venditore.. e so come trattare... e che chi rivende come minimo ha il 50% se non il 60% di sconto sui listini... basta tirare la cinghia e i prezzi colano a picco....

DOmandina tecnica per gli esperti... a che pressione va caricato il vaso espansione del boiler? io ho un 24lt su un boiler da 200 e se tocco il vaso mi sembra caldo.... quindi mi verrebbe da pensare che non sia abbastanza il precarico... che dite?

X Dott.. come mi trovo? per ora non saprei dirti, sicuramente non male, ma credo che col tempo ci accorgeremo tutti del maggior comfort.
Unica nota positiva già notata: al mattino acqua calda al rubinetto in 3 secondi contri o 15 di prima! acqua risparmiata, che non è male!

nico-bio
25-01-2012, 17:50
X dott: il bollitore è in AISI 316 (acciaio inossidabile 18Ni 10Cr)...

Dott Nord Est
25-01-2012, 17:50
Unica nota positiva già notata: al mattino acqua calda al rubinetto in 3 secondi contri o 15 di prima! acqua risparmiata, che non è male!
nico, e non sarebbe da tirati le orecchie ora???
ti ricordi cosa mi hai detto tempo fa????? :spettacolo:





normalmente il vaso è già precaricato, hai preso quello per acs?

nico-bio
25-01-2012, 17:59
Si Dott, tu dovresti proprio tirarmele!!! :p

Allora al negozio dove ho preso i vasi mi ha detto che erano già precaricati a 3,5bar. poi spiegandogli l'applicazione mi ha detto di portarlo sui 2 bar, ma x me è un po poco... che dici? in teoria non dovrei sentirlo caldo no? non è sinonimo di acqua nel vaos?

Dott Nord Est
25-01-2012, 18:01
si, in teoria 2.5/3 dovrebbe bastare.
una domanda, hai acquedotto o pozzo?

scresan
25-01-2012, 20:32
La pressione del vaso va impostata in base a quella

1- del riduttore di pressione se hai acquedotto
2- del pressostato se hai pozzo

Comunque io l' avrei montato in ingresso acqua freddadel boiler, chiaramente dopo una valvola di non ritorno. La precarica potrebbe essere anche inferiore a quella di esercizio dell' impianto (regolazione sopradetta) in modo che quando apri una rubinetto acs la piccola quantità di acqua all'interno del vaso fuoriesce ed elimina quella specie di rallentamento momentaneo che vedi 1 secondo dopo aver apero l' acqua.....

Spero di essere stato chiaro.

nico-bio
27-01-2012, 10:06
Acquedotto.

Dott Nord Est
27-01-2012, 10:28
a che pressione ti entra? controlla

nico-bio
27-01-2012, 10:30
ho un vecchio regolatore di pressione (che era già li quando ho preso casa) che non ha il manometro...
posso però dirti che non ho una gran pressione ai rubinetti. paragonato a mia suocera (la casa di fianco) da lei esce molto piu forte

Dott Nord Est
27-01-2012, 10:45
dovresti controllare, perchè può darsi che sia quella già alta di suo

nico-bio
27-01-2012, 10:51
e come controllo? l'unica sarebbe sostituire il regolatore con uno nuovo con manometro mi sa.. che dici?

Dott Nord Est
27-01-2012, 10:55
e come la controlli?................... :cry:

giuggiolo0107
27-01-2012, 13:18
manometro da pochi euro no????

nico-bio
05-02-2012, 20:58
Domanda: ,Ma i fumi a che temperatura dovrebbero essere? Io in normale sono sui 130, modulazione circa 105... Non sono un po' bassi? Cosa determina la temperatura?? Poca aria? Troppa aria? Poco tiraggio? Troppo tiraggio? Premetto che la fiamma è bella gialla e non ho problemi a tenere le temperature, caldaia a 70, casa a 20 fissi giorno e notte, t esterna gg: -4, t esterna notte -16..Che dite? Ah, consumo 45-50 kg/24h la canna è tutta dritta, 9 metri esterna e coibentata.

Dott Nord Est
05-02-2012, 21:07
se ti scaldi e la combustione è buona, di che ti lamenti?
meglio che siano a 130 !!!!!!

fracchi
05-02-2012, 21:16
Scusi dott nord est io non sono del mestiere ma perche e' meglio? Grazie

Dott Nord Est
05-02-2012, 21:18
perchè se i fumi sono troppo alti, si ha meno resa, se sono troppo bassi, si rischia condensa (nelle marine).
poi, dipende da cento fattori: pressione sterna, canna fumaria, combustibile, regolazioni, ecc ecc

nico-bio
05-02-2012, 21:22
perchè se i fumi sono troppo alti, si ha meno resa, se sono troppo bassi, si rischia condensa (nelle marine). ma quindi dici che va bene? Nella canna non ho assolutamente condensa, ma leggevo sul tuo sito i dati relativi ai fumi, e i miei mi sembravano bassi...

Dott Nord Est
05-02-2012, 21:24
dipende da che tipo di caldaia hai, se non erro hai una 25 kw compatta, giusto?

nico-bio
05-02-2012, 21:34
È una marina Pasqualicchio Cs 25 (29kw) con serbatoio separato

Dott Nord Est
05-02-2012, 21:34
la mia ad esempio viaggia sui 130/140

nico-bio
05-02-2012, 21:46
Quindi sto tranquillo? Sperem...Tu dott quanto consumi? Che t esterne hai?

Dott Nord Est
05-02-2012, 21:49
la classica domanda che non darà mai una risposta certa......
come puoi fare un confronto????
mt di casa, coibentazione, finestre, T° esterne e interne, metodi di gestione abitazione, ecc ecc......
io dopo 8 anni, la media è di 30/35 kg al giorno, con punte molto più alte ora e più basse nelle mezze stagioni.
fai conto, sui 60/70 ql anno.
ma cosa centra se non sai che casa ho e come le gestisco? eheheheheh

nico-bio
07-02-2012, 11:12
giusto.. comunque, secondo te avendo il pellet (non di ottima qualità, è di un produttore locale) a 3 euro al sacco (10 eur di consegna ogni bancale) varrebbe la pena di considerare altre biomasse? sansa, mais, nocciolino?? io sinceramente non so nemmeno i prezzi, cercando in google non ho trovato niente, e oltretutto non saprei nemmeno a chi chiedere...

Dott Nord Est
07-02-2012, 12:04
a quel prezzo brucia pellet.........

nico-bio
07-02-2012, 13:05
Grazie, hai confermato il mio pensiero. Cmq parlando di circolatorie, cosa cambia se modifico le velocità? Ora e a 2... Se abbasso che succede? Se alzo?

Dott Nord Est
07-02-2012, 14:19
se abbassi passa menio acqua, se alzi ne passa di più.........:spettacolo::spettacolo::spettacolo:
scherzi a parte, se a due i termosifoni si scaldano omogenei, lascia a due

nico-bio
07-02-2012, 19:02
queste risposte non mi piacciono, non servono a niente...
Io voglio capire tecnicamente, una velocità bassa e una alta come influiscono sullo scambio termico.

Ad esempio, la pompa del boiler a che velocità dovrebbe essere? e oerchè? come influisce la velocità di un fluido sullo scambio termico dello stesso?

Dott Nord Est
07-02-2012, 19:52
nico, ritorniamo ai discorsi di un tempo???
se vuoi capirlo tecnicamente, chiedilo a un tecnico, magari poi chiedigli anche come applicare la teoria alla pratica.

nico-bio
07-02-2012, 21:05
Io l'ho chiesto su un forum tecnico.. Se tu lo sai potresti dirmelo e se non lo sai potresti semplicemente non rispondere no?

Dott Nord Est
07-02-2012, 21:26
io ho dato la mia opinione.....
se a due funziona bene, io tengo a due.
di tecnico c'è poco, se non provare nel PROPRIO impianto.

alessandrobrunialex
07-02-2012, 23:36
aumenta la velocita' gei gas aumenta il n di reynolds =>maggiore scambio pero' se aumenti l aria sopra quella stechiometrica (e qualcosa in +) che serve alla reazione non fai altro che diluire i fumi => diminuire la temperatura dei fumi ovvero diminuisci lo scambio.. non puoi metterti a fare tanti calcoli perche non sai forme/materiali/spessori composizione fumi e temperature.. come dicono sopra a parte 2 nozioni base e buon senso l unica è provare finche non va bene

nico-bio
08-02-2012, 08:12
Fumi?? Se leggi bene parlavamo di velocità pompe circolatori... Cmq interessante lo stesso la tua risposta! Grazie

scresan
08-02-2012, 10:34
Nico ti sei mai chiesto perchè la mattina quando hai fretta per raffreddare il latte o il te con il cucchiaio lo fai ruotare dentro la tazza??

Semplice: movimentando il liquido, cioè creando delle turbolenze, si massimizza la dispersione termica in quanto il liquido a contatto con le pareti fredde della tazza è sempre "caldo". Fai finta di dividere il liquido in strati concentrici di 5 mm, con i piu' esterni quelli verso il recipiente piu' freddi, man mano andando verso l' interno senpre piu' caldi. La teoria vuole che il liquido stesso dello strato piu' esterno faccia da "isolante" rispetto a qullo appena piu' interno, limitando man mano la dispersione degli strati centrali. Creando delle turbolenze invece tutto il liquido avra' la stessa temperatura, quaindi il dt fra parete della tazza e liquido sara' maggiore, e quiandi disperderà piu' calore.

Stessa cosa nelle caldaia: maggiore turbolenza e maggiore scambio pareti-liquido, maggior resa.
Oltre alla portata della pompa, incidono anche la forma dei "travasi" all' interno della caldaia, i materiali e lo spessore. Per assurdo è meglio una caldaia con le pareti di 3mm di acciaio che una con 10mm in quando la conducibilita' del metallo (acciaio) non è il massimo, rispetto al rame ad esempio........

Come vedi le variabili sono talmente tante, che alla fine per "prassi" si tende a far passare attraverso la caldaia tanta acqua quanto basta per avere un dt fra t entrata e t uscita di 10 gradi circa!!!

Quindi armati di un preciso termometro e controlla i valori della tua caldaia, modificando la velocità del circolatore fino ad ottenere quanto su descritto.

Mi spiace non essere piu' "tecnico", ma questo è quanto ricordo dai tempi della scuola!!

nico-bio
08-02-2012, 20:02
Mistero dei fumi... Pochi giorni fa arrivavo a fatica a 130, ora viaggia dai 140 ai 160 senza aver fatto alun tipo di modifica... E come è possibile ? Le condizioni esterne sono pressoché uguali, anzi c'è qualche grado in più....¿

Dott Nord Est
08-02-2012, 20:07
quando hai misurato i 130 era nuvoloso o sereno?
T° esterna?

nico-bio
08-02-2012, 20:23
Cielo coperto, niente pioggia o neve o vento. Quando erano a 130 fuori c'era -9 adesso che sono circa a 160 c'è -2.Può esser questo? O la caldaia è viva e si modifica da sola?

Dott Nord Est
08-02-2012, 20:41
coperto ora o allora?

nico-bio
08-02-2012, 20:49
Sempre... In questo periodo è sempre coperto e il mio fv lo sa bene......

Jeeg 70
08-02-2012, 21:05
Salve a tutti,
mi sono iscritto da poco al forum,ho acquistato da poco una cs25 marina,messa in funzione il 22/01/2012,
vi scrivo come funziona:
non produce acs
il crono è impostato dalle 6,30 alle 22.00 (tempo in lavorazione 15.30)
il termostato ambiente impostato a 20° collegato sulla pompa del riscaldamento
la temperatura caldaia è impostata a 65°
Attualmente riscaldo
70 mq,infissi doppio vetro,muri di tufo spessore
70/80 cm

consumo giornaliero 40 kg di pellet di faggio classe A,
Leggendo sul forum,forse i consumi sono eccessivi,
Chiedo cortesemente ai possessori di una cs25 marina, dei consigli su come impostare i valori in centralina ed ottimizzare la combustione,
in anticipo ringrazio tutti per l'aiuto.

Dott Nord Est
08-02-2012, 21:14
per 70 mt direi che i consumi cono un "pò altini" si.....
non c'era una caldaia con meno kw? per 70 mt ne sevono meno della metà....

Dott Nord Est
08-02-2012, 21:16
Sempre... .

allora 99 su 100 dipende dalla T° esterna diversa
la canna fumaria è coibentata?
in questo caso, una valvola di regolazione tiraggio ti manterrebbe + costante i fumi

biomassoso
08-02-2012, 21:21
come influisce la velocità di un fluido sullo scambio termico dello stesso?

dai un'occhiata a questo per farti un'idea di massima

:bye1:

Jeeg 70
09-02-2012, 10:23
Buongiorno a tutti,
Per il Dott.Nord Est,in effetti ero orientato a l'acquisto di una termostufa con meno kw,però ero bloccato dall'idea che usando solo pellet sarei stato schiavo del mercato,poi ho visto il funzionamento di una cs40 marina da un mio collega,sentito la varietà di combustibile che si possono usare e il prezzo che costava la caldaia,mi sono convinto ad acquistare la caldaia cs25 marina.
Ieri ho dimenticato di descrivere la canna fumaria:
canna fumaria in acciao non coibendata,incide sui consumi?
In primavera dovrei ampliare l'abitazione arrivando a 100/110 mq,a quel punto sostituisco anche la canna fumaria con una coibentata,l'unico dubbio è,basta sostituirla solo all'esterno o interamente,grazie per la disponibilità

Per il Sig.nico-bio,ho letto che anche Lei è in possesso di una cs25 marina,leggendo i mq che riscalda e i relativi consumi,Le chiedo gentilmente se mi può aiutare ad impostare la centralina per ottimizzare il consumo,la ringrazio anticipatamente.

nico-bio
09-02-2012, 11:37
Ciao diamoci del tu che qui siamo tutti amici.. Stasera sarò lieto di aiutarti x quando riesco!!

Jeeg 70
09-02-2012, 14:29
ok a stasera

Jeeg 70
09-02-2012, 15:00
ho un'altra informazione,non sò se possa essere utile al mio problema,
ho notato delle differenze tra la mia cs25 e la cs40(anno di costruzione 2010) del mio collega, la sede della centralina elettronica(più piccola) e il pannello comandi sono diversi dalla cs 25.<o:p></o:p>Per modificare i parametri della cocle e della ventola nella cs40 basta solo piggiare i pulsanti specifici sul pannello,per la cs25 è diverso, bisogna entrare nel "menu sistema" e modificare i parametri.<o:p></o:p>

Dott Nord Est
09-02-2012, 19:27
In questo periodo è sempre coperto e il mio fv lo sa bene......

nico, i fasci tubieri sono puliti?

Jeeg 70
09-02-2012, 21:02
ciao nico,hai consigli per me,su come ottimizzare i consumi

ifabio76
09-02-2012, 22:48
queste risposte non mi piacciono, non servono a niente...
Io voglio capire tecnicamente, una velocità bassa e una alta come influiscono sullo scambio termico.

I fattori che entrano in gioco sono diversi, in linea molto generale:
- L'acqua circola lentamente, avrà più tempo per cedere calore e quindi ritornera alla caldaia ad una temperatura più bassa. Tale differenza di calore tra mandata e ritorno è anche ben rilevabile nei termosifoni, caldi in alto e freddi in basso.
- Con portate di h2o maggiore, i termosifoni sono riscaldati + uniformemente. In questo caso aumenta anche la superficie di scambio termico dei termosifoni, avendo appunto più superficie calda. Ma dimuniusce il dT e quindi anche il calore ceduto/unità di fluido.
Solitamente si usa adottare un Dt tra mendata e ritorno pari a 10 C°.
Saluti Fabio.

nico-bio
10-02-2012, 08:55
Converrebbe sentirci telefonicamente e stando di fronte alle nostre caldaie!!

onire
14-03-2012, 21:18
La CS25 si può mandare a legna? E se si con che pezzatura?

ciccacrf
14-10-2012, 13:41
ciao a tutti!! mi sono letto tutto questo post perchè anche io ero interessato alla pasqualicchio marina cs 25. Solo che la mia domanda era avendo a disposizione tanta legna si può usare???

Dott Nord Est
14-10-2012, 17:13
se hai tanta legna, prenditi una caldaia a legna fiamma inversa, avrai più resa e maggiori soddisfazioni.

ciccacrf
14-10-2012, 18:02
Grazie dott per la risposta, solo che il mio problema è durante il giorno che non riesco a caricarla e sto fuori tutto il giorno anche 12 o 13 e quando ritorno dovrei ogni volta accendere la caldaia a fiamma inversa e questo non credo faccia bene alla suddetta. poi sinceramente vorrei in futuro cavare il gas dalla casa e con una policombustibile non si rimane mai senza acqua calda o legna o pellet va sempre!

Dott Nord Est
14-10-2012, 18:11
nulla di più sbagliato.
se tu dimensioni bene l'impianto, l'accensione sarà 1 al giorno.
cmnq, se vuyoi usare prevalentemente legna, una policombustibile non è indicata.
infatti, le policombustibili (Tatano comprese, quelle che vendo io) vanno prima a triti, ad esempio pellet, e poi "anche " a legna, usata con moderazione.
pena l'impossibilità di gestire le rese, i carichi, ecc ecc.

ciccacrf
14-10-2012, 18:27
cerco di seguirvi qui nel forum per farmi l'idea giusta di cosa comprare e trovarmi bene nel mio caso, grazie! naturalmente dott le dice una volta al giorno con un grosso accumulo da anche 1500 l ???

Dott Nord Est
14-10-2012, 18:37
il volume del puffer si calcola in base a certi rapporti tra kw/volume di legna caricabile/tipo di riscaldamento/dispersione della casa
1500 non pensare che sia così grande come pensi.... va bene per una 15/20 kw di potenza
se monti una 25 kw, naturalmente legna fiamma inversa, io di solito monto 2000/2200 lt + boiller

ciccacrf
14-10-2012, 18:49
Il boiler ne ho uno già da 300 l a doppia serpentina, dove adesso la caldaia a gas scalda l'acs. Il problema per me è l'altezza non riesco a mettere un puffer cosi grande ci avevo già guardato trattandosi di garage l'altezza è abbastanza bassa! Allora sto pensando seriamente di lasciare la caldaia a gas per aiutarmi anche in caso di vacanze e mettere una caldaia a fiamma rovesciata e magari pannelli solari per avere acs in estate, una domanda si può attaccare tre tipi di riscaldamento insieme?? nel senso per il boiler o il puffer posso fare passare i tre anche se ho solo due serpentine??

Dott Nord Est
14-10-2012, 18:54
e dove sta il problema? ne monti + di uno
per gli attacchi di più fonti non c'è nessun problema, basta il giusto impianto

ciccacrf
14-10-2012, 19:07
non ci avevo pensato a questa soluzione!! grazie per la risposta dott !!!

andreacinci
26-02-2013, 12:29
Spero di essere sulla discussione giusta.....
Sarei in procinto di acquistare una Pasqualicchio marina cs25 ma ancora non ho chiaro alcune cose (premetto che mi sono letto tutte le discussioni aperte)...

- è affidabile?
- nel depliant cè scritto che brucia pellet sansa mais nocciolino e legna ma l'istallatore mi ha detto che sulla cs25 la legna è esclusa
- i sistemi di sicurezza sono "sicuri"? o meglio .... ho letto di alcuni incidenti.... di principi d'incendio nel serbatoio... sono stati risolti?
- per un appartamento di 120mq appena ristrutturato con cappotto esterno di 8cm e infissi certificati è comunque sufficiente una cs25?

Per concludere, la nota dolente... il prezzo...

ho un paio di preventivi che si discostano di poco:
- fornitura e posa in opera della suddetta caldaia
- 8 mt di canna fumaria inox
- 1 bollitore Cordivani eco-combi2 dominus da 300lt

la cs25 ha come optional il sistema di accensione automatica e UDITE UDITE in omaggio uno scovolo per la pulizia del fascio tubiero!!!

Totale 7.500,00 euro
considerando l'agevolazione fiscale del 50% in essere sino a giugno 2013 quasi quasi ci farei un pensierino....

Ogni consiglio è ben accetto!!!
Grazie in anticipo!

nyo.pa
26-02-2013, 19:46
Provo a risponderti io che uso questa caldaia da 5 anni ormai.......

- è affidabile?
Da quello che ho visto si nel mio caso non ho avuto nessun problema tutto bene da meccanica e elettronica

- nel depliant cè scritto che brucia pellet sansa mais nocciolino e legna ma l'istallatore mi ha detto che sulla cs25 la legna è esclusa
Non escluderei al 100% la legna, io non ho mai fatto la prova ma il programma legna e' presente nella centralina, l'unico limite che vedo ad occhio e' quello delle dimensioni dei ciocchi, la camera di combustione non mi sembra grandissima

- i sistemi di sicurezza sono "sicuri"? o meglio .... ho letto di alcuni incidenti.... di principi d'incendio nel serbatoio... sono stati risolti?
Per incendio nel serbatoio forse ti riferisci al fumo, se si non e' un incendio ma un problema di regolazione che spinge i fumi del bruciatore nella direzione sbagliata, e' solo fumo non fuoco

- per un appartamento di 120mq appena ristrutturato con cappotto esterno di 8cm e infissi certificati è comunque sufficiente una cs25?
Io ti dico di SI, io la uso per un due piani con cappotto da 8cm e 160mq

Spero di esserti stato utile ciao

nico-bio
26-02-2013, 21:00
ciao,
io ce l'ho. è il secondo inverno che faccio e va che è una bomba!! brucio legna e pellet, e problemi non ce ne sono. come diceva nyo.pa chiaramente non ha un vano legna delle dimensioni di una caldaia dedicata! ma la comodità di averla anche a pellet ripaga egregiamente il vano ridotto!! prendila!

andreacinci
27-02-2013, 06:53
Grazie ragazzi mi rincuorate!

Nico-bio ma indicativamente la legna deve essere tipo quasi "sminuzzata" oppure ?

Ma secondo voi con il prezzo ci siamo?

alessandrobrunialex
27-02-2013, 12:31
ciao, io sono quello a cui è andata a fuoco la caldaia.. io una caldaia senza valvola antincendio (o serranda tagliafuoco) non la consiglio a nessuno, il problema per cu puo' uscire il fumo dal silos possono essere tanti(regolazione, tiraggio combustibile ecc ecc..), e se uno non se ne accorge subbito (es di notte) dopo il fumo ci son le fiamme. sistemi che mandano avanti la coclea quando sta in mantenimento non valgono nulla perche prima o poi (fosse pure dopo 10 anni) coclea o motore si rompono o si inceppano e non vedo scampo all incendio.
detto questo il prezzo mi sembra fin troppo buono, per la detrazione se non sbaglio devi avere una caldaia da rottamare e l impianto deve esser a norma (quindi se metti anche una caldaia a gas deve essere in un ambiente diverso e serve uno scambiatore tra una delle due caldaie e l impianto di riscaldamento)

ciao

Dott Nord Est
27-02-2013, 12:45
la serranda tagliafuoco non è l'unica soluzione per evitare incendi

alessandrobrunialex
27-02-2013, 12:49
ovvio, io non sono un esperto del settore, oltre valvole antincendio e serrande tagliafuoco non conosco altri che funzionino So solo per certo che sistemi elettronici che comandano la coclea( e aggiungo anche doppio salto della coclea) non funzionano, non a caso la mia caldaia li ha e é andata a fuoco

Regola 3d): Citazioni integrali o comunque di evidente inutilità (specialmente tra messaggi consecutivi) non sono tollerate e comportano provvedimenti.

Dott Nord Est
27-02-2013, 12:54
secondo me il sistema più valido e semplice è l'acqua.....

alessandrobrunialex
27-02-2013, 13:07
Tra l altro una valvola antincendio ad acqua costa poco, con massimo 200 euro te la trovi montata e dormi tranquillo.

Regola 3d): Citazioni integrali o comunque di evidente inutilità (specialmente tra messaggi consecutivi) non sono tollerate e comportano provvedimenti.

andreacinci
27-02-2013, 19:26
Quindi mi devo far aggiungere come optional la valvola idrica antincendio.... comunque resto allibito, un oggetto del genere indispensabile per la sicurezza di tutti, si riduca ad essere un optional......:cry:

Grazie per il consiglio!

pioneer15
03-03-2013, 17:37
Io l'ho installata questo inverno. Dietro consiglio del venditore ho installato la valvola idrica antincendio. Mi trovo molto bene sia come funzionamento che come assistenza. Quest'ultima ovviamente dipende da zona a zona. Ti consiglio di chiedere in giro dalle tue parti come si sono trovati con il centro assistenza.

andreacinci
04-12-2013, 09:26
Alleluia Alleluia, sono riuscito a montare la caldaia cs25. Venerdì verrà il tecnico per la prima accensione! Nel frattempo sto smanettando nella centralina ed ho notato che ci sono tre tipi di programmi - pellet - legna - combinato legna/pellet. MA esiste la possibilità di aggiungere un nuovo programma? Tipo per la Sansa ma soprattutto per i gusci di nocciola (ne ho grandi quantità)? Il manuale dice che è possibile ma non ho trovato modo. Inoltre esistono delle ricette di combustione dei vari prodotto ottimizzate per questa caldaia?

andreacinci
10-12-2013, 08:43
Mi rispondo da solo! Per quanto riguarda i programmi e le ricette di combustione se ne è occupato il tecnico, tutto risolto. L'unico problema che noto è che nella fase di accensione esce del fumo.... da cosa può dipendere?

giammy74
12-12-2013, 07:56
Buongiorno a tutti ..volevo chiedere se qualcuno avesse avuto esperienza di utilizzo di pellet di vinaccia. Secondo voi potrebbe dare problemi di corrosione o altro sulla mia caldaia pasqualicchio....sarebbe possibile utilizzarla da solo o mischiarla con pellet normale? Mi e capitata un'offertona e volevo valutare....grazie

andreacinci
19-12-2013, 10:35
Inoltre esistono delle ricette di combustione dei vari prodotto ottimizzate per questa caldaia?[/QUOTE]

Mi basterebbe conoscere anche quali parametri andare a modificare per aumentare o diminuire la velocità della coclea e della ventola. Attualmente sto bruciando nocciole e il braciere è continuamente vuoto, quindi o aumento la velocità della coclea oppure diminuisco la ventilazione .....

Grazie per l'eventuale aiuto

Dott Nord Est
19-12-2013, 10:37
x queste semplici variazioni ci dovrebbe essere il menù utente
quando ti hanno fatto il collaudo, non ti hanno istruito in questo?

andreacinci
19-12-2013, 10:48
Purtroppo nel menù utente ci sono sigle tipo CL0 3 CL1 2 ecc sia per la coclea che per la ventola... se sapessi a cosa corrispondono potrei anche intervenire.
Non vorrei essere polemico con Pasqualicchio ma il collaudo mi è stato fatto alle 22.00 di sera (il tecnico ha fatto un po' tardi....) e l'unica cosa che mi ha detto è come variare il tipo di ricette preimpostate ma non come modificarle.

andreacinci
21-12-2013, 12:03
Mi rispondo sempre da solo....
In rete ho trovato il manuale della csv dove in fondo ci sono alcune pagine riservate al personale tecnico. Su queste pagine c'è quello che cercavo, il significato di cl00 cl04 cp00 ecc ecc.

Spero che questa informazione sia utile a qualcuno...... in fondo il principio cardine dei forum è aiutare gli altri.

Io per adesso ho regolato la combustione a nocciole in modo eccellente!
Domani tocca al pellet....

Dott Nord Est
21-12-2013, 13:11
il manuale non lo devi cercare inrete, ma DEVE ESSERE AFFIANCATO ALLA CALDAIA !!!!!!!!!!!!!!
ma scusa, chi ti ha venduto e fatto il collaudo, si sono fergati il manuale cartaceo?

andreacinci
21-12-2013, 18:13
Forse non mi sono spiegato bene.
Mi è stato consegnato tutto, ma proprio tutto, 2 volte sia cartaceo che per email. Purtroppo nel nuovo manuale che la Pasqualicchio che da a corredo non è presente il capitolo per le regolazioni e riporta che tale procedura è ad uso esclusivo del tecnico. Al contrario sul manuale che ho trovato in rete della versione precedente alla mia caldaia possiede tale capitolo e indica tutte le varie impostazioni anche se con qualche differenza.

Rivolgo nuovamente la medesima domanda ESISTE QUESTA TABELLA (vedi sotto) SPECIFICA PER LA PASQUALICCHIO CS MARINA del 2013?
Si o no - credo sia inutile insistere con il dire "chiedi al proprio tecnico", se la Pasqulicchio la voleva rendere pubblica lo avrebbe fatto mettendola nel manuale ed io non sarei a chiederlo in un forum. Evidentemente è un modo per incrementare il lavoro ai propri tecnici....

Dott Nord Est
21-12-2013, 21:24
mica è un segreto di stato.....
quei parametri sono uguali per tutte le ditte che montano quel modello di scheda, indipendentemente dalla marca della caldaia
ecco ad esempio un pezzo delle istruzioni tatano dove vedi che i codici sono esattamente uguali.
quindi non serve trovare quella specifica per quella marca, ma la medesima scheda
però, come vedi c'è un min/max di impostazione, sono quelli che devi imparare a gestire....

andreacinci
22-12-2013, 11:05
Esatto è quello che cercavo di dire.
Ma sino a qualche giorno fa non riuscivo a dare un significato a CL00,CL05 ecc.. quindi mi rimaneva impossibile qualsiasi intervento.

Non saranno un segreto di stato ma sono 20 giorni che le cerco e adesso ci sto adattando quello che ho trovato. Per me restano un segreto quelle specifiche per la mia caldaia o meglio per la mia scheda.........
A proposito come si vede che tipo di scheda monta la mia marina cs 25 di modo che possa risalire alla scheda parametri?

Dott Nord Est
22-12-2013, 11:38
di solito sul retro della scheda è scritto

lully
02-05-2014, 14:09
Io ho una CSB40 senza valvola termica di sicurezza antincendio ma la vorrei montare.
Qualcuno ha per caso una foto di come viene installata ?
grazie infinite
luca

Dott Nord Est
02-05-2014, 14:19
se è a vaso aperto non serve, se a vaso chiuso è obbligatoria

lully
02-05-2014, 14:42
Scusa ma forse non mi sono spiegato bene.
Io ho una Pasqualicchio CSB40 senza la valvola antincendio che ora la Pasqualicchio come optional installa sulla coclea per allagarla in caso d'incendio.
La valvola di scarico termico sull'impianto idraulico comunque a vaso aperto c'è l'ho perchè c'era già sull'impianto quando avevo la caldaia a legna.
Io volevo solo sapere dove è installata di solito questa valvola; credo in un punto in alto del condotto pellet più vicino possibile alla caldaia o sbaglio ?
ciao e grazie
luca

Bubusettete1978
10-05-2014, 21:38
Ciao se non sbaglio fra la valvola stellare che si apre e chiude per immettere combustibile e la vite senza fine che porta il materiale nel crogiolo ci dovrebbe essere un cilindro inclinato e saldato alla discesa del combustibile una specie di ingresso con una filettatura nella parte aperta coperta da un tappo di plastica rosso.....se lo togli si sente benissimo il passaggio del combustibile in caduta....bene sempre se nn sbaglio è quello il punto di inserimento di quella sicurezza opzionale ..... che in pratica inonda tutta la vite senza fine senza inondare la coclea e perdere kg di materiale combustibile. Fammi sapere se la individui in caso ti posto un paio di foto

misterpellet
12-05-2014, 08:15
Ciao,
la valvola a scarico termico che hai già lavora sulla temperatura dell'acqua in caldaia, se supera
una certa temperatura apre e scarica acqua calda (che dovrebbe essere ripristinata dalla fredda del carico).

Per spegnere un principio d'incendio devi "sentire" la temperatura della coclea.

MP

lully
03-06-2014, 16:18
@misterpellet : mi servirebbe saper dove installare la sonda della valvola di scarico termico sulla coclea ; ovvero qual'è il punto migliore.ù

@bubusettete1978 : se mi posti qualche foto mi fai un grosso piacere.

ciao e grazie atutti.
luca

misterpellet
03-06-2014, 21:36
Ciao,chiedi alla persona sbagliata, non lo so.cerca qualche immagine sul web.MP

scresan
03-06-2014, 22:43
x lully: sulla mia caldaia, una vecchia (ormai!) multiheat della hs-tarm la valvola di scarico termico, utilizzata come antincendio!, è stata posizionata a metà strada fra il crogiolo e il magazzino (25 c, da l' uno e dall' altro).

Il pozzetto che contiene il sensore a 20 cm circa dal il crogiolo: si tratta di un pezzo di tubo del diametro appena sufficiente per la sonda della valvola, saldato sopra al canalone di carico (il mio è a forma quadrata), in senso ortogonale rispetto alla coclea e disteso sul canalone. La valvola vera e propria è collegata tramite un gomito ed un pezzo di tubo di 30 cm circa da un lato sopra al canalone, e dall' altro ad una vaschetta semprepieno di 20 lt circa.

Se la temperatura del canalone di carico supera i 95 gradi circa, viene inondata (in realtà le 2 volte che mi è successo credo che siano entrati 2-3 lt di acqua al massimo) fino a spegnere il fuoco, compreso quello nel crogiolo.

Skypilot92
24-05-2016, 13:47
Buongiorno a tutti.. Sono nuovo, mi chiamo Gian e scrivo dalla provincia di Torino. Ho risposto a questo topic in quanto ho da poco acquistato una CS25 (29KW) trovata con ottimo sconto presso centro commerciale, l'unica cosa è che non sono stati in grado di darmi molte informazioni. Chiedo scusa in anticipo per la mia ignoranza in questo tipo di caldaie.La suddetta non ha il phon per l'accensione automatica (cosa che davo per scontato ma che ho erroneamente sottovalutato). La utilizzo in una casa dove gestisce solo il riscaldamento dei radiatori, senza acqua sanitaria. Ho letto che "paradossalmente" si accende manualmente la prima volta ad inizio stagione, e dopo di che rimane quasi sempre accesa tra il lavoro ed il mantenimento. Francamente non ho capito molto bene come funziona quest'ultimo. Bisogna utilizzare il crono della caldaia stesso o bisogna utilizzarne uno ambientale installato nell'abitazione ? Ho cercato in altri post alcune risposte ma si finiva sempre per riportarsi all'acqua sanitaria, cosa che non mi riguarda. Io vorrei utilizzarla 12 ore al giorno per tutto l'inverno. Tutti i giorni. Come devo fare?Grazie a tutti per le risposte.

Dott Nord Est
24-05-2016, 15:55
devi farla lavorare su termostato ambiente

Skypilot92
24-05-2016, 15:56
devi farla lavorare su termostato ambiente

Ovvero ? Intendi quello da installare in abitazione ? Va bene un qualsiasi termostato digitale ?

Dott Nord Est
24-05-2016, 16:18
un termostato che apra o chiuda un contatto

Skypilot92
24-05-2016, 18:13
un termostato che apra o chiuda un contatto
Quindi un termostato qualunque per il controllo della temperatura, e poi va settata la programmazione sul Crono della caldaia ?

Dott Nord Est
24-05-2016, 18:26
non sul crono, quello manda in on/off la caldaia
ma sulla centralina che riceve il contatto e poi comanda la pompa

Skypilot92
30-05-2016, 11:30
Buongiorno... Vi scrivo sempre per lo stesso motivo .. Caldaia CS25 (29kw).
Accensione automatica o no ?

E' veramente necessario avere l'accessione automatica? MI è stato spiegato da un idraulico che essendo una biomassa in realtà l'accensione automatica non è necessaria, in quanto si accende manualmente ad inizio stagione e poi lavora per tutto il periodo passando dal mantenimento al normale funzionamento.

Secondo voi ? Meglio con o senza accensione AUTO?

Voi che ne pensate ?