PDA

Visualizza la versione completa : Bruciatore a pellet orizzontale



Pagine : [1] 2

pascusa
05-03-2012, 13:35
Bruciatore a pellet orizzontale
Prima di tutto complimento per il sito.
Poi intendo segnalare la discussione sui bruciatori a pellet orizzontali, mi sembra che questo argomento non sia trattato nelle varie discussioni. In particolare gradirei porre all'attenzione dei frequentatori ed appassionati la versione dei bruciatori ad aria soffiata da montare anche nelle caldaie a gasolio. Ho visto funzionare il bruciatore a pellet della Ferroli il modello Sun P7, mi sembra un buon prodotto, qualcuno di voi ne conosce la funzionalità per uso diretto oppure ha indicazioni sul funzionamento ed esperienze nel suo utilizzo ???
Mi dicono che il prodotto ha anche avuto un aggiornamento migliorativo rispetto alla prima versione, ne sapete di più ???
Grazie per le eventuali risposte.

DPZ
05-03-2012, 13:44
Ciao, nel mio post "Sostituzione caldaia o solo bruciatore?" mi riferivo proprio al Sun P7. Su che caldaia hai avuto modo di vederlo?
Ho la vaga impressione che al momento sia il più economico, considerando anche la fornitura della coclea e poi Ferroli dovrebbe essere una "garanzia".
Come ho descritto nel mio post il problema ovvero il rendimento totale sta nel connubio bruciatore+caldaia.
Mi sai dare ulteriori informazioni?
Saluti

FORESTA SILVESTRE
05-03-2012, 17:33
Un consiglio quando andate a vedere questi tipi di modifiche sarebbe consigliabile fare una prova con analizzatore di combustione e vedere quanto particolato e polveri totali butta in aria, sopratutto quando la caldaia e da qualche giorno che funziona e non vi sono state pulizie fatte di recente.

pascusa
05-03-2012, 23:09
Il bruciatore che ho visto in funzione era inserito in una caldaia, mi sembra una Riello installata da oltre 10 anni, che ha sempre funzionato bruciando gasolio. Con il pellet ha mantenuto inalterate le sue caratteristiche e funzionalità.
Per le polveri non sono in grado di fornire risposte ma, fornisco una riflessione profana, allora biosognerebbe misurare l'emissione in aria di questi elementi anche mentre funziona una normale stufa a pellet, il livello di polveri dovrebbe essere allo stesso modo

Dott Nord Est
06-03-2012, 05:13
pascusa, per pura curiosità, il costo?

DPZ
06-03-2012, 07:58
Posso risponderti io: da listini on line viene sui 1600 euro ivato compreso di coclea di alimentazione. Il prezzo mi sembra fra i più bassi, dico bene?

Integrav
06-03-2012, 08:04
Purtroppo da quello che ho sentito io,non tutte le caldaie a gasolio sono adatte a montare il bruciatore a pellet. In molte la cenere del pellet va ad intasare in tempi molto rapidi delle zone che poi possono essere raggiunte solo con lo smontaggio completo della caldaia.... :(

biomassoso
06-03-2012, 10:17
consigliabile fare una prova con analizzatore di combustione e vedere quanto particolato e polveri totali butta in aria

i bruciatori a pellet hanno norme molto più restrittive della vecchia e blanda EN 303-5 classe 3 richiesta per i pentoloni intesi come unico insieme e che nascono già quindi col bruciatore

<iframe src="http://www.youtube.com/embed/Dozio79oj7M?rel=0" allowfullscreen="" frameborder="0" height="315" width="420"></iframe>

pascusa
06-03-2012, 10:27
Per quanto riguarda l'osservazione che ho fatto sul campo, bruciatore inserito in una caldaia a gasolio, posso dire che non c'è il problema dell'intasamento delle polveri che pregiudicano la resa della caldaia.
Poi, ritornando all'argomento bruciatori a fiamma orizzontale, da riscontri diretti alcuni amici utilizzatori con il Sun P7 riferiscono di una buona resa. Altri amici hanno montanto un Kondor, in questo caso (dato che la macchina è diversa dalla precedente per disposizione della griglia e altri particolari) in una caldaia Lamborghini e riscontrano un regolare funzionamento e rendimento.

pascusa
06-03-2012, 10:38
Scusa Biomassoso, intendi dire che i bruciatori a pellet, in considerazione della norma più restrittiva, sono macchine che superano o controlli e quindi sono affidabile ed efficenti e rispettano gli standard di sicurezza di combutione e di difesa ambientale???
Cioè non inquinano o diffondo in aria polveri o altri materiali tossici, vero???

pascusa
06-03-2012, 10:57
La discussione che ho proposto, comunque comprese le divagazioni che abbiamo effettuato,
intendeva porre l'attenzione sui bruciatori a pellet a fiamma orizzontale. Gradirei, quindi, porre in rilievo e chiedere un vostro qualificato e desiderato parere, sul prodotto SUN P7 - Kondor - ed aggiungo anche le macchine Bluenergy (che mi sembrano ottimi prodotti, forse anche di più altro livello).
Su queste macchine chiedo se ne conoscete, direttamente o indirettamente, il rendimento ed il funzionamento.
Mi hanno riferito che nei primi due bruciatori, qualcuno ha riscontrato un intasamento della griglia all'interno del bruciatore, dovuta ai residui solidi formati durante la combustione che pregiudicava il corretto passaggio dell'aria pregiudicando il corretto funzionamento.
Nell'ultimo bruciatore dell'elenco, ho raccolto solo indicazioni generiche, sembra che il problema è stato superato con un sistema di pulizia ad aria compressa.
Le indicazioni, secondo il vostro parere diretto o riferito, sono corrette ???

Fuochista
06-03-2012, 15:09
Il Bluenergy è quello della Termocabi (Termocabi - Bruciatori a Pellet, Agripellet ed altri Biocombustibili (http://www.termocabi.it)), usa un getto di aria compressa per eliminare la cenere residua dalla griglia.
Il problema della fusione delle ceneri è sempre presente nei bruciatori orizzontali, infatti su P7 e simili si deve usare SOLO pellet che lascia poco residuo, (DIN+ cenere <0,5% pellet di ottima qualità senza silice) o si rischia il blocco del bruciatore, dovuta all'agglomerato di cenere fusa che si crea. Ciò causerà pessima combustione, impossibilità di riaccensione automatica e rischio di ritorno del fumo verso il tubo coclea. :bye1:

FORESTA SILVESTRE
06-03-2012, 15:36
A me personalmente non piacciono quelle soluzioni si va sempre a modificare una caldaia con dubbi rendimenti e a volte alte produzioni di particolato in quanto si lavora con una grande quantità di aria con turbolenze che vanno ad agitare le ceneri in un corpo caldaia che di norma e nato per bruciare altri combustili.
Quindi e riduttivo parlare di bruciatore ma si deve parlare di tecnica di combustione della caldaia in generale.

pascusa
06-03-2012, 20:20
Il bruciatore SUN P7 nonostante sia installato in una vecchia caldaia a gasolio, degli anni ''70, posso dire che ho visto il funzionamento e verificata la temperatura interna della casa di un mio amico, e posso affermare che funziona bene. Il mio amico dice che l'effetto sui termosifoni è lo stesso del gasolio. Per la verità, riferisce il mio amico che ha effettuato una piccola modifica alla griglia (braciere) per il resto non ci sono da riscontrare problemi.
Per DOTT. NORD EST, provo a chiedere il prezzo (ma ti posso assicurare che il mio amico si reca nei paesi dell'est europeo ogni settimana e sicuramente avrà fatto un affare come costo d'acquisto, vedremo !!!

Dott Nord Est
06-03-2012, 22:10
pascusa, e per l'assistenza e pezzi di ricambio?
hummm.... sicuro sia un affare? :bored:

DPZ
08-03-2012, 13:36
Perchè dici di problemi per assistenza e pezzi di ricambio? Per eventuale acquisto all'estero? Al limite potrebbero esserci problemi di garanzia ma per il resto non ne vedo.
Domanda a tutti gli esperti: ma in questi bruciatori ad aria soffiata la combustione secondaria avviene nel tubo/braciere? Cioè tutta la combustione si esaurisce in modo spontaneo tramite la turbolenza creata da una sola ventola?

dodge
08-03-2012, 14:35
Salve da un nuovo arrivato che si stà documentando proprio sui bruciatori a pellet...
per Vs. informazione vi ho trovato appena dopo aver visto un sito ungherese che pubblicizza il SUN a 690 euro (penso più tasse) completo di coclea, ne ho trovato anche un altra marca in Polonia che ho contattato e la risposta è stata :
1000 euro + 50 di spedizione ( Pellet burner RSX - Detailed info for Pellet burner RSX,wood pellet burner,Pellet burner RSX,RSX 26kW on Alibaba.com (http://www.alibaba.com/product/pl105710119-113713706-0/Pellet_burner_RSX.html) )
mi sto documentando perchè devo restaurare una casa e sono molto indeciso tra un termocamino legna/pellet e lasciare il camino esistente aggiungendo una caldaia adattata a pellet...

Saluti a tutti
Dodgy

ps. non mi pare di aver visto discussioni tipo "presentati", se è stata una svista mia me ne scuso con gli amministratori.

Dott Nord Est
08-03-2012, 20:10
dodge, una domanda banale.....
per assistenza e garanzia del prodoto che hai linkato?

dodge
08-03-2012, 20:42
Buonasera Dottore,
è la seconda domanda che farò al tizio polacco se l'oggetto diventerà di mio interesse reale...
cmq ho trovato che quel modello lo fanno in cina...e lo vendono anche in francia, naturalmente a prezzo ben più alto...

DPZ
08-03-2012, 21:17
Dodge scusa potresti linkare anche il sito ungherese con il Sun P7? Il Pellas (Pellet Burners by PELLAS® - Pelletsbrännare, Pelletbrenner (http://pellet-burners.com/pellet-burner-pellet-burners-pelletsbrannare-pelletbrenner.html)) mi sembra un buon prodotto ma il nostrano Sun P7 godrebbe dell'assistenza italiana.....
Ma è fattibile acquistare questi prodotti fuori porta?

dodge
08-03-2012, 21:34
Dodge scusa potresti linkare anche il sito ungherese con il Sun P7? Il Pellas (Pellet Burners by PELLAS® - Pelletsbrännare, Pelletbrenner (http://pellet-burners.com/pellet-burner-pellet-burners-pelletsbrannare-pelletbrenner.html)) mi sembra un buon prodotto ma il nostrano Sun P7 godrebbe dell'assistenza italiana.....
Ma è fattibile acquistare questi prodotti fuori porta?


si eccolo :
http://www.futesuzlethaz.hu/vasarlasfaelgazespellet.php

devi fare la conversione da fiorini ungheresi a euro

si, si può fuori porta, se ti serve ti dico che cifra si aggiunge al costo..

oppure qualcuno che passa di là :devilred:

pascusa
10-03-2012, 23:24
MA NESSUNO PARLA (mi sembra alquanto strano che in un Forum come questo, specilistico e frequentato da esperti e appassionati del settore) del funzionamento, la funzionalità e l'eventuale valutazione di efficacia del bruciatore orizzontale.
Nessuno si sofferma a fornire un commento tecnico, funzionale: questo tipo di bruciatore, insomma, sembra che nessuno lo abbia visto in azione oppure ne abbia valutato le caratteristiche.
Per quello che ho potuto visonare e dal racconto di un utilizzatore il commento fornito è stato di piena soddisfazione.
Ci sono esperienze dirette di altri acquirenti o utenti che usano con risultati di apprezzamento di questo prodotto?
Insomma qualcuno ha montato e avuto modo di acquisire pareri e magari valutare direttamente vedendo in funzione il bruciatore di poter trarre un personale giudizio. Sarebbe utile portare a conoscenza questa comunità la propria esperienza e comunicare pregi ed eventuali pareri di contrarietà.

Dott Nord Est
11-03-2012, 06:08
pascusa, io ne ho visti molti in funzione in allevamenti di vitelli, ma più di qualcuno ora lo sta convertendo con caldaia a biomassa specifica.
- costi simili a una caldaia specifica
- impossibilità di usare altri combustibili oltre il pellet
- rese mediocri, visto che si usa in un corpo caldaia non specifico
- problemi di intasamenti
- operazioni di pulizia cenere in caldaia non sempre agevoli
ecc ecc...

queste sono le mie esperienze in casi dove il prodotto viene veramente fatto lavorare 24/24 h per 365 gg all'anno.

claudik
12-03-2012, 21:53
la mia sensazione è che col pellet convenga, per rendimento, una specialistica caldaia a pellet.

DI solito hanno camere di fuoco RACCOLTE e COMPATTE intorno al braciere del pellet (piccolo, almeno fino ai 32 kw della mia) a differenza delle caldaie a legna dalle grandi camere di fuoco fatte per la legna all'interno delle quali SOFFIA il bruciatore orizzontale (che per questo ritengo disperda un po' di calore...)

DPZ
15-03-2012, 11:48
la mia sensazione è che col pellet convenga, per rendimento, una specialistica caldaia a pellet.
Questo credo sia vero sempre: trasformare una caldaia a gasolio in una a pellet è sempre un ripiego che si paga in termini di minore efficienza, quindi consumi più alti e difficoltà nella pulizia nonchè adattamenti "artigianali".
Bisogna considerare però che, almeno secondo me, se la spesa rimane entro i 2'000 euro, per potenze modeste siano più i vantaggi che gli svantaggi. L'intervento è sicuramente meno invasivo rispetto a sostituire tutta la caldaia (tempi, opere idrauliche, eventuali lavori di muratura, ecc...) ma soprattutto molto economico.
Per la cronaca ho inviato una mail al sito http://www.futesuzlethaz.hu per l'acquisto del SUN P7 ma non ho ricevuto risposta...
Saluti a tutti

pascusa
04-05-2012, 10:17
Ci sono aggiornamenti in merito al funzionamento del bruciatore pellet orizzontale che ho citato, avete novità da comunicare?

pascusa
04-05-2012, 10:18
Ci sono novità o aggiornamenti sul funzionamento ed esperienze da convidivere su questo prodotto?
Fatemi sapere, grazie.

marcxx
10-06-2012, 08:21
ciao,per mille euro circa si trova in italia il bruciatore della ferroli, ci sono 4 pezzi all'interno che si trovano dai ricambisti di caldaie,la solita scatola nera di accensione un pressostato un programmatore,poi la resistenza per l'accensione che va cambiata ogni anno o due credo...il rendimento per la maggiore lo fa la caldaia,io mi riferisco per potenze di 34 kw sempre che il bruciatore sia ben tarato e pulito,secondo me il bruciatore a pellet si sposa bene con quelle caldaie che hanno il fascio tubiero,o come si chiama...per facilitarne la pulizia,i corpi in ghisa mi sembra che non siano adatti per le polveri del pellet,si intasano presto a mio avviso...una caldaia a pellet da 4 mila euro rende sicuro di piu!ma se si ha una caldaia con bruciatore a gasolio e si considerano 1000 euro di spesa per il bruciatore ferroli a pellet si può anche provare...una pulizia settimanale si può anche fare!altri marchi di bruciatori dell est li lascerei perdere per i ricambi,chissà che componenti usano....domanda,esistono bruciatori a cippato orrizontali?

pascusa
10-06-2012, 10:15
Carissimi,
per quanto riguarda il bruciatore a pellet orizzontale di cui stiamo parlanto,
in merito all'esperienza diretta posso affermare che moltissimo dipende dal pellet.
Poi pulizia, ceneri e scarso rendimento non sono un problema, ovviamente
bisogna di tanto in tanto pulire.
Quello che posso dire, sempre per l'esperienza diretta, forse una migliore qualità e resistenza all'usura del materiale
tipo il tubo di ferro che ospita la fiamma sarebbe stata auspicabile, in effetti si è consumato in alcuni punti ma dovrebbe essere facilmente sostituibile.
Poi ho incrementato il rendimento della vecchia caldaia a gosolio inserendo dei turbolatori.
Saluti

biomassoso
10-06-2012, 10:26
questo (http://www.ferroli.it/riscaldamento/residenziale/domestico/sun-p7/it?begin=0) ferroli è il vecchio bruciatore iwabo villa molto presente in est europa

questo (http://www.bioriscaldamento.com/it/home) è invece di produzione italiana (come anche altri)

pascusa
10-06-2012, 10:26
Rispondo solo per confermare le osservazioni fatte, ma posso dire che essenzialmente con un buon pellet il bruciatore funziona come quello a gasolio. Ovviamente bisogna pulire la cenere che si forma, ma con un buon pellet sono andato avanti senza pulire la caldaia per circa 20/30 giorni. Il sistema di pulitura ad aria compressa è una funzione che gestiste e risolve il problema della "crosta" che formano alcuni pellet sulla griglia ma, credo, se è grossa e spessa il soffio di aria non riesce a smuovere il blocco compatto. In merito hai esperienza o conoscenza se questo che dico possa essere vero???

pascusa
10-06-2012, 10:37
Carissimo,
in merito ai bruciatori di produzione italiana, hai scritto come altri, potresti indicare quali sono gli altri che conosci.
Poi sul bruciatore ferroli hai qualche esperienza da indicare, conosci qualche utilizzatore per un confronto con cui poter scambiare delle esperienze sul funzionamento.

pascusa
10-06-2012, 10:43
Carissimi,
in merito al bruciatore a pellet ferroli sun p7, ci sono tra voi utilizzatori di questo prodotto (oppure similare) per un confronto e per uno scambio di esperienze sul funzionamento.
GRAZIE a quanti vorranno rispondere.

marcxx
10-06-2012, 11:54
ottimo,vorrei montare un bruciatore cosi su una caldaia che pero e in ghisa,se hai inserito i turbolatori la tua caldaia non credo sia in ghisa...ma ci devo provare,il bruciatore poco costa poco costano anche i ricambi,(poco anche durano)....quanto tempo impiega per accendersi?

biomassoso
10-06-2012, 13:09
in merito ai bruciatori di produzione italiana, hai scritto come altri, potresti indicare quali sono gli altri che conosci.


non indichi di dove tu sia, ma in base alla tua posizione geografica puoi vedere anche SPL termocabi, kondor, pasianpellets

pascusa
03-11-2012, 17:56
Regola 3a) Postare la stessa discussione o lo stesso messaggio in più sezioni, nella stessa sezione o in più discussioni è vietato e comporta l’eliminazione della discussione e l’attribuzione di una infrazione. (http://www.energeticambiente.it/misc.php?do=cfrules)

DPZ
03-11-2012, 19:28
Ciao Pascusa. Ho ordinato il SUN P7 e dovrei ritiralo la settimana prossima. Nel mio caso devo costruirmi da solo la piastra di montaggio, incernierata in modo da pulire agevolmente le ceneri. Monterò il tutto su una vecchia caldaia Riello.
Se ti va puoi descrivermi la modifica?
Spero di postare presto la mia esperienza.
Saluti.

marcxx
03-11-2012, 19:58
salve,io ho montato il Sun p7 su una riello binomio a gasolio mi va in blocco spesso,capita anche a voi?un po' di problemi li ho risolti riguardanti la cocla adesso vediamo,avete modificato parametri?io ho abilitato la sonda e basta...

DPZ
04-11-2012, 12:19
Prova a leggere qui, magari con il traduttore di google:
Cum se regleaza un arzator de peleti SUN P7 atunci cand se tot blocheaza | Jurnal (http://jurnal.drona.ro/2012/04/cum-se-regleaza-un-arzator-de-peleti-sun-p7-atunci-cand-se-tot-blocheaza/)
Fammi sapere se hai risolto.
Saluti.

marcxx
21-11-2012, 20:21
salve,risolto parte di problemi,traducendo vedevo la mia situazione!compreso pellet scadente!adesso pero mi va ancora in blocco ho notato in accensione,ho aperto la caldaia ed ho visto che c'era poco pellet,la cocla ha caricato,chiedo ,ce un parametro per allungare il tempo di caricamento della cocla in prima accensione?o devo accorciare ancora il tempo della seconda carica?

DPZ
22-11-2012, 13:02
Ma i tentativi e tempi di caricamento preimpostati non sono sufficienti? Mi sembra strano, anche perchè in questo caso non influsice la qualità del pellet.....
Io ho ancora tutto imballato perchè devo saldare i pezzi del supporto/sportello.
Ma i tuoi blocchi sono sistematici?
Vedendo lo schema elettrico e per evitare la fase di precaricamento del pellet mi sembra quasi obbligatorio lasciare sempre alimentato il bruciatore. Tu come hai collegto il tutto?
Attualmente il bruciatore a gasolio viene alimentato solo a richiesta direttamente dal termostato della caldaia. Penavo di installare un relè per comandare la richiesta di fiamma al bruciatore.
Saluti

marcxx
22-11-2012, 14:15
io ho abilitato la sonda e parte la fiamma quando chiede calore il bollitore o i termostati dei piani,il bruciatore deve essere sempre alimentato,nel link postato sopra si dice che al parametro t04 il tempo impostato e troppo lungo,l'ho dimezzato da 2 blocchi al giorno e andata bene una settimana,adesso ancora blocchi giornalieri.....in un momento che ero presente si e spento il bruciatore e subito riacceso ho notato il caricamento cocla regolare fase di accensione dopo blocco mancata accensione,ho aperto la caldaia e ho visto nel braciere il pellet che non era molto e non aveva preso fuoco,adesso vedo se lo fa ancora,qualcuno Sa cosa significa il parametro t05 t06 e T07?

pascusa
22-11-2012, 15:32
Se leggi bene le istruzioni capisci cosa sono i parametri t05 t06 e t07 (a memoria ricordo che questo regola il periodo di caduta del pellet).
Saluti
Se non riesci scrivi di nuovo.

marcxx
30-11-2012, 06:24
salve,oggi tolto tutto il pellet scadente,abbassato la caldaia alzato la cocla con un serbatoio diverso piu alto,in modo che non si blocchi il pellet nel scivolo del bruciatore,caricato pellet austriaco buono,pulito tutta la caldaia per bene,acceso per tre ore tutto bene,tiraggio ottimo ,gruppo di continuita,parametri come da istruzioni apparte t04 da 8 a 4,poi trovato blocco,sblocco fa procedura di accensione carica pellet per 15 sec circa,la resistenza scalda si sente che prende fuoco, la cocla non carica piu passsa qualche minuto e va in blocco,tolgo il tubo vedo dentro che non ce fiamma,mi pare strano domani provo a cambiare scatola nera....il t03 setpoint ventilatore in accensione cosa significa? impostato a 51 pa (Pascal ?)

pascusa
01-12-2012, 08:04
Perchè parli di GRUPPO DI CONTINUITA', cioè perchè hai installato un gruppo al bruciatore, mi spieghi !!!

Secondo te c'è bisogno di un gruppo di continuità per far funzionare meglio il bruciatore !!!

marcxx
01-12-2012, 12:06
nel mio caso e indispensabile,il vecchio bruciatore si e fumato 2 scatole di accensione in 15 giorni,se la tensione cala si danneggiano,causa vicinanza a zona industriale,cantieri edili nelle vicinanze,problemi Dell Enel o Dell impianto elettrico....

in realtà e un stabilizzatore di rete,e scritto anche sulla discussione sopra postata da dpz,nel caso la rete elettrica non sia stabile in accensione può causare un blocco,io lo avevo gia da prima,se la rete elettrica cala di molto le scatole di accensione ti salutano!ora lo cambiata spero in bene...il gruppo di continuità si consiglia a chi ha il problema che la centrale termica rimanga senza corrente,cosi il gruppo dimensionato per assorbimento bruciatore garantisce la fase di spegnimento,chiedo conferme pareri e opinioni grazie

lakikira
01-12-2012, 14:41
Carissimi,
in merito al bruciatore a pellet ferroli sun p7, ci sono tra voi utilizzatori di questo prodotto (oppure similare) per un confronto e per uno scambio di esperienze sul funzionamento.
GRAZIE a quanti vorranno rispondere.
ciao mi sono appena iscritto a forum
da qualche mese utilizzo il bruciatore sun p7
faccio tante prove ma non riesco ad ottimizzare le capacita' del bruciatore
es. se metterlo in modulazione o fisso
io lo utilizzo con una caldaia a legna che era combinata con un bruciatore a gasolio
sarei grato se qualcuno mi faccia delle domande e io saro' lieto di rispondere
ciao

marcxx
02-12-2012, 12:47
finalmente funziona!2 giorni senza blocco!ormai era un incubo...la scatola nera vecchia ci ha salutato...ora mi dedicherò alle tarature,la sonda e gia abilitata ho notato pero che,modula dalla potenza 3 alla potenza 1,alcune volte si spegne per il raggiungimento di temperatura e dopo 1 minuto riparte,vorrei capire se la potenza 1 si può usare tipo mantenimento...

DPZ
02-12-2012, 14:40
Sono ancora alle prese con le saldature dello sportello quindi non ho fatto prove. Marcxx potresti spiegarmi un pò più nel dettaglio il funzionamento del ciclo di accensione (il manuale è veramente minimale...)?
Come avviene la modulazione della potenza? Parte al massimo in accensione e diminuisce la potenza quando si avvicina alla temperatura impostata?
Per quanto tempo mediamente viene alimentata la resistenza di accensione (succhia 300w....)? Non viene mai sfruttata "la brace residua" per la riaccensione?

Posto altri due link scovati nelle mie ricerche, il primo relativo ai parametri ed il secondo alla piastra del bruciatore in inox:

Google Traduttore (http://translate.google.it/translate?sl=auto&tl=it&js=n&prev=_t&hl=it&ie=UTF-8&layout=2&eotf=1&u=http%3A%2F%2Fpelety.ramok.com%2Faktuality-a-novinky%2Fhorak-na-pelety-ferroli-sun-p7-nastaveni-servisnich-parametru)

Google Traduttore (http://translate.google.com/translate?depth=1&hl=it&ie=UTF8&prev=_t&rurl=translate.google.it&sl=auto&tl=it&u=http://www.kadria.cz/products/rost-pro-horak-ferroli-sun-p7/)

Saluti.

pascusa
05-12-2012, 14:14
In effetti fai un'ottima osservazione: quanto tempo mediamente viene alimentata la resistenza di accensione (succhia 300w....)?
Sarebbe opportuno poter regolare il tempo di accensione, secondo te è possibile intervenire, c'è la possibilità di regolare questo tempo.
Poi riguardo alla piastra del bruciatore, cioè il braciere quella che fai riferimento nel tuo post dovrebbe essere migliore di quella di serie ma
non abbiamo riscontri dato che nessuno ha riferito la propria esperienza. C'è scritto sul sito che migliora del 30 % ma dalla traduzione non capisco se il miglioramento si riferisce alla pulizia della cenere o al rendimento del bruciatore, secondo te ???



Per come lo uso io, devo dirti che sono posizionato a potenza 1 costantemente in questo periodo che non fa freddissimo, in pratica sono al minimo. Mi sembra che questa posizione corrisponde alla potenza di mantenimento, cioè se si usa una potenza 3, quando va in modulazione per raggiugimento della temperatura impostata l'abbassamento di ventola e caduta pellet corrisponde (almeno da quello che percepisco) alla posizione 1.
Poi se fuori scende sotto zero devo aumentare a potenza 2, ovviamente usando la modulazione.
Attenzione se si spegne hai badato se interviene la protezione, cioè la sonda posta sul tubo di discesa del pellet (hai notato quanto si scalda, a proposito il tuo si riscalda molto nel corso del funzionamento ???) magari interviene perchè ha raggiunto una temperatura elevata e quindi scatta la protezione e si spegne.


finalmente funziona!2 giorni senza blocco!ormai era un incubo...la scatola nera vecchia ci ha salutato...ora mi dedicherò alle tarature,la sonda e gia abilitata ho notato pero che,modula dalla potenza 3 alla potenza 1,alcune volte si spegne per il raggiungimento di temperatura e dopo 1 minuto riparte,vorrei capire se la potenza 1 si può usare tipo mantenimento...

Scusami che vuol dire la scatola vecchia ci ha salutato, significa che una centralina è andata fuori uso ???

Purtroppo devo segnalare che sono quasi tre anni che uso il bruciatore in questione, purtroppo si consumato il tubo (boccaglio) dai due lati. Cioè la fiamma che esce dal tubo ha usurato i bordi del boccaglio. Poi anche il gancio che devia e trattiene la caduta del pellet sul braciere, all'interno del boccaglio, si è completamente usurato dal calore, quasi si sbriciolato.
A qualcuno è capitata questa situazione ???

Sono mesi che devo pulire la caldaia, quello che mi ha dato problemi è stato il braciere che si sporcava spesso.
Risolto che una modifica.

lully
05-12-2012, 15:52
Ciao, anzitutto vi faccio i miei complimenti per la discussione in merito al bruciatore della Ferroli e vi dico già che purtroppo non ne capisco nulla e quindi ne approfiterò della vostra competenza.
Quello che volevo chiedervi è se il bruciatore l'avete comprato in Ungheria come suggerito nella discussione oppure in Italia e se lo ritenete un buon bruciatore visto che ho parlato recentemente con un rappresentante dell'Ar*a di cui io ho la caldaia aspirata e che vorrei trasformare il quale mi ha fatto gli auguri definendolo un cesso.
Vi ringrazio in anticipo delle vostre risposte.
Ciao
luca

lakikira
05-12-2012, 18:22
ho provato a mettere in potenza 3 senza modulazione ma sembra che aumenti il consumo
prima l'avevo a potenza 3 modulabile con temp. 65 gradi e mi sembra che consumi meno in quanto la modulazione
quando arriva a 55 gradi passa da 3 a 1 fino al raggiungimento dei 65 gradi .insomma come è meglio progarmarlo?
saluti

marcxx
16-12-2012, 07:59
salve,si la scatola nera si e danneggiata dopo un mese di funzionamento,ora va a meraviglia,seconda potenza modulante,15 giorni senza pulire niente funzionando 14 ore al giorno fumando 2 sacchi di pellet,dopo 15 giorni nel braciere c'era poco niente e il tubo di ferro non si e mai riscaldato,con l'altro pellet scadente invece il tubo si riscaldava perche nel braciere si formavano depositi solidi,ho visto e toccato con mano bruciatori a pellet che costano piu del doppio del Sun p7,sono fatti molto meglio,ma il prezzo che costa il ferroli per di piu di danno anche la cocla...e se costano il doppio consumano meta?dicono che consumano qualcosa meno ma poco,hanno sicuro meno usure ma se i pezzi di ricambio non costano tanto del ferroli non vedo problema,poi certi rappresentanti parlano male di tutto quello che non vendono!...secondo me quando arriva in temperatura si spegne e fa la procedura di spegnimento,dopo 1 minuto fa la procedura di accensione,non ho ancora capito se si può regolare la quantità di pellet per ogni potenza e l'aria ,tenendo la potenza 1 come mantenimento,il 2 come l'uno o poco piu ecc,faro anche le analisi dei fumetti...

pascusa
16-12-2012, 16:13
Carissimo, prima di tutto la scatola nera cos'è la centralina ??? Quanto ti è costata. Io ho sostituito la candeletta, 48 euro.
Per quanto riguarda la mia esperienza confermo i dati di funzionamento che hai scritto. Sono uguali ai miei.
Ho fatto una modifica alla griglia ed adesso va anche meglio.
Invece mi si p consumato il tubo del boccaglio, un fabbro per il momento me lo ha fatto di ferro ma devo ordinare il ricambio perchè si sta usurando ugualmente.
Poi se cerchi ci sono le regolazioni sia di aria che di pellet alle varie potenze.
Io se fa fa freddo uso la potenza 2, in giornate normali uso la potenza 1.





***

Regola 3d): Citazioni integrali o comunque di evidente inutilità (specialmente tra messaggi consecutivi) non sono tollerate e comportano provvedimenti. (http://www.energeticambiente.it/misc.php?do=vsarules)

marcxx
16-12-2012, 23:08
si la centralina,100 euro poco piu,piu IVA ...dopo quanto si e rotta la resistenza?ne devo prendere una di scorta cosi quando serve ce...in un altra casa riscaldo con una termocucina thermorossi,e volevo mettere una caldaia con un bruciatore a pellet cosi va in automatico,non so se prendere un altro sun p7...il tubo che dici e quello piu grosso da 200 mm?dovrebbe essere fatto in acciaio inox per alte temperature...

pascusa
17-12-2012, 17:59
Rispondo subito, la c andeletta si è rotta dopo due stagioni invernali, però devo anche aggiungere che uso il bruciatore in estate per fare l'acqua calda. O meglio la candeletta l'ho sostituita anche se funzionante, cioè permetteva l'accensione del pellet però alcune volte saltava il salvavita, cioè creava un corto, adesso che l'ho sostuita tutto di nuovo normale.
Il tubo, cioè il boccaglio è di 140 mm, quello si è completamente abraso, consumato dalla fiamma nei due angoli superiori o meglio
negli spigoli che la fiamma lambisce quando esce dal bruciatore. In effetti è di acciaio.

pascusa
27-12-2012, 18:43
Avanti con la comunicazione di esperienze, ci sono aggiornamenti da postare.

Per DPZ, hai installato il bruciatore, ci rendi partecipi. Grazie.

marcxx
27-12-2012, 23:02
una meraviglia!pulizia ogni 7-15 giorni,mai un blocco,mai colato tubo in plastica,peccato non ci sia posto per un recipiente piu grande del pellet!auguri a tutti!

Gobbialberto
28-12-2012, 08:06
Una domanda dove va pulito questo bruciatore?

pascusa
29-12-2012, 13:09
Per rispondere all'osservazione dove va pulito: la questione è semplice.
Come nelle stufe a pellet, ma anche come nei termocamini, il bruciatore a pellet
deve essere pulito dove avviene la combustione. La griglia, il braciere deve ritornare pulito
ad ogni accensione per permettere una migliore combustione.
Nella fattispecie, nel bruciatore Sun P7, (ma anche in altri modelli e marche che magari hanno un sistema di pulitura automatica ad aria compressa)deve essere pulita la griglia posta all'interno del boccaglio.
Se si usa una buona qualità di pellet, come diceva l'amico prima, non necessita una pulitura quotidiana
ma si può fare meno spesso. Per il momento è tutto, spero che sia anche tutto chiaro.

In merito alla pulizia del bruciatore scommetto che usi un buon pellet. A me è capitato con una qualità scadentissima di pulire ore TRE ore. Con il cambio del pellet adesso non mi capita più. Per eccesso di attenzione pulisco ogni due/tre giorni ma forse non sarebbe necessario.
Scusa che vuol dire "mai colato tubo in plastica" ???
Per il recipiente, io ho comprato quello in dotazione, ci vanno circa 15 sacchi.

Ho lo stesso consumo giornaliero con 15/16 ore.
Comunque con una qualità di pellet che ho usato ho fatto 12 ore con solo sacco.
Fammi sapere come vanno le analisi dei fumetti ...

Comprato in Italia

Condivido, forse è meglio usare la modulazione, sembra che consumi di meno.

Sapete dirmi ed indicarmi se c'è qualche altra discussione aperta sull'utilizzo dei bruciatori a pellet
di altre aziende e marca ???
Oppure qualcuno può raccontare la propria esperienza di utente di qualche altro bruciatore a pellet che sta usando, come si trova, come giudica il funzionamento e la resa del bruciatore, insomma se è soddisfatto.
GRAZIE.

Nei mesi scorsi avevo avviato una discussione proprio ed esclusivamente sul Bruciatore Ferroli Sun P7 a pellet, credo che mi è stata raggruppata nella discussione Bruciatore a pellet orizzontale.
Lo scopo era quello di scambiare le opinioni tra quanti utilizzano questo prodotto dell'azienda italiana. Tra l'altro, forse, anche per i tecnici dell'azienda poteva costituire un utile raffronto con gli utilizzatori e per attuare dei possibili miglioramenti.
Chissà se qualcuno dell'azienda oppure qualche tecnico ha letto le nostre discussioni. Potrebbe essere interessante, anche per il sito che ci ospita, avere conferma dell'utilità delle nostre esperienze anche per migliorare il prodotto o prendere spunto per effettuare delle modifiche per rendere più efficiente l'uso operativo del bruciatore.
L'auspicio e l'unico obiettivo è quello di rendere fruibili agli utilizzatori, appropiati consigli e suggerimenti direttamente proprio da quanti utilizzano il prodotto.

dodge
29-12-2012, 21:18
se aspetti un pò, l'ho appena ordinato e dovrei montarlo...
dopo vedremo come và...

però devo anche finire il bussolotto dove metterlo...:sleepysmileyanim:

pascusa
29-12-2012, 21:23
Rimaniamo in attesa per lo scambio di opinioni e pareri.
Giusto per curiosità dove lo monti, in una caldaia a gasolio ?

Che bruciatore hai preso ???

dodge
29-12-2012, 22:24
un sun p7, 880 spedito a casa completo di coclea...

lo voglio mettere in un aggeggio simile a questo :

27276



che sto finendo di costruire partendo da un puffer da 1000 litri

pascusa
30-12-2012, 09:14
Ma questa è una caldaia - puffer, mi sembra di costruzione nord europea, vero ???
Il bruciatore lo hai preso in Italia oppure ritirato oltre confine.
Grazie per le risposte.

DPZ
31-12-2012, 00:43
Vi aggiorno sulla mia situazione...
Ho completato lo sportello per il montaggio sulla caldaia ma non riesco a trovare un pannello di fibra ceramica per isolarlo dal focolare....spero di non dover ripiegare su ebay.
In ogni caso ho fatto una prova di accensione. Il primo problema che ho riscontrato è stato nel caricamento: ho provato con del pellet canadese che mi sembra troppo "corto", cioè i singoli cilindretti son circa la metà dello standard. Tale incoveniente rende il caricamento assai più lungo perchè il pellet "ricade" all'interno della coclea cava. Forse sarebbe meglio creare tramite un tubo una coclea chiusa e non a "molla" come da fornitura originale, ciò permetterebbe anche un montaggio più verticale della coclea stessa.
Dove vari tentativi (e bestemmie!) sono riuscito ad avviare l'accensione: la fiamma era bella viva e anche il rumore mi è sembrato molto simile al bruciatore a gasolio.
Spero di riuscire a lavorarci di nuovo dopo la befana.
Per il serbatoio ho pensato di utilizzare un fusto in materiale plastico ma la cosa mi sembra un po troppo provvisoria. Visto che il locale è umido e voglio preservare al massimo il pellet credo che non sia il caso di costruire un serbatoio in legno, giusto? Penso che anche ben verniciato e sigillato nelle fessure non sarebbe garantita la tenuta all'umidità. L'ideale sarebbe in lamiera con un coperchio e guarnizione. Ma i fusti da 200 litri in acciaio dove si possono acquistare?

Vi aggiornerò appena possibile.
Saluti.

pascusa
31-12-2012, 07:57
Scusa, cosa vuol dire una coclea chiusa, non capisco, e non a molla.

DPZ
31-12-2012, 10:16
La coclea originale è formata da un tubo dentro la quale scorre una "molla", mi segui? Questa conformazione porta secondo me ad un'inefficienza nel trasporto del pellet perchè parte del trasportato ricade all'interno della molla. Se invece della molla creiamo una vera coclea a mio avviso il carico sarebbe più rapido e più efficiente. Spero di essermi spiegato.
Per coclea intendo ad esempio questa
Risultato della ricerca immagini di Google per http://www.rosadails.com/images/coclea_screw_conveyor_04.jpg (http://www.google.it/imgres?q=coclea&start=197&hl=it&sa=X&tbo=d&biw=1366&bih=677&tbm=isch&tbnid=1ihh-aRpIakzEM:&imgrefurl=http://www.rosadails.com/dosatori_coclee.html&docid=USQ8Pb_h4xAw6M&imgurl=http://www.rosadails.com/images/coclea_screw_conveyor_04.jpg&w=472&h=218&ei=hmXhUJ6FI9DJsgatcA&zoom=1&iact=rc&dur=423&sig=100803861127693119353&page=7&tbnh=139&tbnw=275&ndsp=36&ved=1t:429,r:24,s:200,i:76&tx=84&ty=67)

Basterebbe saldare uno spezzone di tubo all'interno della molla...

Yapok
31-12-2012, 10:41
Vi aggiorno sulla mia situazione...
Per il serbatoio ho pensato di utilizzare un fusto in materiale plastico ma la cosa mi sembra un po troppo provvisoria. Visto che il locale è umido e voglio preservare al massimo il pellet credo che non sia il caso di costruire un serbatoio in legno, giusto? Penso che anche ben verniciato e sigillato nelle fessure non sarebbe garantita la tenuta all'umidità. L'ideale sarebbe in lamiera con un coperchio e guarnizione.

Penso ci sia poco da fare al riguardo... non credo sia pensabile tenere sotto atmosfera controllata il pellet (e forse tentando quella strada potresti avere risultati controproducenti). I tedeschi quando ci sono grossi problemi di umidità consigliano i silos in tela "traspirante", per evitare di tenere il pellet a contatto diretto con pareti e pavimenti umidi (molto di più non si può fare credo). Penso che un deposito in legno dovrebbe andare bene.

pascusa
31-12-2012, 13:44
Ok per la coclea, anche se devo dire che quella in dotazione con bruciatore non mi ha data mai problemi.
Per il deposito uso quello in dotazione e ugualmente funziona regolarmente in merito alla conservazione del pellet.

Caro marcxx, cosa vuol dire mai colato tubo di plastica.

Carissimi volevo comunicare che ho mischiato pellet e mais.
Avete sperimentato la miscela e secondo voi è un buon mix.

DPZ
04-01-2013, 11:18
Ieri ho effettuato un'altra prova e sembra più o meno andare. Ho notato comunque un po di pellet carbonizzato (non cenere) sul fondo della caldaia il che non mi sembra normale. Spero dipenda dal tipo di pellet forse non eccelso: è il "canadese" preso in un centro commerciale molto famoso.
Durante il funzionamento il tubone, dove avviene la combustione, arriva al colore rosso: nel mio supporto parte del tubo rimane fuori dalla caldaia ma all'interno di un castello fatto con 4 piatti in acciaio da 10 mm di spessore; il castello non è completamento chiuso e quindi intravedo il tubo. In questo modo il tubo scambia anche leggermente con l'esterno quindi riesce un poco a raffreddarsi. Sarebbe controproducente isolare questo tubo magari con lana di roccia?
Una domanda per chi già utilizza il P7: nelle mie prove ho visto che il bruciatore riavvia la fiamma quando la temperatura scende di 15° rispetto al set point impostato. Non è troppo elevato il pendolamento? In questo modo considerando il tempo di riaccensione il delta T mi sembra eccessivo.
Attendo Vs risposte :-)
Cordiali saluti a tutti

dodge
04-01-2013, 12:55
Ma questa è una caldaia - puffer, mi sembra di costruzione nord europea, vero ???
Il bruciatore lo hai preso in Italia oppure ritirato oltre confine.
Grazie per le risposte.

oh yess...solo che acquistarlo costa un'enormità...per cui ho deciso di farmelo..

30 km da trieste in slovenia...

ho trovato questi in giro :

Ferroli SUN P7 - GASOIL por PELLET - biomasa FULL VIDEO - YouTube (http://www.youtube.com/watch?v=JvI51N9ptt0)

vedo che lo montano più staccato di quello a gasolio, almeno l'adattatore pare fatto cosi.

CONVERSION DE UN QUEMADOR DE GASOIL A BIOMASA (VIDEO -2) - YouTube (http://www.youtube.com/watch?v=RS86qo6W4uc)

questo mi fà capire l'arte di arrangiarsi


Vi aggiorno sulla mia situazione...
Ho completato lo sportello per il montaggio sulla caldaia ma non riesco a trovare un pannello di fibra ceramica per isolarlo dal focolare....spero di non dover ripiegare su ebay.


credo tu intenda isolare lo sportello in ferro dal calore, puoi fargli un bordino in cartone e metterci cemento refrattario.
se ho capito bene qui vedi come si può fare.

CONVERSION DE UN QUEMADOR DE GASOIL A BIOMASA video - 3 - YouTube (http://www.youtube.com/watch?v=QTkrN8_x5mI&NR=1&feature=endscreen)

pascusa
04-01-2013, 17:32
Per DPZ
Benissimo, la prova procede. Il tubo è normale che diventi incandenscente. Credo che sia meglio isolare meglio il boccaglio con "il castello" che ahi fatto, non per altro ma perchè quando spegni il bruciatore effettua una pulizia con un getto d'aria a pieno regime per cui potrebbe uscirti cenere tutto intorno al bruciatore.
Per il set point che scrivi non posso aiutarti perchè lo uso sempre in modulazione.
Saluti

DPZ
06-01-2013, 01:00
Rieccomi....
Anzitutto volevo mostrarmi qualche foto
1 la caldaia senza bruciatore

27457

2 La flangia di montaggio con lo sportello porta bruciatore. Ho disegnato il modello ed ordinato il taglio laser degli elementi (lamiera spessore 10 mm) poi ho saldato il tutto

27456

3 Il bruciatore montato
27453

4 Il display con l'indicazione "ON"

27454

5 Residuo ceneri dopo 40 minuti di funzionamento

27455

E adesso parliamo dei problemi :bored:
Ho impostato il metodo di funzionamento u03 a 0 che dovrebbe quindi corrispondere al metodo A, quindi bypassando l'orologio interno, ho impostato il set point a 80 gradi ed ho attivato la modulazione (t18 su 1 modulante) e la potenza a 5. La richiesta di fiamma, contatti 7 e 8 è comandata direttamente dal termostato della caldaia.
Il primo problema è che anche a richiesta attivata non è mai comparso il simbolo del radiatore...Tengo a precisare che sul display è stata sempre presente la scritta ON come visibile nella foto 4.
Dopo circa 40 minuti dall'accensione la temperatura è arrivata a 40 gradi e il bruciatore si è spento, cioè è come se fosse arrivato al set point! Ho aspettato, ho anche tolto tensione e riavviato ma niente, non c'è stato verso non è ripartito! Poi ho smontato tutto ed ho ripristinato il gasolio, tanto era solo una prova.
Il residuo ceneri mi è sembrato elevato visto il tempo limitato di combustione. Comunque sia la griglia che il tubo di combustione sono in inox, ho fatto la prova della calamita. In teoria non dovrebbero degradarsi con il calore.

Pascusa a te compare il simbolo del radiatore quando i contatti 7 e 8 sono chiusi? Sul display hai la scritta ON?
Adesso vado a nanna,
saluti a tutti

pascusa
06-01-2013, 08:18
Carissimo complimenti per il lavoro eseguito.
Cerco di rispondere, in base alla mia esperienza.
La caldaia è molto simile alla mia. Attenzione prima di tutto la distanza, nella camera di combustione, tra il boccaglio e la parete interna della caldaia hai almeno 20 CM, cioè ci sono almeno 20 CM tra il punto da dove esce la fiamma del bruciatore e la parete della caldaia dove sbatte la fiamma.
Una distanza minima che deve essere rispettata soprattutto dato che usi al potenza 5, secondo me troppo elevata per il tipo di camera di combustione. Io uso la potenza 1 o 2 e tutto funziona regolarmente, certo per andare a regime l'intero impianto ci metto 40/50 minuti, ma poi tutto funziona regolarmente.
Credo che non sia più ripartito il bruciatore forse perchè è andato in protezione, hai notato se è uscita qualche avviso sul display, forse la temperatura del tubo che porta il pellet nel bruciatore ha raggiunto un grado elevato e quindi si è bloccato ed è intervenuta la protezione.
Il simbolo del radiatore non mi compare, la scritta on, ovviamente, quando è acceso compare sul display.

Altri ragguagli e pareri a seguire.

pascusa
06-01-2013, 08:35
Carissimo DPZ,
incuriosito dalle tue foto ho fatto qualche scatto alla mia caldaia, ho notato che il mattone refrattario porta la stessa scritta CHAMPSIT stampigliata, chissà cosa vuol dire.
Poi ti mando una foto della caldaia aperta.2745927460

DPZ
06-01-2013, 12:39
Carissimo complimenti per il lavoro eseguito.
Cerco di rispondere, in base alla mia esperienza.
La caldaia è molto simile alla mia. Attenzione prima di tutto la distanza, nella camera di combustione, tra il boccaglio e la parete interna della caldaia hai almeno 20 CM, cioè ci sono almeno 20 CM tra il punto da dove esce la fiamma del bruciatore e la parete della caldaia dove sbatte la fiamma.
Ho rispettato la distanza che aveva anche il boccaglio del bruciatore a gasolio, in pratica è a filo della parete interna della caldaia, quindi la fiamma ha tutta la camera a disposizione.


Credo che non sia più ripartito il bruciatore forse perchè è andato in protezione, hai notato se è uscita qualche avviso sul display, forse la temperatura del tubo che porta il pellet nel bruciatore ha raggiunto un grado elevato e quindi si è bloccato ed è intervenuta la protezione.
Il simbolo del radiatore non mi compare, la scritta on, ovviamente, quando è acceso compare sul display.


Non è andato in protezione, lo status del display è quello riportato nella foto, cioè indicazione ON, temperatura e il valore zero come potenza. Ripensandoci non vorrei che per qualche motivo sia rimasto impostato il vecchio set point a 40 gradi, anche se ho salvato in u01 80. Mah!
Leggendo il manuale, molto sintentico e secondo me poco esplicativo, utilizzando il metodo A definito default setting dovrebbe essere sempre visibile il simbolo ON e a richiesta, contatti 7 e 8 chiusi, il simbolo radiatore. Ma così non è. Bisogna approfondire.

Nella caldaia, una riello che è in funzione dal 1977, ci sono due refrattari a forma di mezzaluna, ma sono tutti e due rotti. Del sinistro è rimasta solo la parte inferiore. Ma la loro funzione e di preservare la ghisa della caldaia o di non disperdere il calore nella parte bassa che corrisponde al ritorno???

Come isolamento dello sportello ho utilizzato una lastra di fibra apposita, utilizzata nelle caldaie al posto di quelle di amianto.

27464

Questo materiale però si degrada pian piano con il calore. Due negozi specializzati mi hanno proposto lo stesso materiale, dicendo che si usa proprio questo allo scopo. Possibile non ci sia alto materiale migliore? Ho solo un cm di spessore quindi non posso utilizzare il refrattario.
Consigli?
Saluti a tutti :bye1:

lakikira
09-01-2013, 20:13
secondo me si è spento perche' il set point era impostato su 40 gradi
quindi si doveva riaccendere quando la temperatura scendeva a 30 gradi
il simbolo radiatore a me non compare
saluti

DPZ
09-01-2013, 23:17
Spero che sia un problema legato al set point.
Mi confermi che la riaccensione deve avvenire con un delta T di 10 gradi?

FORESTA SILVESTRE
10-01-2013, 07:09
Condivido le ultime tre osservazioni inoltre questi bruciatori non rispettano e non potranno rispettare la nuova norma classe 5 in quanto non possono essere cerificati, questi sistemi di inserimento di bruciatori su vecchie caldaie sono dei grandi produttori di polveri e vanno nella direzione opposta a qello che deve essere un generatore efficiente ed affidabile, inoltre l'impianto risulterà non conforme all'originale quindi fuori legge.

biomassoso
10-01-2013, 09:01
questi bruciatori non rispettano e non potranno rispettare la nuova norma classe 5 in quanto non possono essere cerificati

e perchè non potrebbero essere certificati? se il costruttore non vuole certificarlo è un altro paio di maniche.


l'impianto risulterà non conforme all'originale quindi fuori legge

ma tu credi veramente che gli impianti casalinghi di pentole policombustibili una volta in funzionamento rispettino la normativa con cui il pentolone è stato certificato in origine?

FORESTA SILVESTRE
10-01-2013, 16:37
Non è che il produttore non vuole certificarlo e che la norma EN 303-5 classe 5 non lo permette in quanto parla chiaramente che il prodotto può essere certificato solo quando e parte integrante del generatore, nel caso uno inserisca il bruciatore in una caldaia dovrebbe prendere questa caldaia e portarla da un ente certficatore che ne attesti i requisiti.... penso che nessuno che possiede un pentolone con bruciatore inserito in un secondo tempo sia talmente furbo da spendre migliaia di euro per una singola certificazione, e comunque difficilmente potrà rispettare la norma.
Come sappiamo molti pentoloni non hanno nessuna certificazione ma solo delle dichiarzioni fatte dal produttore figurati se rispettano delle norme quando un giorno brucio legna poi l'altro giorno triti vari poi le suola delle scarpe.....
Con il conto energia termico hanno la possibilità di sosotituire questi pentoloni con caldaie più efficienti.

lakikira
10-01-2013, 18:48
*** Citazione integrale rimossa. Violazione art.3 del regolamento del forum. nll ***
ti confermo che la riaccensione avviene quando la temperatura scende di 10 gradi
inoltre ti dico come ho programmato io il bruciatore
T18 no modulante
set point a 65 gradi
potenza 2
in questo modo ti posso dire che da 55 gradi a 65 gradi il bruciatore resta in funzione per
30 minuti logicamente con la pompa di riscaldamento spenta.
ciao

pascusa
10-01-2013, 21:24
Caro biomassoso, complimenti mi sembra una risposta precisa e chiara.


*** Citazione integrale rimossa. Violazione art.3 del regolamento del forum. nll ***
Posso dire come lo uso io,
T 18 modulante
set point a 62
potenza 2
Il mio funzionamento è tutto regolare.

lakikira
11-01-2013, 15:04
scusa ma se metti il t18 modulante, a una certa temperatura(tipo 55 gradi)
non ti scende la potenza a 1 e quindi ci mette piu' tempo ad arrivare in temperatura quindi piu' consumo?
A proposito ho comprato la griglia della rep.ceca adesso la provo un po' di giorni e vi faccio sapere
ciao

pascusa
11-01-2013, 23:29
Carissimo lakikira,
ancora non hai risposto a questo messaggio.

Modulazione: spiegami cosa vuol dire con pompa riscaldamenti ferma.
Io uso T 18 modulante, set a 62 (cioè a questa temperatura il bruciatore entra in modulazione, la potenza da 2 scende a quella più bassa di mantenimento) ma la pompa di circolazione dell'acqua ai radiatori rimane accesa.
a) Perché dici ci mette più tempo ad arrivare a temperatura.
b) Perché dici consuma di più.
A me funziona bene così. Dopo un'ora dall'accensione l'impianto entra a regime. A questo punto con la modulazione attivata, per 5 minuti sale a potenza 2 e per 5 minuti si abbassa a potenza 1, pompa sempre accesa e si evita l'accensione delle candeletta. Mi sono spiegato !!!
Griglia: facci sapere della griglia della Rep. Ceca, facci sapere se la trovi più efficiente.Ci mandi una foto.

Grazie già da adesso per l'eventuale risposta.

DPZ
11-01-2013, 23:50
Ciao pascusa, ti ho mandato un pm.
Quindi con la tua impostazione la fiamma rimane sempre attiva, giusto? Stai bruciando ancora mais? Ci fai un rendiconto?
saluti.

Integrav
12-01-2013, 08:02
Carissimo lakikira,
Modulazione: A questo punto con la modulazione attivata, per 5 minuti sale a potenza 2 e per 5 minuti si abbassa a potenza 1, pompa sempre accesa e si evita l'accensione delle candeletta. Mi sono spiegato !!!


Scusa ma se hai caldo in casa come fai? Oppure lavori col cronotermostato di cui è dotato il bruciatore?

pascusa
12-01-2013, 08:41
Carissimo DPZ,
non ho ricevuto nessun pm.
Poi ci fai sapere della griglia della Rep. Ceca, facci sapere se la trovi più efficiente.Ci mandi una foto.
Il mais che mischio con il pellet è una piccola percentuale: per ogni sacco di 15 kg, ne metto 1 kg, lo faccio con il pellet di scarsa qualità per aumentarne il potere calorifico, solo per questo e basta. Quando uso buon pellet non faccio il mix.

pascusa
12-01-2013, 08:43
Integrav,
se in casa si superano i 20 gradi stacco il bruciatore.

Integrav
12-01-2013, 09:04
Ma stacchi con un termostato o interruttore remoto oppure vai fisicamente sul bruciatore a spegnerlo?

Regola 3d): Citazioni integrali o comunque di evidente inutilità (specialmente tra messaggi consecutivi) non sono tollerate e comportano provvedimenti. (http://www.energeticambiente.it/misc.php?do=vsarules)

DPZ
12-01-2013, 12:29
....Io uso T 18 modulante, set a 62 (cioè a questa temperatura il bruciatore entra in modulazione, la potenza da 2 scende a quella più bassa di mantenimento) ma la pompa di circolazione dell'acqua ai radiatori rimane accesa....

A me funziona bene così. Dopo un'ora dall'accensione l'impianto entra a regime. A questo punto con la modulazione attivata, per 5 minuti sale a potenza 2 e per 5 minuti si abbassa a potenza 1, pompa sempre accesa e si evita l'accensione delle candeletta. Mi sono spiegato !!!


In pratica stai dicendo che in questo modo dal momento in cui accendi il bruciatore (tramite termostato o comando manuale on-off?) il circuito rimane sempre in temperatura modulando da potenza 2 a 1? E' quello che vorrei ottenere io.
Dalle poche prove che ho fatto il tempo di riaccensione mi sembra troppo elevato, quindi non mi convince molto l'utilizzo tipo bruciatore a gasolio. A memoria mi sembra che altri prodotti e stufe utilizzano candelette di accensione da 600 w, che dovrebbero accelerare il processo di riaccensione. Nelle caldaie in cui il bruciatore è ad "eruzione" (il pellet viene spinto dal basso del crogiolo attraverso una coclea) rimangono braci calde che riavviano la fiamma senza intervento di alcuna candeletta e in maniera assai veloce.


Carissimo DPZ,
non ho ricevuto nessun pm.

Ti ho risposto al pm del 6 gennaio intitolato "mattone refrattario", nei messaggi inviati vedo la mia risposta quindi dovresti vederla anche tu! Fammi sapere.

Secondo la vostra esperienza è meglio attivare subito la pompa di circolazione o attivarla quando l'acqua in caldaia riaggiunge un determinato valore (ad esempio 50/55 gradi)? Nel mio caso il volume d'acqua del circuito è superiore a quello della caldaia (termosifoni in ghisa) ma vorrei comunque evitare una temperatura di ritorno troppo bassa per troppo tempo al fine di simulare un'anticondensa. Ci sono controindicazioni con questa configurazione?
Saluti a tutti :bye1:

lakikira
12-01-2013, 14:14
per pompa riscaldamento ferma intendo che il riscaldamento è chiuso
quindi in questo modo scaldo solo l'acqua dei sanitari.Se accendo il riscaldamento con il termostato ambiente l'acqua è
gia' a 63gradi e solo quando arriva a 53 si accende il bruciatore.
per quanto riguarda i consumi non ho analizzato molto bene se consuma di piu' o di meno in modulazione sembrava solo una mia impressione
se tu hai esaminato piu' attentamente faro come hai fatto tu.
per quanto riguarda la griglia per una mia analisi aspetta ancora qualche giorno
ti faccio sicuro sapere.
le foto le trovi sul sito www.kadria.cz (http://www.kadria.cz) poi devi cliccare dove è scritto prislusenstva
a risentirci
ciao

pascusa
13-01-2013, 10:32
Uso per lo spegnimento direttamente dal bruciatore.

Fiamma sempre attiva ma con funzione modulante. Poi il mais lo uso solo con pellet poco buono, giusto per tentare di aumentare il potere calorifico. Ovviamente ne mischio una piccola quantità, non arrivo mai a farne un abuso.

DPZ
13-01-2013, 13:09
Da ieri ho montato in maniera più o meno definitiva il bruciatore. Per il momento tutto ok.
Unico problema è che lo sportello "porta bruciatore" si riscalda troppo, nonostante il pannello di fibra che funge da guarnizione.
Devo inventarmi una coibentazione con lana di roccia. In un altro post su una caldaia Tatano, una kalorina mi sembra, è stato postato un video straniero in cui vengono misurate le misure dello sportello, che sono alte. L'autore del video inserisce una cappottina isolante dicendo che ottiene anche un discreto risparmio di combustibile.
Nelle vostre caldaie come state messi?

Pascusa hai controllato la cartella dei messaggi privati?

:bye1:

pascusa
13-01-2013, 17:27
Per DPZ, Si ho controllato i messaggi, c'è quello vecchio del mattone refrattario.

Per LAKIKIRA, la griglia dove l'hai comprata? Puoi già dare un giudizio sull'aumento dell'efficienza, come dicono sul sito straniero.

pascusa
15-01-2013, 18:03
Carissimi ci sono novità sulla griglia del bruciatore in questione ???
Quella vista sul sito kadria.cz qualcuno ha avuto modo di usarla ???

marcello.m
16-01-2013, 21:07
buonasera signori, intanto complimenti per questo forum che lo trovo completo. bravi.
allora, volevo porvi un quesito in quanto ho una problematica molto importante.
da un anno sono in affito in una villetta singola di 15 anni, con riscaldamento a gasolio. appena antrati, abbiamo fatto 1500 € di gasolio per vedere come si comportava la caldaia,questo il 1/12/11 , arrivati al 5/01/12 praticamente si spegne tutto, pensando fosse un problema dovuto alla caldaia abbiamo chiamato il tecnico che ha rilevato la mancanza di gasolio. prendendo paura del consumo della caldaia abbiamo optato per una stufa a pellet. e qui cominciano i problemi, praticamente la casa è di 135 metri quadri, e abbiamo installato una stufa da 12 kw, con l'assicurazione dell'installatore che avremo avuto in casa dai 20 ai 22 gradi,( casa su due livelli ), cosa mai avvenuta, perchè al massimo in casa che abbiamo avuto sono stati 16 gradi.arrabbiati con l'installatore che ormai è venuto 5 volte a verificare la stufa e regolarla, non abbiamo ottenuto mai niente di più, in fatto di aumento gradi.oggi è venuto un'altro tecnico che mi sembrava un pò più professionale degli altri che ha detto che una stufa cosi non potrà mai riscaldare una casa come la nostra e ci ha consigliato un bruciatore da installare sulla caldaia esistente a pellet,per avere acqua e riscaldamento sui termo. vi chiedo se qualcuno può darmi un consiglio se questo può farsi di migliorare la nostra situazione. oppure qualche altro consiglio, perchè proprio non me ne intendo in materia.
un grazie a quanti mi leggono e a chi mi aiuta
buona serata
ciao, marcello

claudik
16-01-2013, 22:00
carissimo:
premesso che è strano come in una casa di 15 anni abbiano fatto un riscaldamento a gasolio....

la tua stufa da 12kw da come si comporta sembrerebbe sottodimensionata.
Io ad un amico che volesse riscaldare darei questo consiglio:

bisogna sapere di quanta energia casa tua ha bisogno per darti il confort che cerchi. Ma un dato lo abbiamo già. Hai fatto un mese a gasolio. E del gasolio sappiamo QUANTA energia fornisce ogni litro.

vedi dalla fattura quanti litri di gasolio ti hanno venduto con 1500 euro. (che so 800 litri circa)
poi considera che ogni litro di gasolio ha 9.96 kw
un kg di pellet invece ha 4.9 kw. (quasi la metà)

quindi la energia di ogni litro di gasolio bruciato la può fornire DUE kg di pellet

ergo se hai bruciato IN UN MESE come scrivi che so.... 800 litri di gasolio.... te ne occorreranno circa 1600 kg di pellet per avere lo stesso caldo.

ovvero, circa una 50 di kg OGNI giorno.



E se calcoli circa 4.1 euro ogni sacco 1600 kg sono circa 105 sacchi. Cioè vuol dire che passi a spendere circa 430 euro, e NON 1500.



la tua stufa attuale da 12 kW NON CREDO CHE riesca a bruciare tale quantità di 50 kg. O quantomento per farlo dovrebbe stare accesa circa 20 ore al giorno per dare quell'energia... (col problema che nei picchi di freddo rischi di aver freddo).


a questo punto la soluzione del bruciatore potrebbe andare bene SE QUELLA CALDAIA è particolarmente buona costosa e nuova. Diversamente con 4/5000 euro metti una SPECIALISTICA a pellet che forse lo sfrutta meglio, il pellet.

pascusa
17-01-2013, 08:07
Per Claudik,
complimenti per la risposta che sinceramente dimostra competenza, non sarei stato in grado di fornire la serie di dati che hai evidenziato.
Approfitto per chiederti se hai esperienza sul funzionamento del bruciatore a pellet Sun P7, in particolare sulla griglia sostitutiva che si vede sul sito kadria.cz.
Grazie per la risposta.

Per DPZ,
hai visto le foto della caldaia aperta ed il mattore refrattario?

claudik
17-01-2013, 12:47
mi dispiace ma ho conoscenza di quello che ho già fatto (ed io ho termocamino e caldaia a pellet) e non conosco il sun p7.

lakikira
17-01-2013, 16:25
*** Citazione integrale rimossa. Violazione art.3 del regolamento del forum. nll ***
mi dispiace ancora non posso darti nessun dato su l'uso della griglia in quanto sto' ancora valutando
il funzionamento appena capisco qualcosa ti faccio sapere .ciao

ieri ho impostato i tuoi parametri mi sembra che hai ragione che funziona meglio
io di solito mando sempre la caldaia a legna
ieri ho voluto provare solo a pellet tutto il giorno
ti posso dire che in dieci ore di funzionamento
ha consumato un 20 kg di pellet
penso che non sia male ho visto che raggiungeva la temperatura di 62 gradi in 1orae mezza poi si spegneva per un ora arrivava a 52 gradi e si riaccendeva
pensi che sia giusto cosi'
grazie ciao

DPZ
17-01-2013, 19:33
Per DPZ,
hai visto le foto della caldaia aperta ed il mattore refrattario?

Ho visto le foto che hai pubblicato e ti avevo risposto al pm. Ti riporto il testo della mia risposta:
come ho scritto sul forum i refrattari si sono rotti. Per inserirli e rimuoverli bisogna fare un po di manovre attraverso l'apertura che vedi dalle foto. Secondo te sono indispensabili? Posso fare a meno di averli integri?
Mi farebbe molto piacere vedere una foto della tua caldaia insieme al bruciatore.
Ma il tuo boccaglio e la griglia originali erano in acciaio inox? Nel mio bruciatore si, quindi spero siano resistenti alla fiamma. Se sono stati modificati puoi acquistarli come ricambi.
In un tuo post hai detto che hai inserito i turbolatori, ma dove li hai inseriti esattamente? Puoi fare una foto?

Ovviamente le domande sono rivolte a tutti!

Per il momento il bruciatore sembra funzionare ma ho un problema in accensione o in riaccensione, in pratica non riesce ad incendiarsi bene, come se la precarica di accensione fosse insufficiente. Per il momento ho aumentato il tempo di precarica della coclea a 40 secondi. Oggi è partito tranquillamente ma dopo tre ore è andato in blocco con il mess A01 ed ho ritrovato il mucchietto di pellet con una fiammella fioca fioca. Utilizzo la modulazione con potenza 4: dopo che è andato in temperatura (65 gradi) rimane sul livello 1 mantenendo una temperatura di 58/59 gradi.

Questa è la foto degli scambiatori della caldaia con le due paratie per ottenere una specie di giro fumi. I due condotti al centro portano direttamente in canna fumaria.
27744


Pensavo di installare dei turbolatori piatti (a dente di sega) su questi due condotti:

27745

A livello empirico fin dove posso spingermi con i turbolatori? Cioè come posso rendermi conto se riducono troppo il tiraggio? Forse dovrei misurare la temperatura dei fumi prima e dopo l'installazione, ma non ho un termometro adatto.
Consigli???

Lakikira ma la griglia che hai preso sul sito kadria.cz in cosa si differenzia da quella originale? Dalle foto sembrerebbe quasi completamente libera davanti mentre l'originale chiude per circa metà il boccaglio. Dico bene?
Ma spedita quanto viene a costare?
:bye1:

lakikira
17-01-2013, 20:42
hai ragione davanti e' libera ma dentro il bruciatore viene posizionata inclinata con pendenza all'indietro
non dritta come la griglia originale ecco perche' ancora non riesco a capire bene se funziona meglio
comunque mi e' costata tutto compreso circa 60 euro
vi faro' sapere al piu' presto le mie impressioni
ciao a tutti

pascusa
20-01-2013, 11:35
Ragazzi qui c'è la neve, oggi ho poco tempo, risponderò alle domande e alle richieste prossimamente. Un'osservazione veloce per la nuova griglia che qualcuno ha provato ma ancora non ha potuto comunicare le impressioni: spero che vada meglio ed aumenti il rendimento, fateci sapere questo aspetto.
Saluti

Per DPZ,
certo che era di acciaio il boccaglio, era quello originale. Ho dovuto girarlo, nel senso che la parte consumata dal fuoco con delle saldature l'ho attaccata al corpo bruciatore e così quella che era ancora integra, adesso, è quella che entra nella caldaia. Mi sono spiegato.

Saluti

lully
23-01-2013, 12:20
Ciao a tutti, mi chiamo Luca e sono nuovo e totalmente inesperto.
Attualmente ho una caldaia Arca Aspiro 43 che vorrei trasformare da legna a pellet.
Quello che vorrei chiedervi, per iniziare a lavaorarci, è se per favore mi date qualche dritta riguardo ai seguenti quesiti:
1) il bruciatore a pellet, è meglio montarlo nella porta superiore o inferiore ?
2) il bruciatore, si puù eventualmente montare leggermente inclinato verso il basso oppure deve essere orizontale ?
3) quale bruciatore mi consigliate ?
4) eventualmente, il Sun P7 è acquistabile all'estero nel senso avete qualche contatto da passarmi ?
Anticipatamente vi ringrazio per la vostra disponibilità e complimenti per la vs. professionalità.
Ciao
luca

DPZ
25-01-2013, 15:55
Vedendo la foto e le caratteristiche dell'Arca Aspiro (caldaia a legna a fiamma rovesciata) credo non sia possibile una conversione a pellet con nessun tipo di bruciatore.

pascusa
25-01-2013, 17:09
Per quelle che sono le mie conoscenze, confermando quanto espresso da DPZ, non dovrebbe essere adeguato
un bruciatore del tipo di cui discutiamo nella caldaia Aspiro.
Se qualcuno ha un altro parere puoi esprimerlo.

Saluti

Ragazzi ci sono novità riguardo la griglia modificata per Sun P7 che è visionabile su kadria.cz.

Saluti

pascusa
26-01-2013, 13:56
Ecco come si presenta il boccaglio del bruciatore sun p7, consumato dal tempo (3 anni) di funzionamento.
Vi avevo raccontato che si era consumato, come anche all'interno il supporto dove sbatte il pellet prima di cadere sulla griglia,questo particolare con un fabbro siamo riusciti a sostiturlo.
Per il boccaglio ho provveduto a girarlo, inserendo la parte consumata dall'altra parte cioè sul corpo bruciatore, ripristinando la corretta e la forma originale del boccaglio che entra nella caldaia.
Sperando sia stato utile ho inviato una foto prima della riparazione.
Fatemi sapere se è accaduto anche a voi.
Scrivete anche la vostra esperienza con la griglia posta all'interno del bruciatore.



boccaglio sun p7 27978

Saluti

DPZ
26-01-2013, 19:55
Santa miseria :oops::oops::oops::oops::oops::oops:
Ma la foto è riferita al boccaglio originale dopo tre anni di utilizzo?
Ma era in inox? Per curiosità hai provato con una calamità?
Nel mio p7 il boccaglio e la griglia credo siano in inox perchè la calamita non attacca...

Puoi dirmi qualcosa sui turbolatori (vedi post precedenti)?

Rimango anche io in attesa di notizie sulla nuova griglia.

:bye1:

pascusa
26-01-2013, 22:05
Carissimo DPZ,
proprio così si è consumato il boccaglio, originale, ovviamente in acciaio (prova calamita eseguita).
La griglia originale è invece in ghisa, ancora non si è consumata ma è diversa dalla tua perchè nei modelli dopo il 2010
in dotazione hanno fornito una griglia in acciaio.
Per i turbolatori ho fatto solo una prova ma li ho tolti, erano dei semplici pezzi ferro piatti piegati in tre parti (cioè tre volte) a 45 gradi
alla distanza di 6 cm, niente di particolare.

pascusa
28-01-2013, 10:52
Carissimi,
voglio comunicarvi che ieri, con temperatura esterna 3 gradi, il mio bruciatore inserito in una vecchia caldaia del 1970, è andata a regime e funzionato perfettamente.
Temperatura acqua caldaia circa 70 gradi costanti, pompa sempre accesa con attivata la modulazione del bruciatore, ha raggiunto stabilità dopo due ore di accensione. Mi sono accorto che stava quasi sempre in mantenimento, cioè l’avevo fatto partire a potenza 2, ma in effetti stava quasi sempre in mantenimento a potenza 1.
Credo che molto sia da attribuire al pellet di buona qualità. Anche il tubo di metallo posto sul bruciatore dove cade il pellet nel bruciatore era freddo, di solito è molto caldo. Inoltre, forse, anche per griglia che ho modificato ha reso migliore la combustione e quindi il funzionamento.
Invio queste informazioni per uno scambio di opinioni tra utilizzatori del bruciatore.
Saluti e grazie per le eventuali risposte.

lully
28-01-2013, 12:06
Vedendo la foto e le caratteristiche dell'Arca Aspiro (caldaia a legna a fiamma rovesciata) credo non sia possibile una conversione a pellet con nessun tipo di bruciatore.

L'Arca fornisce un kit composto da bruciatore a pellet completo di porta superiore e pannello per la modifica ad un prezzo "modico" di 4300 € + IVA.
A vederlo , il bruciatore, non mi sembra molto differente da Ferroli che so per certo che qualcuno ha già installato sulle Arca .
Ho anche un offerta per un bruciatore Svedese AXON 22 distribuito dalla Mepe a circa 2000 € ivato con la coclea; qualcuno di voi lo conosce ?
A vederlo così sembrerebbe molto bello e funzionale.
ciao e ancora grazie

pascusa
28-01-2013, 18:02
Carissimo lully,
interessante quanto riferisci. Mi piacerebbe sapere una tua opinione, se ovviamente hai avuto modo di verificare, sul funzionamento dei due bruciatori. In particolare la griglia ed il boccaglio, tra i due prodotti, in cosa differiscono, cioè ci sono sostanziali differenze ed in cosa consistono.
Crodialità

DPZ
28-01-2013, 20:11
Carissimi,
voglio comunicarvi che ieri, con temperatura esterna 3 gradi, il mio bruciatore inserito in una vecchia caldaia del 1970, è andata a regime e funzionato perfettamente.
Temperatura acqua caldaia circa 70 gradi costanti,.....
Mi sono accorto che stava quasi sempre in mantenimento...........

Attualmente io ho impostato il set point a 65 gradi, potenza 4 e modulazione attivata. Una volta stabilizzato tutto l'impianto rimane a potenza 1 tra i 58 e 60 gradi, senza mai spegnersi.
Con il pellet precedente avevo aumentato i parametri sia del tempo di caricamento che del ventilatore a potenza 1 perchè non riusciva a mantenere la combustione. Sostituito il pellet a potenza 1 con quei parametri arrivavo di nuovo a 65 gradi quindi non riuscivo modulare e entrava in una sorta di on/off. Adesso ho riportato tutto ai parametri di fabbrica.
Comunque il consumo minimo riportato sul libretto è pari 1,9 Kg/ora e credo si riferisca alla potenza 1 con i parametri di fabbrica. Bisognerebbe fare delle prove per vedere se è possibile scendere ma forse non vale la pena.

Rimaniamo sempre tutti in attesa di recensione della famosa griglia modificata :)
Saluti a tutti :bye1:

lully
30-01-2013, 12:14
*** Citazione integrale rimossa. Violazione art.3 del regolamento del forum. nll ***

Purtroppo non ho visto da vicino nessuno dei due bruciatori e quindi non saprei proprio cosa dirti.
Il P7, è possibile acquistarlo un po' a meno all'estero ?
Tu hai esperienza in proposito ?
ciao e grazie

pascusa
30-01-2013, 12:39
Ho esperienza solo come utilizzare del Sun P7, ovviamente insieme agli amici di questo Forum ci scambiamo opinioni e pareri cercando di
attuare le giuste tarature, con le proprie capacità ed esperienze dirette sul bruciatore, e migliorare il funzionamento ed aumentare l'efficienza.
Per l'altro modello di bruciatore che citi (mi sembra il pellas) hai qualche amico che lo utilizza.
Il mio l'ho comprato tramite rivenditore ufficiale.

Grazie e saluti.

DPZ
30-01-2013, 12:51
Il P7, è possibile acquistarlo un po' a meno all'estero ?


Il P7 si riesce a trovare in Italia al di sotto dei 1'000 euro (tutto compreso, cioè coclea ed IVA) e credo sia il più economico bruciatore per pellet sul mercato. Il prezzo è comprensivo dello sconto che di solito viene fatto agli installatori dai rivenditori ufficiali.
Nel tuo caso oltre al problema di assemblaggio meccanico (va costruita una piastra apposita) bisogna vedere come gestire la centralina della tua caldaia, che essendo a fiamma inversa è diversa da una caldaia normale a gasolio. Il prezzo che ti è stato proposto per il Kit dell'Arca mi sembra improponibile considerando che si tratta "solo" del bruciatore.
:bye1:

lakikira
30-01-2013, 14:38
ciao a tutti
della prova che sto' facendo con la nuova griglia posso dire alcune cose
1)la combustione mi sembra migliore dell'originale
2) la temperatura viene raggiunta prima-
3)il lato negativo e' che bisogna pulirla molto spesso
con forte formazione di clinker non so' se e' colpa del pellet
o colpa della griglia in quanto essa assume nel suo allogggiamento una posizione
molto bassa nella parte posteriore.Comunque vi daro' altre notizie al piu' presto
ciao


*** Citazione integrale rimossa. Violazione art.3 del regolamento del forum. nll ***

pascusa
02-02-2013, 09:39
Bene, grazie per informazioni sulla nuova griglia.
Ovviamente attendiamo ulteriori aggiornamenti.

lully
04-02-2013, 11:30
*** Citazione integrale rimossa. Violazione art.3 del regolamento del forum. nll ***
Grazie infinite.
Mi potresti dire dove lo posso trovare a meno di 1000 € ?
Per quello che riguarda la gestione, pensavo che il bruciatore avesse già tutto on board mentre per la caldaia la mia fortunatamente ha ancora il quadro tipo vecchio e credo che l'unica cosa devo tenere acceso il ventilatore in aspirazione quando il bruciatore pompa.
nel prezzo dell'arca, in effetti, c'è anche il nuovo quadro digitale per gestire il bruciatore a pellet e che io dovrei cambiare avendo montato quello vecchio.
Ciao e grazie.
luca

DPZ
07-02-2013, 20:05
Io ho acquistato il Sun P7 presso un rivenditore ufficiale Ferroli senza alcun problema, ovviamente ordinandolo.
Il bruciatore possiede tutto on board l'unico problema che vedo nel tuo caso è la modulazione dell'aspirazione fumi: il calore deve fare il giro inverso, cioè dall'alto verso il basso. Bisognerebbe studiare bene la cosa.
Da come dici sembrerebbe che il nuovo quadro digitale gestisce in toto anche il bruciatore. Ma l'Arca che bruciatore propone? Uno dedicato?
:bye1:

pascusa
08-02-2013, 15:27
Amici,
è ritornata la neve, freddo intenso. Ho dovuto modificare il parametro t07 adesso a 18.

Per lakikira,
la nuova griglia hai scritto devi pulirla spesso vista la formazione di clinker, ma scusa con quella che usavi prima si questo si formava lo stesso oppure era minore. Poi, credo, il pellet usato è lo stesso per entrambe le griglie.
Saluti

changer74
10-02-2013, 19:40
Salve, leggevo i commenti sul bruciatore SUN P7 ferroli.
Ho appena comprato questo bruciatore incluso di box di accumulo del pellet da 140 kg.

Possiedo una caldaia Proterm o meglio Ferroli GNTK 20 N .
Dovrei ancora eseguire la sostituzione e stavo leggendo il manuale di istruzioni del SUN P7 .
Vorrei chiede un'informazione riguardo i collegamenti elettrici del bruciatore, in particolare quelli N°11 e 12 che la legenda indica come "Sensore temperatura riscaldamento". Ma cosa vuol dire ? Che bisogna mettere un sensore di temperatura sulla mandata dell'acqua di riscaldamento ? Come vanno collegati ?

pascusa
11-02-2013, 21:01
Per changer74
Ti ho risposto.

lully
12-02-2013, 11:48
*** Citazione integrale rimossa. Violazione art.3 del regolamento del forum. nll ***

Ne costruiscono uno loro che ti vendono alla modica cifra di circa 2800 € (coclea esclusa) dove però c'è anche il quadro elettronico che deve essere installato al posto di quello analogico che ho io.
Quanto costa invece il bruciatore SUN ?
ciao e grazie
luca

DPZ
12-02-2013, 19:47
Lully ti ho già risposto al #121. Che io sappia il SUN P7 viene sempre venduto completo di coclea.
:bye1:

pascusa
22-02-2013, 08:55
Hola amigos,
da oggi ho regolato i parametri del Sun P7, visto che ho inserito il boccaglio ancora più all'interno della caldaia, e
adesso ho T7=23, T8=52, T9=28, T10=70, T11=39.

Secondo voi va bene così
avete da darmi consigli???

mastro1984
05-03-2013, 15:18
ciao a tutti,
avrei intenzione di sostituire il bruciatore a gasolio con il sun p7.....
la caldaia in questione è una baltur cs-b32-34.
dunque, chiedo a voi esperti se il bruciatore p7 è adatto alla caldaia in mio possesso e se sapete dove posso aquistarlo.(io sono della provincia di Bologna)

grazie in anticipo delle risposte......

fabio0
06-03-2013, 09:50
Vorrei chiede un'informazione riguardo i collegamenti elettrici del bruciatore, in particolare quelli N°11 e 12 che la legenda indica come "Sensore temperatura riscaldamento". Ma cosa vuol dire ? Che bisogna mettere un sensore di temperatura sulla mandata dell'acqua di riscaldamento ? Come vanno collegati ?

Scusate se insisto, sto valutando l'acquisto del sun p7 e anche a me studiando il manuale di installazione e manutenzione non è chiara la stessa cosa: il sensore temperatura riscaldamento da collegare ai morsetti 11 e 12 è fornito nel kit di vendita del bruciatore?
Credo vada fissato sulla mandata (uscita) della caldaia giusto?.
Per Pascusa: se non ho capito male gli hai risposto in pm...

Ho un altro dubbio rispetto al parametro t06 Timer funzione Rampa: potreste spiegarmi a cosa si riferisce in quanto non riesco a desumerlo dal testo.

E poi il mio ultimo dubbio è questo: visto che andrei a montarlo in una vecchia pensotti legna-gasolio e che quindi ha una camera di combustione piuttosto ampia con corpo in ghisa che distanza conviene tenere tra la fine del boccaglio inserito in caldaia e la parete opposta della camera di combustione? (Misura che dovrei rispettare in fase di costruzione della piastra di fissaggio bruciatore alla porta).

grazie per i suggerimenti ad un appassionato con voglia di imparare ma non professionista...

biomassoso
06-03-2013, 11:08
guarda tra i video di BIORISCALDAMENTO se trovi qualche idea di montaggio

<iframe src="http://www.youtube.com/embed/zwzc1UKe4DE" allowfullscreen="" frameborder="0" height="315" width="560"></iframe>

mastro1984
08-03-2013, 16:11
cortesemente qualcuno può indicarmi dove comprare il sun p7?
la rete di vendita ferroli è un pò scarsa.....

grazie 1000

renatomeloni
08-03-2013, 17:26
Ciao Mastro1984

In vendita sul WEB ho trovato solo questo (http://www.ebay.it/itm/quemador-de-pellet-sun-p-7-ferroli-/330883024537?pt=LH_DefaultDomain_186&hash=item4d0a2a4699), costo €1.139,00 + € 30,00 trasporto. Ma è solo il bruciatore senza il kit caricatore coclea.
Prova a mandare una email a Ferroli per info rivenditori della tua zona.
Altrimenti senti questo (http://www.gambularobertosrl.it/)rivenditore delle mie parti, tratta Ferroli da una vita.
Prova a chiamare perchè il sito non è aggionato, ho visto personalmente il bruciatore SUN P7 montato su una caldaia Ferroli.
Saluti

lamy
11-03-2013, 18:44
cortesemente qualcuno può indicarmi dove comprare il sun p7?
la rete di vendita ferroli è un pò scarsa.....

grazie 1000

io sono di capodistria il bruciatore sun p7 con la coclea costa 860 euri

mastro1984
12-03-2013, 12:33
Ciao, per la spedizione quanto costa?Se qualcuno puo fare offerte sono molto gradite, anche in privato.Grazie mille a tutti

multistrada
13-03-2013, 09:47
ciao a tutti.qualcuno ha installato il p 12?

pascusa
13-03-2013, 11:13
Carissimi ho fatto la regolazione dei parametri con nuovo pallet ed ho aumentato il valore
T10=80 e T11=36.
Ho anche fatto una nuova griglia con una piastra di acciaio sostituendo la vecchia in ghisa.
Saluti

renatomeloni
13-03-2013, 14:08
In questo video (http://www.youtube.com/watch?v=JvI51N9ptt0)guida per realizzare il portello apribile con la flangia allungata, per l'installazione del Sun-P7.
Saluti

multistrada
14-03-2013, 10:24
io voglio installare il P12 su un generatore d'aria calda,ho preferito ordinare il kit,ossia l'ho sportello con cerniere e maglia di chiusura che la ferroli fornisce...

pascusa
15-03-2013, 17:07
Carissimi proverò a bruciare nocciolino di olive nel bruciatore Ferroli Sun P7,
mi hanno detto che già nelle stufe funziona egregiamente, forse devo fare delle modifiche ai parametri.
Comunque c'è qualcuno che lo ha già fatto ???

Saluti

renatomeloni
15-03-2013, 20:22
Ciao Pascusa,
Facci sapere i risultati del test

marcxx
15-03-2013, 21:29
pronto per la sperimentazione anch'io ,la cocla pero...si blocca gia con il pellet...e piu critico il nocciolino?ed il boccaglio e ceduto dopo 6 mesi,il nocciolino riscalda il 50% in piu dicono....come cenere non fa tanto residuo provando in una stufa che va anche a nocciolino....

renatomeloni
16-03-2013, 06:29
il nocciolino riscalda il 50% in piu dicono...
Non credere alle dicerie, il nocciolino ha +/- lo stesso potere calorifico di un buon pellet.
Come sarebbe che la coclea si blocca già col pellet???
Motivo del blocco???

pascusa
16-03-2013, 22:36
Allora, otto ore di sperimentazione con il nocciolino.
Prima ho provato, 5 ore circa, solo con nocciolino poi le altre mischiandolo con il pellet.
Domani cerco di riferire l'esito.
Per MARCCX - Cosa vuol dire la coclea si blocca già con il pellet ???

marcxx
16-03-2013, 22:46
a dire la verita,da quando ho fatto il nuovo contenitore con l'inclinazione della coccla vicina ai 45 gradi non si e piu bloccata,prima molto verticale due volte ho dovuto togliere il pellet perche non girava piu...pero adesso non ho avuto piu nessun problema,questo vuol dire che il motore della coccla non sopporta chissà che sforzo,ho visto per esempio le cocle dei serbatoi della step,la cocla ha il motore 5 volte piu grande!costa anche 5 volte di piu....

ho una caldaia usata a pellet con serbatoio separato e doppia cocla,da 50 kw che vorrei con un amico modificare per essere usata a cippatto e integrare 3 unita abitative attualmente riscaldate con termo cucina a legna,i motorini delle cocle sono da 25 watt,troppo piccoli?per il cippato ce un diametro minimo che deve avere la cocla?il rivenditore delle stufe che abbiamo acquistato e testato dice che per bruciare il nocciolino devono avere un motorino cocla piu potente e una camera di combustione piu resistente a causa del maggiore rendimento del nocciolino rispetto il pellet(cazzate?)

renatomeloni
17-03-2013, 07:07
Ciao Marcxx,

Sicuramente hai letto male la potenza dei motori coclee. 25W???:spettacolo: su una caldaia a 50KW? IMPOSSIBILE
Considera che un banale motorino di tergicristallo per auto ne ha 150W!!!

A parte le norme e certificazioni varie che andrebbero a donnine modificando la caldaia.
Spiega in cosa consistono queste modifiche che voresti fare per farla andare a cippato?

Di che caldaia stiamo parlando? (marca, modello)
Attualmente che diametro hanno le due coclee?
Che pezzatura avrebbe il cippato?


il rivenditore delle stufe che abbiamo acquistato e testato dice che per bruciare il nocciolino devono avere un motorino cocla piu potente e una camera di combustione piu resistente a causa del maggiore rendimento del nocciolino rispetto il pellet(cazzate?)
Ti confermo la parte tra parentesi.
Saluti

biomassoso
17-03-2013, 10:32
il rivenditore delle stufe che abbiamo acquistato e testato dice che per bruciare il nocciolino devono avere un motorino cocla piu potente e una camera di combustione piu resistente a causa del maggiore rendimento del nocciolino rispetto il pellet(cazzate?)

dicerie da bar

tra miti e realtà vedi QUI il post 13 (http://www.energeticambiente.it/biomasse/14726974-pellet-granulati-e-triti-alternativi-per-caldaie-policombustibili-esclusi-legna-e-cippato.html)

pascusa
17-03-2013, 20:31
pronto per la sperimentazione anch'io ,la cocla pero...si blocca gia con il pellet...e piu critico il nocciolino?ed il boccaglio e ceduto dopo 6 mesi,il nocciolino riscalda il 50% in piu dicono....come cenere non fa tanto residuo provando in una stufa che va anche a nocciolino....

Per Marcxx cosa vuoi dire, stai parlando del boccaglio del Sun P7 ???. Cioè è andato, praticamente dici che si è usurato, consumato ai lati alti, ai bordi che lambiscono la fiamma: praticamente è questo quello che è successo ???
Saluti

pascusa
17-03-2013, 20:34
Nocciolino nel bruciatore Ferroli Sun P7.
Ho provato, devo dire che ho dovuto abbassare l'aria per avere una migliore combustione, effettivamente ha un migliore potere calorifico, non saprei dire di quanto rispetto al pellet ma di certo è più alto.
Ho provato prima da solo il nocciolino di olive, devo riferire che ho dovuto aumentare la quantità per avere una fiamma
efficace. Comunque, poi, ho provato mischiato al pellet.
Questa seconda situazione secondo me è la migliore.
Aspettiamo le vostre sperimentazioni.
Saluti

renatomeloni
17-03-2013, 20:56
effettivamente ha un migliore potere calorifico
Il nocciolino non ha un migliore potere calorifico del pellet, cià che cambia è la densità, che è maggiore.
Come potere calorifico siamo attorno alle 4000 Kcal/Kg molto vicine a quelle di un buon pellet.

pascusa
30-03-2013, 19:50
Forse fa caldo, ci siamo perduti nessun commento agli ultimi messaggi.
Nessuno aggiornamento sul nocciolino.
Poi anche sulla nuova griglia.
Racconti su nuove installazioni.
Saluti a tutti.

marcxx
30-03-2013, 20:32
quindi se il nocciolino si e comodi a reperirlo e si paga meno del pellet può essere un buon combustibile?

renatomeloni
30-03-2013, 20:45
quindi se il nocciolino....... può essere un buon combustibile?
Il nocciolino di sansa disoleato e lavato è un'ottimo sostituto del pellet ad un prezzo notevolmente inferiore.
Dalle mie parti il pellet viaggia a circa 33€/q.le contro i 16-17€/q.le del nocciolino insaccato:spettacolo:

pascusa
05-04-2013, 09:51
Dalle mie parti, adesso, nocciolino a 20 euro q.

renatomeloni
06-04-2013, 09:46
@Pascusa
Progressi del Sun P7 a nocciolino????

pascusa
06-04-2013, 10:28
Ho riferito che la migliore soluzione è quella di effettuare un mix tra nocciolino e pellet. Nel bruciatore SUN P7 è così, però un amico con caldaia onnivora invece brucia solo nocciolino ed è soddisfatto.

renatomeloni
06-04-2013, 11:47
Intendevo chiedere se hai avuto qualche problema o fila tutto bene?

pascusa
11-04-2013, 09:22
Devo dire che dalla sperimentazione che ho eseguito bruciare solo il nocciolino nel Sun P7 non è un'operazione che rende molto, anzi procura qualche problema per il fatto che sulla griglia si accumula e quindi la combustione non è perfetta.
Secondo me sarebbe opportuno effettuare una modifica alla griglia.

Al contrario il nocciolino con il pellet funziona meglio, sembra che riscaldi di più.
Saluti ed inviare i vostri commenti o sperimentazioni.

pascusa
27-04-2013, 09:01
Adesso è tempo di rendiconti per i costi sostenuti nella stagione invernale.
Per il resto posso comunicare che negli ultimi due mesi che ho bruciato nocciolino-pellet non ho pulito la caldaia dalla cenere.
Adesso devo farlo per vedere quanto sporco trovo nelle intercapedini della vecchia caldaia a gasolio degli anni '70 che
ho utilizzato.

changer74
27-04-2013, 09:55
Io ho fatto una piastra con cerniere laterali, ma mi piacerebbe vedere la piastra fornita dalla ferroli . Il sun P7 lo utilizzo in una caldaia Proterm Gntk .

Ho notato che poichè il bruciatore non deve entrare tutto dentro la caldaia, e in particolare non entra il braciere dove si sviluppano temperature molto elevate (dovute alla combustione del pellet) questo comporta un notevole riscaldamento della piastra di accoppiamento. La piastra surriscaldandosi irraggia calore fortemente anche sulle pareti circostanti. Ho ricostruito il cabinato acustico della caldaia facendo uno sportellino laterale anche sul mantello della caldaia per agevolare la manutenzione e isolato la piastra con della lana di vetro. Vorrei sottolineare che senza la lana di vetro attorno alla piastra il calore che si genera fa scattare il termostato di sicurezza della coclea ( tarato a 80°C ) e il calore mi ha deformato il tubo di carico del pellet. Pertanto è indispensabile isolare bene la piastra di accoppiamento.

Integrav
27-04-2013, 10:13
Nei vostri bruciatori capita di trovare pellet incombusto mischiato alla cenere? Un amico mi ha detto che con il pellet chiaro, la cosa è piuttosto evidente....a voi risulta?

pascusa
27-04-2013, 11:24
Per changer 74
Caspita quello che dici è interessante. Però ti chiedo di spiegare meglio cosa hai fatto con la lana di vetro. Sarebbe meglio se inoltri qualche foto, se ti è possibile. Grazie.

pascusa
22-08-2013, 07:45
PIASTRA SUN P7
Carissimi,
gradirei sapere se qualcuno ha modificato o acquistato una nuova piastra (braciere) del bruciatore Ferroli Sun P7. La mia in ghisa si è deformata ed ho dovuto provveddere a sostituirla.
Grazie per le risposte

bakisi
01-10-2013, 08:08
Salve, mi inserisco nella discussione che ritengo molto interessante. Infatti, in alternativa a una nuova caldaia mi è stata proposta l'installazione di un bruciatore pellasX mini35 (35kw) a un costo ivato di circa 2600e. L'investimento è sicuramente ridotto, anche se non gioverebbe della detrazione fiscale del 50% in 10 anni. Ho però il dubbio che, siccome la mia vecchia caldaia a gasolio ha la produzione istantanea e non ha un accumulo per produrre acqua calda, dopo che il bruciatore si spegne ci sarebbero 3-4 minuti di attesa per la riaccensione se si vuole l'acqua calda (e nel frattempo si deve tenere il rubinetto aperto e si spreca acqua?). E' necessario mettere un accumulo, e magari il solare termico, e magari integrarlo anche con il riscaldamento (a termosifoni)? Per il resto mi pare che il prodotto sia soddisfacente, ha anche un'unità di controllo da tenere dentro casa che fa da cronotermostato e da controllo del bruciatore. Inoltre, pare che potrei anche bruciare nocciolino se pulito e miscelato al pellet. Avete consigli da darmi? Un'alternativa potrebbe essere una caldaia a policombustibile, ma in tal caso andrei a spendere dai 4000e ai 5000e, anche se problabilmente queste hanno una migliore gestione della combustione (più efficiente?), almeno credo!!! O no? Forse occorrerebbe anche tenere presente che abito nel nord Sardegna, e quindi in una zona climatica molto fredda.
Tante grazie in anticipo per la vostra collaborazione. Arrivederci.

misterpellet
01-10-2013, 12:03
@bakisi: Io ho già fatto questa valutazione e sono giunto alla conclusione che è meglio una caldaia completa fatta per il pellet, magari meccanica, magari la più economica del mercato; rispetto ad un bruciatore applicato su una caldaia a gasolio non pensata per il pellet.
Primo per l'efficienza, secondo per la pulizia, terzo per la differenza ridicola (2600 contro 4000), quarto per i rischi che il bruciatore che installi non rovini/buchi la tua vecchia caldaia.
Io quest'anno per altri problemi ho scelto di rimanere a gasolio nonostante i costi ma sono pronto al cambio al più presto.

Ciao

G

pascusa
16-10-2013, 14:19
PIASTRA SUN P7 (GRIGLIA ACCIAIO O GHISA)
Avete novità da riferire sulle vostre piastre in dotazione con il bruciatore SUN P7,
cioè avete dovuto sostituire la griglia oppure effettuare delle modifiche.
Se qualcuno lo ha fatto ed intende aggiornarci, sarebbe gradito.
Grazie per le risposte.

fornaio
16-10-2013, 17:48
io preferirei una caldaia dedicata....
meno invasivo,non credo....
molto economico, non penso proprio.....
ne ho visti anche io in funzione in vari allevamenti di vitelli,
e posso dire che tutti quelli che hanno comprato il bruciatore lo stanno cambiando con caldaie dedicate.
quindi:
comprando bruciatore a pellet,
usandolo 1 anno con le perdite di rendimento che accusa,quindi piu' consumi,
e alla fine dover comprare una caldaia....
non so' se e' "molto economico":bye1:

pascusa
21-10-2013, 14:23
Avete novità da segnalare, in merito alla vostra esperienza, sulla griglia del bruciatore Sun P7,
quella in dotazione nella prima versione era di ghisa, adesso nella nuova versione è in acciaio.
Anche la forma è diversa, cioè è stata modificata non ha la curvatura ma è piatta.
Secondo voi ci sono miglioramenti.
Grazie per le eventuali risposte.

dinippo
19-11-2013, 15:40
HELPPPPP
ho una vecchia caldaia tregi 4 della riello a gasolio che vorrei riadattare con il bruciatore ferroli a pellet, dalle discussioni precedenti ho capito che non esste in vendita una pistra per l'accoppiamento del bruciatore con la caldaia ma la si deve far costruire da un fabbro (io non sarei in grado di autocostruirla). Qualcuno potrebbe dirmi dove trovare un disegno della piastra da poter dare al fabbro? dalle mie parti (Isola d'ischia) il gasolio da riscaldamento costa circa 1.70 €/l il pellet circa 5.50€ al sacco (15kg) nella conversione il risparmio secondo voi sarebbe apprezzabile o non conviene convertire?
grazie anticipatamente

Dott Nord Est
19-11-2013, 17:38
una curiosità..
il bruciatore che ti hanno proposto cosa costa ?

Daniel1980
19-11-2013, 17:58
Anche con il pellet a 5,50 risparmi sul gasolio a i,70 il 140%. Però, visto che comunque lo paghi caro, sicuro che non ti convenga puntare su una caldaia con rese decenti? Oltretutto con il conto termico probabilmente te la ripaghi in 2 anni.

dinippo
20-11-2013, 04:34
il bruciatore intorno gli 850 euro da scontare. mi sono informato sul conto temico se volessi sostituire tutta la caldaia (con una classe 5 a pellet o onnivora) cosa potrei acquistare ad un prezzo vantaggioso?
Grazie

Dott Nord Est
20-11-2013, 05:01
con una caldaia recuperi varie migliaia di euro, quasi il doppio del costo della caldaia stessa.
ad esempio, se dici provincia e paese ti faccio un esempio di quanto riceveresti

dinippo
20-11-2013, 12:37
con una caldaia recuperi varie migliaia di euro, quasi il doppio del costo della caldaia stessa.
ad esempio, se dici provincia e paese ti faccio un esempio di quanto riceveresti
Casamicciola Terme provincia di Napoli.
La caldaia da sostituire è una riello tregi4 (Portata termica min/max kW 27,2/34,8Potenza termica utile min/max kW 25/31,5)

Dott Nord Est
20-11-2013, 13:23
ecco un esempio con una 24kw, recuperi quello che spendi (con la 35 recuperi 3.800 euro !!!!!!!!!!!! :spettacolo:)

dinippo
20-11-2013, 21:02
Un rivenditore mi ha proposto:

PASQUALICCHIO 32 COMPACT 09 CIRCA 5000 EURO
PALAZZETTI CT35 PRO CIRCA 4500 EURO
PASQUALICCHIO CANTINOLA 31 CIRCA 4000 EURO
CLAM NON AVEVA IL LISTINO MA MI AVREBBE FATTO SAPERE

POSSONO accedere tutte al conto termico? sulla pasqualicchio 32 non ho trovato nulla sulle altre due sembrerebbe che vi possano accedere. i prezzi sono in linea con quelli di mercato o sono più cari?

Dott Nord Est
20-11-2013, 21:14
si può accedere solo se la caldaia è in classe 5 e se rientra con le emissione nell'apposita tabella (certificate da ente terzo)

€VPHö®ÎÆ
29-12-2013, 19:58
salve a tutti bella discussione, e da poco che ho acquistato ed installato il bruciatore a pellet ferroli p7 però mi sta dando molti grattacapi per lo più i blocchi che mi fanno impazzire e non ne vengo a capo

a volte mi capita l' errore A1 molto raramente credo sia per mancata anccensione solitamente sbloccando una sola volta questo si risolve senza troppi intoppi, mentre l' errore che mi capita più spesso e l' errore A4 e sinceramente non capisco da cosa sia causato visto che il bruciatore funziona regolarmente fin che non va in blocco, attualmente tutti i parametri sono di default della casa, ho gia provato ad intervenire modificandoli ma senza risultati quindi ho reimpostato tutto di fabbrica. attualmente il bruciatore e impostato su potenza 4 ovvero 30kw e la temperatura di spegnimento e impostata su 70° visto che non riesce ad andare oltre causa la metratura della casa 160mq circa...

se potete aiutarmi vi sarei molto grato visto che sto letteralmente impazzendo, aspetto eventuali risposte

elpiier
30-12-2013, 20:10
Non hai un manuale che ti consenta di risalire alla causa dell'errore?

DPZ
30-12-2013, 23:11
Hai già verificato la giusta inclinazione del tubo di alimentazione fra coclea e bruciatore? Deve essere prossimo a non meno di 45 gradi altrimenti il pellet non scende con regolarità. Verifica quando è in blocco lo stato reale del bruciatore: non c'è pellet sulla griglia? Ce ne è troppo? troppo poco?
La legenda errori è nel manuale.


.....
a volte mi capita l' errore A1 molto raramente credo sia per mancata anccensione solitamente sbloccando una sola volta questo si risolve senza troppi intoppi, mentre l' errore che mi capita più spesso e l' errore A4 e sinceramente non capisco da cosa sia causato visto...

€VPHö®ÎÆ
31-12-2013, 19:29
si ho letto la leggenda errori per l' A01 ormai ho risolto capita molto raramente l' inclinazione della coglea e prossima ai 45° il pellet cade con regolarità per quanto riguarda l' errore A04 le cause dichiarate sono le medesime: parametri accensione non corretti, caldaia in pressione, termostato di sicurezza guasto. ricordo che il bruciatore e nuovo meno di un mese di vita, ho verificato i parametri di accensione e sono quelli di default e comunque l' accensione avviene regolarmente, per quanto riguarda caldaia in pressione essendo adattato su una vecchia caldaia non ha nessun sensore collegato ad essa oltre a quello della temperatura del acqua quindi escluderei a priori questo errore.
resta termostato di sicurezza guasto, be qui ho qualche dubbio in teoria il sensore e nuovo, quindi non dovrebbe causare problemi, però ho riscontrato che dov'è il termastato di sicurezza ( quello sul tubo di carica del pellet ) il tubo scalda tantissimo, tende a bruciare anche il tubo il plastica che va dalla coclea al bruciatore.

er ora ti ringrazio DPZ verificherò lo stato del braciere quando avviene il blocco e ti aggiornero su cio che trovo :)

unalira
31-12-2013, 19:50
Ciao,
probabilmente la caldaia non ha abbastanza depressione, e come risultato si scalda tutto il corpo bruciatore incluso il tubo dove è posto il sensore di sicurezza, che dovrebbe essere tarato a 85°C se non ricordo male.... prova a verificare che la canna fumaria sia ok, sul manuale trovi anche il valore di tiraggio minimo che serve per il bruciatore a pellet, loro lo indicano per la loro caldaia, ma va bene anche per le altre caldaie credo, io almeno mi son basato su quello come requisito minimo.

Ciao
Alessandro

DPZ
01-01-2014, 15:30
Non è assolutamente normale che si scalda così tanto il tubo: di sicuro il termostato fa il suo lavoro (apre il contatto a 85 gradi). Il mio termostato si è rotto e quindi per il momento l'ho bypassato visto che non ho trovato il ricambio, ma il tubo non credo superi i 50/60 gradi.
Hai controllato se non ti si è intasato di cenere qualche condotto o la canna fumaria?

unalira
01-01-2014, 20:23
Ciao DPZ
per il termostato di sicurezza è un normale termostato bimetallo con contatto NC che apre a 85°C lo trovi tranquillamente nei negozi di elettronica, poi devi solo fare il cablaggio con due faston.

Ciao
Alessandro

€VPHö®ÎÆ
03-01-2014, 18:17
salve, grazie del supporto ho eseguito dei calcoli sul tiraggio del camino e dovrei avere 13pa ma visto che vi e una curva a 90° che provoca delle perdite quindi credo di essere al limite col tiraggio minimo ssui 9-10pa ora ho ordinatu una canna fumaria in acciaio che dovrebbe consentire un miglio tiraggio vi aggiornero in seguito sui risultati per ora ringrazio tutti :)

Luca.1981
04-01-2014, 14:06
Buon giorno sono da poco possessore della caldaia ferroli con bruciatore a pellet Sun p7 non riesco però a capire una cosa, premetto che ho impostato il modo modulante potenza da 1 a 3 e temperatura 75 gradi, e quando la caldaia arriva a 75 gradi si spegne e fino a che non arriva di nuovo a 60 gradi non riparte, come mai fa questa cosa?

Fuochista
04-01-2014, 17:44
Devi avere il delta di isteresi regolato a 15°. Verifica nella taratura del bruciatore.

Luca.1981
04-01-2014, 18:42
È che cosa è il delta di isteresi e come si regola? Inoltre è normale che quando arriva alla temperatura si ferma? Invece di continuare a modulare e continuare a rimandare accesa?Ciao e grazie.

unalira
05-01-2014, 15:56
Ciao
Il delta di isteresi se non ricordo male non è regolabile, ed è di 10 gradi, poi comincia la procedura di accensione; controlla il parametro T18 che sia a 1 quello regola il funzionamento in modulante o on-off;a 0 fa funzionare il bruciatore on-off, mentre a 1 modula. In teoria a 65 gradi se hai impostato 75 di max dovrebbe passare a potenza uno e avvicinarsi al max per poi spegnersi e riaccendere a 10 gradi meno del set point; dopo che faccio la pulizia controllo che sia realmente così!

€VPHö®ÎÆ
05-01-2014, 19:03
buona sera abbiamo sostituito la canna fumaria e devo dire che il bruciatore va molto meglio abbiamo misurato il tiraggio e ora siamo a 20 Pa devo dire che e migliorato anche il rendimento termico, ma ancora il problema persiste anche se si presenta meno frequentemente sempre errore A04, ora mi e venuto un dubbio non vorrei che il problema sia lo spertello che ho costruito per la pulizia della candaia l' ho fatto in acciaio da 2mm forse c' è troppo trasferimento di calore sul corpo del bruciatore.

per ora il problema si verifica fino a che la caldaia raggiunge 70° una volta raggiunti se lascio acceso il bruciatore si accende e spegne regolarmente e il problema non si presenta, vedro di costruire un nuovo sportello da 10mm di spessore in acciaio e spero di risolvere...

ho notato in oltre che mi restano molte censeri nella parte superiore della caldaia che devo pulire ogni 10-15gg, invece la parte inveriore vicino al bruciatore ogni 3 gg massimo, voi riscontrate lo stesso problema o no?

unalira
07-01-2014, 19:07
Ciao Luca,
ho controllato e non si può regolare la forbice che fa spegnere e riaccendere il bruciatore ma è fissa a 10 gradi o almeno il mio comincia ad accendere 10 gradi sotto il set point. Per la modulazione la fa prima (a 10 gradi dal set point passa a potenza uno e la mantiene finche arriva al set point) ma se arriva in temperatura si spegne e supera il vaole massimo si spegne per riaccendersi 10 gradi sotto....

Per l'amico quà sopra sei fortunato se la parte superiore la pulisci ogni 10-15 gg io lo devo fare ogni 3 giorni 4 al massimo.... ricorda che la caldaia è nata per bruciare gasolio o affini che non hanno o hanno bassissimo contenuto di ceneri.... io ad esempio a gasolio la pulivo una volta all'anno a fine stagione... adesso invece la devo pulire tutta ogni 4 giorni...

Ciao
Alessandro

pascusa
12-01-2014, 20:14
​​Se posso, in considerazione dell'esperienza sul campo fatta da utilizzatore,
posso dire che sono tutti giusti i consigli dati ma proverei anche a verificare la griglia,
cioè se si scalda molto il tubo dove cade il pellet nel bruciatore, prova a controllare la griglia
che non deve essere intasata dalla cenere. In ogni caso, per esperienza diretta, ripeto, è meglio
la nuova griglia di acciaio rispetto a quella di ghisa (almeno io sul mio modello avevo questa di ghisa).
Verifica e fammi sapere.
Saluti

pascusa
13-01-2014, 20:58
Ecco come si è combinato il boccaglio lo scorso anno, ho dovuto sostituirlo. Vi è capitato ???
36758

unalira
14-01-2014, 17:22
cavolo, è veramente mal ridotto...
io ho ancora l'originale, ma è alla seconda stagione, se mi si riduce così lo faccio rifare in inox 316 praticamente eterno.... il tuo quanto ha lavorato?
La griglia in acciaio è diversa da quella originale in ghisa? io ho ancora quella di ghisa, ma se l'altra va meglio vedo di farmela fare...

Ciao
Alessandro

€VPHö®ÎÆ
14-01-2014, 18:34
buona sera a tutti, finalmente sono venuto a capo della fonte di tutti i miei mali! risolti tutti i problemi di surriscaldamento del bruciatore.

il problema era la caldaia che era un modello pressurizzato, una volta rotte le intercapedini interne va che una bellezza l' ho fatta andare per un paio d' ore senza nessun problema.

prima di intervenire fisicamente sulla caldaia dopo circa 15 minuti mi andava in blocco ora sembra essere tutto risolto!

spero che questo sia d' aiuto anche ad altri lettori nel caso abbiano problemi :)

pascusa
14-01-2014, 20:08
Caro Alessandro,
mi fa piacere che hai risposto, lo faccio anch'io.
Ti posso dire che ho risolto in modo casalingo. Cioè ho provveduto a far saldare la parte usurata, ho smontato il boccaglio e l'ho girato. Cioè ho messo la parte saldata attaccata al corpo bruciatore e la parte ancora integra adesso entra nella caldaia. Mi sono spiegato !!!
Una "furbata" così ho ancora lo stesso boccaglio (sono al 3 anno di funzionamento),
se facessi una foto adesso sembrerebbe integro, in effetti attualmente è in buone condizioni, non presenta usura o angoli degli spigoli consumate dalle lingue di fuoco.

pascusa
14-01-2014, 20:50
Per quanto riguarda , la griglia di ghisa che si era deformata e usurata, (in dotazione quando ho acquistato il bruciatore, tre anni fa), ho provato a farla saldare per continuare ad usarla. Ma ho avuto modo di vedere da un amico che ha comprato, lo scorso anno, il Sun P7 della Ferroli, che era montata già di fabbrica una piastra in acciaio, di diversa forma
(allego foto - in acciaio scuro - della griglia attuale in dotazione con il bruciatore a pellet Ferroli Sun P7 rispetto a quella in ghisa).
In pratica, per diletto e per sfida, ne ho fatto una simile con una piastra di acciaio
(allego foto - in acciaio lucido - della prova di griglia autocostruita per il bruciatore a pellet Ferroli Sun P7),
che ho tagliato e piegato in maniera casalinga: la prova ha funzionato. C'è bisogno di migliorare la realizzazione oppure acquistare quella nuova in dotazione attualmente con il bruciatore.
Fatemi sapere la vostra opinione perchè la griglia, secondo me, ha un ruolo fondamentale per il perfetto funzionamento del bruciatore.

3680136800

unalira
14-01-2014, 21:13
Ciao Pascusa,
se hai fatto solo 3 anni mi preoccupo... io sono al secondo anno....
la griglia io ho quella in acciaio,e non si è deformata, solo un pò annerita dal pellet...
per quella in acciaio come mai non hai fatto un tappo all'inizio tipo l'originale? servirebbe a contenere il pellet altrimenti vola via con l'aria credo, in quanto io non posso vedere la fiamma nella caldaia (non ho lo spioncino per ora).
avevo visto quella sul sito ceco mi pare ma non ho trovato feedback sul funzionamento, e ho lasciato perdere; però mi ricordo aveva la mezzaluna in testa, solo la stessa era forata...
Per il boccaglio ottima idea quella di saldare e girare, poca spesa tanta resa... io credo lo farò fare in inox, ma al lavoro da me...
Ciao
Alessandro

pascusa
14-01-2014, 22:02
36806

Ale, non ho capito. Tu hai la griglia in ghisa (della precedente produzione come la mia, cioè circa tre anni fa)
oppure hai quella in acciaio cioè questa come in foto.

unalira
15-01-2014, 06:06
Ciao,

io ho quella in acciaio come da tua foto quì sopra; io il bruciatore l'ho comprato nel novembre 2012.
Probabilmente hanno fatto delle modifice nel tempo.... lo spessore del boccaglio quanto è? il mio è 2.5 mm, magari hanno modificato pure questo....

ciao e buona giornata

panni86
16-01-2014, 19:21
Salve
Complimenti per la discussione e a tutti per gli argomenti!

Ho da poco installato una caldaia ferroli sfl 4 con bruciatore sun p7, grazie a voi sono riuscito a capire come metterla in modalità modulazione.
Ora però ho un piccolo problema..ogni tanto si spegne e trovo il tubo di plastica pieno di pellet... devo svuotarlo e farla ripartire se no si accumula tutto la e non va bene...
Da cosa potrebbe dipendere? Non va in blocco...

Un altra informazione...non riesco a ordinare la griglia modificata dal sito ceco.. qualcuno che l ha fatto potrebbe aiutarmi? Grazie in anticipo! !

unalira
16-01-2014, 20:42
Ciao,

per il tubo pieno di pellet controlla che lo stesso faccia una diagonale a 45° tra coclea e bruciatore o un angolo vicino a questo; al limite se è lungo accorcialo pure in modo da evitare pance del tubo stesso per evitare che si fermi il pellet.
occhio anche alla lunghezza del pellet, che non sia troppo lungo o potrebbe fermarsi alla giunzione tra tubo in acciaio e tubo in plastica.

Per la griglia modificata io non avevo approfondito non trovando grandi riscontri in internet e non sapendo se funzionava o meno; percui non saprei come aiutarti, se non provando a vedere sul sito del produttore.

Ciao
Alessandro

panni86
16-01-2014, 21:18
Il tubo è stato tagliato a misura per non fargli fare pancia.. e l inclinazione è giusta...È mesi che la uso e non l ha mai fatto.. ora in questa settimana gia due volte è successo..Proverò a dare un ulteriore controllata al tutto!

unalira
17-01-2014, 06:08
Il pellet è sempre lo stesso? Te lo chiedo perchè avevo notato che a me tendeva a farlo con un pellet scarsissimo, poi ho preso un pò di pellet buono e le cose erano migliorate, per "risolversi" con la sistemazione del tubo; però era lo scorso anno e ero alle prime armi con il bruciatore....

panni86
17-01-2014, 06:37
Il pellet si è sempre lo stesso.. dovrei informarmi sulla resa ecc perché sul pacco non c è scritto niente..

unalira
17-01-2014, 12:43
beh se il pellet è sempre lo stesso non è li il problema, e sinceramente non saprei come aiutarti, in quanto non mi viene in mente altro da controllare...

turbo2
23-01-2014, 13:53
Ciao a tutti, complimenti per le discussioni,
vorrei sapere pregi e difetti del SUN P7, e se lo consigliate su una caldaia FER GGNKN30 con boiler da 100 lt, se simi sapreste indicare dove posso acquistarlo a basso costo?

unalira
25-01-2014, 10:26
Ciao,
io non sono un tecnico ma un semplice appassionato, sinceramente non saprei se la tua caldaia permette l'installazione del bruciatore a pellet... solo la bocca ha un diametro di circa 160... e li non mi pare ci sia spazio a vedere da quanto trovato su internet... però magari se fai delle foto riusciamo a capire meglio. Ricordati che la modifica ti fa decadere eventuali garanzie sulla caldaia e sull'impianto....

Ciao
Alessandro

misterpellet
19-04-2014, 22:14
Ciao a tutti,
ma è vera questa cosa dell'illegalità della trasformazione a pellet di un impianto a gas o gasolio?
Perchè a me l'hanno proposto varie ditte, e ho visto anche impianti di Hotel trasformati, e noi abbiamo la visita
ogni 4/5 anni da parte della Provincia!

MP

renatomeloni
20-04-2014, 11:24
Ciao....:)

Non saprei dirti nel caso specifico, ma a rigor di logica, qualunque modifica fatta ad una macchina omologata, la stessa andrebbe rieseguita ex novo in caso di modifiche.
Vediamo se qualcuno più esperto saprà dire cosa prevede la normativa vigente!!!

Buona Pasqua

Fuochista
21-04-2014, 08:05
X Turbo2: Devi verificare che la tua caldaia si possa pulire agevolmente dalla cenere senza dover smontare tutto ogni volta. Di solito la modifica si può fare su caldaie a gasolio di vecchio tipo con il bruciatore fissato al portellone, ed aprendo posso pulire tutto per bene.

La modifica per un nuovo bruciatore deve essere accompagnata da una nuova dichiarazione di conformità che sui vecchi impianti non sempre è possibile... Inoltre il livello di emissioni andrà verificato ed attestato. Il tutto a carico di chi vi farà la conversione.

misterpellet
22-04-2014, 10:20
Allora, un venditore di bruciatori a pellet mi ha risposto che secondo lui è sufficiente comunicare a Provincia e VVFF il cambio di combustibile.
Possibile? Boh!

Qualcuno (anche in PM se non è permesso) mi potrebbe indicare marche di bruciatori da 100Kw note?

Grazie

MP

biomassoso
22-04-2014, 11:19
questi, se vogliamo rimanere su prodotti NOSTRANI, sono i più conosciuti

:bye1:

termocabi (http:// http://www.termocabi.it/prodotti/bruciatori-a-pellet-di-legno-modello-spl/)

bioriscaldamento (http://www.bioriscaldamento.com/it/products/category/6)

pasian (http://www.pasianpellets.it/bruciatori/bruciatori-pellet)

kondor (http://www.kondorstufe.it/index.php?option=com_content&view=article&id=26&Itemid=172)

misterpellet
22-04-2014, 11:30
Grazie Bio,
mando qualche e-mail di richiesta info.

Se vi interessa un polacco da 100Kw massimi costa circa 3300,00 (già scontato, montaggio escluso),
venduto da azienda italiana con garanzia di legge.

MP

Giovannino_set
22-05-2014, 09:12
Ciao Luca, sì anche io come Unalira ti dico che pulire la caldaia ogni 10-15 giorni nella parte alta non è tantissimo. Io non arrivo a pulirla ogni 3-4 giorni come Alessandro, ma ogni settimana di sicuro si!

brandon
19-11-2014, 16:33
scusate ragazzi ma per lo scarico fumi come avete fatto con la vecchia caldaia?
Riassumendo cosa bisogna guardare per vedere se la caldaia e' compatibile o puo' dare problemi?

changer74
20-11-2014, 18:01
Buon giorno sono da poco possessore della caldaia ferroli con bruciatore a pellet Sun p7 non riesco però a capire una cosa, premetto che ho impostato il modo modulante potenza da 1 a 3 e temperatura 75 gradi, e quando la caldaia arriva a 75 gradi si spegne e fino a che non arriva di nuovo a 60 gradi non riparte, come mai fa questa cosa?



Il sensore di temperatura lo devi installare sulla tubazione di ritorno dell'acqua e non sulla tubazione di mandata, cosi' riesci a far andare il bruciatore a regime. Facendo cosi' la temperatura misurata dalla caldaia coinciderà con quella impostata nel bruciatore.

changer74
20-11-2014, 18:11
scusate ragazzi ma per lo scarico fumi come avete fatto con la vecchia caldaia?
Riassumendo cosa bisogna guardare per vedere se la caldaia e' compatibile o puo' dare problemi?



Lo scarico fumi lo devi rivedere, il pellet emette dei fumi ricchi di ceneri, pertanto all'uscita dei fumi si deposita molta cenere che devi periodicamente rimuovere. Se vuoi che non ti si blocchi la caldaia nel bocchettone di uscita fumi devi mettere un giunto a T con sotto la camera di raccolta ceneri (o semplicemente un tappo ) per fare in modo da non dover smontare tutto il canale da fumo. Fai la stessa cosa anche nella parte inferiore della canna fumaria.


Per quanto riguarda la compatibilità dipende da quanto spazio hai a disposizione sia esternamente alla caldaia che internamente alla caldaia. Fai prima a rivolgerti a un tecnico, ti servirà anche se vuoi fare un buon lavoro per realizzare la flangia di interfaccia del bruciatore con la caldaia...sembra una cosa banale ma và realizzata appositamente per la tua caldaia e per il tipo di bruciatore che vuoi adottare, pertanto non puoi usare niente di esistente sul mercato.

changer74
20-11-2014, 18:25
Ciao a tutti,
ma è vera questa cosa dell'illegalità della trasformazione a pellet di un impianto a gas o gasolio?
Perchè a me l'hanno proposto varie ditte, e ho visto anche impianti di Hotel trasformati, e noi abbiamo la visita
ogni 4/5 anni da parte della Provincia!

MP

Ciao Misterpellet, la tua caldaia essendo di potenza maggiore di 35kW è soggetta ai controlli INAIL ( ex ispels ) pertanto dovrai aggiornare la pratica. Se fai questa modifica l’installatore del bruciatore, è tenuto ad inoltrare la denuncia dell'avvenuta modifica all’ INAIL anche se non aumenti la potenza del bruciatore. Questo perchè il pellet ha dei dispositivi di blocco di sicurezza diversi dal gas e dal gasolio. Come tecnico mi capita spesso di redigere questo tipo di pratiche per gli installatori di impianti termici.

misterpellet
21-11-2014, 08:34
Grazie per il chiarimento Changer74,
a dire il vero abbiamo optato per una caldaia nuova mantenendo quella attuale
per avere un impianto ridondante.
Non escludo però in futuro di convertire anche la gasolona a pellet, così ho backup senza ingrassare i petrolieri.

Grazie

MP

ideafissa
21-11-2014, 10:01
ricapitolando quindi, la documentazione che deve essere rilasciata dall'installatore, per caldaie con potenza maggiore di 35kw consiste in:

- Dichiarazione di conformità, ove possibile (ma in quali casi non è possibile rilasciarla?)
- verifica e attestazione livello di emissioni
- comunicazione all'INAIL (ex ispels)

serve altro? perchè mi hanno proposto di sostituire il bruciatore del mio forno a gasolio, e visto che sono un panificatore non vorrei incappare in sanzioni...

ideafissa
09-02-2015, 17:09
ricapitolando quindi, la documentazione che deve essere rilasciata dall'installatore, per caldaie con potenza maggiore di 35kw consiste in:

- Dichiarazione di conformità, ove possibile (ma in quali casi non è possibile rilasciarla?)
- verifica e attestazione livello di emissioni
- comunicazione all'INAIL (ex ispels)

serve altro? perchè mi hanno proposto di sostituire il bruciatore del mio forno a gasolio, e visto che sono un panificatore non vorrei incappare in sanzioni...

nessuno può aiutarmi? mi serve sapere quali sono le normative di riferimento, e se bastano gli adempimenti su citati.

Grazie a chi vorrà rispondermi.

excalibur54
27-02-2015, 15:19
Buongiorno.

Ho montato un bruciatore orizzontale a pellet PX22, su una caldaia a basamento della Pensotti (la versione S1), precedentemente destinata ad essere impiegata con bruciatori metano o gasolio.
Dopo un mese di utilizzo, sto traendo le prime impressioni: il rendimento con un pellet di buona qualita' e' paragonabile a quello di un bruciatore a metano (nei periodi precedenti avevo monitorato i consumi del metano per effettuare un paragone), ovviamente tenendo conto dei valori di temperatura min e max di esterna.
Le regolazioni del combustibile e dell'aria di combustione sono di facile attuazione, il che mi ha permesso di effettuare una buona regolazione delle emissioni in atmosfera, favorita dalla presenza di una immissione di aria secondaria, durante la combustione del pellet.
Conoscevo questo tipo di bruciatore, da parecchi anni, lo avevo visto il funzionare sia in Canada, che in Svezia, dove mi ero recato per lavoro.
Questa versione che ho acquistato, e' secondo me piu' evoluta rispetto alle precedenti che avevo potuto osservare precedentemente, e che gia' soddisfavano le ancora piu' strette normative svedesi in fatto di emissioni.
Al di la' del risparmio economico, pur con margini ulteriormente ridotti dall'aumento dell'IVA, mi conforta enormemente il fatto di potermi affrancare ulteriormente dal consumo di energie fossili.

Cordialmente

Piero

misterpellet
01-03-2015, 19:45
Ciao, io ho installato una caldaia a pellet in serie a quella a gasolio che avevo.

Ho sempre avuto l'idea di trasformarla a Pellet, quello che mi ha sempre frenato è stato il fattore pulizia.

Magari adesso potrei fare la prova, dato che la caldaia a gasolio serve solo come "aiuto" per la pellet in caso di richieste inattese oppure in caso di guasto.
Come ti sembra la pulizia? Un delirio?

MP

excalibur54
03-03-2015, 08:10
Buongiorno
... assolutamente no!, volendo fare con calma, ma veramente con calma, non impiego piu' di un quarto d'ora...
Dopo aver scollegato il bruciatore e sfilato dalla sede, per non sporcarlo, rimuovo il frontale del mantello di lamiera, che ha un fissaggio a scatto, svito i due galletti che tengono in posizione il coperchio del giro fumi.
Con un pennello, sposto verso l'interno quel po' di cenere che si deposita presso il coperchio, per non farla cadere all'esterno, poi con uno scovolo di plastica, spingo all'interno la cenere per farla cadere nel focolare; a questo punto passo due o tre volte lo scovolo metallico, nei sei fasci tubieri, che porta nuovamente in luce la ghisa, e richiudo il coperchio giro fumi.
A questo punto, con una spazzola metallica, do' una spazzolata alla volta del focolare che e' tutta alettata, passando dal foro del supporto del bruciatore e con una paletta rimuovo quel po' di cenere impalpabile che si e' formata nella settimana, punto, tutto qua.
Reinserisco il bruciatore, riposiziono il frontale del mantello, ricollego i cavi e ed il tubo di adduzione pellet, ed il gioco e' fatto....
Un giorno, dopo un mese di funzionamento, ho sfilato, per curiosita' il tubo fumi, ma era praticamene pulito, a voler quantificare la cenere, se ne era depositata un cucchiaio...
... non so che tipo di caldaia abbi tu, ma con la mia, il lavoro e' tutto qui..., questa caldaia era figlia di quelle utilizzate per la nafta pesante, che necessitavano di pulizia mensile.

Cordialmente

Piero

biomassoso
04-03-2015, 16:00
la vecchia PENSOTTI è già questa (http://www.clasf.it/caldaia-a-gasolio-pensotti-in-susa-15861238/) o il modello prima?

che vedendo il prezzo.... :bored:

FaGa86
04-03-2015, 17:56
Le regolazioni del combustibile e dell'aria di combustione sono di facile attuazione, il che mi ha permesso di effettuare una buona regolazione delle emissioni in atmosfera, favorita dalla presenza di una immissione di aria secondaria, durante la combustione del pellet.

Buonasera Excalibur,

mi puoi spiegare come hai fatto ad ottenere delle buone regolazioni ed emissioni atmosferiche?

stevan
04-03-2015, 19:05
Salve a tutti,spero di essere nella sezione giusta,ho intenzione di istallare nel mio camino(ove esiste gia una caldaia artigianale collegata all'impianto di riscaldamento) un termocamino Klover pellets fire place 22 potenza Kw 22.1 produzione acs la domanda e questa la mia casa e' di 180mq disposta su due piani,pensate sia sufficiente?Grazie

biomassoso
04-03-2015, 19:51
mi puoi spiegare come hai fatto ad ottenere delle buone regolazioni ed emissioni atmosferiche?

:beer: io gli chiederei più che altro come ha fatto a misurarle quelle emissioni, e che risultati abbiano dato :oops:

excalibur54
26-03-2015, 10:51
Buongiorno.
... scusate la latitanza dal forum...

...mi sono acquistato un analizzatore di fumi, si tratta del modello: KANE 450, unitamente al sensore di NOX, come suggerito sul Forum, poiché in Piemonte, si deve controllare anche la emissione di NOX.
... si' il modello di caldaia, al vedersi sembra quello, pero' la mia sembra essere in condizioni migliori...

Cordialmente.
Piero

FaGa86
26-03-2015, 11:08
Quando farai la prova combustione se ci posti la stampata possiamo verificare la bontà del prodotto.

excalibur54
27-03-2015, 08:02
Buongiorno.

... mi sono comperato solo lo strumento, 1250 Euro + 80 di spedizione, sono gia' una bella cifra. per me che sono un privato e che non lo faccio di mestiere, non mi serve stampare i dati per allegarli ai libretti di caldaia..., non devo rendere conto a nessuno, salvo all'ambiente circostante.

I dati rilevati quando ho fatto la misurazione a fine febbraio erano questi:

Fuel => Wood pellet
O2% => 10,4
CO2% => 12,8
COppm => 100
NOppm => 110
Flue°C => 98
Inlt°C => 20
Nett°C => 78
EFF(B) => 85,8
T1°C => 66,6
T2°C => 59,8
DT°C => 6,8

... per cortesia, se ci sono dei parametri fuori tolleranza, indicatemeli che cerco di farli rientrare.

L'impostazione del bruciatore era ed e' con quel tipo di pellet:
MIN POWER => pellet 2,1 lt/ora; air => 20% velocita' ventilatore
Ci sono anche le modalita' Low Power ed High Power, ma poiché invio tutto il calore al puffer, che fa da accumulo, lo faccio funzionare a potenza costante, cosi' ho poche accensioni durante la giornata, (che provocano maggiori emissioni, e incrementano a dismisura il consumo di pellet...)



Cordialmente

Piero

mybronx
09-12-2016, 21:50
Salve ragazzi riesumo questa vecchia ma utilissima discussione per farvi alcune domandine.....
premetto che l'ho letta tutta 2 volte ma non ho trovato quello che cercavo.

Allora spinto da questa discussione una settimana fa mi sono messo all'opera per convertire la mia vecchia caldaia Sant'andrea a Gasolio, ed ho acquistato il bruciatore mikro p7 della ferroli (uguale al sun p7).
Ora praticamente dopo aver acquistato tutto smontato la caldaia per pulizia cambiato canna fumaria (tutto per garantire la massima efficienza), tagliato il serbatoio esterno del gasolio (con i dovuti accorgimenti di bonifica e taglio con sega a gattuccio), modificato lo sportellino per il nuovo bruciatore mi stavo accingendo a fare i collegamenti elettrici.... qui sorgono i problemi.

Quesito n.1

Ovvero il sensore della temperatura caldaia, che penso andrebbe collegato sui pin 11 e 12 (34) e il termostato sicurezza caldaia pin 13 e 14 (49) a me sulla vecchia caldaia i 2 sensori (di ottone con la spirale) vanno collegati il primo al manometro da cui partono due cavi che vanno in centralina s.andrea e il secondo è collegato al classico bottoncino di sicurezza dal quale partono altri 2 cavi che vanno in centralina s.andrea.
che faccio con i collegamenti?

Quesito n.2
Quando vorrò attivare anche il boiler dell'acqua calda mio ritrovo con un problema ancora più grosso dove attaccarlo sulla centralina del sun p7 e come collegarlo che dal manometro di precedenza bollitore a me partono tre cavetti......

quesito n 3
visto che adesso sto entrando in confusione mi confermate che :
il sensore temperatura caldaia va attaccato sulla parte bassa della caldaia (diciamo la caldaia vera e propria)
il sensore di blocco va attaccato sempre sulla caldaia
il termometro sempre sulla caldaia (solo visivo non ha collegamenti elettrici
il sensore di precedenza sul boiler

Vi prego Aiutatm che fa freddo :spettacolo:

mybronx
09-12-2016, 22:18
vi allego qualche foto per far capire meglio di cosa parlo
5774157742577435774457745
grazie

scresan
09-12-2016, 23:58
Benvenuto sul forum.

Grossomodo hai individuato i 2 contatti disponibili sulla caldaia da collegare alla centralina del bruciatore:

1- dallo schema elettrico il 49, va collegato al termostato di sicurezza caldaia, che deve essere il suo, ovvero non puoi sostituirlo altrimenti perdi la certificazione CE della vecchia caldaia (se esiste!) e va collegato come da schema.

2- il 34 invece parla di sensore ed anche lo schema elettrico non mostra un semplice contatto. Va verificato se quell' entrata legge comunque la chiusura dei due contatti di un termostato (quello della caldaia)come un comando per attivare il bruciatore (forse si puo' configurare il tutto sulla centralina del bruciatore impostano quell' entrata come "termostato" cioè on-off oppure come sensore, cioè una sonda (pt100, pt1000 o ntc????) che legge proprio la T acqua all' interno della caldaia. A me sembra la seconda ipotesi, ma va verificato magari chiamando il produttore del bruciatore.

quesito 2-3.

Va verificato come ottieni l' acqua calda (acs) se semplicemente, perchè il boiler è posizionato in alto sulla caldaia e il sistema lavora per convenzione (l' acqua calda della caldaia va in alto e riscalda il boiler senza necessità di circolatori o valvole motorizzate.... nelle vecchie caldaie a gasoli era spesso così!) e di conseguenza agire.

Occhio che questi lavori vanno fatti fare da personale esperto e qualificato, altrimenti ti rendi responsabile di quanto puo' succedere a te, i tuoi famigliari o vicini!

mybronx
10-12-2016, 00:32
grazie per il benvenuto:beer:

In effetti i lavori fatti in caldaia compreso bruciatori gasolio me li ero sempre fatti da me dato che i vecchi tecnici della s.andrea più di farmi spendere soldi a vuoto non facevano e certificazioni niente di niente.....vabbè acqua passata.

Qui però si tratta di cambiare un po' tutto e la mia intenzione era di montare il tutto (qui di tecnici per il trapianto gasolio pellet non ne ho trovati) e poi chiamare il tecnico della ferroli per la messa in servizio eventuale regolazione e certificazione se era possibile.


Quindi riassumendo per le cose più importanti (il boiler per l'acs non mi serve) basta staccare i cavi dai sensori (termostato caldaia e valvola di sicurezza) dalla centralina S.andrea ed attaccarli sul bruciatore a pellet?
e poi per far lavorare il bruciatore a pellet in completa autonomia (secondo i parametri impostati dalla sua centralina) il manometro della temperatura caldaia (quello vecchio s.andrea) lo devo impostare al massimo o per sicurezza mi mantengo sugli 80 85°?
grazie
ps poi se avete dritte su qualche tecnico in zona napoli caserta mi fa piacere avere il contatto

elpiier
10-12-2016, 05:38
⭐SUN P7 - P12. cod. 3540I815 07/2011 (Rev. 00) (http://docplayer.it/105323-Sun-p7-p12-cod-3540i815-07-2011-rev-00.html)
per schema elettrico vi riferite a questo?

scresan
10-12-2016, 07:56
.... da quanto si legge, per un funzionamento ottimale (cioè possibilità di modulazione della potenza) va installata la relativa sonda (contatti 34) in modo che il bruciatore rilevi l' esatta T della caldaia.

La sonda (credo ti sia stata fornita con il bruciatore) va messa nello stesso pozzetto portasonde dove ora si trova la sonda del termostato della caldaia (dovresti seguire quel piccolo tubicino che dalla rotella del termostato va a finire sul corpo caldaia....).

mybronx
10-12-2016, 10:24
⭐SUN P7 - P12. cod. 3540I815 07/2011 (Rev. 00) (http://docplayer.it/105323-Sun-p7-p12-cod-3540i815-07-2011-rev-00.html)
per schema elettrico vi riferite a questo?

si è lui

per scresan

in verità non ho ancora aperto il bruciatore ma penso che ci sia solo il sondino temperatuta coclea di 85° dopo lo apro e vedo.
credo che mi devo allacciare al mio vecchio o tuttalpiù se esiste della ferroli lo prendo e lo adatto alla caldaia:preoccupato:

mybronx
10-12-2016, 18:19
La sonda (credo ti sia stata fornita con il bruciatore) va messa nello stesso pozzetto portasonde dove ora si trova la sonda del termostato della caldaia (dovresti seguire quel piccolo tubicino che dalla rotella del termostato va a finire sul corpo caldaia....).

Non a caso sei un paladino del forum , il sensore t caldaia era nel bruciatore. A saperlo mi sarei risparmiato un giro per la provincia di Napoli per cercarlo ....

antoniopechiar
08-02-2017, 08:07
Buongiorno a tutti,

sono nuovo di questo forum e volevo innanzitutto salutare tutti ed augurare buona giornata!

Io ho ormai da quasi 2 anni il Ferroli Sun P7 adattato su una vecchia caldaia anni '70 ex gasolio sempre della Ferroli, sistema di riscaldamento su casetta singola progettato ancora per circolazione naturale (aggiunto un circolatore sulla mandata circa 20 anni fa) mediante termosifoni in alluminio.

Dopo molte prove iniziali e blocchi ho trovato una regolazione d'ottimo per il bruciatore. Pubblicherò i valori impostati in centralina frutto delle numerose prove empiriche effettuate, premetto che utilizzo il Sun P7 con sonda modulante posta sul ritorno in caldaia e potenza massima su Livello 2: insomma scalda anche troppo, ho abbassato i livelli di caricazione pellet al minimo e nonostante tutto il sistema raggiunge i 65°C fermandosi per poi riprendere a scaldare dopo il delta di 10°C e sto studiando qualche metodo in modo tale che anche su Livello 1 mi vada in mantenimento e non mi continui ad aumentare la temperatura dell'impianto ma che me la tenga piuttosto costante.

antoniopechiar
08-02-2017, 18:29
Buonasera,

come promesso vi elenco di seguito i valori del bruciatore Ferroli Sun P7 che ho ottimizzato per la mia caldaia, premetto che di norma utilizzo pellet di categoria A2 di potenza 5,20 KWh/kg di puro abete 100% che compro in Slovenia ma proveniente dall'Ucraina.

- Bruciatore impostato con sonda modulante posta sul ritorno in caldaia impostata a 65°C (mandata sarà circa 75°C)
- Potenza massima impostata su Livello 2 di 5

Parametri avanzati:

- t01 = 0 (di fabbrica 0)
- t02 = 1 (di fabbrica 1)
- t03 = 51 (di fabbrica 51)
- t04 = 6 (di fabbrica 12)
- t05 = 1 (di fabbrica 5)
- t06 = 100 (di fabbrica 80)
- t07 = 12 (di fabbrica 10)
- t08 = 41 (di fabbrica 38)
- t09 = 20 (di fabbrica 28)
- t10 = 80 (di fabbrica 74)
- t11 = 22 (di fabbrica 38)
- t12 = 135 (di fabbrica 133) - non va in uso perché relativo al Livello 3
- t13 = 35 (di fabbrica 46) - non va in uso perché relativo al Livello 3
- t14 = 150 (di fabbrica 150) - non va in uso perché relativo al Livello 4
- t15 = 53 (di fabbrica 53) - non va in uso perché relativo al Livello 4
- t16 = 170 (di fabbrica 170) - non va in uso perché relativo al Livello 5
- t17 = 56 (di fabbrica 56) - non va in uso perché relativo al Livello 5
- t18 = 1 (di fabbrica 0)
- t19 = 255 (di fabbrica 99)

Con queste impostazioni la caldaia rende molto bene, temperatura fumi di scarico intorno ai 90-91°C, poco clinker nel braciere che pulisco ogni 2 giorni circa.

Se avete dubbi scrivete pure e ci confrontiamo, saluti!

scresan
08-02-2017, 18:41
Ottimo!

Grazie, puo' essere utile a molti!

Chiaramente ci dovranno essere dei piccoli aggiustamenti per adattare i parametri ad ogni impianto/caldaia.

Hai comprato da qua il bruciatore ??

Bruciatori (http://www.emundia.it/hvac-systems/burners?manufacturer=5)

antoniopechiar
09-02-2017, 09:48
Prego!

Certamente, i parametri variano molto tra caldaia e caldaia (dipendente da fattori come tiraggio, tipo di pellet, ecc...), da notare comunque che, rispetto al dosaggio di fabbrica, io ho optato per molto meno pellet... Con le impostazioni di fabbrica mi si riempiva il tubo di caricazione in quanto si prendeva più pellet di quello che riusciva a bruciare.
Personalmente io consiglio piuttosto piccoli dosaggi ma più frequenti, anche per mantenere sempre bella vivida la fiamma.

Comunque confermo, l'ho acquistato da Emundia.

Saluti!

lakikira
13-02-2017, 17:56
Prego!

Certamente, i parametri variano molto tra caldaia e caldaia (dipendente da fattori come tiraggio, tipo di pellet, ecc...), da notare comunque che, rispetto al dosaggio di fabbrica, io ho optato per molto meno pellet... Con le impostazioni di fabbrica mi si riempiva il tubo di caricazione in quanto si prendeva più pellet di quello che riusciva a bruciare.
Personalmente io consiglio piuttosto piccoli dosaggi ma più frequenti, anche per mantenere sempre bella vivida la fiamma.

Comunque confermo, l'ho acquistato da Emundia.

Saluti!
Buonasera
Volevo ringraziare anche io per aver trasmesso i parametri che provero' a cambiare prossimamente
Io utilizzo il sun p7 oramai da quasi quattro anni mi e' stato installato su una combinata legna-gasolio
Volevo chiedere se a Trieste esiste un servizio di assistenza per il bruciatore e se per caso utilizzi il puffer
Grazie

antoniopechiar
13-02-2017, 19:12
Buonasera
Volevo ringraziare anche io per aver trasmesso i parametri che provero' a cambiare prossimamente
Io utilizzo il sun p7 oramai da quasi quattro anni mi e' stato installato su una combinata legna-gasolio
Volevo chiedere se a Trieste esiste un servizio di assistenza per il bruciatore e se per caso utilizzi il puffer
Grazie

Ciao! Purtroppo non ho idea se esiste un servizio assistenza per il bruciatore... Noi abbiamo fatto tutto "in casa" il kit di adattamento da vecchia caldaia a gasolio in pellet, abbiamo acquistato da questo link una candeletta di accensione di riserva da qui (http://www.prontostufe.it/en/cartridge-heaters-with-thread/613-cartridge-heaters-ferroli-d18x200mm-350w-sun-p7.html) (ora in lavoro è ancora l'originale fornita con il bruciatore).

Fammi sapere che effetto hanno i parametri con la tua caldaia!

Ciao

lakikira
13-02-2017, 19:38
Ciao! Purtroppo non ho idea se esiste un servizio assistenza per il bruciatore... Noi abbiamo fatto tutto "in casa" il kit di adattamento da vecchia caldaia a gasolio in pellet, abbiamo acquistato da questo link una candeletta di accensione di riserva da qui (http://www.prontostufe.it/en/cartridge-heaters-with-thread/613-cartridge-heaters-ferroli-d18x200mm-350w-sun-p7.html) (ora in lavoro è ancora l'originale fornita con il bruciatore).

Fammi sapere che effetto hanno i parametri con la tua caldaia!

Ciao
Grazie per la pronta risposta
sicuramente faro' sapere l'effetto dei tuoi
parametri .
volevo sapere se utilizzi il puffer cosi'
potrei chiederti ancora qualche informazione
riguardo a termostati

antoniopechiar
13-02-2017, 19:49
Grazie per la pronta risposta
sicuramente faro' sapere l'effetto dei tuoi
parametri .
volevo sapere se utilizzi il puffer cosi'
potrei chiederti ancora qualche informazione
riguardo a termostati

Ciao scusami mi ero dimenticato di risponderti sull'argomento.

Premetto che non ho il puffer, ma l'impianto di riscaldamento è degli anni 60, tubi di 2" partono dalla caldaia e man mano che si allontanano vanno a restringersi fino arrivare a 1/2", il tutto funzionava originariamente con una caldaia a carbone e senza circolatre, infatti tutti i tubi sono inclinati in modo da agevolare il moto convettivo naturale, l'impiano è di tipo "aperto" con serbatoio a pelo libero in soffitta che mantiene costantemente l'impiano a livello. Circa 20 anni fa mio padre modificò l'impianto aggiungendo un circolatore per aumentare l'efficienza dell'impianto. Data la dimensione dei tubi del mio impianto avrò all'incirca 200-250 litri di acqua che fungono da "puffer" infatti mi danno una forte inerzia termica.

Per l'ACS ho abbinato un boiler da 100 litri che viene riscaldato con la stessa acqua dei radiatori con una valvola che lo esclude una volta raggiunta la temperatura desiderata mediante termostato a parte.

La pecca dell'impianto è che se la caldaia non mi va in moto per il riscaldamento non ho produzione di ACS se non per l'accumulo di 100 litri, durante l'estate ho un interruttore manuale che sposto da inverno ad estate il quale sostanzialmente agisce nel commutare il comando al bruciatore, rispettivamente da termostato ambiente a termostato boiler, in sostanza d'inverno comanda il termostato ambiente, d'estate quello boiler (previa chiusura dell'afflusso di acqua calda ai caloriferi mediante apposite valvole manuali)

Ciao!

misterpellet
14-02-2017, 22:47
Ciao a tutti,
qualcuno di voi sa dirmi dal punto di vista burocratico cosa si deve fare per installare un bruciatore a pellet in una caldaia originariamente pensata per il gasolio?

Grazie

MP

biomassoso
15-02-2017, 20:01
temperatura fumi di scarico intorno ai 90-91°C

ottimo, l'unica cosa non chiara e quella T° dei fumi, che non è chiaro dove sia stata prelevata, ma dovresti essere in condensa

Dott Nord Est
15-02-2017, 20:02
magari ha la sonda un pò lontana dall'uscita bruciatore