PDA

Visualizza la versione completa : Gestione Batterie Litio: Cell-log,battery alarm, Bms, Etc



jumpjack
19-05-2012, 22:55
Non so quanto puoi "mettere le mani" sul tuo scooter senza far decadere la garanzia, ma basterebbe poter accedere alle batterie, e collegare sistemi di monitoraggio come questi: 1-8S Lipo LiMn Battery Tester Low Voltage Buzzer Alarm | eBay (http://www.ebay.ca/itm/1-8S-Lipo-LiMn-Battery-Tester-Low-Voltage-Buzzer-Alarm-/140743493843?pt=Radio_Control_Parts_Accessories&hash=item20c4f748d3#ht_4497wt_1185) .
Stavo giusto pensando di costruirmi un circuitino del genere per le mie batterie, ma visto che questo costa 4 dollari, spedizione inclusa... :spettacolo:
Pero'... come lo collego? Non dovrebbero esserci DUE pin per ogni gruppo di celle? Oppure le collego tutte sulla stessa linea di massa? :preoccupato:

E ome si fa ad avere dati certi e sicuri sulle tensioni che indicano lo stato di "scarico" e "carico" per i vari tipi di batteria? Come fate a dire che "una batteria è già carica a 3,4 volt anche se da specifica dovrebbe arrivare a 3,6 volt"? Su cosa ci si basa per la carica, se non sulla tensione?!? :preoccupato:

Spuzzete
19-05-2012, 23:25
Stavo giusto pensando di costruirmi un circuitino del genere per le mie batterie, ma visto che questo costa 4 dollari, spedizione inclusa... :spettacolo:

Pero'... come lo collego? Non dovrebbero esserci DUE pin per ogni gruppo di celle? Oppure le collego tutte sulla stessa linea di massa? :preoccupato:



E ome si fa ad avere dati certi e sicuri sulle tensioni che indicano lo stato di "scarico" e "carico" per i vari tipi di batteria?



Ciao jumpjack,



allora per come collegare questo "allarme" c'è lo schema riportato sul retro che è abbastanza semplice:

23603

in pratica se hai 3 celle in serie colleghi così (occupi 4 pin): -(collegamento al circ) [cella1]+(collegamento al circ)-[cella2]+(collegamento al circ)-[cella3](collegamento al circ)+

Ricoldati di collegare il pin negativo per ultimo, se non sei sicuro, prima di metterlo sullo scooter prova con altre batterie al litio (da cellulare/computer/modellismo etc..). La cosa bella di quel circuito è che puoi settare i valori a cui scatta l'allarme da 2.7v a 3.8v, oppure tenere l'allarme spento.
Questo piccolo circuito mi permette il lusso (per ora) di non avere un bms sulla mia batteria li-ion.


video:
<object type="application/x-shockwave-flash" width="400" height="300" data="http://www.flickr.com/apps/video/stewart.swf?v=109786" classid="clsid<img src=" http:="" www.energeticambiente.it="" images="" smilies="" biggrin.png"="" border="0" alt="" title="Big Grin" smilieid="3" class="inlineimg">



<embed type="application/x-shockwave-flash" src="http://www.flickr.com/apps/video/stewart.swf?v=109786" bgcolor="#000000" allowfullscreen="true" flashvars="intl_lang=en-us&photo_secret=dee6d0c96d&photo_id=7165805978" height="300" width="400"></object>





Per quanto riguarda le batterie, ogni chimica, ma anche ogni produttore ha la sua "curva" di scarica, una volta che hai il grafico ti puoi fare un'idea di "dove" (= quale range espresso in volt) la bat è carica/scarica. Per chi non ha apparecchiature professionali, si può risalire alla curva di scarica (anche se non accuratissima ovviamente) con il metodo che ho descritto qui (http://www.energeticambiente.it/pile-e-batterie/14748175-batteria-li-ion-per-e-bike-costruita-con-batterie-laptop-morte-36v-24ah.html).

Spero di averti chiarito le idee.

jumpjack
20-05-2012, 13:10
in pratica se hai 3 celle in serie colleghi così (occupi 4 pin): -(collegamento al circ) [cella1]+(collegamento al circ)-[cella2]+(collegamento al circ)-[cella3](collegamento al circ)+
Chiarissimo! :cry:

roby.lt
20-05-2012, 15:07
......come collegare questo "allarme" c'è lo schema riportato sul retro che è abbastanza semplice:in pratica se hai 3 celle in serie colleghi così (occupi 4 pin): -(collegamento al circ) [cella1]+(collegamento al circ)-[cella2]+(collegamento al circ)-[cella3](collegamento al circ)+ ......La cosa bella di quel circuito è che puoi settare i valori a cui scatta l'allarme da 2.7v a 3.8v, oppure tenere l'allarme spento.
Questo piccolo circuito mi permette il lusso (per ora) di non avere un bms sulla mia batteria li-ion.....

Con un pacco batterie di 41 celle serviranno 6 di questi allarmi, il problema sarà dove si possono posizionare in uno scooter, perchè per essere visibili esternamente potrebbero subire danni con la pioggia o accidentali.
Questo sistema di allarmi può sostituire un bms?

Spuzzete
20-05-2012, 15:36
Con un pacco batterie di 41 celle serviranno 6 di questi allarmi, il problema sarà dove si possono posizionare in uno scooter...
Questo sistema di allarmi può sostituire un bms?

Ciao roby.It,

Hai ragione, il problema è dove posizionarli. Nel mio caso è semplice, ho una bici con una batteria da 10 celle, quindi 2 allarmi. Io li ho "nascosti" nel contenitore della bat, ma posso sentirli se vanno in allarme (sono estremamente fastidiosi). Capisco se c'è un problema serio (non dovuto al calo di tensione quando ad esempio do una "botta" di 30A in partenza) quando ho un allarme in marcia e la tensione sul mio display digitale è anomala (es. cala da 37v a 34v improvvisamente).
Su uno scooter con 20 celle o più la vedo dura, userei questo circuito solo per monitorare eventuali anomalie, perchè riesci a risalire alla cella "cattiva" con semplicità (l'allarme resta attivo per una decina di secondi e puoi sempre vedere le tensioni).
A mio parere è molto più versatile avere qualcosa come quello che sta sviluppando ccriss col suo scooter/arduino qui (http://www.energeticambiente.it/categoria-l3-es-moto-elettriche/14744942-il-mio-scooter-elettrico-con-microprocessore-x-rilevazioni-consumi-2.html#post119329966) .

Questo sistema di allarmi in parte sostituisce il BMS, ma su uno scooter è importante anche bilanciare le celle, oltre che ricaricare in modo rapido, cosa che ormai la maggior parte dei bms fanno, mentre io, data la capacità "piccola" del pacco batterie (24ah) posso usare un CB da modellismo che ha la funzione di bilanciamento con correnti basse per l'ultima fase di carica (siamo sotto 0,5A).


@ jumpjack se decidi di comprare il circuito contattami quando lo ricevi che ti spiego meglio in privato.


:bye1:

jumpjack
20-05-2012, 16:53
Beh, scrivilo nel forum, no? Immagino interessi a tutti!
magari da qualche parte si trova uno schema elettrico di esempio?

roby.lt
20-05-2012, 18:10
Non credo siano 41 celle in serie (160V)....

Dipende a che tensione lavora il tuo motore, uno scooter elettrico con 96celle litio, penso che non esista ancora;
La maggioranza degli scooter elettrici hanno batterie composte dalle 18 alle 21celle, anche se il tuo fosse di quelli funzionanti con due batterie separatamente, anche moltiplicando 21 x 2 = 44celle, siamo molto lontani da 96!!!!

jumpjack
21-05-2012, 08:02
Dipende a che tensione lavora il tuo motore, uno scooter elettrico con 96celle litio, penso che non esista ancora;
La maggioranza degli scooter elettrici hanno batterie composte dalle 18 alle 21celle, anche se il tuo fosse di quelli funzionanti con due batterie separatamente, anche moltiplicando 21 x 2 = 44celle, siamo molto lontani da 96!!!!
No no, le ho proprio contate di persona, in ogni batteria ci sono 96 celle in configurazione 16S6P, ognuna da 4V/4 Ah; totale: 64V/24Ah.



http://jumpjack.files.wordpress.com/2012/03/sam_2106.jpg?w=300&h=225

La maggior parte degli scooter va invece a 48V (4 batterie al piombo da 12V), non so perchè il mio sia così "strano"...
Pero' anche alcuni al litio vanno a 48V, immagino si tratti di 12SxP.

roby.lt
21-05-2012, 08:39
In generale è meglio una batteria senza alcuna cella in parallelo, nel tuo caso sarebbe molto meglio una batteria composta da 16celle da 24Ah, per due importanti motivi: 1) meno elementi da controllare (il tuo bms probabilmente controllerà ogni singolo pacchetto e non singola cella) con più precisione di controllo; 2) 24Ah presi da celle singole sopportano sicuramente uno spunto maggiore rispetto ai pacchetti in parallelo da 6x4Ah.

jumpjack
21-05-2012, 09:05
Probabilmente le "cellone" da 24 Ah sono composte di celle da 4Ah, che credo sia l' "unità minima" per le batterie al litio.

athlon
21-05-2012, 13:36
LA disputa tra paralleli di celle commerciali in formato simil stilo contro le celle monolitiche ad alata capacita' ha tenuto banco questa primavera al EV Battery forum.

Il parallelo di tante piccole celle permette di abbassare tantissimo i costi , sia perche' le celle piccole sono un prodotto industriale sia perche' permettono di ridurre i magazzini consentendo una ottima granularita' di capacita'.

Dal punto di vista dell' affidabilita' e' vero che facendo il parallelo di piu' celle e' piu' probabile che ce ne sia una che da problemi , pero' daltro canto l'affidabilita' delle celle industriale e' di circa 2 ordini di grandezza maggiore rispetto alle celle monolitiche.
Quindi finche' non si supera la soglia delle 100P l'affidabilita' teorica e' maggiore in un pacco costruito da celle industriali.
(IN TEORIA)

La sorpresa e' venuta fuori da uno studio condotto su circa 2000 veicoli ( sia scooter che bici ) dotate di pacchi di celle in parallelo , infatti il mettere in parallelo le celle distrugge l'affidabilita' perche' non sempre e' garantita l'ottimale distribuzione delle correnti , quindi se i collegamenti tra le varie celle del pacco non sono piu' che perfetti si innesca un effetto domino dove una singola cella in crisi trascina tutte le altre verso l'usura prematura.

Come risultato di questo studio si e' quindi capito che pacchi di celle industriali servono ad abbattere i costi produttivi , a scapito pero' della durata delle batterie stesse nel cao di configurazioni con molte celle in parallelo.
Dallo studio e' risultato che fino a 10P l'affidabilita' dei pacchi costituiti da molte celle e' superiore rispetto a quelli con celle monolitiche , passata questa soglia le imperfezioni di collegamento e le correnti in gioco rendono molto difficile il bilanciamento dei paralleli e quindi le celle industriali si usurano prematuramente.

Infine le celle monolitiche garantiscono una maggiore densita' di energia , cioe' a parita' di capacita' sono piu' piccole e piu' leggere , perche' c'e' piu' materiale attivo e meno impacchettamento.

Spuzzete
21-05-2012, 16:48
La sorpresa e' venuta fuori da uno studio condotto su circa 2000 veicoli ( sia scooter che bici ) dotate di pacchi di celle in parallelo , infatti il mettere in parallelo le celle distrugge l'affidabilita' perche' non sempre e' garantita l'ottimale distribuzione delle correnti , quindi se i collegamenti tra le varie celle del pacco non sono piu' che perfetti si innesca un effetto domino dove una singola cella in crisi trascina tutte le altre verso l'usura prematura.



Sono d'accordo, anche perchè ho potuto verificare "di persona" avendo costruito un pacco bat con celle di tipo "18650". Se non si presta attenzione a come si parallelano le celle tra loro, s'incontrano problemi di bilanciamento (i voltaggi sono "sballati" tra celle dello stesso "blocco"). A mio parere si dovrebbe lavorare sui materiali ed i metodi (es.spot welding etc.) per risolvere un po' il problema, secondo me è tecnologicamente possibile, resta da vedere la convenienza in termini di costo.

Spuzzete
21-05-2012, 18:05
Beh, scrivilo nel forum, no?

Ok, si sarebbe dovuto capire dalla descrizione e dalle immagini e video postati, ma visto che a quanto pare non si riesce a capire ho fatto un disegno, sperando che sia piu chiaro:

23618
:bye1:

jumpjack
21-05-2012, 20:20
Ok, si sarebbe dovuto capire dalla descrizione e dalle immagini e video postati, ma visto che a quanto pare non si riesce a capire ho fatto un disegno, sperando che sia piu chiaro:

23618
:bye1:
Ma lo hai preso da qualche parte o lo stai ipotizzando? A me sembra uno schema un po' strano, boh.

athlon
21-05-2012, 20:57
@Spuzzete come monito mi sono trovato ottimamente con i CellLog , anche loro arrivano ad 8S pero' oltre ad avere allarimi di overvolting , undervolting sia di serie che di singola cella hanno anche un comodo display che ti permette di vedere istante per istante il voltaggio di ongi singola cella , in piu' tramite l' USB puoi registrare tutto quello che avviene nelle batterie , il problema e' che sono abbastanza costosi , ogni CellLog costa quasi 30 euro :(

Spuzzete
21-05-2012, 22:20
A me sembra uno schema un po' strano, boh.

Sono sicuro al 100%, in che senso strano? Questa è la configurazione che è anche usata su gran parte dei CB & batterie da modellismo. Sto usando la stessa configurazione dell'immagine da mesi senza problemi e su diverse batterie.


@athlon si, avrei scelto anche i cellLog, soprattutto per la possibilità di scaricare i dati via usb, ma il costo era per me eccessivo dato che volevo costruire una batteria "low cost" e non ero certo di poterci riuscire.

jumpjack
22-05-2012, 07:48
Sono sicuro al 100%, in che senso strano?
Nel senso che non corrisponde alla marcatua dei pin, e nel senso che con questa configurazione puoi monitorare al massimo 4 celle in serie e ti avanza un pin, mentre l'aggeggio è dato per 8 celle in serie.
Pero' non so se ha senso collegare tutte le celle alla stessa massa, quindi non capisco.
Ma lo vendono senza uno schema di collegamento?!?

jumpjack
22-05-2012, 08:08
Nel senso che non corrisponde alla marcatua dei pin, e nel senso che con questa configurazione puoi monitorare al massimo 4 celle in serie e ti avanza un pin,
Ah no, ho visto male, mi pareva avessi saltato un pin.
ma resta il fatto che l'uso di un componente elettronico non si puo' ipotizzare, serve un datasheet!

athlon
22-05-2012, 08:49
:D :D :D ma come serve un datasheet ... il collegamento e' STAMPATO in grande ed in BLU direttamente sul componente , piu' semplice di cosi!!!!

il pin sulla Dx e' il negativo del pacco , poi mano a mano connetti le celle ai terminali 1S ,2S 3S a seconda di quante celle hai in serie , e' lo stesso pinout di tutti i monitor di voltaggio che tra l'altro hanno i connettori tutti uguali e che sono uguali ai connettori di bilanciamento che ci sono sulle batterie da modellissmo

jumpjack
22-05-2012, 09:04
:D :D :D ma come serve un datasheet ... il collegamento e' STAMPATO in grande ed in BLU direttamente sul componente , piu' semplice di cosi!!!!
Quella è solo la piedinatura, non c'e' scritto cosa devi collegare ai piedini. E per esempio in corrispondenza del "+"... non c'e' niente (?!?)
A me per esempio verrebbe in mente di collegare TUTTE le batterie al "-" e poi ogni batteria ad un piedino diverso (ma ancora non capisco cosa indichi il "+").

Ci vorrebbe qualcosa (datasheet, manuale, quello che vuoi) che indichi esattamente se è giusta la mia idea o la tua.
Probabilmente la mia è sbagliata perchè così metterei in corto le batterie, e funzionerebbe solo staccandole l'una dall'altra.... :D ma possibile che se uno si compra quest'affarino, lo puo' usare solo chiedendo lumi su un forum, o stando li mezz'ora a studiarselo e a tirare a indovinare?!?
Mi pare strano, ma tutto puo' essere!

athlon
22-05-2012, 09:11
dove c'e' scritto + devi collegare il + del pacco quando hai raggiunto le 8S.

Di solito chi si compera questo affarino ( oppure un CellLog) manco sta a chiedersi come collegarlo , inserisce la spina di bilanciamento del pacco batterie e lo usa.

Boh , forse per me e' semplice perche' con questi affarini ci ho viaggiato per quasi 5000 Km ( la macchina elettrica che ho usato per andare da Milano a Dakar aveva come sistema di monitoraggio 8 CellLog) pero' ti assicuro che non ho fatto fatica a capire i collegamenti e che basta e avanza quello che c'e' stampato sopra in blu

jumpjack
22-05-2012, 10:26
dove c'e' scritto + devi collegare il + del pacco quando hai raggiunto le 8S.
Boh...
Stando al tuo collegamento:
Batteria 1: -/1s
Batteria 2: 1s/2s
Batteria 3: 2s/3s
Batteria 4: 3s/4s
Batteria 5: 4s/5s
Batteria 6: 5s/6s
Batteria 7: 6s/7s
Batteria 8: 7s/8s

Il pin "+" "avanza". (ma c'e' un pin sotto al "+"?!? O un buco? Io vedo 9 pin ma 10 etichette: da 1S a 2S, +, - )


http://www.energeticambiente.it/attachments/categoria-l3-es-moto-elettriche/23618d1337619891-tikey-gts-lukas-two-5000w-scooter-informazioni-prove-ecc-colleg.jpg
Ho trovato questa mezza specie di datasheet (http://www.abc-rc.pl/templates/images/files/995/4in1-multi-test-meter-user-manual.pdf), che dice che questo cosino in realtà non si può usare da solo, ma andrebbe collegato a questo coso (http://www.aliexpress.com/fm-store/405418/0-553686879/4-in-1-Multi-Test-Meter-Servo-tester-Performance-testing-of-ESC-11660.html).

roby.lt
22-05-2012, 10:43
.....descrizione e dalle immagini e video postati....

Volevo sapere se il valore più basso impostabile dell'allarme è 2,7V o anche meno?
Dopo che ha suonato in marcia, è possibile vedere a veicolo fermo la cella incriminata?

Spuzzete
22-05-2012, 16:20
Volevo sapere se il valore più basso impostabile dell'allarme è 2,7V o anche meno?


No ad entrambe le domande. Purtroppo è un sistema un po' economico (alla fine sono 4 dollari circa l'uno inclusa spedizione),ma il Cell-log (http://www.hobbyking.com/hobbyking/store/uh_viewItem.asp?idProduct=9282) citato da athlon dovrebbe essere in grado di supportare entrambe le cose anche se ovviamente più costoso.

@ Jumpjack

Questo è lo schema dei collegamenti per il bilanciamento delle celle che è nel manuale dell' Imax B6, un CB molto diffuso (migliaia di persone??)

23650

Come vedi lo schema di collegamento è praticamente identico.

jumpjack
23-05-2012, 09:50
oh, finalmente un datasheet! :-)

roby.lt
23-05-2012, 10:46
E' identico al disegnino che ti aveva fatto prima!!!!

jumpjack
23-05-2012, 12:44
C'e' una piccola differenza: quello l'ha fatto il costruttore.

carest
05-07-2012, 22:29
C'e' una piccola differenza: quello l'ha fatto il costruttore. si... ma del caricabatterie IMAX B6; quindi per 6 celle.
Comunque per 8 celle lo schema continua cosi e arriva all'ottava cella (nono piedino) con il positivo, che è un unico collegamento con il pin marcato 8s, quindi 9 pin e 10 scritte in blu (- 1s 2s 3s 4s 5s 6s 7s 8s +). Effettivamente può creare un pò di confusione.

@spuzzete; da una settimana ho l'IMAX B6 e insieme ho preso anche questo cell log... non ho ancora i cavi giusti per il collegamento e per il bilanciamento, quindi non ho ancora potuto provarli per bene, comunque è vero: le spiegazioni su come fare a settare gli allarmi non sono proprio scritte da nessuna parte... appena riesco provo a farlo spingendo l'unico pulsante che c'è.

Il miglior suggerimento sul funzionamento l'ho avuto da te quando hai scritto di collegare il negativo per ultimo.
Prima di svegliare tutti con il beep di allarme (che si sente bene), potresti dirmi la sequenza per disattivarla? Grazie mille.

Spuzzete
06-07-2012, 05:26
Il miglior suggerimento sul funzionamento l'ho avuto da te quando hai scritto di collegare il negativo per ultimo.
Prima di svegliare tutti con il beep di allarme (che si sente bene), potresti dirmi la sequenza per disattivarla? Grazie mille.

Ciao Carest,

nella parte opposta ai pin c'è un pulsante per settare gli allarmi. Premilo ripetutamente (devi avere bat collegate) finchè compare la scritta "off". In quel modo l'allarme è disattivato.
Miraccomando non fare questa operazione in orari strani..l'allarme, come hai già visto, è bello forte!!

:bye1:

jumpjack
06-07-2012, 08:44
Gente, ho trovato la soluzione a tutti i nostri problemij di monitoraggio e logging!!!
Cercate quesdti compo sul sito texas instruments:
B34qz100. Fuel gauge fino a65 volt
Bq76pl536a-q1. 6 celle, comunicazione tramite SPI
Ma il più fico è questo:
Bq77pl900. 10 celle, com. I2C, 3 euro
Oppure:
Bq79625 6 celle, I2C, 1 euro!!!

Sono persino disponibili campioni gratuiti !
Io ho ordinato 5 o 6 compo diversi, vediamo se arrivano...
Nel frattempo mi sono arrivati i campioni di ad7280 della analog device, che ho ordinato quando nokn avevo ancora scoperto questi,vedremo nel weekend cosa ne esce.:-)

GianniTurbo
20-02-2015, 11:42
http://pages.ebay.com/link/?nav=item.view&id=181395295826&alt=web Ma se metto 16 circuiti in serie del genere ottengo un bms rudimentale?

tonini_mingoni
21-02-2015, 22:42
....mah....a me da l'idea di un alimentatore da 1 Amp che ti carica 1 cella a 4,20Vdc.........1Amp. di carica.....dove vai a finire?CiaoFox

Stregatto
09-04-2015, 11:18
Non ricordo dove se n'era già parlato, ma questo topic mi sembra quello giusto.
Normalmente per la mia fotocamera digitale (una vecchia Nikon Coolpix che continuo a usare perchè a differenza dei modelli recenti dà i tempi e i diaframmi impostati e permette di gestire la esposizione) uso delle pile ricaricabili al litio, che come si era già detto hanno una tensione più bassa di quelle al NiMh, per cui dopo un po' di foto la macchina mi dice che la batteria è esaurita e le devo cambiare; così devo girare con le tasche piene di pile di ricambio.
In gennaio avevo lasciato a casa i ricambi e quando le pile in macchina si sono scaricate sono andato da un fotografo a comprarne due non ricaricabili (per risparmiare). Il fotografo ha invece insistito per vendermi (a caro prezzo) due pile al litio Energizer Ultimate Lithium, non ricaricabili ma a sentire lui di lunga durata.
Le ho usate, poi le ho lasciate dentro proponendomi di buttarle quando scariche.
Sono durate 370 foto, fino alla settimana scorsa !
Allora il discorso cambia. Se due pile possono bastarmi per le foto che si fanno normalmente in un viaggio, basta che ne tenga in tasca un paionuove, senza preoccuparmi più delle scorte. Su Amazon costano 6 euro e poi non ci penso più. Che ne dite ?

GianniTurbo
09-04-2015, 11:30
Stregatto non mi quadra quello che dici, gli elementi al litio sono da 3,7 nominali, quelli nimh circa 1,2V. le batterie alacline 1,5
io ho un problema analogo con una macchina fotografica che considera scarica batterie alcaline anche quando sono cariche. (le pile di ikea economiche le considera sempre scariche) io ho risolto usando batterie ricaricabilistilo da 1,6V Nickel Zinco tipo queste con un caricatore dedicato.
2pcs PKCELL colorati 1.6v 2500mah AA Ni-Zn batterie ricaricabili stabiliti: Amazon.it: Elettronica (http://www.amazon.it/colorati-2500mah-batterie-ricaricabili-stabiliti/dp/B00RN0N23M/ref=sr_1_2?s=electronics&ie=UTF8&qid=1428575378&sr=1-2&keywords=ni+zn)

carest
09-04-2015, 11:40
ciao Stregatto
La tensione nominale delle celle al litio ricaricabili (a seconda del tipo) va da 3.2 a 3.7 volt; le celle NiMh ricaricabili sono da 1.2, le batterie alcaline non ricaricabili 1.5..... non capisco quando dici che il litio ha tensione inferiore al NiMh!

Comunque immagino che nella fotocamera hai le celle in formato AA (14500: diametro 14mm e lunghezza 50mm).
Per queste fotocamere la scelta migliore sono le NiMh a bassa autoscarica. Le alcaline si scaricano subito (come hai verificato), le NiMh "normali" dopo pochi giorni da qualndo le hai ricaricate sono già scariche per la macchina fotografica.

Esistono anche delle celle ricaricabili al litio nel formato AA, ma il valore della tensione NON è compatibile con le altre tecnologie.

Le batterie al litio (non ricaribili) che ti ha venduto il negoziante hanno una chimica diversa ed erogano tensioni comparabili alle alcaline, ma durano di più (e pesano anche meno) e costano anche di più. Qual è la migliore è una scelta soggettiva.

Stregatto
09-04-2015, 13:55
Allora mi scuso sul discorso delle tensioni. Ricordavo una vecchia discussione in cui mi pareva si dicesse che le pile ricaricabili al Litio dessero una tensione inferiore e questa fosse la causa dell'apparente minore durata.
Mi ricordavo delle batterie ricaricabili al Litio di un'altra fotocamera mentre le pile a stilo che uso adesso sono al Ni-Mh che danno una tensione inferiore. (guardando bene c'è scritto in piccolo)

E' la prima volta che sento di pile Ni-Zn. Cercherò quelle Mofy e le proverò. Certo non sono economiche...
Aggiungo che cercando su Google si trova che le pile Ni-Zn hanno il difetto (oltre al costo e alla richeista di caricatori dedicati) di una forte autoscarica.

https://cfpmanfredini.wordpress.com/2014/09/01/batterie-ni-zn-il-futuro-delle-pile-ricaricabili/

GianniTurbo
09-04-2015, 14:23
si confermo l'autoscarica. ma per me era l'unica soluzione.