PDA

Visualizza la versione completa : azienda agro-energetica



gio87
09-06-2012, 14:53
è fattibile secondo voi creare un' azienda che produca esclusivamente biogas senza affiancarvi l'allevamento di maiali o bovini che producano dunque reflui da immettere poi nel digestore anaerobico. Ovvero in sostanza un'azienda che ruoti attorno alla produzione di metano e che coltivi esclusivamente i propri terreni per produrre biomassa per andare ad alimentare il digestore? grazie delle risposte.

accise
09-06-2012, 22:25
non credo che questo rientri nella filosofia di questo forum.
lo spirito sarebbe di utilizzare gli scarti da agroallevamento ma non di consumare terreno SOLO per fare energia elettrica.
comunque non so rispondere alla tua domanda ma occhio e croce credo che a livello legislativo non ci debbano essere grossi problemi.

livingreen
09-06-2012, 23:41
Metà degli impianti italiani son fatti in quel modo, e i liquami in certe zone manco li trovi... (e SENZA i liquami, l'impianto lo governi molto meglio)
Nessun problema, quindi.

gio87
10-06-2012, 09:55
Quindi la maggior parte delle aziende che hanno questi impianti coltivano la loro terra solo in funzione della produzione di energia e magari compost? Quanti ettari di terreno sono necessari almeno per far funzionare un impianto di biogas che funzioni senza i liquami degli allevamenti?

jiro180387
10-06-2012, 13:21
dipende dal tipo di rifiuti che vai ad immettere nel digestore e quanta acqua contengono.

a differenza del letame gli scarti agroalimentari contengono molta acqua,c'è bisogno di uno studio di fattibilità.

dovresti chiedere a degli allevatori nelle tue vicinanze se puoi acquistare il loro letame a costi sostenuti e poi mischiarli con lo scarto della lavorazione agricola, oppure anche gli scarti di macellazione se conosci qualcuno nel macello.

livingreen
10-06-2012, 14:55
gli scarti agroalimentari contengono molta acqua
Non ci mettono gli scarti alimentari, anche se poi si può gestire anche la FORSU.
Ci mettono l'insilato di mais, che è già disidratato e predigerito. E si aggiunge l'acqua necessaria...

Ci sono centinaia di impianti del genere, in Italia...

jiro180387
10-06-2012, 15:32
Ripeto dipende molto da cosa si vuole mettere nel di gestore il sig. Gio87 non ha specificato che tipo di biomassa vuole utilizzare.Tutto l'impianto viene costruito in base alla biomassa disponibile.

livingreen
10-06-2012, 16:30
Vero, ma nel primo post leggo "in sostanza un'azienda che ruoti attorno alla produzione di metano e che coltivi esclusivamente i propri terreni per produrre biomassa per andare ad alimentare il digestore?", che è esattamente quel che fanno tutti.

gio87
11-06-2012, 00:20
Io pensavo che la maggior parte degli agricoltori coltivasse e allevasse per produrre risorse alimentari e che quindi la produzione di biogas fosse solo un aspetto secondario dell'azienda, per rendere il tutto sostenibile ed eliminare i costi di smaltimento degli scarti derivati dalle proprie attività. Quindi non è così? Effettivamente ci sono alcune aziende agricole che vivono esclusivamente per produrre energia?

livingreen
11-06-2012, 00:31
Io pensavo che la maggior parte degli agricoltori coltivasse e allevasse per produrre risorse alimentari Agli agricoltori, come a tutti gli altri, non importa una cippa di "produrre risorse alimentari". Sono aziende, e lo fanno per i soldi.
Coi prezzi di mercato attuali, a molti convene una coltura energetica piuttosto che alimentare.

Sorvolo sul fatto che anche prima, solo in pochi casi si producevano alimenti per uso umano... la maggior parte delle colture è per fornire alimentazione agli animali, o per l'industria chimica.


eliminare i costi di smaltimento degli scarti derivati dalle proprie attività Con gli scarti fai biogas solo per alimentare una lucina nel parcheggio. E poi, si fanno impianti milionari, altro che eliminare i costi. Sono investimenti che devono rendere, e per rendere devi dedicare qualche centinaio di ettari alle colture.

apperol
11-06-2012, 09:00
quoto in pieno il post di livingreen
vorrei anche precisare un aspetto che riguarda il digestato (il materiale che esce dopo essere stato digerito)
trovo spesso scritto che la digestione anaerobica permette di "eliminare i costi di smaltimento degli scarti derivati dalle proprie attività" o cose simili.
questo non è corretto perchè con la digestione anaerobica non si smaltiscono i reflui, ma gli si fa un trattamento che li rende un fertilizzante migliore. questo è un vantaggio notevole perchè migliora le proprietà fertilizzanti e permette di impiegare quantità minori o nulle di concimi chimici, ma rimangono da rispettare le normative di spandimento

livingreen
11-06-2012, 09:38
Esatto, direttiva nitrati in primis... se si riesce a starci dentro. Comunque, ho sentito direttamente dagli agricoltori che usano il digestato dei pareri molto positivi... sono molto soddisfatti, insomma.

gio87
11-06-2012, 16:25
Quanti ettari di terra coltivata sono neccessari almeno per far funzionare un impianto di digestione anaerobica?

livingreen
11-06-2012, 16:30
Mah... se parliamo di insilato di mais e di impianto da 1 MW, direi grossomodo trecento. Dipende dalla resa dei campi e del terreno, dalla bontà dell'insilamento, dall'efficienza del digestore, dalla bontà del gas in uscita, dall'efficienza del motore....
Forse dovrei dire fra i 250 ed i 350....

P.S.: direi che questo taglia la testa al toro... sul fatto di utilizzare gli scarti. Anzi, quasi sempre devono associarsi più aziende emettere in comune tutti i terreni, per arrivare a quella superficie.

gio87
11-06-2012, 16:44
A questo punto scusate il fuori tema: qual'è il costo della terra nella pianura padana in zone Milano, Brescia, Cremona e limitrofe?



Mah... se parliamo di insilato di mais e di impianto da 1 MW, direi grossomodo trecento. Dipende dalla resa dei campi e del terreno, dalla bontà dell'insilamento, dall'efficienza del digestore, dalla bontà del gas in uscita, dall'efficienza del motore....
Forse dovrei dire fra i 250 ed i 350....

P.S.: direi che questo taglia la testa al toro... sul fatto di utilizzare gli scarti. Anzi, quasi sempre devono associarsi più aziende emettere in comune tutti i terreni, per arrivare a quella superficie.

livingreen
11-06-2012, 16:46
Dipende dalle zone... ma hai centrato il problema. L'enorme richiesta di terreni per uso energetico sta facendo lievitare i prezzi, e fra un po' solo chi ha terreni già di sua proprietà potrà starci dentro con i ricavi.

jiro180387
11-06-2012, 16:56
Un impianto da 1MW costa e anche parecchio supera i 2 milioni di euro.

gio87
11-06-2012, 17:00
insomma mi pare di capire che per poter render realizzabile un progetto di questo tipo l'investimento economico sia notevole...forse troppo oneroso. Sapete se ci sono aiuti per i giovani imprenditori in questo senso? per chiarire la mia per ora rimane solo curiosità..sono ancora ben lontano dall'essere in procinto di pensare di realizzare un progetto simile. Ma in un futuro non si sa mai. grazie per le risposte intanto.

livingreen
11-06-2012, 17:37
Un impianto da 1MW costa e anche parecchio supera i 2 milioni di euro.Troppo poco. Qualcuno dice di essere in grado di farlo con 2,5 M€... ma poi scopri che mancano un sacco di cose... i geotessili, i liner, le torce, le sicurezze, i ricambi, gli UPS, le rifiniture, il "ripristino degli scavi a parco alberato" previsto nei meravigliosi rendering presentati alla CdS...

Facciamo sui tre milioni e qualcosa, per avere un sistema completo e fatto bene (e senza ruberie, altrimenti il prezzo va su... ma senza che ti diano niente in più). E se è fatto bene, dura i canonici venticinque anni, altrimenti si fallisce appena vengono fuori le magagne.

jiro180387
11-06-2012, 18:59
Troppo poco. Qualcuno dice di essere in grado di farlo con 2,5 M€... ma poi scopri che mancano un sacco di cose... i geotessili, i liner, le torce, le sicurezze, i ricambi, gli UPS, le rifiniture, il "ripristino degli scavi a parco alberato" previsto nei meravigliosi rendering presentati alla CdS...

Facciamo sui tre milioni e qualcosa, per avere un sistema completo e fatto bene (e senza ruberie, altrimenti il prezzo va su... ma senza che ti diano niente in più). E se è fatto bene, dura i canonici venticinque anni, altrimenti si fallisce appena vengono fuori le magagne.

infatti ho scritto supera i 2 milioni di euro , ipotizando un costo medio di 2000 €/KW oltre a mettere tutti gli accessori che alzano ancora di piu il prezzo ,si dovrebbe aggiungere anche un bell'impianto di purificazione del biogas per trasformarlo in metano puro che varia dal 97-99 % e quello costa piu dell'impianto quasi 400-500 mila euro .
diciamo che con 4-5 milioni di euro avresti un mega impianto è un cogeneratore che lavora solo ed esclsivamente a metano rendendo anche l'impianto meno soggetto a manutenzione riducendo cosi i costi di manutenzione.

gio87
13-06-2012, 09:13
In quanto tempo si rientra da un investimento di questo tipo con un impianto da 1 mega?

jiro180387
13-06-2012, 09:57
e matematico se spendi 5 milioni di euro e produci 1 MW/h per 8 ore al giorno sono 8 MW.
diciamo che ogni kw prodotto ti viene pagato a 0,20 € per impianti di questa taglia le tariffe scendono,piu l'impianto è grande meno sarai pagato ma produci di piu.
di quei 8000 Kw (8 MW) devi sottrarre l'autoconsumo della macchina stessa diciamo un 20% ,quindi avrai 6400 kw (6,4 MW) netti da vendere .
ora passiamo ai calcoli
0,20 € * 6400 kw (6,4 MW) = 1280 € giornalieri
faccimo l'esempio annuale con 300 giorni di attività
1280 € * 300 = 384.000 € annuali
di questi 384.000 devi sottrarre le tasse e la manutenzione
per la manutenzione solo il cogeneratore ti costa sui 50.000 €
tra tasse e manutenzione ti sottreggo 150.000 €
384.000 € - 150.000 € = 234.000 €
ora passiamo al calcolo del rientro investimento
5.000.0000 € / 234.000 € = 21 anni
questi sono calcoli approssimativi ho abbondato bisogna vedere realmente quanto costa l'impianto,il gse che tipo di tariffa eroga per tale impianto,il reale consumo dell'impianto che potrebbe essere anche 5% , per finire le tasse e la manutenzione.

gio87
13-06-2012, 10:02
Scusa ma il motore funziona solo 8 ore al giorno? pensavo 24h...21 anni per rientrare da un investimento del genere mi sembrano un eternità..

jiro180387
13-06-2012, 10:10
Scusa ma il motore funziona solo 8 ore al giorno? pensavo 24h...21 anni per rientrare da un investimento del genere mi sembrano un eternità..
questi sono calcoli approssimativi ho abbondato bisogna vedere realmente quanto costa l'impianto,il gse che tipo di tariffa eroga per tale impianto,il reale consumo dell'impianto che potrebbe essere anche 5% , per finire le tasse e la manutenzione.

il cogeneratore puo lavorare non piu di tot. ore all'anno dopo di che devi fare manutenzione , devi pensare al motore dell'auto che dopo tot. km devi fare manutenzione il cogeneratore è un motore piu grosso ma ha le stesse caratteristiche .

gio87
13-06-2012, 10:14
Ok..però da quello che so il motore si ferma solo per qualche giorno l'anno per la normale manutenzione. Il resto delle ore è sempre attivo: 24h su 24...dire che funzioni 300 giorni l'anno mi sembra pochino. Se in un macellificio si fermasse 60 giorni l'anno per quei 60 giorni dove vengono buttati gli scarti?

jiro180387
13-06-2012, 10:28
Ok..però da quello che so il motore si ferma solo per qualche giorno l'anno per la normale manutenzione. Il resto delle ore è sempre attivo: 24h su 24...dire che funzioni 300 giorni l'anno mi sembra pochino. Se in un macellificio si fermasse 60 giorni l'anno per quei 60 giorni dove vengono buttati gli scarti?
hai ragione 8 ore sono poche il progesso e continuo 24 ore su 24 .
il cogeneratore puo lavorare 8000 ore l'anno, 333 giorni all’anno, 24 ore al giorno.
finche non saprai i costi reali avrai solo supposizioni.

livingreen
13-06-2012, 13:52
-Praticamente tutti gli impianti esistenti alla fine del 2011 sono omologati per massimo 999 kW, e godono della tariffa onnicomprensiva di 280 € per MW. E non si fa solo per la tariffa, ma soprattutto per gli obblighi autorizzativi semplificati. Meno del 5% degli impianti installati ha potenze superiori al megawatt.
Le tariffe sono state riviste quest'anno, ed entreranno in vigore nel 2013: saranno da calcolare volta per volta.

_Praticamente nessuno "sottrae l'autoconsumo": per l'autoconsumo si fa uso di un secondo contatore che preleva da rete il necessario... anche perchè sottrarlo dall'immissione in rete sarebbe un suicidio economico.
Ricordiamoci che l'energia venduta ce la pagano 280 euro/MW, quella comprata la paghiamo 100...

- i generatori funzionano tutti a ciclo continuo (perchè anche il digestore funziona "a ciclo continuo". I batteri mica smettono di mangiare, se spegni il motore).
Sono 23,9 MW al giorno per 280 € = 6.700 euro circa al giorno di incasso.
Non si possono superare i 30 giorni di fermata all'anno, a meno che si facciano dei veri disastri col digestore o col motore. Tieni presente che in mezza giornata si cambia metà delle testate, e che in un paio d'ore cambi tutte e sedici le candele.
Comunque, la maggior parte delle fermate sono per bassa qualità del gas.
Quindi, l'incasso lordo annuale è di circa 2.200.000 euro, e questo spega il boom degli anni scorsi.

- "Se in un macellificio si fermasse 60 giorni l'anno per quei 60 giorni dove vengono buttati gli scarti?"
Nel digestore, ovviamente. E' solo il motore, che si ferma.
Ovvio che se si uccide la flora batterica facendo qualche minch***ta nel digestore, allora si dovrà smaltire il superfluo in qualche maniera... ma per fortuna, non capita quasi mai.

jiro180387
13-06-2012, 14:34
l'autoconsumo lo devi sempre sottrarre al totale se guadagni 280 ma devi spendere 100 avrai guadagnato 180.
quindi non avrai piu un incasso di 2.200.000 € ma di 1.440.000 € lordi dove dovrai sotrarre manutenzione e tasse statatali.
partire da zero senza essere gia agricoltori credo sia un riscio.

gio87
13-06-2012, 14:37
Per quale motivo?

partire da zero senza essere gia agricoltori credo sia un riscio.[/QUOTE]

gio87
13-06-2012, 14:39
Poniamo il caso di riuscire a rientrare di 700 mila euro l'anno...nel giro di 5/6 anni si è riusciti a coprire l'investimento iniziale. O sbaglio?

jiro180387
13-06-2012, 14:43
semplice devi acquistare un terreno ,non costano poco stiamo parlando di terreni superiori ai 15 ettari agricoli non boschivi, oppure essere proprietario di un allevamento.
per gli agricoltori e gli allevatori l'impianto di biogas è un di piu la loro fonte principale di guadagno e sempre l'agricoltura e l'allevamento.
dovresti avere una minima esperienza in allevamento e in agricoltura , non credere che sia facile coltivare ed allevare animali.

gio87
13-06-2012, 14:50
Qui allora torniamo al discorso iniziale...lei dice che per gli agricoltori e allevatori l'impianto di biogas è un di più. Ma quindi non ci sono imprenditori agricoli che producono solo energia da biogas e coltivano dunque solo colture dedicate?


semplice devi acquistare un terreno ,non costano poco stiamo parlando di terreni superiori ai 15 ettari agricoli non boschivi, oppure essere proprietario di un allevamento.
per gli agricoltori e gli allevatori l'impianto di biogas è un di piu la loro fonte principale di guadagno e sempre l'agricoltura e l'allevamento.
dovresti avere una minima esperienza in allevamento e in agricoltura , non credere che sia facile coltivare ed allevare animali.

jiro180387
13-06-2012, 14:56
esistono ma non li chiamerei agricoltori li chiamerei sfruttatori di terreni.
queste persone distruggono l'agricoltura e non fanno altro che diminuire le terre coltivate con le conseguenze che conosciamo aumenti dei prezzi.

gio87
13-06-2012, 16:35
Un giovane che volesse aprire un'attività quindi non lo può fare se non si trova già un'azienda avviata dal papà o dal nonno? e comunque il mestiere si impara sul campo...si può sempre imparare partendo anche da zero.


dovresti avere una minima esperienza in allevamento e in agricoltura , non credere che sia facile coltivare ed allevare animali.[/QUOTE]

jiro180387
13-06-2012, 16:43
l'azienda la puoi avviare anche da zero ma metti conto che se non sai nulla di agricoltura e di allevamento vai di fortuna ?
pianti di qua e di la e speri che la fortuna faccia il suo corso , poi la terra e lavorata e non e detto che oggi produca mille domani ne produca altrettanto, pure l'agricoltore che conosce il mestiere da 50 anni ha delle annate non buone.

ti ho inviato un messaggio privato rispondimi li

gio87
13-06-2012, 16:59
Ho risposto...grazie!


l'azienda la puoi avviare anche da zero ma metti conto che se non sai nulla di agricoltura e di allevamento vai di fortuna ?
pianti di qua e di la e speri che la fortuna faccia il suo corso , poi la terra e lavorata e non e detto che oggi produca mille domani ne produca altrettanto, pure l'agricoltore che conosce il mestiere da 50 anni ha delle annate non buone.

ti ho inviato un messaggio privato rispondimi li

gio87
13-06-2012, 17:01
Quello che intendo dire è che qualunque agricoltore è partito da zero e non è nato imparato. Il suo mestiere lo ha appreso col tempo e sbagliando dai proprio errori.

jiro180387
13-06-2012, 17:13
sicuramente nessuno è nato imaparto ma l'agricoltore per essere agricoltore avra avuto qualcuno che gli ha insegnato a diventarlo , non puoi improvvisamente diventare agricoltore ci vuole tempo e farai sicuramete molti ma molti errori che ti costeranno soldi.

livingreen
13-06-2012, 17:15
l'autoconsumo lo devi sempre sottrarre al totale se guadagni 280 ma devi spendere 100 avrai guadagnato 180.E' una cifra pazzesca ed inverosimile. Nessuno dei miei impianti autoconsuma più di 50 kW. Quindi, si producono 999 kW per tutte le 24 ore (cioè 23,97 Mwh) venduti a 280 €/MW e si incassano 6700 euro al giorno... e si consuma 1,2 Mwh al giorno a 120€/MW e si spendono 144 euro.... nemmeno il 2,2 % dell'incasso.


dovrai sotrarre manutenzione e tasse statatali.Sono poche...
Irap all'1,9%, nessuna accisa ed iva agevolata al 10% solo sulla quota non incentivata (Le tariffe incentivanti non sono mai soggette ad Iva, in quanto contributo a fondo perduto.)
Consiglio la lettura della circolare 32/E dell'Agenzia delle Entrate, che ricorda che la produzione di energia rientra in agricoltura a condizione che l'impresa agricola produca direttamente più del 50% delle risorse agroforestali necessarie per la produzione del biogas, il quale a sua volta alimenta l'impianto di produzione di energia elettrica.

jiro180387
13-06-2012, 17:52
scusa consuma 1,2 Mw/h o 1,2 Mw al giorno?
io ho fatto i calcoli in base a cio che hai scritto.
la manutenzione credo non costi poco ogni anno bisogna controllare tutto l'impianto e non credo sia gratis.
produrre un impianto di 999 kw/h devi avere almeno 300-400 ettari

livingreen
13-06-2012, 20:43
scusa consuma 1,2 Mw/h o 1,2 Mw al giorno?MWh, ovviamente. Il megawatt NON è una misura di energia, e nemmeno il Mw/h. Comunque, colpa mia... mi son dimenticato delle acca e delle maiuscole parlando della tariffa onnicomprensiva.

io ho fatto i calcoli in base a cio che hai scritto.1,2 MWh x 120 € = 144 €
In ogni caso, molti "vecchi" impianti non hanno i sistemi efficienti che si usano oggi... ma nonostante questo, non mi è mai capitato di vedere superare i 150 kW di potenza degli ausiliari. Anche triplicando la cifra, quindi, l'incidenza dell'autoconsumo non supera il 6% dell'incasso.

la manutenzione credo non costi poco ogni anno bisogna controllare tutto l'impianto e non credo sia gratisIncide per circa 0,1 €cent per kWh. Ma dimentichi quel che costa davvero: la biomassa.
Bisogna arare, seminare, concimare, irrigare, trattare, raccogliere e stoccare... cose costose, in termini di ore-uomo, di mezzi, di consumo di combustibili, di spazio. Bisogna avere operai per i lavori in campagna, autisti-ruspisti per fresarla e portarla al digestore, bisogna avere operai su tre turni per la conduzione...

jiro180387
13-06-2012, 22:13
la (h) che metti vicino secondo il mio punto di vista vuol dire consumo o produzione oraria se tu scrivi 1,2 MWh vuol dire che consumi 1,2 in un ora.
lo sai vero che ogni 10.000 ore devi far controllare la testata del cogeneratore?
poi ogni 20.000 ore fasce/bronzine/anelli di tenuta?
per non parlare dei filtri che devono essere sostituiti o rigenerati.

livingreen
14-06-2012, 08:26
Jiro, sei completamente fuori strada..


secondo il mio punto di vista vuol dire consumo o produzione oraria se tu scrivi 1,2 MWh vuol dire che consumi 1,2 in un oraNo, è sbagliato. Il Watt è una misura della potenza, mentre il wattora, o il joule, o la caloria, sono misure di energia.Non è stata aggiunta semplicemente una acca alla fine, è proprio un'altra unità di misura.
Nel post avevo anche specificato che si tratta di 1,2 MWh al giorno.

l
o sai vero che ogni 10.000 ore devi far controllare la testata del cogeneratore?
poi ogni 20.000 ore fasce/bronzine/anelli di tenuta?
per non parlare dei filtri che devono essere sostituiti o rigenerati.Beh, dal momento che è stato il mio lavoro, posso dire di saperlo benissimo... ma sui tempi non sono tanto d'accordo.
Intanto, i motori NON hanno una testata, ma come avevo già detto hanno testate singole per ogni cilindro. Poi ogni 2000 ore si cambiano le candele e l'olio e si controllano le valvole, ogni 4000 endoscopia delle testate, ogni 16000 si rifanno le testate etc..
Ho un elenco di due pagine, ma il punto rimane lo stesso: quasi tutti, come noi, se ne fregano altamente... perchè si fanno i contratti full service con le aziende, e fanno tutto loro a fronte del pagamento di una quota per ogni kW prodotto, che avevo già indicato nel post precedente.

jiro180387
14-06-2012, 10:42
per sapere cosa vuol dire la (h) se non vuol dire produzione ora che unita di misura sarebbe?

apperol
14-06-2012, 11:05
è l'energia prodotta da un ora di funzionamento di 1 "motore" di 1 MW di potenza
1,2 MWh è l'energia che avrebbe prodotto un motore da 1 MW se avesse funzionato al 100% per 1,2 ore. o un motore da 500 kW se avesse funzionato per 2,4 ore ecc..

come dice livingreen non bisogna farsi trarre in inganno da come è scritta l'unità di misura
la stessa energia può essere prodotta in un giorno, mese ecc

provo a spiegare con un esempio:
è come se tu avessi un rubinetto d'acqua che eroga 1000 litri/ora quando è aperto al massimo. questa è la sua "potenza" massima (1 MW di potenza del motore)
a fine giornata nel secchio hai trovato 1200 litri (1,2 MWh) e questa è l'"energia" che ha prodotto
quindi il rubinetto ha funzionato per 1200 litri prodotti / (1000 litri/ora*24 ore di un giorno)= 5% di energia prodotta rispetto alla sua potenza massima

jiro180387
14-06-2012, 11:56
scusate fatemi capire per voi se io scrivo in un giorno consumo 1kwh e la stessa cosa di scrivere consumo in un giorno consumo 1 kw?
la (h) è un unita di misura che non signifa niente?

apperol
14-06-2012, 12:36
no, scrivere che in un giorno consumi 1 kW non vuol dire niente. è come se tu hai un trattore e dici che il tuo trattore fa 100 cavalli al giorno di lavoro.
se ce l'hai spento in garage non fa nessun lavoro, o se lo tieni a bassi giri puoi fargli fare meno lavoro che se lo tieni al massimo

esempio stupido (tra parentesi trovi il parallelo con le potenze elettriche):
hai un trattore da 100 cavalli (esempio un motore elettrico da 10 kw)
devi arare, e sai che se tieni il motore a massima potenza puoi arare 1 ettaro all'ora (puoi produrre al massimo 10 kwh ogni ora)

-lunedì lavori 3 ore perchè poi vai dalla morosa, hai arato 3 ettari (hai prodotto 30 kwh al giorno)
-martedì la morosa va con le sue amiche e tu lavori 8 ore, quindi ari 8 ettari (martedì produci 80 kwh al giorno)
-mercoledì piove e non fai niente e ari 0 ettari (produci 0 kwh al giorno)

la potenza del trattore che tu avevi è sempre la stessa, ma nei 3 giorni hai prodotto tre quantitativi di energia (o lavoro) diversi



il kw misura la potenza della macchina (come i CV per i trattori)
il kwh misura l'energia che la macchina produce in un certo periodo (quanti ettari hai arato in quel periodo)

si assomigliano nella scrittura ma misurano 2 cose completamente diverse

ti è più chiaro?

livingreen
14-06-2012, 12:51
1kwh e la stessa cosa di scrivere consumo in un giorno consumo 1 kw?
la (h) è un unita di misura che non signifa niente? Ti stai fissando sul fatto che aggiungere una H alla fine voglia dire "ore", mentre invece la cosa è diversa.
Lasciamo perdere i fatto che si parli di KILO watt e consideriamo solo l'unità di misura:
- il watt (unità di misura della potenza) si indica con (W)
- il wattora (unità di misura dell'energia) si indica con (Wh)

Sono due unità di misura diverse, che indicano cose diverse anche se si somigliano nella scrittura: come dire "metri" (lunghezza) e "metri cubi" (capacità).
La prima la puoi convertire ad esempio in yarde e la seconda in litri, ma NON puoi convertire la prima nella seconda.

jiro180387
14-06-2012, 13:00
no, scrivere che in un giorno consumi 1 kW non vuol dire niente. è come se tu hai un trattore e dici che il tuo trattore fa 100 cavalli al giorno di lavoro.
se ce l'hai spento in garage non fa nessun lavoro, o se lo tieni a bassi giri puoi fargli fare meno lavoro che se lo tieni al massimo

esempio stupido (tra parentesi trovi il parallelo con le potenze elettriche):
hai un trattore da 100 cavalli (esempio un motore elettrico da 10 kw)
devi arare, e sai che se tieni il motore a massima potenza puoi arare 1 ettaro all'ora (puoi produrre al massimo 10 kwh ogni ora)

-lunedì lavori 3 ore perchè poi vai dalla morosa, hai arato 3 ettari (hai prodotto 30 kwh al giorno)
-martedì la morosa va con le sue amiche e tu lavori 8 ore, quindi ari 8 ettari (martedì produci 80 kwh al giorno)
-mercoledì piove e non fai niente e ari 0 ettari (produci 0 kwh al giorno)

la potenza del trattore che tu avevi è sempre la stessa, ma nei 3 giorni hai prodotto tre quantitativi di energia (o lavoro) diversi



il kw misura la potenza della macchina (come i CV per i trattori)
il kwh misura l'energia che la macchina produce in un certo periodo (quanti ettari hai arato in quel periodo)

si assomigliano nella scrittura ma misurano 2 cose completamente diverse

ti è più chiaro?

-lunedì lavori 3 ore perchè poi vai dalla morosa, hai arato 3 ettari (hai prodotto 30 kwh al giorno)(non al giorno in 3 ore)
-martedì la morosa va con le sue amiche e tu lavori 8 ore, quindi ari 8 ettari (martedì produci 80 kwh al giorno)(non al giorno in 8 ore)
in entrambi i casi avrei prodotto sempre 10 kwh cioe (10kw * 1h)

apperol
14-06-2012, 13:42
-lunedì lavori 3 ore perchè poi vai dalla morosa, hai arato 3 ettari (hai prodotto 30 kwh al giorno)(non al giorno in 3 ore)
-martedì la morosa va con le sue amiche e tu lavori 8 ore, quindi ari 8 ettari (martedì produci 80 kwh al giorno)(non al giorno in 8 ore)
in entrambi i casi avrei prodotto sempre 10 kwh cioe (10kw * 1h)

si, sono giuste entrambe le cose
la misura di energia prodotta la devi sempre riferire ad un arco temporale e per farti più chiarezza ho messo il giorno
negli impianti biogas solitamente l'arco temporale è il giorno o l'anno

è come la bolletta dell'energia che ti arriva a casa: ogni mese tu paghi in base ai kwh che hai consumato, alla quantità di energia che in quel mese hai utilizzato per gli elettrodomestici
se leggi la bolletta e vedi che hai 3 kW di potenza massima da prelevare (se accendi contemporaneamente elettrodomestici che hanno una somma di potenze di più di 3 kW salta la luce)
non paghi 3 x 24(ore) x 30 (giorni), ma paghi i kwh consumati nel mese quando hai acceso gli elettrodomestici

jiro180387
14-06-2012, 14:37
se tu scrivi io consumo o produco 10 kwh in un giorno io lo traduco in questo modo (10kw * 24h)= tu hai consumato o prodotto 240 kw nell'arco di una intera giornata ti trovi?
se invece tu scrivi io produco 10kwh in 10h io lo traduco in (10kw * 10h)= tu produrrai 100 kw nell'arco di 10 ore.

capisci cosa intendo dire? è sbagliato scrivere il consumo giornaliero semplicemente scrivendo (h) bisogna specificare le ore di esercizio.

apperol
14-06-2012, 15:18
se tu scrivi io consumo o produco 10 kwh in un giorno io lo traduco in questo modo (10kw * 24h)= tu hai consumato o prodotto 240 kw nell'arco di una intera giornata ti trovi?
se invece tu scrivi io produco 10kwh in 10h io lo traduco in (10kw * 10h)= tu produrrai 100 kw nell'arco di 10 ore.

no, traduci sbagliato. mi spiace non riuscire ad esserti chiaro, ma non è questione di opinione
secondo il tuo calcolo dovresti pagare delle bollette elettriche stratosferiche :)

riprovo così

fai conto che tu in casa hai solo un elettrodomestico, una lavatrice, che ha un solo motore da 3 kw per funzionare
se la fai funzionare per 2 ore al giorno tutti i giorni, a fine mese quanta energia ti fattura l'ENEL?

jiro180387
14-06-2012, 15:48
il motore consuma 3kw a pieno carico quindi 2h al giorno sono 6 kw al giorno * 30 giorni = 180 kw oppure semplicemente 3kw *60 h=180 kw

se ti dico io ho un impianto di biogas che produce 10kwh quanti kw produco in un giorno?

e la stessa cosa se dico ho un impianto di 240kwh?

apperol
14-06-2012, 16:13
il motore consuma 3kw a pieno carico quindi 2h al giorno sono 6 kw al giorno * 30 giorni = 180 kwh oppure semplicemente 3kw *60 h=180 kwh

se ti dico io ho un impianto di biogas che produce 10kwh quanti kw produco in un giorno?
è sbagliata la domanda, cosi non ha senso
se la tua domanda è "ho un impianto a biogas di 10 kw che funziona tutto il giorno, quanti kwh produco in un giorno?" la risposta è ovviamente 240 kwh

e la stessa cosa se dico ho un impianto di 240 kwh?
no, è quasi la stessa cosa che se dico che ho un impianto che fa 240 kwh al giorno
perchè il mio impianto potrebbe essere da 20 kw di potenza e lavorare solo 12 ore al giorno. farei sempre gli stessi 240 kwh al giorno

apperol
14-06-2012, 16:15
ho dimenticato una cosa

il motore consuma 3kw a pieno carico quindi 2h al giorno sono 6 kwh al giorno * 30 giorni = 180 kwh oppure semplicemente 3kw *60 h=180 kwh

jiro180387
14-06-2012, 16:27
la (h) serve a far capire il lasso di tempo cioè un ora.

no, è quasi la stessa cosa che se dico che ho un impianto che fa 240 kwh al giorno
perchè il mio impianto potrebbe essere da 20 kw di potenza e lavorare solo 12 ore al giorno. farei sempre gli stessi 240 kwh al giorno
ti sbagli se dici io produco 240 kwh al giorno vuoi dire 240kw * 1h la (h) che metti vicino ai watt vuol significare il tempo.

Wikipedia:
Il wattora (simbolo W·h, W h oppure Wh) è un'unità di misura (http://it.wikipedia.org/wiki/Unit%C3%A0_di_misura) dell'energia (http://it.wikipedia.org/wiki/Energia), definita come l'energia necessaria a fornire una potenza di un W (http://it.wikipedia.org/wiki/Watt) per un'h (http://it.wikipedia.org/wiki/Ora).
Esempi Una stufa da 1000 watt (1 kW) accesa per un'ora utilizza un chilowattora (pari a 3,6 megajoule) di energia.
Una lampadina da 60 watt accesa per un' ora consuma 0,06 chilowattora di elettricità.
Una lampadina da 60 watt accesa per mille ore (200 giorni per cinque ore al giorno) consuma 60 chilowattora di elettricità.

apperol
14-06-2012, 16:53
scusa Jiro, ma mi sembra che tu stia prendendo la cosa sul personale
qui non è una questione di opinione ed io sto semplicemente cercando di spiegarti un concetto che non ti è chiaro
io ce l'ho ben chiaro perchè ci lavoro e so di cosa sto parlando, ma evidentemente non riesco a trasferirtelo

wikipedia scrive esattamente quello che sto cercando di spiegarti

la (h) che metti vicino ai watt vuol significare il tempo: è qui l'errore che commetti. perchè, il Wh , come dice wikipedia è una misura di quantità di energia (è la stessa quantità di energia che produce un potenza di 1 W in un'ora)
il Wh è come il litro, misura una quantità (non farti fuorviare dal fatto che vedi la h)
posso produrre quella quantità in diversi modi, utilizzando diverse potenze per tempi diversi

voglio produrre una quantità di acqua 1200 litri in un giorno
posso farlo:
-utilizzando un rubinetto di portata 50 litri/ora tenendolo aperto per tutte le 24 ore
-utilizzando un rubinetto di portata 100 litri/ora tendendolo aperto per 12 ore
-utilizzando un rubinetto di portata 4400 litri/ora tenendolo aperto per 0,5 ore
ecc..
alla fine del giorno ho sempre lo stesso quantitativo di acqua

ora se sostituisci le parole
-quantità di acqua con energia
-litri con kwh (unità di misura delle quantità)
-portata con potenza
-litri/ora con kw (unità di misura delle potenze)
ottieni il parallelo con l'energia

livingreen
14-06-2012, 16:55
a (h) serve a far capire il lasso di tempo cioè un ora.No, come abbiamo già detto. E come dice anche Wikipedia.
"Una lampadina da 60 watt accesa per mille ore (200 giorni per cinque ore al giorno) consuma 60 chilowattora di elettricità. "


se tu scrivi io consumo o produco 10 kwh in un giorno io lo traduco in questo modo (10kw * 24h)= tu hai consumato o prodotto 240 kw nell'arco di una intera giornata ti trovi?
se invece tu scrivi io produco 10kwh in 10h io lo traduco in (10kw * 10h)= tu produrrai 100 kw nell'arco di 10 ore.E' esattamente il contrario: "10kwh in 10h" = 10 kWh DIVISO dieci ore = 1 kWh ogni ora
E se la potenza è rimasta costante, vuol dire che hai un generatore da un kW

Anche qui: "tu produrrai 100 kw nell'arco di 10 ore".... non produci dei chilowatt, ma dei chilowattora.

Forse è più semplice se usiamo le unità di misura "ufficiali" . Un watt equivale ad un joule al secondo (ed è l'unità di misura della potenza).
Basta moltiplicarlo per i secondi in cui il nostro ipotetico generatore è rimasto in funzione, ed otteniamo l'energia prodotta.

Matematicamente è ancora più semplice: abbiamo i watt (joule/sec) moltiplicati per i secondi che ci sono in un ora (3600). Quindi fra moltiplicazioni e divisioni il tempo si elide, e resta solo l'energia (cioè i joule, che si possono poi convertire in wattora)

jiro180387
14-06-2012, 17:07
"Una lampadina da 60 watt accesa per mille ore (200 giorni per cinque ore al giorno) consuma 60 chilowattora di elettricità. "
60 w in 1000 h specifica le ore di lavoro.

voglio produrre una quantità di acqua 1200 litri in un giorno
posso farlo:
-utilizzando un rubinetto di portata 50 litri/ora tenendolo aperto per tutte le 24 ore
-utilizzando un rubinetto di portata 100 litri/ora tendendolo aperto per 12 ore
-utilizzando un rubinetto di portata 4400 litri/ora tenendolo aperto per 0,5 ore
ecc..
alla fine del giorno ho sempre lo stesso quantitativo di acqua

non l'ho presa sul personale ti voglio far capire se scrivi che produci 50 litri/h non e la stessa cosa di dite che produci 4400 litri/h.
in 1 ora hai prodotto 50 litri, in 50 min hai prodotto 4400 litri .
il totale e sempre quello ma i tempi cambiano se tu scrivi 50litri/h e 100litrii/h senza spegificare itempi non è la stessa cosa.
se specifichi le ore di lavoro sono d'accordo ma dire che (h) senza specficare ore giorni o anno significa semplicemente 1 ora.

apperol
14-06-2012, 17:27
non l'ho presa sul personale ti voglio far capire se scrivi che produci 50 litri/h non e la stessa cosa di dite che produci 4400 litri/h.
certo che non sono la stessa cosa
sono 2 potenze diverse
possono produrre la stessa energia lavorando per tempi diversi

in 1 ora hai prodotto 50 litri, in 30 min hai prodotto 4400 litri
si, quindi per produrre le stesse quantità lavoreranno per tempi diversi

il totale e sempre quello ma i tempi cambiano se tu scrivi 50litri/h e 100litri/h senza specificare i tempi non è la stessa cosa.
ho specificato bene i tempi, infatti ti ho scritto:
-utilizzando un rubinetto di portata 50 litri/ora tenendolo aperto per tutte le 24 ore
-utilizzando un rubinetto di portata 100 litri/ora tendendolo aperto per 12 ore

se specifichi le ore di lavoro sono d'accordo ma dire che (h) senza specificare ore giorni o anno significa semplicemente 1 ora.
non ho capito cosa intendi dire

jiro180387
14-06-2012, 17:54
sto dicendo che 1kwh vuol dire che produci 1kw ogni ora mentre 10kwh vuol dire 10kw ogni ora.
"Una lampadina da 60 watt accesa per mille ore (200 giorni per cinque ore al giorno) consuma 60 chilowattora di elettricità. "
60 watt * 1000 h = 60kwh cioe 60kw in un ora.
se tu produci 1 Mwh a fine giornata non puoi dire di produrre 24Mwh ma sempre 1Mwh.

apperol
14-06-2012, 18:07
60 watt * 1000 h = 60kwh cioe 60kw in un ora

no. non è così
se in più persone ti stiamo dicendo la stessa cosa non ti viene il dubbio che forse stai dando una tua interpretazione che non è corretta?

60 kwh significa l'equivalente quantità di energia che produrrebbe una potenza di 60 kw in un ora
non significa per forza che per produrre quella quantità di energia tu debba avere una potenza di 60 kw e farla funzionare per un ora
potresti avere una potenza di 120 kw che funziona per 30 minuti (0,5 ore) e resta ferma per l'altra mezz'ora.
o una potenza di 30 kw che fai andare per 2 ore
alla fine il tuo contatore misurerebbe sempre la quantità di 60 kwh
guarda i contatori ENEL, o le bollette. misurano sempre una quantità di energia in kwh

credo sia stato più chiaro di me livingreen nel suo post
prova a rileggerlo

jiro180387
14-06-2012, 19:05
questo lo so e normale se ho una potenza di 200 kw e la utilizzo 30 min non avro 200kwh ma 100kwh questo è normale , io sto parlando di un cogeneratore che eroga una potenza massima di 1Mwh a fine giornata dopo 24 ore non puoi dire che ha erogato 24Mwh dovrai dire che hai erogato 24Mw.

questo sto dicendo forse sono io con non mi so spiegare.

livingreen
14-06-2012, 22:02
io sto parlando di un cogeneratore che eroga una potenza massima di 1Mwh a fine giornata dopo 24 ore non puoi dire che ha erogato 24Mwh dovrai dire che hai erogato 24Mw.E io ripeto che è esattamente il contrario.

Hai un cogeneratore che eroga una potenza di 1 MW (e non di un MWh), ed alla fine della giornata avrai prodotto 24 MWh di energia (e non 24 MW).
Come ho già detto, si ottiene la potenza media dividendo l'energia per il tempo (kwh/h = kw). E non "moltiplicandola" per il tempo.

Stai confondendo le unità di misura, ma siccome le unità di misura non sono opinioni personali... se fai una piccola ricerca, vedrai quanti siti spiegano esattamente come si fa... eccone alcuni:

http://www.impiantistica.cplocarno.ch/termotecnica/penta/1_Modulo_-_Basi_di_impiantistica/Presentazioni/Presentazione_1_-_corso_11-1.pdf
Che differenza c’è tra kW e kWh? I TagliaLaBolletta.it (http://taglialabolletta.it/che-differenza-ce-tra-kw-e-kwh-e-come-si-passa-dalluno-altro/)
Kilowatts (kW) to kilowatt-hour (kWh) conversion calculator (http://www.rapidtables.com/calc/electric/kW_to_kWh_Calculator.htm)
How to convert kW to kWh? (http://www.rapidtables.com/convert/electric/kW_to_kWh.htm)
Watt - Wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Watt)
[url=http://www.mas-energia.it/glossario/56-k.html]K: kW, kWh. . . kWUnit


Modifica:
Il sistema del forum mi ha mangiato una parte dei link, ma penso che quelli rimasti siano più che sufficienti

apperol
15-06-2012, 09:17
si, stai scambiando le unità di misura
è lì il tuo errore

jiro180387
15-06-2012, 09:55
scusate per voui la (h) cosi cosa vuol significare per me significa 1 ora per voi?nella (h) e sotto inteso il numero 1 non 2-3-4-5 ecc...
se voi avreste un elettrodomestico acceso per 1 ora che consuma 1 kw di potenza trandotto in energia sarebbe 1kwh (1kw *1h), se voi lo rimarrrste acceso per 24h ,consumereste 24kw cioè 1kw * 24h non 24kw * 1h sono due cosumi differenti.

se tu scrivi semplicemente 24kwh viene tradotto in 24kw*1h
se tu scrivi 24kw in 24h viene tradotto 1kw*1h
per me non sono la stessa cosa.

apperol
15-06-2012, 10:37
"se voi lo rimarrrste acceso per 24h ,consumereste 24kwh"

"se tu scrivi semplicemente 24kwh viene tradotto in 24kw*1h", sei tu che lo traduci così. 24 kwh significa "la stessa quantità di energia che produrrebbe un motore da 24 kW in un'ora di funzionamento"

"se tu scrivi 24kw in 24h viene tradotto 1kw*1h" nessuno scriverebbe mai una cosa del genere perchè non significa niente.
al limite potremmo scrivere 24 kwh in 24 ore

inverti sempre le due unità di misura

livingreen
15-06-2012, 11:39
Ri-ri-ripeto: non è una questione di "cosa significa per me" e cosa significa per voi"... sono UNITA' DI MISURA, e NON vanno interpretate.
Sono così e basta, come da definizione data dagli standard internazionali.


se voi avreste un elettrodomestico acceso per 1 ora che consuma 1 kw di potenza trandotto in energia sarebbe 1kwh (1kw *1h),E questo è giusto...


se voi lo rimarrrste acceso per 24h ,consumereste 24kwQuesto no. Mi devi spiegare perchè se lo moltiplichi per uno, come nell'esempio sopra, lo chiami "kWh" e se invece lo moltiplichi per 24 lo chiami "kW"


cioè 1kw * 24h non 24kw * 1h sono due cosumi differenti.Non sono CONSUMI, quella è la potenza. L'energia, invece è la stessa in tutti e due i casi.

E ri-ri-ripeto, copiando dal post #48:

"Ti stai fissando sul fatto che aggiungere una H alla fine voglia dire "ore", mentre invece la cosa è diversa.
Lasciamo perdere i fatto che si parli di KILO watt e consideriamo solo l'unità di misura:
- il watt (unità di misura della potenza) si indica con (W)
- il wattora (unità di misura dell'energia) si indica con (Wh)

Sono due unità di misura diverse, che indicano cose diverse anche se si somigliano nella scrittura: come dire "metri" (lunghezza) e "metri cubi" (capacità).
La prima la puoi convertire ad esempio in yarde e la seconda in litri, ma NON puoi convertire la prima nella seconda

jiro180387
15-06-2012, 12:09
perche vui sommate l'energia totale in un unica ora ma è sbagliato , se tu scrivi 24kwh cosa capischi? che io in 1 ora ho consumato 24kw o sbaglio?
se invece dovrei scrivere di averli consumati in 24h come lo scrivereste?

apperol
15-06-2012, 12:21
"se tu scrivi 24kwh cosa capischi?"
Niente, non è un'informazione completa se non mi dici in che periodo hai consumato quei kwh

"che io in 1 ora ho consumato 24kw o sbaglio?"
Sbagli! 24 kwh è solo una quantità. come dire 2 etti , 1 litro , 200 €
se ti dico che ti vendo un'auto che consuma 1 litro tu la compri? non credo, devo specificarti tempo nel quale ho quel consumo. se consuma 1 litro all'ora è diverso che se consuma 1 litro al secondo


"se invece dovrei scrivere di averli consumati in 24h come lo scrivereste?"
24 kwh al giorno
come le tue bollette, dove c'è scritto il periodo in cui hai consumato quei kwh

non ostinarti a voler convincere tutti, quando non è un argomento oggetto di opinioni.
è così e basta (mi sembra di essere la mia prof di matematica)
stiamo cercando di spiegartelo perchè è normale che la dicitura kwh tragga in inganno

trae in inganno come l'unità di misura "anni-luce". gli anni luce non misurano il tempo, come farebbe pensare il fatto che ci sia una unità di tempo nella parola, ma misurano la distanza.
è la distanza equivalente a quella che percorrerebbe la luce in un anno

jiro180387
15-06-2012, 12:25
ecco appunto non 24kwh e basta.

apperol
15-06-2012, 12:58
infatti!
tutto nasce dai post 27 e 39 dove livingreen ti ha fatto dei calcoli, ma nella fretta è stato impreciso (nei post successivi si è corretto)

riscrivendo quei post, con le unità corrette avresti letto:

post 27
-Praticamente tutti gli impianti esistenti alla fine del 2011 sono omologati per massimo 999 kW, e godono della tariffa onnicomprensiva di 280 € per MWh. E non si fa solo per la tariffa, ma soprattutto per gli obblighi autorizzativi semplificati. Meno del 5% degli impianti installati ha potenze superiori al megawatt.
Le tariffe sono state riviste quest'anno, ed entreranno in vigore nel 2013: saranno da calcolare volta per volta.

_Praticamente nessuno "sottrae l'autoconsumo": per l'autoconsumo si fa uso di un secondo contatore che preleva da rete il necessario... anche perchè sottrarlo dall'immissione in rete sarebbe un suicidio economico.
Ricordiamoci che l'energia venduta ce la pagano 280 euro/MWh, quella comprata la paghiamo 100...

- i generatori funzionano tutti a ciclo continuo (perchè anche il digestore funziona "a ciclo continuo". I batteri mica smettono di mangiare, se spegni il motore).
Sono 23,9 MWh al giorno per 280 €/MWh = 6.700 euro circa al giorno di incasso.


post 39
E' una cifra pazzesca ed inverosimile. Nessuno dei miei impianti autoconsuma più di 1200 kWh al giorno. Quindi, si producono 999 kW per tutte le 24 ore (cioè 23,97 Mwh) venduti a 280 €/MWh e si incassano 6700 euro al giorno... e si consuma 1,2 Mwh al giorno a 120€/MWh e si spendono 144 euro.... nemmeno il 2,2 % dell'incasso.

livingreen
15-06-2012, 13:33
Grazie delle correzioni, apperol.

Un solo appunto:
""se tu scrivi 24kwh cosa capischi?"
Niente, non è un'informazione completa se non mi dici in che periodo hai consumato quei kwh"

Non è completa se vogliamo fare i calcoli sulla potenza impegnata, ma è completissima se invece parliamo del reddito. Quando mi arriva la bolletta Enel, mi vengono fatturati i 24 kWh. A loro non interessa (e nemmeno a me) se sono stati prodotti/consumati in un minuto o in un mese, rispetto al bimestre di riferimento delle bollette caslinghe.
Questo perchè in ogni caso viene pagata l'energia (kWh) e non la potenza (kW), o il tempo (h).

jiro180387
15-06-2012, 14:24
scusa l'energia come la ricavi?
la bolletta che ti arriva a casa ti dice il periodo in cui tu hai consumato l'energia.
diciamo che in 60 giorni hai consumato 60 kwh con questi dati sarai in grado di fare dei calcoli approssimativi perche non conosci il tuo reale consuo in 1 ora.
davvero a te non iteressa se sono stati consumati di mattina o di sera?
se hai una televvisione di 200w accesa per 5 ore saprai che avrai consumato 1kw dopo 5 ore ,oppure 200w*5h = 1kwh ti torvi ?

livingreen
15-06-2012, 16:33
scusa l'energia come la ricavi?L'energia in Kwh è sulla bolletta... magari intendi dire la potenza, vero?

davvero a te non iteressa se sono stati consumati di mattina o di sera?Assolutamente no. Quel che mi interessa è il consumo di energia, quello che dovrò pagare. Forse tu parli di quelli che hanno tariffe biorarie, ma non è il mio caso (ed era così per tutte le utenze domestiche, poco tempo fa)

se hai una televvisione di 200w accesa per 5 ore saprai che avrai consumato 1kw dopo 5 ore ,di nuovo sbagliato, è un kWh
oppure 200w*5h = 1kwh ti torvi ? e adesso, con gli stessi fattori e le stesse cifre, sono kWh... boh...


P.S.: però cerchiamo di uscirne, adesso. L'energia si misura in kWh, oppure juole, oppure calorie. La potenza si misura in watt, joule/sec ed in altre mille unità di misura obsolete e non riconosciute dal S.I.
Non esistono interpretazioni personali, ti ho inserito link ,dato spiegazioni, te le ha date anche apperol e puoi trovarne migliaia in rete.
Non ci si può incantare per due paginate su di una cosa simile... proseguiamo e parliamo di biogas.

jiro180387
15-06-2012, 18:57
la tastiera non mi ha inserito la (h)

la formula per ricavare l'energia qualìè?

forse volevi dire il kwh non è riconosciuto dal SI.