PDA

Visualizza la versione completa : fattibilità biogas



giovypigna
20-06-2012, 09:15
buongiorno, innanzitutto vorrei complimentarmi con il forum, ma sopratutto con i membri che si impegnano a rispondere alle nostre domande e colmare i nostri dubbi, davvero membri che rendono questo forum molto efficiente..complimenti!!
allora il mio dubbio è il seguente:
sto cercando di fare un analisi di fattibilità economica di un impianto biogas 500 kw, vorrei capire se installo un cogeneratore da 500 kw il consumo orario di biogas in di termini Nm*3 con una percentuale di metano su circa 54-60% e i kwe/h effettivi prodotti...
Suppongo che il mio impianto sarà alimentato da 60% paglia, 40% suddiviso tra fieno e letame bovino
grazie mille in anticipo

apperol
20-06-2012, 11:03
considera che i dati non sono mai certi al 100%
ci sono molti fattori che li possono influenzare
comunque per darti un'idea:

un 500 kw (perchè non ipotizzi un 600 kw che con le nuove "ipotetiche" tariffe è il secondo scaglione?) produce circa 4.200.000 kwh elettrici annui (ho considerato 8400 ore a pieno carico)
per fare 4.200.000 kwh el devi avere dal biogas un potenziale di 10.700.000 kwh th (ho diviso per 0,39 che è una resa cautelativa dei motori)
per avere quei kwh th se consideri un metano mediamente presente nel biogas del 55%, ti servono circa 1.960.000 m3 di biogas (ho considerato il potere calorifico del metano a 10 kwh/m3, e la percentuale del 55% di metano nel biogas)

la mia domanda più che altro è:
come fai ad estrarre questo biogas da un piano di alimentazione al 60% paglia?

giovypigna
20-06-2012, 12:01
apperol, grazie mille per la risposta molto esauriente, come si vede non me ne intendo molto di energetica(sono un civile :p), dalle tabella di resa energetica delle biomasse ho visto che la paglia ha una resa energetica quasi pari al silomais. La mia tabella riporta:
-1t di paglia= 286 m^3/t con una percentuale di metano del 50%
-1t di insilato di mais = 203 m^3/t con una percentuale di metano del 52%
ora so che il processo di digestione anaerobica per quanta riguarda la paglia è molto difficile ma miscelandolo con letame e liquame diventerebbe tutto più facile...
ora vorrei capire quante tonnellate di paglia annuali (se la utilizzo solo paglia)devo considerare, per questo volevo sapere un motore specifico quanto biogas consuma per regolarmi sulla spese se mi conviene o no..
nella zona dove vorrei realizzare l'impianto , il mai è del tutto inesistente e la maggiore produzione di scarti di biomasse è la paglia, quindi sarei anche un po costretto ad utilizzare la paglia,fieno e letame...
non ho capito il discorso dei 600 kw..scusami
grazie ancora per la risposta

apperol
20-06-2012, 12:19
Paglia: la paglia ha un alto potenziale produttivo, anche maggiore di quello che hai trovato in tabella. il problema è "estrarre" quel potenziale. la sostanza organica della paglia è contenuta in buona parte nella lignina, e la lignina ha una struttura molto resistente all'attacco dei batteri (noi stessi, animale più evoluto, non estraiamo energia dalle fibre delle verdure). per digerirla infatti serve un tempo 8-10 volte superiore a quello che serve a digerire la maggior parte delle altre sostanze organiche
si può migliorare l'aggressione triturando le paglie, ma un impianto che funziona con quelle quantità (il 60%) non penso sia sostenibile
se non puoi fare mais, punta su altre colture, ma sempre a maturazione cerosa (insilato di sorgo, insilati autunno vernini, insilati di colza o sulla ecc)
La caratteristica del biogas è di essere un processo biologico, quindi le tabelle aiutano ad orientarsi, ma è molto importante ricordare che non bisogna fare i conti come semplice somma algebrica. quando introduci biomasse diverse, queste interagiscono nel processo di digestione e bisogna valutare la loro compatibilità anche dal punto di vista del processo biologico


600 kw: secondo la nuova impostazione degli incentivi (non ancora definitiva), le tariffe hanno valori diversi a seconda delle fasce di potenza e gli scaglioni sono 0-300, 301-600, 601-1000, ecc. se hai le potenzialità per un 500, probabilmente puoi ottimizzare l'investimento facendo un 600 (che in proporzione costa di meno)
ma potrebbe anche convenirti fare un 300... tutto dipende dalle tariffe, e per questo bisogna aspettare il decreto ministeriale. comunque c'è un thread dedicato a questo

giovypigna
20-06-2012, 12:48
posso dirti che nella mia zona è coltivata in ordine descrescente: paglia(grano duro), fieno, avena, trifoglio
quindi secondo te dovrei quasi abbandonare l'idea?
cmq grazie mille

apperol
20-06-2012, 13:25
di lavorare con il 60% di paglia si. è un limite della biologia
anche se si sta lavorando molto in questo ambito; ho visitato un impianto che aveva montato un macchinario promettente, che pretrattava le paglie con un sistema di circolazione forzata e collisioni. ma a parte i costi elevatissimi, sono 4 mesi che cercano di avviare biologicamente l'impianto e non ci riescono
poi bisogna considerare anche l'aspetto economico: la paglia non te la regalano, anzi i costi sono molto alti (dalle mie parti circa 8 € al quintale) ed a quel costo convengono nettamente gli insilati
la paglia è più adatta a combustione diretta, anche se i problemi non mancano anche in quel caso, p.es vetrificazione del silicio in camera di combustione

giovypigna
20-06-2012, 13:30
ok grazie mille..ottime risposte, veloce e preciso grazie mille

Magister
20-06-2012, 22:05
Bravo Apperol,

per fortuna esistono delle persone che raddrizzano un pó la versione sull' energia dalla paglia. Purtroppo alcune ditte, senza fare nomi ma si scrivono con tre sillabe, mi vendono una macchina che mangiando (estrusionando) la paglia caga oro. Scusate l' espressione un po volgare ma ribadisco:
la lignina non é digeribile anaerobicamente. Cellulosa ed emicollulosa si, dopo opportuni pretrattamenti. Esistono anche dei brevetti europei per rendere digeribili prodotti altamente lignocellulosici utilizzando trattamenti chimico fisici (temperature elevate e pressioni oltre i 20 bar !!) ed un apporto enzimatico !!!! La trasformazione organica della lignina avviene solamente in fase aerobica con l' ausilio di funghi e microorganismi aerobici.

Michael, ma lo vuoi capire !!

Saluti a tutti e avanti col biogas

St.Alone
22-03-2013, 18:45
Salve a tutti, sono molto interessato all'argomento del forum (biogas), in particolare alle disposizione da parte del GSE per quanto riguarda i pagamenti della produzione.
Quello che vi vengo a chiedere è se voi sapete i prezzi riconosciti del GSE al produttore di un KW\H di produzione secondo le disposizioni della delibera AEEG n. 280\07.
Concludo complimentandomi con gli amministratorie e tutti i partecipanti del forum per il livello di competenza a riguardo.
Saluti St.Alone.

kampax
22-03-2013, 21:55
Trovi tutti i PMG sulla pagina del RID GSE
GSE - Ritiro dedicato (http://www.gse.it/it/Ritiro%20e%20scambio/Ritiro%20dedicato/Pages/default.aspx)

St.Alone
25-03-2013, 08:12
grazie mille kampax ho trovato tutto quello che mi serviva...

primus71
12-05-2013, 12:53
per fare 4.200.000 kwh el devi avere dal biogas un potenziale di 10.700.000 kwh th (ho diviso per 0,39 che è una resa cautelativa dei motori)



scusa la domanda;
ma 0,39 è una cifra cautelaitiva per un gruppo?

ciao

kampax
13-05-2013, 08:23
Almeno per come lo conosco io il Gruppo GE JENBACHER JGS 316 GS-N/B.LC alla sezione 5.1 della Documentazione - dati tecnici teorici :
Pel Potenza elettrica data a cos phi = 1 kW 836
ηel Elletrico rendimento % 39,9

Segnalo agli interessati queste applicazioni che permettono di simulare il potenziale - online
[http://www.tpenergy.eu/pages_ita/raccoltadati/calcolo.php

Da scaricare http://www.biowattsonline.com/home?utf8=%E2%9C%93&locale=it

Solar
20-05-2013, 16:35
Il punto della paglia è che occupa spazio utile nel fermentatore senza produrre (come già scritto produce solo in determinate condizioni e perchè magari è stata un paio di settimane sotto i piedi delle vacche che la hanno macerata);
La resa del 39,9 sotto determinate condizioni è più che plausibile, e devo dire che sembre che la MWM stia facendo progressi in proposito sulle taglie medie.