PDA

Visualizza la versione completa : Perchè le grandi case motociclistiche non puntano sull'elettrico?



lennon79
12-09-2012, 10:43
Lo so, è una domanda alquanto banale, ma ogni volta che cerco notizie su scooter elettrici in vendita trovo solo piccoli produttori.
Prendiamo il T Max ad esempio, scooter di notevole successo e molto costoso: non ha una pedana piatta, potrebbero benissimo starci una serie di batterie, e le prestazioni sarebbero decenti (almeno pari accelerazione); anche la nostra piaggio, se escludiamo l'uscita del costosissimo MP3 ibrido, potrebbe investire in questo settore.
A mio parere il vero futuro elettrico della mobilità potrebbe essere proprio grazie agli scooter elettrici, ma ad oggi abbiamo solo una scelta limitata, fatta di mezzi di dubbio gusto estetico e di componentistica non proprio di qualità.

Che ne pensate?

ccriss
12-09-2012, 19:53
Beh, io penso che le aziende non investano in questo tipo di mezzi perche' non ritengano il business ancora sufficientemente interessante, poi in questo periodo di grossa crisi dubito fortemente che aziende di moto investano in questo settore per nuovi modelli che non venderebbero a nessuno, figuriamoci investire in mezzi elettrici..

Secondo me l'elettrico per molti è ancora piuttosto castrante e poco attrattivo, in fondo pochi sono disposti ad avere
- Scarsa autonomia
- Scarse prestazioni
- Problemi di assistenza visto che i mezzi non sono venduti da grossi marchi e pochi sanno dove mettere le mani quando si rompe
- Prezzi alti di acquisto con improbabili pareggi della spesa fatta rispetto allo scooter benzina

Detto questo ed avendo risolto per conto mio parte di questi problemi sono un felice possessore di scooter elettrico!!

andypairo
12-09-2012, 20:30
Secondo me, le prestazioni sono anche superiori ai corrispondenti modelli a benzina.
L'autonomia limitata e la difficoltà di ricarica rapida sono i punti negativi "tecnici".
A livello logistico c'è la mancanza di una filiera di assistenza adeguata... ma anche di "cultura" da parte degli utilizzatori.
C'è chi dice che i big non entrano in gioco per non impattare negativamente sulla filiera di ricambi e riparazioni....ma forse son solo voci...

ccriss
13-09-2012, 10:10
Andy, solo per chiarire il mio parere, quando parlo di prestazioni inferiori e piu' in generale degli altri punti, mi riferisco al rapporto tra un mezzo elettrico ed uno a termico a parità di costo,altrimenti è difficile fare dei confronti. Tu forse fai giustamente riferimento al fatto che a parità di potenza l'elettrico è piu' performante, ma se parliamo di vendita e dei perche' non li vendono/sviluppano, penso che il confronto vada fatto a parità di prezzo.

aztlan
14-09-2012, 17:36
secondo me hanno già i progetti pronti e quando sarà il momento in quattro e quattrotto tirano fuori gli scooter già belli pronti, è una questione di marcketing, sfruttano il benzina finchè possono... immaginatevi se ad esempio honda facesse un sh 150 elettrico, 100kmh, 120 di autonomia, 5000 euro (cosa secondo me fattibilissima) chi se lo comprerebbe più quello a benzina a più di 3000?

Spuzzete
14-09-2012, 18:21
Dal mio punto di vista è anche una questione di mentalità, quando nel 2007 acquistai il mio primo scooter elettrico ed arrivai in ditta tutti si misero a ridere, perchè era considerata una ciofeca. L'estetica e la ciclistica facevano davvero pena.
Poi ho fatto provare lo scooter al mio capo ed ai miei colleghi ed han subito cambiato parere.

Certamente le cose ora sono cambiate, ma la maggior parte delle persone non conosce questi mezzi. Per anni si è diffusa l'idea che "l'elettrico inquina lostesso come la benzina, se non di piu!".

Inoltre tutti sono abituati con la benzina e come dice aztlan questa verrà sfruttata fino a che il costo diverrà esorbitante. Dove vivo il prezzo è di circa 1euro al litro. Eppure, visto che c'è la possibilità di fare il retrofit, qualche veicolo elettrico lo si trova!

Sicuramente il fatto che sia in atto una crisi economica molto forte non aiuta la causa dell'elettrico. Penso comunque che se si riconvertisse parte del parco veicoli circolante con mezzi elettrici si protrebbe dare una spinta all'economia e creare lavoro, visto che in Italia ci sono aziende che sono capaci di creare prodotti di elevata qualità. Mi riferisco non solo a mezzi privati ma anche a mezzi di trasporto pubblico (bus).

Forse ho una visione troppo ottimistica?

riccardo urciuoli
15-09-2012, 23:14
Secondo me, tanto per non avere la mania del complotto, le case non ci puntano solo perchè non c'è richiesta sufficiente (le grandi) o perchè non hanno risorse economiche e umane per sviluppare la cosa (le più piccole).

Parliamoci chiaro, pochi sono disposti a sperimentare sulle proprie spalle/portafoglio!

Quando hanno inventato le auto a motore l'alternativa era il cavallo, e comunque i pionieri restarono (relativamente) pochi per decenni! Ora l'alternativa termica è eccellente e anche, a volte, nonostante tutto più economica!

Io mi ritengo mediamente interessato e informato, eppure:

-moto da strada, mi tengo le mie d'epoca, fanno tra i 25 e i 35-40 km/l...
- auto, sto valutando per la 3a (ho due figli) di prendere un'elettrica, ma se la trovo (la Elettra) a pochi soldi, per giocarci...20000 euro per un'utilitaria (a dir poco) mi sembrano troppi...per ora...

Perfino in fuoristrada uso un 2 tempi, inquinate e bevone; KTM ha sviluppato e sta per immettere sul mercato una bella moto da cross elettrica, ma noi giriamo per boschi, dove un'elettrica farebbe veramente comodo, ma per ora di 70-80 km di autonomia in mezzo a sassi e terra non se ne parla...

fabio19tdi
18-09-2012, 10:28
Inoltre, se si leva la fascia economica che si compra per necessità, la moto e il maxi scooter sono oggetti del desiderio, non della razionalità. E in quanto tali vende di piu chi piu affascina, non chi meglio va (anche se i due aspetti spesso sono legati).
In sintesi se mi serve un mezzo per andare da x a y, e non voglio un auto per risparmiare gli elettrici costano troppo.
Se voglio l'oggetto dei miei sogni, se elettrico costa un patrimonio e soprattutto il fascino di un motore non ce l'ha, e su un motociclo la parte meccanica ne è l'essensa, come il sound ecc...
Almeno se io compro un mezzo elettrico è perche mi serve non perche mi piace...
Quindi credo che per ora non ci sia mercato, almeno finche l'elettrico non verrà visto come piu prestazionale dei motori termici, come in passato è stato fatto ai 2t nei confronti dei 4t.
Quando si sa bene che un 2t a valvola in testa a iniezione diretta i 4t se li mangia.... ma non c'era interesse... e forse manca ancora per l'elettrico

aztlan
18-09-2012, 11:03
fascino del motore e sound sono cose molto soggettive, su uno scooter direi che sono inconvenienti, su una moto è un altro discorso ma si potrebbe aprire una bella discussione perchè la coppia di un elettrico si mangia qualsiasi benzina e la linearità dell'erogazione forse emozionerà meno ma è sicuramente più efficace e anche i benzina più vanno avanti e più tendono a linealizzarla.
detto questo io son 4 anni che giro col vectrix, credo sia stato l'acquisto più intelligente della mia vita, me lo sono totalmente ripagato e ora è tutto risparmio (e che risparmio), ormai per me gli scooter a benzina sono un lontano ricordo

fabio19tdi
19-09-2012, 10:09
Scusa mi sono spiegato male, non volevo sminuire la bontà tecnica di un elettrico, quello che voglio dire è che la gente compra quello che è "IN" o alla moda, finche quindi non si vedranno le star girare in elettrico e le gare dominate dall'elettrico (basta fare un regolamento che le favorisca) non ne venderanno...

aztlan
19-09-2012, 10:47
si è vero, per sfondare ci vuole il fascino, anche se sono convindo che per introdurre seriamente l'elettrico nelle classifiche di vendita basterebbero poche caratteristiche secondo me, al giorno d'oggi, fattibili:

scooter leggero ruote alte tipo sh
paragonabile a un 150
100kmh 120km autonomia reale
marca conosciuta (honda, yamaha, piaggio ecc)
prezzo non superiore ai 5000 se 4000 (magari tra un annetto) ancora meglio

i motivi sono che quei tipi di scooter sono i più venduti, vengono usati quasi esclusivamente per utilità e in ogni caso dubito che con un 150 uno si faccia giri domenicali da 2/300 km, la marca conosciuta e con assistenza sparsa su tutto il territorio è importantissima per il timore di inaffidabilità del mezzo, quelle 1000 o 2000 euro di differenza, tra benzina, tagliandi, bollo, assicurazione, si ammortizzano facilmente

fabio19tdi
19-09-2012, 11:32
Giustissimo!

vitospericolato
20-09-2012, 12:02
Secondo me l'unico grosso problema è la disponibilità di un luogo per ricaricare la moto. Quanti hanno un box personale per poterlo fare? E se non ce l'hanno, come fanno a comprarsi la moto elettrica? Per questo non si possono vendere attualmente grandi quantità di moto elettriche, e le grandi case non sono interessate a mettere sul mercato prodotti che potranno vendere in quantità limitate.

Vito

aztlan
20-09-2012, 15:47
anche questo è vero purtroppo, e le batterie estraibili vanno bene per i "cinquantini" non c'erto per scooter con autonomie serie

jumpjack
21-09-2012, 18:57
Lo so, è una domanda alquanto banale,
Me lo chiedo anch'io, vedo in giro certe moto che probabilmente hanno 500 o 1000 di cilindrata, larghe come bisonti, peseranno 300 chili. Ci starebbero 10 kWh di batterie al litio in quel peso/spazio! E un motore molto più potente di quello termico!

jumpjack
21-09-2012, 18:59
anche questo è vero purtroppo, e le batterie estraibili vanno bene per i "cinquantini" non c'erto per scooter con autonomie serie
Perchè mai? 3 kWh sono 3 kWh, estraibili o meno. Farli NON estraibili, visto che pesano solo 20 kg, è da fessi!
E poi il parco-utenti di persone che NON hanno un garage o una colonnina è immenso!

mirkon
26-09-2012, 11:37
Se posso inserirmi nella discussione, i fattori per cui l'elettrico non sfonda sono molteplici: provo a dividerli in punti cosi' magari e' piu' chiaro cosa voglio dire..

1) Diffidenza del consumatore. Facilmente aggirabile, appunto, se una grossa casa (tipo la Honda) decidesse di produrre mezzi elettrici. Da quando la Toyota ha iniziato a produrre il suo modello ibrido, le sue vendite sono cresciute tantissimo: io ne vedo sempre di piu', in giro, e in alcuni paesi europei le vendite di questo mezzo hanno raggiunto il 10% del totale delle automobili vendute.

2) Caratteristiche d'uso (tempi di ricarica, peso...). In realta' qui parliamo di cultura di utilizzo. Sono scooterista da sempre (non ho altri mezzi), e non ho quasi mai fatto piu' di 70-80 km in un giorno (anche perche' ti diventa il sedere quadrato! ;p). Si tratta piu' che altro di abituarsi "all'idea" di non avere un rifornimento veloce. Queste cose si superano con la diffusione: chi non ha uno scooter elettrico, vede chi ce l'ha, vede che respira ancora, e si tranquillizza.

3) Scelte strategiche delle grandi case produttrici. A mio parere, quando uscira' il primo scooter elettrico "di massa", nel giro di 1-2 anni tutte le case avranno un loro modello elettrico. Stanno tutti alla finestra vedendo chi si butta per primo, ma sicuramente sono (almeno a livello progettuale) tutti gia' pronti da un bel po' di tempo. Anche perche' non stiamo parlando di propulsione nucleare, ma di una forma di energia conosciuta ben prima della creazione del motore a scoppio, il cui livello tecnologico (gia' cmq efficiente) e' praticamente lo stesso da molti anni. Produrre una cosa del genere non credo costerebbe ad una casa multinazionale molto piu' che la messa in linea di un qualsiasi nuovo modello termico. Anche la mia impressione (come per altri utenti nella discussione) e' che si usi la tecnica del "contagocce", o piu' precisamente della obsolescenza programmata. In sostanza il motivo per cui non esce un modello elettrico da una casa multinazionale e' lo stesso per cui ci abbiamo messo anni per andare dai motori euro zero a quelli euro 6. Se ci avete fatto caso, quando e' uscito il primo motore denominato "euro", lo hanno chiamato appunto euro 1, come dire che ci sarebbero stati altri numeri... Non ultimo fattore, poi, i produttori di petrolio, vero grande ostacolo per il passaggio alla mobilita' sostenibile.

Come si affrontano questi problemi? Con la cocciutaggine di gente come noi, che come gli altri ha capito che il "totalmente elettrico" (almeno per gli scooter) e' certamente il futuro, ma che (a differenza di molti altri) ritiene che il futuro bisogna che inizi oggi.
E lo dico (vedasi altro mio post di oggi nel forum dei 50km/h - postato li' per errore, ma non parlo di prestazioni) da utente che sta cercando di affacciarsi su questo mondo e che non si e' perso di coraggio solo perche', appunto, molto cocciuto.

jumpjack
28-09-2012, 19:09
Lo stress da autonomia, unito all'ignoranza da autonomia (la gente non ha idea di quanti chilometri percorre ogni giorno), sono fattori molto frenanti, secondo me: dici a uno che uno scooter eletrico ha 50 km di autonomia, quello lo confronta mentalmente coi 1000 della sua macchina e pensa "che schifo!"... mica pensa che 1000 chilometri li fa in un mese! :-)

energyforlife
29-09-2012, 08:40
se parliamo dei motivi che frenano la gente a passare all'elettrico e non dei motivi che frenano le grandi case motociclistiche mi sento di fare una riflessione.
tenendo conto che sono molto pochi coloro che sono sensibili a ambiente e inquinamento, bisognerebbe ofrrire un prodotto che dia un risparmio più sicuro. A proposito ahimè bisogna considerarare che rispetto all'alternativa e quindi a uno scooter alimentato con motore endotermico:
1) lo scooter endotermico è più economico all'acquisto
2) il risparmio sui consumi c'è ma nel momento in cui si dovesse verificare un problema alle batterie (parlo delle baaterie piombo-gel) il risparmio sui consumi viene quasi azzerato, gli scooter con batterie di nuova generazione che sembrano più affidabili da questo punto di vista, sono ancora costosi per un 5000w siamo sui 5000€ di media che in tempi di crisi non sono prprio alla portata di tutti.
3) Ma questa è un problema che si risolverà con la diffusione, scarsa assistenza e diffusione di punti vendita, io e tanti come me abbiamo bisogno almeno di vedfre se non di provare prima di acquistare un prodotto che in molti non hanno mai visto.

cmq non vi nascondo che sono molto tentato di acquistarlo.

jumpjack
29-09-2012, 10:54
Zem, bertini, yamasaki ed emax, a roma possono essere provati o addirittura noleggiati prima dell'acquisto.

energyforlife
29-09-2012, 11:08
Zem, bertini, yamasaki ed emax, a roma possono essere provati o addirittura noleggiati prima dell'acquisto.

io mi riferivo a chi vive in provincia che spesso deve farsi centinaia di KM per provare uno scooter elettrico.
:bye1:

jumpjack
29-09-2012, 13:00
ah beh sì, quello è vero. Al di sotto di Firenze, gli scooter elettrici sono in vendita solo a Civitavecchia, Roma e Salerno, mi pare.
Al nord li trovi anche dal fruttivendolo... :-)



Su focus di questo mese campeggia in prima pagina uno speciale sulle auto elettriche!
Credo sia prima volta per una rivista non di settore!
Non solo: c'e' persino una pubblicità di una Leaf all'interno!
Manco mezza parola sugli scooter elettrici.
Ora ci penso io...

jumpjack
29-09-2012, 13:07
[deleted...]

polianto
26-11-2012, 17:17
se i grandi non si muovono i piccoli se li mangiano...
Enertia Plus Electric Motorcycle (http://www.brammo.com/enertia-plus/)

ciao a tutti Antonio