PDA

Visualizza la versione completa : Ottawa edilkamin o nordica LP20



NotBad
07-03-2013, 09:51
Chiedo consiglio agli alti frequentatori del pellet e possessori delle suddette per non farmi abbindolare dai millantatori. Non ce ne sarà bisogno ma alcuni pro e contro delle contendenti:

Nordica
PRO
consumo basso 0,9-4,6 kg/h
rendimento >93%

CONTRO
+1000 € rispetto edilkamin

Edilkamin
PRO
-1000 € rispetto nordica (offerta)
Radiocomando

CONTRO
consumi 1,7-5,7 kg/h
rendimento minimamente inferiore 91,7%

Ringrazio chiunque possa aiutarmi anche solo con un suggerimento

NotBad
08-03-2013, 20:31
Ci metto dentro anche la Palazzetti ct 24. che ne pensate della marca?

renatomeloni
08-03-2013, 20:50
La marca della pentola non è fondamentale, meglio verificare le caratteristiche tecniche, costruttive e non ultima l'assistenza e la serietà del venditore.
Da quanto hai citato non si capisce che tipo di generatori siano, per fare paragoni devi citare marca e modello specifico, altrimenti come si fà a fare dei paragoni?
Saluti

NotBad
08-03-2013, 22:15
hai ragione...sono caldaie a pellet tutte intorno alle 18000 calorie all'acqua e sono appunto: edilkamin ottawa 24kw, nordica lp20, palazzetti ct20. a volte dalla marca della pentola si riesce a capire la validità del prodotto data la validità del produttore. Inoltre conto sull'esperienza maturata con un prodotto dei suddetti costruttori a livello di assistenza, affidabilità, ecc

Alfonso767
18-03-2015, 23:40
Ciao,Siccome mi trovo nella stessa situzione, anche se con ritardo, ne approfitto per chiederti se hai scelto e soprattutto, come ti trovi con il prodotto scelto. La mia indecisione è proprio tra edilkamin Ottawa e palazzetti ct24. Ti ringrazio per il contributo che vorrai fornirmi. Un salutoAlfonso

FaGa86
19-03-2015, 06:46
Alfonso come continuo a ripetere da più post, prima di partire al contrario è cioè dalla scelta della caldaia, hai in mente come fare l'impianto? Puffer si o puffer no? Valvola anticondensa (se non di serie con la stufa/caldaia)? Climatica? Acs fatta come? Ecc ecc

sinerjigrottaminarda
19-03-2015, 08:53
valuta anche una caldaia a pellet seria di qualche azienda austriaca tipo okofen, solarfocus, herz e via dicendo che hanno rendimenti sopra il 90% e tipo solarfocus è gassificazione e fiamma rovescia a pellet....dove spendi qualcosa in più in fase di acquisto ma con i consumi in 2 anni recuperi l'investimento

Alfonso767
19-03-2015, 15:59
Salve gente,Prima di tutto vi ringrazio per il riscontro fornito. Vi riporto tutti i dettagli, per permettervi, se vorrete, di darmi qualche consiglio mirato. Ho da poco preso casa e vorrei affiancare all'attuale caldaia a gpl, una caldaia a biomassa. La struttura, semindipendente, si sviluppa su 3 livelli di cui l'ultimo mansardato di circa 70 metri cadauno. Costruzione nuova e doppi infissi, in zona climatica C. Attualmente, il,riscaldamento viene fatto tramite termosifoni in alluminio in ogni stanza, termoconvettori nel salone e in mansarda e tremo arredi nei bagni. Ho valutato l'idea del termo camino onnivoro, ma per via modifiche all'impianto ho deciso di desistere. L'idea era caduta su una caldaia a pellet da montare sul terrazzino, di fianco a quella a gpl che continuerei ad utilizzare per l'acqua sanitaria. Utilizzare l'acs interno alla caldaia, temo mi porti via troppe calorie che, ovviamente, andrei a sottrarre alle caloria cedute all'acqua per il riscaldamento. Indubbiamente, la spesa più grande, sarebbe quella legata al consumo di gpl per il riscaldamento, ecco l'idea della caldaia a pellet. Se poi, un impianto acs dalla caldaia a pellet, andrebbe solo ad affiancare quello a gpl, è la cosa sia fattibile senza incrementsre il fabbisogno della stufa a pellet in modo esagerato, ben venga, ma questo ne parlerò con l'idraulico. Attualmente, ho solo questo e non prevedo, a breve, di installare puffer, boiler, solare o quant'altro. Ovviamente, parlando da profano del settore, sono ben disponibile a ricevere consigli da chi voglia darmi il suo parere. Per i metri suddetti, mi confermate che una caldaia 24kw sia sufficiente? Almeno così mi hanno suggerito diversi rivenditori e tecnici interpellati, consigliandomi prodotti di diverse Marche. La scelta delle Marche è tuttavia dettata dalla possibilità di ricevere assistenza da un CAT in tempi abbastanza brevi.P.s. Vengo da un'abitazione su due livelli di 70mq riscaldata solo tramite termocamino, a legna, nella stessa zona è peggio isolata e, devo dire, di non aver mai sofferto il freddo.

mgc
19-03-2015, 16:17
Sapendo così poco è impossibile dare suggerimenti sul dimensionamento. Aggiungi classe casa, numero persone, zona climatica etc. Prova leggere il forum, prima delle domande.

Alfonso767
19-03-2015, 16:42
Zona Climatica C
Classe energetica casa C
numero persone per il momento 4
indipendente su 3 lati
impianto gpl 24Kw
3 piani di 70 mq circa (compreso vano scala), di cui l'ultimo mansardato, più interrato da non riscaldare
infisso interno doppio vetro camera e infissi esterni
volume riscaldabile 600 mq3 circa
riscaldamento tramite termoconvettori salone e mansarda, termosifoni in alluminio in ogni camera e arredo bagno nei bagni

mgc
19-03-2015, 17:04
No puffer, no caldaia!.

Alfonso767
19-03-2015, 17:10
intendi senza puffer, niente caldaia? Mi spieghi il perche?

Alternative?

mgc
19-03-2015, 17:34
La caldaia a legna pretende il puffer di almeno 70 Lt. per KW/h installato. Il pellet meno. La caldaia funziona bene quando lavora al 100% e quindi devi avere la possibilità di accumulare l'acqua calda in eccesso. Ti da anche la possibilità di averla spenta a lungo. Se la tua caldaia modula troppo, rende meno e crea problemi.

Alfonso767
19-03-2015, 17:44
Ok. ti ringrazio per la spiegazione tecnica.
Mi sapresti illustrare un sorta di schema per installare il tutto in modo sicuro e funzionale che renda il più possibile.

Un saluto
ALfonso

FaGa86
19-03-2015, 19:05
Alfonso perché non ci proponi tu uno schema che magari hai in mente su cui poter lavorare? Basta anche un disegno a biro su un foglio di carta.

mgc
19-03-2015, 19:23
Qui ci sono dei super esperti.Il concetto è facile, facile. Esci dalla caldaia, entri alto nel puffer, esci alto e vai al riscaldamento. Al ritorno entri nel puffer a basso a 3/4 ed esci basso, basso e vai alla caldaia. Tra mandata e ritorno in caldaia metti una valvola miscelatrice per evitare la condensa.

Alfonso767
19-03-2015, 21:53
Salve gente,Spero sia riuscito ad allegare la foto. Comunque, la mia idea, era quella di utilizzare la caldia in modo diretto, senza il passaggio in un bollitore/puffer. Indubbiamente, immagino che per l'acs noj sia il massimo, anzi ma, anche in considerazione di ciò, non avevo intenzione di utilizzare l'acs della caldaia ma, continuare ad utilizzare la caldaia a gpl per il sanitario. Probabilmente, sono condizionato dal funzionamento del mio impianto nell'altra casa, ovvero del termocamino, senza puffer/bollitore, che riscalda tutta casa in modo egregio. Quali sarebbero gli svantaggi? Il problema, come vi dicevo, sarebbe il posto per posizionare un eventuale puffer/bollitore. Vi ringrazio per la disponibilità.

mgc
20-03-2015, 00:11
Se il tuo disegno è definitivo, vabbè.
Mettici almeno una valvola anticondensa.
Un vaso di espansione.
Una presa d'aria verso l'esterno.
Una priorità dell'acqua calda sanitaria.

Alfonso767
20-03-2015, 09:52
Ciao,
la valvola anti condensa, è scontata. Il vaso di espansione, essendo a vaso chiuso la caldaia, non dovrebbe servire (sbaglio?). Ovviamente, gli aspetti tecnici, li lascio ai tecnici del settore, ci mancherebbe.
La caldaia verrò installata sul terrazzino, di fianco a quella a gpl. Essendo all'esterno, non credo abbia bisogno di una presa d'aria. Ovvimente, provvederò a coinbendarla nel migliore dei modi.
Per quanto riguarda l'acqua calda sanitaria, continuerò a produrla tramite caldaia a gpl.

Detto ciò, sono ben accetto ad ogni sorta di consiglio. Per la tipologia di caldaia, sono mesi che ci sbatto, ma la scelta sembrerebbe essere ricaduta sulla edilkamin ottawa 24Kw.
Onestamente, valutando diversi aspetti (dal cat più vicino, rivenditori di zona, caratteristiche tecnica ed accessori disponibili, etc) ero indeciso tra la edilkamin e la palazzetti cat24.

Vi ringrazio per l'aiuto che mi state fornendo.
Un saluto
Alfonso

mgc
21-03-2015, 13:10
vaso di espansione è un componente idraulico (http://it.wikipedia.org/wiki/Idraulica), comunemente presente nelle caldaie (http://it.wikipedia.org/wiki/Caldaia_(riscaldamento)) per il riscaldamento domestico, che svolge la funzione di contenere le variazioni di pressione (http://it.wikipedia.org/wiki/Pressione) del circuito evitando pericolosi sbalzi e colpi d'ariete (http://it.wikipedia.org/wiki/Colpo_d%27ariete), che altrimenti dovrebbero essere assorbiti dalle tubature e dal resto dell'impianto.
Il vaso chiuso è costituito da un contenitore rigido diviso in due camere dal volume variabile: una contenente il fluido del circuito (pressoché incomprimibile), e l'altra contenente aria o altro gas (comprimibile) precaricata ad una determinata pressione tramite apposita valvola, analoga a quella degli pneumatici. La divisione tra le due camere può avvenire grazie ad una sacca o una membrana elastica. Un'eventuale variazione di pressione porterà la sacca a variare di volume , andando a compensare la variazione di pressione. Maggiore sarà il volume della sacca, maggiore sarà la capacità di compensare i cambiamenti. Questo tipo di vaso di espansione può essere collocato in qualsiasi punto del circuito.

E' calcolato al 10% del contenuto di acqua del circuito, tutto incluso.

gcapezzuto1
13-12-2015, 17:43
Alfonso, ma alla fine hai scelto? Edilkamin? Come ti trovi? i consumi sono accettabili?