PDA

Visualizza la versione completa : Considerazioni su tariffe/ costo dell'elettricità / costo al km per veicoli elettrici



riccardo urciuoli
21-08-2013, 12:36
Ciao a tutti,

oggi ho fatto due conti preliminari, e sono depresso....

premetto che nel forum ci sono molte discussioni legate ai costi del kWh, ma tutte nella sezione fotovoltaico e abbastanza specifiche.
Alcuni utenti (es Carest) hanno anche sviluppato fogli di calcolo per calcolare il costo del kWh in base a tariffa e consumi.

Io invece voglio calcolarlo considerando solo l'impatto del veicolo elettrico, se ci sono già discussioni o post attinenti segnalatemeli che li accorpiamo.

I calcoli che ho fatto sono molto preliminari e quando avrò tempo eventualmente li metto giù 'in bella'.

la mia situazione pre-auto elettrica era questa:
tariffa mercato tutelato - bioraria D2 (3kW)
consumi annui abbastanza stabili, pari a circa 2600kWh -> circa 400€
Ne ricavo un costo medio al kWh pari a circa 0,153 €/kWh

E di conseguenza, per stare largo, io consideravo nei miei ragionamenti circa 0,2€/kWh!

MA...
Andando nel dettaglio, salta fuori non solo che sono un caso abbastanza virtuoso (un mio collega consuma molto di più, fino a 4900 kWh/anno senza condizionatore!), ma anche che guarda caso da 2641 kWh/anno in su scatta un costo maggiore per le componenti energia e rete variabili!

Quindi il costo di ricarica finisce tutto nel 3o scaglione (da 2641 a 4440 kWh/anno), e il costo totale imposte incluse è di circa 0,31 in fascia oraria piena (f1) e circa 0,3€ un fascia ridotta (F23)!

Una bella differenza rispetto a 0,2...

Altro aspetto: se ricordo bene nel foglio di calcolo Carest afferma che gli scaglioni sarebbero calcolati su base GIORNALIERA! NOTA DEL 8/10/13: questa era una mia interpretazione sbagliata...
Ne deriverebbe, se vero, un ottimo motivo per effettuare la ricarica giornalmente, a prescindere dalle considerazioni sul DOD, perchè se si fanno ricariche ogni settimana (per es) e il calcolo è su base giornaliera si ricadrebbe nel 4o scaglione, con un ulteriore incremento di circa 0,06 €/kWh!

le altre tariffe (es il 4,5kW o quelle nel libero mercato) sembrano ancora peggiori...

Aspetto vostre conferme e considerazioni...

egimark
21-08-2013, 20:49
..... se ricordo bene nel foglio di calcolo Carest afferma che gli scaglioni sarebbero calcolati su base GIORNALIERA..........
Io sono in tariffa D2 (servizio di maggior tutela) e nel mio caso il "pro quota" viene applicato suddividendo il bimestre in 3 periodi.
La bolletta parte dalla lettura di metà del primo mese e l'ultima si riferisce alla metà del 3° mese.
Il primo periodo ha circa 15 gg, il secondo il mese intero e il terzo circa 15 gg.
Ogni bolletta che mi arriva controllo voce per voce per ogni periodo e i numeri corrispondono.
(Il foglio mi serve per inserire poi il consumo effettivo (prelievo+autoconsumo) e calcolare il risparmio in bolletta).

Anch'io come te sono un "prelevatore parsimonioso" e ad esempio per lo scorso anno ho avuto i seguenti numeri:
prelievo 2067 kWh
bollette 320 € (depurate della quota fissa di 43 €)
costo medio 0,15 €/kWh

Se non avessi avuto l'impianto FV i numeri sarebbero stati i seguenti
prelievo (consumo effettivo) 3100 kWh
bollette (simulazione ma ci metto la mano sul fuoco) 590 €
costo medio 0,19 €/kWh

Come vedi ad un incremento del 50% in prelievo la bolletta aumenterebbe del 84%.

Per "prelevatori di razza" immagino che il kWh abbia un prezzo ben più elevato.

Ciao

riccardo urciuoli
22-08-2013, 12:18
Grazie delle conferme Egimark!

Ma il fatto che le quote vengono calcolate su quei 3 periodi l'hai letto da qualche parte? Mi spiego meglio, anche la mia suddivide i consumi in 3 periodi, ma questo non esclude che i calcoli siano fatti su base giornaliera e poi sommati.
Che tipo di verifica hai fatto? Il mio dubbio non è sulla ripartizione tra F1 e F23, cioè le fasce orarie, ma su come possano dire già dalle prime bollette che ci sono kWh in 2 o 3o scaglione.
Se io i primi due mesi consumo di più, e mi caricano kWh nel 2o e 3o scaglione, e poi riduco i consumi e non raggiungo i limiti mi dovrebbero ridare da qualche parte il maggior costo/kWh sostenuto?

GIOR
22-08-2013, 12:31
questi calcoli li avete fatti per vedere quanto vi potrebbe costare in più sulla bolletta elettrica?
Considerate anche quando spendete (in meno) per la benzina o diesel!

egimark
22-08-2013, 12:41
Le fasce annuali vengono scalate in proporzione al numero dei giorni del periodo considerato.
E' il cosidetto calcolo "pro quota". Puoi vederlo anche estrapolando sull'anno intero il tuo consumo del periodo.

Il mio foglio fa così i calcoli e tutte le cifre riportate in bolletta (e per ogni periodo) vengono confermate, per cui l'ENEL non può fare calcoli diversi.

In passato mi ricordo d'aver fatto una simulazione considerando come periodo 1 anno intero e, nel mio caso, il calcolo "pro quota" non dava valori significativamente maggiori. Forse perchè il periodo di almeno 15 giorni è sufficientemente lungo.
Certo meglio sarebbe il calcolo annuale senza "pro quota".

Una curiosità sul veicolo elettrico: quanti kWh servono per un "pieno" e quanti km percorre.

riccardo urciuoli
22-08-2013, 22:40
rispondo a Gior e Egimark in maniera 'combinata', anzi prima vi metto il link a un articolo di ccriss quasi contemporaneo al mio 3d e sullo stesso argomento, visto da altra angolazione e su due ruote invece di 4:
Il blog di Ccriss: Ma quanto mi costa andare in giro? (http://eco-mobilita.blogspot.it/2013/08/ma-quanto-mi-costa-andare-in-giro.html)

Ccriss ha un approccio molto tecnico e basato su misure di corrente e tensione sulle batterie, approccio non percorribile da tutti.

Anche io ho misurato approssimativamente (quando avrò tempo approfondirò) il rendimento del caricabatteria (CB), ma alla fine quello che conta per l'utente finale è il costo in bolletta, quindi qui riporterò i dati basati sui kWh assorbiti da rete.

Il confronto con l'auto / scooter a benzina è presto fatto se i relativi consumi sono noti, nel mio caso ho un paragone perfetto con una vettura identica (la FIAT Seicento) ma a benzina euro3: circa 15km/l negli stessi percorsi fatti con la elettrica.
A proposito non l'ho scritto quindi lo ridico, tutto è legato al mio gioiello, una fiat Seicento Elettra della quale si parla qui:
http://www.energeticambiente.it/fiat-seicento-elettra/14752724-storia-di-eli.html

Ripeto solamente che dopo la trasformazione al litio i consumi, almeno in questo periodo estivo, sono assestati a 150Wh/km da rete.
Il CB, vecchio di 10 anni, dovrebbe avere un rendimento intorno all'80% per come lo sto usando adesso (senza equalizzazioni di batterie).

appena riesco faccio due semplici calcoli per calcolare risparmio e rientro dell'investimento in maniera 'semplificata', comunque per 100km consumo 15kWh e quindi 15*0,3= 4,5 euro circa, a benzina circa 7 litri e quindi 7*1,7=12 euro circa

Il pieno teorico è quasi 14kW nelle batterie, da rete un po' di più (80% circa rendimento CB) e inoltre le batterie hanno una capacità reale un po' superiore al valore di targa. Insomma non lo so esattamente, non le ho mai scaricate del tutto ma so che a 95 km percorsi non erano ancora totalmente scariche.

egimark, il tuo foglio è pubblico? Sto cercando di farne uno semplice anche io...

GIOR
23-08-2013, 07:26
i calcoli li faccio molto più facili, per fare 100 km, con il mezzo più economico che ho, una smart gpl, spendo 5,50€. Con lo scooter l'elettrico spendo 0,50 €, ma spesso carico in ufficio, quindi spendo zero. I calcoli che fate sono teorici, ma i consumi sono molto diversi e soggetti al tipo di guida, alle salite, alle discese, ed alle temperature.

egimark
23-08-2013, 10:31
.......Il blog di Ccriss: Ma quanto mi costa andare in giro? (http://eco-mobilita.blogspot.it/2013/08/ma-quanto-mi-costa-andare-in-giro.html)

Io metterei un contatore di energia tra rete e carica batteria e me ne "fregherei" del rendimento.


..... dopo la trasformazione al litio i consumi, almeno in questo periodo estivo, sono assestati a 150Wh/km da rete.

C'è un refuso?



comunque per 100km consumo 15kWh e quindi 15*0,3= 4,5 euro circa.......
Fai bene ad ipotizzare 0,3 €/kWh perchè nel calcolo deve essere inserito il costo del kWh "marginale" che è sempre superiore al costo medio che abbiamo indicato nei post precedenti.

Col foglio di calcolo, al prelievo abituale basta aggiungere 1 kWh e per differenza trovare il costo del kWh marginale.
Se mi mandi per uno dei periodi della bolletta:
1) kWh in F1
2) kWh in F23
3) data iniziale
4) data finale
stasera a casa ti faccio il calcolo.

Il foglio per ora non è pubblico perchè è un po' "ostico" ma sono molto interessato a verificarlo con altri.

P.S. Se devi fare il pieno perchè non vai da GIOR: la corrente è gratis o al massimo 0,50 €.

riccardo urciuoli
23-08-2013, 12:21
@egimark
Per il contatore già fatto, i 150Wh/km non sono 'sparati a caso' ma una media molto precisa, basata sui primi 1500km fatti con le batterie al litio. Perchè refuso? 150Wh, non kWh!
Per il calcolo ho usato le tariffe enel e fatto i conti manualmente, confermati da un foglio datomi da un collega. Comunque si tratta di aggiungere ai miei consumi attuali (circa 216 kWh/mese) quelli dell'auto, stimati in 75-100kWh/mese
Attualmente consumo il 30% in F1, con l'auto ricaricando di sera tutto il consumo aggiunto sarebbe in F23 e quindi il consumo in F1 scenderebbe al 22% circa.

@Gior
Avevo premesso che Ccriss è andato nel dettaglio tecnico, l'ho postato perchè interessa a molti di quelli che scrivono sul forum, siamo tutti giocherelloni e ci piace capire...
I tuoi non sono calcoli più facili, ma sono i classici ragionamenti della 'casalinga di Voghera', scusa se te lo dico!
Stiamo andando OT, questo 3d voleva essere sulle tariffe più che sui veicoli, ma si può anche cambiare titolo e allargare un po' l'argomento, comunque:


-mi sembra ovvio che non ha senso confrontare veicoli totalmente diversi come uno scooter, un'auto a 2 posti (smart) e un'auto a 4 posti (Elettra), con pesi e prestazioni ben diverse
-se tu spendi zero non interessa molto, così come non tutti hanno i pannelli fotovoltaici. Io per qualche mese ho 'scroccato' corrente al condominio in attesa che mi autorizzassero a tirare la mia linea, mica l'ho incluso nei costi del veicolo....
-giusta l'osservazione sui tipi di guida,appunto per questo ho fatto un paragone con assoluta parità di condizioni, sia di tipologia veicolo, anno di costruzione, guidatore e percorso... Caso raro...
-tanto per dimostrare che sei un po' troppo approssimativo, dichiari 0,5€ per 100km; se come credo paghi l'energia elettrica circa come me vorrebbe dire che il tuo scooter fa circa 17Wh/km.
Questo è un numero un po' troppo basso, e infatti è circa il doppio di quanto si ricava dalle dichiarazioni del costruttore che di solito sono già esse ottimistiche: 105km con 3,6kWh di batterie vuol dire circa 35Wh/km... numero comunque ottimo ma un po' più credibile del tuo.
Ho commentato il tuo 3d, fai altre misure e facci sapere!


Credo che la conclusione più o meno corretta e universale è che un veicolo elettrico a pari prestazioni costa, come €/km per il solo carburante, dal 50 al 70% meno di un equivalente termico.
Molto indicativo, aspetto che sia confermato da altri dati e misure... accurate però, magari metto giù un 'vademecum' per poter confrontare dati in maniera attendibile.

egimark
23-08-2013, 12:54
.......Perchè refuso? 150Wh, non kWh! .......

Hai ragione, ho letto velocemente.

In base ai dati che hai indicato (e con le tariffe oggi in vigore, ogni 3 mesi cambiano) la tua bolletta dovrebbe essere di 37,19 € al mese (esclusi costi fissi indipendenti dal consumo).
Con 75 (100) kWh in più in fascia 2-3 la bolletta sarebbe di 61,62 (69,53) € per cui il costo sarebbe di 0,32 €/kWh.
Andresti a ricadere nel 3° scaglione di consumo e inoltre le accise le pagheresti, rispetto ai 68 kWh iniziali, su 217 (267) kWh.

Ciao

Alby62
12-09-2013, 09:50
se l'aumento di consumo diventa importante meglio mettere un'altro contatore per ricarica mezzi elettrici e o pompa di calore , la tariffa si assesta ad un 0.19 - 0.2 €/kw

riccardo urciuoli
12-09-2013, 12:12
Si infatti, ma ti riferisci alle tariffe BTA (altri usi) ?

Fra qualche mese mi informo meglio, sembra con le nuove leggi sia in effetti possibile ottenere un 2o contatore con quella tariffa. Devo capire però quanto costa l'istallazione, e se è possibile farlo nel mio caso.

gianfrdp
30-09-2013, 10:45
Ciao,
Il contatore BTA è possibile aggiungerlo al contatore di casa nei seguenti casi:

Uso per PDC
Ricarica veicoli elettrici

Non ricordo se l'IVA è la stessa per entrambi i casi, ma per il primo è 10% sicuramente, perché ce l'ho.

Per un BTA3 da 4,5kW, distante 300m dalla cabina, ho speso EUR 750,00 e passa

Ciao

riccardo urciuoli
30-09-2013, 11:05
grazie Gian! A me basterebbe un 3kW, e andrebbe nel locale contatori, quindi probabilmente spenderei meno. C'è da capire i requisiti, spero basti un veicolo elettrico di proprietà e che non chiedano l'acquisto di uno nuovo..

gianfrdp
30-09-2013, 11:25
Spenderesti meno perché 3kW invece di 4,5kW.
I 300m sono la distanza tra la nicchia dei contatori e la cabina ENEL da cui prende la corrente.
ENEL misura sempre la distanza dalla loro cabina al tuo contatore, indipendentemente se hai già altri contatori.

Per il discorso veicoli nuovi o meno non so, prova a guardare la Deliberazione 19 aprile 2010 – ARG/elt 56/10

In allegato le regole per il calcolo dei costi di allaccio

Ciao

riccardo urciuoli
03-10-2013, 18:11
Aggiornamento: ho aperto un'altra discussione sui consumi e costi/km dei veicoli elettrici:
http://www.energeticambiente.it/veicoli-elettrici-auto-elettriche-moto-elettriche-veicoli-propulsione-elettrica/14756649-consumi-reali-dei-veicoli-del-forum-considerazioni-e-confronti.html

Q (http://www.energeticambiente.it/veicoli-elettrici-auto-elettriche-moto-elettriche-veicoli-propulsione-elettrica/14756649-consumi-reali-dei-veicoli-del-forum-considerazioni-e-confronti.html)uella sarà sicuramente più frequentata, ma spero si completino a vicenda: questo 3d serve e servirà in futuro a capire quanto costa l'elettricità e eventualmente scegliere tariffe più vantaggiose, l'altro un data base sui consumi elettrici del forum.

Riguardo il passaggio alla BTA per ora è rimandato, lo valuterò verso fine anno.
Ciao!

Similo
07-10-2013, 13:16
*** Citazione integrale rimossa. Violazione art.3 del regolamento del forum. nll ***

Proprio a proposito di questo punto, ho avuto modo di scoprire (per caso), questo pacchetto di offerte di Enel a mercato libero disegnate per i possessori di auto elettriche (Auto Elettrica - Enel Energia (http://www.enelenergia.it/mercato/libero/it-IT/auto_elettrica)). Premetto che, non possedendo un'auto elettrica, non posso capire a priori quanto queste formule "tutto compreso" siano convenienti. Sarebbe utile riuscire in qualche modo ad isolare un budget di costi energetici mensili per l'auto in modo da poter fare una valutazione. Qualche anima pia?

riccardo urciuoli
07-10-2013, 13:58
Ciao Similo, grazie per il link.
Qui trovi qualche informazione sui costi in bolletta, nel 3d sui consumi che ho linkato sopra andrà crescendo nel tempo un database di consumi reali dei veicoli elettrici.
Comunque facciamo un veloce calcolo: per un'auto elettrica moderna si può ipotizzare un consumo di 100-150 Wh/km, l'impatto ovviamente dipenderà da quantio km all'anno si fanno. Considerato l'uso urbano e la necessità di ammortizzare il mezzo.. diciamo tra i 10000 e i 15000km/anno.
Quindi il consumo aggiuntivo annuo potrebbe essere dell'ordine di 1000-2200 kWh per le auto, la metà per uno scooter elettrico, ancora meno per un ciclomotore.

Numeri sparati a caso, ovvio che mezzi e abitudini cambiano molto da utente a utente.

carest
07-10-2013, 23:03
... se ricordo bene nel foglio di calcolo Carest afferma che gli scaglioni sarebbero calcolati su base GIORNALIERA!.....
.......le altre tariffe (es il 4,5kW o quelle nel libero mercato) sembrano ancora peggiori... Aspetto vostre conferme e considerazioni....
Ciao Riccardo, come sta il tuo piede?
Vedo solo ora questa discussione in cui sono stato citato.
Non ricordo di aver affermato che gli scaglioni sono calcolati su base giornaliera; di certo le (tele)letture vengono effettuate una volta al mese e nelle mie bollette i costi sono su base mensile.
Le mie personali riflessioni sulla convenienza o meno di un secondo contatore mi hanno sempre portato ad escludere la convenienza di un secondo contatore o l'aumento della potenza, ma io ho un consumo (prelievo da rete) sotto la media (1000-1100 kWh/anno da quando ho l'impianto FV); chi ha maggior prelievo (o necessità di potenza oltre i 3,3kWh continuativi) credo che faccia molta fatica a rimanere nella D2. Questi sono problemi che non mi si presenteranno a breve, perché non ho il tempo che hai tu da dedicare ad un'auto di 2° mano e una nuova è sinceramente uno spreco ai costi attuali per i pochi km che faccio; non si ammortizzerebbe mai.... ma a volte le cose non si fanno solo guardando ai soldi.

riccardo urciuoli
08-10-2013, 11:38
Ciao Carest, il piede fa un po' male se lo poggio, ma passerà...

Ho corretto il primo post, era una mia interpretazione errata perchè nel foglio parli di quota 'pro die' e avevo dedotto un calcolo giornaliero.
Appurato che non è così, visto che si parla di consumi annui bisognerebbe anche capire se i costi su base mensile vengono poi corretti su base annua con un conguaglio a fine anno, ma credo non sia così.

Concordo sulla mancanza di convenienza, siamo un paese di burocrati e furbi.

Per esempio legegndo il link di Smilo mi sembra di capire (ma magari sbaglio anche stavolta) quanto segue:

Tariffa 'tutto compreso': 80 euro/mese (+ costi di istallazione da definire...) non sono pochi! Fanno 960 €/anno, pari a 3200kWh se consideriamo 0,3€/kWh! Alla faccia della convenienza, io con la mia auto comincerei a guadagnarci dopo i 21000 km ANNUI!

Tariffa 'free': ancora peggio, 24€/mese + 0,4 €/kWh! Ma che cavolo di agevolazione è? Bah, spero mi sfugga qualcosa altrimenti sarebbe da chiamare un qualche garante, o il gabibbo..

dattero
13-11-2013, 12:54
Ciao amici leggo da tempo il forum abbastanza assiduamente e ora che Ecomission ha messo in commercio finalmente la moto con batt litio sono intenzionato a farci un pensierino..

vorrei fare la stima dei costi a lunga scadenza e un vs parere è per me importante...
in sostanza chiedo se è attendibile ciò che dice ecomission e cioè che si possono raggiungere 200 con 1 euro.

fermo questo punto più o meno condivisibile, vorrei sapere quale durata può avere il pacco litio montato di serie, in sostanza dopo quanti km o anni dovrò cambiarle ?
Volevo fare una stima annuale dei costi inclusi le batterie e il consumo elettrico e fare una valutazione rispetto benzina...
grazie a tt:bored:

jumpjack
13-11-2013, 14:03
Ciao, benvenuto nel forum e ben quasi-venuto nel mondo elettrico! :-)

Le batterie LiFePO4 dell'Ecojumbo, se usate come si deve, durano almeno 1000 cicli, e siccome ogni ciclo ti garantisce almeno 50 km, significa 50.000 km di "vita utile".

PERO'

"usarle bene" significa non scaricarle mai completamente, altrimenti si danneggiano prematuramente e in modo irreparabile.
Per preservarle, devi scaricarle al massimo all'80%, quindi percorrere con ogni ricarica al massimo 40 km, e poi ricaricare: a differenza delle vecchie batterie al nichel-cadmio dei vecchi cellulari, infatti, quelle al litio NON devono essere scaricate completamente prima di essere ricaricate, anzi, più spesso le ricarichi, meglio è! (vedi firma).

Devi poi considerare il costo della corrente e il consumo dello scooter:
Ad oggi 1 kWh costa tra 0,15 e 0,20 euro; consideriamo 0,20 per essere pessimisti.
L'Ecojumbo consuma circa 0,060 kWh per ogni km percorso. Quindi per fare 40 km servono 2,4 kWh, che costeranno 0,48 euro. Se moltiplichi tutto per 5 ottieni 200 km con 2,50 euro. Il dato "200 km con 1 euro" è più realistico con "scooterini" che al massimo vanno a 45 km/h (ciclomotori), che consumano solo 0,035-0,040 kWh/km, quindi 1,4 euro per 200 km.

Quanto alla benzina... 1 litro ti costa 1,80 euro, e con la macchina ci fai 20km, con uno scooter forse 30, quindi neanche mi metto a fare i conti di costi al km... :-)


Riassunto:
Vita utile stimata batterie: 50.000 km a 40km alla volta.

Tu quanti km conti di fare al giorno?

Kernel
13-11-2013, 15:50
che si possono raggiungere 200 con 1 euro.

Diciamo che con una carica ed una guida normale fai 65Km;
le batterie immagazzinano energia per 50Ah x 70V = 3500W; in realtà, però, non userai mai tutta l'energia a meno di non voler rovinare presto le celle, quindi immaginiamo di usare 2800W;
alla fine abbiamo 2800W/65Km = 43W/Km;
per fare 200Km avrai bisogno di 8600W;

il costo di 1 KWh con un contratto da mercato tutelato è di circa 0,20 EUR/KWh; il costo per 200Km, se non ho fatto castronerie, dovrebbe essere:
0,20*8,6 = EUR 1,72

Più di un euro, ma nessuno scooter fa 200Km con un litro di benzina (e nemmeno 100, al massimo 47Km/l sono quelli dichiarati per gli ultimi motori Honda del PCX 125)


dopo quanti km o anni dovrò cambiarle ?
E chi può dirlo? Le celle al Litio durano parecchio, ma credo che nessuno le abbia montate da così tanto tempo o Km da poter dire quanto durano realmente; e per poter comunicare una durata realistica non basta nemmeno un solo esemplare, perché molto dipende da come e quanto le scarichi.
Per come sono ridotte le strade oggi, mi viene da pensare che le batterie dureranno più del mezzo che alimentano.


Volevo fare una stima annuale dei costi inclusi le batterie e il consumo elettrico e fare una valutazione rispetto benzina...
Nella tua stima non tenere conto del fantomatico sconto del 50% dell'assicurazione: è roba vecchia e non più vera; alcune compagnie si rendono conto che uno scooter elettrico, non potendo avere le stesse percorrenze chilometriche di un benzina, le espongono a rischi minori e abbassano un po' il prezzo, ma qui a Roma due ruote sono due ruote e gliene frega poco che siano elettriche.
Considera che uno scooter elettrico non ha costi per candele, olio (ok, il Vectrix ha l'olio per l'ingranaggio nella ruota, ma è un litro ogni 20.000Km), filtri, ecc. e il meccanico lo vedi solo in caso di guasto "serio"; la manutenzione ordinaria (freni e gomme a parte) è praticamente azzerata.

--

Mi sono accorto di non aver inviato il messaggio e, solo ora, vedo che Jump ti aveva già risposto.
Più o meno abbiamo fatto le stesse considerazioni: io sono stato forse più ottimista con il mio "EUR 1,72" per 200Km ma alla fine non è tanto quello a fare la differenza, quanto l'assenza delle altre spese.

dattero
13-11-2013, 16:13
Cosa potevo pretendere di più?
ho avuto tutto quello di cui potevo chiedere.E questo dimostra che anche ai nuovi arrivati viene dato lo stesso trattamento di altri non "novizi" . e questo è un valore aggiunto al forum e ai moderatori. ottimo davvero.grazie a tutti

tornando ai conti io normalmente vado in "moto" su una Honda Hornet lo scooter lo uso quando piove e quando devo fare qualche spesa...ma potrei migrare all'elettrico anche per questioni di costi.... la mia percorrenza sono 25km / giornalieri tutti pianeggianti. (all'anno ne faccio quindi circa 6000) l'unica cosa che mi fa leggermente lievitare il costo a kWh è che ho un box la cui gestione amministrativa viene divisa tra 30 persone e qui la tariffa non è quella residenziale delle abitazioni è un po superiore e ho avuto modo di vedere che viene applicato circa 0.35 /kWh. quindi è un po di più... comunque a conti fatti e considerando anche che @jumpjack dice che le litio almeno 40/50000 km le fanno mi ci vogliono quasi 5-6 anni il che allora non mi pongo il problema di inserire nei primi 5 anni il costo delle batterie all'anno.
in sostanza anche con il costo elettrico maggiorato è un indiscusso vantaggio.

Tra l'altro tempo fa chiesi a unacompagnia assicurativa convenzionata con Ecomission e mi dissero che il costo annuale era circa 120 euro... quindi almeno la metà di quella che pago attualmente con un Leonardo 250 (aprilia) vecchiotto...

non mi resta che valutare ,attendiamo il 2014 le prime impressioni e poi decidiamo.

grazie a tutti alla prossima

Lupa
13-11-2013, 16:35
... vorrei fare la stima dei costi a lunga scadenza e un vs parere è per me importante...

Ciao dattero. Oltre alle stime dei miei "colleghi"di forum volevo fornirti anche uno spunto di riflessione da un altro punto di vista. Sono un possessore di ecojumbo 5000 (con batterie tradizionali) da un anno e mezzo. Lo scooter l'ho pagato 3500 euro, cifra che penso di ammortizzare completamente tra un anno scarso, ormai. Vedi per me lo scooter è stata l'alternativa all'uso casa - lavoro e viceversa di un pajero sport 2.5 td: comsumo 10 Km/l!! Praticamente, conti della serva, con questo mezzo spendo sui 100 euro abbondanti per fare 500 km. Considerando le stime di spesa elettrica, fornite sopra, ora ne spendo sui 3 euro. (A casa il mio scooter dopo una percorrenza intorno al 50% della sua autonomia mi "succhiava" circa 0,10 centesimi di corrente. Considera che faccio 35 km al giorno tra andata e ritorno e che inoltre ricarico anche sul posto di lavoro). Senza ora fare il calcolo di quanti km farai al giorno moltiplicato per il numero di giorni utilizzati nell'anno, per ... bla bla bla (tutti conti che dovrai fare tu in base alle tue esigenze), i miei 3500 euro spesi inizialmente, mi avrebbero fatto percorrere, col gasolio, circa 17.500 km. Ecco la cifra che una volta raggiunta con lo scooter segna il mio passaggio al guadagno. Ora ne ho quasi 9000.

Cosa voglio dirti?

Semplice: in quanto tempo pensi di poter rientrare dalla spesa iniziale (oggi più alta con le batterie al litio)? Ne vale la pena? Una macchina "normale" rispetto la mia fa in media oggi 20 km/l. Quindi, molto spannometrico, il rientro economico in questo caso sarebbe almeno dopo 5 anni di utilizzo.

In 5 anni di cose ne capitano, eh!!

Ho condensato parecchio quello che volevo dire ma è solo per darti uno spunto ulteriore di riflessione. Se poi hai bisogno di pareri pratici circa il mezzo, sono qua.

Ciao a tutti

Kernel
13-11-2013, 16:43
tornando ai conti io normalmente vado in "moto" su una Honda Hornet lo scooter lo uso quando piove e quando devo fare qualche spesa...ma potrei migrare all'elettrico anche per questioni di costi.... la mia percorrenza sono 25km / giornalieri tutti pianeggianti. (all'anno ne faccio quindi circa 6000)


Non vorrei fare il guastafeste e prendermi qualche flame dagli altri amici del forum, ma se fai 6000km con la moto e, quindi, solo una parte con lo scooter, economicamente non ti conviene nemmeno fra 10 anni (numero sparato a caso).

Uno scooter elettrico come l'EJ al Litio è in offerta a 4900 euro (parlo della configurazione con BMS; quella senza ha sollevato parecchie perplessità sul forum), un Honda PCX 125 (paragonabile per dimensioni e per "cilindrata" (*) ) costa di listino 2470 euro e dichiara consumi da 47Km/l. Anche se facesse 35Km/l e volendo calcolare la benzina a 2 euro/l, ti servirebbero circa 42.000Km per pareggiare i conti (e non ho considerato i consumi di corrente per fare 42.000Km). Diciamo che sono 30.000 volendo includere i costi della manutenzione ordinaria di uno scooter tradizionale? Bene! ti servono almeno 5 anni di "solo-scooter-elettrico" per pareggiare la differenza di prezzo.

Considera anche che le aspettative di vita di un pacco batterie al Litio sono di 50.000km, quindi poco dopo il raggiungimento del pareggio, ecco che devi cambiare le batterie (ad oggi almeno un migliaio di euro, ma fra qualche anno speriamo sia di meno).

Spero sia chiaro che dal punto di vista dell'economia, l'elettrico non può competere con gli scooter termici dal prezzo aggressivo come Honda SH e PCX.

Se, invece, lo fai spinto anche dal sacro fuoco dell'ecologia, dal fatto che non senti più le vibrazioni del motore, dal fatto che non fai rumore (occhio ai pedoni!), dal fatto che non puzzi ai semafori, ecc. ecc., allora benvenuto nel club!



*) quando comparo l'EcoJumbo al PCX 125 per cilindrata, intendo dire che deve sottostare agli stessi vincoli di un 125: in linea di massima niente tangenziali, autostrade o l'immancabile Grande Raccordo Anulare per noi romani!

Lupa
13-11-2013, 16:46
A Novara con la Unipol pago 139 euro all'anno di assicurazione.

Vedo che KERNEL la pensa come me.

dolam
13-11-2013, 17:27
Ragazzi vedo macchine che fanno 20 kml e suv di 20 quintali che ne fanno 10kml e moto da 47 kml. Dire che le vostre previsioni sui consumi sono oltremodo ottimistiche e dire poco, se parlate di traffico cittadino, perché non credo che vogliate usare la moto elettrica per traffico extra città. Detto questo passiamo all'equiparazione con i veicoli elettrici tipo ecojumbo che essendo uno scooter può essere equiparato solo ad uno scooter a benzina e qui ,se ci mettete il costo di riacquisto delle batterie, dopo 30.000 ottimistici Km, non credo ci sia un gran guadagno malgrado il diverso costo tra benzina e corrente elettrica. Dovete inoltre considerare che andare a elettricità significa andare a passo d'uomo, non solo per mancata potenza del mezzo ma soprattutto per raggiungere adeguati livelli di autonomia/consumo. Ho una twizy 80 elettrica che tranquillamente potrebbe essere il vero sostituto dello scooter in città con una autonomia decente una copertura antipioggia vera e punta di velocità ottima, ma hanno pensato bene di penalizzarla con un costo fisso mensile di 50 euro e soprattutto di farla tanto rigida da renderla inospitale. Insomma il veicolo elettrico aspetta ancora il via libera dei petrolieri per farla decollare e per quanto mi riguarda non basta lo spirito ecologista per affrontare spese sproporzionate per veicoli che a motore a scoppio costano in genere la metà ( la mia twizy l'ho pagata appunto il 50%). Insomma è vero che ci vuole lo spirito pionieristico ma qui manca la volontà dei costruttori di darci mezzi adeguati, il mio primo scooter elettrico è stato un Malaguti Ciak, che percorreva scarsi 40 km con un pieno d'energia, e in 2500 km ebbi a sostituire due volte le 5 batterie, una ad 800 km, in garanzia , e la seconda a 2560 Km (1760 dal precedente cambio) ma preferii regalare lo scooter a 400 euro piuttosto che acquistare nuovamente 750 euro di batterie ( pari a 42cent di euro a km percorso un po' più di una ferrari) per correre alla velocità di 44 kmh in discesa!! Per questo fate i vostri conti ma non pensate di risparmiare, piuttosto forse non inquinerete, almeno fino a che le batterie pesano e durano come ora, e soprattutto non paragonate un ecojumbo litio ad un pajero!!

Kernel
13-11-2013, 19:25
dolam, concordo sul fatto che paragonare un SUV ad uno scooter sia il classico esempio di "patate e pere", ma il confronto con il PCX 125 mi sembra giusto per dimensioni, potenze, ecc.

I parametri presi per i due mezzi sono ottimistici, ma sono entrambi ottimistici, quindi il confronto ancora regge anche se con il medesimo errore.

Che non sia conveniente lo ho sottolineato con i numeri ma, nonostante questo, ho un EcoJumbo (a breve in vendita) ed un Vectrix nel garage (entrambi convertiti al litio): il Vectrix è arrivato dopo, nonostante sapessi benissimo che non era conveniente in assoluto, ma per l'uso che ne faccio io va benissimo; i numeri sono numeri, ma poi ognuno li interpreta anche con la propria passione.

Lo spirito ecologico, volendo essere cinici, se ne va facilmente a farsi benedire a meno di non avere pannelli fotovoltaici sul tetto o di usare un fornitore che usi solo ed esclusivamente fonti rinnovabili; in caso contrario ho solo spostato il mio apporto di inquinamento da Roma a Civitavecchia (dove è la centrale elettrica più vicina); rimane la "consolazione" che è più facile controllare i pochi camini di una centrale elettrica che le migliaia di marmitte degli scooter romani.

Per esperienza personale posso dire che sono passato da un Burgman 400 ad un EcoJumbo 5000W PbGel (ma erano cambiate le mie esigenze); feci il confronto con un SH150 e i calcoli mi dicevano che in due/tre anni si rientrava della differenza di prezzo.

ccriss
13-11-2013, 19:37
Ciao, io tempo fa avevo fatto due conti sulla mia esperienza a valle delle misurazione dei wh consumati in 5.200Km percorsi.
Se qualcuno vuole leggerselo è qui
Il blog di Ccriss: Ma quanto mi costa andare in giro? (http://eco-mobilita.blogspot.it/2013/08/ma-quanto-mi-costa-andare-in-giro.html)

Ma sintetizzando , il break even tra acquisto di scooter benzina (ipotizzando un valore di 2.000euro) con consumo di 40Km/L e il mio scooter da 3.000Euro era di 36.363Km valutando solo i consumi. Pero' uno scooter che in città fa i 40Km,/L non credo esista. Il break even si dimezza con consumi cittadini da 20Km/L, ma sono sempre 18.000KM!!
Detto questo, io ricordo di esperienze di altri che hanno usato le celle Litio Ferro che hanno superato ben oltre la soglia dei 50.000Km, io sarei portato a dire che se trattate bene 100.000Km ci stanno proprio tutti.
Qui sotto il post che avevco scritto e che parlava dei 100.000 Km percorsi da un tizio molto noto nel settore.

*** Basta il link! Citazione integrale rimossa. Violazione art.3 del regolamento del forum. nll ***

Io ho fatto ad oggi 20.000Km in 2 anni e mezzo e le celle stanno ancora benissimo, per intenderci stimando i cicli , siamo a 800 cicli di carica/scarica con profondità di scarica intorno al 40%.
Qui sul forum c'e' chi con la fiat elettra ha fatto molti piu' KM di me e se la cava ancora bene.

P.S.: Io ho sempre trattato bene le celle (es.: ho il BMS) e quasi mai scaricate oltre il 70%

dolam
13-11-2013, 20:09
Criss e Kernel, come avrete letto nella mia firma ho impianto fotovoltaico sovradimensionato, boiler elettrici, bici elettrica e auto elettrica. Credo che sulla mia vena ecologista , avendo acquistato dodici anni fa uno scooter elettrico, non devo faticare a farla capire. Detto ciò devo purtroppo constatare
che tra Pb-gel, agm, exide, Litio e altre tipologie di accumulatori un vero mezzo elettrico dall'uso spensierato nella libera circolazione non c'è. La mia auto fa 80 km ma poi devi considerare che non puoi scaricare al 100% altrimenti i cicli si accorciano, devi considerare che se sei al 40% della carica devi calcolare se ti riesce rientrare a casa, devi calcolare che se piove e accendi il tergi , le luci e magari il sedile riscaldabile potresti non farcela a rientrare. Se l'ultimo tratto di strada è in salita lo devi considerare come maggior consumo, per non parlare poi che se li usi con accelerazioni e frenate normali il consumo sale immancabilmente. Insomma c'è da lavorare molto e soprattutto il costo delle batterie è volutamente tenuto su per pareggiare i conti con la benzina, loro i conti li fanno prima di noi. Con la mia twizy risparmio 100 euro al mese con 1000 km ( non pago l'energia elettrica) ma poi dico 55 euro affitto batterie, 20 euro assicurazione furto, 22 assicurazione RCA
totale 97 euro ho risparmiato 3 euro mese , viaggio "rigido" ho un auto in più ( nel mio caso ho un 16enne in casa e quindi recupero parzialmente) ma se non avessi quelle spese avrei in tre anni il fine ciclo batterie e stessa spesa per riacquisto. Purtroppo ragazzi è così anche se continuo a viaggiare elettrico ( ho anche in programma la sostituzione del SUV di mia moglie con una "vera" auto elettrica appena ne trovo una a prezzi decenti sotto i 15000 euro) devo amaramente constatare che non c'è convenienza e soprattutto tante difficoltà d'uso, unica consolazione faccio la mia parte a non inquinare ma quando vedo quegli autobus pubblici che lanciano lunghe scie nere in cielo mi viene da piangere ed anche un po' di frustrazione respirare dagli spifferi della mia microcar quelle polveri sottili in quantità industriale, faccio proprio bene a sacrificarmi??

riccardo urciuoli
13-11-2013, 23:28
spero siate d'accordo, ho spostato gli ultimi messaggi da ecojumbo a questo 3d che mi sembra più indicato.

E tanto per aumentare dubbi e depressione chiedo a chi parla di 0,2 €/kWh di postare i propri consumi annuali in kWh e magari una delle ultime bollette...
Come scritto nei primi post molto più veritiero per chi non ha FV parlare di 0,3 €/kWh..purtroppo...

Detto ciò sono e resterò molto orgoglioso di muovermi con un'auto elettrica (quando me la lasciano) per contribuire a cambiare questo mondo.
Però bisogna essere obiettivi e dire che ad oggi si tratta di un esperimento per pochi coraggiosi pionieri, che per recuperare l'investimento bisogna fare da qualche 10ina a 60-70000 km o più se si compra un'auto full electric nuova a prezzo pieno...

dattero
14-11-2013, 06:31
@riccardo urcioli
OK va bene , il moderatore serve anche a gestire al meglio...

Tutte ottima considerazioni, che valuterò attentamente. La mia decisione non è immediata, ma sarà presumibilmente nel 2014.
Per quanto riguarda l'ammortamento negli anni etc... nel mio caso siccome comunque dovrò cambiare molto presto lo scooter a benzina di 15 anni, il costo della sostituzione comunque ci sta, e quindi siccome uno lo devo prendere, migrando all'elettrico, avrei comunque un beneficio.
Per il percorso annuale mio di circa 6000km in "moto" e solo occasionalmente in scooter, in questo caso cambierei abitudine anche per questione di costi del trasferimento con moto a benzina.
Comunque molto presto faccio un salto a Sestri a provare l'Ecojumbo litio che mi hanno detto già pronto dal 11 novembre per le prove. (sono qui vicino...) ciao...

dolam
14-11-2013, 08:29
Dattero appena hai fatto le tue prove dicci le tue impressioni vere e soprattutto indicaci i consumi reali se riesci a controllarli.
Detto questo Riccardo ha fatto bene a spostare la conversazione qui. Una yamaha 125 x center a benzina e 109 kmh di velocità massima, consuma in città intorno ai 33/36 Kml e quindi circa 3 litri per 100 km ovvero 1,67 x 3 = 5 euro, 100km con scooter l'elettrico circa 1euro.
Ovvero in 1000 km 40 euro ed in 10.000 400 euro di risparmio. In 50000 km , 2000 euro di risparmio.
Ora sfido chiunque a dire che in 50000 km le batterie non vengono sostituite a meno che non le ricaricate ogni 30 km. Ma se fate 30 km al giorno forse è meglio ipotizzare una bici piuttosto che uno scooter. Ripeto , come dice Riccardo, siamo stanchi di essere solo pionieri, dovrebbero premiare la nostra vena ecologista, magari chiudendo più strade al traffico normale così da convincere i produttori che abbassare i prezzi per loro significa cominciare a produrre anche una linea elettrica per i più. Perché vedete a noi "ecologisti" ci prendono anche un po per c....o quando magari attraversiamo l'unica strada "consentita a veicoli a trazione elettrica" ma se mettessero i cartelli " strada consentita a veicoli a trazione a scoppio" forse si convincerebbero ad abbassare i costi dell'elettrico, se vogliono continuare a vendere ancora mezzi di trasporto. Insomma la fase di collaudo degli ecologisti direi che è terminata. I mezzi che percorrono i Km necessari sono disponibili, vedi nissan leaf, renault zoe, citroen zero ecc, ecc. , devono decidersi ad abbassare i costi. Le batterie al litio le fanno pagare prezzi mostruosi perché sanno di poter chiedere ad un mercato di nicchia ma quando ci sarà un mercato vero dovranno correre ed allora arriverà l'utilitaria elettrica ( che noi siamo stati i primi ad intuire ,nel mondo ,senza adeguato supporto governativo : la Fiat 600 Elettra) a costi da 7/9000 euro ed allora significherà che si vorrà veramente passare a non inquinare. Intendo ovviamente un'auto da almeno 200 km di autonomia, con aria condizionata e riscaldamento, non i trabiccoli attuali che sembrano le auto dei nostri bisnonni in quanto a confort, una vera vergogna per l'industria automobilistica mondiale, quando ovviamente non costano 36000 come una Nissan Leaf, prezzo inimmaginabile per un auto di tutti i giorni.

roby.lt
14-11-2013, 10:43
.....il Vectrix ha l'olio per l'ingranaggio nella ruota, ma è un litro ogni 20.000Km),.....

Per il riduttore epicicloidale del Vectrix (gear box) occorrono solo 80ml di olio e non un 1litro!!!! Inoltre sai benissimo che con la frenata rigenerativa le pastiglie dei freni e i dischi si usurano pochissimo (il mio Vx con quasi 38000km, ha i dischi ancora nuovi e le pastiglie originali).

dattero
14-11-2013, 15:49
Dattero appena hai fatto le tue prove dicci le tue impressioni vere e soprattutto indicaci i consumi reali se riesci a controllarli.


Mah andrò prossimamente. mai fatto un giro sull'elettrico quindi non credo di essere molto all'altezza per rendere responsi attendibili comunque lo farò.
per i consumi non credo proprio, non so manco quanto ti ci fanno stare in sella a girare... certo che per fare un rettilineo di 200 metri 3 o 4 volte non credo mi serva gran che...vedremo.
Aspetto una bella giornata di sole...

elettrico 2012
14-11-2013, 20:27
Dopo aver letto e riletto tutti i messaggi precedenti posso solo aggiungere che, avendo una tariffa residenziale enel, con contratto 4,5 Kw, bioraria D3, il mio costo a Kwh è di 0,285 euro.
Tale cifra è data dividendo il costo totale delle bollette bimestrali per i Kwh realmente conteggiati e fatturati nel periodo.
Questo perchè voglio tener conto di tutte le quote (fisse e variabili), anche considerando che quando si pagano le bollette si pagano anche iva e tasse varie.
Se tenessimo conto solo della quota fissa, nel mio caso 0,013890 euro Kwh, si arriverebbe sicuramente ai fatidici 200 Km con 1 euro, ma pago anche una quota variabile (0,14947) e una "quota potenza" (4,5 x 1,28389) che l'importo da pagare moltiplicando la potenza erogata per il costo di acquisto dell'energia da parte di enel (questo valore viene aggiornato ogni 3 mesi).
Sicchè (mi perdoni Riccardo) trovo più corretto ad ogni bolletta dividere il prezzo pagato per i Kwh consumati.

riccardo urciuoli
14-11-2013, 20:43
e io ti ho messo lo stesso un mi piace perchè comunque mi dai ragione... 0,285 e non 0,15 o 0,2...

Comunque si può discutere, ma secondo me non è corretto dividere tutta la bolletta per i kWh totali...

Ripeto il mio ragionamento: gli altri utilizzi sono indispensabili e preesistenti, intendo luce, elettrodomestici e eventuale condizionatore. Se aggiungiamo il mezzo elettrico tutti i suoi kWh sono pagati a 0,3€/kWh o qualcosa in più.

Altrimenti se fai una media su tutto... vabbè dovresti dire che il mezzo ti costa 0,285€/kWh, ma anche che dopo il suo acquisto ti costano di più tutti gli altri utilizzi che avevi prima!

Paragone OT ma simile: se aumenti i tuoi guadagni puoi ragionare sull'aliquota IRPEF 'media', ma per farti due conti in tasca (es quanto chiedere per un certo lavoro) è più corretto considerare quel reddito aggiuntivo tutto tassato con l'aliquota maggiore...

dattero
14-11-2013, 20:48
Sicchè (mi perdoni Riccardo) trovo più corretto ad ogni bolletta dividere il prezzo pagato per i Kwh consumati.

beh direi che era già scontato questo tipo di conteggio....:)

dolam
14-11-2013, 20:55
Riccardo fa un ragionamento giusto essendo km aggiunti ai normali consumi vanno calcolati alla tariffa alta e lì saprei esattamente quanto consuma la mia automobilina, ma è anche vero , come dice dattero, che comunque dividere l'importo totale di tutti i kwh consumati mi da la media del mio kwh, unico errore, dattero, che così facendo ti aumenta il consumo della lavatrice ed invece è il veicolo elettrico il colpevole. Ad ognuno le sue pene.

elettrico 2012
15-11-2013, 17:05
Sto tenendo un diario dei km fatti e dei Kwh consumati: ad oggi dal primo cambio batterie ho totalizzato 4701 Km, con un consumo di 274,5 Kwh. Potrei detrarre dai consumi della bolletta i Kwh consumati nei giorni di riferimento della bolletta stessa, ma anche così sarebbe un calcolo complicato risalire alla tariffa precisa, dato le molteplici voci varabili sulla bolletta. Per comodità scelgo di tenere "buono" un valore, ancorchè molto approssimativo di 0,285 Euro/ Kwh.
L'ideale sarebbe una "bolletta separata" su un contatore separato; colonnina di ricarica????

egimark
15-11-2013, 17:21
Io ragiono come Riccardo.

Faccio un esempio numerico (tariffa D2 di maggior tutela, 1/3 F1, 1/3 F2, 1/3 F3)
Consumo senza veicolo elettrico 3000 kWh, bolletta 612 €, 0,204 €/kWh
Consumo con veicolo elettrico 4200 kWh, bolletta 1003 €, 0,239 €/kWh
Costo "marginale" (1003-612)/(4200-3000)=0,326 €/kWh

Se decido di comprare un veicolo elettrico il kWh mi costa 0,326 €.

carest
15-11-2013, 18:05
....
Costo "marginale" (1003-612)/(4200-3000)=0,326 €/kWh

Se decido di comprare un veicolo elettrico il kWh mi costa 0,326 €. Solamente se ricarichi sempre e soltanto prelevando da rete.... le volte che riesci ad utlizzare l'energia proveniente dal FV, la ricarica ti costa meno (al limite niente) e aumenti l'autoconsumo. Ma forse queste sono considerazioni che avevi già fatto.
Personalmente ho fatto varie verifiche, ma aumentando il consumo aumenta spesso anche il costo per kWh, tranne se parti da una fascia di consumo veramente molto bassa. Per la D2 sotto i 1800kWh/anno; la D3 è un po' diversa perché le differenze tra le fasce sono minori e avendo costi fissi alti, in pratica il costo diminuisce sempre con l'aumento del consumo. Se guardate nel mio foglio di calcolo è più chiaro l'andamento del costo al cambiamento dei consumi.

dolam
15-11-2013, 22:08
egimark fa un conteggio corretto, carest da il consiglio giusto. Cerco sempre di ricaricare da FV altrimenti mi diventa inutile averlo sovradimensionato, ma per chi non lo ha il veicolo elettrico costa da 0,32 a 0,36 euro al Kwh che non è poi tanto poco, da non paragonare alla benzina ma ha un suo costo.

riccardo urciuoli
01-02-2014, 18:35
Eccola!
La prima bolletta dove si vede più chiaramente l'impatto di un veicolo elettrico, o più in generale di un assorbimento di energia elettrica importante e che si aggiunge ai kWh preesistenti.

Premessa: non so dire quanti km ho fatto in dicembre e gennaio, comunque meno del solito perchè ci sono le ferie. Quello che mi interessa però sono i costi al kWh riportati.
Tariffa D2 bioraria Enel (maggior tutela)

37413

Le ricariche notturne hanno alzato all'82% la percentuale di consumi in F2/F2 la bolletta è riferita a 194 kWh consumati.

Per la prima volta ho avuto il piacere di fare conoscenza col 4o scaglione!

Quindi è ovvio, anche mentalmente, associare il consumo dell'auto agli scaglioni più costosi. La cosa evidente è la quasi trascurabile incidenza della fascia oraria, che fa diminuire la sola quota energia da circa 8-8,1 a circa 7,4-7,7 centesimi/kWh.
Tutti gli altri costi sono fissi, o legati allo scaglione di consumo.
Dispacciamento: circa 1,4 centesimi/kWh
dispacciamento variabile: circa 0,05-1,4 centesimi/kWh a seconda dello scaglione

Quote servizi di rete variabili:da circa 3,7 a quasi 20 centesimi/kWh a seconda dello scaglione!

Quindi, e mancano piccole quote fisse, il costo/kWh varia da un minimo di 13-14 cent/kWh a circa 31 cent/kWh abbondanti nel 4o scaglione.

dolam
01-02-2014, 19:18
@Riccardo a me sembra evidente che l'auto elettrica contribuisca ad alzare lo scaglione e pertanto vada considerato come costo dell'ultimo scaglione. Insomma non possiamo negarcelo, i costi non sono così bassi come ce li aspettavamo, oltretutto i consumi in inverno a me sono cresciuti del 30%, insomma 1000km costano 40 euro di corrente , assolutamente non pochi se calcoliamo i costi aggiuntivi di batterie e di un'altra auto che si è costretti a tenere.

carest
01-02-2014, 23:11
Ciao Riccardo
Ho fatto qualche conto della serva sulla tua bolletta: se i costi sono tutti nel foglio che hai allegato, hai speso 0,215€/kWh (144,88€/674kWh), mentre se l'IVA mancava (come è probabile), allora hai speso 0,236€/kWh (159,37/674).

Per pura curiosità, il costo dei tuoi 674kWh tra novembre e gennaio si possono ipotizzare (stando dal lato del sicuro) in 4000 in un anno e, mettendo l'ultimo periodo utile (luglio 2013) nel mio foglio di calcolo (foglio: "riepilogo CASA", tariffa: D2 bioraria residenti, consumo: 4000kWh / anno), trovi un costo massimo (tutto il consumo in F1) di 963,6€, quindi 160,6€ a bolletta.

Alla luce di questo, io non farei troppi ragionamenti su quale scaglione era il kWh che hai usato per ricaricare l'auto elettrica o per lavare i panni; piuttosto sarei curioso di sapere quanti km in meno percorri in inverno rispetto all'estate con lo stesso numero di kWh.

dolam
02-02-2014, 05:28
Il conto della serva fatto da carest l'ho fatto anch'io , ho diviso il totale bollette per i kwh pagati ed il prezzo è giusto , anche a me viene 23,50 cent al kwh . Consumo 6250 kwh annui di cui 3000 li prelevo dall'Enel e 3250 li autoconsumo dal mio fotovoltaico. La Twizy cerco di ricaricarla solo dal "sole" . Ripeto l'aumento del consumo che ho in inverno è di circa il 30 %. sono passato da 77w a km. Ad oltre 100w a km con una riduzione notevole dell'autonomia. Farò ulteriori prove con il tempo bello ma penso che il caricare molto spesso le batterie ,per aumentarne il numero di cicli , comporti anche un aumento dei consumi. In inverno carico molto spesso per sfruttare tutto il sole che c'è quindi anche quando sono all'80% ricarico. Questo lo verificherò meglio con la bella stagione.

egimark
02-02-2014, 09:00
@Riccardo, puoi per favore verificare, sulla pagina 3 della bolletta che non hai postato, se i kWh soggetti ad accise sono tutti per il primo e terzo periodo (14 e 16 giorni) e 183 su 280 per il secondo periodo (31 giorni).
Grazie

Commento alla tua bolletta:
Come mai a Dicembre hai prelevato così poco (-35%) rispetto ai 14 giorni precedenti o i 16 successivi?
Il calcolo proquota quindicinale del primo e terzo periodo può risutare particolarmente penalizzante.
Anch'io ho la tua stesa suddivisione in 3 periodi ma per me il proquota (quindicanale o mensile) è ininfluente perchè ho prelievi più uniformi nell'arco del mese.

riccardo urciuoli
02-02-2014, 11:16
oddio, voi avete molta più voglia di me di sviscerare le voci!

Cerco di andare per ordine e dare qualche info in più.
I costi sono senza iva ma i 13,12 in fondo sono le imposte, quindi giusto il totale iva inclusa di 159,37 euro -> 0,236 €/kWh.

Per ora sono salito da circa 2600 a poco più di 3000 kWh, ma l'auto ha avuto miolti periodi di stop (cambio batterie) e i primi mesi, anche se ho girato poco, ho 'rubato' corrente condominiale prima di avere l'ok a farmi la linea privata.

L'anno prossimo sicuramente mi avvicinerò ai 4000 kWh, il costo medio e la percentuale di consumi in F2/F3 aumenteranno ancora.

Anch'io rilevo un aumento dei consumi di circa il 25% (da 150-155 Wh/km a circa 190) dovuto sia alla minore efficienza della chimica che al fatto che usandola un po' tutti aumentano i 'rabbocchi', e a fine carica il mio CB è meno efficiente.

@egimark: i miei consumi non sono uniformi un po' per le ferie natalizie che andiamo a svernare al sud, quindi consumi nulli. poi ti posto le altre pagine.

egimark
02-02-2014, 14:21
Con 2600 kWh prelevati (con F1 pari ad 1/3) avresti una bolletta annuale di 452.42 € (tutto compreso), costo medio 0,174 €/kWh.
Con 4000 kWh prelevati (con F1 pari ad 1/3) avresti una bolletta annuale di 911.58 € (tutto compreso), costo medio 0,228 €/kWh.

Il fatto di ricaricare le batterie (1400 kWh in più prelevati) ti costa 459,16 € con costo MARGINALE di 0,328 €/kWh.
E' questo che devi usare per valutare la convenienza del veicolo elettrico.
Se qualcuno dice di usare il costo medio 0,228 €/kWh secondo me sbaglia. E' vero che la ricarica ti costerebbe di meno ma tutti i 2600 kWh che preleveresti comunque aumenterebbero da 0,174 a 0,228 €/kWg.

Ho rifatto anche i calcoli ponendo la percentuale in F1 pari ad 1/5 (20%). Per la maggior tutela la differenza del prezzo dell'energia è modesta e i costi unitari diminuiscono al massimo di 0,001 €/kWh.

Ciao

riccardo urciuoli
02-02-2014, 20:06
egimark, sono pienamente d'accordo...devi convincere altri!

roby.lt
02-02-2014, 22:08
Ci vorrebbe una legge che protegga, i possessori di veicoli elettrici, spostando lo scaglione a tariffa più elevata, in proporzione alla potenza del veicolo elettrico.
Ho fatto da poco una tessera per colonnine pubbliche a consumo, Enel Drive Free, solo per uso occasionale, però 0,4Euro al kWh (IVA compresa) è una cifra esagerata, comunque apprezzo l'utilità e mi aspetto che in futuro le colonnine vengano installate, progressivamente in tutti i capoluoghi e comuni e nelle aree di servizio.

gianfrdp
02-02-2014, 23:32
Esite il BTA per veicoli elettrici: senza scaglioni

roby.lt
03-02-2014, 09:39
E' un'integrazione al contratto domestico? Oppure un contratto separato?

gianfrdp
03-02-2014, 10:31
Contatore separato

carest
03-02-2014, 12:17
Trovate i riferimenti normativi sul contatore separato per ricaricare auto elettriche nei link del file sui costi elettrici (foglio: istruzioni novità link, punti 2.2) che è nella mia firma.

Per la questione del costo MARGINALE per la ricarica dell'auto elettrica vorrei rispondere a egimark e a riccardo.
Premettendo che comprendo perfettamente il vostro ragionamento, vorrei però dire una cosa che deve essere chiara a tutti prima di ogni discorso: UN CONSUMO è solo UN CONSUMO punto e basta! Cioè non si può dividere tra quello che utilizzi per ricaricare l'auto o quello che utilizzi per asciugarti i capelli o lavare i piatti. Infatti la bolletta non fa discriminazioni in questo, ma solo sulla fascia oraria del consumo (e ora praticamente non esiste neppure più differenza di costo, vedi punto 2.4.3 del foglio precedente).

Premesso questo, vorrei sapere come fate ad affermare che ricaricate l'auto usando sempre la fascia di costo maggiore: come fate ad escudere a priori che il consumo in quella fascia non si possa, almeno in parte, attribuire al resto degli elettrodomestici? Ricaricate sempre e solo l'auto alla fine del mese di fatturazione, mentre escludete sempre tutti gli altri consumi? Non credo proprio.
Come si può dire che il frigorifero, la Tv, il computer, l'aria condizionata, le luci ecc, utilizzano sempre e solo le prime fasce di costo? Lo si può affermare ragionevolmente solo se considera il consumo dell'auto come opzionale, cioè che potresti farne tranquillamente a meno.
Ma se puoi fare a meno di ricaricare l'auto, perchè non potresti fare a meno di utilizzare la lavastoviglie, la luce nel corridoio, lo stand-by del TV per 20 ore al giorno, ecc? Si tratta di scelte personali (più o meno) consapevoli, che ognuno di noi fa.
Io ricaricare l'auto la metto allo stesso livello degli altri consumi ma voi, evidentemente, no.

riccardo urciuoli
03-02-2014, 12:34
no carest è proprio questo il punto, che secondo me non sono sullo stesso piano.

Prima di tutto alcuni consumi sono di base e molto più utili o indispensabili, luce lavatrice lavastoviglie non hanno alternative all'energia elettrica, l'auto si.
Poi, non trascurabile, l'auto consuma tanto, quindi a mio avviso se prima consumavo 2600kWh anno e l'auto ne aggiunge 1500... come faccio a dire che sono le lampadine a farmi spendere di più?

Insomma, io sono abbastanza virtuoso e ero nei primi scaglioni, l'auto sfora quasi interamente nello scaglione costoso, per me è ovvio calcolare 0,3€/kWh o giù di li per valutare quanto risparmio e in quanto tempo ammortizzo le batterie.

Ovviamente userei lo stesso criterio se dovessi comprare il condizionatore...

Detto questo ognuno ragiona come vuole, però forse l'avevo già detto ma è come per le aliquote irpef... non si può dire che tutti i redditi sono tassati al 40%, ma se già guadagni uno stipendio medio alto e ci aggiungi una consulenza (esempio) devi considerare il fatto che è tassata con lo scaglione alto...

Vabbe', come avevo già detto tempo fa dovrei valutare la BTA...

egimark
03-02-2014, 12:42
@carest

Io non ho l'auto elettrica ma per valutare se conviene prenderla devo calcolare cosa succede alla mia bolletta.
L'impatto è che aumenta il costo medio unitario, ma non solo sui nuovi kWh prelevati ma anche su quelli che prima pagavo di meno.
Tanto vale usare il costo Marginale.

Però ci siam capiti, per te l'auto elettrica è essenziale come la lavatrice.
Io invece ci posso rinunciare e attendere che la scelta diventi conveniente (costo d'acquisto, manutenzione e "ricarica").

tonini_mingoni
04-02-2014, 07:23
Ma hai dovuto sottoscrivere un contratto?
E' forfettario o tutti i bimestri paghi 60€?Indipendentemente da quanto prelevi?

Ciao

Fox

tonini_mingoni
04-02-2014, 07:28
Carest, è abbastanza semplice capire quanto incide la ricarica auto:
1)Si ricarica sempre di notte dalle 22, 23 alle 7.00 (cioè quando si dorme).
Da quel prelievo si toglie il consumo minimo che ogni appartamento ha (citofono, frigo, ed altre utenze sempre accese...)...da li si può capire quanti kw prelevati, ma non immessi nel sistema batteria perchè occorre capire anche le efficenze del sistema di ricarica e delle batterie stesse...

Ciao

Fox

dolam
04-02-2014, 08:28
Per conoscere i consumi ho seguito un metodo un po' più semplice ho acquistato un contawatt a LIDL da 9,90 euro ( in offerta, prezzo normale 14,90) e l'ho messo sulla presa dove collego solo la Twizy, così calcolo con assoluta esattezza i Kwh consumati, dopo li trasferisco su un sito specifico che mi tiene la contabilità dei km percorsi e del consumo di corrente, al termine so esattamente quanto consumo nel periodo. Ovviamente per il costo mi affido all'ultimo scaglione dei miei consumi in bolletta ( quello è il consumo reale) .
Comunque si può anche semplicemente dividere l'intero importo annuale per i kwh consumati e moltiplicare il risultato per i kwh prelevati per la sola Twizy , su 800 kwh la differenza è minima arriverà massimo a 60/70 euro annui poco più di 5 euro mese, mi sembra piuttosto insignificante per chi preleva da rete. Per me poi che almeno il 70/80 % dei miei prelievi li faccio solo quando sono in produzione con il Fotovoltaico le differenze si riducono a valori annuali veramente insignificanti. Riallacciandomi invece al discorso di roby.it credo che i distributori di carburanti facciano bene ad attrezzarsi con pensiline FV e disporre di almeno 3 colonnine per distributore, in fondo i veicoli elettrici sembra che diventeranno il 20% del circolante tra meno di 5 anni e allora vale la pena anche per loro cominciare a prepararsi, così come garage sotterranei e parcheggi pubblici ma certo non a 40cent a Kwh che mi sembra un tantino caruccio. Comunque se dovessi caricare la sera esistono tariffe biorarie con quella notturna a pochi cent di euro, eon mi pare ne abbia una a 4 cent per quella serale e per chi ha il contatore separato in garage sarebbe il top.

roby.lt
04-02-2014, 10:00
Un nuovo contatore per garage costa di allaccio circa 600Euro, ed ha un costo fisso mensile più alto, circa 7Euro al mese, per chi ha un auto elettrica potrebbe essere utile, anche per la potenza domestica che non verrebbe toccata, quindi senza sorprese di buio al superamento dei fatidici 3.3kw di potenza istantanea impegnati.
Per chi impiega le colonnine pubbliche, ci sono oltre alla tessera a consumo, altri 2 contratti Flat: 30Euro/mese per ricaricare da tutte le colonnine pubbliche; 80Euro/mese per ricaricare da tutte le colonnine pubbliche e dalla Home Station (colonnina installata nella propria residenza).

jumpjack
04-02-2014, 20:10
se ognuno cerca di calcolare quanto gli costa un "pieno elettrico" tenendo conto di tutti i costi accessori del suo gestore, nessuno riuscirà mai a venirne a capo...
Bisogna fare il confronto su una base certa: il costo per kWh.
tutti gli altri termini non sono confrontabili tra una bolletta e l'altra.

E comunque io devo ancora capire perchè cavolo dalle colonnine devo pagare 0,40 euro quando ho letto che esiste una legge per cui la corrente per i mezzi elettrici deve costare MENO di quella per usi domestici.... solo che non so gli estremi della legge!

dolam
04-02-2014, 20:54
questa sarebbe interessante da conoscere. Iniziamo la caccia alla volpe, vediamo chi lo trova prima

riccardo urciuoli
04-02-2014, 22:32
Secondo me non c'entra niente, probabilmente la legge stabilisce che la corrente per ricarica domestica deve costare meno di quella per altri usi (domestici sempre).
E infatti sono possibili tariffe BTA con costi/kWh inferiori, ma contatore separato, anche per le pompe di calore.

Dalle colonnine costa di più perchè ovviamente ci vogliono guadagnare, mica le fanno per diffondere i veicoli elettrici....

roby.lt
04-02-2014, 22:48
....perchè cavolo dalle colonnine devo pagare 0,40 euro quando ho letto che esiste una legge per cui la corrente per i mezzi elettrici deve costare MENO di quella per usi domestici....

Come sempre i due ruote, non vengono mai considerati, le colonnine sono state fatte in funzione dell'esperimento Smart elettrica, di conseguenza hanno calcolato le tariffe flat di 30Euro/mese, molto convenienti per le auto elettriche, penalizzando la ricarica a consumo.
Comunque meno male che hanno dato la possibilità di fare la tessera a consumo, perchè inizialmente c'era solo il contratto flat.
Jump, se la trovi questa legge, bisogna farla visionare da qualche associazione che difende i consumatori, cercando di ribassare le tariffe almeno a circa 0.2Euro/kWh!!! Personalmente vorrei qualche colonnina sulla Pontina tra Roma e Latina, per esempio una a Pomezia (così non dò più fastidio a grillino), una ad Aprilia e una a Latina, anche se dovesse restare la tariffa di 0.4Euro/kWh!!!

riccardo urciuoli
04-02-2014, 23:00
sicuramente lo diceva il decreto sviluppo:

Art. 17 novies - Indicazioni all'Autorità per l'energia elettrica e il gas1. Entro un mese dalla data di approvazione del Piano nazionale, il Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dello sviluppo economico, formula indicazioni all'Autorità per l'energia elettrica e il gas concernenti le reti infrastrutturali per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica, con particolare riguardo ai seguenti aspetti:a) determinazione da parte dell'Autorità per l'energia elettrica e il gas di tariffe per il consumo dell'energia elettrica di ricarica dei veicoli che, nel rispetto dell'articolo 2, comma 12, lettera e), della legge 14 novembre 1995, n. 481, incentivano l'uso di veicoli alimentati ad energia elettrica ricaricabili nella fase di avvio del mercato e almeno per il primo quinquennio;b) fissazione di criteri specifici e differenziati rispetto a quelli relativi agli altri tipi di consumo;c) riconoscimento e recupero dei costi sostenuti nell'interesse generale diretti ad assicurare la qualità, l'efficienza del servizio di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica e l'adeguata diffusione del medesimo nel territorio nazionale, proporzionalmente all'effetto positivo che ne deriva sugli obiettivi generali di carattere sociale di ammodernamento del Paese, di tutela ambientale e di uso efficiente delle risorse;d) opportunità di differenziare il regime tariffario del servizio domestico o privato di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica da quello del servizio pubblico o collettivo svolto in forma di distribuzione commerciale nonché di contabilizzare separatamente i consumi elettrici per tale ricarica;e) opportunità di correlare i meccanismi tariffari per la ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica all'agevolazione del maggior consumo nei casi in cui l'approvvigionamento elettrico è effettuato e contabilizzato separatamente dagli altri usi;f) opportunità di correlare i provvedimenti di determinazione tariffaria alle ulteriori specificità della filiera della produzione e della distribuzione dell'energia elettrica per la ricarica dei veicoli.
2. Entro due mesi dall'avvenuta formulazione delle indicazioni di cui al comma 1 del presente articolo, l'Autorità per l'energia elettrica e il gas assume i provvedimenti di sua competenza, con particolare riferimento a quanto indicato dall'articolo 2, comma 12, lettere da d) a h), della legge 14 novembre 1995, n. 481.
3. L'Autorità per l'energia elettrica e il gas provvede annualmente a quanto indicato dall'articolo 2, comma 12, lettera n), della legge 14 novembre 1995, n. 481, in relazione alla filiera della produzione e della distribuzione dell'energia elettrica per la ricarica dei veicoli, formulando le osservazioni e le proposte di cui alla lettera a) del medesimo comma 12.
Ho sottolineato dove dice di incentivare e differenziare. Poi bisogna vedere come lo attuano, però...
Incentivare dalle colonnine è stato fatto, perchè ci sono tariffe flat convenienti, e anche gli 0,4€/kWh sono probabilmente convenienti rispetto ad una generica vendita di energia elettrica.
Jump non vuole considerare tutti i costi della bolletta e quindi non sarà mai d'accordo, ma 0,4€/kWh è tutto compreso, e deve comprendere anche i costi di istallazione/manutenzione delle colonnine.

Voglio dire che magari chiedono 0,4 e sono stati anche 'foraggiati' dallo stato!
Anche in casa è incentivato, 'basta' spendere per il 2o contatore e chiedere la BTA; d'altronde non si può mica chiedere una tariffa speciale usando un contakWh della Lidl...

Comunque immagino ci potrebbero essere decreti o altre norme più attuativi di quello

dolam
04-02-2014, 23:39
Per il contatore BTA considerato l'alto costo iniziale lo vedo sconsigliabile piuttosto
Riccardo il contatore della lidl è l'unico che misura i volt in maniera precisa e quindi i watt prelevati effettivamente, almeno a quei costi. Sullo stesso cavo ho anche la pinza amperometrica del'EnviR che riporta meno fedelmente del contawatt della Lidl il consumo effettivo perchè ha la preimpostazione del voltaggio della corrente che invece è soggetto a sbalzi durante la produzione FV, oscillando da 226 fino a 247 volt. Quello della LIDL non è influenzato da tali vaiazioni perchè legge il valore " V " ogni 3 secondi e ti assicuro che è molto fedele. Che poi possa avere solo un uso ti tipo casalingo piuttosto che essere utilizzato per le colonnine mi sembra scontato, anche perchè a 40 cent per Kwh le colonnine dovrebbero essere comprensive di massaggio shiatzu , visto il costo di produzione dell'energia calcolato attualmente intorno ai 2/3 cent a Kwh, ipotizzando anche che verranno installate quasi certamente su suolo pubblico.
Il problema è che nessuno intende avviare un vero processo di elettrificazione dell'automotive ma piuttosto un costante tirare le briglie, quindi vedo piu' una nuova tassa all'orizzonte piuttosto che degli incentivi per sviluppare una rete capillare di distributori di energia pulita. Piccola notazione: giuro di non avere nulla a che fare con la rete commerciale della LIDL ma se un prodotto è ottimo perchè disprezzarlo solo per la sua provenienza, in fondo abbiamo fatto lo stesso errore per la bellissima ed introvabile 600 Elettra ,solo oggi rivalutata , a distanza di 20 anni e solo perchè era "una FIAT" .

riccardo urciuoli
04-02-2014, 23:53
Dolam era solo una battuta! Nel senso che ho citato quello Lidl perchè l'avevi nominato recentemente, ma intendevo solo dire che per pagare meno il kWh bisogna istallare un contatore dedicato.
Non disprezzavo affatto, considera che io uso uno preso non mi ricordo da chi su ebay,e sicuramente sarà meno preciso o al più uguale.

Il contatore BTA non è poi sempre da sconsigliare, forse con la Twizy non ti conviene anche perche hai FV, ma io se faccio 10000 km/anno devo fare due conti.. più che altro nel mio caso c'è qualche ipotetico dubbio sulla durata di auto e batterie...

polianto
06-02-2014, 14:30
opportunità di differenziare il regime tariffario del servizio domestico o privato di ricarica dei veicoli alimentati ad energia elettrica da quello del servizio pubblico o collettivo svolto in forma di distribuzione commerciale nonché di contabilizzare separatamente i consumi elettrici per tale ricarica

Qualcuno inizia ad essere attento a queste cose e lo fa davvero, naturalmente quel qualcuno è in Alto Adige:

SEL AG: Clienti - E-Mobility (http://www.sel.bz.it/it/clienti/e-mobility.html)

Ciao Antonio

carest
06-02-2014, 17:47
Non è che sia poi una grande offerta; oltretutto non è più attivabile e dura solo 1 anno (e dopo?)

In dettaglio:
10% di sconto sui costi complessivi dell’energia (non solo sulla componente dell’energia!) imposte escluse.
+
15% di sconto aggiuntivo sul prezzo dell’energia (PE) per il consumo nelle ore notturne, durante i fine settimana e nei giorni festivi (fasce F2/F3).
<!-- -->
<!-- -->
Presupposti per quest’offerta sono:

il possesso di un’autovettura elettrica
disporre di un contatore elettronico
<!-- -->
La tariffa MobilityPiù può essere sottoscritta entro il 31.12.2013 e rimane in vigore fino al 31.12.2014

lucusta
17-08-2014, 21:45
esiste la possibilita' di farsi mettere un attacco da 10KW per ricariche mezzi elettrici dall'enel... cerca nel loro sito (ci sono anche agevolazioni statali per l'istallazione delle colonnine per condomini).

PS: a quanto ricordo e' anche un consumo a tariffa agevolata.


http://www.enel.it/it-IT/doc/reti/enel_distribuzione/tariffe_auto_elet_del_311_14.pdf

http://www.enel.it/it-IT/reti/enel_distribuzione/venditori_tariffe/auto_elettrica/

cerca da qui...

PPS:
per legge il condominio non puo' impedire l'attacco di fornitura per veicoli elettrici (ossia non e' necessario nemmeno chiedere il permesso al condominio).

ponzo
17-08-2014, 22:41
L'enel ha una tariffa flat che mi pare si aggiri ai 80 euro,e quella a consumo che è agevolata si,ma a confronto alla stessa tipologia,quindi devi sempre considerare che è un'installazione a parte dal tuo contatore,costi di allaccio e di montaggio "colonnina"(che poi è una presa a muro)e tariffe "non residenziali"(agevolate)

Mario di Roma
18-08-2014, 22:01
Oh grazie, non avevo mai pensato che si potesse avere un contatore privato in un box condominiale ma effettivamente a pensarci non è diverso da averlo dentro un appartamento.

Mi chiedo come si faccia a far arrivare la corrente dalla cabina ENEL passando da proprietà altrui o condominiale ma in qualche modo si farà.

E questa soluzione risponde anche al dubbio che avevo circa la liceità di utilizzare con assiduità la presa di corrente, ora solo condominiale, dentro al mio box.

Non sono certo i pochi euro che costa ricaricare la batteria di un Tweezy, o anche una auto più grande, a preoccuparmi, sempre molto meno di un pieno di benzina o gasolio sarà.

Questo vuol dire che non mi devo preoccupare dell'assorbimento durante la ricarica delle batterie, bene, vedremo se il prossimo anno mi porterà un bel Tweezy! :-)

lucusta
18-08-2014, 22:22
devi sempre considerare che è un'installazione a parte dal tuo contatore
io sapevo che era accessoria e non a parte (quindi un solo contratto e legato al primo, che se e' residenziale cede i suoi stessi attributi).
e' la stessa tipologia di contratto che si fa' con il doppio contatore GSE o per i contatori per termoelettroriscaldamento (D1 uso domestico):


le applicazioni relative a servizi generali in edifici di al massimo due unità immobiliari, le applicazioni relative all’alimentazione di infrastrutture di ricarica private per veicoli elettrici, locali annessi o pertinenti all'abitazione ed adibiti a studi, uffici, laboratori, gabinetti di consultazione, cantine o garage o a scopi agricoli, purché l'utilizzo sia effettuato con unico punto di prelievo per abitazione e i locali annessi e la potenza disponibile non superi 15 kW.

D1 - Enel Distribuzione (http://www.enel.it/it-IT/reti/enel_distribuzione/venditori_tariffe/usi_domestici/d1.aspx)

credo che 15KW di potenza siano piu' che sufficienti.

PS: a me pare strano che nel tuo condomio si usi un attacco condominiale per le prese dei garage di proprieta' (box chiusi); solitamente i contatori del condominio sono distinti in ascensori, autoclavi e luci; normalmente dall'armadio contatori partono 2 o 3 cavi per utenza: uno abitazione, uno o due per eventuali centina e garage, e quindi la tua utenza garage privato dovrebbe essere collegata al tuo contatore privato... si fa' cosi' da una quarantina d'anni (ma i costruttori fanno sempre come vogliono)...
se il tuo e' un box chiuso inaccessibile agli altri prova a staccare la corrente dal tuo contatore ed a vedere se la presa funziona ancora.

Mario di Roma
19-08-2014, 06:06
PS: a me pare strano che nel tuo condomio si usi un attacco condominiale per le prese dei garage di proprieta' (box chiusi);

il box è in un complesso a parte di soli parcheggi, realizzato alcuni anni fa nell'ambito del piano parcheggi del comune, e dista centocinquanta metri da casa mia.

Quindi confermo che il box ha solo una lampadina ed una presa di corrente condominiale, ma del condominio dei box, con il suo contatorino (non ENEL) e magnetotermico da 4500 mA. Ma finora ho pagato solo le spese di condominio con un forfait per il consumo di corrente.

Immagino che dovrò chiedere un contratto distinto ad ENEL rispetto quello della mia abitazione dato che il punto di prelievo sarà distinto, visti la distanza ed indirizzo diverso...

riccardo urciuoli
19-08-2014, 16:37
Mario ho spostato le tue domande in questo 3d.

Io nel mio box ho semplicemente fatto arrivare una linea dal mio contatore, se ne è parlato qui:
http://www.energeticambiente.it/infrastrutture-per-veicoli-elettrici/14749246-ricarica-nel-box-abitazione-condominio.html

Ovviamente nel tuo caso dovrai attivare una nuova linea con le tariffe agevolate previste attualmente.
Non ci vuole più un "permesso" ma devi comunque comunicarlo al condominio e aspettare (mi sembra 3 mesi): in teoria potrebbero decidere di istallare una linea di ricarica per tutti, o addirittura delle centraline.
In caso di mancata risposta procedi per conto tuo.

In alternativa credo puoi valutare quello che mi aveva proposto il mio amministratore: conteggio dei kWh e relativo addebito.
Io non l'ho fatto per evitare i black out e perchè le linee condominiali di solito sono abbastanza sottodimensionate, da quelle prese non sono previsti prelievi importanti e duraturi. Inoltre la tariffa potrebbe essere poco conveniente perchè non agevolata.

lucusta
20-08-2014, 10:15
grazie di aver spostato il thread, riccardo.

in effetti per la tweezy basterebbe una linea con cavi da 4mm2, ma per la ricarica di un'auto in tempi brevi (si parla sempre di almeno 4 o 5 ore) si deve andare ben oltre i 3KW continuati ed il cavo dev'essere adeguatamente dimensionato per evitare problemi.

se il tuo impiando condominiale ha normali cavi da 2.5 o peggio 1.5mm2 alla lunga cuoci le guaine e, a lungo andare, potrebbero sorgere problemi all'impianto.

jumpjack
20-08-2014, 18:52
Mi chiedo come si faccia a far arrivare la corrente dalla cabina ENEL passando da proprietà altrui o condominiale ma in qualche modo si farà.

Ci sono delle aree private che hanno obbligo di "servitù di passaggio": per esempio, nel mio giardino passano tubi e cavi di tutto il condominio, per cui se c'è da fare manutenzione "condominiale", sono obbligato per legge a far entrare gli operai a lavorare nella mia proprietà.

Mario di Roma
20-08-2014, 22:41
beh, grazie a tutti, mi avete illustrato una cosa che ora mi sembra pure ovvia ma pima non ci avevo pensato, se l'idea della Tweezy o altro autoveicolo plug in si concretizzerà mi muoverò come mi avete suggerito!

carest
26-09-2014, 11:45
Ho aggiornato il mio file sui costi dell'elettricità nel mercato tutelato (in firma).
Se non l'avete ancora visto, permette di ottenere il costo al kWh in base al consumo, alla tariffa e al periodo di riferimento.

riccardo urciuoli
21-11-2015, 18:06
aggiornamento!

Come saprete è in arrivo una modifica delle tariffe domestiche con progressiva eliminazione degli scaglioni in 2 anni.

L'idea è proprio far pagare meno chi consuma di più, ovviamente per penalizzare meno di consuma di più per "scopi nobili" (PdC, auto elettrica ecc) e non chi spreca.

La conseguenza negativa sarà l'aumento di costo per chi consuma poco.

Oggi a un incontro su veicoli elettrici un esperto AEEG ha parlato di un altro aspetto, il fatto che (ipotizzo per la diffusione delle rinnovabili) stanno valutando anche di rivedere le fasce orarie.

La differenza ora è irrisoria (io vedo circa 1/100 di euro al kWh in meno in bolletta) e ha affermato che la fascia intorno alle 19 è incentivata ma non è un momento di basso consumo, anzi...

Quindi ha prospettato la possibilità di spostare le fasce, facendo ridotta solo dove i consumi sono realmente minori.
In tal modo la differenza di prezzo tornerebbe a essere apprezzabile. A ulteriore vantaggio delle mie ricariche notturne :beer:

carest
22-11-2015, 13:27
ciao Riccardo
Siamo ancora in fase propositiva e non c'è nulla di definito. Certo l'orientamento dell'autorità è quello di cambiare i costi (penalizzando i bassi consumi), ma i tempi di attuazione sono lunghi.
Riforma bolletta. Dall'Autorità la nuova proposta, un po' meno penalizzante per l'autoconsumo | QualEnergia.it (http://www.qualenergia.it/articoli/20150623-riforma-bolletta-autorita-energia-nuova-proposta-meno-penalizzante-per-autoconsumo)
Più che cambio di orari delle fasce, a me sembra più utile la possibilità prospettata (vedi cap.7 pag.22 del documento dco 293/2015/R/eel che trovate nel fondo dell'articolo linkato) di cambiare la potenza impegnata senza dovere cambiare tariffa come ora, in cui se superi i 3 kW passi dalla D2 alla D3, con un grosso aumento di costo.

riccardo urciuoli
22-11-2015, 17:12
Carest, il tizio ha parlato di un incontro a giorni per definire il tutto. Sembra sicuro si partirà da gennaio, progressivamente in due anni.

Vero anche che si potrà cambiare potenza impegnata, credo a passi di 0,5kW.

Quello della fascia notturna era solo una considerazione molto preliminare, il resto sembra di attuazione certa e relativamente veloce.

Mario di Roma
26-11-2015, 07:43
Mario ho spostato le tue domande in questo 3d.

Io nel mio box ho semplicemente fatto arrivare una linea dal mio contatore, se ne è parlato qui:
http://www.energeticambiente.it/infrastrutture-per-veicoli-elettrici/14749246-ricarica-nel-box-abitazione-condominio.html

...in alternativa credo puoi valutare quello che mi aveva proposto il mio amministratore: conteggio dei kWh e relativo addebito.
Io non l'ho fatto per evitare i black out e perchè le linee condominiali di solito sono abbastanza sottodimensionate, da quelle prese non sono previsti prelievi importanti e duraturi. Inoltre la tariffa potrebbe essere poco conveniente perchè non agevolata.

ben tornato Riccardo...
intanto un anno è passato, ho imparato a scrivere Twizy piuttosto che Tweezy...
ma sopratutto ho affinato il mio target. Anzi il nostro target, intendendo mio e del figlio prossimo, spero, alla patente B1... Ho appena iniziato a girare per venditori di auto usate a caccia di una Tazzari in buone condizioni e buon prezzo..

per ora solo per ricognizione ma punto a concretizzare a inizio 2016. E la Tazzari si può ricaricare con un impegno limitato a 1 KWh, almeno così scrivono, quindi compatibile con la presa che già tengo nel box...se tutto va bene seguirò la strada alternativa che mi sufferivi lo scorso anno

riccardo urciuoli
26-11-2015, 12:43
bene sono contento, poi ci racconterai della Tazzari!

PS: mai andato via, sono meno presente soprattutto perchè non ricevo più le notifiche dei nuovi messaggi...

carest
03-12-2015, 11:50
L'autorità ha definito la riforma delle tariffe elettriche, che sarà a regime ad inizio 2018; il passaggio dei costi dal consumo al fisso penalizzerà chi consuma meno, a vantaggio di chi consuma molto e ha molta potenza impegnata; almeno le tariffe non saranno più a scaglioni e sarà molto più semplice calcolare il costo dell'elettricità. Riforma tariffe elettriche, approvata la delibera: ecco come cambia la bolletta | QualEnergia.it (http://www.qualenergia.it/articoli/20151202-riforma-tariffe-elettriche-approvata-la-delibera-ecco-come-cambia-la-bolletta) potremo cambiare la potenza impegnata per 2 anni con minori costi rispetto ad ora, e avremo più possibilità di scelta.... consapevole?

riccardo urciuoli
03-12-2015, 12:07
grazie carest!

Mi sembra sia andata come previsto, e per quelli come me con auto elettrica sarà possibile risparmiare anche senza cambiare tariffa.

MIKY6666
05-03-2016, 22:02
Buonasera, essendo da poco proprietario di una vettura elettrica sono alla ricerca di tariffe convenienti, avendo portato i consumi da circa 3500 a 7/8000 kw annui, ma veniamo al dunque.

Ieri pomeriggio mi chiama un'operatrice di una nota compagnia elettrica che mi propone di passare con loro.
Spiego un attimo la mia situazione, consumi usi e costumi ecc ecc, dopodichè mi dice di aver inserito nel simulatore le condizioni e risulta questo:

Zona Padova, consumo annuo 7200kW (per esempio), utenza di 3kWh, verrei a spendere 400 euro annui per il consumo, 250 circa per servizi di rete, più IVA..... Casa mia fà 720 euro circa!!
Faccio notare alla gentile signorina che verrebbero fuori 10 centesimi al kW e che non mi sembra possibile una cosa del genere.

Lei sempre gentilmente mi ribadisce che dal suo simulatore questi sono i conti.

Non avendo argomenti con cui ribadire ho pensato di scrivere quì per capire cosa c'è che non quadra, ed eventualmente ci saremmo risentiti.(mi ha lasciato il suo numero diretto)

Spero di aver postato nel posto giusto.

Saluti Michele

egimark
06-03-2016, 13:18
7200 kWh con contratto D2 (3 kW residente) costano in maggior tutela 1864,79 €.
La miglior offerta del libero è a 1732,35 €.

Fatti mandare la "scheda di confrontabilità" che "obbligatoriamente" devono pubblicare, poi ne riparliamo.

carest
07-03-2016, 00:01
Vai sul sito della compagnia e cerca le tariffe. Lo so, è difficile trovarle, ma se ti impegni ci puoi riuscire.
Segui il consiglio di egimark e trova la scheda di confronto nel loro sito.... quando ne riparlerai con chi ti chiamerà (la seconda volta sarà certamente una persona più "competente"), ti sarà utile.

Poi decidi cosa fare quando sei veramente sicuro... ma stai attento, che non sempre ciò che ti viene detto per telefono è vero... se ti chiedono di fare una registrazione telefonica, poi tanto potrai comunque cambiare idea, io dubiterei. Te lo dice uno che purtroppo una volta gli ha creduto, e quando li ha avvisati di aver cambiato idea, loro (l'operatrice) ha detto ok, ma poi mi hanno ugualmente preso come cliente... a mia "insaputa" (perché tanto loro fanno le pratiche direttamente con il tuo attuale fornitore e tu normalmente te ne accorgi solo quando tutto è già stato fatto, senza bisogno di una tua ulteriore conferma... sembra anche che questa pratica sia LEGALE, perché una legge lo permette).

P.S.: Hai aumentato i consumi di 3500-4500kWh annui per l'auto elettrica con un contratto D2?
Secondo i miei conti dovresti fare circa 20000km e caricare l'auto almeno una volta ogni 2 giorni; ti potrebbe anche convenire passare ad una tariffa BT da 6kW

MIKY6666
07-03-2016, 06:47
Ok, perfetto grazie per i preziosi consigli farò così. Sono quattro mesi che ho la macchina elettrica e da quest'anno ho cambiato compagnia, la prima bolletta che mi è arrivata è di 195 euro per 670 kW consumati con tariffa mono oraria, parlo di Gennaio.
0,29 euro a kW non mi sembra molto buono, forse nella prima bolletta sono comprese anche altre spese.....

Quale è la procedura per passare a BT 6Kw?
Con il mio kilometraggio (25000/30000 km annui) stavo valutando anche l'installazzione della colonnina enel a 70 euro al mese con consumi illimitati (per la ricarica), così oltre a caricare un pò più veloce non avrei più dovuto preoccuparmi dei consumi, mi frena solo il fatto del contatore dedicato con i relativi costi di allacciamento.

Saluti e grazie.

riccardo urciuoli
07-03-2016, 10:58
25-30000 sono veramente tanti!

Fossi nella mia condizione (10-12000 km/anno) ti consiglierei di aspettare, è in corso una modifica delle tariffe e i consumi elevati verranno avvantaggiati, quindi quello 0,29 €/kWh dovrebbe diminuire un po'.

Ma visti i consumi...valuta il cambio, considerando però che appunto nel giro di un anno o due il costo/kWh per consumi elevati diminuirà

egimark
07-03-2016, 11:05
Con la riforma delle tariffe, da gennaio 2018, la parte variabile della bolletta dovrebbe essere sui 16,5 c€/kWh (tutto compreso).
Naturalmente saranno più alti i fissi.
Io rivedrei da subito il contratto che hai sottoscritto, piuttosto torna al tutelato finchè ci sarà.

MIKY6666
07-03-2016, 11:16
Ciao, e grazie per l'attenzione.
Appunto visti i consumi di questi mesi mi sono deciso a fare qualc'osa perchè aspettare un anno o due mi sembra troppo.
Mi sa che con queste percorrenze mi conviene montare la box station enel a 70 euro al mese... via il dente via il dolore.

Facendo due conti al volo 2300 km al mese sono circa (contando 170 Wkm) 400 kW al mese, anche trovando una tariffa a 0,25 euro kW sarebbero comunque 100 euro/mese.

Considerando inoltre che con wall box caricherei a 3,3 kWh e non 2,1, e non ultimo potrei guidare un pò meno al risparmio direi che è fattibile.
A parte la rottura di far installare un contatore dedicato (con relativi costi) vedi (ti do del tu) delle controindicazioni?

Saluti Michele

MIKY6666
07-03-2016, 11:34
Ho visto adesso il post di egimark... grazie anche a te.

dolam
07-03-2016, 14:57
Miky6666 certo che con quei consumi la box station potrebbe tornare utile, hai di certo un risparmio di 30 euro mensili ai costi attuali,

non ho capito se il contatore si paga, oltre le 70 euro?

MIKY6666
07-03-2016, 23:12
Che io sappia serve un contatore dedicato dove verrà attaccata la box station, quindi prevedo sui 500 euro per l'allacciamento... credo.

MIKY6666
12-03-2016, 09:53
Buongiorno, chiedo a voi esperti una considerazione su un mio ragionamento....

L'anno scorso ho speso circa 550 euro di bollette per l'elettricità, con lo ssp ho ricevuto unendo i due conguagli 350 euro, quindi in totale 200 euro di spesa che direi ottimo considerando che, in estate faccio acs con boiler elettrico e ho piastra ad induzione.

Aggiungendo 400 kW al mese per l'auto fanno 4800 annui, che a 0.24 fanno 1150 euro.
Gli stessi 400kW o più con Boxstation a 70 euro mese fanno 0,175 euro al kW, per cui in un anno sono 840 euro.

Avendo trovato un buon equilibrio per quanto riguarda i consumi giornalieri ed un buon autoconsumo di giorno (credo che 200 euro all'anno sia sinonimo di buon autoconsumo) direi che la mia soluzione ottimale sia mantenere inalterati i consumi della casa ed aggiungere la Boxstation alla quale serve un contatore dedicato.

200 euro più 840 fanno 1040 euro anno tutto compreso, casa più auto...... che dite mi lancio?

Non vorrei aver tralasciato qualche dettaglio.... a parte le spese per mettere un nuovo contatore.

dolam
12-03-2016, 10:25
miky6666 che ne pensi di investire 70 euro mensili e raddoppi il fotovoltaico? i costi fissi ti restano eguali aumenti l'autoconsumo con l'auto elettrica ed hai sempre SSP, poi dal 2018 il kwh dovrebbe costare 16,84c per tutti e tu ne riceverai più di 9cent dallo SSP ovvero pagherai solo 8 cent a kwh, anche meno se considererai che un po' ne caricherai di sicuro durante la produzione , e quelli sono proprio gratis.

Non la prendere la box aggiuntiva fossi in te, ma è un parere personale

MIKY6666
12-03-2016, 11:24
Come al solito mi "illumini"!! Non sò se ho tetto per fatre altri 3kW. Farò altri due conti.

Certo che aspettatre quasi due anni mi stressa un pò.

Dal 2018 la tariffa andrà in automatico o bisognerà fare richiesta?

dolam
12-03-2016, 12:19
La tariffa è per tutti, nessuna richiesta, i fissi restano gli stessi se conservi la medesima potenza è accresce l'autonomia energetica dell'abitazione forse arriverai a scambiare tutta la produzione con la rete che per te sarebbe il massimo.Per lo spazio ricorda che ora i pannelli da 300w hanno costi accessibili

MIKY6666
13-03-2016, 02:18
Ok grazie. La moglie spingerebbe per la Box io per un nuovo impianto fotovoltaico...... Secondo voi chi avrà la meglio:cry:?

Notte.

Another
02-05-2018, 18:26
provo a riesumare questa discussione per un mio breve affaccio su questo mondo a me poco conosciuto:
stante la riforma tariffe possiamo pensare ad un costo di ricarica attuale senza FV pari a circa 20 centesimi /Kwh

ho appena letto dell'Audi eTron, che ha autonomia dichiarata di 400km con 95Kwh di motore
ne sovvengo che, a prescindere dalla bontà di questo dato nella vita reale, 400 km corrisponderebbero a 19 Euro quindi avremmo una autonomia / consumo di 21Km/Euro

facendo confronto con un motore abbastanza parsimonioso diesel di oggi, che supponiamo riesca a percorrere circa 20Km/l, partiremmo da una autonomia di 14,3 Km/E, quindi elettrico costerebbe il 71,5% del diesel

su 20000km/anno avremmo un risparmio di 20000/20*1,4*0,285 = 400 Euro / anno

in questo caso ammettendo una vita media di 8/10 anni della macchina non avremmo nessun motivo economico per acquistarla se non costasse praticamente uguale alla versione tradizionale

se ci fosse qualche attenuazione di costo da FV vedi SSP allora si avrebbe un costo carburante di circa 9 centesimi/Kwh contro i 20 di partenza, dato che probabilmente la ricarica avverrebbe di notte quindi senza autoconsumo (ricarica casalinga si intende)
in questo caso rispetto ai 1400 Euro del diesel pagheremmo il carburante 20000/(400/95) * 0,09 = 427,5 Euro se potessimo mandare in SSP tutti i 4750 Kwh che ci servirebbero in un anno per muoverci

non so se sia una situazione realizzabile con i nostri impianti, probabilmente no, anche chi ha sovradimensionato un po' potrebbe non farcela... immaginiamo una situazione intermedia quindi un costo di 20 cent. per 2400 kwh e 9 cent per gli altri 2350
risulta un costo totale di 691 Euro cioè 700 E/anno di risparmio sul carburante

conviene a questo punto? considerando il minor comfort per la ricarica possiamo pensare di pagare un'auto elettrica fino a 7000 Euro in più di quella tradizionale per andare in pari sui 10 anni?

jumpjack
02-05-2018, 18:35
Tra 2 anni un'auto elettrica dovrebbe costare quanto una termica, dicono. Ci sarà una specie di invasione di modelli elettrici (forse un centinaio o più) e un conseguente crollo dei prezzi.
Speriamo!

spider61
02-05-2018, 18:46
Hanno appena comunicato le nuove tariffe si enel , alle loro colonnine (la maggior parte) 45 e 50cent al kwh in promozione , dopo 2€ al kwh :D .... entro un mese per disfarsene le concessionarie le daranno a meno delle termiche :biggrinthumb:

Another : peccato che i kwh della batteria non siano quelli che prelevi dalla rete , ma ci sono le perdite di convesione , che in alcuni casi arrivano al 30-40% per mettere 10 in batteria ne prelevi almeno 11 , ma si può arrivare a 13-14 :D

Another
02-05-2018, 22:00
certo spider io ho fatto i conti senza perdite e quindi a maggior ragione non vedo sbocchi economicamente validi per ora

mi sembra che stiamo assistendo alla moda del momento

poi pian pianino le cose cambieranno, ma poi di fondo non ho ancora capito quale motivo dovrebbe esserci per avere oggi un'auto elettrica: sostanzialmente per inquinare meno durante la marcia ?

fabioe
03-05-2018, 06:53
.... si ricarica da casa !
Costo kwh circa 0.18 €, con SSP e kwh scambiati circa 0,1 €

Another
03-05-2018, 07:54
fabioe
la ricarica casalinga ha i pro dei costi, tuttavia se non ho sbagliato i conti sopra (fatti proprio sulla ricarica casalinga) i conti non tornano ancora
inoltre 0.18 per ora non ci sono ancora, io sono a 0.20

inoltre la ricarica casalinga richiede tempi molto lunghi, a meno di non chiedere allacci trifase
se impianti FV già esistenti monofase l'innesto di un trifase come verrà trattato ? dubito che si riesca ad armonizzarlo con la produzione FV quindi lo SSP sulla ricarica la vedo dura

fabioe
03-05-2018, 08:02
0,18 circa è il costo marginale attuale del KWh finito in maggior tutela (costi fissi esclusi)
Quando ricarichi a casa il 90% delle volte lo fai di sera/notte, quindi non ci sono problemi di tempi ....
Per beneficio SSP sulla ricarica, ovviamente l'energia scambiata deve essere comprensiva del fabbisogno della EV

spider61
03-05-2018, 08:03
Il kwh oggi costa circa 18cent , per fare 1000km con EV siamo attorno ai 130-140kwh , mica devi caricare sempre tutte le sere 40kwh , farai delle ricariche da 10-15kwh ogni X giorni..... la lasci la notte per 8 ore (su contatore da 3kw) e ti ritrovi 100km di autonomia in + circa..... quindi compatibilissimo con SSP , se la carichi di giorno metà lo farai con la tua , se hai 6kw e vuoi caricare di giorno lo fai a 16A e usi quasi tutto il FV d'estate , insomma non sono questi i problemi.....

Another
03-05-2018, 08:35
dunque, piccolo OT di chiarimento per me scusate: ho preso il costo così come me lo indicava in bolletta il fornitore, ma ho visto ora che è semplicemente = costo bolletta / consumo, quindi da depurare dei fissi.
Le mie voci sono:

SINTESI DEGLI IMPORTI EURO
spesa per la materia energia 60,82
spesa per il trasporto e la gestione del contatore 25,51
spesa per oneri di sistema 41,61
imposte 18,25
Iva 10% 14,62
TOTALE BOLLETTA 160,81

Voi quali voci usate per calcolare il costo marginale?

-- fine OT

scusa spider ma il 'consumo' dell'EV che riporti sarà mica assoluto no? tu indichi che con 1Kwh il veicolo fa 7,14km, mentre io prima ho riportato il dato che ho letto dichiarato da Audi eTron = 400km/95Kwh = 4,21 km/Kwh

dolam
03-05-2018, 08:41
Per la mia esperienza passata vi assicuro che uno dei problemi dell'elettrico è proprio il consumo, assieme a quelli ancora rilevanti dei tempi di ricarica e autonomia.
La Twizy, con la quale ho percorso ( mio figlio) 24000 km, aveva consumi molto variabili in relazione all'uso.
Usata da "piede" elettrico variava da 80W km estivo a 120W invernale ,
usata con piede "termico" (il mio) si andava dai 90W estivi ai 170W invernali e se pensiamo pesava solo 550kg la dice lunga su quali possano essere i reali consumi di un veicolo elettrico che porta 4/5 persone e viaggia su autostrada a 130kmh di media, valuto il suo consumo da 300w/km in su.
Certo chi compra il veicolo elettrico poi si adatta a guidare con piede leggero, a recuperare tutta la frenata ma non è un bel guidare, in quel modo diventa stress.
Ecco la mia vera sensazione era la situazione di disagio nello stare continuamente a pensare quanti km faccio se vado lì?, ce la faccio a tornare ?, le batterie sono già un pò scariche e così via.
Per quanto mi riguarda tornerò sull'elettrico, per usare il FV ma su ibrida Plug-in, appena i loro costi saranno come quelli delle auto americane ( la ford vende la c-Max ibrida a 22000 dollari), 60/70 km di autonomia per usarla in città o in percorsi occasionalmente periferici tengono l'aria pulita, soldi in tasca, evita lo stress da "ricarica" e consente l'uso libero del veicolo e se devi partire all'improvviso o fare 200km, vai alla pompa di benzina e vai e torni da dove vuoi.
Percorro mediamente 35/40 km al giorno in città, un'ibrida sarebbe perfetta se usata con FV e/o SSP, se si è costretti a caricare dalla colonnina conviene senza dubbio andare a benzina, in quel caso addirittura il veicolo elettrico consumerebbe qualcosa in più.
Ed ometto qualsiasi considerazione sui costi di batterie ed eventuali riparazioni che sull'elettrico diventano costi molto pesanti.
Vedo che però le case le ibride plug-in non le vogliono tirar fuori , 1/3 ore per caricarle ( sera-notte o durante pausa pranzo) e risparmio certo in città, dove l'elettrico da il massimo perchè non consuma ai semafori, recupera energia in frenata, non invoglia i petrolieri a consentire che esse vengano fabbricate.
Purtroppo i costi di quelle attuali, da noi, sono proibitivi, da 35000€ in su per auto di segmento popolare ( le corrispondenti a benzina partono da 16/17000€), aspetteremo.

spider61
03-05-2018, 08:43
Io scrivevo di utilitaria tipo Zoe (perchè la posseggo) e di Leaf ,Ioniq , etc le altre non le considero sono fuori dal mondo come concetto....
Io sono iin maggior tutela e mi faccio mandare la bolletta dettagliata,se prendo tutti i costi al kwh (e non i fissi) viene fuori quella cifra , lo stesso circa se vai sul trovaofferte e metti un consumo di 3000 e 3001 e vedi quanto costa effettivamente quel kwh in + .....

fabioe
03-05-2018, 08:43
....
scusa spider ma il 'consumo' dell'EV che riporti sarà mica assoluto no? tu indichi che con 1Kwh il veicolo fa 7,14km, mentre io prima ho riportato il dato che ho letto dichiarato da Audi eTron = 400km/95Kwh = 4,21 km/Kwh

Il consumo che indica spider è il consumo per un utilizzo medio (città + statale) rilevabile con una Renault ZOE ....
E' lo stesso consumo medio che rilevo anch'io nelle stagioni calde, in inverno arrivo ad un consumo medio intorno ai 150/160 kwh / 1000 km.

spider61
03-05-2018, 08:58
Si Fabioe , io ho indicato il consumo , dove la EV ha senso e dà il megio di se : città e statale anche sali e scendi , chi deve fare soprattutto autostrada non sceglie certo EV :D , indicando una media inverno estate , io adesso con parecchia statale e appennino arrivo agli 11,9kwh/100km , di inverno sui 14,5 quindi ho mediato un pò....

Another
03-05-2018, 09:11
Beh io difficilmente comprerò un'Audi o le sue 'sorelle' però abito in un paese di provincia e per andare a lavoro faccio 90km/gg più magari commissioni ecc non posso pensare di dover stare attento al km, quindi l'EV dovrà avere la capacità di ricaricarsi diciamo in 10 ore con presa monofase per una autonomia certa di almeno 130 km con guida allegra, non vado certo ai 70kmh in statale
La macchina dovrà avere almeno qualcosa di interessante oltre al costo/risparmio quindi o una monovolume comoda o una piccola divertente. mi sa che sarà una lunga attesa...

fabioe
03-05-2018, 09:29
Beh io difficilmente comprerò un'Audi o le sue 'sorelle' però abito in un paese di provincia e per andare a lavoro faccio 90km/gg più magari commissioni ecc non posso pensare di dover stare attento al km, quindi l'EV dovrà avere la capacità di ricaricarsi diciamo in 10 ore con presa monofase per una autonomia certa di almeno 130 km con guida allegra, non vado certo ai 70kmh in statale
La macchina dovrà avere almeno qualcosa di interessante oltre al costo/risparmio quindi o una monovolume comoda o una piccola divertente. mi sa che sarà una lunga attesa...

Io faccio 95 km/giorno tragitto casa lavoro a cui aggiungo un 20 km in zona ...
Nessun problema di autonomia (Zoe 41 kwh autonomia reale statale + città 330 km- inverno 260 km)
In statale farai 90/100 kmh per qualche tratto ... il resto ?
Se ti piace una "piccola divertente" vai a provare una zoe ... altrimenti attendi pure !

Alcuni benefit attuali su EV in lombardia:
Bollo esente
Sconto su RCA
Se lavori a milano parcheggio gratuito su strisce blu e gialle in tutta la città ed accesso gratuito area C.

Io mi accontento ......

Another
03-05-2018, 09:52
Ho rifatto il conto e pago energia 17 centesimi, fiuuu...
Bene sull'autonomia, quanto ci metti a ricaricarla a casa?
E mi sai dire le prestazioni? A parte coppia e velocità massima sul sito renault non trovo accelerazione e ripresa. Grazie

Quindi da vostre info la Zoe fa alla peggio 6Km/Kwh. Coma mai prendete questa auto come riferimento?

fabioe
03-05-2018, 10:00
Ricarico a casa a giorni alterni a 4,2 kw .... circa 6 h.
Mi pare 0 - 100 kmh sui 13 s
Se ti piace fare lo "sportivo" .... 0 - 50 kmh se schiacci a fondo stai davanti a quasi tutte le termiche berline ....

Ma credimi lo provi una due volte e poi ?
Non è questo che fa la differenza ....

dolam
03-05-2018, 10:05
fabioe, quanto ti fanno pagare d'affitto batterie per la Zoe? quanti km hai opzionato annualmente?
sui vantaggi in città e nel tuo percorso per l'elettrico non c'è dubbio che convenga ma devi avere la seconda auto il che diventa un costo aggiuntivo
Comunque 300km sono una buona autonomia, puoi spostarti in un raggio di 120/130 km potendo rientrare comodamente a casa.

fabioe
03-05-2018, 10:25
dolam ho contratto x km illimitati 119 euro/mese
Sulla seconda auto, ho fatto scelta di non avere termiche ... anzi la mia signora che lavora in zona e al max fa 50/60 km/giorno utilizza anche lei una zoe con batteria da 22 kwh che ho acquistato usata in francia.

Ricarico a casa su contatore da 6 kw con impianto 6,6,kwp FTV

dolam
03-05-2018, 10:49
fabioe, ottima la scelta di usare il FV ed anche quella di usare quelle auto nell'iterland milanese.
Come ho detto ho fatto esperienza con il Z.E. di Renault e trovo le tariffe estremamente alte anche se nel tuo caso ammortizzerai certamente la spesa ( 4 €/giorno è meno dei 5 che dovresti pagare per la zona C ogni mattina) e soprattutto copri i costi di assistenza e garanzia sul gruppo elettronico che è importante.
D'altronte è essenziale per muoversi a Milano ( vengo una volta al mese ed effettivamente senza mezzi pubblici, di sera, etc, o vai con elettrico o con CarSharing, con cui sono convenzionato a buoni costi) .
Immagino che la "francese" l'hai presa con batterie di proprietà?
Un'ultima curiosità ma l'esenzione dal bollo non dovrebbe durare solo i primi 5 anni, in Lombardia è uguale?
Anche l'assicurazione ridotta è una buona condizione, insomma ci sono i pro e i contro, nel tuo caso vincono i pro.

fabioe
03-05-2018, 10:58
Anche la francese ha batteria a noleggio, zoe con batteria di proprietà sono in vendita solamente dal 2017.
Comunque reputo noleggio scelta migliore come alternativa agli 8000 euro dell' acquisto batteria ....
Questo per garanzia ed eventuale upgrade (leggi evoluzione tecnologica delle batterie).
In lombardia al momento esenzione non è limitata a 5 anni.

Another
03-05-2018, 11:17
0-100 altina, 0-50 non serve, lo scatto al semaforo lo lascio ai giovincelli
quello che conta secondo me come prestazioni in una macchina è soprattutto la ripresa, per poter fare sorpassi in sicurezza e svincolarsi dal traffico pesante o 'anziano'
e questa caratteristica la uso molto, con la mia modesta Mini

il costo corretto di 20000km sarebbe sui 560 euro, risparmio di 840 euro/anno sul diesel
in piemonte l'esenzione bollo è per i primi 5 anni, metti quindi che su 10 anni la dividi a metà = 120 anno in meno
risparmio totale = 960 E/anno, non male ma per la scelta infinitesimale di macchine e cmq per i vincoli sulla ricarica nei viaggi l'extra costo dovrebbe mantenersi al massimo sui 5000 euro rispetto alla tradizionale

oltre non vale la pena secondo me.. almeno per oggi

dolam
03-05-2018, 11:28
"Questo per garanzia ed eventuale upgrade (leggi evoluzione tecnologica delle batterie)."
concordo pienamente , a me infatti cambiarono la batteria dopo solo 3500km per richiamo e dopo faceva 10km in più.
Sull'assistenza poi è fondamentale, quando mi hanno sostituito il caricabatteria , morto all'improvviso ed ho saputo che costava 1000€, ero veramente preoccupato fino a quando non abbiamo telefonato a Roma e ci hanno confermato l'invio del nuovo componente in garanzia.
Se hai esenzione oltre i 5 anni è ottima.
Si il veicolo elettrico va visto in funzione anche delle proprie esigenze, per te che recuperi quasi totalmente il canone già solo con accessi in area C gratuiti è un primo vantaggio, poi l'utilizzo del fotovoltaico rende ancor più appetibile quel tipo di auto.
Nel mio caso che utilizzo l'auto su tutti i tipi di percorso, cittadino, breve, medio e lungo avrei esigenza di averne un'altra per cui la mia tipologia è "ibrida plug-in"

spider61
03-05-2018, 11:43
Il bollo a livello statle è esente totale per 5 anni , poi paga il 25% ; tra l'altro la Zoe (non si sà perchè) ha come potenza dichiarata 43kw , quindi anche quando pagherà il 25% sarà un inezia...
Per il risparmio ad andare EV non c'è , considero il costo di esercizio pari al GPL , ma solo perchè assi per ora ti fanno pagare meno della metà di una pari termica e niente bollo , altrimenti sarebbe sempre superiore a qualunque termica..... lascio stare il costo di acquisto nuovo allora è rimessa completa.....

fabioe
03-05-2018, 11:44
.....
oltre non vale la pena secondo me.. almeno per oggi

Aspetta ... aspetta !

carest
03-05-2018, 11:44
..in piemonte l'esenzione bollo è per i primi 5 anni, metti quindi che su 10 anni la dividi a metà = 120 anno in meno
risparmio totale = 960 E/anno, non male ma per la scelta infinitesimale di macchine e cmq per i vincoli sulla ricarica nei viaggi l'extra costo dovrebbe mantenersi al massimo sui 5000 euro rispetto alla tradizionale...
anche in emilia romagna l'esenzione è di 5 anni; proprio ieri ho pagato il primo bollo per la mia Zoe: 29,83€..... i tuoi conti sui dieci anni non devi ridurli a metà, perché il bollo x elettriche costa comunque meno delle termiche.

Vedo che hai risolto per il costo casalingo dell'elettricità, comunque se vuoi approfondire, nella mia firma puoi trovare il file con tutti i costi.

carest
03-05-2018, 11:48
Il bollo a livello statle è esente totale per 5 anni , poi paga il 25% ; tra l'altro la Zoe (non si sà perchè) ha come potenza dichiarata 43kw , quindi anche quando pagherà il 25% sarà un inezia....
Il motivo dovrebbe essere perché nel libretto è indicata solo la potenza che l'auto può tenere per 30 minuti (o qualcosa del genere); sono le procedure di omologazione che determinano quel valore; di sicuro NON è la potenza massima del motore.

spider61
03-05-2018, 11:55
Lo so che la potenza massima del motore è 65kw , ma perchè solo la Zoe (per fortuna nostra) si è fatta omologare per 43kw , mentre le altre no ? :D tipo la Leaf dichiara a libretto tutti i suoi kw (se ne era parlato in altro forum) la RE è stata + furba ?!

Another
03-05-2018, 12:13
Aspetta ... aspetta !

? mera ironia ?

Another
03-05-2018, 12:23
anche in emilia romagna l'esenzione è di 5 anni; proprio ieri ho pagato il primo bollo per la mia Zoe: 29,83€..... i tuoi conti sui dieci anni non devi ridurli a metà, perché il bollo x elettriche costa comunque meno delle termiche.

Vedo che hai risolto per il costo casalingo dell'elettricità, comunque se vuoi approfondire, nella mia firma puoi trovare il file con tutti i costi.

ho riguardato il sito della regione piemonte, mi sembra non coerente:
qui Sito ufficiale della Regione Piemonte - Tributi regionali (http://www.regione.piemonte.it/tributi/esenzioni.htm) dice che i veicoli elettrici e/o ibridi sono esenti, senza specificare se per 5 anni o sempre

qui invece http://www.regione.piemonte.it/tributi/dwd/tau_tariffe%20_016.pdf non si fa menzione dei veicoli elettrici e si dice che gli ibridi pagano in base alla potenza del termico, senza abbattimenti diversi

sul costo energia, sì grazie, ho tolto tutti i fissi e i costi dipendenti dalla potenza disponibile, in tutto 25 euro a bolletta. mi pare pure poco come fissi, sono 150 E/anno

fabioe
03-05-2018, 12:36
... mi sa che sarà una lunga attesa...


? mera ironia ?

Assolutamente no
Lo hai detto tu qualche post sopra.

Giustamente se ritieni che al momento la mobilità elettrica così come fruibile concretamente oggi, non possa soddisfare le tue esigenze, fai bene ad aspettare.

riccardo urciuoli
03-05-2018, 14:38
dunque...ho letto solo di sfuggita e mi sembra ci siano delle approssimazioni eccessive, per esempio paragonare un diesel parsimonioso ad una Audi E-tron...

Io ho un diesel parsimonioso e fa i 16km/l, con uso prevalentemente autostradale. In città meno.

Avevo fatto un confronto tra auto elettrica (la mia utilitaria) e auto termica IDENTICA, ci sono altri risparmi (assicurazione, bollo, manutenzione) e il rientro avveniva dopo 50000 km circa (considerando un costo aggiuntivo di 5000€ nel mio caso, tanto considerando il veicolo).
Storia di Eli parte II - i miei primi 50000 km elettrici - ElectroYou (http://www.electroyou.it/richiurci/wiki/storia-di-eli-parte-ii-i-miei-primi-50000-km-elettrici)

Sono calcoli complessi e dipendono molto dalla situazione personale, ma con le nuove tariffe la convenienza è aumentata.

spider61
03-05-2018, 14:48
Secondo me non esiste il pari , io ho fatto il conto costo di gestione di una EV la mia Zoe usata francese (altrimenti in Italia c'erano prezzi impossibili) con batteria a noleggio (quindi nessun costo nell'arco di vita per la batteria) e un auto di pari prestazioni termica , Punto , Clio, Rio , etc , per 12500km/anno siamo in pareggio con GPL e gasolio , e costo inferiore al benzina di 5-600€ , quindi l'unico modo per rimanere pari è comprare usata EV rispetto a una km0 della termica .... costi che sono pari solo perchè nella EV ancora c'è chi ti fà assi al costo del 25-30% di una termica , quando parificheranno non sarà nemmeno più conveniente....

Another
03-05-2018, 15:14
riccardo anche il tuo è un caso molto specifico e forse ancora meno replicabile di quanto ipotizzo io

io ho ipotizzato 20km/l perchè è il consumo della mia Mini, sì che la uso prevalentemente in statale, ma ti assicuro che la tiro abbastanza

non sta poi ne in cielo ne in terra che l'assicurazione costi il 30% delle standard, questa cosa se non è dipendente da sovvenzioni statali penso finirà molto presto, per carità bene per chi ne usufruisce

il mio pensiero è che se l'offerta non arriva almeno alla pari come modelli e costi comparabili in concessionaria, quel mercato non decollerà, perchè la maggior parte delle persone non avrà un serio incentivo ad acquistarne

riccardo urciuoli
05-05-2018, 13:58
questo è vero, perchè pochi fanno i conti sul lungo periodo.

Ma il risparmio di circa 1000€/anno per 10000km percorsi è abbastanza cautelativo e quindi realistico. Sta a te fare i conti.

Ovviamente la spinta maggiore è anche una certa coscienza ecologica, specie riguardo i diesel e le loro emissioni.

spider61
05-05-2018, 14:10
A me va bene anche la spinta ecologica , ma se sono una goccia nel mare di diesel fumanti e devo anche piglirmelo inter... e allora faccio come gli altri.... la prossima voglio trovare una Uno turbodiesel degli anni '80 (così è anche vettura storica :D ) EURO-2 e fare delle belle fumate nere....

jumpjack
05-05-2018, 15:31
Per fare due conti:
Elettrospesometro (http://jumpjack.altervista.org/elettrospesometro/)

dolam
05-05-2018, 15:47
Perfetto , veramente fatto bene e rapidissimo , si tempo di rientro biblici, non si può aggiungere riacquisto batteria a 120000km e il costo ammortamento della stessa?
il punto debole dell'elettrico si conferma l'accumulatore, speriamo che scenda di prezzo.

jumpjack
05-05-2018, 17:41
Pagina aggiornata.

Praticamente quando le auto elettriche costeranno 20.000 euro invece che 30.000, dopo 9-10 anni si andrà in pari, e considerando che 9-10 anni è quanto si cerca di far durare una macchina, saremmo a posto!

Another
05-05-2018, 21:39
Pagina aggiornata.

Praticamente quando le auto elettriche costeranno 20.000 euro invece che 30.000, dopo 9-10 anni si andrà in pari, e considerando che 9-10 anni è quanto si cerca di far durare una macchina, saremmo a posto!

se si andrà in pari lo stesso dopo 9 anni pur pagandole 20k non ci saremo proprio... mica è un investimento come il FV che cmq dura almeno 30 anni e hai 20 anni circa di guadagni.. dopo 9-10 anni vien voglia di cambiarla la macchina, per andare bene devi alemno averci guadagnato 500 euro / anno

jumpjack
12-05-2018, 10:30
In fase di test elettrospesometro EnelX:
Calcolatore EnelX (http://jumpjack.altervista.org/elettrospesometro/enelx.html)

spider61
12-05-2018, 10:37
Io non ho nemmeno attivato APP , a quei prezzi se la tengono la loro energia :D , adesso con 41kwh posso districarmi meglio e caricare al FV . In settimana giro nei comuni limitrofi ai miei devo verificare un paio di colonnine ..... poi se mi rompo vendo tutto e si torna a inquinare di + ..... ecologici bene ma mica coglioxi ....

jumpjack
12-05-2018, 10:41
Io non ho nemmeno attivato APP , a quei prezzi
prova il calcolatore e resterai stupito...

spider61
12-05-2018, 11:03
Li ho già fatti i conti da me , a caricare quick enel spendo almeno 800 a casa un pò più della metà , al FV circa 1/3 di casa.... nel tuo calcolatore bisogna considerare efficienza in base alla corrente di carica AC varia molto nella Zoe , si và dal 60% caricando a 8-9A fino al 95% caricando alle 22kw.....