PDA

Visualizza la versione completa : Riscaldamento / raffrescamento di veicoli elettrici



dolam
06-10-2013, 17:04
Apro qui una nuova discussione, magari non sarà molto seguita ma almeno su veicoli 'datati' il problema si pone, e anche sulla Twizy.
Si accettano proposte per scaldare in maniera efficace il veicolo, o meglio le parti che è più importante scaldare quindi il parabrezza e il guidatore.
Alcune auto (es. la Seicento Elettra) hanno un riscaldatore Webasto che brucia gasolio. Per me è quasi una questione di principio, preferisco non usarlo e ci ho messo solo un litro di gasolio per spegnere la spia.
Però in pieno inverno il problema esiste, soprattutto per le mani e in clima freddo, e il parabrezza freddo tende a gelare anche se gli si spruzza sopra acqua (fredda anche lei...)

Riguardo il raffrescamento vedo più difficile una soluzione after market, magari si può ottimizzare quello di serie (se presente)

Riccardo

Altra utile modifia alla twizy è la chiusura del foro grande dietro le spalle , con il freddo non è che fosse tanto piacevole, pian paino diventa un pò più confortevole, prossimo passo, riscaldamento. Che ne pensate di questo "finestrino"

jumpjack
07-10-2013, 22:09
Il riscaldamento su un mezzino piccino piccino con finestrini di plastica spessa un millimetro lo vedo molto dispendioso in termini energetici! :cry: Quello della smart mi pare che consumi 5 o 6 kW! Però al Salone di Francoforte hanno presentato un riscaldatore elettrico con efficienza del 95%, pensato proprio per le auto elettriche:


Webasto SE – Hall 8.0 Stand A15: Riscaldatore elettrico ad alta efficienza (95%), con potenza da 0.2 a 5 kW. High-voltage heater as standard equipment

riccardo urciuoli
07-10-2013, 22:40
ci vorrebbe forse un altro 3d... pensiamoci...
io sulla Elettra ho un webasto a gasolio ma mi sembra sacrilego usarlo. si dovrebbe pensare a qualcosa che scaldi solo il parabrezza e un po' il pilota, senza la pretesa di scaldare tutta l'auto.

dolam
07-10-2013, 23:02
Be guardate che per scaldare mezzo metro cubo con un passeggero a 36° non è che occorra chi sa quale riscaldamento . In fondo, in questa macchina, appena esce un po di sole si frigge. Io pensavo anche a quei schienali che si riscaldano, potrebbero bastare a dare una sensazione di caldo?

riccardo urciuoli
08-10-2013, 10:13
beh non sottovalutare, friggi in estate proprio perchè l'isolamento termico è inesistente (anche nelle auto...)

Lo schienale può essere un'idea, sicuramente uno dei punti critici è proprio la schiena, per le mani si possono usare i guanti. Se hai info forniscile, dove si attaccano all'accendisigari?

dolam
08-10-2013, 18:44
Si Riccardo, si attaccherebbero all'accendisigaro ma io ho portato due fili dietro e per ora stanno sotto il sedile posteriore in attesa di essere collegati, credo che li prendo anche se a me ne serve solo uno.

Protozoo
08-10-2013, 23:11
mmm

Celle di Peltier + dissipatore + ventola (sul lato caldo d'inverno, su entrambi i lati d'estate convogliando il calore all'esterno)? :)

dolam
09-10-2013, 06:01
Avevo pensato anche alla cella di Peltier ma consuma molto siamo sui 200w per cose minuscole.

Nosferatu
09-10-2013, 15:24
Io pensavo anche a quei schienali che si riscaldano, potrebbero bastare a dare una sensazione di caldo?
Secondo me sì.

In questo video spiegano che Nissan ha adottato per la Leaf proprio questa soluzione: sedili e volante riscaldati.
Actual Owner's 2012 Nissan Leaf Review - YouTube (http://www.youtube.com/watch?v=tvSVOghVYZU) (12:45 se non volete vedervelo tutto)

In questo modo diminuisce il numero di volte in cui il guidatore sente la necessità di usare il riscaldamento vero e proprio, così hanno potuto risparmiare sul costo della pompa di calore (stile Renault Zoe) e mettere una volgare resistenza, implementando al contempo il pre-condizionamento automatico dell'abitacolo prima di sganciare l'alimentazione da rete.

dolam
09-10-2013, 15:52
Grande nosferatu, sai per caso la potenza della pompa di calore della ZOE? Comunque immaginavo che il riscaldamento del sedile fosse la soluzione migliore in fondo non disperde nulla ed è tutto assorbito

riccardo urciuoli
10-10-2013, 09:03
Pensando al riscaldamento e il risparmio energetico nelle case, mi sono venute in mente due soluzioni da valutare e/o cercare se c'è qualcosa in rete.
Il ragionamento di base è che parliamo di veicoli che non hanno un riscaldamento o ce l'hanno poco efficiente o poco 'ecologico'.

Poco efficiente può voler dire per esempio che un riscaldamento tradizionale che agisca tramite bocchette su percorsi medio-corti riscalda inutilmente tutte le condutture. Peggio ancora su un'auto come la Elettra a 4 posti se si viaggia da soli.
Poco ecologico se è come il webasto che brucia gasolio.

In edilizia solo due sistemi mi vengono in mente, che non sono a basso consumo per la tecnologia usata ma solo perchè scaldano in fretta e dove serve: il riscaldamento a aria calda e quello a infrarossi.

Quindi dobbiamo provare a cercare se esiste qualche ventola di dimensioni ragionevoli che abbia anche una resistenza per scaldare l'aria e funzioni a 12V.
Riguardo gli infrarossi c'è una certa pericolosità inevitabile, mi riferisco alle stufette elettriche che si usavano anche molti anni fa con le bacchette che diventano incandescenti. Se esiste qualcosa a 12V che però sia ben stabile e schermata dai contatti accidentali potrebbe essere un'idea, il riscaldamento a IR dà una sensazione immediata di tepore, e può essere mirato solo dove serve

dolam
10-10-2013, 09:08
La Webasto ha a listino una piccolissima pompa riscaldante a bioetanolo dal consumo irrisorio 0,4 litri ora ed ho anche pensato a come sfruttarla, se il peso fosse basso. Si potrebbe sfruttare lo spazio dietro il sedile passeggero e riscaldamento a ....................pavimento.
Ho visto il nuovo cartongesso da 1,2 millimetri che racchiude la serpentina, togliendola e mettendola sotto un tappetino abbiamo la serpentina, leggera e poco ingombrante 8mm. Caldo sempre ( è un pò folle, ma alla renault potrebbero pensarci)
Ovviamente sulla fiat seicento Elettra è un gioco da ragazzi
http://www.webasto.com/fileadmin/webasto_files/documents/international/car/brochure/car-parking-heater-brochure.pdf


(http://www.webasto.com/fileadmin/webasto_files/documents/international/car/brochure/car-parking-heater-brochure.pdf)

riccardo urciuoli
10-10-2013, 09:19
0,4 litri ora è poco ma equivale comunque a una potenza scaldante di qualche kW. Questo solo per ricordare a tutti che quelle pompe sono in realtà piccoli bruciatori, che scaldano abbastanza e soprattutto emettono gas combusti.

Quindi per motivi di sicurezza anche loro vanno gestiti con attenzione, meglio se in un cofano perchè bisogna anche prevedere un 'tubo di scarico'

dolam
10-10-2013, 09:55
Il tubo ovviamente esce all'esterno, il webasto è a tenuta stagna come le caldaie di casa.

polianto
10-10-2013, 10:38
Quindi dobbiamo provare a cercare se esiste qualche ventola di dimensioni ragionevoli che abbia anche una resistenza per scaldare l'aria e funzioni a 12V.

Nei siti di accessori per nautica e/o camper si trova qualcosa che potrebbe essere utile alla bisogna, stufette a 12v
Riscaldatore - 12V 300W - Codice: 16924150 (http://www.nautimarketshop.com/shop/product/2395/Riscaldatore-12V-300W-Codice-16924150.html)

o phon, sempre a 12v, da usare per spannare il parabrezza
Asciugacapelli Nautiline - Codice: 16701388 (http://www.nautimarketshop.com/shop/product/2414/Asciugacapelli-Nautiline-Codice-16701388.html)

Certo, entrambi consumano batteria per cui sono da utilizzare con parsimonia
Ciao Antonio

riccardo urciuoli
10-10-2013, 12:25
sto indagando... per ora leggendo un po' in giro mi sembra di capire che meglio non andare sopra i 150-200W con l'accendisigari.
Ma molti commenti dicono che non servono a niente...

ho trovato anche questa
RISCALDAMENTO - Caravan Park
(http://caravanpark.it/P/6437/Vendita-accessori-per-camper-e-caravan/Accessori-e-ricambi-per-camper/CALDO-E-FREDDO-IN-CAMPER/STUFE-ELETTRICHE/RISCALDAMENTO.html)
o questa se si vuole provare qualcosa a baso costo.
http://www.ebay.it/itm/390673188246?ssPageName=STRK:MEWAX:IT&_trksid=p3984.m1438.l2649

ma è meglio usarli solo sotto stretto controllo... mi sa che sono poco sicure...

GianniTurbo
10-10-2013, 14:48
Sulle auto di solito gli accendisigari sono limitati a 10 A ...

dolam
10-10-2013, 16:56
Penso che Gianni abbia ragione, in genere il fusibile e sui 10 A e quindi più di 130w sarà difficile da prelevare a meno che non si metta un 15A ed allora ci siamo

GianniTurbo
10-10-2013, 17:29
Più che altro se il fusibile è da 10 A anche I fili e tutto il resto è dimensionato... Soprattutto perché un ipotetico riscaldamento rimarrebbe acceso a lungo...

riccardo urciuoli
10-10-2013, 17:59
ovviamente tutto vero ma dipende cosa c'è sotto il cruscotto... le VERE prese accendisigari servivano ad accendere i sigari, ricordate? Quindi anche 15A. Comunque sia 150W sono pochi comunque e non bisogna certo pensare a un sistema da lasciare sempre acceso.

Direi che per ora la scelta più ragionevole sono gli schienali tipo quelli che mi ha proposto Dolam:
Sedili Riscaldati Universali - 2 pz - 12V | eBay (http://www.ebay.it/itm/Sedili-Riscaldati-Universali-2-pz-12V-/121179965964?pt=Ricambi_automobili&clk_rvr_id=530006312541&_uhb=1&hash=item1c36e38a0c)

GianniTurbo
10-10-2013, 19:47
15A per il tempo di accendere un sigaro, non per una mezz'ora di seguito...

dolam
10-10-2013, 19:54
Su questo sito specializzato dicono proprio di sostituire il fusibile :TWY-HOT 2 Nuovo Riscaldatore raffrescatore per twizy (http://www.eco-rent.it/?page_id=472&category=1&product_id=16)
Collegabile direttamente alla presa accendisigari a 12V,.............
l’installazione è semplicissima: si collega il filo alla presa accendisigari e si sostituisce il fusibile da 7,5 ampere di serie con uno da 15 (in dotazione) seguendo il manualino allegato. l’impianto elettrico è comunque dimensionato per consumi ben maggiori.

http://www.eco-rent.it/wp-content/plugins/wp-e-commerce/images/icon_window_expand.gifUlt. dettagli (http://www.eco-rent.it/?page_id=472&category=1&product_id=16)

Spuzzete
11-10-2013, 04:35
Ciao a tutti, dico la mia sul riscaldamento dei sedili, per me può essere utile, ma dipende da quanto freddo fa.

Qui in Canada praticamente su tutte le auto moderne (compresa la mia e di mia moglie) c'è il riscaldamento sui sedili, con livelli impostabili. Devo dire che quando fuori ci sono meno venti gradi è utile, con temperature piu "normali" un po' meno, io preferisco che il riscaldamento sia classico (aria calda) piuttosto che scaldare il sedile.

:bye1:

Edit: si può mettere un "car heater" elettrico, basta bypassare il fusibile standard ed usare un fusibile piu grosso (possibilmente non a lama come quelli classici da auto) ed un interruttore di potenza a 12v : http://www.ebay.co.uk/sch/i.html?_trksid=p2050601.m570.l1313.TR10.TRC0.A0.Xc ar+heater&_nkw=car+heater&_sacat=0&_from=R40

dolam
11-10-2013, 06:35
Spuzzete in Canada è dura con -20° ma il vostro freddo più secco vi aiuta , qui da noi con l'umido diventa tutto più complicato. Comunque ho sulla mia macchina il riscaldamento sedili ed emanano un bel tepore, direi che al massimo sono anche troppo caldi. Quello che noi dobbiamo risolvere è avere un po di confort dentro un veicolo senza nessun tipo di riscaldamento e con spifferi dappertutto. Chiaramente si va coperti in auto ma un po' di caldo non guasta. Si tratta di un veicolo elettrico e quindi energia ce né.

riccardo urciuoli
11-10-2013, 08:29
Spuzzete vero, dipende dal freddo, ma anche dai sedili!

La mia opinione: i sedili in tessuto sono abbastanza isolanti e confortevoli, sia in estate che in inverno; invece altri materiali, come per esempio lo sky (si chiamava così?) delle vecchie 500, i sedili in pelle o quelli tipo moto della Twizy tendono ad 'azzeccarsi', soprattutto in estate ma anche in inverno, da cui l'utilità di interporre uno schienale che riduca la trasmissione per contatto di caldo o freddo.

Detto questo ovvio che l'aria calda serve, ma con molti spifferi temo servirebbe a poco a meno di avere 1-2kW di potenza. Provate a fare il confronto, un asciugacapelli arriva a 2kW... uno scaldino da 150W forse a malapena si percepirebbe.

L'utilità, e infatti lo scrivono negli annunci, è anche per il parabrezza. In zone fredde e umide come Milano in pieno inverno il parabrezza freddo è una tragedia, condensa sia l'umidità dall'esterno (nebbia) per l'impatto col vetro freddo, sia dall'interno (respirazione).
In quei giorni un getto di aria anche tiepida sul parabrezza evita di dover stare continuamente con una pezzolina a pulire il vetro, come si faceva negli anni 70...

jumpjack
11-10-2013, 08:53
Vero, sul mio vecchio cinquino passavo tutto il viaggio per andare a lavoro a pulire il vetro con una pezza; poi mi decisi a installare un semplice piccolo ventilatore nel tubo dell'aria lato-guida (i tubi erano a vista e removibili, a incastro!); era solo aria smossa, alla stessa temperatura di quella circostante, ma "magicamente" il vetro non si appannava più!
Se era già appannato, dovevo mettere l'aria calda, ma se accendevo il ventilatore PRIMA che si appannasse il vetro, il movimento dell'aria impediva al vapore di attaccarsi al vetro e condensarsi.

Quanto invece al riscaldamento dell'abitacolo, secondo me è tempo perso, non ha nessun isolamento termico, è impossibile riscaldarlo, si può solo... far stare il passeggero in un flusso di energia che va continuamente dalle batterie al mondo esterno! Il passeggero starà al caldo, ma le batterie moriranno presto.
Provate anche con un'auto vera, quest'inverno: portate l'abitacolo a 30 gradi, fino a dovervi togliere il cappotto. Poi spegnete tutto.
Tempo 30 secondi, farà di nuovo già freddo!
Mi viene in mente quindi che forse bisognerebbe coibentare le auto elettriche, chissà se già lo fanno?

Info su coibentazione (isolamento termico) delle auto:
Environmental Energy Technologies Division News (http://eetd.lbl.gov/newsletter/nl02/eetd-nl02-5-thermal.html)
"Riduzione dell'80% delle dispersioni termiche con temperature esterne di -18°C o + 55°C" :spettacolo:

Una volta a una dimostrazione vidi un vetro speciale trattato anti-infrarossi: dietro c'era un riscaldatore. Passando la mano davanti al vetro non trattato si sentiva il calore, mentre davanti alla parte trattata non si sentiva assolutamente niente!

Electrical insulation for electric/hybrid electric vehicles (http://www2.dupont.com/Energy_Solutions/en_US/assets/downloads/DPP11_17383_Collateral_HEV_rd03.pdf)

GianniTurbo
11-10-2013, 09:21
Molti vetri di auto sono gia atermici.
ad un mio amico, gli si è rotto il parabrezza su un audi , l'ha fatto sostituituire tramite officina convenzionata con assicurazione e gli ahanno montato un vetro commerciale non atermico, d'estate l'auto si scaldava molt di più....

GianniTurbo
21-10-2013, 11:32
ritornando al discorso del riscaldamento..
Questo è ininfluente dallla batterie...
Sbrinatore programmabile - Vendita Online - Dmail - Auto (http://www.dmail.it/prodotto.php?cod=218548-1023&utm_source=criteo&utm_medium=R&utm_campaign=Listing%20prodotti%20CPC)

dolam
25-10-2013, 21:35
Per coloro che hanno un veicolo elettrico ma con impianto riscaldamento ad acqua segnalo questo utile preriscaldatore a 220V con un timer e una presa di corrente vi troverete la macchina calda ed impianto a 60° con meno di 10 cent. Il riscaldatore mi pare abbia un prezzo accessibile.
Per chi è interessato è qui:
Elektrischer Motorvorwärmer OWL-3 +OWLHeizer+ Einfach und unkompliziert | eBay (http://rover.ebay.com/rover/1/724-53478-19255-0/1?ff3=4&pub=5574866635&toolid=10001&campid=5337187574&customid=&mpre=http://www.ebay.it/itm/Elektrischer-Motorvorwarmer-OWL-3-OWLHeizer-Einfach-und-unkompliziert-/290792771711?_trksid=m8&clk_rvr_id=535923747725&ps=63&its=C+S&_trkparms=algo=MW&otn=12&itu=UCC&clkid=2236451887610130934)

Dupagu
29-11-2013, 17:44
Salve,
non pensavo a questo problema e dato che utilizzo resistenze flessibili a 24 volt per altri prodotti posso assicurare che anche 100watt alla schiena danno un bell'aiuto,lo uso sempre quando ho il colpo della strega....problema ma dalla twizzy ci vorrebbe un inverter 12-24v

dolam
29-11-2013, 21:49
Dupago i miei sedili riscaldabili consumano 44 w e ti assicurano che a volte devo spegnerli, con quelli potresti evitare il trasformatore , da 12 a 24v, che sicuramente è pesante e ingombrante. Semplice consiglio ovviamente

Dupagu
01-12-2013, 10:05
se uso 12 volt invece di 24 la resistenza mi diminuisce del quadrato,quindi una resistenza da 100 watt mi diventa da 10watt.Per il resto trovo invece che spesso i problemi sono ai piedi.Secondo me il modo migliore invece di un riscaldamento ambientale a aria è passare al riscaldamento a infrarosso o a contatto,quindi sedili e pavimento con pellicole resistive con termostato a 40 gradi.con 200 watt di consumo otterreste un buon risultato.Sulla Fluence non ho questi problemi,sbrino il parabrezzain 2 minuti:) Se qualcuno ha una twizzy in zona Prato-Firenze ci possiamo vedere e fare dei test.

dolam
01-12-2013, 10:41
Dupagu io, ai piedi, ho chiuso con un tappeto di moquette il grosso foro dello sterzo e non ho più aria fredda ma è dentro la macchina che fa freddo comunque. Ora con sedile riscaldabile e i miei finestrini a chiusura totale va molto meglio.
Piuttosto dimmi di questa pellicola resistiva dove si potrebbe mettere a pavimento , io stavo invece ipotizzando una serpentina sotto un tappetino di alluminio goffrato ma potrei mettere anche questa pellicola che dici tu ed avere così un diffusore di maggiori dimensioni, ma l'ideale sarebbe un miniwebasto costruito ad ok e da posizionare nel minuscolo bagagliaio.

riccardo urciuoli
01-12-2013, 18:27
Premesso, tanto per precisione, che una resistenza che dissipa 100W a 24V dissipa solo 25W a 12V, secondo me state esagerando, comunque tappetini riscaldanti non a diretto contatto del corpo sarebbero impercettibili, mentre il riscaldamento a infrarossi è pericoloso in auto e comunque credo non esista per basse potenze e basse tensioni.

jumpjack
27-05-2014, 13:29
Una cosa l'ho già vista, una mattina era freschino e ho voluto provare il riscaldamento,
E' VORACISSIMO!!!!! (mi ha quasi dimezzato i km residui ipotetici)
Vero, ahime!
Ho trovato i (tristi) dati ufficiali:
http://www.energeticambiente.it/categoria-m1-es-auto-elettriche/14757613-mitsubishi-i-miev.html#post119539692

Mi chiedo se l'abitacolo sia isolato, cosa che normalmente non è nelle auto normali. Ho sentito dire di gente che installa pannelli di sughero negli sportelli...

gugli
27-05-2014, 17:43
originariamente inviata da jumpjack:
Mi chiedo se l'abitacolo sia isolato, cosa che normalmente non è nelle auto normali. Ho sentito dire di gente che installa pannelli di sughero negli sportelli...

Purtroppo l'abitacolo mi sembra davvero poco isolato, sicuramente anche meno delle auto tradizionali, in cui il peso,
(di insonorizzazioni e isolamenti vari) non e cosi importante come sulle auto di questa categoria.

Ora capisco il perché dei sedili riscaldabili ( ora cerco le resistenze che pare ci siano, e magari vedo come collegarle).

Dove abito io il condizionatore non e indispensabile, ma il riscaldamento SI! (in inverno),:cry:
altrimenti quando piove appannamento garantito, magari se il climatizzatore è più efficiente,
si può valutare per deumidificate, ma andrà provato nella stagione fredda/umida.
anche se ovviamente per vari motivi, (influenza della temperatura sulle batt., maggiori consumi, ecc)
saranno necessarie cariche più ravvicinate delle 3 ogni 2 settimane che sto facendo di media ora.

Questa sera dovrò caricare e faccio la prova chiesta da smart700 sul pre-riscaldamento/raffrescamento.:beer:

riccardo urciuoli
27-05-2014, 18:10
mmmm... parlo da 'esperto' di certificazioni energetiche... pensare di isolare decentemente una scatola di metallo e vetro, con tutti i ponti termici che ci sono, è utopia, anche perchè buona parte del calore va via dal sistema di ventilazione (il ricambio d'aria in uno spazio così limitato è importante)

C'è un 3d apposito sul riscaldamento, ma non è il caso di farla tanto tragica. Non è mica colpa delle auto elettriche se non hanno tutti quei kW sprecati in calore dei veicoli termici...

Con le vecchie 500 il riscaldamento ti avvelenava, basta mettere un paio di guanti e tenere su il cappotto.

Sul raffrescamento... meglio scegliere un colore chiaro per l'auto, e poi soffrire un po' in estate... ma io ho un approccio troppo basic!

smart700
27-05-2014, 20:31
[QUOTE=gugli;119539749]..... quando piove appannamento garantito, magari se il climatizzatore è più efficiente,
si può valutare per deumidificate, ma andrà provato nella stagione fredda/umida.[QUOTE]

Ho già affrontato l'anno scorso il problema ed è un difetto non di poco conto.
Quando si fanno viaggi brevi il problema dell'appanamento del parabrezza è fastidioso: si perde più tempo a disappanare che arrivare a destinazione.
Ho provato ad avere un attegiamento più "basic": usare un panno per togliere la condensa sul vetro ma a causa della forma del parabrezza non è una operazione agevole.
Tra il clima e il riscaldamento il secondo è il più efficace.
Sinceramente è la prima auto , di tutte quelle che ho avuto, ad avere un problema di appanamento del parabrezza così marcato.

Per avere un sistema di riscaldamento migliore si potrebbe copiare...
Mitsubishi I-Miev Forum • View topic - PREPARATION FOR COLD SEASONS (http://myimiev.com/forum/viewtopic.php?f=9&t=694&hilit=isolating+heater+system)


Ciao
Smart700

jumpjack
27-05-2014, 21:02
Sulla mia vecchia '500 installai un piccolo ventilatore nei tubi di aerazione, che erano a vista, e "magicamente" il parabrezza non si appannava più d'inverno, anche quando il motore era ancora freddo, probabilmente perchè il flusso d'aria impediva all'umidità di appiccicarsi al vetro.
In compenso, su macchine moderne se accendo il ventilatore ma metto il ricircolo, si appannano TUTTI i vetri nel giro di 30 secondi, non solo il parabrezza! :-)

Comunque per disappannare un vetro non è indispensabile aria calda, energeticamente costosa, basta aria a temperatura ambiente ma deumidificata (mentre col ricircolo l'umidità si accumula ad ogni... circolo).

gugli
27-05-2014, 21:03
per Riccardo, credo che si scherzasse riguardo la coibentazione del veicolo,
ovviamente le stufe termiche (auto a combustione) in inverno vanno benissimo,....anzi!
ma il problema non è tanto la temperatura ma la condensa,
magari con la ventola a palla anche se con aria fredda o appena tiepida,
si riesce a gestire la situazione!

per smart700
ho provato il link ma non va
e anche da google il forum non va, (anche altri argomenti),
anche se non so se , dato che è in inglese, riuscirei a capire esattamente.

in sintesi, hanno trovato qualche soluzione interessante?
tu da dove scrivi? io pensavo di essere in una zona(varese), critica per la condensa
presumo anche tu.

appena finisce la lavastoviglie la metto in carica e ti dico per il preriscaldamento

jumpjack
27-05-2014, 21:38
Non scherzavo affatto sulla coibentazione: mantenere la temperatura dell'abitacolo di un'auto convenzionale è come mantenerla dentro una tenda da campeggio! Il volume è minuscolo, quindi la capacità termica (cioè di mantenete il calore) è minuscola, e l'isolamento termico è inesistente!
Infatti, per riscaldare un abitacolo quando fuori ci sono 3 gradi sotto zero e il motore è già caldo, ci vogliono 30 secondi... ma una volta spento il riscaldamento, ne bastano altrettanti per raffreddarlo!
Eppure esistono vetri termici portentosi (ne ho provato uno posizionato davanti a un faretto a incandescenza: era impressionante, passando la mano davanti al vetro, il faretto sembrava spento! Non passava una virgola di calore!), e sportelli e carrozzeria non sono come una lattina di coca cola, cioè non sono un singolo strato di alluminio, ci sono intercapedini vuote. Forse si potrebbero riemprie di isolante; o il tetto stesso potrebbe essere rimpito di vetro termico (o atermico che dir si voglia).
Sul sito dove c'à la ricerca sulla I-Miev ci sono una quarantina di ricerche dedicate alla riduzione dei consumi dovuti al condizionamento, bisognerebbe avere tempo e voglia di leggerle...

riccardo urciuoli
27-05-2014, 21:39
il lavoro linkato per isolare la i-miev per me è una cavolata. magari può essere utile in climi MOLTO freddi e secchi non da noi.

Ridurre gli spifferi... su viaggi corti serve a poco, su viaggi lunghi se si riduce il ricambio d'aria la condensa sui vetri (creata da noi con la respirazione) aumenterebbe.

Inoltre restano tutti i ponti termici (lamiere) e i vetri: i vetri atermici schermano dagli infrarossi del sole, ma come isolamento termico qualsiasi vetro senza intercapedine è scarso, molto scarso!

Secondo me, in base anche a decenni di uso di 500, meglio coprirsi bene, e puntare sul vetro un getto consistente di aria, anche fredda o tiepida va bene (come quella del riscaldatore a 12 V che ho comprato).

Ho spostato qui un po' di messaggi sul riscaldamento... mi raccomando, per queste discussioni generiche meglio usare i 3d specifici!

Il difficile è avere il getto dove serve, su auto moderne se il riscaldatore è regolabile io userei le bocchette dell'auto che sono ben direzionate (di solito), con riscaldamento al minimo o meglio usato solo quando serve.

Il sedile riscaldato è efficientissimo, dopo pochi secondi ha tolto la sensazione di gelo al didietro, dopo pochi minuti bisogna abbassare la potenza o spegnerlo. Resta la scomodità di un oggetto da opoggiare al sedile, ma è sopportabile

gugli
27-05-2014, 22:40
per smart700
ho messo la c-zero in carica e indipendentemente dalla spina , inserita con alimentazione o senza, o disinserita/staccata
con la chiave girata (ma non in ready, dato che non la spina non accetta il comando)
la macchina fa funzionare solo la ventola niente condizionamento ne riscaldamento
quindi così come è niente PRE....

grazie di avere spostato su questo forum, di cui non sapevo, ora vedo se ci sono soluzioni interessanti
ovviamente la mia inesperienza sui forum ha fatto gioco, anche se, probabilmente sempre per la mia inesperienza,
faccio fatica a trovare le discussioni, se non partendo dal fatto di sapere che esistono (cerca nel forum)
probabilmente mi sfugge qualche cosa sul modo di indicizzazione.
prego di non massacrarmi per la velata critica, non tutti sono esperti,
io per esempio mi sono ritrovato sul forum c-zero cercando "alimentatori per c-zero" in google

dolam
27-05-2014, 22:56
sulla mia twizy in inverno accendo subito lo sbrinatore annegato nel parabrezza anteriore e dopo 4/5 minuti dalla partenza lo spengo ed il vetro non si appanna, se invece lo lascio spento e l'accendo quando è iniziato l'appannamento allora fa fatica a disappannarsi.
Anch'io ho provato a mettere i sedili elettrici sulla mia e li trovo una vera goduria ma a differenza di Riccardo non li spengo subito perché mi piace il caldo ed anche per il consumo irrisorio 22/44wh(min / max) il che significa quanto mezzo km di autonomia del veicolo e quindi due ore 1 km in meno di autonomia. Dopo due ore di uso in genere l'auto va in ricarica, ricarico sempre dal 50% in su quando posso, pare che allunghi la vita delle batterie ed infatti ad 11000 km di percorrenza ho la stessa autonomia che avevo a 6000km.
Aggiungo ,per chi non conosce la mia twizy, che è completamente chiusa a qualsiasi spiffero grazie a mie modifiche.

gugli
28-05-2014, 07:42
confesso di non avere avuto ancora il tempo di leggere tutto questo argomento,
riguardo i problemi di riscaldamento ecc delle auto elettriche, (probabilmente se ne parla),
questa mattina ho cercato i cavi delle resistenze nei sedili della c-zero,(di cui ho letto.... non ricordo dove)
e ho trovato 2 cavi uno giallo con 4 connettori e uno nero di cui non ho trovato la testa,
ma non ho cercato approfonditamente ero un po' di corsa,
qualcuno ha info ho ha già sperimentato?:bye1:

smart700
28-05-2014, 14:08
Per i possessori della C-Zero, Ion e I-Miev senza il Winter-Pack aggiungo qui una piccola nota sui sedili o meglio sul tipo di imbottitura.

Il materiale usato è ok per l'estate ma pessimo per la stagione invernale cioè consegna al fondoschiena una sgradevole sensazione di... freddo!
Applicando sul sedile una semplice coperta (spessore fine) di "pile" si ottiene un'isolamento perfetto.

Ciao
Smart700

Furio57
28-05-2014, 15:55
Ciao a tutti!

...tanto per precisione, che una resistenza da 100W a 24V diventa da 25W a 12V...Ciao Riccardo leggendo l'ultimo intervento mi sono incuriosito anche sugli interventi più datati. Questo mi ha lasciato perplesso! Visto che quanto hai "proferito" può trarre in inganno, in particolare chi non è molto esperto di elettrotecnica, desideravo chiarire che una resistenza da 100 Watt a 24 Watt, rimane tale anche a 12 Volt come anche il suo valore! Probabilmente volevi parlare di dissipazione: essendo che P=V al quadrato/R l'esempio torna.

Salutoni
Furio57

riccardo urciuoli
28-05-2014, 16:00
si appunto Furio, quanto scritto era giusto e infatti ho scritto W e non Ohm; parliamo di resistenze scaldanti di valore ignoto! Quindi se l'utente sa solo che dissipano 100W a 24V, o si ricava R, o direttamente per le leggi di Ohm saltando un po' di passaggi sa che P=V^2/R, e poichè appunto R non cambia (e non ci interessa neanche) P viene divisa per 4 se la alimentiamo a metà tensione.

Furio57
28-05-2014, 16:29
Ciao a tutti

....quanto scritto era giusto...Ciao Riccardo, scusa se insisto la capacità di una resistenza di dissipare potenza è quella di costruzione, alias non varia indipendentemente dalla tensione ai suoi capi. Potrà invece come già detto variare la sua dissipazione! Nell'esempio che hai fatto tu a 12 Volt la resistenza dissiperà un quarto, quindi 25Watt, ma rimarrà sempre da 100Watt!

Salutoni
Furio57

gugli
28-05-2014, 17:00
originariamente da Smart700 nel forum c-zero
In basso a destra rispetto al piantone dello sterzo c'è un pulsante per il riscaldamento dei sedili anteriori che nella c0 non c'è (c'è un tappo) però ho visto le "resistenze" (sotto i sedili) quindi le si potrebbe attivare.



ricordavo di avere letto di qualcuno che parlava delle resistenze nei sedili della c-zero,
e facendo scorrere ho visto il tuo post dove ne parlavi,
io devo guardare meglio.... ma ho visto dei cavi, sotto i sedili ant.
quello giallo presumo siano il sensore presenza passeggero, per far accendere la spia della cintura di sicurezza.
e quello nero credo sia il contatto della presenza inserimento cintura di sicurezza.
a cosa ti riferisci quando dici "ho visto le resistenze"?

perché se cosi fosse potrei valutarne l'assorbimento per capire dove conviene cablarle,
e studiare un sistema per metterle in funzione,
con poco sarebbe un bel aiuto in inverno.

ottimo comunque il suggerimento della copertina in pile di isolamento :clapping:

riccardo urciuoli
28-05-2014, 17:33
Ciao a tutti
... Nell'esempio che hai fatto tu a 12 Volt la resistenza dissiperà un quarto, quindi 25Watt, ma rimarrà sempre da 100Watt!


Ah si ho capito, hai ragione e ho corretto in modo che sia più chiaro. Si parlava di dissipazioni ma per chi legge dopo è meno evidente. Anzi ad essere più preciso si parlava di potenza assorbita (e quindi dissipata) dichiarata dal costruttore degli oggetti scaldanti.

smart700
28-05-2014, 22:11
il lavoro linkato per isolare la i-miev per me è una cavolata. magari può essere utile in climi MOLTO freddi e secchi non da noi.........

Isolare tutto quanto come ha fatto il tipo magari no ma, isolare il riscaldatore e i relativi tubi non la vedo una cattiva idea, difficile da realizzare ma tanto stupida non direi.
L'efficacia di un sistema dovrebbe essere globale ora se partiamo da un riscaldatore che già di suo ha delle perdite di calore, i tubi di trasporto altrettanto eccetera, l'acqua calda arriverà con maggiore ritardo rispetto al sistema più isolato, o no?

Se questo "non vale la pena", quell'altro "è un sistema troppo costoso" e così via che facciamo? Mi ricordo i primi viaggiatori automobilistici del '900 che sulla loro auto non avevano i vetri e quindi si proteggevano con berrettoni, cappotti e guantoni!
Ah, sì c'erano anche gli occhiali, da saldatore..quasi, quasi..
prendo il kit del viaggiatore elettrico:

Occhiali Protettive Saldatore Da Lavoro Trasparente | eBay (http://www.ebay.it/itm/Occhiali-Protettive-Saldatore-Da-Lavoro-Trasparente-/331047494240?pt=Altro_per_Bricolage&hash=item4d13f7e260)

Carhartt a Maglia con Copriorecchie Viola WA058BDK Berretto di Lana Beanie | eBay (http://www.ebay.it/itm/Carhartt-a-Maglia-con-Copriorecchie-Viola-WA058BDK-Berretto-di-Lana-Beanie-/221242156082?pt=Cappelli_donna&hash=item33830f6432)

Si fa per scherzare, eh?

Per i sedili questo potrebbe essere valido:
SEDILE RISCALDATO COPRISEDILE 12V UNIVERSALE PER AUTO CAMPER FURGONE SEDILI | eBay (http://www.ebay.it/itm/SEDILE-RISCALDATO-COPRISEDILE-12V-UNIVERSALE-PER-AUTO-CAMPER-FURGONE-SEDILI-/261163763069?pt=Ricambi_automobili&hash=item3cce92c57d)

Per gugli:
temo di avere visto sotto i sedili solo dei fili non comprendendo subito a cosa servissero.
I 2 fili neri servono effettivamente per il controllo cintura inserita e presenza guidatore/passeggero mentre, il filo giallo per l'airbag del sedile.

riccardo urciuoli
28-05-2014, 22:26
ahahahh me lo merito! A furia di fare il moderatore rompipalle ora vi vendicate!

Smart però anche per te vale come per Furio: AVETE RAGIONE ma bisogna leggere bene i post... in effetti isolare riscaldatore e tubi può avere sicuramente senso, io mi riferivo all'isolamento dell'abitacolo (e infatti tutto il mio post parla di quello).

Si parlava di condensa... non solo di freddo! E infatti ho ragionato per parallelismo con le abitazioni...

Se in una casa vecchia isoli (es cappotto) senza correggere i ponti termici, e togli gli spifferi (infissi nuovi) il caldo aumenta ma i problemi di condensa e muffa peggiorano!

Quindi tutto può avere un senso ma bisogna valutare bene pro e contro....

riccardo urciuoli
04-09-2014, 18:50
Beh e allora? Il caldo è finito come facciamo?

Non trovo più il mio riscaldatore, volevo misurare quanto assorbe... perchè ripensando all'inverno ho deciso di autocostruirmene uno!

L'idea è un tubo metallico con ventola e resistenza a filo, getto d'aria notevole perchè più che scaldare voglio evitare l'appannamento del parabrezza.

Stavolta sono partito per tempo...è appena finito il caldo estivo (anzi non è mai cominciato...)

dolam
04-09-2014, 20:57
Bene Riccardo, bell'idea ,
stavo pensavo a qualcosa di simile, di mettere un "tappetino d'alluminio" dentro la mia Twizy, rialzato di 3cm dal pavimento con le resistenze elettriche dei sedili attaccati sotto la parte metallica e delle ventoline che facciano circolare aria, così da avere un riscaldamento costante con pochi watt (40) ed una temperatura sui 35°/40° e senza pericoli d'incendio. Nel piccolo abitacolo della twizy con le mie chiusure ermetiche e dei miei finestrini dovrei raggiungere agevolmente i 15 gradi che in inverno sarebbero una vera goduria. Dai proviamo e raccontiamoci come va, io sono già al lavoro aspetto solo di reperire delle resistenze adeguate, il resto è pronto anche le ventoline

riccardo urciuoli
04-09-2014, 21:14
Dolam non so.. oggi ho provato una 50ina di W dissipati su radiatore, ti assicuro che fanno poco, per irraggiamento niente.

Perchè non pensi a qualcosa tipo tubo da indirizzarti dove vuoi? 40 o 100W di aria calda sparati addosso secondo me li senti molto di più che altrettanti sotto i piedi!

Comunqu eio ho preso una ventola da 0,3A e circa 90 mm di diametro, 40 mm forse fa poco flusso.

dolam
04-09-2014, 21:44
Non saprei Riccardo sul datasheet è scritto che movimentano 7 mc/h due dovrebbero essere sufficienti, ma sto valutando anche la seconda opzione di un piccolo webasto da mettere dentro quest'area , sono 7 cm d'altezza non so se bastano. So che è un'idea "forzata" ma mi stuzzica molto, il riscaldamento nella twizy mi stuzzica davvero.

Dupagu
05-09-2014, 09:00
Se non avete problemi con il parabrezza il riscaldamento a irraggiamento invece che ad aria è estremamente più risparmioso.Sopratutto se usati sistemi a contatto. Quindi riscaldamento sedile e riscaldamento ai piedi con tappetino radiante dopo pochi minuti bollite dal caldo con resistenza di 70 W per il sedile e 40w per i piedi.

dolam
05-09-2014, 14:23
@dupagu , Pensavo la stessa cosa infatti penso di provare, solo che la resistenza sarà di 44 watt ai piedi e 44w al sedile, che conto di non accendere se funzionerà il primo.

smart700
05-09-2014, 14:28
L'inverno scorso il parabrezza della mia czero si appannava con una facilità impressionante: è una caratteristica delle auto moderne?
Con le mie precedenti (e inquinanti) auto non appena entravo in abitacolo, non mi ricordo di un problema così marcato.

Quindi, per risolvere questo problema, mi aggancio anch'io a ruota cercando di postare, se le troverò, delle utili info.

Ciao a tutti
Smart700

riccardo urciuoli
05-09-2014, 15:44
no è proprio una caratteristica di un riscaldamento molto meno potente, e magari sulle auto normali usavi il condizionatore anche in inverno -> effetto deumidificante assente in sistemi di solo riscaldamento....

riccardo urciuoli
09-09-2014, 17:45
aggiornamento: il progetto faidate è partito sul serio! Mi è arrivato un filo resistivo usato nelle taglierine per polistirolo... se riesco ad inventarmi un sistema serio di riscaldamento ad aria lo brevetto e ve lo vendo!

Eh già...io continuo a aborrire qualsiasi stufetta o similia che bruci uno schifosissimo combustibile fossile...

gugli
09-09-2014, 19:02
vorrei sottoporvi un'ipotesi:

no so come sia fatta sulla 600 la feritoia da cui esce l'aria verso il parabrezza
ma se fosse appunto una feritoia potresti usare qualcosa tipo queste

Thermo (LxP) 320 mm x 137 mm Tensione d'esercizio 12 V Potenza 35 W in vendita online | Conrad (http://www.conrad.it/ce/it/product/532886/Thermo-LxP-320-mm-x-137-mm-Tensione-desercizio-12-V-Potenza-35-W)

infilandone 4 in parallelo e sfruttando la ventola originale e i vari condotti in modalità ricircolo (se presente),
se valuti che scaldano troppo e si possa fondere la plastica ne fai 2 blocchi da 2 in serie in parallelo tra di loro
scaldano la metà e consumano la metà (senza fare troppi calcoli)

io ho appena visto e sulla mia c-zero, la feritoia ha inserito una grata che è difficile togliere,
e che crea degli spazi da 1cm x 1cm, dovrei trovare qualcosa a stick tipo queste

12 volt riscaldatore/elettrico cartuccia elemento riscaldante-Riscaldatori industriali-Id prodotto:733517506-italian.alibaba.com (http://italian.alibaba.com/p-detail/12-volt-heater-electric-cartridge-heating-element-733517506.html)

cercando la giusta temperatura di lavoro giocando tra serie e parallelo
magari per provare alimentando con presa accendisigari previa sost fusibile se troppo basso

pensate possa funzionare?

ma tu pensavi di fare una cosa come questa?
Stufa elettrica ad aria calda 12V - 150W - Verona Camper (http://www.veronacamper.it/assistenza.asp?art=5314)

riccardo urciuoli
09-09-2014, 20:14
la roba che hai linkato è da pochi W... si io avevo preso uno di quei riscaldatori ma fanno veramente poco, voglio provare a osare un po' di più.... vi aggiorno!

dolam
09-09-2014, 20:31
Se questa piastra così sottile arriva a 65° con 2 che diffondono su di una piastra d'alluminio messa a pavimento dovrebbero raggiungere facilmente i 35/40 gradi e con un po' di ventilazione ci dovrei stare a scaldare almeno il piccolo abitacolo della Twizy . Ripeto 10/15° si dovrebbero raggiungere facilmente, certo per la panda il problema è un po' più complesso l'abitacolo più grande ha bisogno di maggior energia. Pensavo anche di mettere un piccolo connettore dall'esterno e far partire un timer alle 7,30 di mattino così alle 8,00 come esce la macchinetta è già calda, poi basterà tenerla tiepida. Si insomma c'è tanto da provare.
Thermo (LxP) 320 mm x 137 mm Tensione d'esercizio 12 V Potenza 35 W in vendita online | Conrad (http://www.conrad.it/ce/it/product/532886/Thermo-LxP-320-mm-x-137-mm-Tensione-desercizio-12-V-Potenza-35-W)

riccardo urciuoli
09-09-2014, 23:40
Dunque...premesso che ovviamente ognuno è libero di provare, credere di poter scaldare in modo efficace e ragionevolmente veloce un abitacolo con soli 35W o 70W è illusorio.

Quelle piastre scambiano poco con l'aria, e per garantire una temperatura così precisa... dicono balle, o meglio vanno abbinate al termostato che vendono!

Alcuni aspetti e calcoli su quello che sto facendo li trovate qui:
Riscaldatore aria 12 V per veicolo elettrico (e non solo) • Il Forum di ElectroYou (http://www.electroyou.it/forum/viewtopic.php?t=53849)

io credo che sfrutterò almeno 150-200W (limite tirato dell'accendisigari con qualche modifica) e se non bastano ... mi terrò il freddo e la condensa per qualche giorno invernale...

dolam
10-09-2014, 07:25
Purtroppo sulla Twizy la batteria di servizio e da 14A e non posso impegnarla per 300w, altrimenti ci sarebbe il ventilatore/riscaldatore delle golf-car che andrebbe benissimo e neanche da quello da 150w che vendono sempre sulla baia, per questo tento a 70 w se va è bene altrimenti devo tenere un po' di freddo

riccardo urciuoli
10-09-2014, 12:02
più che la capacità (immagino intendevi Ah) conta la potenza del dc-dc converter.
La batteria servizi è sotto carica durante la marcia, il consumo del riscaldatore si somma a quello di fari e altri accessori, l'importante è che il dc-dc ce la faccia....

dolam
10-09-2014, 18:31
Per gli Ah credo sia chiaro, per il dc-dc credo proprio non sia fatto per supportare quei carichi. Per questo, a scanso d'equivoci, intendo restare all'interno dei 10A (Ah per i più precisi) previsti dalla presa accendisigari quindi 70 w a pavimento e 44w al sedile, oltre non penso d'andare ma ritengo sia sufficiente a stiepidire l'abitacolo, che resta sempre meglio che andare in moto d'inverno ( come mio figlio faceva prima ma ora non ci pensa nemmeno ).

riccardo urciuoli
10-09-2014, 18:39
beh prova a verificare, il dc-dc dovrebbe essere abbastanza sovradimensionato considerato che deve reggere gli assorbimenti anche dei fari...

Per esempio sulla mia Eli è da ben 1000W (70A@14,1V), quindi ho un mbel margine, anche se ovviamente è meglio non stressare la componentistica e magari stare un po' più al fresco.

PS: dalle primissime prove gia 40W si sentono, lo scaldino preso su ebay mi sa che è proprio una ciofeca...

riccardo urciuoli
16-09-2014, 12:40
ecco le prime foto..work in progress...

42122

42123

42124

dolam
16-09-2014, 14:31
mi sembra una buona soluzione, forse diminuendo le dimensioni delle "croci" porta resistenza e aumentandone il numero, si può ridurre il diametro del tubo d'alluminio e a quel punto andrebbe anche dentro la twizy ( abitacolo ristrettissimo) vediamo come va il tuo esperimento e mi sa che cambio progetto fino a 60w vado tranquillo, e per me potrebbero bastare, obbiettivo +10°.

riccardo urciuoli
27-09-2014, 22:32
Ecco il lavoro praticamente finito; resistenze bloccate nel tubo in modo da evitare corti, e il tappo in gomma dura sagomato a imbuto :42403

e il tutto chiuso e pronto all'innesto del tubo diffusore:
42404
Nel frattempo ho ritrovato lo scaldino comprato su ebay.
Misurato, a 13,7V l'assorbimento sale e poi si stabilizza a circa 9,5A. Quindi effettivamente eroga 130W a 13,7V.

Il mio "tubo Ricker" al momento assorbe un po' meno, circa 9A quindi 121W a 13,5V.
potrei aumentare la potenza ma ho deciso di provarlo prima così, il flusso d'aria maggiore e il diffusore da fissare alla base del parabrezza potrebbero bastare.

gugli
02-11-2014, 22:36
ora dopo un bel po di sperimentazione vi invio la mia soluzione contro l'appannamento parabrezza
nel mio caso a costo zero dato che le resistenze di partenza mi sono state regalate,
perché rotte e non più vendibili dal centro assistenza (che conosco)

allego le foto di tutto dalla partenza con 2 resistenze da 110v cad di un fornetto

43236

nella prima versione le 2 resitenze erano tutte inserite nel tubetto di vetro giuntato con alluminio adesivo
ma eravamo solo a 7W con 2R in parallelo 0.5A
43234

(funzionava ma faceva davvero poco)
secondo passo (senza foto ma è uguale alla terza versione ma con 2 resistenze esterne invece di 4) andava meglio ed eravamo a 3A con 40W
allora ho portato sempre tramite PARALLELO DI RESISTENZE 6A con circa 80W
(terza verione 4 R esterne e 2 interne al tubo di vetro)
4323743238
ora ho anche fatto un cablaggio semidefinitvo (non con i coccodrilli)


e con 80W va ancora meglio, unica condizione non dimenticarsi di accendere la ventola almeno in seconda velocità con uscita dalla feritoia per il parabrezza
e non si appanna piu niente senza tagliare del 40 % l'autonomia

per ora fino al freddo vero sperimento così, anche se so che alcuni diranno che esteticamente fa schifo!!!
lo so!!!
ma se va bene anche con la pioggia e il freddo vero, faccio anche una struttura di contenimento adeguata
il cablaggio l'ho già sistemato ora è decente senza coccodrilli ma saldato e con cavi di lunghezza minima necessaria, il tutto ovviamente collegato per ora provvisoriamente alla presa accendisigari.
ciao Gugli

riccardo urciuoli
03-11-2014, 09:54
certo che io e te proprio normali non siamo....:cuore:

Devi inventarti un supporto stabile, e soprattutto deve funzionare anche senza ventola, per non rischiare che una dimenticanza mandi a fuoco il gioiello....

gugli
03-11-2014, 17:43
in realtà la ventola sempre accesa è proprio una precauzione che ho detto alla moglie....

dato che sono due resistenze da 110V e credo o 500-1000W piegate in 3 ognuna,
potrebbero ricevere fino a (110 : 3 ) 36V senza nessun raffreddamento dato che devono cuocere i cibi.

la stabilità è già garantita dai fili di rame che ancorano le 4 tratte esterne al tubetto di vetro ,
che essendo molto lunghi vanno a fissarsi nei buchi della feritoia di uscita aria,
quindi non si muove neanche durante le curve più estreme.

quindi è molto improbabile che le tratte resistive esterne vadano a toccare la plastica,
che invece tocca costantemente il tubetto di vetro che però e la parte meno calda,
e fa da supporto per il tutto.

questa mattina dato che pioveva ho fatto un'altro test con temperatura esterna di 8 gradi e umidità del 95%,
nessun appannamento e ho notato anche che si percepisce un leggero tepore (non male).

per la struttura di contenimento mi piacerebbe comunque realizzarla per diversi motivi,
-ulteriore sicurezza
-possibilità di convogliare meglio l'aria verso le resistenza
-estetica

ma non so in che materiale realizzarla,
in pratica dovrei trovare un isolante resistente al calore,
avete suggerimenti??

stavo cercando un nome ma...con gugli è un casino in compenso mi è venuto in mente "RICKISCALDAMENTO"
a proposito come va il "tubo ricker", io ho notato una cosa,
nonostante la resitenza se metto il ricircolo aria,
non dico che appanna ma rende decisamente meno dal punto di vista spannante,
ma ovviamente fa più caldo in auto.

questa è la foto del progetto fino ad ora ... (ora la signora moglie mi dice che ha anche freddo ai piedi.....dove la mando???)

43262

riccardo urciuoli
03-11-2014, 18:19
dunque...

il discorso ventola/ricircolo è proprio alla base della mia idea di dotarlo di ventola indipendente.

Se immetti aria da fuori sulla resistenza quando fa troppo freddo non disappannerà più, se metti il ricircolo si appanna tutta l'auto.

Se riesci, io cercherei di mettere la R tra vetro e bocchetta, e poi velocità ventola minima e aria mandata anche sulle altre bocchette. In tal modo ricambi l'aria in abitacolo (poco) e contieni l'umidità, e mandi un flusso moderato sul parabrezza.

Per il contenimento: uno dei pochi materiali molto resistenti è il teflon. Prova a vedere se trovi qualcosa tipo un profilato a U, oppure prendi un profilato metallico a U, lo rivesti internamente di teflon per evitare corti e poi ci metti le resistenze.

E' importante! Io eviterei il vetro in auto, e comunque non mi riferivo alle resistenze, ma se si arroventano diventano pericolose, bisogna impedire che vadano a toccare qualcosa

gugli
03-11-2014, 18:42
ottima idea il teflon provo a cercarlo anche piatto da 2-3 cm,
e gli faccio intorno una cassetta aperta sopra e sotto,
poi il tubetto di vetro potrò anche toglierlo,
anche se in realtà è temperato ed è il suo originale.

per il toccare dato che il parabrezza è molto inclinato è davvero impegnativo arrivarci,
e non possono ne muoversi ne ruotare,
e poi diventano calde ma non rosse.

per la direzione aria:
quando è in direzione parabrezza in realtà esce anche da due bocchette
direzionate verso il vetri laterali .

io invece pesavo alla tua soluzione come equivalente al ricircolo,
è per questo che facevo il paragone ,
ma tu mi dici che non è così, quindi riscontri miglior efficacia....
in pratica pensandoci bene la tua soluzione è una via di mezzo,
riscaldi quella interna e immetti comunque dall'esterno,
io invece se metto ricircolo non immetto più niente e tende ad appannare,
non avevo considerato questa cosa....
ora vedrò, dopo il "contenimento", se con il freddo vero, durante i giorni di pioggia o neve,
non mi soddisfa, proverò con una serie di ventoline da pc aggiunte sotto, ne ho in giro diverse.

riccardo urciuoli
03-11-2014, 21:18
di solito comunque il ricircolo è modulabile, mica solo tutto o niente. Potrai provare in posizioni intermedie.

Il teflon è morbido, forse meglio usarlo molto sottile avvitato su un profilato metallico, vedi tu..

gugli
03-11-2014, 21:54
purtroppo il mio ricircolo è on off
ma se non mi soddisfa ho già un paio di ideuzze...
il problema sarà con temperature sotto lo zero......
ma prima vediamo...... con la carena e magari le ventoline
per il teflon devo vedere che spessore trovo se sto sui 2-3 mm penso abbia sufficiente resistenza meccanica
se sono fogli ovviamente devo fare come dici con una struttura portante

smart700
04-11-2014, 14:17
certo che io e te proprio normali non siamo....:cuore:

.................................................. ..
....


Altrimenti che soluzioni "fuori" dall'ordinario salterebbero fuori?:bye1:



Ciao
Smart700

gugli
04-11-2014, 20:56
per il teflon oggi ho trovato uno spezzone di foglio,
come fondo di magazzino,
50 x 30 cm 3 mm spessore a "soli" 15 euro
nel w-e vedo se riesco a fare la carena

riccardo urciuoli
04-11-2014, 21:07
avrai visto che è troppo morbido per avere funzioni strutturali... ricorda che non si incolla, devi fissarlo con viti, a meno che non esistano colle specifiche

gugli
04-11-2014, 21:17
si ho visto che è morbido ma non troppo (E' PROPRIO UNA SAPONETTA)
infatti pensavo di raddoppiare lo spessore
tanto ho materiale abbastanza
e stavo proprio pensando alle viti
(di colle mi diceva il venditore che non esistono)
e poi con in po di alluminio adesivo irrobustisco la situazione

riccardo urciuoli
04-12-2014, 13:37
Aggiornamento!

Durante le recenti pioggie avevo notato la potenza ancora scarsa, quindi ho modificato leggermente il "tubo Ricker".

Ora con lo switch posso scegliere tra velocità ventola ridotta e P=90W circa, e vel.max e P=130W. Direi che è il limite per non dover cambiare fusibile e cablaggi.

Lo schemone aggiornato è questo:
44025

In attesa del freddo vero (ma arriverà?) testato col cane bagnato e finestrini chiusi.
Tutti i vetri appannati, il parabrezza abbastanza pulito davanti al guidatore. Ho aumentato molto la quantità di fori...e ora devo aspettare il freddo!

gugli
27-12-2014, 23:19
Ho fatto qualche altra miglioria (seguendo i consigli di Riccardo sui materiali -teflon-),
ma ho preferito testarlo per un po di tempo prima di comunicarlo,
ora è decisamente più sicuro, e anche se discutibile esteticamente almeno non ci sono fili in giro, fili che ho raddoppiato per aumentare la sezione,
purtroppo il teflon è solo bianco,
ho aumentato la potenza fino ai 15A dell'accendisigari ora siamo sui 180W,
anche se poi sono andato a prendere alimentazione in scatola fusibili.
In pratica visto che il riscaldamento originale, oltre a essere voracissimo è anche lento,
se fai pochi km ora che è efficiente, sei arrivato.....,
quindi questo tiene pulito il vetro e stempera l'aria fredda dell'esterno,
se non è abbastanza, un colpetto di condizionatore, che è velocissimo, e consuma meno del riscaldamento (sempre per pulire i vetri),
se invece si prevede di fare sufficiente strada per fare arrivare a regime il riscaldamento e si ha bisogno di scaldare l'abitacolo ,
si può usare ovviamente il riscaldamento originale ma l'autonomia scende intorno ai 60-70km,
in questo caso i sedili riscaldabili della i-on sono una bella comodità! se la moglie fa la brava glieli compro l'anno prossimo:innamorato:
44455

jumpjack
10-07-2018, 11:01
Scusate ma a parte riscaldare... qualcuno ha mai provato a RAFFREDDARE una minicar elettrica? Trovato niente che funzioni a 12V?
La mia minicar i finestrini li ha!

Kappadeppolo
25-09-2018, 13:54
Salve a tutti, mi collego al post, visto che sto costruendo una bici carenata (ma questo è un altro discorso), che vorrei rinfrescare in estate visto il caldo afoso delle mie parti. L'idea è la seguente: pannello solare sul tettuccio (100 watt) da collegare a una cella di peltier opportunamente dissipata. Credo che riuscendo a lavorare bene sul delta t, si potrebbe riuscire ad abbassare la temperatura abitacolo (ben coibentato) anche di parecchi gradi. In alternativa: sfruttare il sole per far funzionare la cella di peltier, mettendo sul tettuccio il dissipatore (accumulatore di calore della cella) verniciato di nero e inscatolato con plexy trasparente. L'altro lato genererebbe aria fredda, con a supporto una ventola che fa (farebbe) circolare il fresco generato. Cosa ne pensate?

jumpjack
25-09-2018, 15:45
io il dissipatore lo metterei sotto alla carrozzeria all'ombra invece che sul tetto al sole.
Però le celle di peltier hanno un'efficienza risibile (4%), te ne serviranno una cinquantina!

riccardo urciuoli
03-02-2019, 21:39
aggiornamento!

Un po' in ritardo visto che l'inverno volge al termine...ma ho appena comprato una piccola stufetta a resistenza ceramica PTC e motore DC...500W a 230V.

Con poche modifiche dovrebbe essere l'ideale per scaldarsi utilizzando direttamente la tensione di batteria su auto come la mia Elettra, o su qualunque mezzo che abbia una tensione di batteria compresa tra circa 130-140 e 250V.

Farò prove e modifiche nei prossimi giorni...sperando non vada tutto a fuoco ahahahhhh

jumpjack
05-02-2019, 10:20
Con poche modifiche dovrebbe essere l'ideale per scaldarsi utilizzando direttamente la tensione di batteria su auto come la mia Elettra, o su qualunque mezzo che abbia una tensione di batteria compresa tra circa 130-140 e 250V.


guarda che le stufette a 230V vanno a corrente alternata, mica ci puoi attaccare una batteria da 230V:ci vuole un inverter da 800-1000W.

riccardo urciuoli
05-02-2019, 12:37
beh per "piccole modifiche" non intendevo certo attaccarci un inverter.... "guarda che" ne ho scelto un tipo particolare proprio perchè più facile da modificare

Qualche resistenza o poco più, al limite un mosfet usato come switch. Cmq ormai il freddo sta finendo, quindi ci lavorerò con calma più avanti e poi vi farò sapere l'esito

gugli
05-02-2019, 18:05
e sostituire la ventola con una 12 Vcc??

o addirittura metterlo in maniera da fruttare la ventilazione della macchina?

io la cosa che vedo critica è la gestione della tensione di trazione dentro l'abitacolo,
ma con le dovute accortezze (anche se non si dovrebbe fare) noi smanettoni .....

riccardo urciuoli
05-02-2019, 18:17
a dire il vero da anni ho la 230V che arriva su un semplice mammuth..in un angolo del cruscotto, ma cmq devo eliminarlo.

Pensavo di mettere una presa volante da 230V, che induce prudenza ed è isolata.

La stufetta che ho preso ha già la ventola in DC alimentata da un AC-DC, da valutare se lasciare il DC-DC o eliminarlo del tutto.

cmq penso che non renderò del tutto nota la modifica essendo una cosa pericolosa se fatta da dilettanti o da finti esperti ;-)