PDA

Visualizza la versione completa : Prove del PUMA 9000W ed acquisto collettivo



ccriss
08-11-2013, 21:15
Vi riporto il link ad un sito, purtroppo in lingua tedesca, interessante in cui si parla dello scooter Puma 9000W da 120kmh a prezzo direi abbastanza interessante. Con il traduttore si capisce relativamente bene, c'e' anche una prova del mezzo e per Germania ed Austria lo vendono acquistando almeno 8 scooter collettivamente. Il 9000W costa 5.500Euro iva compresa, ma c'e' anche il 6000W da 5.150.

Praxis Test PUMA (http://ev-puma.zukunftswerkstatt-verkehr.at/testbericht.html)

Qui le info, io non me lo posso permettere, ma a quel prezzo è un piu' potente concorrente del simil "Ghibli" con ben 28 celle da 50AH!! Peccato che siano in Germania,ma chissa' che non vendano anche in Italia, anche se la cosa si complicherebbe un po' per loro e per chi compra.

<tbody style="border: 0px; outline: 0px; vertical-align: baseline; list-style: none; line-height: 1.5em; margin: 0px; padding: 0px;">
Motore:

13 pollici motore hub con 9 kW



Batteria:

28 celle (90V) 50Ah di litio ferro fosfato batteria azienda CHL , proprietà speciale:resistenza interna molto bassa



Controller:

Controllo FOC , ad alta efficienza, reverse e il recupero dell'energia in frenata (recupero), Soft start (inizio turno, senza strappi)



Velocità:

120 chilometri all'ora ( le specifiche del produttore ) reale ca 110 kmh



Coppia:

fino a 250Nm a circa 150A



Capacità di arrampicata:

30% (stare ancora sulla montagna e Riaccostamento)



Gamma:

circa 100 km a guida moderata senza autostrada e guida in montagna



Freni:

semplici freni a disco a doppio pistoncino anteriore e posteriore



Caricabatterie:

1,5 kW , corrente di carica 15A , comprese quelle incorporate in, passiva BMS
Tempo di ricarica: 3,5 ore, 100% pieno



Peso:

Peso a vuoto: 182 kg - Peso massimo: 332 kg

</tbody>

paleoprog
10-11-2013, 12:33
è lo scooter che segnalavo tempo fa ... vedo che pensano di realizzare con qualche aggiustamento anche una versione del 6000w con batterie di capacità doppia 76v 100ah, diminuirebbe la capacità di carico, in pratica no passeggeri
peccato non si possa aderire a questa offerta, da noi come si sa non si potrebbe immatricolarlo

ccriss
10-11-2013, 13:23
Si ricordo che lo hai citato , la cosa interessante è la prova fatta, come anche i prezzi, considerato che l'acquistano direttamente dal fornitore Cinese. La variante che hai citato da 100AH lo renderebbe interessante per chi vuole delle percorrenze un po' piu' ampie. Il fatto è che speravo in prezzi piu' bassi vista l'organizzazione..

jumpjack
13-11-2013, 10:04
Vi riporto il link ad un sito, purtroppo in lingua tedesca, interessante in cui si parla dello scooter Puma 9000W da 120kmh a prezzo direi abbastanza interessante. Con il traduttore si capisce relativamente bene, c'e' anche una prova del mezzo e per Germania ed Austria lo vendono acquistando almeno 8 scooter collettivamente. Il 9000W costa 5.500Euro iva compresa, ma c'e' anche il 6000W da 5.150.

Praxis Test PUMA (http://ev-puma.zukunftswerkstatt-verkehr.at/testbericht.html)

Qui le info, io non me lo posso permettere, ma a quel prezzo è un piu' potente concorrente del simil "Ghibli" con ben 28 celle da 50AH!! Peccato che siano in Germania,ma chissa' che non vendano anche in Italia, anche se la cosa si complicherebbe un po' per loro e per chi compra.

Uno scooterone a 0,6 Euro/Watt??? Dov'è la fregatura?
Batterie da 50 e 100 Ah??? Notevole, in genere non se ne trovano da più di 40 Ah al litio. Anche qui, dove sarà la fregatura??


è lo scooter che segnalavo tempo fa ... vedo che pensano di realizzare con qualche aggiustamento anche una versione del 6000w con batterie di capacità doppia 76v 100ah, diminuirebbe la capacità di carico, in pratica no passeggeri
peccato non si possa aderire a questa offerta, da noi come si sa non si potrebbe immatricolarlo
Forse sì: essendo un grosso importatore europeo, forse li omologa lui per l'europa, e una volta che hai l'omologazione europea non c'è problema ad avere immatricolazione italiana, credo. No?

paleoprog
13-11-2013, 17:04
no Jumpjack

se ti ricordi ne parlammo tempo fa

tutti gli scooter cinesi in pratica hanno l'omologazione europea, la fanno direttamente loro in Gran Bretagna dove è più facile e meno costoso appena il loro prodotto è definito, ma per immatricolarlo qui devono avere un diciamo 'rappresentante' con partita iva italiana iscritto alla Motorizzazione

ci vuole un volontario :)

jumpjack
14-11-2013, 08:07
Non mi sembra che avessimo detto così... è l'omologazione che è un casino, ma una volta che ce l'hai e la puoi dimostrare col CoC, devono immatricolartelo per forza! Che c'entra la partita iva? Solo che i cinesi il CoC non te lo danno, magari questi sì. Anzi, ora glielo chiedo.

paleoprog
14-11-2013, 08:30
Jumpjack, ti intendi di questioni tecniche ma sul burocratico annaspi :)

ripeto

TUTTI gli scooter cinesi sono già omologati per l'Europa dal costruttore, nel caso del modello di questo thread 9000w Real Maxi Size Electric Scooter - Buy Scooter,Motorcycles,Electric Motorcycle Product on Alibaba.com (http://www.alibaba.com/product-gs/1437258563/9000W_real_maxi_size_electric_scooter.html) ti hanno messo tra le immagini della pagina pure una foto dove si legge il numero di omologazione europea e13*2002/24*0591*00

in Italia NON è consentito ad un privato di immatricolare un veicolo nuovo di fabbrica, un privato qui per la MTC deve morire

lo puoi comprare da quei tipi in Austria da un precedente proprietario austriaco e portarlo in Italia come usato

vedo comunque, tra i nomi commerciali, che forse la lukas-two lo importerà da noi ... ovviamente, come al solito, al doppio del prezzo che lo paga

jumpjack
14-11-2013, 08:54
in Italia NON è consentito ad un privato di immatricolare un veicolo nuovo di fabbrica, un privato qui per la MTC deve morire

Se è vero... dev'essere scritto da qualche parte, perchè è troppo strano!

paleoprog
14-11-2013, 08:59
devi avere partita iva, essere riconosciuto dal produttore, iscriverti in MTC come importatore

rassegnati

jumpjack
14-11-2013, 12:46
rassegnati
Mai. :-)

Norme generali per richiedere l'Immatricolazione di Veicoli provenienti da Stati esteri (http://www.dgtnordovest.it/joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=70%3Anorme-generali-per-richiedere-limmatricolazione-di-veicoli-provenienti-da-stati-esteri-&catid=29%3Aveicoli&Itemid=37)


Per quanto attiene la documentazione fiscale da produrre a corredo dell’istanza di immatricolazione, occorre distinguere le seguenti due situazioni:

a) acquisti intracomunitari di veicoli nuovi od usati (motoveicoli, autoveicoli e loro rimorchi), provenienti da Stati della U.E. o aderenti allo spazio economico europeo, attraverso soggetti operanti nell’esercizio di imprese, arti e professioni ai sensi dell’art. 38 del D.L. 30 agosto 1993 n. 331 (importatori, anche non ufficiali, soggetti ad IVA);

b) acquisti intracomunitari di veicoli nuovi od usati effettuati direttamente da importatori non soggetti IVA (soggetto privato o società avente scopi diversi dalla importazione o commercializzazione di veicoli ).

Nel primo caso, caso a), gli importatori comunicano per via telematica e secondo le procedure di cui al Decreto Dirigenziale 30 ottobre 2007 (G.U. n. 278 del 29/11/2007), i dati relativi al veicolo oggetto di acquisto intracomunitario. In questo caso al richiedente l’immatricolazione non è più richiesta la produzione di alcuna documentazione fiscale, nemmeno sotto forma di autocertificazione, essendo sufficiente la verifica che nel sistema informativo del Dipartimento dei trasporti terrestri risulti confermato il dato.

Per i veicoli importati dai soggetti di cui al caso b), il richiedente l’immatricolazione dovrà produrre, nel rispetto dei principi e delle modalità contenute nel D.P.R. n. 445/2000, una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà attestante:


la denominazione e codice fiscale o partita IVA dell’operatore (estero) dal quale il proprietario ha acquistato il veicolo;
il numero di telaio, la fabbrica [??? :preoccupato:] e il tipo del veicolo;
la targa del veicolo (se già immatricolato in ambito europeo);



ovvero

la dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà resa dall’ importatore non soggetto IVA , che ha effettuato l’acquisto intracomunitario, attestante:


il proprio codice fiscale;
l’avvenuto assolvimento degli obblighi IVA mediante versamento con modello F24 ( tale dichiarazione è dovuta anche nel caso in cui l’interessato non abbia effettuato alcun versamento IVA perché non dovuta);
il numero di telaio, la fabbrica e il tipo del veicolo;
la targa del veicolo (se già immatricolato in ambito europeo);
il numero e la data della fattura dell’acquisto intracomunitario o la data dell’acquisto se il cedente estero non è un soggetto IVA;
se il veicolo ha percorso più o meno di 6.000 km

.


Abbiamo trovato una scappatoia??
:spettacolo:

paleoprog
14-11-2013, 14:09
tenace Jumpjack :)

guarda, ora non ricordo perfettamente, è passato del tempo da quando mi documentai, mi par di ricordare che, nel caso in questione, potresti pure comprare dall'austriaco (non so chi sono, poi devi portare il mezzo dall'Austria a casa tua, costa meno dalla Cina a Civitavecchia) ma poi ti rompono le scatole, per immatricolarlo qui ti dicono che DEVI fare una traduzione asseverata della documentazione che ti forniscono scritta in crucco ... te costa de più

forse mi sbaglio, credo di no ... io preferisco un'anima pia che si sacrifica qui in Italia e diventa l'importatore italiano dal produttore cinese, come ho già scritto forse fra un pò avremo notizie dalla lukas-two ...

puoi provare da un importatore parallelo a Roma, possibilmente uno capace e serio, chiedi se ti importano il mezzo direttamente dalla Cina, magari se c'è qualcun altro interessato potrebbero farlo