PDA

Visualizza la versione completa : Info installazione caldaia pellet al primo piano



Eve
17-02-2015, 15:11
Buongiorno a tutti!
Vi leggo da parecchi anni e ho spesso trovato informazioni utilissime. Desidero ringraziarvi tutti per questo utilissimo forum!
Abito in provincia di Novara, zona lago Maggiore, in una vecchia casa di pietra con contromuro in mattone e intercapedine insufflata con schiuma espansa, serramenti in legno e doppi vetri con argon, tetto parzialmente isolato. La casa è esposta su tre lati e per un lato è accostata a un vano scala aperto. È su due piani, e l'attuale caldaia a gas si trova nel bagno di servizio al piano terra. Locale in cui ci sono tutti i collegamenti, ovviamente, per l'acqua sanitaria e l'impianto di riscaldamento.
Ora la mia domanda da "profana":
abbiamo finalmente deciso di sostituire la caldaia a gas (ormai fuori norma) con una caldaia a pellet tipo idro salvaspazio Laminox per il solo riscaldamento con caloriferi (in ghisa).
Per l'acqua calda sanitaria installeremo un boiler elettrico.
Secondo le vostre competenze e conoscenze è possibile installare questa nuova caldaia al primo piano? Quindi non al piano terra dove si trova la vecchia caldaia?
La posizione sarebbe particolarmente comoda, avendo già una canna fumaria (in acciaio) installata e la vicinanza di un calorifero, quindi i tubi dell'impianto di riscaldamento.
Il mio dubbio è che possa funzionare correttamente la circolazione dell'acqua di riscaldamento dall'"alto verso il basso" invertendo praticamente la direzione di circolazione attuale.
Preciso che ci scaldiamo principalmente con una cucina a legna, posizionata in cucina.
La caldaia serve solo per avere la casa calda al mattino, quando ci alziamo, e durante il fine settimana se non siamo a casa. Per questo motivo siamo orientati al pellet e non a una soluzione legna/pellet.
Ringrazio in anticipo se qualcuno sarà così cortese da rispondere!
Eve

Dott Nord Est
17-02-2015, 15:13
curiosità.......
perchè fai acs elettrica quando hai una caldaia a pellet?

Eve
17-02-2015, 15:44
Perché voglio una caldaia "modello base" più semplice possibile e di prezzo contenuto all'acquisto.
Avendo una casa in sasso che in estate (anche nelle estati più calde) non supera mai i 28°C non voglio una fiamma fonte di calore accesa, appunto in estate.
Ho il boiler elettrico nella baita in montagna e mi trovo bene, il costo è contenuto e l'acqua calda arriva subito al rubinetto.
A casa, con la caldaia a gas, butto via tanti litri di acqua, prima che arriva l'acqua calda al rubinetto.
Inoltre, se fosse possibile installare la caldaia a pellet al primo piano, in un corridoio, non ho gli allacciamenti per l'acqua sanitaria vicini.
Spero di averti risposto:)
Ciao!
Eve

Dott Nord Est
17-02-2015, 15:52
cosa intendi per "prezzo contenuto" ?

FaGa86
17-02-2015, 16:00
Non ha senso collegare la stufa idro ad un termosifone ma per una corretta installazione devi collegarla sempre al collettore di distribuzione.

Eve
17-02-2015, 16:27
Devo togliere la caldaia a gas e non ho un collettore di distribuzione, i caloriferi sono in linea.
Per il Dott Nord Est: per prezzo contenuto intendo una cifra non superiore ai 2.500 euro.
Grazie!
Eve

Dott Nord Est
17-02-2015, 16:28
2500 installata compreso di espansione, circolatori, sicurezze, ecc ecc?

Eve
18-02-2015, 08:15
Vi ringrazio per le vostre risposte.
Il modello di caldaia a pellet scelto ha un costo inferiore alle 2500 euro, è un sistema già "finito", una pompa di circolazione e i vari raccordi necessari sono già calcolati in un preventivo approssimativo a parte da parte dell'idraulico che eseguirà l'installazione. Questo tipo di caldaia è relativamente leggera, pesa solo 95 kg ed è piatta, profonda solo 29 cm. Si tratta di un modello studiato appositamente per essere posizionato in corridoi.
Non ho intenzione di mettere un puffer dato che la caldaia resterà accesa per massimo tre ore al giorno, visto che di abitudine utilizziamo la stufa a legna posizionata in cucina e più che sufficiente per mantenere in temperatura tutta la casa.
La caldaia mi serve solo per riportare rapidamente e uniformemente in temperatura tutta la casa, al mattino. (Di notte, essendo la casa abbastanza ben isolata, la temperatura non scende mai sotto i 16 - 18 gradi, anche se le temperature esterne sono inferiori a zero.) Inoltre resterà accesa per il tempo necessario durante i fine settimana per mantenere una temperatura adeguata durante la nostra assenza (20 gradi circa).
In questo forum ho trovato soluzioni geniali per il ricupero di calore e altri sistemi ingegnosi da parte di persone con una grande inventiva e voglia di sperimentare.
La mia domanda è semplicemente:
non avendo un collettore dato che l'impianto è vecchio, con i caloriferi in ghisa collegati in linea, posso collegare una caldaia a pellet all'ingresso/uscita di un calorifero? Togliendo il calorifero, ovviamente. Inoltre: è possibile/sensato installare la caldaia al primo piano, quindi con la circolazione dell'acqua in senso opposto a quanto avviene ora con la caldaia a gas posizionata invece al piano terra?
Ringrazio chiunque voglia darmi una risposta:-)
Eve