PDA

Visualizza la versione completa : Alcuni punti essenziali



Franco52
19-04-2015, 17:00
Per salvare il capitalismo dalla crisi occorre investire in ricerche innovative parte del ricavato della vendita dei titoli di stato,
altrimenti non se ne esce: è l'unico modo per CREARE ricchezza....

Potremmo benissimo collocare gli immigrati nei paesi abbandonati a coltivare i terreni dismessi....

Io lavoro in sanità e vi assicuro che gli infermieri sono pagati pochissimo per il lavoro che fanno che è pericoloso, importantissimo e pesante,
invece che 1.500 euro dovrebbero prenderne 3.000....

Darei pure 3.000 euro agli Amministratori Delegati, invece che milioni....

miradoc
20-04-2015, 11:13
Come darti torto, a proposito del lavoro degli infermieri. Per il resto, non credi che il "capitalismo" abbia come ragione d'essere il guadagno, vale a dire l'aumento di valore del "capitale"? Non esiste alcuna etica né considerazione sociale in esse, se non in funzione dello scopo dichiarato di guadagnare. Quindi è ingenuo pensare che i "capitalisti" facciano spontaneamente il bene collettivo. Né sono convinto che il capitalismo vada salvato, visto che esso produce bisogni artificiali per poter soddisfare i quali stiamo esaurendo le risorse del pianeta e provocando sempre maggiori divisioni tra chi può permetterselo e chi può solo sbavare con la pancia vuota. Quanto poi agli immigrati, se non riusciamo neppure ad essere efficaci nell'impedire che bande criminali mandino allo sbaraglio in mare tanta gente a 200 km dalle nostre coste, significa che non abbiamo le istituzioni per fare quel che sarebbe giusto, ma possiamo solo fare chiacchiere.

Franco52
20-04-2015, 13:40
Si, ma se crolla il capitalismo, affondiamo tutti....

teoria del tutto
20-04-2015, 14:50
Scusate se mi intrometto. Per superare la crisi serve si ricerca,ma la ricerca e' al giorno d'oggi cio' che accentua i divari.ricerca significa velocita nel fare,se io sono piu veloce tu perdi e sei povero.bisognerebbe impostare dei limiti di velocita ma nessuno li rispetta.il signore arrivo a tempo debito,quando era da poco che nasceva la moneta o meglio pochi ne faccevano uso e li si poteva cambiare.comunque il discorso e' il solito se io sto bene altri stanno male,questa e' economia.solo se si tornasse al baratto si andrebbe meglio,ora si vende cio' che non esiste.faccio un'assicurazione se mi faro' male,ma fino a quando non mi faccio male compro cio' che non esiste.compro azioni perche' l'azienda produrra ma non ha ancora prodotto.ecc..non contesto il loro scopo ma il fatto che porto via soldi al'economia reale.tu mi dai un mattone io ti do' un bicchiere ecc.vogliamo rendere il mondo libero a tutti? Allora dobbiamo essere tutti poveri.come diceva il signore.oppure torniamo alle frontiere.se vogliamo che la grecia stia con l'europa diamo alla grecia le stesse possibilita di un tedesco.vogliamo che i barconi non partino diamo le stesse possibilita di un tedesco.ogni stato e ogni famiglia e' come una bilacia quando le bilance sono allo stesso livello avremo raggiunto la teoria economica del signore.

Franco52
20-04-2015, 16:15
teoria del tutto, io per ricerca intendo quella non tradizionale:

macchine free energy, propulsione non newtoniana, valvole antisismiche di Ighina, motori ad energia negativa, ecc.

teoria del tutto
21-04-2015, 14:14
Io dovrei essere l'ultimo a parlare perche' punto a tecniche che utilizzano la luce e quindi i trecento mila km al secondo,per superare la corrente.in teoria supereremmo in volata altri stati.ma se funzionassero le mie idee altri punterebbero piu in'alto,e sempre si corre e chi si ferma nella nostra economia ha un posto su un barcone o attaccato sotto un camion,ecc..ogni conoscienza in piu e' un passo avanti al'altro.il signore diceva i primi saranno gli ultimi,io penso che intendesse se tutti ci aiutassimo nelle difficolta,quindi intendo tutti devono pensarla allo stesso modo,se io resto indietro tu mi aiuti e se dopo che ti.ho aiutato mi sorpassi mi aspetti o mi dai una mano a correre insieme. Il capitalismo sarebbe che se la mie idee fossero giuste le tengo per me le.sviluppo ci faccio miliardi e porto via denaro ad altri che non stanno al mio passo e prima o poi qualcuno muore nella corsa.le formiche si aiutano tra loro ma se un nemico si avvicina e' guerra.noi ci aiutiamo solo in guerra e fuori da quella facciamo guerra tra noi.se tutti fossimo poveri e tutti ci aiutassimo nel bene e nel male non esisterebbero i mille problemi.ma il problema e' chi inizia? La crsi e' la mancanza di fiducia nel prossimo cio significa che non siamo pronti.

Franco52
21-04-2015, 14:37
teoria del tutto, siamo a rischio estinzione, quindi bisogna fare presto;
occorre dare ideali nuovi all'umanità! per esempio la colonizzazione dello spazio....

miradoc
21-04-2015, 17:17
Per parafrasare il compianto Steve: "restate inca....i ed affamati", ma c'è un limite oltre il quale si tratta solo di sogni, mentre noi abbiamo bisogno di realtà e di solidarietà "possibile", non sovrumana. Esiste una strada lunga e difficile da percorrere, ognuno per quello che gli compete, senza scomodare improbabili nuove leggi della fisica o mondi alieni.
E' una strada di chi non chiude la porta di fronte ai drammi solo perché se ne verificano ogni giorno, la strada di chi non si aspetta che siano altri a prendere le "gravi decisioni" che salveranno questo nostro piccolo modo, ma fa la sua piccola parte ogni giorno, cercando di diffondere, oltre che un esempio di comportamento sostenibile, anche un messaggio di fiducia nel futuro.

experimentator
22-04-2015, 08:32
teoria del tutto, io per ricerca intendo quella non tradizionale:

macchine free energy, propulsione non newtoniana, valvole antisismiche di Ighina, motori ad energia negativa, ecc.


Allora se vorresti salvare il mondo con questa forma di energia siamo proprio messi male .

Cioè significa sprofondare ancora di più l'umanità nel baratro su energie inesistenti .

Franco52
22-04-2015, 18:02
I governanti dovrebbero scendere in strada per toccare con mano i bisogni della gente....

experimentator
23-04-2015, 11:34
Franco ma questo cosa c'entra con le energie ?

Se volgiamo parlare di morale , parliamo che è immorale che ci siano pochi ricchissimi e tanti poverissimi .

Che la ricchezza è distribuita in maniera troppo concentrata nelle mani di pochi è vero . IO auspicherei una ridistribuzione della ricchezza a più persone partendo dai ceti più bassi .

Ma inventandosi delle energie alternative non reali, ma immaginarie non si arricchisce nessuno , ma si impoverisce .

Ciao.