PDA

Visualizza la versione completa : caldaia pellet 150 kw



Ray
02-05-2015, 20:29
Potreste indicarmi alcune marche di caldaie a pellet di circa 150 Kw di potenza? Nel forum sono descritti molti modelli ma sempre di potenza media. Come tutti vorrei contenere il più possibile i costi ma cercare comunque qualcosa di affidabile e che non richieda interventi di pulizia manuale troppo frequenti.

Vi ringrazio

Dott Nord Est
02-05-2015, 20:51
e su che cifre vorresti stare ?

Ray
02-05-2015, 21:30
La più economica che ho visto per quella potenza, tra i pochissimi listini che ho trovato, si aggira sui 15.000 € + iva. Non conosco lo sconto sul listino. La pulizia però sembra totalmente manuale. Comunque preferirei investire 2-3000 € in più per l'automazione della pulizia.

Dott Nord Est
02-05-2015, 22:56
ma cosa devi scaldare ?

Ray
02-05-2015, 23:12
Sono principalmente uffici. Ventilconvettori in funzione per 8-9 ore al giorno 5 giorni a settimana da settembre a aprile. Sostituirebbero delle caldaie a gpl da 180 kw che resterebbero per le emergenze.

Dott Nord Est
03-05-2015, 07:54
intendevo dire per quanti mt e in che tipo di struttura. (meglio ancora sarebbe sapere il tuo consumo attuale in lt, suddiviso nei vari periodi)
sai, se hai 180 kw a gpl diretta, a biomassa con il giusto impianto te ne servono molti meno (ancor meglio per l'utilizzo che hai descritto tu)
anzi, potresti rimanere sotto i fatidici 100 kw per evitare vigili del fuoco e annessi. Abbiamo fatto moltissimi impianti con situazioni simili.

Ray
03-05-2015, 10:29
I consumi medi degli ultimi anni si aggirano sui 7.000-9.000 litri di gpl all'anno. Nei mesi da dicembre a febbraio il consumo è di circa 1.600 litri al mese.
Che problemi porterebbe superare i 100 KW? volendo mantenere le caldaie esistenti non verrebbero comunque superati?

FaGa86
03-05-2015, 10:50
Ma come la alimenteresti? Hai un locale attiguo per un carico di un autobotte di pellet (quella pneumatica)? Se mantieni le altre caldaie in soccorso sicuramente superi i 116 kw. Tanto avrai già il CPI e quindi andrebbe solo aggiornato. Hai spazio per accumulo? Perché una caldaia di quelle dimensioni la alimenti o con aspirazione oppure con balestra a molle da locale attiguo.

Dott Nord Est
03-05-2015, 10:52
ray, a te bastano 70/80 kw
se vuoi sapere come, chiamami così ti spiego tutto

biomassoso
03-05-2015, 11:54
Nei mesi da dicembre a febbraio il consumo è di circa 1.600 litri al mese

lo paghi a litri o kg? poi sei in zona non servita da metanodotto?

con pellet se puoi mettere già un grande accumulo inerziale di acqua calda te la cavi con potenze molto più basse, ma in primis come dice FaGa devi vederti TUTTA la logistica e spazio per deposito-alimentazione ecc.... la PENTOLA viene dopo

Gpl ad uso riscaldamento: calano i consumi e si preferiscono le alternative | QualEnergia.it (http://www.qualenergia.it/articoli/20150313-gpl-ad-uso-riscaldamento-calano-i-consumi-e-si-preferiscono-le-alternative)

Ray
03-05-2015, 12:25
Per il deposito avremmo una stanza attigua alla centrale 3 x 2 metri. Attualmente è un ripostiglio quindi andrebbe riadattato. Sempre in un ottica di contenimento della spesa converrebbe una soluzione "a sacco" o fare gli interventi edili necessari per convertire tutta la stanza a deposito pellet?

Ray
03-05-2015, 12:27
lo paghi a litri o kg? poi sei in zona non servita da metanodotto?



i gpl è pagato a litri. La zona non è servita dal metanodotto.

Dott Nord Est
03-05-2015, 13:24
il consumo sarebbe nei mesi più freddi di 100/120 kg al giorno, una sciocchezza gestirli

FaGa86
03-05-2015, 13:34
Per il deposito avremmo una stanza attigua alla centrale 3 x 2 metri. Attualmente è un ripostiglio quindi andrebbe riadattato. Sempre in un ottica di contenimento della spesa converrebbe una soluzione "a sacco" o fare gli interventi edili necessari per convertire tutta la stanza a deposito pellet? A mio avviso una stanza 3x2 è un po piccola come deposito. E un silos a sacco deve essere bello capiente. Ricordati che più spendi all'inizio e meno spenderai in futuro soprattutto con caldaie di una certa potenza. Ma hai un budget di spesa per tutto l'impianto?

Dott Nord Est
03-05-2015, 13:38
su una stanza del genere, con silo a sacco, ci stanno 50 ql, sufficienti per due mesi, con un costo irrisorio.

biomassoso
03-05-2015, 14:00
gpl è pagato a litri

PCI di UN litro di GPL sono 6,4 kWh

1.600 litri mese bruciati sviluppano 10.240 kWh : 4,88 kWh (PCI kg/pellet) = 2.098 kg/mese = un paio di bancali

ora devi solo scegliere in quante ore/giorno e per quanti giorni in quel mese vuoi bruciare le 2 ton, e poi...

una caldaia da 150 kW si dovrebbe mangiare anche solo all'80% della sua potenza almeno 25 kg/ora :bored: quindi o c'è qualcosa che non quaglia o ti conviene rifare i calcoli

Dott Nord Est
03-05-2015, 14:10
appunto, serve MOLTA meno potenza....

Ray
03-05-2015, 14:36
PCI di UN litro di GPL sono 6,4 kWh

1.600 litri mese bruciati sviluppano 10.240 kWh : 4,88 kWh (PCI kg/pellet) = 2.098 kg/mese = un paio di bancali

ora devi solo scegliere in quante ore/giorno e per quanti giorni in quel mese vuoi bruciare le 2 ton, e poi...

---quindi o c'è qualcosa che non quaglia o ti conviene rifare i calcoli

Avete sicuramente ragione. Partivo semplicemente dalla potenza delle caldaie a gpl attuali. Quello che mi preoccupa è che sono stati inverni relativamente miti. Se dovessimo aver bisogno di maggiore potenza o fossero occupate alcune stanze non utilizzate in questo momento, non converrebbe avere una caldaia più potente?

Dott Nord Est
03-05-2015, 14:47
assolutamente no, infatti tu usi solo per 8/9 ore al giorno.
nelle restanti, puoi accumulare.

scresan
03-05-2015, 15:17
..... e pensare ad una PDC aria-acqua di tipo industriale collegata all' impianto (fatti fare un paio di preventivi..... hanno costo in proporzione al residenziale molto piu' convenienti) termico, lasciando l' attuale caldaia a gpl per le emergenze?

Zero problemi di spazio per il magazzino, costi kwh simili per il combustibile, niente pulizia e smaltimento ceneri, ottime rese con temperature miti esterne con le pdc, nei giorni a - 10 vai a gpl, in estate anche raffreschi !!

In futuro puoi sempre pensare al fotovoltaico come ulteriore investimento......

Direi che prima di decidere c'è da ragionarci su!

Dott Nord Est
03-05-2015, 15:22
scresan, quanto gli costa un kw di calore prodotto dalla pompa di calore ?
come minimo gli serve una pompa da 60/80 kw (a che costo? meglio non dirglielo, altrimenti gli viene un'infarto...)
tieni inoltre presente che ha fancoill, non impianto a pavimento, quindi la T° di esercizio è alta per una pompa
attenzione, vanno considerati tutti i punti, non solo la parola "pompa di calore".....

Ray
03-05-2015, 15:25
Volendo sostituire anche una caldaia a gpl da 55 kw in un edificio vicino, con un consumo di 1100 litri al mese di gpl, dovrei quindi seguire il calcolo indicato da biomassoso:

1.100 litri x 6,4 kwh = 7.040 kwh
7.040 kwh : 4,88 kwh = 1.443 kg di pellet al mese

Secondo voi conviene installare una ulteriore caldaia a pellet + sacco in questo edificio o installare un'unica caldaia per i due edifici, magari un 120 kw, e collegare il secondo edificio con delle tubazioni interrate, circa 60 metri, e uno scambiatore di calore?

In pratica meglio due caldaie 70 kw + 45 kw e relativi depositi in tessuto per pellet o una caldaia da 120 kw con deposito in tessuto e una microrete di teleriscaldamento?

Dott Nord Est
03-05-2015, 15:29
con una sola da 80 kw scaldi tutto e ne avanzi.....
poi vedi tu, io ti sto solo consigliando in via generale... i soldi sono tuoi
cmnq se devi fare 60 mt di interrato, andata e ritorno, non ti conviene assolutamente

scresan
03-05-2015, 15:45
..... Dott. eppure dalle mie parti (fa spesso freddino!) ormai lo fanno sempre piu' spesso.

Una pdc ha una resa molto buona se viene utilizzata con dei fancoil, di giorno e con l' assistenza della attuale caldaia a gpl che potrebbe entrare in azione in sola supplenza (al mattino ad esempio) o in giornate molto fredde.

I costi kwh sono molto molto vicini. Gli spazi impiantistici sono zero, in quanto questo tipo di pdc vengono installate all' esterno.

9000 lt x 6,5 kw= 58500 kwh x 90% = 53000 kwh circa / 4= 13-14000 kwh elettrici all' anno / 180 gg (freddi) = 78 kwh/gg

Diciamo che i consumi potrebbero essere di 10 kw all' ora di media, con picchi 20 kw.

A me non pare che serva una pdc industriale molto grossa, considerato anche che ha già in essere un impianto a gpl che vulole mantenere per emergenza.

Ripeto tutte considerazioni che vanno fatte e pesate con in mano un po' di preventivi!

Ray
03-05-2015, 16:04
cmnq se devi fare 60 mt di interrato, andata e ritorno, non ti conviene assolutamente

A spanne fornitura e posa di 60 metri + scambiatore quanto potrebbe costare (scavo e ripristino potrei farli con spesa minima)?

Ray
03-05-2015, 16:11
..... Dott. eppure dalle mie parti (fa spesso freddino!) ormai lo fanno sempre piu' spesso.



9000 lt x 6,5 kw= 58500 kwh x 90% = 53000 kwh circa / 4= 13-14000 kwh elettrici all' anno / 180 gg (freddi) = 78 kwh/gg

Diciamo che i consumi potrebbero essere di 10 kw all' ora di media, con picchi 20 kw.



Ciao scresan. Potresti spiegarmi come sia possibile passare da una potenza di 80 Kw a pellet ai 10 kw elettrici? hai qualche link per degli esempi?

marcober
03-05-2015, 16:41
scresan..un cop stagionale 4 su macchine grandi e abbinate a fancoil mi pare difficile...e se gli dici di andare a gl col fredo vero, alla fine una buona parte del vosto resta a gpl, MA hai comunque dovuto investire in pdc..ala fine mi sa che torno a spendere quello che spendevi prma.

Comuqnue quando si è davanti ad uffici, per avere un costo di gestione contenuto, occorre prevedere di farli freddare nei we..nei ponti..ma anche di notte..ma avendo poii la potenza per riscaldarli in pochi minuti (almeno l'aria), con FC che a T medio alte pososno spesso erogare 4 kw di potenza.

LA pdc (ma anche la biomassa) richiede invece apporcci diversi..la prima di un riscaldamento piu costante nele 24 ore e nei vari giorni, causa impossibilita di avere elevate potenze istantanee...la seconda anche, sebbene con questa sia la modulazione che un generoso accumulo possano renderla piu applicabile

Per fare un 'analisi occorre intanto conoscere il costo dei carburanti. Qui non siamo nel caso residenziale monofamiliare..quindi bisogna sapere i prezzi iva esclusa:
- del gpl..no idea.
- dell'energia elettrica..presumo attorno a 0,18 euro al kw
- del pellet in cisterna...

E comunque non è da sottovalutare la necessita di raffrescare, come dici tu...e capire coem è oggi risolta..e se necesita di investimenti a breve..in tal caso le due cose vanno valutate in paralleo.

Segnalo anche 2 cose:
- ci sono servizi di distribuzione Metano in cisterne che , mi dicono , sono piu conveninete del gpl
- non sarei sopreso che la soluzione migliore ala sostituzione dela caldaia gpl fosse una pdc a gpl..che abbatte del 30-40% il consumo di gas..e eprmete di afre anche il freddo con la stessa macchina e senza fisso elettrico elevato.

Ray
03-05-2015, 17:16
Comuqnue quando si è davanti ad uffici, per avere un costo di gestione contenuto, occorre prevedere di farli freddare nei we..nei ponti..ma anche di notte..ma avendo poii la potenza per riscaldarli in pochi minuti (almeno l'aria), con FC che a T medio alte pososno spesso erogare 4 kw di potenza.


Confermo. In particolare gli stessi uffici con termosifoni, anche avviando il riscaldamento ore prima degli ingressi, faticavano a raggiungere i 20 gradi, complice l'edificio anni 60 e il via vai di persone. Passando a ventilconvettori accesi solo nell'orario di utilizzo si raggiunge senza problemi la temperatura richiesta dagli utilizzatori.



LA pdc (ma anche la biomassa) richiede invece apporcci diversi..la prima di un riscaldamento piu costante nele 24 ore e nei vari giorni, causa impossibilita di avere elevate potenze istantanee...la seconda anche, sebbene con questa sia la modulazione che un generoso accumulo possano renderla piu applicabile


Il mio dubbio è che il "generoso accumulo" e la relativa installazione possa costare più della differenza di prezzo tra una caldaia X e la stessa con qualche kw in più di potenza.



Per fare un 'analisi occorre intanto conoscere il costo dei carburanti. Qui non siamo nel caso residenziale monofamiliare..quindi bisogna sapere i prezzi iva esclusa:
- del gpl..no idea.
- dell'energia elettrica..presumo attorno a 0,18 euro al kw
- del pellet in cisterna...


- gpl 0,97 €/litro ivato
- pellet in cisterna ... non saprei? Nei prossimi giorni sento una segheria a una ventina di km che produce pellet certificato A1 100% abete.

scresan
03-05-2015, 17:31
Ray la risposta sta nei tuoi consumi, che oltretutto sembrano sproporzionati (piccoli) rispetto alla tua caldaia.

Se in 1 anno consumi solo 10000 lt di gpl, non credo tu abbia picchi di 150 kwh di assorbimento, se non per i primi 3 minuti di accensione della caldaia.

A casa mia i tuoi consumi / anno quasi li faccio con una caldaia a triti da 25 kw.

Secondo me potresti utilizzare un sistema ibrido, mantenendo la tua attuale caldaia a gpl con funzioni di start mattutino (primi 30 minuti) per fare poi il mantenimento con una pdc aria/acqua da 10 kw elettrici (che utilizzata di giorno e nel 80-90 %del funzionamento avrà un cop ottimale di 3-4 cioè produrrà 30-40 kwh termici).

Ad occhio, senza volermi sostituire ad un termotecnico professionista, ma solo per dare una visione diversa di quello che si puo' fare oggi con le diverse tecnologie a disposizione!! credo che ridurrai i consumi di gpl di un buon 80 %.

Non ti basta...... ne aggiungi un' altra da altri 10 kw! Vuoi il massimo, ottimizzi il tutto con una centralina di controllo che tiene conto della T esterna e dell' umidità dell' aria in modo da limitare il funzionamento della pdc quando sussistono 2 condizioni ottimali:

1- T aria esterna superiore ai 7 gradi

o

2- T aria esterna sotto i 7 gradi, ma umidità dell'aria sotto il 30 % ( o quanto serve tenendo conto delle caratteristiche della pdc)

Dott Nord Est
03-05-2015, 17:43
53000 kwh circa / 4= 13-14000 kwh elettrici all' anno / 180 gg (freddi) = 78 kwh/gg

Diciamo che i consumi potrebbero essere di 10 kw all' ora di media, con picchi 20 kw.



un rapporto 1/4 su PDC è un pò azzardato.... moltoooooooooo azzardato....
se fosse 1/3 sarebbe già buono.

per il discorso spazi, non è vero che sono pari allo zero: serve infatti un'accumulo dimensionato.



x RAY: ma tu di dove sei ?

Ray
03-05-2015, 17:49
Provincia di Brescia.

Dott Nord Est
03-05-2015, 17:52
neppure lontani


x Scresan: dimenticavo, ogni volta che interviene il gpl in aiuto, è come ricevere una cambiale, ricordalo.... meglio evitarlo come la peste.
Per arrivare a una COP di 4 e più, serve impianto perfetto. Inoltre, difficile andare sopra i 50/55°, quindi per usare fancoil negli spunti serve molto accumulo

x RAY: hai elettricità a 220 o anche 380 ?

marcober
03-05-2015, 17:58
iva 10 o 22% sul gpl?
se fosse 22%, il kwh termico ti costa crca 12 cts cad.
Se come penso paghi EE 0,18 (senza iva), e riuscissi ad avere cop medio 2,5, paagheresti il kwh termnico da pdc 7 cts..con un risaprmio di 5 cts a kwh..che per 60.000 kwh anno sarebbero 3.000 euro..forse un pò pochini per l'investimento che potrebe essere necessario.

Il pellet potrebbe costarti 5 cts al kwh termico..sarebebro 4000 euro anno..da valutare.

un risaprmio simile e cioè 30% /40% di 9000 euro di gpl lo potresti avere usando una pdc a gpl...

Ovviamnete il 65% della spesa è detraibile per tutti e tre i casi..ma SOLO se hai un Utile IRES nei prossimi 10 anni

FaGa86
03-05-2015, 19:34
Scusami Ray ma non hai un calcolo termotecnico di richiesta termica? Mi sembra che tu stia un po partendo al contrario. Dovresti prima partire con uno studio termotecnico con richiesta termica, magari con un calcolo dei consumi; poi un progetto termotecnico per una corretta installazione e per essere a norma di legge visto che magari il capannone sarà ad uso civile. Per quanto riguarda il tubo del teleriscaldamento non so quanto ti convwnga; a meno che tu non abbia da investire almeno 5 mila euro per fare un lavoro ben fatto e che duri nel tempo.

marcober
03-05-2015, 20:13
con un calcolo dei consumi;.
E cosa deve calcolare? i consumi sono quelli storici..boh?



visto che magari il capannone sarà ad uso civile


che significa un capannone "ad uso civile?" un capannone è un capannone ..puo essere di produzione, un magazzino.. ad uso civile che si intende, che ci abiti?

E comuqnue lo ha detto prima...non si trata di capannone ma di uffici.

scresan
03-05-2015, 20:37
..... il massimo con il minimo investimento per me lo raggiunge solo con l' aggiunta di una pdc integrata dalla caldaia esistente.

Non metterei un accumulo, se non uno tecnico di qualche centinaio di litri, ma una pdc moderna inverter con un buon cop medio annuo (basta verificare le certificazioni a riguardo a seconda della zona climatica) che essendo di fatto sottodimensionata difficilmente necessiterà di accumulo tecnico enorme.


Il suggerimento era per far fare al ns amico qualche preventivo a riguardo e verificare la convenienza del tutto.

Immagino che parlando di uffici tutte le varie spese rientrino in contabilità come costi e quindi le varie valutazioni economiche andranno pesate di conseguenza.

..... ad occhio lo farei.

Chiaramente rifare tutto l' impianto (caldaia a biomassa +accumuli + canna fumaria+ magazzino combustibile) ha un costo iniziale non indifferente.
Una pdc aria-acqua industriale da 10-15 kw elettrici ha prezzi industriali molto competitivi!

FaGa86
03-05-2015, 20:57
E cosa deve calcolare? i consumi sono quelli storici..boh? che significa un capannone "ad uso civile?" un capannone è un capannone ..puo essere di produzione, un magazzino.. ad uso civile che si intende, che ci abiti? E comuqnue lo ha detto prima...non si trata di capannone ma di uffici. Mah magari un termotecnico fa una comparazione con i diversi combustibili? Dando i costi esatti in base alla richiesta termica comparando vari combustibili. Teniamo sempre presente che i consumi degli ultimi 2 anni sono stati sfalsati da inverni abbastanza miti. Capannone ad uso civile: magari capannone ad uso negozio. Beh anche se sono solo uffici deve sottostare alle leggi.

marcober
03-05-2015, 21:20
pe rme non è la soluzione. La pdc la potrai accendere solo quando la necessita energetica istantanea scende a 10-15 kw...ma cosa fai? metti un contacalorie e vedi quando questo siccede? altrimenti npon è che puoi integarre una caldaia a gpl da 180 kw w alta T con uan pdc bassa t da 10-15 kw...

scresan
03-05-2015, 21:41
... si anche le T di lavoro potrebbero essere un problema se si decide per una pdc caldo-freddo (credo che quelle ht non prevedano la refrigerazione dell' acqua ).

Si puo' risolvere facendo funzionare l' impianto a bassa T (credo 45 gradi) direttamente se la caldaia a gpl è una a condensazione, sostituendola con una molto piu' piccola se normale, o con l' utilizzo di una miscelatrice termostatica o scambiatore con circolatore controllato in portata sul primario......

Per pdc da 10-15 kwh intendo elettrici, cioè normalmente 30-45 termici con T esterne sui 7 gradi.

... ripeto possibili soluzioni, già viste in diverse occasioni dalle mie parti, dove spesso hanno anche sostituito delle caldaie a biomassa (dopo un iniziale euforia di 7-8 anni fa con tanto di contributo regionali ...) in uffici dove si pretende il massimo della domotica e dove le ampie pareti finestrate di vetro non lasciano scampo ad un bell' impianto di climatizzazione estiva.

........ continuo a non capire cosa ci fanno delle caldaie da 180 kw (ne parla al plurale) a gpl, con consumi di soli 9000 lt anno di gpl.

Non è che ha sbagliato di uno zero da qualche parte?

biomassoso
03-05-2015, 21:43
uno straccio di A.C.E. quel capannone "uso ufficio" ce lo deve pur avere visto che parliamo di Regione Lombardia, e lì sopra ci deve essere tutto

poi cambiando sistema di riscaldamento o aggiungendo una caldaia questo si dovrà aggiornare anche se ora si chiamerà A.P.E. (e lasciamo ancora perdere l'obbligo del nuovo libretto d'impianto che già mi gira la testa, e lì è un immane casino)

Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile :: Certificazione energetica: aggiornata la disciplina regionale (http://www.reti.regione.lombardia.it/cs/Satellite?c=News&cid=1213647154225&childpagename=DG_Reti%2FDetail&pagename=DG_RSSWrapper)

Ray
03-05-2015, 23:15
........ continuo a non capire cosa ci fanno delle caldaie da 180 kw (ne parla al plurale) a gpl, con consumi di soli 9000 lt anno di gpl.

Non è che ha sbagliato di uno zero da qualche parte?

Sono 2 caldaie da 90 kw installate credo almeno 10 anni fa comprese in un servizio di gestione calore (non più attivo). Non so il motivo della scelta della potenza. Probabilmente era per coprire i consumi di tutte le stanze quasi doppia rispetto all'attuale e con termosifoni.

Ray
03-05-2015, 23:29
quel capannone "uso ufficio" .....

...e lasciamo ancora perdere l'obbligo del nuovo libretto d'impianto che già mi gira la testa, e lì è un immane casino

Ambiente, Energia e Sviluppo sostenibile :: Certificazione energetica: aggiornata la disciplina regionale (http://www.reti.regione.lombardia.it/cs/Satellite?c=News&cid=1213647154225&childpagename=DG_Reti%2FDetail&pagename=DG_RSSWrapper)

Non capisco dove sia nata l'idea che si parli di un capannone. Sono normali edifici.
La parte "normativa" si complicherà molto? Avevo chiesto il preventivo a un termotecnico ma con una parcella sopra i 10.000 € per stima consumi, progettazione e pratiche mi sono spaventato.

biomassoso
04-05-2015, 01:12
sono stato disattento io, comunque come edificio di uffici ora avrai l'ACE, e se modifichi l'impianto lo devi rifare, quindi perchè non portarti avanti coi lavori e chiedere preventivamente a chi poi ti dovrà fare ANCHE questa stramaledetta APE di farti conteggi e quant'altro?

FaGa86
04-05-2015, 06:54
Avevo chiesto il preventivo a un termotecnico ma con una parcella sopra i 10.000 € per stima consumi, progettazione e pratiche mi sono spaventato. Cercare un altro. Oppure chiedi qualche preventivo per APE, rinnovo CPI, progettazione e tutte quelle che sono le scartoffie burocratiche del caso. Sia per tutelare te ma anche l'installatore che verrà a collegare il tutto e che poi ti rilascerà DICO e nuovo libretto impianto.

biomassoso
04-05-2015, 10:43
@ray

come non detto; l'ufficio delle complicazioni delle cose semplici ha deciso che non è ancora finita

Nuovo APE e Decreti Attuativi Legge 90/2013 (Report PDF) (http://www.mygreenbuildings.org/2015/04/08/nuovo-attestato-prestazione-energetica-ape-e-decreti-attuativi.html)

non posso mandarti messaggi privati altrimenti ti darei un nominativo di qualcuno non distante da te che anche solo al telefono ti potrebbe consigliare come fare riguardo tutte ste' scartoffie :cry:

Ray
09-05-2015, 12:49
vista la quantità di variabili, per sicurezza, contatterò un termotecnico. Esiste un elenco suddiviso per provincia o regione?