PDA

Visualizza la versione completa : impianto di riscaldamento e produzione acs con puffer da 300 lt, due pannelli solari, termocucina da 8kw



enricoclementi
15-03-2018, 17:27
Buonasera a tutti, sono nuovo e spero che il mio post non sia fuori tema.
Ho un impianto classico con puffer da 300 lt con due serpentine e solare termico (due pannelli) collegato alla serpentina bassa.Ho acquistato una termcucina da 8 kw all'acqua e il mio idraulico mi ha detto che mi avrebbe scaldato acs e pavimento radiante. il risultato è che me l'ha attaccata alla serpentina alta con la conseguenza che mi scalda solo 120 lt (quelli piu in alto) e non è riuscito a collegarmelo all'impianto a pavimento.
Qualcuno potrebbe aiutarmi a capire come fare per far funzionare anche l'impianto a pavimento e una soluzione per scaldare tutta l'acqua nel puffer attraverso la termocucina?
Ringrazio in anticipo a chiunque abbia voglia di aiutarmi
p.s. sono a disposizione per far capire meglio le caratteristiche del mo impianto
p.s.s ho una cadaia da 24 kw a condensazione nella quale va l'impianto a pavimento e l'acqua calda in uscita dal puffer dopo esser passata in una valvola antiscottatura (miscelatrice deviatrice).

enricoclementi
15-03-2018, 17:40
io avevo pensato a due soluzioni, ma non so se possono essere valide.
1) attaccare mandata e ritorno della termocucina direttamente al puffer (senza utilizzare serpentina), utilizzare la serpentina che così si libera per scaldare l'acs (la serpentina ha una potenza di 19 kw, non so se può bastare), collegare l'impianto a pavimento al puffer e mettere una valvola a tre vie impostata a circa 30-32° che è piu o meno la temperartura che sto usando ora nell'impianto a pavimento. nella caldaia farei passare l'acs che esce dalla serpentina alta per un'eventuale riscaldamento e l'impianto a pavimento sempre per un'eventuale ulteriore apporto di calore se di notte con termocucina spenta e pannelli solari non funzionanti il puffer dovesse raffreddarsi troppo.
2)all'impianto esistente mettere un secondo puffer con serpentina interna (circa 100-150 lt...non ho molto spazio) dove farci passare il circuito dell'impanto a pavimento e prelevare l'acs dalla parte alta del secondo puffer. Con questa soluzione nelle giornate in cui il solare termico non funzionasse a causa dell'assenza di sole, la parte bassa del puffer principale rimarrebbe cmq fredda

Lore_
15-03-2018, 18:38
Ciao enricoclementi,

ma il puffer da 300 litri è un puffer di acqua tecnica (quindi acs la fai con scambiatore esterno o serpentino inox all'interno del puffer ) o è un boiler x acs, cioè il solare termico passando nella serpentina bassa scalda l'acs all'interno del boiler.

enricoclementi
15-03-2018, 19:19
scusa la mia ignoranza in questo campo, proverò a risponderti sperando che si possa capire.
il mio accumulatore da 300 lt ha due serpentine interne, in quella bassa c'è attaccato il circuito del solare termico, in quella superiore, prima che ci attaccassi la termocucina era vuota e penso servisse per un'eventuale attacco della caldaia. l'acqua che sta dentro l'accumulatore viene usata come acs e passa in caldaia prima di arrivare alle utenze (in realtà c'è una valvola deviatrice che si attiva a 48°). una delle mie ipotesi prevede di usare l'accumulo come contenitore di acqua tecnica, cioè acqua che va nella termocucina che poi viene usata per scambiare calore all'acs attraverso la serpentina superiore.

Lore_
16-03-2018, 07:30
Ciao enricoclementi,

allora hai un boiler x acs, l'idralico ha fatto l'unico collegamento possibile al serpentino superiore.
Non puoi fare quello che dici tu perchè il boiler non è adatto a fare una cosa del genere, i puffer che producono acs con serpentino hanno la serpentina molto, ma molto più grande che parte dal fondo del puffer.
L'unica cosa che potresti fare è aggiungere un puffer, ma se la termocucina cede solo 8 kW all'acqua non farà un gran che e se vuoi che renda qualcosa dovrai caricarla continuamente e in cucina farai la sauna, perchè solitamente le termocucine cedono poco all'acqua, ma tanto all'aria.
Quindi se vuoi sfruttare la termocucina quando cucini, ok il collegamento al boiler acs, al massimo puoi mettere un piccolo circolatore che fa il ricircolo dell'acqua del boiler quando magari nella parte alta raggiunge una certa T, così riesci a scaldarlo totalmente, certo così facendo potresti perdere l'eventuale apporto solare, che trovando la parte bassa già calda, partirà molto meno.
Tutto il resto non so quando ne varrà la pena.

enricoclementi
16-03-2018, 13:01
Ciao enricoclementi,

allora hai un boiler x acs, l'idralico ha fatto l'unico collegamento possibile al serpentino superiore.
Non puoi fare quello che dici tu perchè il boiler non è adatto a fare una cosa del genere, i puffer che producono acs con serpentino hanno la serpentina molto, ma molto più grande che parte dal fondo del puffer.
L'unica cosa che potresti fare è aggiungere un puffer, ma se la termocucina cede solo 8 kW all'acqua non farà un gran che e se vuoi che renda qualcosa dovrai caricarla continuamente e in cucina farai la sauna, perchè solitamente le termocucine cedono poco all'acqua, ma tanto all'aria.
Quindi se vuoi sfruttare la termocucina quando cucini, ok il collegamento al boiler acs, al massimo puoi mettere un piccolo circolatore che fa il ricircolo dell'acqua del boiler quando magari nella parte alta raggiunge una certa T, così riesci a scaldarlo totalmente, certo così facendo potresti perdere l'eventuale apporto solare, che trovando la parte bassa già calda, partirà molto meno.
Tutto il resto non so quando ne varrà la pena.
Ciao Lore....intanto grazie.
La serpentina superiore ha le seguenti caratteristiche din 4708 superficie di scambio 0,8 m2, 4.1 lt, 19 kw, 800l/h ps 6 bar...dici che non è sufficiente a scambiare abbastanza calore all'acs? La mia termocucina anche se la casa dichiara 8 kw di potenza all'acqua, scalda molto velocemente l'acqua e porta la parte superiore dell'accumulo a 95 gradi in poco tempo, max 2 ore se l'accumulo è freddo. Per quello pensavo di sfruttarla per il riscaldamento (in realtà quando ho deciso di acquistarla l'idraulico mi aveva fatto un preventivo in cui era compreso l'attacco dell'impianto a pavimento, che però non ha mai realizzato). Dici che non conviene fare delle modifiche per sfruttare la termocucina in maniera migliore?
Se dici che non posso usarlo come puffer dovrò mettere o un secondo accumulo con serpentina o uno scambiatore a piastre
Grazie per i tuoi consigli

Lore_
16-03-2018, 13:33
Ciao enricoclementi,

diciamo che un buon puffer con serpentino x produzione acs, è in Inox AISI 316L e ha un superficie di scambio di circa 4 mq e 19 lt per un 300 litri fino anche a 5,5 mq e 27/28 litri per un 600 litri, quindi vedi sono materiali e superfici ben diversi.
Che riesca a scaldare i 100/130 litri della parte alta del boiler, siamo d'accordo vista l'esigua quantità di acqua.
Diciamo che, secondo me, la modifica all'impianto per sfruttare anche la termostufa con il radiante ha dei costi che difficilmente riuscirai a recuperare in tempi brevi, considerando poi che le termostufe hanno vani carico legna piccoli, quindi ti toccherà caricarla anche ogni ora e ti scalderà parecchio il locale dove è installata.
Credo che spenderesti meno e con risultati migliori a ottimizzare il funzionamento della caldaia a metano con radiante, perchè tante volte basta una gestione più corretta del riscaldamento per far risparmiare.

enricoclementi
16-03-2018, 14:54
L'impianto credo di averlo ottimizzato con flussometri e temperatura dell'acqua, infatti questo inverno ho speso meno di 150€, (casa di circa 100 mq con soffitti alti) considerando anche che il primo mese ho speso di più visto che l'idraulico me lo aveva impostato a 45 gradi (attaccava e staccava spesso) e io sono arrivato a 30 gradi... Nei giorni freddissimi invece che alzare il Termostato, alzo la temperatura a 32 gradi.
Cmq tornando all'impianto,capisco anche io che forse è antieconomico, ma ho pagato per un certo tipo di impianto e il mio idraulico non è riuscito a realizzarlo, ma non sa neanche quale potrebbe essere la soluzione, quindi gliela vorrei presentare e poi cercare di farla pagare a lui. Così ho speso un sacco di soldi per scaldare 120 lt e questo si che è antieconomico, in più con la termocucina non riesco neanche a cucinare, il forno arriva a 130 gradi e le piastre non fanno bollire l'acqua (ma questo è un altro argomento...magari apro un altro post). Ho speso soldi e non ho ottenuto niente per quello che cerco aiuto...il mio idraulico o non sa darmelo o non vuole perché non gli conviene

Lore_
16-03-2018, 15:44
Ciao enricoclementi,

scusa ma l'idea della termocucina chi l'ha avuta, perchè già quella, per scaldare radiante, non è il massimo. Con radiante avrebbe dovuto mettere puffer adeguato, in base a vano carico legna della termocucina e alla potenza, e poi una miscelatrice per il radiante.
Poi tu hai pagato che cosa ? Penso tu abbia pagato per i lavori fatti, non per quello che l'idraulico non ha fatto, o no ?

enricoclementi
16-03-2018, 17:27
Ma la miscelatrice dove la metto che l'impianto a pavimento è a circuito chiuso? Non l'ho pagato per quello che non ha fatto, ma mi aveva promesso che l'impianto a pavimento avrebbe funzionato con quella cifra e poi cmq alla fine mi ha fatto comprare una termocucina con cui al momento non ci posso far molto...il puffer già c'era per l'impianto solare che mi ha messo lui. Per quello che sto cercando una soluzione per ottimizzare quello che ho e per recuperare la spesa che ho fatto.
Mi sono fidato di quello che diceva lui e ora sono rimasto un po' fregato

Lore_
16-03-2018, 17:49
Ciao enricoclementi,

la miscelatrice serve per mandare al radiante la giusta T, non puoi mandare acqua a 60°, e miscela sempre l'acqua con il ritorno del circuito chiuso del radiante.
Tu non hai un puffer, ma un semplice boiler solare solo x acs che non riesci a usare per il riscaldamento.
Nella pratica potresti usare anche solo la miscelatrice senza puffer, ma dovendo mandare al radiante T tra i 30/35° avresti grossi problemi di sovratemperatura della stufa una volta che l'impianto è a regime e dovresti calibrare i carichi della stufa per evitare questo. Forse resisti un inverno a fare questo lavoro (perchè diventa un lavoro, in questa maniera) e poi credo non lo useresti più perchè diventi "schiavo" della termocucina, però nel frattempo hai speso ancora altri soldi.
Ripeto personalmente cercherei di ottimizzare ulteriormente il metano, se caldaia nuova a condensazione probabilmente ha anche la gestione climatica in base a sonda esterna, che regola la T di mandata al radiante in base alla T esterna, cosa che ora tu fai manualmente quando serve, ma , se già non l'hai una sonda esterna costa poche decine di euro.
Certo avresti speso meno e con rendimenti migliori a mettere una bella stufa normale in sala che aggiungere una termocucina idro.

enricoclementi
16-03-2018, 18:52
Allora a questo punto mi conviene lasciare tutto così e mettere uno scambiatore a piastre della caleffi che prevede anche l'integrazione con la caldaia, così se non accendo la termocucina va con la caldaia. Dovrebbe costare sui 200€