PDA

Visualizza la versione completa : Caldaia a pellet a condensazione peleo optima informazioni



nick90
30-05-2018, 16:17
Salve..
Vorrei avere maggiori informazioni in merito a questa caldaia per capire su quale livello di qualità è? In confronto alle stesse caldaie della okofen o herz regge il confronto?

Lore_
30-05-2018, 17:00
Ciao nick90,

la peleo optima a condensazione è prodotta dalla Okofen ed è uguale identica alla Okofen Pellematic condens.
E' già da molti anni che c'è una forte partnership tra le 2 società

nick90
30-05-2018, 17:03
Ciao nick90,

la peleo optima a condensazione è prodotta dalla Okofen ed è uguale identica alla Okofen Pellematic condens.
E' già da molti anni che c'è una forte partnership tra le 2 società

Grazie lore per la risposta.. ma domanda esistono delle caldaie a pellet a condensazione che abbiano dei prezzi più ragionevoli?

Lore_
30-05-2018, 17:17
Ciao nick90,

Non penso c'è ne siano a prezzi ragionevoli.
Il problema che queste caldaia a condensazione sono un pò di nicchia, infatti, visto il prezzo dell'impianto e il costo del pellet (che è in continuo aumento), le pompe di calore, con la nuova riforma delle tariffe elettriche gli stanno facendo tanta concorrenza, perchè in molti casi si spende meno, senza muovere un dito.

nick90
30-05-2018, 18:57
Ciao nick90,

Non penso c'è ne siano a prezzi ragionevoli.
Il problema che queste caldaia a condensazione sono un pò di nicchia, infatti, visto il prezzo dell'impianto e il costo del pellet (che è in continuo aumento), le pompe di calore, con la nuova riforma delle tariffe elettriche gli stanno facendo tanta concorrenza, perchè in molti casi si spende meno, senza muovere un dito.

Su questo hai ragione però io ho anche visto che il costo dell'elettricità anche è aumentata un casino.. xò mi sarebbe piaciuto trovare un produttore di caldaie a condensazione con un prezzo accessibile.. xò sembra ke non ci siano altri produttori..

Dott Nord Est
30-05-2018, 20:59
inoltre devi avere l'impianto di riscaldamento che ti permetta di sfruttare davvero la condensazione, altrimenti la differenza di prezzo non conviene

nick90
30-05-2018, 21:01
Ma l'impianto cè perchè metto il riscaldamento a pavimento..

Dott Nord Est
30-05-2018, 21:02
ok, ma la differenza di prezzo deve essere compensata da un reale risparmio totale annuale
e per capire, serve "far di conto".....
quindi serve sapere cosa devi scaldare, dove, come, qual'è il tuo budget, cosa costa il pellet nella tua zona, ecc ecc.....
cmnq, per info generale, le caldaie a condensazione sono arrivate in Italia sulla scia di un'esigenza tedesca, perchè in Germania quella tipologia è altamente favorita dagli incentivi.
In Italia invece il discorso è diverso, e seppure alcune ditte ce l'abbiano a catalogo, la loro vendita occupa un posto infinitamente marginale del mercato, direi insignificante.

nick90
30-05-2018, 22:07
ok, ma la differenza di prezzo deve essere compensata da un reale risparmio totale annuale
e per capire, serve "far di conto".....
quindi serve sapere cosa devi scaldare, dove, come, qual'è il tuo budget, cosa costa il pellet nella tua zona, ecc ecc.....
cmnq, per info generale, le caldaie a condensazione sono arrivate in Italia sulla scia di un'esigenza tedesca, perchè in Germania quella tipologia è altamente favorita dagli incentivi.
In Italia invece il discorso è diverso, e seppure alcune ditte ce l'abbiano a catalogo, la loro vendita occupa un posto infinitamente marginale del mercato, direi insignificante.

Visto che sei molto informato.. ma in genere questa tipologia di caldaia su che prezzi gira? Intendo solo la caldaia..

Dott Nord Est
30-05-2018, 22:26
dipende dal modello
non è certo una fascia di prezzo "popolare".....
te su che budget eri orientato? così ti dico se puoi pensarci o se è utopia...

Lore_
31-05-2018, 07:40
Ciao nick90,


Su questo hai ragione però io ho anche visto che il costo dell'elettricità anche è aumentata un casino.

fino al 2015 con i 4 scaglioni progressivi, uno che aveva pdc arrivava a spendere tranquillamente anche 0,32 euro al kWh (esclusi i fissi), ora siamo a massimo 0,18 euro al kWh, con ancora 2 scaglioni e dall'anno prossimo saremo sui 0,16/0,17 euro al kWh (anche meno nel libero).
Se per te questo significa che l'elettricità è aumentata un casino, probabilmente ti hanno informato male, perchè un calo del genere non si è registrato per nessun combustibile.
Se poi consideri che il pellet ti tocca andarlo a cercare e comprare tutto almeno 8 mesi prima di usarlo, per riuscire a spuntare prezzi convenienti, devi perciò avere spazio, da una certo lavoro gestirlo, e se un domani metti del FV il risparmio con pdc non ha paragoni rispetto a nessun altro combustibile.

nick90
31-05-2018, 07:41
Io devo scaldare una casa sui 120 metri quadri e da quanto ho capito mi servirebbe una caldaia da circa 18 kw.. e io sarei stato sui 10 mila.. ma se trovavo a meno andava bene..

Dott Nord Est
31-05-2018, 08:16
nick90, 10.000 solo caldaia o impianto completo centrale termica? sono due cose diverse....
in qualsiasi caso, con una metratura così bassa, io farei diversamente.......
se vuoi andare a pellet, una buona caldaia (non a condensazione), perchè i bassi consumi che avresti mai compenserebbero la differenza economica della condensazione
se vuoi andare a metano, la spesa sarebbe non molto elevata
se vuoi andare a PDC, ti consiglio di avere FV adeguato, altrimenti......

Lore_
31-05-2018, 09:16
Ciao nick90,

Aiel (Associazione Italiana Energie Agroforestali) stima che per 100 mq il risparmio del pellet rispetto al metano sono circa 120 euro l'anno, verifica cosa ti costa un impianto a pellet e uno a metano e vedi in quanto rientri a 120 euro l'anno e tutto il lavoro che ti da il pellet.
Con pdc dipende tanto da dove abiti e dalle T esterne, spendi quanto un impianto a pellet fatto bene, e la spesa annuale è a livello del pellet, anche senza FV, sopratutto visto il tuo impianto, e se un domani metti FV adeguato il costo annuale si dimezza rispetto a pellet, però hai tutto senza muovere un dito, ed eventualmente, non so la zona, puoi fare anche raffrescamento estivo

gesus
01-06-2018, 07:23
Io comunque vi consiglio di verificare i dati su cosa consumate e pagate, per esempio io ho uno storico di consumi e pagamenti degli ultimi anni anche per le bollette energia elettrica e ho la media annuale per un consumo che non è nemmeno cosi basso, 4000 fino a quasi anche 6000 al anno , beh negli ultimi hanni sono sempre stato sui 0.2 di costo medio.
Questo non per dire che non cali il costo ecc, infatti i furbetti hanno messo il canone tv in bolletta per un motivo, ma per dire che a volte lo scritto si fa scrivere.

Lore_
01-06-2018, 07:55
Ciao gesus,

scusa non capisco l'intervento, il canone RAI in bolletta è stato messo per far pagare a tutti il canone (sopratutto a chi prima non lo pagava, quindi se prima lo pagavi, non ti cambia nulla, anzi in questo modo hai risparmiato perchè l'hanno ridotto), e comunque non lo devi mica considerare nel costo dell'energia elettrica.
Poi credo che, se il costo del kWh ti è rimasto sempre sui 0,20 euro al kwh, sia con 4.000 kWh di consumi annui che 6.000 kWh, credo siano riferiti agli ultimi 2 anni, quando era in atto la riforma delle tariffe con la graduale abolizione degli scaglioni di gradualità dei consumi, e rispetto al 2015 consumando 6.000 kWh, hai risparmiato un bel pò di soldi

Dott Nord Est
01-06-2018, 08:10
ma per dire che a volte lo scritto si fa scrivere.

concordo al 1000000 %.....
ecco il costo reale delle mie ultime 3 bollette (con consumi bimestrali di 1.084, 1.090 e 941 kw/h) con il gestore che sulla carta attraverso il sito di ricerca ufficiale risulta il migliore
le fantasie lasciamole ai fumetti.....

la media è di 0.20 centesimi al kw....

66264 66265 66266

DETTO QUESTO, CHIEDO CORTESEMENTE IL FAVORE DI NON INTASARE (COME SEMPRE) LE DISCUSSIONI SULLA BIOMASSA CON IL "CONSIGLIO" DI USARE L'ENERGIA ELETTRICA !!!!
QUESTA DISCUSSIONE E' SU UNA CALDAIA A PELLET A CONDENSAZIONE........
non è possibile che di qualsiasi cosa si parli, il "consiglio" di usare l'energia elettrica compaia come un virus sempre e in ogni caso.... per favore......
sinceramente io ne ho le scatole piene di vedere la sezione BIOMASSE continuamente intasata dall'energia elettrica
per tale energia esiste la sezione apposita, e se qualcuno ama tale energia, scriva nel luogo ideale. Grazie.

Lore_
01-06-2018, 08:19
Ciao Dott Nord Est,

tu eri tra quelli che ha risparmiato molto visti i tuoi consumi dal 2015 a oggi, l'avevi già scritto in altre discussioni o sbaglio ?
Posta anche il prezzo di una bolletta del 2015, che vediamo di quanto è calato il prezzo.
Comunque è un ottimo risultato visto i consumi che hai e considerando che è comprensivo anche dei costi fissi che comunque pagheresti anche consumando 1 kWh

Dott Nord Est
01-06-2018, 08:21
ha risparmiato molto visti i tuoi consumi dal 2015 a oggi, l'avevi già scritto in altre discussioni o sbaglio ?


sai, nel 2016 ho cambiato la mia vecchia caldaia a pellet Tatano con una nuova classe 5, sfruttando il conto termico
anche il consumo del pellet è diminuito di molto, e di conseguenza anche il costo annuale......

Lore_
01-06-2018, 08:39
Ciao Dott Nord Est,

ma stavi parlando di energia elettrica (infatti hai postato i dati delle ultime 3 bollette di energia elettrica), non è forse vero che nel 2015 pagavi molto, ma molto di più il costo del kWh ?




DETTO QUESTO, CHIEDO CORTESEMENTE IL FAVORE DI NON INTASARE (COME SEMPRE) LE DISCUSSIONI SULLA BIOMASSA CON IL "CONSIGLIO" DI USARE L'ENERGIA ELETTRICA !!!!
QUESTA DISCUSSIONE E' SU UNA CALDAIA A PELLET A CONDENSAZIONE........
non è possibile che di qualsiasi cosa si parli, il "consiglio" di usare l'energia elettrica compaia come un virus sempre e in ogni caso.... per favore......
sinceramente io ne ho le scatole piene di vedere la sezione BIOMASSE continuamente intasata dall'energia elettrica
per tale energia esiste la sezione apposita, e se qualcuno ama tale energia, scriva nel luogo ideale. Grazie.

ho illustrato solo le alternative, cercando di correggere delle inesattezze, dovute probabilmente a retaggi storici, se poi anche tu contribuisci rilanciando con post sui tuoi costi al kWh, perchè non dovrei rispondere ?

Dott Nord Est
01-06-2018, 11:11
non è forse vero che nel 2015 pagavi molto, ma molto di più il costo del kWh ?


certo che pagavo di più, come spendevo di più in pellet.
quindi, ho risparmiato sia sull'elettricità che sul pellet (e precisamente circa 250/300 euro di elettricità e altrettanti in pellet, per un totale di circa 500/600 euro....)

come tu consideri "retaggi storici" il discorso del prezzo dell'elettricità, pure io potrei dire la stessa cosa sul pellet e sulla legna quando si conteggia il pellet a 5 euro o si paragonano caldaie che sono pari alle locomotive......

se tu confronti il miglior prezzo dell'elettricità, fallo alla pari del pellet che io pago A1 3.68 e con caldaie con rese ben oltre il 90%....
solo così il conteggio è alla pari... non credi ?

detto questo, ripeto, la discussione verte su una caldaia a condensazione se va bene o male, e se eventualmente si può spendere meno del generatore/impianto (a pellet)
chi ha tirato fuori l'argomento scaglioni elettricità fin dal post 11 ?
è come se uno chiedesse se la fiat Punto funziona bene, e un'altro gli rispondesse che con la bici si vede il paesaggio......

e cosa succede così facendo?
come da prassi, da un tempo a questa parte, il povero utente che ha iniziato la discussione manco più risponde perchè le sue domande sono sempre e immancabilmente incanalate sulla diatriba biomassa VS elettricità.....
sinceramente, e parlo per me, la cosa è abbastanza penosa e malevole per il forum......
un tempo non era così..... chissà mai perchè.... :devilred::devilred:


a questo punto invito gentilmente l'utente nick90 a ritornare a scrivere sull'argomento da lui iniziato, cioè caldaie a pellet a condensazione, prezzo, convenienza o meno della condensazione nella sua situazione, e cose del genere....

morenorisorti
01-06-2018, 11:28
Ciao Dott
Un modo legale per uccidere le discussioni.....................................ch issà poi perche..........................................

Lore_
01-06-2018, 11:29
Ciao Dott Nord Est,

probabilmente mi sono spiegato male e/o non hai capito quello che volevo dire.

Nick90 sosteneva che il costo dell'energia elettrica è in continuo aumento, invece ho fatto solo presente che non è vero, perchè per uno che consuma tanta energia elettrica (nella maggior parte dei casi per scaldarsi) si è passati da un costo che arrivava anche a 0,32 euro circa al kwh (costi fissi ESCLUSI) a 0,20 euro circa al kWh (costi fissi INCLUSI), quindi dal 2015 a oggi il prezzo del kWh è sensibilmente calato.
Il pellet nel 2015 tu lo pagavi 5 euro al sacco ? Non credo proprio, ma meno del prezzo che lo paghi attualmente o no ?

Tutto qua, se poi vuoi continuare a ricamarci sopra dicendo il contrario, non ti lamentare se ti rispondo.

Dott Nord Est
01-06-2018, 11:44
si è passati da un costo che arrivava anche a 0,32 euro circa al kwh (costi fissi ESCLUSI)
errato, facendo sempre riferimento alle mie bollette, lo pagavo 0.26/0.27 fissi INCLUSI



quindi dal 2015 a oggi il prezzo del kWh è sensibilmente calato.
concordo, è calato


Il pellet nel 2015 tu lo pagavi 5 euro al sacco ? Non credo proprio, ma meno del prezzo che lo paghi attualmente o no ?
ora lo pago poco di più, ma è enormemente aumentata la resa dei generatori, quindi sono drasticamente calati i consumi



secondo il mio umile "vedere", cosa vuol dire questo?
che chi ha case piccole e in classe elevata (A), il metano (dove c'è) è da considerare, come pure la PDC se si ha FV
su case energivore o dove non arriva il metano, la biomassa è la soluzione adatta
dove non arriva il metano e ho case poco energivore, la PDC è da considerare se ho il FV, altrimenti no
tutto questo se miro ai soli costi, mentre molti usano la biomassa per uno spirito loro.....
altrimenti sai che noia se tutti fossero uguali..... sai la noia se tutti fossero chinati con penna e occhiali ogni giorno a controllare le tariffe elettriche se salgono o scendono e stare attendi che se ritardano un giorno la disdetta si ritrovano a pagare ben più di quello che "pensavano" di risparmiare...... :spettacolo:


NICK90, TORNA !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Lore_
01-06-2018, 13:19
Ciao Dott Nord Est,


sai la noia se tutti fossero chinati con penna e occhiali ogni giorno a controllare le tariffe elettriche se salgono o scendono e stare attendi che se ritardano un giorno la disdetta si ritrovano a pagare ben più di quello che "pensavano" di risparmiare......

concordo, hai proprio ragione, meglio girare a cercare il pellet al prezzo migliore, per poi sbancalarselo e tirarlo in giro tutto l'inverno "sperando" di risparmiare almeno 100 euro l'anno.
E' veramente una cosa da fare invidia a chi si annoia tutto il giorno sul divano.... :spettacolo:

Dott Nord Est
01-06-2018, 13:51
a dire il vero io ho fatto una semplice telefonata....... dal cell
che vuoi che ti dica, ero sul divano..ad annoiarmi quando ho telefonato...... :spettacolo: e ho ordinato il solito pellet A1 a 3.68 il sacco.....
(e anche altri utenti qui, da "quel che sò"....eheheheh)

gesus
02-06-2018, 07:49
Poi credo che, se il costo del kWh ti è rimasto sempre sui 0,20 euro al kwh, sia con 4.000 kWh di consumi annui che 6.000 kWh, credo siano riferiti agli ultimi 2 anni, quando era in atto la riforma delle tariffe con la graduale abolizione degli scaglioni di gradualità dei consumi, e rispetto al 2015 consumando 6.000 kWh, hai risparmiato un bel pò di soldi

Non volevo dare inizio alla solita diatriba, e come vedi anche il dr aveva consigliato di valutare bene tutte le opzioni, quello per cui rispondero sono il darti i dati precisi in modo che non risulti che scriva bagianate.
Magari io avevo trovato un buon contratto (si pagava a kw quindi il migliore per i mie consumi non bassi) ma eccoti qua i miei costi media sul anno,
2013 0.190€
2014 0.196€
2015 0.198€
2016 0.220€(non sono certo per via di storni ecc nei mesi di settembre)
2017 0.180€
2018 0.180€(parziale)

i consumi ho controllato sono da 4000 a 4500 annui , e questi sono dati reali oltretutto senza cambio di gestore, potrei limare qualcosa nel ultimo anno ma non ho ritenuto necessario cambiare per un risparmio minimo.
Il canone rai non intendevo che va incluso nella bolletta.

Lore_
02-06-2018, 09:57
Ciao gesus,

ah ok, allora non erano 6.000 kWh come hai detto, ma massimo 4.500 kWh, perchè con gli scaglioni progressivi che c'erano fino al 2015 la differenza di costo è molta.
Anche se comunque credo tu non abbia conteggiato proprio tutti i costi perchè anche per 4.500 kWh fino al 2015 i costi al kWh non tornano affatto, sopratutto se sei in maggior tutela e non hai mai cambiato

nick90
02-06-2018, 12:37
Ciao e scusate il mio ritardo ma nn mi segnalava che mi avevate risposto .. ora vi spiego nel dettaglio tutta la mia situazione.. e spero nei vostri consigli..
Allora ho comprato una villetta sui 120 metri qudri degli anni 80 nelle campagne del cuneese.. è una casa con i muri pieni (3 mattoni da 27 fori) e i serramenti vecchi in legno.. io e mia morosa la stiamo sistemando un po con l'aiuto di mio padre ke è un muratore in pensione da 2 anni.. cmq cambiamo tutti i serramenti mettendo quelli a taglio termico e facciamo l'impianto di riscaldamento a pavimento.. al momento cè una caldaia a gasolio di 30 anni e ci è stato consigliato di mettere la caldaia a pellet o pompa di calore.. il metano non arriva quindi non posso usarla.. cmq sulla pompa di calore io sono un po dubbioso perchè mi hanno detto che rende molto di più del pellet in una casa in classe A... ma la mia nn è in classe A.. mi confermate questa cosa?

nick90
02-06-2018, 12:41
nick90, 10.000 solo caldaia o impianto completo centrale termica? sono due cose diverse....
in qualsiasi caso, con una metratura così bassa, io farei diversamente.......
se vuoi andare a pellet, una buona caldaia (non a condensazione), perchè i bassi consumi che avresti mai compenserebbero la differenza economica della condensazione
se vuoi andare a metano, la spesa sarebbe non molto elevata
se vuoi andare a PDC, ti consiglio di avere FV adeguato, altrimenti......

Cmq io intendevo 10000 solo per la caldaia.. xò vorrei capire se si risparmia a lungo andare con quelle a condensazione o se è meglio mettere una caldaia tradizionale..

Dott Nord Est
02-06-2018, 12:44
Cmq io intendevo 10000 solo per la caldaia.. xò vorrei capire se si risparmia a lungo andare con quelle a condensazione o se è meglio mettere una caldaia tradizionale..

per la metratura che hai, e per la % di tempo che una caldaia a pellet lavora in reale condensazione, e per la differenza irrisoria di consumi, nel tuo caso non ne vale la pena.
punta piuttosto, se vuoi pellet, a una buona caldaia a pellet di fascia alta (e con quella cifra ne trovi svariate).
non fare l'errore che fanno alcune persone di fare la scelta solo cavalcando la moda del momento, senza valutare però tutte le cose per bene.

Dott Nord Est
02-06-2018, 12:46
al momento cè una caldaia a gasolio di 30 anni
quindi puoi pensare anche al conto termico 2.0


cmq sulla pompa di calore io sono un po dubbioso perchè mi hanno detto che rende molto di più del pellet in una casa in classe A...
una pompa di calore rende sempre meglio più la classe energetica dell'abitazione è elevata
altamente "consigliato" inoltre avere il FV... se si punta alla PDC

nick90
02-06-2018, 12:54
per la metratura che hai, e per la % di tempo che una caldaia a pellet lavora in reale condensazione, e per la differenza irrisoria di consumi, nel tuo caso non ne vale la pena.
punta piuttosto, se vuoi pellet, a una buona caldaia a pellet di fascia alta (e con quella cifra ne trovi svariate).
non fare l'errore che fanno alcune persone di fare la scelta solo cavalcando la moda del momento, senza valutare però tutte le cose per bene.

Io avrei deciso al pellet perchè io ho una macelleria e nn ho molto tempo libero per andare a far legna o cmq per star dietro a una caldaia a legna..
Mi hanno consigliato la caldaia a pellet della herz classe 5 essendo un ottimo prodotto e mi è stata anche proposta la caldaia a pellet della centrometal in classe 5 che mi ha garantito essere un prodotto molto molto valido.. tu che ne pensi?

Dott Nord Est
02-06-2018, 12:55
beh, se vuoi andare sul sicuro, le teutoniche (austriache e tedesche) hanno sempre una marcia in più....
poi, sempre in base al tuo budget, puoi pensare a svariate cose: pulizia automatica, carico pneumatico, gestione remota, climatica, ecc ecc
tutto gira attorno a quello: budget.

Lore_
02-06-2018, 13:14
Ciao nick90,

chi ti dice che le pdc vanno bene solo per case in classe A o superiore, credo che non conosca tanto le pdc, sopratutto se lavora su radiante.
Diciamo che su 120 mq di radiante, anche se casa non in classe A, la spesa annua tra pellet e pdc (senza FV) sarà irrilevante (il leggero risparmio propenderà per una o l'altra soluzione principalmente in funzione del prezzo del pellet), ma comunque sarà ridotto, il tutto dipende da quanto costa l'impianto a pellet e quello a pdc.
Però pdc 0 (zero) lavori, mentre pellet, lavoro poco o tanto ne da, poi il posto che devi avere per stoccarlo ecc, poi se un domani metti FV, il risparmio della pdc non ha più paragoni con nulla, senza muovere un dito.
Giustamente ti eri orientato su una pellet a condensazione, ideale per sfruttare il tuo radiante, ma giustamente, come ti hanno detto costano parecchio e con meno metti anche pdc con stessa efficienza e ti avanza anche qualche cosa per un eventuale FV futuro.
Considera che anche con pdc hai conto termico, con FV che oggi costa sui 1.500/2.000 euro al kWp finito (deducibile al 50% perciò siamo sui 750/1.000 al kWh + SSP), perciò se guardi ha una soluzione a lungo termine, personalmente non avrei dubbi,
Poi i soldi sono tuoi e uno fa quello che vuole, ma non scegliere il pellet perchè ti dicono che, per te, la pdc non rende, perchè non è vero.

nick90
02-06-2018, 15:48
Ciao nick90,

chi ti dice che le pdc vanno bene solo per case in classe A o superiore, credo che non conosca tanto le pdc, sopratutto se lavora su radiante.
Diciamo che su 120 mq di radiante, anche se casa non in classe A, la spesa annua tra pellet e pdc (senza FV) sarà irrilevante (il leggero risparmio propenderà per una o l'altra soluzione principalmente in funzione del prezzo del pellet), ma comunque sarà ridotto, il tutto dipende da quanto costa l'impianto a pellet e quello a pdc.
Però pdc 0 (zero) lavori, mentre pellet, lavoro poco o tanto ne da, poi il posto che devi avere per stoccarlo ecc, poi se un domani metti FV, il risparmio della pdc non ha più paragoni con nulla, senza muovere un dito.
Giustamente ti eri orientato su una pellet a condensazione, ideale per sfruttare il tuo radiante, ma giustamente, come ti hanno detto costano parecchio e con meno metti anche pdc con stessa efficienza e ti avanza anche qualche cosa per un eventuale FV futuro.
Considera che anche con pdc hai conto termico, con FV che oggi costa sui 1.500/2.000 euro al kWp finito (deducibile al 50% perciò siamo sui 750/1.000 al kWh + SSP), perciò se guardi ha una soluzione a lungo termine, personalmente non avrei dubbi,
Poi i soldi sono tuoi e uno fa quello che vuole, ma non scegliere il pellet perchè ti dicono che, per te, la pdc non rende, perchè non è vero.

Ok xò mi domando una cosa.. con un fotovoltaico pompa di calore e piano induzione riesco a starci con i kw?

Lore_
02-06-2018, 16:29
Ciao nick90,

scusa, non capisco cosa intendi con "riesco a starci con i kw".

Comunque se ti interessa potresti sentire l'utente Burian, ha ristrutturato un appartamento di circa 100 mq, in un paesino delle prealpi lombarde in zona E con 2790 GG e -9° di T di progetto, con radiante e pdc, se ti interessa una testimonianza.
Comunque nella sezione delle pompe di calore ci sono molte testimonianze in merito, così ti puoi fare un idea

Dott Nord Est
02-06-2018, 17:03
Ok xò mi domando una cosa.. con un fotovoltaico pompa di calore e piano induzione riesco a starci con i kw?

calcola che il fabbisogno moderno di una famiglia media è di 4 kw (oramai, i classici 3 kw sono insufficienti. Non per nulla molti che li hanno devono stare attenti a cosa accendono, saltano di continuo, ecc ecc)
poi, il fabbisogno energetico in calore dell'abitazione ipotizziamo sia di 14 kw, quindi ti serve una PDC di 4/5 kw minimo
totale circa 8/9 kw elettrici tra PDC e uso normale
o fai due contatori (uno famigliare e uno dedicato alla PDC) o la vedo "dura".......

federico2
02-06-2018, 17:45
Ciao nick9090
Oggi passare al riscaldamento con pdc è molto conveniente.
Fatti un giro nella sezione pdc e magari apri una nuova discussione li
Se poi guardi nella sezione fotovoltaico, riforma tariffe elettriche, scoprirai che non è necessario avere due contatori.
Il forum è pieno di utenti che hanno fatto la scelta elettrica e tutti molto contenti

Dott Nord Est
03-06-2018, 08:20
pure io conosco molte persone che hanno fatto la scelta elettrica..... e differentemente alcuni sono contenti e alcuni sono delusi..... :)
come sempre dico, un vestito non è mai "per tutti".....

Lucamax
05-06-2018, 07:40
.... anche se casa non in classe A, la spesa annua tra pellet e pdc (senza FV) sarà irrilevante (il leggero risparmio propenderà per una o l'altra soluzione principalmente in funzione del prezzo del pellet),......ma non scegliere il pellet perchè ti dicono che, per te, la pdc non rende, perchè non è vero.

Più che paladino del forum dovrebbero scrivere paladino delle PDC :)

Tuttavia mi pare che dimentichi o fai finta di ignorare un piccolo particolare:
A differenza del pellet il prezzo dell'elettricità sarà sempre in mano alla politica del governo.
Oggi incentivano le PDC ma domani quando ci sarà un massa critica di PDC istallate che cosa si incentiveranno a fare le PDC ?
Ed allora quanto gli ci vorrà per aumentare il prezzo dell'elettricità anche per rientrare dei mancati introiti delle accise sui carburanti viso che pare che qualche lobbista a sentire di recente Marchionne abbia deciso di buttare via nei prossimi anni miliardi di soldi pubblici per l'elettrificazione delle auto.
Quindi sembrerebbe che per le PDC la cosa migliore sia il fotovoltaico che gode di incentivi, bellissimo, peccato che poi se vogliono ci mettono un attimo a tassare in base ad ogni KW installato

Il pellet non ha un prezzo controllabile perché se il prezzo al sacco aumentasse troppo , alzando ad esempio l'Iva , fioccherebbero produzioni locali e carbonare di pellet, già conosco uno che in zona lo vende agli amici a 3 euro a sacco.

Buttarsi nelle mani dei produttori di energia nazionali è un atto di fede io preferisco buttarmi nelle mani di chi produce biomassa certamente più libere.

Lore_
11-06-2018, 08:00
Ciao Lucamax,



Oggi incentivano le PDC ma domani quando ci sarà un massa critica di PDC istallate che cosa si incentiveranno a fare le PDC ?


magari si continueranno a incentivare per cercare di limitare l'inquinamento, sopratutto in pianura padana.



Il pellet non ha un prezzo controllabile perché se il prezzo al sacco aumentasse troppo , alzando ad esempio l'Iva , fioccherebbero produzioni locali e carbonare di pellet, già conosco uno che in zona lo vende agli amici a 3 euro a sacco.


l'IVA l'hanno già aumentata, dal 10 al 22 % e non mi sembra che sono fioccate poi tutte queste produzioni locali certificate (tu compri e usi pellet prodotto in loco certificato ? ).
Mi immagino che signor pellet certificato sarà quello a 3 euro "spacciato" agli amici.

Comunque come già detto uno con i propri soldi fa quello che vuole, uno può fidarsi dello proprio "spacciatore/fornitore" di pellet sotto casa e qualcun altro si può fidare di più dell'Autorità competente che vigila sui prezzi nazionali

Dott Nord Est
11-06-2018, 08:33
magari si continueranno a incentivare per cercare di limitare l'inquinamento, sopratutto in pianura padana.



forse qualcuno dimentica che circa 40 anni fa è arrivato il metano, a prezzi quasi da "ipermercato". Poi, una volta completati molti puzzle, il prezzo ha iniziato ad aumentare...... chissà mai perchè...... :devilred:


l'IVA l'hanno già aumentata, dal 10 al 22 % e non mi sembra che sono fioccate poi tutte queste produzioni locali certificate (tu compri e usi pellet prodotto in loco certificato ? ).
certo, l'iva è aumentata ma il pellet io lo pago +/- come prima che aumentasse
questo vuol dire che "qualcuno" ha compensato la gabella dello stato......


Mi immagino che signor pellet certificato sarà quello a 3 euro "spacciato" agli amici.
se uno usa una certificazione fraudolenta è da perseguire, sia che il pellet costi 3 o 10 euro


Comunque come già detto uno con i propri soldi fa quello che vuole, uno può fidarsi dello proprio "spacciatore/fornitore" di pellet sotto casa e qualcun altro si può fidare di più dell'Autorità competente che vigila sui prezzi nazionali
non vorrei essere un "corvo", ma spesso il primo "spacciatore" è lo stato stesso........ (vedasi l'ipocrisia sul fumi, sull'alcol, ecc ecc)
ben dici, per fortuna ogni persona può ancora fare quel che vuole con i propri soldi, altrimenti....sai che noia......

Lucamax
11-06-2018, 09:11
Comunque come già detto uno con i propri soldi fa quello che vuole, uno può fidarsi dello proprio "spacciatore/fornitore" di pellet sotto casa e qualcun altro si può fidare di più dell'Autorità competente che vigila sui prezzi nazionali

Beh sai come Lore_, io non so dove abiti tu ma dove abito io il paese è piccolo e la gente mormora e quindi non è difficile sapere con che cosa è fatto il pellet se chi ci lavora è magari tuo cognato oppure l'operaio con cui giochi a calcetto e quindi mi fido molto di più della produzione locale non certificata che di quella certificata sul sacchetto di plastica che arriva dalla Lituania o di quella italiana , sempre certificata che poi si è scoperto fatta con le bare.

Comunque il punto non è questo, il punto è che l'energia elettrica sarà sempre una fonte di energia monopolizzata dallo stato che potrà in ogni momento togliere incentivi e mettere accise, la legna o il pellet sono per loro natura anarchici . Magari non è una soluzione per tutti ma per chi vive in mezzo ad un bosco tra cervi e caprioli come il sottoscritto , decisamente si.

Lore_
11-06-2018, 09:25
Ciao Lucamax,



la legna o il pellet sono per loro natura anarchici

la legna, forse, che te la tagli nel tuo bosco può esserlo, ma la legna e il pellet che compri non credo proprio, come ha aumentato l'IVA del pellet dal 10% al 22%, se lo stato volesse, potrebbe aumentarlo ancora o mettere accise, dove sta la differenza con le altre fonti di riscaldamento ?

Lucamax
11-06-2018, 09:39
L'ho spiegato prima, la differenza sta che se le accise su legna e pellet diventassero insopportabili la gente finirebbe per acquistare in nero mentre la vedo dura non pagare l'Iva sulla bolletta che ti arriva.

Lore_
11-06-2018, 09:52
Ciao Lucamax,

oh per bacco !!!! Addirittura in nero ?
Allora, molto più semplice e sicuro una bella coperta di lana, mi raccomando fatta dalla nonna, altrimenti magari mettono le accise anche a quella :spettacolo:.

Dott Nord Est
11-06-2018, 10:01
bisognerebbe imparare a distinguere l'utopia dalla realtà...
le "accise" sulla legna come sulla benzina........... :clapping:
siamo ai fantascenari hollywoodiani.... :spettacolo:

Lore_
11-06-2018, 10:31
Ciao Dott Nord Est,

Lucamax, diceva che legna e pellet sono anarchici e lo stato poteva mettere accise e aumentare iva solo su energia elettrica, ma non credo sia corretto dire ciò, perchè come ha aumentato IVA sul pellet, potrebbe aumentarla ulteriormente o mettere accise se vede che le sta perdendo dall'altra parte o no ? O c'è per caso qualche legge che vieta una cosa del genere ?

Dott Nord Est
11-06-2018, 10:55
nessuna legge lo vieta.....
bisognerebbe però anche poter attuare quello che dici, che secondo il mio umile parere, è pura utopia.....
ad esempio, come può mettere accise su legna quando questa si può autoprodurre? irrealizzabile......
quindi, evitiamo di dire cose che già si sanno essere solo "fantasie", e rimaniamo con i piedi per terra.
quando una cosa è totalmente controllata dallo stato, questa può essere "manipolata" a piacere
esempio ne è stato il metano

Lore_
11-06-2018, 11:00
Ciao Dott Nord Est,

si hai proprio ragione, l'IVA sul pellet l'ha aumentata la fata turchina, perchè lo stato non controlla il pellet e la legna venduta (perchè io parlavo di quella venduta, se ti sei perso quel passaggio)


Ciao Lucamax,
la legna, forse, che te la tagli nel tuo bosco può esserlo, ma la legna e il pellet che compri non credo proprio...

Dott Nord Est
11-06-2018, 11:58
non ho detto che l'iva l'ha aumentata la fata turchina.....
leggi bene il mio post, parla di legna.....
e in qualsiasi caso, ripeto, oggi con l'iva al 22 pago il pellet come quando era al 10..... (ti serve vedere le fatture del mio pellet? sono stanco oramai di postarle......)
Lore, capisco il tuo "terrorismo ideologico", ma penso che l'elettricità sia molto più PERICOLOSA a livello fiscale ed economico della legna e del pellet......(anche solo dal fatto che non te la prendi in secchi, ma ti arriva con un filo...."controllato da altri")
hai mai provato a scaldarti con la tua bella PDC quando salta la corrente? se per caso hai un vecchio e inquinante camino, ti scaldi cmnq...... a legna
:bye1:

Lore_
11-06-2018, 13:09
Ciao Dott Nord Est,

ripeto stavo rispondendo a Lucamax che voleva far credere che il pellet e la legna, comprati, non possono essere soggetti ad aumenti e controllati, volendo, da parte dello stato.
Poi non so dove vivi tu, ma da me i distacchi della corrente in un anno sono talmente rari e, quelle rare volte che capita, dalla durata talmente limitata, che non fai neppure a tempo ad accenderlo il tuo vecchio e inquinante camino.
A comunque una PDC, quando manca la corrente, scalda come una qualsiasi caldaia a legna o a pellet, nella stessa situazione.

Dott Nord Est
11-06-2018, 13:12
ripeto stavo rispondendo a Lucamax che voleva far credere che il pellet e la legna, comprati, non possono essere soggetti ad aumenti e controllati, volendo, da parte dello stato.
tutto si può fare, anche andare in guerra con la Grecia......
ma mettere accise tipo benzina o elettricità su legna o pellet o simili, beh....... bisogna lavorare parecchio di "fantasia"


Poi non so dove vivi tu, ma da me i distacchi della corrente in un anno sono talmente rari e, quelle rare volte che capita, dalla durata talmente limitata, che non fai neppure a tempo ad accenderlo il tuo vecchio e inquinante camino.
non sono rari, e possono durare anche svariate ore


A comunque una PDC, quando manca la corrente, scalda come una qualsiasi caldaia a legna o a pellet, nella stessa situazione.
eh no caro mio..... un camino aperto ci si siedi di fronte e ti scaldi..... come al tempo dei nonni (anche se io non lo farei, ma è per dimostrarti che come nell'assurdità che hai indicato delle accise sulla legna, nello stesso metro di assurdità puoi scaldarti senza energia elettrica....)

Lore_
11-06-2018, 13:35
Ciao Dott Nord Est,



ma mettere accise tipo benzina o elettricità su legna o pellet o simili, beh....... bisogna lavorare parecchio di "fantasia"

che lo stato non voglia metterla perchè, visti gli utilizzi, servirebbe a poco o nulla e un conto, ma questo non vuol dire che non abbia il potere di farlo, magari nel remoto caso in cui il pellet o la legna possano spostare eccessivamente il consumo da elettrico/metano a biomassa, facendo calare le entrate di questi ultimi (che comunque anche così risultano lo stesso molto competitivi).



non sono rari, e possono durare anche svariate ore

ella madonna, ma dove abiti ?
Se proprio è così mi immagino i problemi che avrai con la tua caldaia a pellet, comunque se così fosse ti conviene sentire il tuo distributore, perchè non è normale e deve risolverti questo problema.


Comunque leggi bene quello che ho scritto, ripeto:



... una PDC, quando manca la corrente, scalda come una qualsiasi caldaia a legna o a pellet, nella stessa situazione.

mai parlato di camino aperto.
Mi immagino poi che bello in casa avviarlo dopo chissà quanto tempo che non funziona, che boccate di aria balsamica emetterà in casa.
Personalmente, in quei remoti e molto brevi casi, in cui sfortunatamente ci fossero anche le finestre aperte e in casa ci fosse un irreale freddo becco, e saltasse la corrente, preferisco una bella coperta di lana della nonna

Dott Nord Est
11-06-2018, 13:43
e andiamo avanti.....



che lo stato non voglia metterla perchè, visti gli utilizzi, servirebbe a poco o nulla e un conto, ma questo non vuol dire che non abbia il potere di farlo, magari nel remoto caso in cui il pellet o la legna possano spostare eccessivamente il consumo da elettrico/metano a biomassa, facendo calare le entrate di questi ultimi (che comunque anche così risultano lo stesso molto competitivi).
certo, come possono mettere il kw elettrico a 5 euro, e molto più facilmente controllando TUTTA la linea....
ma questa è un'assurdità..... e io lo ammetto
sei tu a non ammettere l'assurdità dell'accisa sulla legna........





ella madonna, ma dove abiti ?

Galliera Veneta, prov. di PD
una delle zone più industrializzate e ricche d'Italia, casomai non lo sapessi.
e che comnq saltuariamente ha bisogno di lavori sulla linea elettrica..... Il distributore non centra nulla.
mai visto i classici "foglietti gialli" sui pali che riportano la data e l'orario di interruzione?




Comunque leggi bene quello che ho scritto, ripeto:



mai parlato di camino aperto.
Mi immagino poi che bello in casa avviarlo dopo chissà quanto tempo che non funziona, che boccate di aria balsamica emetterà in casa.
pure tu leggi bene quel che scirvo.... ( te lo riporto: "anche se io non lo farei, ma è per dimostrarti che come nell'assurdità che hai indicato delle accise sulla legna, nello stesso metro di assurdità puoi scaldarti senza energia elettrica...."



Personalmente, in quei remoti e molto brevi casi, in cui sfortunatamente ci fossero anche le finestre aperte e in casa ci fosse un irreale freddo becco, e salta la corrente, preferisco una bella coperta di lana della nonna
e chi ti nega il contrario?
non hai ancora capito che quelli che tu e compari chiamate "biomassosi" lasciano a te e ai tuoi compari libertà assoluta di scelta, senza criticare nulla...
siete "voi" che non ammettete il pensiero diverso altrui...
ecco la differenza.... :clapping::bye1:

Lore_
11-06-2018, 14:20
Ciao Dott Nord Est,



ma questa è un'assurdità..... e io lo ammetto
sei tu a non ammettere l'assurdità dell'accisa sulla legna........

meno male che sono io che vado avanti, ho scritto che probabilmente non lo farà mai perchè visti i consumi non conviene, ma sono pronto a scommettere che in caso di un considerevole aumento del uso di biomassa ( cosa sicuramente assurda visti i prezzi attuali e il lavoro che da) lo stato avrebbe il potere di farlo (che poi oggi come oggi sia assurdo, come detto prima, sono convinto anche io)



Galliera Veneta, prov. di PD
una delle zone più industrializzate e ricche d'Italia, casomai non lo sapessi.
e che comnq saltuariamente ha bisogno di lavori sulla linea elettrica..... Il distributore non centra nulla.
mai visto i classici "foglietti gialli" sui pali che riportano la data e l'orario di interruzione?


da noi nella bergamasca abbiamo così tante centrali e linee ridondanti che i "foglietti gialli" non me li ricordo manco più e l'ultimo black-out "serio", a memoria, di qualche anno fa, quando uno sveglione ha tagliato una pianta vicino ai cavi dell'alta tensione che per fortuna hanno retto, perchè ha rischiato veramente di lasciarci la pelle, quando bastava una semplice telefonata al distributore che gratuitamente sarebbe venuto a tagliarli la pianta in tutta sicurezza.




... siete "voi" che non ammettete il pensiero diverso altrui...
ecco la differenza....

anche qua una precisazione: se qualcuno che tu definisci "biomassoso" (personalmente io non l'ho mai detto), dice delle cose non troppo corrette, mi sembra normale e doveroso intervenire e precisare meglio, evitando possibili fraintendimenti, se poi si continua a leggere quello che si vuole e non quello che un utente scrive, beh non la finiamo veramente più.

Dott Nord Est
11-06-2018, 14:21
e così sia.....amen :bye1:

(ho un pensierino che continua a rodermi.... ma non voglio nessuna risposta..... mi rode e basta.....ehehehehe: come mai tu continui ad usare la legna? non rispondermi, non è una domanda....... eehehehehe :bye1:)

scresan
11-06-2018, 22:10
... che secondo il mio umile parere, è pura utopia.....
ad esempio, come può mettere accise su legna quando questa si può autoprodurre? irrealizzabile......
quindi, evitiamo di dire cose che già si sanno essere solo "fantasie", e rimaniamo con i piedi per terra.
.....

Non svegliare il can che dorme!!!!!

In FVG hanno semplicemente limitato il "taglio da privati" a circa 50 qli/anno!!!!! e di fatto stanno obbligando anche i proprietari di piccoli boschi a dare incarico a dei professionisti del settore per il taglio...... il problema è che questi, considerate le loro spese (macchinari, norme di sicurezza, corsi, tasse etc) riconoscono, al massimo al proprietario un prezzo di 2 euro/qle per la legna "in piedi" nel bosco, se di facile accesso, molto meno quando il bosco è in montagna senza strada di accesso.....

.... ed il risparmio del faidate va a farsi benedire!

Questa è realtà!

Allego articolo di giornale!

Dott Nord Est
11-06-2018, 22:34
- la legge non è riferita al "boschetto" a uso privato famigliare, ma a ben altro.....
- è una legge di regione autonoma (per di più ha già 6 anni, e non vedo persone che si strappano i capelli per tali "accise"....)
- penso che le persone che fanno uso "casalingo" di tal sistema sia una % infinitesimale

ecco il testo integrale della legge: http://lexview-int.regione.fvg.it/FontiNormative/Regolamenti/D_P_REG_0274-2012.pdf

in conclusione, secondo il mio umile parere, tale legge e articolo non centra "na mazza" con le accise statali sulla legna a cui Lore fa riferimento (e che ritengo, sempre secondo il mio umile parere, pura utopia terroristica atta a fare solo confusione e basta.... e che continuo a non capire se scritte da chi usa la legna....boh....)

scresan
11-06-2018, 23:55
- la legge non è riferita al "boschetto" a uso privato famigliare, ma a ben altro.....
- è una legge di regione autonoma (per di più ha già 6 anni, e non vedo persone che si strappano i capelli per tali "accise"....)
- penso che le persone che fanno uso "casalingo" di tal sistema sia una % infinitesimale

ecco il testo integrale della legge: http://lexview-int.regione.fvg.it/FontiNormative/Regolamenti/D_P_REG_0274-2012.pdf

in conclusione, secondo il mio umile parere, tale legge e articolo non centra "na mazza" con le accise statali sulla legna a cui Lore fa riferimento (e che ritengo, sempre secondo il mio umile parere, pura utopia terroristica atta a fare solo confusione e basta.... e che continuo a non capire se scritte da chi usa la legna....boh....)

Secondo il mio umile pensiero non hai capito nulla di quanto ho scritto.

IL REGOLAMENTO è STATO MODIFICATO A MARZO 2018 PONENDO DEI LIMITI AL PRECEDENTE DEL 2012!!!

In FVG è vietato per un privato portarsi a casa dal proprio boschetto piu' di 50 qli/anno di legna, o 150 qli in tre anni, o tagliare piu' di 1000 mq .....

Il legislatore non ha messo accise, ma limiti di utilizzo della biomassa per uso proprio e privato.

Dato che il privato non autofattura e non versa l' iva sulla legna che taglia nel suo bosco, quando è costretto a comprarne parte o tutta dal commerciante, è evidente che si ritrova sul groppone una tassa che non avrebbe pagato se, avesse potuto tagliare tutta la legna necessaria (prima erano 50 mc/anno) nel proprio bosco.

Forse così è piu' chiaro......

simonez
12-06-2018, 07:02
Curioso di vedere se e come faranno dei controlli.
Sul fatto di limitare la quantità di legna da tagliare a casa propria mi pare un tantino eccessivo e nemmeno troppo in regola

Dott Nord Est
12-06-2018, 07:06
tante guardie nascoste appostate dietro gli alberi sparsi per i boschi friulani.... con bilancia e penna in mano.......
siamo seri...... :beer:

ivanb
12-06-2018, 13:41
Povero friuli, chi ci fa le leggi purtroppo sta troppo tempo a Roma e dovrebbe stare più tempo nel suo paese...

Inviato dal mio HUAWEI VNS-L31 utilizzando Tapatalk

Dott Nord Est
12-06-2018, 16:41
non è il forum il luogo adatto per parlare di politica..... ma sto "povero" FVG negli ultimi anni non ha visto grosse cose positive.......

scresan
12-06-2018, 21:23
Curioso di vedere se e come faranno dei controlli.
Sul fatto di limitare la quantità di legna da tagliare a casa propria mi pare un tantino eccessivo e nemmeno troppo in regola

I controlli li fa la forestale sul bosco, semplicemente verificando le cataste della legna, o i ceppi tagliati o la superficie !

E se dico che li fa, significa che li fa in maniera sistematica. Per i "boscaioli professionali" i controlli sono praticamente certi per ogni cantiere, compresi quelli sulla sicurezza.

Per i privati .... appena sentono una motosega accesa arrivano......!!! Se verificano che si rientra nella norma, si presentano simpatici e disponibili, altrimenti restano dei simpatici ma ... scrivono!!!

simonez
13-06-2018, 08:50
scresan non lo metto in dubbio...ma da me , che sono nel parco del ticino...sul terreno privato nessuno entra e controlla..

Lore_
13-06-2018, 09:55
Ciao simonez,

se il tuo terreno rientra nel parco del ticino, quando vai a fare domanda di taglio legna a seconda della tipologia di bosco è l'ente forestale che ti dice quali piante puoi tagliare e in che quantità, e ultimamente ti chiedono anche se il taglio è per uso privato o sei un impresa, perchè ci sono determinati limiti.

simonez
13-06-2018, 10:42
vicino, non nel parco.
Ma ti garantisco che nei terreni privati non controlla nessuno...in famiglia abbiamo un campo piantumato che è statao completamente disboscato senza nessun problema.

Lore_
13-06-2018, 11:04
Ciao simonez,

attenzione bisogna vedere come era identificato al catasto terreni il campo piantumato: se non è identificato come bosco ceduo o misto o ad alto fusto, in pratica non è identificato come un bosco, la probabilità di un controllo e veramente bassa, non essendo bosco.
Se vengono è solo perchè qualcuno ha fatto una segnalazione all'autorità competente, altrimenti in questi casi non si muovono.

Dott Nord Est
13-06-2018, 12:53
...e quindi qualcuno ipotizza accise statali sulla legna e pellet (oltre l'iva) ?????????????????? :bored::closedeyes:
ma per piacere.............

Lore_
13-06-2018, 13:10
Ciao Dott Nord Est,

personalmente non ipotizzo nulla, ma non è corretto dire che lo stato non potrebbe farlo, se volesse o se lo ritenesse necessario.

Dott Nord Est
13-06-2018, 13:12
io ritengo che un controllo non sarebbe attuabile......
manco gli immigrati irregolari riescono a controllare, pensiamo se riescono a controllare i pezzi di legno che il sior Mario taglia dal suo giardino...... :spettacolo:

MOLO MOLTO MOLTO più facile aggiungere accise sul mt3 di metano o sul kw elettrico (dai contattori non si scappa...)

Lore_
13-06-2018, 13:23
Ciao Dott Nord Est,

ripeto si parla sempre di legna o pellet COMPRATI , uno che ha il FV mica paga iva o accise su quella che autoconsuma, anzi anche se ti avanza, oltre allo scambio sul posto, l'autorità te la compra sempre ?
Quindi non c'è nessuna differenza, come posso aumentare da una parte la pressione fiscale la possono aumentare anche su legna e pellet (sempre COMPRATI ovviamente)

Dott Nord Est
13-06-2018, 13:25
con lo stesso ragionamento allora possono fare un prelievo forzato di mille euro sulla persona fisica.....
ma che discorsi fai ????
si parlava di facilità o possibilità di accise: dove è più facile prelevare, su legna e pellet o su metano ed energia elettrica ?????

questa, secondo il mio umile parere, è la realtà....
poi, se si vuole vivere in mondi "fantasiosi", ogni persona è libera di farlo....

Lore_
13-06-2018, 14:15
Ciao Dott Nord Est,

scusa, ma mi spieghi quanto è stato difficile aumentare l'IVA del pellet da 10 % al 22 % per lo stato ?
E non parliamo di un eventuale accisa, che scandalizza sempre intendiamoci, ma sono generalmente nell'ordine dello zero virgola sul totale, qui invece è un bel 12 % da un mese all'altro.
Questa è stata realtà, nulla di fantasioso, e ripeto ancora una volta, sperando tu la capisca, lo stato può aumentare il prelievo fiscale della biomassa con la stessa facilità che usa per gli altri combustibili.
STOP, questa è la realtà, se poi per te non è così, cosa vuoi che ti dica, amen e andiamo avanti....

Dott Nord Est
13-06-2018, 17:04
scusa, ma mi spieghi quanto è stato difficile aumentare l'IVA del pellet da 10 % al 22 % per lo stato ?


ripeto per la seconda volta.....
mi dici perchè io pago il pellet sempre allo stesso prezzo ? (e non "in nero" come avevi tempo fa ipotizzato)

tu dici di no, io dico di si invece che sul metano e sull'elettricità il discorso accise e simili è MOLTO più facile.
che ci vuoi fare, siamo di due pareri diversi..... e per fortuna, altrimenti, sai che noia...... :bye1:

Lore_
13-06-2018, 17:29
Ciao Dott Nord Est,


L'ho spiegato prima, la differenza sta che se le accise su legna e pellet diventassero insopportabili la gente finirebbe per acquistare in nero mentre la vedo dura non pagare l'Iva sulla bolletta che ti arriva.

Comunque a memoria non mi ricordo che gli altri combustibili abbiano mai avuto un aumento dell'IVA di ben 12 punti percentuali da un mese all'altro come è successo con il pellet, che poi ha te il prezzo del pellet sia cambiato di poco, beh meglio per te.

Dott Nord Est
13-06-2018, 17:50
che poi ha te il prezzo del pellet sia cambiato di poco, beh meglio per te.

per me e per moltissimi altri utenti del forum, che pian piano imparano a comprare

ho preso questo (A1 PL011) pagandolo 3.68 iva compresa al sacco 15 kg

66350

Lore_
13-06-2018, 18:29
Ciao Dott Nord Est,

sei passato dai 3,29 euro al sacco nel 2015 (con già IVA al 22%, non so cosa lo pagavi prima dell'aumento dell'IVA, ma mi fido quando dici che a te è cambiato di poco) agli attuali 3,68 euro, tu che non hai neppure le spese di trasporto perchè te lo ritrovi sotto casa, immagino però che, nel resto d'Italia non sono così fortunati (a meno di abitare nelle vicinanze del tuo fornitore), almeno da come scrivono nelle altre discussioni dedicate (tipo in Sardegna, Liguria, ecc).
E comunque in 3 anni ti è aumentato anche a te di quasi un bel 12 % (e non centra l'aumento dell'IVA dal 10 al 22 % )

Dott Nord Est
13-06-2018, 19:18
E comunque in 3 anni ti è aumentato anche a te di quasi un bel 12 % (e non centra l'aumento dell'IVA dal 10 al 22 % )

certo, e chi dice di no?
anche la pizza è aumentata negli ultimi 3 anni
quindi? che vuol dire?
ripeto, non capisco dove vuoi arrivare...... (ah, dimenticavo.... anche l'olio che prendo per la mia vespa è aumentato negli ultimi 3 anni.......... :clapping:)

P.S.: nel frattempo, usufruendo del conto termico, ho anche cambiato la caldaia, aumentando la resa e diminuendo i consumi. Spendo meno ora che il pellet è cresciuto..........eheheheheheh Anvedi eh ? Misteri................

Lore_
13-06-2018, 19:33
Ciao Dott Nord Est,

eh no, non ti è aumentato tutto, l'energia elettrica ti è calata da 0,27 euro circa al kWh a 0,20 euro al kWh.
Vedi che non tutto aumenta come il pellet :clapping:

Dott Nord Est
13-06-2018, 21:06
eh no, non ti è aumentato tutto, l'energia elettrica ti è calata da 0,27 euro circa al kWh a 0,20 euro al kWh.


e chi dice di no?
ma nel mio caso conviene sempre il pellet, alla grande, quindi....... :clapping:
Leggi in qualche parte dove io scriva che "tutto è aumentato"?
Ad esempio il latte alimentare è calato..... E cosa centra? Hai indicato in esagerato l'aumento del pellet, e io ti ho dimostrato che così non è.....

Ripeto, devo ancora trovare il nesso del tuo discorso..... e come me molti altri..... :bye1:
Ah, ripropongo sempre la solita domanda che mi ronza: come mai tu usi la legna per scaldarti visto che la odi così tanto ? Mah...... :devilred:

Lore_
14-06-2018, 07:57
Ciao Dott Nord Est,

non capisco perchè dovrei odiare la legna, sto solo facendo delle precisazioni in merito a, secondo me, errate informazioni che si stanno dando, tipo: non si può aumentare la pressione fiscale sulla biomassa, volendo, come su gli altri combustibili, oppure mi sembra onesto dire che se uno vuole mettere una caldaia a pellet a condensazione, tra le varie alternative può valutare tranquillamente anche una pdc che costa meno, ecc...
Come detto tante volte, anche da te, la legna e il pellet non sono per tutti, io aggiungo solo che nella maggior parte dei casi ci sono altrettante valide alternative, di cui non sempre l'utente finale è ha conoscenza o magari non valuta per vecchi preconcetti ormai sorpassati.
Quindi non preoccuparti, non odio la legna :bye1:, anzi sono per un uso consapevole della stessa.

Dott Nord Est
14-06-2018, 08:35
sto solo facendo delle precisazioni in merito a, secondo me, errate informazioni che si stanno dando, tipo: non si può aumentare la pressione fiscale sulla biomassa,

e chi ha mai detto ciò?
leggi bene, sia io che Lucamax stiamo dicendo da decine e decine di post che la pressione fiscale e accise sono molto più facilmente applicabili su metano e elettricità (visto che la distribuzione è in mano unicamente allo stato) che non sulla biomassa.
Tutto qua.

Per il discorso caldaia a pellet a condensazione concordo: non ha senso, e infatti non le consiglio MAI.

Lore_
14-06-2018, 09:15
Ciao Dott Nord Est,

e io sto continuando a dire che non è vero, perchè anche se con metano e elettricità lo stato fa un monitoraggio continuo arrivando anche a stabile un prezzo (vedi maggior tutela) evitando la giungla che c'è con il pellet e la legna, questo non vuol dire che non possa aumentare la pressione fiscale sulla biomassa, tant'è che l'ha fatto portando l'IVA del pellet da 10 a 22 % nel giro di qualche mese.
Quindi non capisco perchè si continua a dire che è così difficile aumentare la pressione sulla biomassa rispetto agli altri, i fatti non confermano affato questa tesi.

Dott Nord Est
14-06-2018, 09:54
e io sto continuando a dire che è vero, in quanto la biomassa è così commercialmente frazionata e autoprodotta, che il controllo totale è praticamente impossibile.

mentre per metano e elettricità la cosa è molto facile (vedasi l'abbonamento TV che messo in bolletta tutti pagano, nessuno escluso... volente o dolente)

Lore_
14-06-2018, 10:21
Ciao Dott Nord Est,

ripeto sulla legna autoprodotta non si pagana nulla, come anche sull'energia elettrica autoprodotta da FV, mentre su quella comprata non capisco dove sia la differenza rispetto agli altri, che il prezzo lo faccia un rivenditore o lo controlli lo stato, l'IVA mica la decide il rivenditore, ma sempre lo stato, o no.

Dott Nord Est
14-06-2018, 10:25
ripeto sulla legna autoprodotta non si pagana nulla, come anche sull'energia elettrica autoprodotta da FV,

anche su questo non sono d'accordo
vero in parte che sul FV autoprodotto non si paga nulla, ma essendo conteggiato in qualsiasi momento si può cmnq tassare
ecco la differenza........

Lore_
14-06-2018, 10:30
Ciao Dott Nord Est,

ti hanno informato male, non tutti l'hanno conteggiato, quindi ?
Se è per quello quando fai domanda di taglio legna devi dichiarare quanta ne tagli (è obbligatorio), quindi ?

Dott Nord Est
14-06-2018, 12:29
ti hanno informato male, non tutti l'hanno conteggiato, quindi ?
chi non lo paga ?
forse chi ha certificato (non sono del settore) che non vede i canali rai.....boh



Se è per quello quando fai domanda di taglio legna devi dichiarare quanta ne tagli (è obbligatorio), quindi ?
errato, se io oggi pomeriggio esco e vado nel mio campo dietro a tagliare tre alberi, non devo rendere conto a nessuno
e neppure se poto il ciliegio e mi brucio la legna devo fare nessuna denuncia....
come non devo farla se mi compro una macchinetta per il pellet e lo produco con la segatura di mio nonno

ma ripeto, i casi sono illimitati
io, come sempre dico in libertà di opinione, penso che tasse e accise siano molto più facili da mettere su metano e elettricità.
per te non è così.... ma non sta a me convincerti del contrario
magari se chiedi un pò in giro, sentirai le opinioni delle altre persone (a meno che non giudichi tutti "stupidi")

Lore_
14-06-2018, 13:30
Ciao Dott Nord Est,


chi non lo paga ?
forse chi ha certificato (non sono del settore) che non vede i canali rai.....boh


é si, si vede che non sei del settore, scusa, ma se non hai il contatore di produzione come fai a farlo pagare ?



errato, se io oggi pomeriggio esco e vado nel mio campo dietro a tagliare tre alberi, non devo rendere conto a nessuno
e neppure se poto il ciliegio e mi brucio la legna devo fare nessuna denuncia....
come non devo farla se mi compro una macchinetta per il pellet e lo produco con la segatura di mio nonno


e si con 3 alberi ti scaldi tutto inverno :clapping:, come pure con le potature del ciliegio in giardino :clapping:, e sono proprio sicuro che andranno a ruba le macchinette per il pellet.
Se devi tagliare legna da ardere, non certo per fare il barbecue la domenica, ma per scaldarti, non credo ti basteranno 3 alberi e quindi la legge dice che devi fare domanda anche se tagli il tuo bosco, certo poi se uno brucia potature di frutteti, magari trattati ecc, saranno contentoni i vicini sicuramente :cry:, ma almeno qualcuno risparmia :spettacolo:.


io, come sempre dico in libertà di opinione, penso che tasse e accise siano molto più facili da mettere su metano e elettricità.

Io rispetto l'opinione di tutti, e capisco anche perchè uno che nel logo aziendale ha scritto "IL RISCALDAMENTO A LEGNA, PELLET, CIPPATO E SOLARE TERMICO" la può pensare così, io invece non vendo nulla (e vado a legna), e non vedo tutta questa difficoltà a tassare la biomassa e non ho notato tutte queste difficoltà ad aumentare l'IVA del pellet, fatto senza pensarci tanto, nel giro di qualche mese.

Dott Nord Est
14-06-2018, 13:37
magari invece di 3 ne taglio 5.............chi me lo vieta? :clapping:

ripeto, libertà di opinioni......
magari, se ti va, fai un'indagine da chi conosci, e chiedi se è più facile tassare metano e elettricità o la biomassa (così magari tiri in ballo meno il "logo aziendale", che sembra essere un "tarlo" per te.... eeheheheh)

Sondaggio: Sondaggio suelle tasse e accise (http://www.energeticambiente.it/termocamini-e-caldaie/14771732-sondaggio-suelle-tasse-accise.html)

Doodle (https://doodle.com/poll/9km4xfffcnda854m)

(accidenti, ho scritto suelle invece di sulle........uffffff :bored:)


by by :bye1:

Lore_
14-06-2018, 13:53
Ciao Dott Nord Est,

certamente, libertà di opinioni, però se un macellaio dice che è più facile tassare il pesce, rispetto alla carne, magari qualche dubbio di obbiettività mi viene, almeno a me, ma per il macellaio sicuramente è normale e non ha dubbi.
(meglio così ?, spero di non aver violato la privacy di nessuno, perchè non era assolutamente mia intenzione)

Dott Nord Est
14-06-2018, 13:55
infatti per questo ho chiesto un sondaggio..... così non hai "inquinamenti di parte"..... :bye1:

bravo666
14-06-2018, 14:15
tutto ciò che non dipende da noi e non possiamo in qualche modo controllare è tassabile.
Col bollino blu ai climatizzatori hanno di fatto tassato pure l'aria dentro casa.
Tutto ciò che quindi è controllabile da aziende e Stati è tassabile, la biomassa può benissimo sfuggire a questa logica in quanto per chi ne è in condizione può essere "autoprodotta", diciamo così.
Se solo ripenso a quanto nocciolino e sansa abbiamo lasciato al frantoio negli anni passati mi viene davvero da piangere.

morenorisorti
19-06-2018, 07:14
Paragonare la facilità di tassazione della legna a quella del metano mi sembra davvero fantascienza
Forse vanno col bilancino nel bosco................................. E almeno il 50% sarebbe esclusa per impossibilita di controlli possibili.
La vendita diretta da azienda agricola a privati credo sia esente Iva...................nelle mie fatture non è specificata, acquisto da boscaiolo Macedone REGOLARE LICENZA, residente con famiglia in italia da oltre 20 anni, impresa agricola regolare
Fattura corrispondente al totale acquistato e pagamento tracciabile, assegno bancario di cc

Lorenzo energia
20-06-2018, 07:29
Non capisco perché i moderatori del forum non bloccano la discussione visto che l'argomento non ha più niente a che fare con il titolo della discussione...

Dott Nord Est
20-06-2018, 11:57
visto che l'argomento non ha più niente a che fare con il titolo della discussione...

è una "prassi" molto di moda da un tempo a questa parte.....
nella sezione "BIOMASSE", dove gli utenti chiedono appunto info sulle biomasse, una cerchia di "iscritti" interviene SEMPRE iniziando a parlare di elettricità, PDC, inquinamento, ecc ecc
Sembra quasi a voler parlare di tutto purchè non si parli di biomassa...... Sembra quasi una logica di comportamento prefissata con uno "scopo specifico"..... :devilred::devilred:

eroyka
20-06-2018, 13:30
Non capisco perché i moderatori del forum non bloccano la discussione visto che l'argomento non ha più niente a che fare con il titolo della discussione...

Si hai ragione. Chiudo la discussione momentaneamente. poi cancello tutti i messaggi OT e infine la riapro per continuare sul tema giusto.

Vorrei che questi continui attacchi e battibecchi fra chi è a favore e chi no dell'uso della biomassa si sposti in altra sezione più consona o in un UNICA discussione dedicata.

Non siamo al bar e ogni discussione deve vertere sull'oggetto del messaggio e non sullo scibile umano.
Eroyka

scresan
22-06-2018, 21:12
Ciao Eroyka, allego link ad un vecchia discussione che trattava l' argomento pellet/condensazione utile a chi interessato all' argomento.

Okofen Smart XS 16 kw - puffer integrato e condensazione. (http://www.energeticambiente.it/termocamini-e-caldaie/14768080-okofen-smart-xs-16-kw-puffer-integrato-condensazione.html)